Prepara gli esami con i nostri Tutor Online prova gratis

RIASSUNTO DI CIPI mario lodi, Sintesi di Letteratura Italiana. Università Suor Orsola Benincasa-Napoli

Letteratura Italiana

Descrizione: Riassunto libro Cipì
Mostro le pagine  1  -  2  di  2
RIASSUNTO:CIPI’
2. C’era una volta un piccolo paese disteso nel verde e al sole: nel paese c’era un palazzo
alto, alto e sul tetto una passera covava le sue tre uova. Nacquero tre uccellini, il più
birichino si chiamava “Cipì”.
3. Cipì voleva scoprire subito il mondo ma mamma passera disse che era troppo piccolo e
che quando sarebbe stato più grande avrebbero visto tutto: la palla di fuoco, il nastro
d’argento, la pianta …
4. Cipì, curioso, chiese che cosa fossero e Mamì spiegò che erano loro amici.La “pianta”è
l’albero dove gli uccellini possono riposare dopo un lungo volo, “palla di fuoco” è il sole,
che riscalda e dà la luce, il “nastro d’argento”è il fiume, dove gli uccellini posson bere e
specchiarsi.
5. Cipì curiosava sul bordo del comignolo e alla fine ci cadde dentro. Cascò nella cenere del
camino, poi cercò di fuggire attraverso la finestra, ma era chiusa e batté contro il vetro. Un
bambino lo prese, gli strinse un filo alla zampa e lo portò in giardino.
6. I bambini lo chiusero in gabbia, lo ingozzarono di cibo, gli legarono un filo alla zampa, lo
fecero correre in cortile. Cipì beccò, con forza, la mano del bambino che, lasciò andare la
corda, si liberò e volò dalla sua mamma.
7. Quando Cipì e i fratelli impararono a volare, mamma passera li portò alla scoperta del
mondo; li portò a vedere cosa c’era sotto il tetto dove erano nati. Videro il ciliegio fiorito, le
api e il nastro d’argento.
8. Cipì andò a fare il bagno al fiume e fece amicizia con una margherita di nome “Margherì”
che gli disse: ” Io sto in mezzo all’erba e vedo passare la biscia che va a caccia di
ranocchie”. Cipì, allora, le domandò: ” Cos’è una biscia?”.Rispose Margherì: ” E’ un
animale senza ali e senza zampe che striscia fra l’erba”.
9. Cipì vide il gatto che fingeva di dormire e si avvicinò a lui per osservarlo meglio. Ma il
gatto si alzò di scatto, tirò fuori gli artigli ed afferrò Cipì per la coda. Cipì si liberò dagli
artigli e volò verso il suo nido.
10. Un giorno Cipì incontrò un altro pericolo: l’uomo con il “tubo luccicante”. Infatti,
mentre mangiava i chicchi gialli arrivò l’uomo con il fucile, che sparò ad una sua amica di
nome “Passerì” e la ferì ad un’ala.
11. Cipì trascinò Passerì al riparo dietro un cespuglio; passò giorni e giorni a prendersi cura
di Passerì; le portò acqua, chicchi, piccoli insetti e l’imbocco con pazienza.
12. Finalmente Passerì guarì. Era estate ed i due uccellini si accorsero che stare insieme li
rendeva tanto felici.
13. Decisero di costruirsi una casetta di piume, un nido. Costruirono il nido sullo stesso tetto
dove era nato Cipì, proprio sullo spigolo del tetto dove c’era una tegola libera.
14. Una mattina scoppiò la guerra fra le nuvole. Molti passeri si lasciarono prendere dalla
paura e scapparono verso il bosco per mettersi in salvo ma vennero uccisi dalla grandine.
Alla fine spuntò l’arcobaleno in segno di pace.
15. Passerì depose tre uova e ai primi di settembre si schiusero. Cipì volò, di luogo in luogo,
per manifestare la sua gioia ma trovò Margherì morente. L’uomo aveva tagliato, con la
falce, l’erba. Margherì morì e Cipì si addolorò insieme al sole, alle nuvole, al vento, al
nastro d'argento e agli altri amici del fiorellino poeta.
16. Cipì e Passerì ricevettero in visita le mamme passere del tetto. La prima ad arrivare fu
Mamì. I piccoli sapevano già dire:pipì,pipà, piopio… e sgusciavano birichini sotto le ali
della mamma che rispondeva alle loro chiamate con amorosa pazienza.
17. Arrivò l’autunno e palla di fuoco stava male. Le rondini partirono. Il vento litigava con
le foglie e con le nuvole. La campagna era muta, morta. La vita dei passeri divenne più
