Prepara gli esami con i nostri Tutor Online prova gratis

Esercizi chimica inorganica 2 (soluzioni, pH), Esercitazioni e Esercizi di Chimica Organica. Università di Camerino

Chimica Organica

Descrizione: Esercizi svolti di chimica generale ed inorganica. Argomenti: soluzioni, pH
Mostro le pagine  1  -  2  di  37
La preview di questo documento finisce qui| Per favore o per leggere il documento completo o scaricarlo.
Informazioni sul documento
Caricato da: lilith84
Visite: 1000+
Downloads : 50
Universita: Università di Camerino
Data di caricamento: 07/06/2011
Incorpora questo documento nel tuo sito web:
g.yellow46 - Università di Milano-Bicocca

molto utile!!!

17/02/13 14:07
mariasalb - Università della Basilicata

utile

07/10/12 15:44
mica89 - Politecnico di Bari

valido

09/09/12 16:16
rfarini - Università Telematica Guglielmo Marconi

ottimo

09/06/12 19:39
bibibibibii - Università di Pisa

utile!!!!!!

11/05/12 04:29

ESERCIZI –II PARTE

Sommario

1. EQUILIBRI CHIMICI IN FASE GASSOSA.................................................... 1

2. pH...............................................................................................................10

3. TITOLAZIONI............................................................................................. 15

4. EQUILIBRI DI DISSOCIAZIONE IONICA...................................................17

Dissociazione di acidi e basi...........................................................................17

Equilibri di idrolisi...........................................................................................23

Soluzioni tampone..........................................................................................32

Equilibri di solubilità.......................................................................................36

5. ELETTROCHIMICA.....................................................................................40

1. EQUILIBRI CHIMICI IN FASE GASSOSA

Problemi risolti A) In un contenitore del volume di 4 l a 327 °C vengono introdotti 85 g di NH3. Si stabilisce il seguente equilibrio NH3 ↔ N2 + 3H2 Sapendo che la Kc vale 4,9.102, calcolare a) la concentrazione delle specie chimiche in equilibrio, la pressione esercitata dalla miscela gassosa all'equilibrio e la Kp; b) come variano le concentrazioni d'equilibrio e la pressione della miscela dopo aver lasciato che il sistema si espanda, a temperatura costante, da un volume di 4l a un volume di 8 l.

a) Calcoliamo la concentrazione iniziale dell'ammoniaca

1

se indichiamo con X la concentrazione dell'azoto all'equilibrio, dall'analisi dei coefficienti stechiometrici deduciamo che ogni 2X moli di NH3 che reagiscono se ne formano X di N2 e 3X di H2. Costruiamo una tabella in cui compaiano le concentrazioni iniziali e di equilibrio di tutte le specie chimiche in funzione di X.

iniziale d'equilibrio

[NH3] ,25 ,25 - 2X [N2] X [H2] X

Determiniamo ora il valore di X tramite la relazione di Guldberg-Waage

all'interno della quale sostituiamo i valori delle concentrazioni di equilibrio con quelli espressi in funzione di X che troviamo nella tabella precedente, ottenendo

estraendo la radice quadrata di entrambi i membri si ottiene la seguente equazione di 2° grado

che risolta fornisce il seguente valore X = 0,585 mol/l. Sostitendo tale valore possiamo ora calcolare le concentrazioni di equilibrio

NH3eq = 1,25 - 2X = 1,25 - 2.0,585 = 0,08 mol/l N2eq = X = 0,585 mol/l H2eq = 3X = 3.0,585 = 1,755 mol/l

Calcoliamo ora la pressione totale all'equilibrio Per la legge di Dalton sulle miscele gassose, la pressione totale è uguale alla somma delle pressioni parziali

La pressione parziale di ciascun gas è calcolabile tramite l'equazione di stato dei gas perfetti. Ad esempio per l'ammoniaca essa è pari a

sostituendo i valori così trovati per tutti e tre i gas nella relazione di Dalton si ottiene

Calcoliamo ora la Kp

b) Calcoliamo le nuove concentrazioni di equilibrio e la pressione dopo l'espansione. Aumentare il volume del recipiente significa in pratica diminuire la pressione. Per il principio di Le Chatelier ci dobbiamo attendere che il sistema modifichi il suo equilibrio spostandosi verso destra dove sono presenti un numero maggiore di moli. Ricalcoliamo la concentrazione iniziale dell'ammoniaca che passa da 1,25 mol/l a

Ricalcoliamo ora le concentrazioni di equilibrio a partire da una concentrazione iniziale di NH3 pari a 0,625 mol/l 2

iniziale d'equilibrio

[NH3] .625 ,625 - 2X [N2] X [H2] X

Determiniamo il valore di X tramite la relazione di Guldberg-Waage

Dopo aver estratto la radice quadrata e risolto l'equazione di 2° grado si ottiene il seguente valore

X = 0,302 mol/l le nuove concentrazioni di equilibrio saranno perciò [NH3]eq = 0,625 - 2X = 1,25 - 2.0,302 = 0,021 mol/l [N2]eq = X = 0,302 mol/l [H2]eq = 3X = 3.0,302 = 0,906 mol/l

La percentuale di moli che hanno reagito all'equilibrio è ora pari a

Mentre quando il volume era di 4 l tale percentuale risultava pari a

Dunque la diminuzione della pressione ha spostato l'equilibrio verso destra (una percentuale maggiore di molecole di NH3 hanno infatti reagito)

La pressione totale all'equilibrio è ora pari a

B) In un reattore di 1 litro a 2000 °K vengono introdotti 57,2 g di CO2 e 2,6 g di H2, Si stabilisce il seguente equilibrio CO2 + H2 ↔ CO +H2O

Sapendo che a 2000 °K la Kc = 4,40, calcolare a) le concentrazioni di equilibrio b) come variano le concentrazioni di equilibrio se vengono introdotti 7 g di CO c) come variano le concentrazioni di equilibrio se la concentrazione iniziale di H2 è 2 M d) quale deve essere la concentrazione iniziale di H2 affinchè il vapor d'acqua che si forma sviluppi all'equilibrio una pressione parziale di 20 atm.

Calcoliamo la concentrazione iniziale di CO2 e di H2

Indichiamo con X la concentrazione di CO all'equilibrio e costruiamo la seguente tabella

iniziale d'equilibrio

[CO2] ,3 ,3 - X 3

[H2] ,3 ,3 - X [CO] X [H2O] X

Determiniamo il valore di X tramite la relazione di Guldberg-Waage

Estraendo la radice quadrata di entrambi i membri e risolvendo si ottiene

X = 0,88 mol/l

[CO2]eq = [H2]eq = 1,3 - X = 1,3 - 0,88 = 0,42 mol/l [CO]eq = [H2O]eq = X = 0,88 mol/l

b) Calcoliamo come variano le concentrazioni di equilibrio introducendo 7 g di CO. Si tratta di aumentare la concentrazione di un prodotto di reazione e per il principio di Le Chatelier ci dovremmo attendere che l'equilibrio regredisca spostandosi a sinistra.

g di CO corrispondono a W/Pm =7/28 = 0,25 moli La nuova tabella delle concentrazioni sarà

iniziale d'equilibrio

[CO2] ,3 ,3 - X [H2] ,3 ,3 - X [CO] ,25 X + 0,25 [H2O] X

Scriviamo la relazione di equilibrio

si ottiene un'equazione di 2° grado che risolta da il seguente risultato X = 0,843 mol/l Le nuove concentrazioni di equilibrio diventano [CO2]eq = 1,3 - X = 1,3 - 0,843 = 0,457 mol/l [H2]eq = 1,3 - X = 1,3 - 0,843 = 0,457 mol/l [CO]eq = X + 0,25 = 0,843 + 0,25 = 1,093 mol/l [H2O]eq = X = 0,843 mol/l

Come si può notare la concentrazione dei reagenti è aumentata (0,457 > 0,42) rispetto al caso precedente: l'equilibrio si è spostato a sinistra.

c) calcoliamo come variano le concentrazioni di equilibrio se la concentrazione iniziale di H2 e 2 M anzichè 1,2 M. Ci si deve attendere che, aumentando la concentrazione di un reagente l'equilibrio si sposti verso destra.

La nuova tabella delle concentrazioni sarà iniziale d'equilibrio

[CO2] ,3 ,3 - X [H2] - X [CO] X [H2O] X

4

Scriviamo la relazione di equilibrio

risolvendo l'equazione otteniamo X = 1,042 mol/l

Le nuove concentrazioni di equilibrio diventano [CO2]eq = 1,3 - X = 1,3 - 1,042 = 0,258 mol/l [H2]eq = 2 - X = 2 - 1,042 = 0,958 mol/l [CO]eq = X = 1,042 = 1,042 mol/l [H2O]eq = X = 1,042 mol/l

Come si può notare la concentrazione dei prodotti di reazione è aumentata (1,42 > 0,88) rispetto al caso a): l'equilibrio si è spostato a destra.

d) Calcoliamo che concentrazioni iniziali devono avere i reagenti affichè il vapor d'acqua all'equilibrio sviluppi una pressione parziale di 20 atm.

Dalla equazione di stato dei gas calcoliamo che concentrazione deve avere il vapor d'acqua per svilippare una pressione di 20 atm a 2000 °K

da cui

Se la concentrazione di equilibrio del vapor d'acqua è pari a 0,122 mol/l se ne deduce che 0,122 mol/l di H2 e altrettante di CO2 hanno reagito e devono essere sottratte alle rispettive concentrazioni iniziali Posto quindi pari ad Y la concentrazione iniziale di H2, le concentrazioni di equilibrio saranno

iniziale d'equilibrio

[CO2] Y Y - 0,122 [H2] Y Y - 0,122 [CO] ,122 [H2O] ,122

la relazione di equilibrio diventa

che risolta fornisce il seguente valore Y = 0,18 mol/l La concentrazione iniziale dell'idrogeno deve quindi essere Y = [H2]iniz = 0,18 mol/l

C) In un recipiente a 60 °C vengono introdotti 138 g di N2O4 e 23 g di NO2. Si stabilisce il seguente equilibrio N2O4 ↔ 2NO2

Sapendo che a 60 °C la Kc = 8,75.10-2 e che all'equilibrio la pressione totale della miscela è pari a 1,47 atm, calcolare la pressione parziale, la concentrazione delle due specie chimiche all'equilibrio e il volume del recipiente.

