Il fabbisogno finanziario, Appunti di Economia Aziendale. Università di Roma La Sapienza
sa.parrello1
sa.parrello125 marzo 2013

Il fabbisogno finanziario, Appunti di Economia Aziendale. Università di Roma La Sapienza

DOCX (17 KB)
2 pagine
1000+Numero di visite
Descrizione
definizione
20punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima2 pagine / 2
Scarica il documento

Il fabbisogno finanziario di un'azienda esprime la quantità di mezzi monetari di cui l'azienda necessita per l'acquisto dei fattori produttivi che consentono lo svolgimento dell'attività produttiva. Tale fabbisogno deriva dal fatto che gli investimenti di mezzi monetari per l'acquisto dei fattori produttivi precedono, generalmente, la realizzazione e la vendita del prodotto, con il conseguente recupero dei mezzi monetari impiegati. E' dunque lo sfasamento temporale tra investimenti e recuperi che fa sorgere il fabbisogno finanziario dell'azienda. Quest'ultima, per ottenere i mezzi monetari necessari allo svolgimento dell'attività produttiva, fa ricorso ad opportune fonti di finanziamento. Esse sono costituite dai finanziamenti con capitale di proprietà e da quelli con capitale di credito (o di terzi). Il capitale di proprietà è destinato a rimanere nell'azienda per un periodo di tempo illimitato, dal momento che non è prevista una data per il rimborso. Esso è formato dal:

• capitale di conferimento, che comprende i mezzi monetari apportati dall'imprenditore o dai soci al momento costitutivo dell'azienda ed in seguito per ampliarne l'attività,

• e dall'autofinanziamento, cioè dagli utili conseguiti ma non prelevati dall'imprenditore o non distribuiti tra i soci.

Il capitale di conferimento è anche denominato capitale di rischio, in quanto è soggetto al rischio d'impresa: esso cioè può accrescersi e produrre un buon rendimento se l'azienda ha un andamento positivo, ma può ridursi o annullarsi se l'andamento dell'azienda è negativo. L'autofinanziamento, invece, consente di aumentare i mezzi monetari di cui possono disporre l'imprenditore o i soci. Una oculata politica di autofinanziamento è molto importante per il buon andamento dell'attività aziendale. Innanzitutto, l'autofinanziamento rafforza le potenzialità finanziarie dell'azienda, con una conseguente minore esigenza di contrarre debiti, di finanziarsi con il capitale di terzi. Nella descrizione ideale di una azienda un punto fondamentale è costituito proprio dal fatto di finanziarsi con il capitale proprio, ed in particolar modo con i mezzi monetari realizzati e non prelevati dall'imprenditore o non distribuiti tra i soci. Questa autonomia finanziaria si traduce anche in una maggiore tranquillità nella gestione dell'azienda e con minori costi durante la gestione stessa, altrimenti sostenuti per i finanziamenti con capitali di credito (interessi). La possibilità di autofinanziarsi è quindi per

l'azienda un elemento di autonomia e sicurezza. Analizzando il capitale di credito, invece, una prima distinzione può essere fatta con riferimento alla scadenza dei debiti contratti dall'azienda. In tal caso si distinguono i debiti a breve termine, con scadenza entro un anno, quelli a medio termine, con scadenza compresa tra uno e cinque anni, e quelli a lungo termine, con scad Continua »

commenti (0)
non sono stati rilasciati commenti
scrivi tu il primo!
Scarica il documento