Prepara gli esami con i nostri Tutor Online prova gratis

La prima guerra mondiale - Interventisti e neutralisti [Scheda d'approfondimento], Schemi riassuntivi di Storia. Università non definita

Storia

Materie simili: Storia Americana, Storia Angloamericana, Storia Cinese, Storia Contemporanea, Storia Dei Media, Storia Dei Rapporti Tra Stato E Chiesa, Storia Dei Trattati E Politica Internazionale, Storia Del Cinema, Storia Del Cinema Americano, Storia Del Costituzionalismo Europeo, Storia Del Costume, Storia Del Diritto, Storia Del Diritto Canonico, Storia Del Diritto Italiano, Storia Del Diritto Medievale E Moderno, Storia Del Diritto Medievale E Moderno II, Storia Del Diritto Moderno E Contemporaneo, Storia Del Diritto Privato Romano, Storia Del Diritto Romano, Storia Del Pensiero Economico, Storia del Pensiero Giuridico, Storia Del Pensiero Politico, Storia Del Pensiero Sociologico, Storia del Teatro e dello Spettacolo, Storia Dell'architettura, Storia Dell'architettura Contemporanea, Storia Dell'architettura Contemporanea II, Storia Dell'architettura I, Storia Dell'arte, Storia dell'Asia, Storia Dell'economia, Storia dell'Europa Orientale, Storia Dell'industria, Storia Dell'industria Europea, Storia Della Codificazione, Storia Della Costituzione Romana, Storia Della Cultura Giuridica Europea, Storia Della Filosofia, Storia Della Fisica E Della Tecnologia Moderna, Storia della Formazione, Storia Della Giustizia, Storia Della Letteratura Greca, Storia Della Medicina, Storia Della Musica Moderna E Contemporanea, Storia Della Pedagogia, Storia Della Psicologia, Storia Della Radio E Della Televisione, Storia Delle Codificazione Moderne, Storia Delle Codificazioni Moderne, Storia Delle Comunicazioni Di Massa
Descrizione: La prima guerra mondiale - Interventisti e neutralisti [Scheda d'approfondimento]
Mostro le pagine  1  -  3  di  3
1
STORIA
La prima guerra mondiale
In questo periodo abbiamo Salandra (liberale conservatore) a capo del governo (GOVERNO
SALANDRA).
Sonnino è ministro degli esteri.
INTERVENTISTI:
-di sinistra:
Irredentisti democratici (vogliono liberare il Parte moderata: la prima
paese dal dominio straniero, e riportare Trento gm è da loro considerata
e Trieste all’Italia). Cesare Battisti (socialista) e Come la 4° guerra di
Gaetano Salvemini. indipendenza per recupera
Socialisti riformisti (Bissolati) re i paesi ancora sotto il
dominio Austro-Ungarico
Radicali repubblicani(seguono il pensiero di Mazzini e
Garibaldi)
Sindacalisti rivoluzionari (radicali): Labriola e Corridoni che sostenevano che dalla
guerra dovesse venire una rivoluzione sociale.
Mussolini: abbandona le motivazioni socialiste e si schiera per l’intervento.
-di destra:
Liberali conservatori (legati a certi ambienti della grande industria che cercavano
l’espansione dell’influenza italiana nei Balcani) Salandra e Sonnino.
Nazionalisti, sono il punto di forza dello schieramento interventista;(legati agli
interessi della grande industria, per loro l’Italia doveva conquistarsi un ruolo di
grande potenza D’Annunzio, Papini, Prezzolini.
NEUTRALISTI
Cattolici (contrari all’intervento per motivazioni morali e preoccupati di dover fare
guerra all’Austria, paese molto cattolico).
Socialisti del PSI
Liberali giolittiani (la guerra avrebbe provocato sconvolgimenti e, sarebbe stato
possibile ottenere molto da entrambi i contendenti in cambio della neutralità; quindi
per tutelare la posizione dell’Italia nei Balcani, si sarebbe dovuto fare un accordo con
l’Austria).
In Italia si ha uno scontro tra interventisti e neutralisti.
Il Governo stringe un accordo segreto con Londra (patto di Londra): l’Italia si impegna ad
intervenire (a fianco della Triplice Intesa) entro 1 mese in cambio della concessione di molti territori
al momento della vittoria.
2
Il parlamento non avrebbe fatto passare il patto, ma i nazionalisti organizzano molte violente
manifestazioni di piazza (radiose giornate di maggio) che costringono il parlamento ad accettare il
patto.
Vittorio Emanuele III° è favorevole all’intervento perché riteneva la guerra funzionale agli interessi
italiani, anche per calmare i conflitti sociali, sempre più violenti.
LA PRIMA GUERRA MONDIALE
1. fronte occidentale: blocco navale, gli inglesi non riforniscono il continente.
Controblocco navale tedesco
La nave Lusitania inglese viene affondata
2. fronte orientale: sconfitte russe in Galizia e Polonia.