5

Calcoliamo la Kp della reazione

Calcoliamo il numero di moli introdotte

Posto pari ad X il numero di moli di ipoazotide N2O4 che reagiscono, 2X saranno le moli di biossido di azoto NO2 che si formano. All'equilibrio saranno quindi presenti (1,5 - X) moli di N2O4 (0,5 + 2X) moli di NO2 per un totale di (1,5 - X) + (0,5 + 2X) = (2 + X) moli

Le frazioni molari di ciascun gas e le rispettive pressioni parziali in funzione di X saranno perciò

Utilizziamo le pressioni parziali nella relazione di equilibrio espressa come Kp

Otteniamo un'equazione di 2° grado che, risolta, fornisce il seguente risultato: X = 0,69 moli Sostituendo opportunamente il valore trovato possiamo determinare le frazioni molari e le pressioni parziali dei due gas all'equilibrio, che assumono i seguenti valori

Poichè le pressioni parziali all'equilibrio sono direttamente proporzionali alle rispettive concentrazioni di equilibrio, possiamo facilmente calcolare queste ultime con l'equazione di stato dei gas perfetti

da cui

e

Calcoliamo ora il volume del recipiente Poichè all'equilibrio si formano complessivamente 2 +X = 2 + 0,69 = 2,69 moli e la pressione totale è di 1,47 atmosfere, il volume sarà uguale a

6

Si noti che avendo calcolato il volume le concentrazioni di equilibrio potevano essere determinate anche:

Problemi da risolvere 1. CO2 + H2 ↔ CO +H2O A 1120°C le concentrazioni di equilibrio delle diverse specie chimiche sono le seguenti: [CO2] = [H2] = [CO] = 0,01M [H2O] = 0,02M Calcolare la Kc

. PCl5 ↔ PCl3 +Cl2 Sapendo che la costante di equilibrio a 200°C e' Kc = 0,457 mol/l, calcolare quanti grammi di Pentacloruro rimangono indecomposti all'equilibrio(g) in un recipiente di 30 l. La Concentrazione iniziale del Pentacloruro e' 0,3 M Calcolare inoltre la pressione sviluppata dalla miscela dei 3 gas una volta raggiunto l'equilibrio.

. L'acido solfidrico a 1065°C si decompone secondo la reazione H2S ↔ H2 + S Sapendo che la Kc = 1,1.10-4 mol/l, calcolare quanti grammi di zolfo si formano all'equilibrio in un recipiente di 5 l in cui la concentrazione iniziale di acido solfidrico era 0,7M

. A 60°C la reazione N2O4 ↔ 2NO2 presenta Kc = 8,75.10-2 mol/l. Se poniamo 50 g di N2O4 gassoso in un recipiente di 1 l, quale sara' la pressione sviluppata dai due gas all'equilibrio?

. In un recipiente del volume di 1 l avviene la seguente reazione: SbCl5(g) ↔ SbCl3(g) + Cl2(g) sapendo che a 212°C la Kp vale 0,338 atm, calcolare quante moli di SbCl5 non si decompongono e sono presenti all'equilibrio se nel recipiente vengono inizialmente introdotte 2,75.10-2 moli di SbCl5.

. In un reattore portato alla temperatura di 1023°K avviene la reazione C(s) + CO2(g) ↔ 2CO(g) per la quale la costante di equilibrio Kp vale 3,1 atm. Calcolare la composizione percentuale della fase gassosa all'equilibrio se la pressione totale è di 5 atm e la Kc alla temperatura data.

. In un recipiente di 2 l alla temperatura di 703°K avviene la seguente reazione CO2(g) + H2(g) ↔ CO(g) + H2O(g) Calcolare la quantità in grammi di CO e H2O presenti all'equilibrio se inizialmente sono presenti 88 g di CO2 e 4 g di H2.

. In un recipiente ermeticamente chiuso del volume di 10 l sono stati introdotti SO2 e O2 gassosi. Calcolare la costante Kc sapendo che all'equilibrio sono presenti 7 moli di SO3, 3 moli di SO2 e 912,5 moli di 02.

7

. Nella reazione 2H2O(g) ↔ O2(g) + 2H2(g), a 1227°C, la costante di equilibrio vale Kp = 4.10-12 atm. Calcolare la Kc.

. In un recipiente di 5 l a 400°C viene introdotta 1 mole di NH3(g). Si produce la seguente reazione NH3 ↔ N2 + H2 Dopo aver bilanciato, calcolare Kc e Kp sapendo che all'equilibrio N2 = 8,6.10-2 M.

. In un recipiente di 5 l viene introdotta 1 mole di N2 e 1 mole di O2. Se si riscalda la miscela fino a 2000°C, quante moli di NO si formeranno sapendo che a quella temperatura Kc = 0,1.

. Data la reazione N2(g) + 3H2(g) ↔ 2NH3(g), calcolare la Kc a 300°C, sapendo che in un recipiente di 5 l la miscela dei tre gas all'equilibrio è formata da 1 mole di NH3, 0,1 moli di N2 e 3 moli di H2.

. In un recipiente di 10 l vengono introdotte 10 moli di N2 e 10 moli di NO. Calcolare la concentrazione delle specie chimiche all'equilibrio per la reazione N2 + O2 ↔ 2NO (Kc = 3,46.10-3).

. Il biossido di azoto è un gas in equilibrio con la sua forma dimera, l'ipoazotide, secondo il seguente equilibrio 2NO2 ↔ N2O4 Calcolare la Kc di tale reazione, sapendo che dopo aver inizialmente introdotto 92 g di biossido in un recipiente di 1 litro si trovano all'equilibrio 0,5 moli di N2O4.

. Data la seguente reazione: 2NOBr(g) ↔ 2NO(g) + Br2(g) Calcolare la Kp sapendo che a 25°C e ad una pressione di 0,25 atm (pressione totale della miscela di gas all'equilibrio) il bromuro di nitrosile (NOBr) è dissociato al 34%.

. Data la seguente reazione CO(g) + H2O(g) ↔ CO2(g) + H2(g) la cui costante di equilibrio a 986°C vale 0,63; calcolare la concentrazione di equilibrio dell'idrogeno e la pressione parziale di ciascun gas, se una miscela inizialmente composta di 1 mole di vapor d'acqua e da 3 moli di CO, raggiunge il suo equilibrio ad una pressione totale di 2 atmosfere. Calcolare inoltre il volume del recipiente e la molarità del vapor d'acqua all'equilibrio.

. Le costanti di equilibrio Kp delle seguenti rezioni vengono date a 0°C

SrCl2.6H2O(s) ↔ SrCl2.2H2O(s) + 4H2O(g) Kp = 6,89.10-12 atm4 Na2HPO4.12H2O(s) ↔ Na2HPO4.7H2O(s) + 5H2O(g) Kp = 5,25.10-13 atm5

Na2SO4.10H2O(s) ↔ Na2SO4(s) + 10H2O(g) Kp = 4,08.10-25 atm10

Sapendo che la tensione di vapore dell'acqua a 0°C è di 4,58 mm, calcolare: a) la tensione di vapore dell'acqua in equilibrio a 0°C con i tre sali; b) quale dei tre sali reagenti è il disidratante più efficace; c) per quali valori di umidità relativa dell'aria Na2SO4.10H20 diventa efflorescente a 0°C.

. A 27 °C e 1 atm il 20% delle molecole di ipoazotide si trasformano in biossido di azoto secondo la reazione N2O4 ↔ 2NO2 Determinare la Kp e la Kc.

8

RISOLUZIONI

. Kc = 2

. 584 gr 19,65 atm

. 1,36 g

. 17,6 atm

. 1,59.10-2 moli

. 46,4% CO2 e 53,6% CO Kc = 3,69.10-2 mol/l

. 18,66 g g

. 5,97.10-2 (mol/l)-1

9. 3,25.10-14 mol/l 10. Kc = 1,88 (mol/l)2 Kp = 5,8.103 atm2 11. 0,27 moli . 9,26 (mol/l)-2

13. N2 = 1,475 M O2 = 0,475 M NO = 5.10-2 M . 0,5 (mol/l)-1. . 9,64.10-3 atm . 0,68 moli di H2 PCO = 1,16 atm PH2O = 0,16 atm PCO2 = PH2 = 0,34 atm V = 206,5 l H2Oeq = 1,55-3 M . a) 1,23 mm; 2,66 mm; 2,77 mm b) SrCl2.2H2O poichè possiede la pressione di vapor d'acqua d'equilibrio (1,23 mm) più bassa c) inferiori a 60,5% (= 2,77/4,58) . Kp = 0,17 atm Kc = 6,91.10-3.

2. pH

Problemi risolti A) Calcolare il pH di una soluzione 1.10-3 M e 1.10-7 M di HCl.

L'acido cloridrico è un acido forte completamente dissociato secondo l'equilibrio HCl → H+ + Cl- Poichè tutte le molecole di HCl si trasformano in altrettante ioni H+, all'equilibrio la concentrazione degli ioni H+ è pari alla concentrazione iniziale dell'acido. il pH sarà perciò pari a

Calcoliamo ora il pH di una soluzione 1.10-7 M di HCl. Applicando il metodo precedente otterremo un pH = 7, il che è assurdo in quanto la soluzione contiene un acido forte, anche se molto diluito, e non può quindi presentare pH neutro. In effetti quando la concentrazione di un acido o di una base forte scende sotto le 10-6 mol/l non è più possibile trascurare gli ioni H+ provenienti dalla dissociazione dell'acqua, che, per l'acqua pura sappiamo essere 10-7 mol/l .

