Sunto lezioni su Atti di Polizia Giudiziaria - Libro Robuffo, Sintesi di Diritto Di Procedura Penale. Università Cattolica del Sacro Cuore - Milano
marcovero
marcovero17 luglio 2011

Sunto lezioni su Atti di Polizia Giudiziaria - Libro Robuffo, Sintesi di Diritto Di Procedura Penale. Università Cattolica del Sacro Cuore - Milano

PDF (4 MB)
609 pagine
50Numero di download
1000+Numero di visite
100%su 26 votiNumero di voti
30Numero di commenti
Descrizione
Riassunto dell'esame di Diritto Di Procedura. Il libro usato al corso è Atti di Polizia Giudiziaria di Robuffo
40punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 609
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 609 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 609 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 609 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 609 totali
Scarica il documento
Atti di Polizia Giudiziaria

Basilio Buzzanca Fausto De Santis

Atti di Polizia Giudiziaria

guida pratica

tredicesima edizione

Laurus Robuffo

www.LaurusRobuffo.it

Laurus Robuffo 00119 Roma Via della Macchiarella, 146 Telefono +39 06 565 1492 Telefax +39 06 565 1233 www.LaurusRobuffo.it Post@LaurusRobuffo.it

© Laurus Robuffo, 2003

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), sono riservati per tutti i paesi.

L’editore potrà concedere a pagamento l’autorizzazione a riprodurre parte del presente volume. Le richieste di riproduzione vanno inoltrate alla casa editrice telefonando al numero +39 06 565 1492, oppure inviando un telefax al numero +39 06 565 1233

Presentazione

Il codice di procedura penale ha attribuito alla Polizia Giudiziaria la qualità di soggetto processuale collocando, non senza motivo, le norme che la riguardano nel primo libro, immediatamente dopo quelle relative al Pubblico Ministero, sottolineando chiaramente lo stretto legame che intercorre tra P.M. e PG in relazione allo svolgimento delle indagini quale punto cardine del processo secondo il nuovo rito.

Chiunque abbia esperienze di processi ben conosce l’importanza che hanno le indagini di PG, specie quelle iniziali, in relazione a tutto il suc- cessivo andamento dell’iter processuale. Ne consegue che acquista note- vole importanza un manuale che aiuti a trasferire «sub specie iuris» l’at- tività della PG che, per avere rilevanza e valenza processuale, deve esse- re svolta nel preciso e puntuale rispetto delle norme di procedura.

Il presente manuale, che è aggiornato con le più recenti modifiche normative, può sicuramente ritenersi un valido sussidio sia per gli opera- tori pratici sia, anche per quanti vogliano risalire ai concetti teorici che stanno alla base dei singoli istituti procedurali.

Di massima utilità è il formulario della seconda parte del volume i cui modelli, preceduti da un quadro giuridico di riferimento aggiornato con le più recenti innovazioni normative ed anch’essi aggiornati, consen- tono la redazione di atti sempre conformi a tutte le vigenti disposizioni di legge.

Se si tiene presente, infine che non tutte le norme penali sia sostan- ziali che procedurali trovano collocazione nei rispettivi codici, avendo il legislatore inserito tali disposizioni in altri testi normativi, ben si potrà apprezzare l’utilità di un testo che svolga questa indispensabile opera di coordinamento.

Febbraio 2003

DOTT. FAUSTO DE SANTIS Magistrato di Cassazione f.d.s.

Abbreviazioni

A.G. Autorità Giudiziaria art. artt. Articolo, articoli

att. Norme di attuazione c.c. codice civile

c.civ. codice civile c. cass. corte cassazione

CED Centro elaborazione dati della P.S. C.F. codice fiscale

Cost. Costituzione CP codice penale c.p. codice penale

c.p.c. codice procedura civile CPP codice di procedura penale

c.p.p. codice procedura penale c.s. codice della strada

D.L. Decreto Legge D.L.vo Decreto Legislativo

D.M. Decreto Ministeriale D.P.R. Decreto Presidente della Repubblica G.I.P. Giudice per le indagini preliminari G.U. Gazzetta Ufficiale

G.U.P. Giudice dell’udienza preliminare L.I. Legge n.a. norme di attuazione al

Codice di Procedura Penale M.I. Ministero dell’lnterno P.G. Polizia Giudiziaria P.M. Pubblico Ministero P.S. Pubblica Sicurezza

