Prepara gli esami con i nostri Tutor Online prova gratis

Il Governo, Appunti di Diritto Costituzionale. Università di Firenze

Diritto Costituzionale

Descrizione: Appunti di diritto costituzionale sul Governo
Mostro le pagine  1  -  2  di  9
La preview di questo documento finisce qui| Per favore o per leggere il documento completo o scaricarlo.
Informazioni sul documento
Caricato da: jacopo
Visite: 1000+
Downloads : 8
Universita: Università di Firenze
Indirizzo: Giurisprudenza
Tags: governo
Data di caricamento: 17/03/2012
Incorpora questo documento nel tuo sito web:
maripaolaaaaa - Università non definita

buono

16/06/12 11:48
Microsoft Word - Governo.doc

***

Secondo l’art. 92, comma 1, Cost.:

“Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei Ministri, che

costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.”

Pertanto:

***

Secondo l’art. 95, comma 3, Cost., la legge provvede all’ordinamento della Presidenza del Consiglio e determina il numero, le attribuzioni e l’organizzazione dei ministeri. La legge 23 agosto 1988, n. 400 disciplina l’attività di Governo e l’ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, come modificato dal decreto legge 12 giugno 2001, n. 217, convertito, con modificazioni, in legge 3 agosto 2001, n. 317, riforma l'organizzazione del Governo determinando, in attuazione della delega disposta con l'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, il numero, le attribuzioni e l’organizzazione dei ministeri.

***

GOVERNO

COMPOSIZIONE

Il Governo è un organo complesso (formato da più organi), composto da un organo collegiale (il Consiglio dei ministri) e da più organi individuali (il Presidente del Consiglio ed i singoli ministri).

Secondo l’art. 2 del d.lgs. n. 300/1999, modificato dal decreto legge 12 giugno 2001, n. 217, convertito, con modificazioni, in legge 3 agosto 2001, n. 317, i ministeri sono i seguenti:

Ministero degli affari esteri; Ministero dell'interno; Ministero della giustizia; Ministero della difesa; Ministero dell'economia e delle finanze; Ministero delle attività produttive; Ministero delle comunicazioni; Ministero delle politiche agricole e forestali;

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio; Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; Ministero del lavoro e delle politiche sociali; Ministero della salute; Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca; Ministero per i beni e le attività culturali.

L’art. 8 della legge n. 400/1988 prevede che il Presidente del Consiglio dei ministri può proporre al Consiglio dei ministri l'attribuzione ad uno o più ministri delle funzioni di Vicepresidente del Consiglio dei ministri. Al Vicepresidente spetta la supplenza del Presidente del Consiglio in caso di sua assenza o impedimento. La nomina del Vicepresidente ha un valore prettamente politico, in quanto è volta a dare maggior rilievo ad uno o più partiti della coalizione che non esprimono la nomina del Presidente del Consiglio. (Esempi al riguardo possono essere ravvisati nella vicepresidenza Fini, e successivamente Follini, durante il II Governo Berlusconi; in quella Mattarella nel I Governo D’Alema; nella vicepresidenza Veltroni durante il Governo Prodi).

Oltre ad i ministri veri e propri, entrano a far parte del Consiglio dei ministri i ministri senza portafoglio, che vengono così definiti poiché essi non fanno capo ad un ministero ma a dipartimenti istituiti presso la Presidenza del Consiglio. I ministri senza portafoglio svolgono le funzioni loro delegate dal Presidente del Consiglio dei ministri, a norma dell’art. 9, commi 1 e 2, della legge n. 400/1988. Nel corso della XIV legislatura sono stati nominati i seguenti ministri senza portafoglio: Ministro per gli affari regionali; Ministro per l’attuazione programma di governo; Ministro per la funzione pubblica; Ministro per l’innovazione e tecnologie;

MINISTERI

VICEPRESIDENTE

MINISTRI SENZA PORTAFOGLIO

Ministro per gli italiani nel mondo; Ministro per le pari opportunità; Ministro per le politiche comunitarie; Ministro per le riforme istituzionali e devoluzione; Ministro per i rapporti con il Parlamento.

Altri organi previsti dalla legge n. 400/1988 sono i Sottosegretari di Stato, i quali coadiuvano un ministro ed esercitano i compiti ad essi delegati. I Sottosegretari sono nominati con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il ministro che il sottosegretario è chiamato a coadiuvare, sentito il Consiglio dei ministri. Secondo il comma 3 dell'articolo 10 della legge n. 400/1988, come modificato dalla legge n. 81/2001, può essere attribuito il titolo di vice ministro a non più di dieci Sottosegretari. Ai vice ministri vengono conferite deleghe relative all'intera area di competenza di una o più strutture dipartimentali ovvero di più direzioni generali. I vice ministri possono essere invitati dal Presidente del Consiglio dei Ministri, d'intesa con il Ministro competente, a partecipare alle sedute del Consiglio dei Ministri, senza diritto di voto, per riferire su argomenti e questioni attinenti alle materie loro delegate.