9

E' quindi necessario in questo caso prendere in considerazione contemporaneamente i due equilibri e sommare gli ioni H+ provenienti dall'acido e quelli provenienti dall'acqua

HCl → H+ + Cl- H2O ↔ H+ + OH-

Naturalmente non è possibile semplicemente sommare i 10-7 ioni H+ provenienti dall'acido con i 10-7 ioni H+ provenienti dall'acqua pura, infatti mentre l'acido forte rimane completamente dissociato, l'acqua, in presenza dei 10-7 ioni H+ provenienti dall'acido, sposta il suo equilibrio verso sinistra, in risposta all'aumentata concentrazione di uno dei suoi prodotti di reazione (H+). L'apporto di ioni H+ dell'acqua sarà dunque minore di 10-7 mol/l. Se indichiamo con X gli ioni OH- provenienti dalla dissociazione dell'acqua, gli ioni H+ complessivamente in soluzione saranno dati da X ioni provenienti dall'acqua più 10-7 ioni provenienti dall'acido. Poichè tali concentrazioni devono soddisfare al prodotto ionico dell'acqua potremo scrivere

risolvendo l'equazione di 2° grado si ottiene

X = OH- = 6,18.10-8 mol/l H+ = X + 10-7 = 1,62.10-7

ed il pH risulta perciò pari a

Lo stesso risultato poteva essere ottenuto impostando un sistema di due equazioni con incognite OH- e H+ .

dove la prima equazione è la condizione di equilibrio per la reazione di dissociazione dell'acqua (prodotto ionico) e la seconda è la cosiddetta condizione di elettroneutralità, per cui la soluzione deve essere complessivamente neutra e la somma delle cariche positive deve sempre essere pari alla somma delle cariche negative. Si osservi che Cl- non è un'incognita, ma vale in questo caso 10-7 mol/l derivando dalla completa dissociazione dell'acido.

B) Calcolare il pH e il grado di dissociazione di una soluzione 1 M e 10-5 M di acido fluoridrico, sapendo che la sua costante di dissociazione è Ka = 3,53.10-4.

In questo caso l'acido non è completamente dissociato ed è quindi necessario calcolare la concentrazione di equilibrio degli ioni H+ sulla base del valore della costante di dissociazione. La reazione di dissociazione è la seguente HF ↔ H+ + F-

Se indichiamo con X le moli/l di HCl che si dissociano all'equilibrio, possiamo costruiamo la seguente tabella delle concentrazioni

iniziale d'equilibrio

[HF] - X

10

[H+] X [F-] X

esprimiamo ora i valori di equilibrio in funzione di Ka

risolvendo l'equazione di 2° grado si ottiene

X = H+ = 1,86.10-2

ed il pH vale quindi

Calcoliamo ora il grado di dissociazione

Come si può notare in questo caso la concentrazione degli ioni H+ è molto piccola se confrontata con la concentrazione iniziale dell'acido. Ciò avviene in generale quando la concentrazione iniziale dell'acido è sufficientemente elevata (> 10-2 mol/l) e la Ka sufficientemente piccola (<10-5). In questi casi è possibile semplificare il calcolo, trascurando la X a denominatore nella relazione di equilibrio. Ponendo cioè per un acido generico HA

La relazione di equilibrio diventa perciò

e la concentrazione di equilibrio degli ioni H+ può essere più velocemente calcolata con la seguente relazione semplificata

Applicando tale relazione al problema appena risolto avremmo ottenuto X = H+ = 1,88.10-2 mol/l, che differisce di solo 2 unità nell'ultima cifra significativa rispetto al risultato esatto.

Calcoliamo ora il pH ed il grado di dissociazione di una soluzione 1.10-5 M di HF La relazione di equilibrio diventa

Risolvendo l'equazione di 2° grado otteniamo X = H+ = 9,73*10-6 ed il pH vale quindi

Il grado di dissociazione diventa in questo caso

Si noti come la diluizione della soluzione (diminuzione della concentrazione) abbia aumentato enormemente la percentuale di molecole dissociate. Per questo motivo non è possibile risolvere i problemi riguardanti le soluzioni troppo diluite con il metodo semplificato. In questo caso infatti X non è trascurabile rispetto alla concentrazione iniziale dell'acido. Il metodo semplificato applicato a questo caso darebbe un valore di X = 5,94.10-5, chiaramente inaccettabile. 11

C) Una soluzione 6,8.10-4 M di ammoniaca è dissociata al 15%. Calcolare la Kb ed il pH.

L'equilibrio che si produce nelle soluzioni acquose di ammoniaca è il seguente

NH3 + H2O ↔ NH4+ + OH-

Se α = 0,15, significa che all'equilibrio il 15% delle molecole iniziali di ammoniaca si sono trasformate in altrettanti ioni ammonio NH4+ e in un pari numero di ioni OH-. Possiamo riassumere le concentrazioni di equilibrio in funzione del grado di dissociazione , mediante la seguente tabella

iniziale d'equilibrio

[NH3] Ciniz Ciniz - α Ciniz [NH4+] 0 α Ciniz [OH-] α Ciniz

La relazione di equilibrio può quindi essere scritta

La concentrazione di equilibrio degli ioni OH- è

OH- = . α Ciniz = 0,15 . 6.8.10-4 = 1,02.10-4

La concentrazione di equilibrio degli ioni H+ ed il pH saranno perciò

Problemi da risolvere 1. Calcolare il pH di una soluzione:

a) .10-3 M di acido cloridrico b) ,25 M di acido perclorico c) ,5.10-2 M di idrossido di sodio d) -4 M di acido periodico e) .10-1 M di acido nitrico f) -3 M di idrossido di potassio g) .10-2 M di acido metaarsenioso (Ka = 6.10-10) h) ,2.10-3 M di acido ipocloroso (Ka = 3.10-8) i) .10-1 M di acido fluoridrico (Ka = 3,5.10-4) l) -2 M di idrossido di ammonio (Kb = 1,8.10-5) m) -8 M di acido nitrico n) .10-9 M di idrossido di sodio

. Calcolare il pH di una soluzione ottenuta mescolando 30 ml di HCl 1,25 M e 40 ml di HCl 1,75 M. 12

. Calcolare il pH di una soluzione ottenuta mescolando 50 ml di KOH 0,5 M e 50 ml di KOH

.10-2 M.

. Quanti ml di una soluzione 2.10-1 M di HClO4 occorrono per preparare 0,5 l di una soluzione a pH = 1,65. . Quanti grammi di KOH sono contenuti in 200 ml di una soluzione di idrossido di potassio a pH = 10. . Una soluzione è stata preparata aggiungendo 20 ml di HCl 0,1 M a 300 ml di acqua. Calcolare quanti grammi di HCl sono presenti nella soluzione ed il pH della soluzione. . Calcolare il pH di una soluzione di acido ipocloroso (Ka = 3,2.10-8), preparata aggiungendo ,5.10-2 g di acido a 150 ml di acqua. . La costante di dissociazione dell'acido formico HCOOH, il più semplice acido organico, è pari a 1,8.10-4. Qual'è il grado di dissociazione di una soluzione 10-3 M. . Calcolare la Ka di una soluzione 7,2.10-2 M di acido benzoico (CH3CH2COOH) a pH 2,68. . Che concentrazione di acido acetico (Ka = 1,8.10-5) è necessaria per ottenere una soluzione a pH 3,45? . Determinare il pH e la Kb di una soluzione 10-2 M di NH3 dissociata al 4,2% . Una soluzione di acido acetico (Ka = 1,8.10-5) è dissociata all'1%. Determinare la molarità ed il pH della soluzione. . Calcolare il pH e la SO42- per una soluzione 6.10-3 M di acido solforico, sapendo che la prima dissociazione è totale mentre la costante di seconda dissociazione vale 1,02.10-2. . Dopo aver fatto passare dell'acido cloridrico gassoso attraverso dell'acqua si ottiene una soluzione di densità 1,12 g/cm3, contenente il 30,5% di HCl (p/p). Calcolare il pH della soluzione. . Calcolare il valore della Ka di una soluzione 0,1 M di acido formico dissociato al 4,2% .

RISOLUZIONI

. a) 2,52 b) 0,6 c) 12,2 d) 4 e) 0,7 f) 11 g) 5,2 h) 5,2 i) 2,07 l) 10,63 m) 6,98 n) 7,01

. -0,186

. 13,44

. 56 ml 5. 1,122.10-3 g . 0,073 g; pH 2,2 . 5,1 . = 34,4% . 6,25.10-5

10. 7,35.10-3 mol/l . pH =10,6 Kb = 1,8.10-5 12. 2,75 . SO42- = 3,16.10-3 mol/l pH = 2,04 . 9,4 M . Ka = 1,84.10-4

13

3. TITOLAZIONI

Problemi risolti A) Calcolare la molarità di una soluzione di Ba(OH)2, 25,5 ml della quale sono completamente neutralizzati da 1,5 g di una soluzione al 38% (p/p) di HCl, avente densità 1,19 g/ml.

Calcoliamo la normalità della soluzione acida In 100 g di soluzione vi sono 38 g di HCl che corrispondono a

La condizione di equivalenza è NAVA = NBVB da cui

Calcoliamo ora la molarità della soluzione basica

B) Per titolare 0,4 g di una miscela di NaCl e KCl vengono consumati 57,5 ml di una soluzione 0,1 N di AgNO3. Calcolare la percentuale dei due cloruri nella miscela.

Le reazioni che avvengono sono le seguenti

NaCl + AgNO3 → NaNO3 + AgCl KCl + AgNO3 → KNO3 + AgCl

Indichiamo ora con X1 i grammi di NaCl e con X2 i grammi di KCl, per cui

X1 + X2 = 0,4

Calcoliamo ora quanti grammi di AgNO3 sono contenuti in 57,5 ml di soluzione 0,1 N. Sapendo che la normalità è uguale a

dove n+ è il numero di cariche positive che si liberano dalla dissociazione del sale il peso in grammi W sarà pari a

14

Indichiamo ora con Y1 la quantità in grammi di AgNO3 che reagisce con X1 grammi di NaCl e indichiamo con Y2 la quantità in grammi di AgNO3 che reagisce con X2 grammi di KCl, tale che

Y1 + Y2 = 0,9775

Potremo infine scrivere le seguenti proporzioni

esplicitando Y1 ed Y2 e sommando membro a membro, otteniamo un'equazione nelle due variabili X1 e X2

Quest'ultima relazione, assieme alla relazione

X1 + X2 = 0,4

Forma un sistema di due equazioni nelle incognite X1 e X2 che, risolto, ci fornisce i seguenti risultati

X1 = 0,104 g X2 = 0,296 g

Le percentuali dei due sali sono perciò

di NaCl e di KCl

Problemi da risolvere 1. Determinare la normalità di una soluzione di acido ortofosforico, 40 ml della quale neutralizzano 120 ml di una soluzione 0,531 N di NaOH.

