Prepara gli esami con i nostri Tutor Online prova gratis

Slide di Diritto Privato - Le Fonti del Diritto - Parte 1 - Sbordone, Slide di Diritto Privato. Seconda Università di Napoli

Diritto Privato

Descrizione: Corso di Istituzioni di Diritto Privato - Parte prima - Nozioni introduttive e principi fondamentali sulle Fonti del diritto
Mostro le pagine  1  -  4  di  9
Seconda Università degli Studi di Napoli
Facoltà di Giurisprudenza
Corso di Istituzioni di Diritto Privato
Parte prima - Nozioni introduttive e principi fondamentali
Fonti del diritto
Prof. Francesco Sbordone
Fonti del Diritto
Atti o fatti dell’ordinamento idonei a creare,
modificare o estinguere norme giuridiche
Realizzata dalla corretta interpretazione del giurista che
ricompone le molteplici fonti in coerenza costituzionale
Fonti Costituzionali : Costituzione e leggi costituzionali
Fonti Comunitarie: Atti normativi dell’Unione Europea
Fonti Internazionali: Trattati internazionali
Fonti Primarie: Leggi ordinarie statali, decreti legislativi,
decreti legge, regolamenti parlamentari,
referendum abrogativo di leggi ordinarie,
leggi regionali, atti aventi forza di legge
Fonti Secondarie: Regolamenti amministrativi
Fonti Terziarie: Consuetudini
Pluralità delle fonti
Gerarchia
Unitarietà dell’Ordinamento
Norme costituzionali
Le norme costituzionali sono in una situazione
di “supremazia” rispetto alle altre, al vertice
della gerarchia delle fonti.
Tali norme sono direttamente applicabili nei
rapporti di diritto civile.
La Costituzione è rigida: può essere modificata
soltanto con una maggioranza qualificata dal
Parlamento, diversamente da quanto previsto
per le leggi ordinarie.
Fonti Comunitarie
Norme del Trattato
Regolamenti Art. 249 (ex 189)
comma 2, Tratt.
CE:
Il regolamento ha portata generale.
Esso è obbligatorio in tutti i suoi
elementi e direttamente applicabile in
ciascuno degli Stati membri, anche nei
rapporti tra cittadini.
Direttive - Non Direttamente
Applicabili
(possono tuttavia valere
come parametro per
l’interpretazione del diritto
interno )
Art. . 249 (ex 189)
comma 3, Tratt.
CE:
La direttiva vincola lo stato membro
cui è rivolta per quanto riguarda il
risultato da raggiungere, salvo restando
la competenza degli organi nazionali in
merito alla forma e ai mezzi. P
essere derogata dalla legislazione
interna, purchè non vengano messi a
repentaglio i principi della direttiva
(c.d. vincolatività di principio).
- Direttamente
Applicabili (nei
rapporti tra cittadino ed
autorità statale)
Condizioni per l’applicabilità:
1. scadenza del termine concesso allo
Stato membro per il recepimento;
2. incondizionata
3. sufficientemente precisa
La preview di questo documento finisce qui| Per favore o per leggere il documento completo o scaricarlo.
Informazioni sul documento
Caricato da: lulu
Visite: 7456
Downloads : 37
Indirizzo:
Universita: Seconda Università di Napoli
Data di caricamento: 20/07/2011
Incorpora questo documento nel tuo sito web:
salvatore morrone - Università della Calabria

ottime slide

18/01/12 16:53
rumi - Università di Perugia

ok

11/11/11 11:35
Docsity non è ottimizzato per il browser che stai usando. Per una miglior fruizione usa Internet Explorer 9+, Chrome, Firefox o Safari! Scarica Google Chrome