Prepara gli esami con i nostri Tutor Online prova gratis

TFUE - Trattato sul Funzionamento dell'UE, Dispense di Diritto Dell'unione Europea. Università di Trieste

Diritto Dell'unione Europea

Descrizione: TFUE testo integrale aggiornato
Mostro le pagine  1  -  4  di  153
VERSIONE CONSOLIDATA
DEL
TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL'UNIONE
EUROPEA
9.5.2008 IT Gazzetta ufficiale dellUnione europea C 115/47
PREAMBOLO
SUA MAESTÀ IL RE DEI BELGI, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA, IL PRESIDENTE DELLA
REPUBBLICA FRANCESE, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, SUA ALTEZZA REALE LA GRANDUCHESSA
DEL LUSSEMBURGO, SUA MAESTÀ LA REGINA DEI PAESI BASSI (1),
DETERMINATI a porre le fondamenta di un'unione sempre più stretta fra i popoli europei,
DECISI ad assicurare mediante un'azione comune il progresso economico e sociale dei loro Stati,
eliminando le barriere che dividono l'Europa,
ASSEGNANDO ai loro sforzi per scopo essenziale il miglioramento costante delle condizioni di vita e di
occupazione dei loro popoli,
RICONOSCENDO che l'eliminazione degli ostacoli esistenti impone un'azione concertata intesa a
garantire la stabilità nell'espansione, l'equilibrio negli scambi e la lealtà nella concorrenza,
SOLLECITI di rafforzare l'unità delle loro economie e di assicurarne lo sviluppo armonioso riducendo le
disparità fra le differenti regioni e il ritardo di quelle meno favorite,
DESIDEROSI di contribuire, grazie a una politica commerciale comune, alla soppressione progressiva
delle restrizioni agli scambi internazionali,
NELL'INTENTO di confermare la solidarietà che lega l'Europa ai paesi d'oltremare e desiderando assicurare
lo sviluppo della loro prosperità conformemente ai principi dello statuto delle Nazioni Unite,
RISOLUTI a rafforzare, mediante la costituzione di questo complesso di risorse, le difese della pace e
della libertà e facendo appello agli altri popoli d'Europa, animati dallo stesso ideale, perché si associno
al loro sforzo,
DETERMINATI a promuovere lo sviluppo del massimo livello possibile di conoscenza nelle popolazioni
attraverso un ampio accesso all'istruzione e attraverso l'aggiornamento costante,
HANNO DESIGNATO a questo effetto come plenipotenziari:
(elenco dei plenipotenziari non riprodotto)
I QUALI, dopo avere scambiato i loro pieni poteri, riconosciuti in buona e debita forma, hanno
convenuto le disposizioni che seguono.
9.5.2008 IT Gazzetta ufficiale dellUnione europea C 115/49
(1) Successivamente sono divenuti membri dell'Unione europea la Repubblica di Bulgaria, la Repubblica ceca, il Regno di
Danimarca, la Repubblica di Estonia, la Repubblica ellenica, il Regno di Spagna, l'Irlanda, la Repubblica di Cipro, la
Repubblica di Lettonia, la Repubblica di Lituania, la Repubblica di Ungheria, la Repubblica di Malta, la Repubblica
d'Austria, la Repubblica di Polonia, la Repubblica portoghese, la Romania, la Repubblica di Slovenia, la Repubblica
slovacca, la Repubblica di Finlandia, il Regno di Svezia e il Regno Unito di Gran Bretagna e d'Irlanda del Nord.
PARTE PRIMA
PRINCIPI
Articolo 1
1. Il presente trattato organizza il funzionamento dell'Unione e determina i settori, la
delimitazione e le modalità d'esercizio delle sue competenze.
2. Il presente trattato e il trattato sull'Unione europea costituiscono i trattati su cui è fondata
l'Unione. I due trattati, che hanno lo stesso valore giuridico, sono denominati «i trattati».
TITOLO I
CATEGORIE E SETTORI DI COMPETENZA DELL'UNIONE
Articolo 2
1. Quando i trattati attribuiscono all'Unione una competenza esclusiva in un determinato settore,
solo l'Unione può legiferare e adottare atti giuridicamente vincolanti. Gli Stati membri possono farlo
autonomamente solo se autorizzati dall'Unione oppure per dare attuazione agli atti dell'Unione.
2. Quando i trattati attribuiscono all'Unione una competenza concorrente con quella degli Stati
membri in un determinato settore, l'Unione e gli Stati membri possono legiferare e adottare atti
giuridicamente vincolanti in tale settore. Gli Stati membri esercitano la loro competenza nella misura
in cui l'Unione non ha esercitato la propria. Gli Stati membri esercitano nuovamente la loro
competenza nella misura in cui l'Unione ha deciso di cessare di esercitare la propria.
3. Gli Stati membri coordinano le loro politiche economiche e occupazionali secondo le modalità
previste dal presente trattato, la definizione delle quali è di competenza dell'Unione.
4. L'Unione ha competenza, conformemente alle disposizioni del trattato sull'Unione europea, per
definire e attuare una politica estera e di sicurezza comune, compresa la definizione progressiva di una
politica di difesa comune.
5. In taluni settori e alle condizioni previste dai trattati, l'Unione ha competenza per svolgere
azioni intese a sostenere, coordinare o completare l'azione degli Stati membri, senza tuttavia sostituirsi
alla loro competenza in tali settori.
Gli atti giuridicamente vincolanti dell'Unione adottati in base a disposizioni dei trattati relative a tali
settori non possono comportare un'armonizzazione delle disposizioni legislative e regolamentari degli
Stati membri.
6. La portata e le modalità d'esercizio delle competenze dell'Unione sono determinate dalle
disposizioni dei trattati relative a ciascun settore.
C 115/50 IT Gazzetta ufficiale dellUnione europea 9.5.2008
La preview di questo documento finisce qui| Per favore o per leggere il documento completo o scaricarlo.
Informazioni sul documento
Caricato da: dafunk
Visite: 19272
Downloads : 14
Indirizzo:
Universita: Università di Trieste
Data di caricamento: 23/03/2013
Incorpora questo documento nel tuo sito web:
Docsity non è ottimizzato per il browser che stai usando. Per una miglior fruizione usa Internet Explorer 9+, Chrome, Firefox o Safari! Scarica Google Chrome