. Calcolare che volume di una soluzione 5 N di acido solforico è necessario utilizzare per neutralizzare una soluzione che contiene 2,5 g di NaOH. Determinare inoltre quanti grammi di H2SO4 sono necessari.

. 50 ml di una soluzione di carbonato di sodio sono equivalenti a 56,3 ml di soluzione 0,102 N di acido cloridrico. Calcolare quanti grammi di CaCO3 potrebbero precipitare se fosse aggiunto un eccesso di CaCl2 a 100 ml di soluzione di Na2CO3.

. 10 ml di una soluzione di solfato ammonico vengono trattati con un eccesso di NaOH. L'ammoniaca gassosa che si sviluppa reagisce con 50 ml di HCl 0,1 N. Per neutralizzare l'acido rimasto sono nevcessari 21,5 ml di NaOH 0,098 N. Calcolare la molarità della soluzione di (NH4)2SO4 e la sua concentrazione in g/l.

. Il contenuto in ioduro di una soluzione viene determinato mediante titolazione con solfato cerico Ce(SO4)2. In presenza di HCl lo ione I- viene ossidato dal Ce4+ e si forma ICl (cloruro di iodio). Calcolare la molarità e la concentrazione in g/l di una soluzione di ioduro, 250 ml della quale reagiscono con 20 ml di soluzione 0,05 N di Ce4+.

15

. Per titolare 100 g di una miscela di carbonato di calcio e carbonato di potassio vengono usati 312 ml di una soluzione 5 N di acido solforico. Calcolare le percentuali dei due carbonati nella miscela ed il volume di anidride carbonica che si sviluppa in condizioni normali.

. 0,246 g di Na2CO3 impuro reagiscono completamente con 36,8 ml di H2SO4. Sapendo che 10 ml di questa soluzione acida reagiscono completamente con 12 ml di NaOH 0,1 N, calcolare la percentuale di Na2CO3 presente nel campione.

. A 15 ml di una soluzione di acido solforico viene aggiunto BaCl2 fino a completa precipitazione di BaSO4. Calcolare la normalità della soluzione acida sapendo che sono precipitati 0,42 g di BaSO4.

. Calcolare quanti grammi di idrossido di potassio sono necessari per reagire completamente con 250 ml di soluzione 3 N di acido solforico.

. Una soluzione acquosa contiene 2,3 g di una miscela di NaOH e di KOH che viene neutralizzata da 96,6 ml di acido solforico 0,5 N. Calcolare la quantità dei due idrossidi presenti in soluzione.

RISOLUZIONI 1. 1,59 N 2. 12,5 ml 3,06 g 3. 0,574 g 4. 0,145 M 19,1 g/l . 2.10-3 M 0,245 g/l . 20% di CaCO3 e 80% di K2CO3 17,45 l di CO2 7. 95,14 % . 0,24 N . 42 g . 1 g di NaOH 1,3 g di KOH

4. EQUILIBRI DI DISSOCIAZIONE IONICA

Dissociazione di acidi e basi

Problemi risolti

A) Calcolare la concentrazione delle specie chimiche all'equilibrio, in una soluzione 3.10-2 M di H2S, sapendo che la costante di prima dissociazione vale K1 =1.10-7 e la costante di seconda dissociazione vale K2 = 1.10-14.

Negli acidi poliprotici devono essere considerati i diversi equilibri di dissociazione. Nel caso particolare gli equilibri sono i seguenti

H2S ↔ H+ + HS- HS- ↔ H+ + S2-

In teoria i due equilibri andrebbero considerati contemporaneamente in quanto gli ioni H+ prodotti da ciascuna dissociazione rappresentano un prodotto di reazione per l'altra e ciascun equilibrio tende perciò a regredire spostandosi verso sinistra. 16

Chiamando X la concentrazione di ioni H+ prodotta dal primo equilibrio e Y la concentrazione di ioni H+ prodotta dal secondo equilibrio, sarebbe necessario risolvere il seguente sistema di equazioni, che garantisce che entrambe le condizioni di equilibrio siano contemporaneamente soddisfatte.

La risoluzione risulta però lunga e laboriosa, generando tra l'altro un'equazione di 4° grado. Nella maggior parte dei casi è possibile ricorrere ad un metodo di soluzione semplificato. In particolare, quando K1 risulta maggiore di K2 di almeno 3-4 ordini di grandezza è possibile considerare il primo equilibrio di dissociazione prevalente e procedere alla soluzione separata dei due equilibri.

Prendiamo dunque in considerazione il primo equilibrio come se non fosse presente il secondo

La soluzione dell'equazione di 2° grado ci fornisce il seguente valore X = [H+] I = [HS-] = 5,47.10-5. Dove [H+] I rappresenta la concentrazione di ioni H+ prodotti dalla prima dissociazione. Utilizziamo ora la concentrazione di HS- trovata, come concentrazione iniziale per la seconda dissociazione e teniamo conto in questo caso che gli ioni H+ provenienti dalla prima dissociazione spostano l'equilibrio verso sinistra

Essendo la Ka estremamente piccola Y avrà un valore che potrà essere tranquillamente trascurato sia nella somma a numeratore che nella differenza a denominatore. Otteniamo in tal modo il seguente risultato Y = [H+] II = [S2- ] = 1.10-14.

Come si può notare la concentrazione di ioni H+ provenienti dalla seconda dissociazione è talmente bassa che, anche se sommata alla concentrazione degli ioni H+ proveniente dalla prima dissociazione non ne modifica il valore

[H+] tot = [H+] I + [H+] II = X + Y = 5,47*10-5 + 1.10-14 = 5,47.10-5

Possiamo inoltre verificare che gli ioni H+ provenienti dalla seconda dissociazione sono in concentrazione talmente esigua da giustificare la trattazione separata del primo equilibrio. La loro presenza in soluzione sposta infatti l'equilibrio di prima dissociazione verso sinistra di una quantità assolutamente trascurabile.

B) Calcolare il pH e le concentrazioni delle specie presenti all'equilibrio in una soluzione 1,5.10-2 M in acido acetico (Ka = 1,76.10-5) e 1,8.10-2 M in acido dicloroacetico (Ka = 3,32.10-2).

I problemi relativi a miscele di due acidi deboli sono analoghi a quelli relativi a soluzioni di acidi poliprotici (vedi problema precedente). In linea teorica infatti i due equilibri di dissociazione si influenzano reciprocamente, per cui gli ioni H+ prodotti da ciascun acido spostano verso sinistra l'equilibrio di dissociazione dell'altro. In pratica ciò comporta degli effetti evidenti solo se i due acidi hanno più o meno la stessa forza. Se invece le due costanti di dissociazione differiscono per almeno 3-4 ordini di grandezza, è possibile considerare l'equilibrio dell'acido più forte come prevalente (in modo analogo si è considerato

17

prevalente il primo equilibrio di dissociazione di un acido debole biprotico) e non influenzato dalla presenza dell'acido più debole.

In questo caso i due equilibri presenti in soluzione sono i seguenti

CHCl2COOH ↔ CHCl2COO- + H+

CH3COOH ↔ CH3COO- + H+ Se poniamo X = concentrazione di acido dicloroacetico che si dissocia = [H+] prodotta dall'acido dicloroacetico MDCAc = concentrazione iniziale dell'acido dicloroacetico KDCAc = costante di dissociazione dell'acido dicloroacetico

Y = concentrazione di acido acetico che si dissocia = [H+] prodotta dall'acido acetico MAc = concentrazione iniziale dell'acido acetico KAc = costante di dissociazione dell'acido acetico

la soluzione esatta del problema richiederebbe la soluzione del seguente sistema di equazioni in cui devono essere simultaneamente soddisfatte le due condizioni di equilibrio

e porterebbe a dover risolvere un'equazione di grado superiore al secondo.

Possiamo invece risolvere il problema in modo semplificato poichè l'acido dicloroacetico (pur essendo un acido debole) è sensibilmente più forte dell'acido acetico. Possiamo quindi assumere il suo equilibrio come preponderante.

la soluzione dell'equazione di 2° grado ci fornisce il seguente risultato

X = [H+]DCAc = [CHCl2COO-] = 1,3.10-2 mol/l

[CHCl2COOH] = 1,3.10-2 mol/l - X = 5.10-3 mol/l

Utilizziamo ora la H+ trovata introducendola nell'equilibrio di dissociazione dell'acido acetico

Tenendo presente che la KAc è sufficientemente piccola, il valore di Y sarà così basso da poter essere trascurato nella somma a numeratore e nella differenza a denominatore, ottenendo

Y = [H+]Ac = [CH3COO-] = 2,03.10-5 mol/l

[CH3COOH] = 1,5.10-2 - Y 1,5.10-2 mol/l

La concentrazione totale degli ioni H+ sarà data da

[H+]tot = [H+]DCAc + [H+]Ac = 2,03*10-5 + 1,3.10-2 1,3.10-2 mol/l

In altre parole la H+ dipende esclusivamente dall'equilibrio di dissociazione dell'acido più forte.

18

Infine il pH sarà uguale a

C) Calcolare la concentrazione delle specie chimiche all'equilibrio in una soluzione 2 M in acido formico HCOOH (Ka = 1,8.10-4) e 1,3 M in acido cianico HCNO (Ka = 2,2.10-4).

Gli equilibri presenti in soluzione sono i seguenti

HCOOH ↔ HCOO- + H+

HCNO ↔ HCN- + H+ Se poniamo X = concentrazione di acido formico che si dissocia = [H+] prodotta dall'acido formico M1 = concentrazione iniziale dell'acido formico K1 = costante di dissociazione dell'acido formico

Y = concentrazione di acido cianico che si dissocia = [H+] prodotta dall'acido cianico M2 = concentrazione iniziale dell'acido cianico K2 = costante di dissociazione dell'acido cianico

la soluzione esatta del problema richiederebbe la soluzione del seguente sistema di equazioni in cui devono essere simultaneamente soddisfatte le due condizioni di equilibrio

e porterebbe a dover risolvere un'equazione di grado superiore al secondo.