In base all’art. 6 della legge n. 400/1988 il Presidente del Consiglio dei ministri […] può essere coadiuvato da un Comitato, che prende nome di Consiglio di Gabinetto, ed è composto dai ministri da lui designati, sentito il Consiglio dei ministri. Il Consiglio di Gabinetto – istituito per la prima volta in via di fatto nel 1983 nel Governo Craxi – risponde alle esigenze delle grandi coalizioni di governo che, nell’ambito di una sede decisionale più ristretta rispetto a quella del Consiglio dei ministri, riescono a raggiungere più agevolmente una sintesi politica delle differenti posizioni dei partiti appartenenti alla coalizione. Alle sedute del Consiglio di Gabinetto possono essere invitati anche altri ministri competenti per materia, rendendone meno rigida la partecipazione ed evitando eccessive differenziazioni tra i ministri.

La legge n. 400/1988 prevede l’istituzione di Comitati interministeriali, ossia, comitati costituiti da più ministri e che possono essere integrati anche da funzionari ed esperti. A tali comitati spetta un compito di preparatorio dell’attività del consiglio dei ministri.

CONSIGLIO DI GABINETTO

SOTTOSEGRETARI DI STATO

COMITATI INTERMINISTERIALI E COMITATI DI MINISTRI

Tra i comitati interministeriali si ricordano: il CIPE (Comitato interministeriale programmazione economica); il Consiglio Supremo di difesa (previsto dall’art. 87 Cost.); il Comitato interministeriale per le informazioni e la sicurezza. I comitati di ministri sono anch’essi istituiti dalla legge n. 400/1988 che, all’art. 5, lett. h, affida ad essi il compito di esaminare in via preliminare questioni di comune competenza, di esprimere parere su direttive dell'attività del Governo e su problemi di rilevante importanza da sottoporre al Consiglio dei Ministri.

***

La formazione del Governo avviene seguendo un procedimento tipico.

• Il procedimento di formazione del Governo inizia ogni qual volta il Presidente del Consiglio in carica, a nome dell’intero Governo, presenti le proprie dimissioni e queste vengano accolte dal Presidente della Repubblica, determinando una formale crisi di Governo.

La permanenza in carica di un Governo è legata esclusivamente al perdurare del rapporto di fiducia con il Parlamento e, dunque, non necessariamente coincide con la durata della legislatura.

Il procedimento di formazione del Governo è disciplinato da due diverse tipologie di fonti:

Infatti, le disposizioni costituzionali al riguardo sono molto succinte e si limitano: ad attribuire al Presidente della Repubblica il potere di nomina del Presidente del Consiglio e, su proposta di questo, dei ministri; a prevederne il giuramento e a disciplinare il voto di fiducia. Dunque, tale disciplina riguarda solo la fase finale del procedimento di formazione del Governo, in quanto essa costituisce la fase caratterizzante della forma di governo parlamentare. La regolamentazione delle fasi precedenti è, invece, demandata alle convenzioni costituzionali che sono fonti non scritte.

FORMAZIONE DEL GOVERNO

Il procedimento è costituito da una serie di atti successivi coordinati e diretti alla formazione di un atto finale.

Convenzioni costituzionali Fonti costituzionali

(Art. 92, comma 2, Cost.; art. 93 Cost.; art. 94 Cost.)

Il procedimento suddetto si articola nelle seguenti fasi: Dopo l’apertura della crisi di governo, il Presidente della Repubblica procede alle c.d. consultazioni. Il fine per il quale vengono svolte le consultazioni è quello di individuare la personalità politica a cui conferire l’incarico di formare un Governo che goda della fiducia delle due Camere del Parlamento. Generalmente, il Presidente della Repubblica consulta: le delegazioni di tutte le forze politiche ed in specie i presidenti dei gruppi parlamentari ed i dirigenti relativi partiti; i Presidenti delle due Camere; gli ex Presidenti della Repubblica ed ogni altra personalità dalla quale egli ritenga di poter ricevere indicazioni utili circa le posizioni delle forze politiche in ordine alla formazione del Governo. Vi è da rimarcare che il passaggio da un sistema elettorale proporzionale ad un sistema prevalentemente maggioritario ha avuto delle ripercussioni considerevoli sul procedimento di formazione del Governo. Infatti, mentre in precedenza le consultazioni erano volte ad individuare, in primo luogo, la figura del futuro Presidente del Consiglio ed il Presidente della Repubblica poteva esercitare in tale circostanza una certa discrezionalità, adesso, l’incarico di formare il nuovo Governo viene affidato al leader della coalizione vincitrice delle elezioni politiche. Ciò non toglie che il Presidente della Repubblica possa assumere un ruolo significativo in caso di crisi di governo in corso di legislatura, spettando comunque a lui decidere se esercitare il potere di scioglimento delle Camere (e procedere, così, a nuove elezioni), o invece, nominare un nuovo Governo che egli ritenga in grado di ottenere la fiducia del Parlamento. In casi di particolare difficoltà, dovuta alla mancanza di una chiara maggioranza politica, il Presidente della Repubblica potrebbe affidare ad una personalità politica di rilievo (ad es. uno dei Presidenti delle Camere) un mandato esplorativo, col compito di verificare attraverso consultazioni più ristrette gli orientamenti delle forze politiche. Diversamente, si parla di preincarico qualora il Presidente della Repubblica affidi il compito di svolgere ulteriori consultazioni alla personalità politica che con ogni probabilità riceverà l’incarico di Presidente del Consiglio. Al termine delle consultazioni il Presidente della Repubblica procede al conferimento dell’incarico di Presidente del Consiglio dei ministri. L’incaricato accetta con riserva che verrà sciolta al

