Prepara gli esami con i nostri Tutor Online prova gratis

Esame Diritto Amministrativo - Rif Compendio diritto amministrativo, Casetta, Sintesi di Diritto Amministrativo. Università di Messina

Diritto Amministrativo

Descrizione: Appunti utili per asuperare qualsiasi esame di Diritto Amministrativo. Riferimento al compendio di diritto amministrativo di Casetta
Mostro le pagine  1  -  2  di  92
AVVISO IMPORTANTE
DA
LEGGERE
I documenti pubblicati in questo forum
sono
esclusivamente di supporto allo studente,
non sostituiscono
IN ALCUN MODO
il libro indicato dal docente,
né le lezioni.
Se desiderate contribuire arricchendo i
documenti del forum, inviateli ad
info@studenticumi.it
i quali saranno opportunamente inseriti
nell'archivio, ovviamente con i dovuti
ringraziamenti agli autori e/o
collaboratori.
Lo Staff di StudentiCUMI.it
Elio CASETTA – COMPENDIO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO
CAPITOLO II
L’amministrazione e il suo diritto
i.
La nozione di pubblica amministrazione
“Amministrazione” non è un concetto giuridico, ma è un termine riferibile a un qualsiasi
soggetto (persona giuridica, pubblica o privata, ovvero individuo) che svolge un’attività
1
rivolta alla soddisfazione di interessi correlati ai fini che il soggetto si propone di perseguire.
Amministrazione in senso oggettivo è l’amministrazione regolata da norme giuridiche e
svolta per la soddisfazione di interessi pubblici.
Amministrazione in senso soggettivo è l’attività amministrativa posta in essere dalle persone
giuridiche pubbliche e dagli organi che hanno competenza alla cura degli interessi dei
soggetti pubblici.
Entrambi i concetti si completano a vicenda e nessuno dei due può esistere a prescindere
dall’altro.
Amministrazione in senso soggettivo equivale a dire organizzazione amministrativa.
Dal punto di vista del diritto positivo è difficile rinvenire una definizione del concetto di
pubblica amministrazione, difatti la nozione più ampia ed attendibile appare senz’altro
quella dell’art. 1 comma 2 d.lgs 165/2001 (sulla privatizzazione del rapporto di lavoro presso
l’amministrazione) ma questa non ricomprende gli enti pubblici economici tra le
amministrazioni pubbliche perché il rapporto di lavoro dei dipendenti era già sottoposto ad
una disciplina privatistica.
Tale norma si riferisce a tutte le amministrazioni dello Stato “ivi compresi gli istituti e scuole
di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende e le amministrazioni dello Stato ad
ordinamento autonomo, le regioni, le province, i comuni, le comunità montane e loro consorzi
ed associazioni, le istituzioni universitarie, gli istituti autonomi case popolari (ora Agenzie
territoriali per la casa), le camere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura e le
loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali o locali, le
amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, l’agenzia per la
rappresentanza nazionale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le agenzie di cui al
d.lgs. 300/1999”.
ii.
La nozione di diritto amministrativo
Il diritto amministrativo è la disciplina giuridica della pubblica amministrazione (in parte da
essa posta ed in parte ad essa imposta) nella sua organizzazione, nei beni e nell’attività ad
essa peculiari e nei rapporti che, esercitando tale attività, si istaurano con gli altri soggetti
dell’ordinamento.
Gli Stati caratterizzati dalla presenza di un corpo di regole amministrative distinte dal diritto
comune sono generalmente definiti come Stati a regime amministrativo.
In Italia, dopo l’unità nel 1865, si uniformò la legislazione relativa ai territori annessi ad
opera delle c.d. leggi di unificazione
L’attività giurisdizionale è retta da principi e da una normativa del tutto peculiare ed
autonoma rispetto al diritto amministrativo. L’attività amministrativa può essere esercitata
dai soggetti pubblici tanto nelle forme del diritto pubblico quanto nelle forme del diritto
privato.
Gli atti di diritto privato della pubblica amministrazione non possono essere attratti nel
diritto amministrativo perché i principi che li regolano sono propri del diritto privato.
Disciplinata in parte dal codice civile è poi l’attività amministrativa che determina, o
concorre a determinare, la costituzione di status, di capacità, di rapporti di diritto privato, ad
esempio mediante trascrizioni, registrazioni, documentazioni (c.d. amministrazione
pubblica del diritto privato”).
Anche i rapporti tra diritto penale e diritto amministrativo si sono fatti più stretti, infatti negli
ultimi decenni molti reati sono stati depenalizzati per diventare illeciti amministrativi.
iii.
L’amministrazione comunitaria ed il diritto amministrativo comunitario
Le organizzazioni internazionali sono dotate di una propria struttura amministrativa. Il
moltiplicarsi della disciplina dell’attività amministrativa poste da fonti comunitarie, in
particolare da regolamenti e direttive, offre esempi rilevanti di condizionamento dell’azione
amministrativa e ormai è comunemente accettata l’espressione diritto amministrativo
2
La preview di questo documento finisce qui| Per favore o per leggere il documento completo o scaricarlo.
Informazioni sul documento
Caricato da: mariabip
Visite: 14959
Downloads : 50+
Indirizzo: Giurisprudenza
Universita: Università di Messina
Data di caricamento: 12/02/2011
Incorpora questo documento nel tuo sito web:
ceggio - Università Ca' Foscari di Venezia

Ottimo!

25/05/13 00:48
titticaus - Università di Messina

buono

09/04/13 16:36
aurora24 - Università di Salerno

di che edizione si tratta?

09/04/13 15:44
mossy - Consorzio Università Rovigo

che edizione è?

26/03/13 10:02
luana1985 - Università Roma Tre

Buono

19/02/13 12:34
Docsity non è ottimizzato per il browser che stai usando. Per una miglior fruizione usa Internet Explorer 9+, Chrome, Firefox o Safari! Scarica Google Chrome