In questo caso le due costanti di dissociazione hanno valori dello stesso ordine di grandezza e non è possibile considerare uno dei due equilibri prevalente sull'altro. E' comunque possibile ricorrere ad una soluzione semplificata poichè entrambi gli acidi sono sufficientemente concentrati e presentano una Ka sufficientemente piccola da permetterci di ritenere che il loro grado di dissociazione sia molto basso. In altre parole sia X che Y devono essere sufficiente piccole rispetto a M1 e M2 da poter essere trascurate nelle differenze a denominatore.

Il sistema diventa così

e può essere facilmente risolto ottenendo i seguenti risultati

Problemi da risolvere 1. Calcolare il pH e la concentrazione degli acetato CH3COO- e benzoato C6H5COO- di una soluzione 2.10-2 M in acido acetico (Ka = 1,8.10-5) e 1.10-2 M in acido benzoico (Ka = 6,5.10-5).

. Calcolare la concentrazione di equilibrio degli ioni H+ e dell'anione acetato CH3COOH- in una soluzione 0,1 M in CH3COOH e 0,05 M in HCl, sapendo che la Ka dell'acido acetico è pari a 1,8.10-5.

19

. Calcolare la concentrazione di equilibrio degli ioni H+, dell'anione acetato e dell'anione cianuro in una soluzione 0,1 M in CH3COOH (Ka = 1,8.10-5) e 0,2 M in HCN (Ka = 4,8.10-10).

. Calcolare la concentrazione di equilibrio degli ioni H+, H2PO4-, HPO42-, PO43- in una soluzione di acido ortofosforico 10-2 M sapendo che k1 = 7,1.10-3, k2 = 6,2.10-8 e k3 = 4,4.10-13.

. Calcolare il pH di una soluzione ottenuta mescolando 25 ml di una soluzione 1,7.10-5 M di acido acetico CH3COOH (Ka = 1,8.10-5) con 75 ml di una soluzione 2,8.10-3 M di acido cianidrico HCN (Ka = 4.10-10).

. Sapendo che la Kb dell'ammoniaca è pari a 1,8.10-5, calcolare il pH ed il grado di dissociazione di una soluzione 8.10-2 M e di una soluzione 5.10-4 M.

. Calcolare la concentrazione di acido fluoracetico CHFCOOH (Ka = 2,6.10-3) necessaria ad ottenere una concentrazione di ioni H+ 2.10-3 M.

. Calcolare la concentrazione di ioni ammonio NH4+ di una soluzione 2.10-2 M in NH3 (Kb = 1,8.10-5) e 10-2 M in KOH.

. Determinare che molarità deve possedere una soluzione di ammoniaca (Kb = 1,8.10-5) affinchè la concentrazione degli ioni OH- sia pari a 1,5.10-3 mol/l.

. Calcolare la concentrazione dell'anione acetati HCOO- in una soluzione 1,5.10-2 M in acido acetico HCOOH (Ka = 1,8.10-5) e 2.10-2 M in HCl.

. Determinare il pH e le concentrazioni di equilibrio degli anioni lattato CH3CHOHCOO- e fenato C6H5O- di una soluzione 3.10-2 M in acido lattico (o acido 2 idrossipropanoico) CH3CHOHCOOH (Ka = 8,4.10-4) e 0,1 M in fenolo C6H5OH (Ka = 1.10-10).

. Calcolare la concentrazione degli ioni H+ e degli ioni S2- di una soluzione 5.10-2 M di H2S (K1 = 1.10-7; K2 = 1,2.10-13)

. Calcolare la concentrazione degli ioni S2- di una soluzione 5.10-2 M in acido solfidrico (K1 = 1.10-7; K2 = 1,2.10-13) e 1.10-2 M in HCl.

. Calcolare il grado di dissociazione di una soluzione 6,5.10-3 M di acido cloroacetico (Ka = 1,4.10-3).

. Calcolare la concentrazione degli ioni H+ e CCl2COO- di una soluzione 1.10-2 M in acido dicloroacetico (Ka = 5,5.10-2) e 1.10-2 M in HCl.

20

RISOLUZIONI 1. pH = 3 CH3COO- = 3,6.10-4 C6H5COO- = 6,5.10-4. . CH3COO- = 3,6.10-5 H+ = 0,05 + 3,6.10-5 0,05 . CN- = 7,16.10-8 H+ = CH3COO- = 1,34.10-3

4. H+ = H2PO4- = 5,59.10-3 HPO42- = 6,2.10-8 PO43- = 4,88.10-18 5. pH = 5,5 6. = 1,5% pH = 11,08 = 17,26% pH = 9,94 . 3,54.10-3 M . 3,6.10-5 M . 0,12 M . 1,3.10-4

11. pH = 2,7 CH3CHOHCOO- = 5.10-3 C6H5O- = 2.10-9

12. H+ = 7,1.10-5 S2- = 1,2.10-13

13. 6.10-18 14. = 36,9% . H+ = 1,76.10-2 CCl2COO- = 7,6.10-3

Equilibri di idrolisi

Problemi risolti A) Calcolare le concentrazioni di equilibrio delle specie chimiche ed il pH di una soluzione 1,85.10-2 M di acetato di sodio CH3COONa, sapendo che la Ka dell'acido acetico è pari a 1,76.10-5.

Come tutti i sali anche l'acetato di sodio in soluzione è completamente dissociato secondo la reazione

CH3COONa ↔ CH3COO- + Na+ Poichè tale equilibrio è completamente spostato verso destra, inizialmente in soluzione vi sono 1,85.10-2 mol/l di ione acetato e 1,85.10-2 mol/l di ione sodio, le quali partecipano ai seguenti equilibri NaOH → Na+ + OH-

CH3COOH ↔ CH3COO- + H+

Mentre il primo equilibrio è completamente spostato verso destra (l'idrossido di sodio è una base forte), il secondo è spostato verso sinistra (l'acido acetico è un acido debole). In questo modo l'anione acetato tende ad unirsi con gli ioni H + che trova in soluzione per dare acido acetico indissociato. Gli ioni H+ vengono sottratti all'equilibrio di dissociazione dell'acqua, il quale, in risposta tende a spostarsi verso sinistra dissociando altri ioni H+ e ioni OH-. Ma mentre gli ioni H+ vengono intercettati dall'anione acetato gli ioni OH- rimangono in soluzione alzando il pH.

I due equilibri, che si influenzano reciprocamente, sono dunque

CH3COOH ↔ CH3COO- + H+ 21

H2O ↔ OH- + H+

Per risolvere il problema in modo esatto sarebbe necessario considerare simultaneamente i 2 equilibri in modo che siano contemporaneamente soddisfatte le equazioni derivate dalle relative condizioni di equilibrio

Se indichiamo con

Y = la quantità di acqua che si dissocia liberando Y mol/l di ioni OH- e Y mol/l di ioni H+ X = la quantità di anione acetato che si riassocia rubando X mol/l di ioni H+ per formare X mol/l di acido indissociato M = concentrazione iniziale del sale = concentrazione iniziale dell'anione acetato

Le due equazioni formano un sistema che richiede la soluzione di un'equazione di 3° grado. Quando, come in questo caso, la concentrazione iniziale del sale è sufficientemente elevata, è possibile evitare di ricorrere alla soluzione esatta del problema, introducendo alcune semplificazioni nella trattazione.

Si ipotizza che per ogni molecola di CH3COOH che si forma dalla unione di un CH3COO- con un H +, una molecola d'acqua si dissoci per ridare lo ione H+ e uno ione OH-. In questo modo si devono formare all'equilibrio tante molecole di CH3COOH quanti ioni OH-. In effetti ciò rappresenta solo una approssimazione in quanto la liberazione di ioni OH- da parte dell'anione acetato che si riassocia, tende a far retrocedere l'equilibrio di dissociazione dell'acqua (gli ioni OH- rappresentano un prodotto di reazione per l'equilibrio di dissociazione dell'acqua), in modo tale che una minima percentuale degli ioni OH- liberati si riassocia per formare acqua.

L'entità di tale processo è comunque minima e non influisce sulla concentrazione degli ioni OH - la quale è determinata essenzialmente dall'equilibrio dell'acido che si riassocia. Diviene necessario tener conto anche dell'equilibrio dell'acqua solo quando il sale è molto diluito.

La reazione semplificata che si ipotizza avvenga è detta reazione di idrolisi ed è la seguente

CH3COO- + H2O ↔ CH3COOH + OH-

E' facile verificare che la sua costante di equilibrio, la costante di idrolisi, vale

Se dunque indichiamo con X la quantità di CH3COO- che si riassocia per dare X mol/l di CH3COOH, mentre vengono contemporaneamente liberate X mol/l di ioni OH-, otterremo la seguente equazione

risolvendo l'equazione otteniamo

X = [OH-] = [CH3COOH] = 3,24.10-6 mol/l

22

[H+] = Kw/ OH- = 3,09.10-9 mol/l pH = 8,51

[CH3COO-] = M - X = 1,85.10-2 - 3,24.10-6 = 1,8497.10-2 1,85.10-2

B) Calcolare il pH le concentrazioni di equilibrio delle specie chimiche in una soluzione 1.10-6 M di acetato di sodio, sapendo che la costante di dissociazione dell'acido acetico è Ka = 1,76.10-5.

Come nel problema precedente lo ione acetato si riassocia con gli ioni H + provenienti dalla dissociazione dell'acqua per dare l'acido acetico indissociato. Gli ioni OH- liberati rendono basica la soluzione. Proviamo ad utilizzare il metodo semplificato

Risolvendo l'equazione otteniamo

X = OH- = CH3COOH = 2,35*10-8 mol/l

Il risultato è chiaramente inaccettabile in quanto ci porta a concludere che, nonostante la liberazione di una seppur minima quantità di ioni OH-, la soluzione è diventata acida.

Il metodo semplificato non può essere utilizzato in questo caso in quanto la concentrazione iniziale dell'anione acetato è eccessivamente bassa e la quantità di ioni OH- prodotta dalla sua riassociazione è comparabile con la quantità di ioni OH- provenienti dall'equilibrio di dissociazione dell'acqua (10-7). Sarebbe comunque errato semplicemente sommare gli ioni OH- provenienti dall'idrolisi salina (2,35.10-8) con gli ioni OH- provenienti dall'acqua (10-7). In questo caso infatti la presenza di un sia pur piccolo eccesso di ioni OH- provenienti dall'idrolisi salina fa retrocedere in modo sensibile, rispetto alle concentrazioni in gioco, l'equilibrio dell'acqua. Una parte non trascurabile degli ioni OH- proodotti dall'idrolisi salina si riassocia con gli ioni H+ per dare acqua indissociata. Ci dobbiamo perciò attendere che la concentrazione di equilibrio degli ioni OH- sia leggermente inferiore della semplice somma ( 10-7 + 2,35.10-8).