Consultazioni:

Mandato esplorativo:

Preincarico:

Incarico:

momento del giuramento e procede ad ulteriori consultazioni di carattere informale volte a definire nei dettagli il programma politico e la composizione del futuro Governo. In base alla disposizione dell’art. 92, comma 2 Cost.: Il Presidente del Consiglio viene nominato con decreto del Presidente della Repubblica che, secondo quanto previsto dall’art. 1, comma 2, della legge n. 400/1988, è controfirmato dal Presidente del Consiglio entrante – e non da quello uscente, come potrebbe fare intendere una interpretazione eccessivamente formalistica – , insieme ai decreti di accettazione delle dimissioni del precedente Governo. In seguito alla nomina del Presidente del Consiglio e dei ministri, il Governo è formato ma non ha ancora assunto le funzioni. Infatti, secondo l’art. 93 Cost.: Il giuramento costituisce, quindi, il momento nel quale il Governo entra in carica. Una volta prestato giuramento, l’art. 94, comma 2, Cost., prevede che:

Nomina del Presidente del Consiglio e dei ministri:

Giuramento:

Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.

Il Presidente del Consiglio dei ministri e i ministri, prima di assumere le funzioni, prestano giuramento nelle mani del Presidente della Repubblica .

Voto di fiducia:

Entro dieci giorni […] il Governo si presenta alle Camere per ottenere la fiducia.

Il Governo presentandosi in Parlamento espone il proprio programma, nel quale vengono indicati gli obiettivi che esso intende realizzare. La fiducia che le Camere accordano al Governo si fonda sulla condivisione del programma di governo che diviene, per tale via, indirizzo politico dello Stato al quale dovrà attenersi l’azione politica del Governo e della relativa maggioranza parlamentare. Il Governo che abbia prestato giuramento ma non abbia ancora ottenuto la fiducia parlamentare è sì un Governo in carica, ma dovrà limitare la sua azione al disbrigo delle questioni che per la loro rilevanza siano ritenute indifferibili, evitando di svolgere funzione di indirizzo politico. In modo analogo, un Governo dimissionario dovrà limitarsi, in attesa della costituzione di un nuovo Governo, al disbrigo degli affari correnti. Tuttavia, i limiti che esso incontra sembrano maggiori di quelli posti ad un Governo in attesa di fiducia, nel presupposto che, quest’ultimo, instaurerà presumibilmente un rapporto fiduciario con il Parlamento. Secondo l’art. 94, comma 1, Cost., la fiducia viene accordata da ciascuna Camera mediante mozione motivata e votata per appello nominale. L’art. 94 Cost., al primo comma, oltre a prevedere le modalità di votazione della fiducia, disciplina in maniera analoga anche la mozione di sfiducia, per la quale, l’ultimo comma dello stesso articolo aggiunge che essa deve essere sottoscritta da almeno un decimo dei componenti della Camera e non può essere discussa prima di tre giorni dalla sua presentazione. L’approvazione di una mozione di sfiducia comporta l’obbligo giuridico per il Governo di dimettersi. Diversamente, il voto contrario del Parlamento su un singolo atto di iniziativa del Governo non determina le dimissioni dello stesso. Diversa dalla mozione di sfiducia è la questione di fiducia che, pur non essendo esplicitamente prevista dalla nostra Costituzione, è uno strumento largamente utilizzato dal Governo. La disciplina della questione di fiducia è dettata dai regolamenti parlamentari (art. 116 reg. Camera dei Deputati e art. 161 reg. Senato).

Mozione di fiducia:

Mozione di sfiducia:

Questione di fiducia:

Governo in attesa di fiducia:

Il Governo tramite l’apposizione della questione di fiducia dichiara che un determinato disegno di legge è ritenuto di fondamentale importanza per la realizzazione del proprio indirizzo politico e che in caso di sua mancata approvazione procederà a dimettersi.

Docsity non è ottimizzato per il browser che stai usando. Per una miglior fruizione usa Internet Explorer 9+, Chrome, Firefox o Safari! Scarica Google Chrome