R.D. Regio Decreto S.D.I. Sistema di indagine

SIRENE Supplementary Information at the Nationale Entry S.I.S. Sistema di Informazione Schengen

TULPS Testo Unico delle Leggi di P.S. T.U. STUP. Testo Unico Stupefacenti

I numeri privi di indicazione si riferiscono al Codice di Procedura Penale

Indice sommario

Premessa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

PARTE PRIMA

Processo Penale e Atti di PG

CAPITOLO PRIMO Processo Penale e soggetti

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Diritto processuale penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3. Caratteristiche della vigente normativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4. Lineamenti del processo penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. Soggetti e parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Imputato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Persona offesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.1. Informazione di garanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6. Soggetti secondari e parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO SECONDO Giudice e competenza

1. Istituzione del giudice unico di primo grado . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Nozione e distinzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3. Giudici ordinari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3.1. Giudice di pace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1.1 Riforma del giudice di pace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1.2 Procedimento penale dinanzi al giudice di pace . . . . . .

3.2. Pretore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3 Tribunale ordinario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3.3.1 Giudici onorari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3.2 Tribunale ordinario provinciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3.3 Tribunale ordinario del capoluogo di distretto di

Corte d’appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4. Tribunale per i minorenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.5. Corte d’assise . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.6. Corte d’appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.7. Corte d’assise d’appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8. Corte di cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3.9. Costituzione del giudice e incompatibilità . . . . . . . . . . . . . . 3.10.Astensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.11. Ricusazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.12. Rimessione di procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4. Competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. Competenza per materia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5.1. Competenza della Corte d’assise . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2. Competenza del pretore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.3. Competenza del giudice di pace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) competenza civile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) competenza penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5.4 Competenza del tribunale ordinario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.4.1 Competenze particolari del tribunale ordinario . . . . . . 5.4.2 Tribunale ordinario in composizione collegiale e mono-

cratica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Tribunale in composizione monocratica . . . . . . . . . . . . . . b) Tribunale in composizione collegiale . . . . . . . . . . . . . . . . .

5.5 Competenza del tribunale per i minorenni . . . . . . . . . . . . . . 6. Competenza per territorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7. Deroghe sulla competenza territoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7.1. Procedimenti riguardanti i magistrati . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2. Reati in materia di violazioni finanziarie . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) assegni bancari e postali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3. Reati in tema di operazioni di borsa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.4. Reati commessi a mezzo di rappresentazione cinematografica,

teatrale o televisiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.5. Reati commessi a bordo di navi o aeromobili . . . . . . . . . . . . .

8. Competenza funzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9. Competenza per connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9.1. Connessione di procedimenti di giudici ordinari e speciali . . a) Limiti alla connessione di reati commessi da minorenni . . . . . . b) Competenza per materia determinata dalla connessione . . . . . c) Competenza per territorio determinata dalla connessione . . . .

10. Riunione e separazione di processi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.1. Riunione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.2. Separazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11. Difetto di giurisdizione e incompetenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12. Conflitti di giurisdizione e di competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO TERZO Pubblico Ministero

1. Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Attività del P.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3. Importanti poteri del P.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4. Organi del Pubblico Ministero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4.1. Novità introdotte con l’istituzione del giudice unico di 1° grado 4.2. Uffici del P.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) nelle indagini preliminari e nei procedimenti di primo grado b) nei casi di avocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) nei giudizi di impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5. Organizzazione degli uffici del P.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.1. Astensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2. Avocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.3. Delegazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO QUARTO Polizia Giudiziaria

1. Soggetto processuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3. Ufficiali e agenti di P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4. Servizi e Sezioni di Polizia Giudiziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. Disponibilità della Polizia giudiziaria e coordinamento . . . . . . . .

5.1. Direzione Investigativa Antimafia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2. Poteri della D.I.A. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.3. Causa speciale di non punibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6. Subordinazione della P. G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7. Sanzioni disciplinari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8. Ausiliari di P. G. - persone idonee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO QUINTO Attività ad iniziativa della P.G.

1. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Atti di iniziativa della P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3. Reati di competenza del Giudice di pace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO SESTO Difensore

1. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.1. Difensore d’ufficio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2. Patrocinio a spese dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3. Albo dei difensori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4. Investigazioni difensive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.4.1 Attività investigativa del difensore . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4.2 Attività preventiva di indagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4.3 Attività integrativa di indagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.4.4 Fascicolo del difensore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.4.5 Utilizzabilità degli atti di indagine del difensore . . . . . . 2.4.6 Nuove ipotesi di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.5. Assistenza del difensore nelle indagini preliminari . . . . . . . . . 3. Garanzie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4. Responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO SETTIMO Indagini preliminari 1. Direzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Giudice delle indagini preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Competenza territoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3. Obbligo del segreto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO OTTAVO Notizia di reato 1. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.1. Soggetti obbligati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Registro delle notizie di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Iscrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a.1) Richiesta trasmissione atti presso il giudice competente . . . . b) Accesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3. Denunzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.1. Denunzia facoltativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Soggetti legittimati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Irrevocabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Modalità di presentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Denunzia scritta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . f) Denunzia presentata oralmente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . g) Contenuto della denunzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . h) Sottoscrizione del verbale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i) Attestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . l) Cose costituenti corpo di reato esibite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . m) Competenza dell’atto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . n) - Denunzie confidenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . o) - Denunzie anonime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . o.1) - Denunzia di soggetti portatori di handicap, persone anziane

o impedite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2. Denunzia obbligatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Per chiunque . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Per il cittadino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Per determinate categorie di persone . . . . . . . . . . . . . . . . d) Per i pubblici ufficiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Per gli ufficiali e agenti di P. G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4. Referto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Soggetti obbligati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Forme e contenuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Adempimenti della P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO NONO Condizioni di procedibilità - Querela - Richiesta e Istanza

1. Perseguibilità dei reati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3. Diritto di querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Minore degli anni quattordici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Minore degli anni diciotto o inabilitato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Estinzione del diritto di querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4. Rinuncia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. Giurì d’onore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6. Decorso del tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7. Formalità della querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7.1. Spese di procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Ipotesi di arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Condizione di procedibilità che può sopravvenire -

Atti di indagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8. Remissione di querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Inammissibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Diritto di remissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Accettazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

c.1) Spese del procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Tentativo di conciliazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9. Richiesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10. Istanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11. Autorizzazione a procedere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO DECIMO Informativa della PG

1. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Modalità di segnalazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Immediatamente anche in forma orale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Entro 48 ore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Senza ritardo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c.1) Elenchi mensili di denunce a carico di ignoti . . . . . . . . . . . . . d) Obbligo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Reati perseguibili a querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e.1) Reati di competenza del giudice di pace . . . . . . . . . . . . . . . . . f) Contenuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3. Compilazione dell’informativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Prima parte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Seconda parte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Terza parte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO UNDICESIMO Documentazione dell’attività di PG

1. Forme di documentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Annotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3. Annotazione e relazione di servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4. Atti da verbalizzare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5. Forme del verbale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6. Compilazione del verbale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7. Requisiti del verbale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8. Lingua degli atti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9. Partecipazione del sordo, muto e sordomuto . . . . . . . . . . . . . . . . .

10. Cancellature, variazioni e aggiunte negli atti . . . . . . . . . . . . . . . . . 11. Sottoscrizione del verbale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12. Nullità del verbale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13. Ratifica e autenticazione della sottoscrizione degli atti . . . . . . . . . 14. Traduzione degli atti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15. Documentazione dei singoli atti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16. Adempimenti della PG conseguenti alla documentazione . . . . . . 17. Valore probatorio e utilizzabilità degli atti di PG . . . . . . . . . . . . .

17.1. Letture consentite in dibattimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17.2. Letture vietate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18. Effetti giuridici della documentazione degli atti di PG . . . . . . . . . 19. Testimonianza della PG . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20. Partecipazione al procedimento penale a distanza ed esame in dibat-

timento dei collaboratori di giustizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CAPITOLO DODICESIMO Arresto in flagranza e fermo

1. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Competenza dell’atto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Distinzione dell’arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Minori degli anni diciotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Presupposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . f) Determinazione della pena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3. Flagranza di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

b) Stato di flagranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Orientamenti giurisprudenziali in materia di flagranza . . . . . . .