Risolvendo il problema in modo esatto, attraverso la procedura completa scriviamo

dividendo membro a membro si ottiene

In cui notiamo che l'ipotesi semplificatrice è stata abbondonata, infatti [OH-] ≠ [CH3COOH]

Esplicitando la X

e sostituendone il valore nel prodotto ionico dell'acqua si ottiene la seguente equazione di 3° grado

23

Che risolta per approssimazioni successive fornisce il seguente risultato

Y = [OH-] = 1,025.10-7 mol/l

X = [CH3COOH] = 5,51.10-9 mol/l

[H+] = Kw/ OH- = 9,75.10-8 mol/l pH = 7,01

[CH3COO-] = M - X = 1.10-6 - 5,51.10-9 1.10-6 mol/l

Si noti che la concentrazione degli ioni OH-, pur essendo maggiore di 10-7, è minore della semplice somma degli ioni OH- provenienti dai due equilibri trattati separatamente (10-7 + 2,35.10-8 = 1,235.10-7). la trattazione contemporanea dei due equilibri ha dimostrato che essi, interagendo, retrocedono entrambi leggermente spostandosi verso sinistra. Si noti infine che nonostante l'acido acetico sia molto debole una minima percentuale di ioni acetato si riassocia, X mol/l su M mol/l iniziali, pari a 5,51.10-9 /10-6 = 5,5.10-3. Poco più di 5 molecole su 1000. Il dato conferma la regola che anche gli acidi deboli, quando sono molto diluiti sono quasi completamente dissociati.

C) Calcolare il pH di una soluzione 0,1 M di cianato d'ammonio NH4CNO, sapendo che la Kb dell'ammoniaca NH3 è Kb = 1,8.10-5, mentre la Ka dell'acido cianico HCNO è Ka = 2,2.10-4.

Il cianato d'ammonio è completamente dissociato secondo l'equilibrio

NH4CNO → NH4+ + CNO-

Sia lo ione ammonio che lo ione cianato interagiscono con l'equilibrio di dissociazione dell'acqua. il primo per ridare la base debole NH3, il secondo per ridare l'acido debole HCNO

NH3 + H2O ↔ NH4+ + OH-

HCNO ↔ CNO- + H+

lo ione ammonio sottrae ioni OH-, mentre lo ione cianato sottrae ioni H+. Poichè Ka > Kb l'equilibrio dell'acido cianico è più spostato verso destra di quello dell'ammoniaca. Ci dobbiamo perciò attendere che la soluzione finale sia leggermente acida.

La soluzione esatta del problema richiede che i due equilibri siano considerati simultaneamente e assieme all'equilibrio di dissociazione dell'acqua.

Se indichiamo con Z = quantità di acqua che si dissocia all'equilibrio in Z mol/l di ioni H+ e Z mol/l di ioni OH- X = la quantità di CNO- che si riassocia, sottraendo X mol/l di ioni H+ all'acqua, per dare X mol/l di acido cianico indissociato Y = quantità di NH4+ che reagisce, sottraendo Y mol/l di ioni OH- all'acqua, per dare Y mol/l di ammoniaca M = concentrazione iniziale del sale e quindi, essendo il sale completamente dissociato, degli ioni ammonio e degli ioni cianato.

24

otterremo le seguenti 3 equazioni, desunte dalle condizioni di equilibrio delle tre reazioni

la cui risoluzione risulta lunga e laboriosa richiedendo infine la soluzione di un'equazione di 4° grado

Ci si avvale pertanto di un metodo approssimato che assume le seguenti ipotesi semplificatrici: Le concentrazioni di equilibrio degli ioni H+ e OH- sono talmente piccole (sia l'acido che la base sono deboli) da non poter influenzare la condizione di elettroneutralità, la quale passa perciò dalla forma

alla forma approssimata

Ciò significa in pratica che se all'equilibrio la concentrazione dello ione ammonio può essere grossolanamente considerata pari a quella dello ione cianato, una pari quantità dei due ioni si sarà riassociata per dare la base e l'acido di partenza e sarà perciò anche

In altre parole si considerano l'equilibrio dell'acido e della base spostati della stessa quantità, per ogni ione ammonio che si trasforma in ammoniaca, uno ione cianato si trasforma in acido cianico secondo la reazione approssimata NH4+ + CNO- ↔ NH3 + HCNO

La cui costante di equilibrio (costante di idrolisi) vale

se quindi indichiamo con

X = [NH3] = [HCNO]

allora sarà

[NH4+] = [CNO-] = M -X

sostitendo opportunamente nella relazione di equilibrio otterremo

che risolta fornisce i seguenti risultati

X = [NH3] = [HCNO] = 1,58.10-4 mol/l

[NH4+] = [CNO-] = M - X = 0,1 - 1,58.10-4 = 9,9842.10-2 mol/l

sostitendo tali valori nelle relazioni di equilibrio dell'acido e dalla base si otterranno infine le concentrazioni degli ioni H+ e OH-.

25

da cui [H+] = 3,48.10-7

da cui [OH-] = 2,85.10-8

D) Calcolare il pH di una soluzione 5.10-2 M di fosfato biacido di sodio NaH 2PO4 sapendo che la costante di prima dissociazione dell'acido fosforico vale K1 = 7,1.10-3 e la costante di seconda dissociazione vale K2 = 6,2.10-8.

Il sale è completamente dissociato secondo l'equilibrio

NaH2PO4 Na+ + H2PO4-

l'anione fosfato biacido in acqua presenta un comportamento anfotero, partecipando ai seguenti due equilibri opposti

H2PO4- + H2O ↔ NaH2PO4 + OH- Kh = Kw/K1 = 1,4.10-12

H2PO4- ↔ HPO42- + H+ K2 = 6,2.10-8

Osservando il valore delle rispettive costanti deduciamo che il primo equilibrio (equilibrio di idrolisi basica) è più spostato verso sinistra rispetto al secondo (equilibrio di seconda dissociazione dell'acido). La soluzione all'equilibrio sarà pertanto acida.

La soluzione esatta del problema richiederebbe che venissero presi contemporaneamente in considerazione i seguenti 3 equilibri

H2O ↔ H+ + OH-

H3PO4 ↔ H2PO4- + H+

H2PO4- ↔ HPO42- + H+

se indichiamo con

Z = la quantità di acqua che si dissocia in Y mol/l di ioni H+ e Y mol/l di ioni OH- X = la quantità di anione fosfato biacido H2PO4- che si riassocia, sottraendo X mol/l di ioni H+, per dare X mol/l di acido indissociato H3PO4 Y = la quantità di anione fosfato biacido H2PO4- che si dissocia, producendo Y mol/l di ioni H+ e Y mol/l di anione fosfato monoacido HPO42- M = la concentrazione iniziale del sale che, essendo completamente dissociato, è pari alla concentrazione iniziale dell'anione fosfato biacido H2PO4-.

allora le condizioni di equilibrio diventano

Anche in questo caso è comunque possibile ricorrere ad un metodo approssimato che si avvale delle seguenti ipotesi semplificatrici:

26

Si suppone che per ogni anione fosfato biacido che si trasforma in acido fosforico indissociato, un anione fosfato biacido si dissoci per dare un anione fosfato monoacido, secondo il seguente equilibrio

H2PO4- ↔ HPO42- + H3PO4 E' semplice verificare che la costante di tale equilibrio è pari a

ponendo quindi

X = [H2PO4-] = [H3PO4]

la relazione di equilibrio diventa

che, risolta, ci fornisce

X = [H2PO4-] = [H3PO4] = mol/l

[HPO42-] = M - 2X = M - 2 mol/l

per calcolare la concentrazione degli ioni H+ sostituiamo i valori trovati nell'equilibrio di prima dissociazione dell'acido

semplifichiamo ed esplicitiamo H+, ottenendo

sostituendo gli stessi valori nell'equilibrio di seconda dissociazione dell'acido, avremmo ottenuto

semplificando ed esplicitando H+, otteniamo

I 2 valori della H+ così ottenuti, pur essendo molto vicini non sono identici, trattandosi di una approssimazione. Se ne può calcolare la media geometrica, ottenendo

Il pH varrà quindi 4,68.

Si tenga presente che il metodo semplificato porta a risultati attendibili solo quando K1 << M Kw << K2M

Problemi da risolvere

27

17. Calcolare il pH di una soluzione 0,1 M di NH4Cl sapendo che la Kb dell'ammoniaca è pari a 1,8.10-5.

. Determinare la Kb di Zn(OH)2 sapendo che il pH di una soluzione 1.10-3 M di ZnCl2 è 6,33.

.Calcolare il pH di una soluzione 5.10-2 M di K2CrO4 sapendo che la costante di prima dissociazione dell'acido cromico vale K1 = 0,18 e la seconda è pari a K2 = 3,2.10-7.

. Calcolare il pH di una soluzione 1.10-3 M di Na2S sapendo che le costanti di prima e seconda dissociazione dell'acido solfidrico valgono rispettivamente K1 =1.10-7 e K2 = 1,2.10-13.

. Calcolare il pH di una soluzione 1.10-2 M di NaHCO3 sapendo che le costanti di prima e seconda dissociazione dell'acido carbonico valgono rispettivamente K1 = 4,5.10-7 e K2 = 5,7.10-11.

. Calcolare la concentrazione degli ioni OH- e dello ione ossalato2- di una soluzione 5.10-3 M di ossalato di sodio NaOOC-COONa, sapendo che le costanti di prima e seconda dissociazione dell'acido ossalico HOOC-COOH valgono rispettivamente K1 = 5,9.10-2 e K2 = 6,4.10-5.

. Calcolare il pH di una soluzione 5.10-2 M di NaH2PO4 sapendo che le costanti di prima e seconda e terza dissociazione dell'acido fosforico valgono rispettivamente K1 = 7,1.10-3 K2 = 6,2.10-8

e K3 = 4,4.10-13 .