difficile.
18. Arrivò l’inverno e le farfallette bianche, sempre più fitte, coprirono la terra. I passeri
avevano sempre più fame.
19. L’uomo, con l’inganno, catturò e uccise tanti giovani passeri che, non avevano saputo
resistere alla fame ed erano andati a mangiare i semi nella gabbia.
20. Cipì trovò la porta di un pollaio socchiusa: c’era cibo per tutti ma era una trappola
dell’uomo. Cipì escogitò un piano: mandò nel pollaio solo due passeri alla volta. Alla fine,
però, un passero, purtroppo, rimane ucciso.
21. Chiccolaggiù trovò dell’altro cibo ma anche questa era una trappola dell’uomo. Durante
l’inverno morirono quasi la metà dei passeri del tetto e l’unico che ne gioiva era l’animale
baffuto.
22. . Cipì vide due scintille che si allargavano come raggi di sole. Passerì gli spiegò che si
trattava del Signore della notte: era un vecchio saggio, aveva il becco uncinato, mangiava i
raggi della luna, aiutava i passeri, Disdegnava la luce del mondo. Cipì voleva scoprire il
mistero
23. Cipì interrogò i passeri del tetto e scoprì che alcuni passeretti se ne erano andati, di
notte, per seguire due stelline e non erano più ritornati. I figli di Chiccolaggiù invece non
scappavano perché lei aveva insegnato loro a stare alla larga da chi viveva nell’ombra.
24. Cipì vide due stelline parlanti che cambiavano colore e invitavano i passeretti a seguirle.
Passerì si accorse che non si tratta di due stelline ma degli occhi del signore della notte, che
riuscì a catturare due passeretti che avevano creduto al suo inganno.
25. Chiccolaggiù e Cippicippi erano disperate perché i loro figli erano spariti. Cipì decise di
riunire tutti i passeri del tetto in assemblea per svelare l’inganno del signore della notte.
26. Cipì raccontò ai passeri tutto quello che aveva visto ma alcuni non gli credettero.
Scoppiò un litigio fra tutti i passeri del tetto e Cipì si allontanò con i suoi amici.
27. Cipì, con i suoi figli, visitò vari luoghi abitati da passeri. Al castello antico c’erano
addirittura due signori della notte e Cipì rivelò alle mamme che erano assassini. Per questo
venne aggredito da un passero che non gli credette.
28. Cipì e Passerì cercarono le prove che il signore della notte era un assassino. Chiesero
aiuto alla luna, al sole e ad una nuvola, ma tutti gli risposero di no. Infine implorarono le
prove al vento, che promise di aiutarli.
29. Arrivò la primavera e il vento si ricordò della promessa fatta a Cipì.
30. Entrò violentemente dentro la tana del signore della notte e spazzò via gli ossicini e le
piume dei passeri. I passeri si convinsero che Cipì aveva ragione. Cipì propose un piano per
scacciare il mostro: nessuno doveva più seguire le sue stelline. Infine, la dodicesima notte,
sfinito dalla fame, il mostro se ne andò.
31. I passeri del tetto organizzarono una grande festa in onore di Cipì e Passerì. Mamì era
orgogliosa di suo figlio e gli disse di restare sempre così: buono, generoso, vivace e per
niente superbo. Cipì e Passerì vissero liberi e felici e insegnarono ai loro figli ad essere
laboriosi, buoni e coraggiosi.
32. Grazie Cipì Per averci insegnato… … ad ascoltare i consigli dei genitori … ad amare la
natura … ad essere attenti e prudenti … ad aiutare chi soffre … a non aver paura … a non
litigare ...ad essere coraggiosi … ad essere sinceri e leali … ad essere decisi e giusti.
La preview di questo documento finisce qui| Per favore o per leggere il documento completo o scaricarlo.
Informazioni sul documento
Caricato da: coccodrillina82
Visite: 40816
Downloads : 23
Indirizzo:
Universita: Università Suor Orsola Benincasa-Napoli
Data di caricamento: 19/03/2013
Incorpora questo documento nel tuo sito web:
sabrinalanzilli1 - Università del Salento (UNISA)

Grazie

03/04/16 15:18
Docsity non è ottimizzato per il browser che stai usando. Per una miglior fruizione usa Internet Explorer 9+, Chrome, Firefox o Safari! Scarica Google Chrome