3. fronte meridionale: entrata in guerra della Bulgaria con gli Imperi Centrali.
La Serbia viene invasa ed esce dal conflitto.
Il 24 maggio 1915 l’Italia entra in guerra contro l’Austria.
1916
fronte occidentale:
-offensiva tedesca agli anglo - francesi (battaglia di Verdun, che non porta nessun risultato per
nessuno).
-controffensiva anglo - francese sul fiume Somme (utilizzo carri armati).
fronte meridionale:
- spedizione punitiva austriaca contro l’Italia in Trentino.
-controffensiva italiana sull’Isonzo, presa di Gorizia.
Politica interna:
viene creato un ministero di unità nazionale (Ministero Boselli) in cui le varie forze politiche
superano le varie divergenze perché c’è una situazione di emergenza (la guerra)
Nel 1916 l’Italia dichiara guerra alla Germania.
fronte orientale
-offensiva russa.
-La Romania, paese dell’area balcanica, entra in guerra a fianco dell’Intesa.
- Gli Imperi centrali e i suoi alleati invadono la Romania.
Battaglia navale anglo - tedesca (nello Jutland, in Danimarca).
La battaglia è vinta dai tedeschi, ma questi ultimi hanno talmente tante perdite che sembra quasi una
sconfitta.
1917
Guerra sottomarina: i tedeschi colpivano le navi che avevano rapporti con l’Inghilterra
(affondamento Lusitania), gli Stati Uniti si alleano con la Triplice Intesa.
La Russia è molto indebolita dal punto di vista economico, finanziario e militare (molteplici episodi
di diserzione)
Si scatena la rivoluzione di febbraio, per noi marzo, con carattere liberale, che causa l’abdicazione
dello zar Nicola II Ròmanov.
Si ha la fine del regime zarista e rivoluzionari instaurano la repubblica e la Russia esce dal conflitto.
A fianco dell’Intesa entrano USA, Grecia, Cina e Brasile.
3
La Francia si trova in difficoltà economiche a causa dell’inflazione: il malcontento dei soldati causa
ammutinamenti al fronte e sommarie condanne a morte, quindi dura repressione.
Viene creato il governo Clemenceau (radicale, democratico repubblicano).
In Inghilterra viene creato il governo Lloyd George (liberale).
In Italia ci sono manifestazioni popolari pacifiste.
24 ottobre 1917 Disfatta o rotta di Caporetto: gli Imperi Centrali invadono la Pianura padana, si
ha la resistenza dell’esercito italiano sul monte Grappa e sul fiume Piave.
In ottobre si hanno, però, manifestazioni di protesta causate da insoddisfazione.
Vittorio Emanuele Orlando crea un nuovo governo liberale.
Armando Diaz sostituisce Cadorna alla guida dell’esercito. Il nuovo capo risolleva il morale dei
soldati facendo delle promesse, di ottenere delle terre proprie, che poi non verranno mantenute.
Rivoluzione russa d’ottobre (per noi novembre)
Con un colpo di stato i bolsceviti (comunisti) si impadroniscono del potere.
Si ha il governo bolscevico di Lenin.
Il capo militare comunista è Trotzkij.
Kerenskit è sconfitto dalla rivoluzione, il suo governo è sciolto e lui è costretto all’esilio.
I bolsceviti firmano l’armistizio con gli anglo - tedeschi e la Russia esce dal conflitto
ARMISTIZIO: atto preliminare che sancisce il blocco del combattimento.
1918
(In questo anno abbiamo l’intervento militare degli USA, che fino a quel momento si erano limitati al
sostegno materiale a Francia e Inghilterra).
Pace di Brest - Litovsk tra Germania e Russia
Pace di Bucarest tra Imperi Centrali e Romania
Fronte occidentale
-offensiva tedesca sulla Marna
-controffensiva vittoriosa degli anglo - francesi con l’aiuto degli USA.
In settembre abbiamo la resa della Bulgaria
In ottobre la Turchia è smembrata.
Fine dell’Impero Austro - Ungarico, da cui nascono Jugoslavia e Cecoslovacchia.
Offensiva vittoriosa dell’Italia a Vittorio Veneto.
Novembre: armistizio di Villa Giusti tra Italia e Austria.
Fine dell’Impero (reich) tedesco: causato dall’insurrezione comunista (Lega di Spartaco) a Berlino;
proclamazione della repubblica a Weimar, con governo Ebert (social - democratico).
Armistizio di Rethondes tra Germania e Anglo - Francesi in novembre.
La preview di questo documento finisce qui| Per favore o per leggere il documento completo o scaricarlo.
Informazioni sul documento
Caricato da: Alberto
Visite: 22407
Downloads : 41
Indirizzo:
Universita: Università non definita
Materia: Storia
Data di caricamento: 25/06/2010
Incorpora questo documento nel tuo sito web:
Docsity non è ottimizzato per il browser che stai usando. Per una miglior fruizione usa Internet Explorer 9+, Chrome, Firefox o Safari! Scarica Google Chrome