. Calcolare il pH di una soluzione 5.10-2 M di Na2HPO4 sapendo che le costanti di prima e seconda e terza dissociazione dell'acido fosforico valgono rispettivamente K1 = 7,1.10-3 K2 = 6,2.10-8

e K3 = 4,4.10-13 .

. Calcolare il pH di una soluzione 5.10-2 M di Na3PO4 sapendo che le costanti di prima e seconda e terza dissociazione dell'acido fosforico valgono rispettivamente K1 = 7,1.10-3 K2 = 6,2.10-8 e K3 = 4,4.10-13 .

. Calcolare il pH e la concentrazione di CO32- e di H2CO3 di una soluzione 10-3 M di Na2CO3 sapendo che le costanti di prima e seconda dissociazione dell'acido carbonico valgono rispettivamente K1 = 4,5.10-7 e K2 = 5,7.10-11.

. Calcolare il pH di una soluzione 0,1 M di cianato d'ammonio NH4CNO sapendo che la Kb dell'ammoniaca NH3 è pari a 1,8.10-5 e la Ka dell'acido cianico HCNO è pari a 2,2.10-4.

. Calcolare la concentrazione delle specie chimiche in una soluzione 1.10-2 M di cianuro di ammonio NH4CN sapendo che la Kb dell'ammoniaca NH3 è pari a 1,8.10-5 e la Ka dell'acido cianidrico HCN è pari a 4,8.10-10.

28

RISOLUZIONI . pH = 5,13 . 4,5.10-5 19. pH = 9,1 . pH = 11 . pH = 8,29 22. OH- = 1,56.10-10 (COO)22- = 1,69.10-13 23. pH = 4,68 . pH = 9,78 . pH = 12,38 . pH = 10,5 CO32- = 6,6.10-4 H2CO3 = 2,2.10-8 . pH = 6,46 . H+ = 5,1.10-10 CN- = NH4+ = 4,8.10-3 HCN = NH3 = 5,2.10-3 OH- = 1,95.10-5

Soluzioni tampone

Problemi risolti A) Calcolare il pH di una soluzione tampone 0,25 M in acido acetico e 0,7 M in acetato di sodio, sapendo che la Ka dell'acido acetico vale 1,76.10-5.

Essendo il sale completamente dissociato in soluzione saranno presenti 0,7 mol/l di ioni acetato provenienti dal sale. Poichè il sale è un elettrolita forte il suo equilibrio non viene disturbato dalla presenza di un'altro elettrolita, rimanendo comunque completamente dissociato. Il problema si riduce perciò al calcolo della variazione dell'equilibrio dell'acido debole in presenza di 10-7 mol/l del suo anione.

Se indichiamo con X la quantità di acido che si dissocia, con Ma la concentrazione iniziale dell'acido e con Ms la concentrazione iniziale del sale, potremmo scrivere

risolvendo l'equazione di secondo grado, otteniamo

X = [H+] = 6,29.10-6

Come ci si doveva attendere, essendo l'acido molto debole ed essendo l'equilibrio ulteriormente spostato verso sinistra per la presenza dell'anione comune prodotto dal sale, X è trascurabile sia rispetto ad Ms che rispetto ad Ma. Quando le concentrazioni dell'acido e del sale sono sufficientemente elevate è quindi possibile trascurare la X sia nella somma a numeratore che nella differenza a denominatore. Si ottiene la seguente relazione semplificata

29

dalla quale otteniamo

Calcolando il logaritmo negativo di entrambi i membri otteniamo finalmente la relazione per il calcolo del pH in soluzioni tampone

pH = 5,2

B) Calcolare il pH di una soluzione tampone costruita introducendo 3.10-2 moli di acido nitrico e 1*10-1 moli di carbonato monoacido di sodio NaHCO3 in un litro di soluzione, sapendo che la costante di prima dissociazione dell'acido carbonico è K1 = 4,3.10-7.

Sia l'acido forte che il sale sono completamente dissociati.

HNO3 → H+ + NO3-

NaHCO3 → Na+ + HCO3- I 3.10-2 mol/l di ioni H+ provenienti dall'acido forte interferiscono con l'equilibrio di dissociazione dell'acido debole. L'anione proveniente dal sale tende infatti a riassociarsi quasi completamente con gli ioni H+.

H2CO3 ← H+ + HCO3- Verifichiamolo. Detta Msiniz = la concentrazione iniziale del sale, pari alla concentrazione iniziale dell'anione HCO3- Mainiz = la concentrazione iniziale dell'acido nitrico, pari alla concentrazione iniziale degli ioni H+ X = la quantità di anione che si riassocia, formando X mol/l di H2CO3 indissociato la condizione di equilibrio dell'acido debole diventa

risolvendo l'equazione di secondo grado si ottiene

X = H2CO3 = 2,99999816.10-2 . 3.10-2 mol/l

L'anione si è dunque riassociato in modo praticamente completo La concentrazione degli ioni H+ sarà quindi pari a

[H+] = Mainiz - X = 3.10-2 - 2,99999816.10-2 = 1,84.10-7 mol/l

[HCO3-] = Msiniz - X = 1.10-1 - 2,99999816.10-2 = 7.10-2 mol/l

pH = -log 1,84.10-7 = 6.73

Tenendo dunque conto che l'acido forte trasforma una pari quantità di anione nel corrispondente acido debole, era possibile utilizzare la relazione approssimata

30

C) Calcolare il pH di una soluzione tampone ottenuta miscelando 0,3 l di una soluzione 3.10-2 M di NaH2PO4 con 0,45 l di una soluzione 1.10-3 M di Na2HPO4, sapendo che la costante di seconda dissociazione dell'acido fosforico vale K2 = 6,23.10-8.

L'effetto tampone si basa sull'equilibrio di dissociazione dell'acido debole fosfato biacido H 2PO4- e sulla contemporanea presenza di elevate concentrazioni sia dell'acido debole che del suo anione coniugato (HPO42-).

H2PO4- ↔ H+ + HPO42-

L'acido debole H2PO4- viene fornito dalla completa dissociazione di NaH2PO4 L'anione coniugato HPO42- viene fornito dalla completa dissociazione di Na2HPO4

Calcoliamo la concentrazione iniziale dei due anioni

miscelando le due soluzioni si è ottenuta una soluzione di volume complessivo 0,3 + 0,45 = 0,75 l

In 0,3 litri di soluzione 3.10-2 M di NaH2PO4 erano contenute n = M.V = 3.10-2 . 0,3 = 9.10-3 moli di H2PO4-

la molarità dell'H2PO4- nella nuova soluzione sarà Ma = n/V = 9.10-3 / 0,75 = 1,2.10-2 mol/l

Eseguendo lo stesso calcolo anche per l'anione HPO42- otterremo Ms = 6.10-4 mol/l

E' possibile ora utilizzare la relazione semplificata, ottenendo

la risoluzione esatta del problema avrebbe portato allo stesso risultato. Se chiamiamo infatti X la quantità di H2PO4- che si dissocia per dare X mol/l di HPO42- e X mol/l di ioni H+, all'equilibrio avremo

risolvendo l'equazione ottenuta si ottiene il medesimo risultato al quale siamo pervenuti col metodo semplificato.

D) Calcolare il pH di una soluzione tampone preparata introducendo 0,5 moli di HF (Ka = 3,53.10-4) e 7.10-2 moli di NaOH in un litro di soluzione.

L'effetto tampone si ottiene poichè tutto l'idrossido di sodio salifica una pari quantità di acido fluoridrico. Si formeranno pertanto 7.10-2 moli di NaF, completamente dissociato in Na+ e F-, mentre rimarranno in soluzione 0,5 - 7.10-2 = 4,3.10-1 moli di HF indissociato.

Posto dunque X pari alla quantità di acido fluoridrico che si dissocia per dare X mol/l di ioni H + e X mol/l di ioni F-, sarà

risolvendo l'equazione otterremo

X = [H+] = 2,1.10-3 mol/l pH = 2,68

31

se avessimo utilizzato il metodo semplificato, trascurando la X nella somma a numeratore e nella differenza a denominatore, avremmo ottenuto

[H+] = 2,2.10-3 mol/l pH = 2,66

Problemi da risolvere 29. Calcolare il pH di una soluzione ottenuta miscelando 100 ml di HCN 1.10-2 M con 100 ml di KCN 5.10-2 M, sapendo che la Ka dell'acido cianidrico vale 4,9.10-10.

. Calcolare il pH di una soluzione ottenuta miscelando 100 ml di NH4OH 4.10-3 M con 100 ml di NH4Cl 1.10-3 M, sapendo che la Kb dell'ammoniaca vale 1,8.10-5.

. Calcolare il pH di una soluzione ottenuta miscelando 150 ml di HClO 1.10-2 M con 450 ml di KClO 1,25.10-2 M sapendo che la Ka dell'acido ipocloroso vale 3.10-8.

. Dopo aver miscelato 150 ml di HClO 1.10-2 M con 150 ml di KClO 1,25.10-2 M, si aggiunge acqua fino ad un litro. Sapendo che la Ka dell'acido ipocloroso vale 3.10-8, calcolare il pH della soluzione e la variazione di pH che si produce aggiungendo 10 ml di HCl 0,1 M

. Calcolare il pH di una soluzione ottenuta miscelando 250 ml di acido acetico CH3COOH 1,5.10-2 M (Ka = 1,8.10-5) con 250 ml di acetato di sodio CH3COONa 1,2.10-2 M.

. Calcolare il pH di una soluzione di 350 ml di NH4OH (Kb = 1,8.10-5) 0,1 M alla quale siano stati aggiunti 7,5 g di NH4Cl.

. Una soluzione 1.10-2 M di acido cloroacetico CH2ClCOOH (Ka = 1,4.10-3) è anche 2.10-3 M in cloroacetato di sodio CH2ClCOONa. Calcolare il pH.

. Calcolare il pH di una soluzione 1.10-2 M di HCl. Calcolare inoltre il pH della stessa soluzione quando vengano aggiunte 2.10-2 moli di CH3COONa per litro di soluzione, sapendo che la Ka dell'acido acetico è pari a 1,8.10-5.

. Calcolare il pH di una soluzione 0,2 M in acido dicloroacetico (Ka = 5,5.10-2) e 0,1 M in dicloroacetato di sodio.

. Che quantità di dicloroacetato di sodio si deve aggiungere ad un litro di acido dicloroacetico (Ka = 5,5.10-2) 0,1 M per portare la concentrazione degli ioni H+ a 3.10-2 M.

. Calcolare che quantità di NaOH si deve aggiungere ad una soluzione 1.10-2 M di H3BO3 (Ka = 5,8.10-10) per ottenere una soluzione tamponata a pH 10

RISOLUZIONI 29. pH = 10 . pH = 9,86 . pH = 8,10

32

. pH = 7,62 ΔpH = - 0,553 . pH = 4,65

. pH = 8,65 . pH = 2,62 . pH iniziale = 2 pH finale = 4,74

. pH = 1,3 . 0,1 moli . 8,5.10-3 moli

Equilibri di solubilità

Problemi risolti A) Quanti ml di una soluzione 5.10-2 M di acido solforico è necessario aggiungere a 250 ml di una soluzione 3,2.10-3 M di CaCl2 affinchè inizi a precipitare CaSO4 (Kps =3,5.10-5).

Indichiamo con X i litri di soluzione acida da aggiungere. Il volume della nuova soluzione dopo l'aggiunta diverrà pertanto 0,25 + X. le concentrazioni dello ione calcio e dello ione solfato nella nuova soluzione saranno perciò

poichè il solfato di calcio precipita quando il prodotto delle concentrazioni dei suoi due ioni eguaglia la Kps, possiamo scrivere

risolvendo l'equazione si ottiene X = 0,06 litri di soluzione acida da aggiungere

B) Calcolare la solubilità in mol/l dell'idrossido ferrico (Kps = 1,1.10-36) in una soluzione tamponata a pH = 3.

poichè la soluzione è tamponata possiamo ritenere costante la concentrazione degli ioni H+, pari a 10-3 mol/l. Anche la concentrazione degli ioni OH- sarà perciò costante e pari a Kw/[H+] = 10-11 mol/ l. Infine, poichè deve essere

La concentrazione dello ione ferrico in soluzione (e quindi dell'idrossido completamente dissociato) sarà

la solubilità dell'idrossido ferrico aumenta notevolmente in ambiente acido.

C) Una soluzione è 0,1 M in MgCl2. Calcolare a che pH inizia a precipitare Mg(OH)2 sapendo che il suo prodotto di solubilità è pari a 1,2.10-11.

33

ponendo [OH-] = X e sapendo che [Mg2+] = 0,1

potremo scrivere

da cui X = [OH-] = 1,1.10-5 mol/l pari ad un pH = 9,04

D) A 50 ml (V1) di una soluzione 1,8.10-2 M di Ag2SO4 vengono aggiunti 50 ml (V2) di una soluzione 2,5.10-2 M di BaCl2. Tenendo conto che le concentrazioni degli ioni in soluzione prodotte dalla completa dissociazione dei due sali sono tali per cui vengono superati i Kps di AgCl (1,56.10-10) e di BaSO4 (1,08.10-10), calcolare le concentrazioni residue dei diversi ioni nella soluzione dopo la precipitazione e qunati grammi dei due sali precipitano.

Calcoliamo le nuove concentrazioni di ciascun ione nella soluzione il cui volume finale è pari a 0,05 + 0,05 = 0,1 litro

Ag2SO4 → 2Ag+ + SO42-

tenendo conto che per ogni mole di solfato d'argento che si dissocia si liberano due ioni Ag + e uno ione SO42-, si avrà

Eseguendo gli stessi calcoli per il cloruro di bario otterremo

BaCl2 → Ba2+ + 2Cl-

Chiamiamo ora X le moli di AgCl che si riassociano, precipitando. Potremo allora scrivere

L'equazione, risolta fornisce il seguente risultato

X = 1,7999977714.10-2 . 1,8.10-2 mol/l

In pratica il numero di mol/l di AgCl che precipita è pari alla concentrazione iniziale dello ione Ag+, il quale, essendo in quantità minore rispetto allo ione Cl-, agisce da agente limitante per il processo di precipitazione.

In soluzione rimarranno 2,5.10-2 - 1,8.10-2 = 7.10-3 mol/l di ioni Cl- e Kps/[Cl-] = 2,2.10-8 mol/l di ioni Ag+.

Le 1,8.10-2 mol/l di AgCl che precipitano corrispondono a

34

ed in 0,1 litri precipiteranno 2,58.0,1 = 0,258 g di AgCl.

Chiamiamo infine Y le moli di BaSO4 che si riassociano, precipitando. Potremo allora scrivere

L'equazione, risolta fornisce il seguente risultato

Y = 8,999969143.10-3 . 9.10-3 mol/l

In pratica il numero di mol/l di BaSO4 che precipita è pari alla concentrazione iniziale dell'anione SO42- il quale, essendo in quantità minore rispetto allo ione Ba2+, agisce da agente limitante per il processo di precipitazione.

In soluzione rimarranno 1,25.10-2 - 9*10-3 = 3,5.10-3 mol/l di ioni Ba2+ e Kps/[Ba2+] = 3,09.10-8 mol/ l di ioni SO42-.

Le 9.10-3 mol/l di BaSO4 che precipitano corrispondono a

ed in 0,1 litri precipiteranno 2,1.0,1 = 0,21 g di BaSO4.

E) Calcolare la concentrazione degli ioni in una soluzione satura in CaCO 3 (Kps = 1,7.10-8) e in BaCO3 (Kps = 7*10-9).

Se poniamo

[Ca2+] = X [Ba2+] = Y e quindi [CO32-] = X + Y

potremo allora scrivere

risolvendo il sistema si ottiene

X = [Ca2+] = 1,097.10-4 mol/l

Y = [Ba2+] = 4,52.10-5 mol/l

X + Y = [CO32-] = 1,55.10-4 mol/l

Problemi da risolvere 40. Calcolare la concentrazione di anioni SO42- che è necessario superare affinchè inizi a precipitare solfato di calcio (Kps = 2,5.10-5) da una soluzione 3,2*10-3 M in CaCl2.

35

. Un litro di soluzione è 1*10-3 M in ioni Mg2+. Calcolare quanti ml di NaOH 1.10-3 M è necessario aggiungere affinchè inizi a precipitare Mg(OH)2 (Kps = 1,8.10-11).

. Calcolare il prodotto di solubilità del solfato piomboso sapendo che in in 200 ml di soluzione si sciolgono 8.10-3 g di PbSO4.

. Calcolare la solubilità di Ag2CrO4 espressa in mol/l e in g/l, sapendo che la sua Kps è pari a 1,5.10-12.

. Una soluzione è 1.10-3 M in HCl, 4.10-4 M in ioni Cu2+ e 1,5.10-5 M in ioni Pb2+. Calcolare che specie chimica precipita e in che quantità sapendo che i prodotti di solubilità di CuCl è di PbCl 2 valgono rispettivamente 3,2.10-7 e 1,6.10-5.

. Calcolare la massima concentrazione di ioni Zn2+ in una soluzione 1.10-3 M di NH3 senza che si verifichi precipitazione, sapendo che il prodotto di solubilità di Zn(OH)2 è pari 4,5.10-17 e la Kb dell'ammoniaca è pari a 1,8.10-5.

. Calcolare la Kps del fluoruro di calcio sapendo che le sue soluzioni sature contengono 1,7.10-2 g/l di sale.

. Calcolare quanti grammi di AgCl (Kps = 1,6.10-10) precipitano quando si mescolano 25 ml di una soluzione 1.10-2 M di AgNO3 con 500 ml di una soluzione 1.10-3 M di HCl. Calcolare inoltre la solubilità in mol/l del cloruro di argento rimasto in soluzione.

. Calcolare la solubilità in mol/l e in g/l dello iodato piomboso sapendo che la sua Kps = 2,6.10-13.

RISOLUZIONI 40. 7,8.10-3 41. 170 ml . 1,74.10-8

43. 7,2.10-5 mol/l 2,39.10-2 g/l . precipitano 8.10-5 mol/l di CuCl . 2.87.10-9

46. 4.10-11

47. precipitano 3,57.10-3 g di AgCl rimangono in soluzione 1,77.10-7 mol/l . 4.10-5 mol/l 2,24 g/l

5. ELETTROCHIMICA

36

. Calcolare quanti grammi di cadmio si depositano al catodo per via elettrolitica, se nella cella contenente CdCl2 fuso passano 6 A per 15 minuti.

. Calcolare la carica elettrica necessaria affinchè al catodo di una cella elettrolitica contenente una soluzione di CuCl2 si scarichino 5 equivalenti di rame.

. In due celle elettrolitiche separate, contenenti rispettivamente nitrato di argento e cloruro di alluminio fusi, passa una corrente di 0,5 A. Calcolare quanto argento e quanto alluminio si sono depositati ai rispettivi elettrodi dopo un'ora e venti minuti.

. Calcolare quanti grammi di zinco si depositano al catodo di una cella elettrolitica contenente ZnCl2 fuso, se vi passa per 30 minuti una corrente di 5 ampere.

. Calcolare quanto tempo è necessario per separare elettroliticamente il rame contenuto in 500 ml di una soluzione 0,1 M di CuCl2, con una corrente di 2 A.

. Calcolare l'intensità di corrente necessaria per ottenere al catodo 2,5 g di oro all'ora da una soluzione di AuCl3.

. Calcolare il tempo necessario per purificare 2,272 kg di argento puro all'85% , usato come anodo in una soluzione elettrolitica di nitrato di argento in cui viene fatta passare una corrente di 120 A

. Calcolare il volume occupato a 20 °C e a pressione atmosferica dal cloro liberato all'anodo di una cella elettrolitica contenente NaCl fuso, attraverso il quale viene fatta passare per 3 ore 45 minuti una corrente di 20 A.

RISOLUZIONI 1. 3,144 g . 482.500 C . 2,68 g . 3,049 g . 1h 20min 25sec 6. 1,02 A . 4h 8. 33,6 l

37

Docsity non è ottimizzato per il browser che stai usando. Per una miglior fruizione usa Internet Explorer 9+, Chrome, Firefox o Safari! Scarica Google Chrome