4. Arresto obbligatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Competenza dell’atto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Presupposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Delitti perseguibili a querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Adempimenti conseguenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . f) Documentazione e obblighi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . g) Utilizzabilità in giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5. Arresto facoltativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Competenza dell’atto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Presupposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Delitti perseguibili a querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Facoltà di arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . f) Arresto in flagranza di ipotesi di reato diverse da quelle fissate

negli articoli 380 e 381 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . g) Arresto fuori dei casi di flagranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . h) Adempimenti successivi all’arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i) Documentazione e obblighi per la P G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . l) Utilizzabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6. Arresto provvisorio della persona da estradare . . . . . . . . . . . . . . . a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Competenza dell’atto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Presupposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Adempimenti conseguenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Convalida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7. Facoltà di arresto da parte di privati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8. Fermo di indiziato di delitto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Competenza dell’atto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Condizioni per l’adempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Modalità esecutive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9. Divieto di arresto o fermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10. Casi di immediata liberazione dell’arrestato o del fermato . . . . . .

10.1. Inefficacia dell’arresto o del fermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11. Doveri della PG in caso di arresto o fermo . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Adempimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Arrestato o fermato infermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Reati di competenza del tribunale in composizione monocratica f) Atti di PG conseguenti all’arresto o al fermo . . . . . . . . . . . . . . .

g) Atti di competenza del P.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12. Convalida dell’arresto o del fermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13. Ritardo o omissione di provvedimenti cautelari, di arresto, fermo

o sequestro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14. Arresto del minorenne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Presupposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Facoltà di arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15. Accompagnamento del minorenne a seguito di flagranza . . . . . . . a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Competenza dell’atto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Presupposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Modalità esecutive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . f) Disposizioni del P.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . g) Facoltà di accompagnamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16. Fermo di minorenne indiziato di delitto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Competenza dell’atto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Presupposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Adempimenti conseguenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Documentazione ed obblighi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . f) Utilizzabilità in giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17. Doveri della PG in caso di arresto o fermo del minorenne . . . . . . a) Norme di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) Obblighi della PG . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c) Determinazioni del P.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . d) Cautele da adottare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e) Altri adempimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

PARTE SECONDA

Guida pratica agli atti di P.G.

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Banche dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.1. CED (Centro Elaborazione Dati) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2. SDI (Sistema di indagine) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3. S.I.S. (Sistema di informazione Schengen) . . . . . . . . . . . . . . . 2.4. S.I.R.E.N.E. (Supplementary Information at the National Entry) . .

SEZIONE I NOTIZIA DI REATO

1) Denunzia scritta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di ricezione schema n. 1/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2) Denunzia presentata oralmente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di ricezione schema 2/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . attestazione di resa denunzia schema 2/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di ricezione di referto schema 2/c . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . dichiarazione smarrimento schema 2/d . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3) Querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di ricezione di querela presentata per iscritto schema 3/a . verbale di querela proposta oralmente schema 3/b . . . . . . . . . . . . .

attestazione di ricezione schema 3/c . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4) Rinuncia orale al diritto di querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

verbale di dichiarazione orale di rinuncia schema 4/a . . . . . . . . . . .

5) Remissione di querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di remissione di querela e contestuale accettazione schema 5/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di accettazione di remissione di querela schema 5/b . . . . .

6) Istanza di procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di istanza di procedimento presentata oralmente schema 6/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7) Informativa notizia di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . informativa notizia di reato al P.M. schema 7/a . . . . informativa notizia reato inviata a mezzo telex/fax schema 7/b . . . . trasmissione fax schema 7/c . . . . seguito informativa schema 7/d . . . . esempio pratico di informativa schema 7/e . . . . relazione di servizio schema 7/f . . . . . esempio di relazione di servizio redatta da equipaggio di Squadra Volante schema 7/g . . . . annotazione di attività di indagine schema 7/h . . . .

Sezione II ATTIVITÀ DI INIZIATIVA DELLA P.G.

8) Identificazione di persona informata sui fatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di identificazione schema n. 8/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9) Identificazione persona indagata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 9/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10) Elezione o dichiarazione del domicilio ai fini delle notificazioni e no- mina difensore di fiducia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 10/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11)Accompagnamento negli uffici di Polizia per l’identificazione nell’attività di P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Art. 349, 4° comma verbale schema 11/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

12)Accompagnamento per l’identificazione negli uffici di Polizia nell’attività di prevenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Art. 11- D.L. 59/1978 verbale schema 12/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . informativa avvenuto accompagnamento schema 12/b . . . . . . . . . . . . seguito informativa schema 12/c . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di contravvenzione schema 12/d . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13) Individuazione di persone o cose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di individuazione di persona schema 13/a . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di individuazione fotografica schema 13/b . . . . . . . . . . . . . . .

14)Nomina ausiliari di P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 14/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15) Sommarie informazioni dall’indagato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Art. 350 - 1° co. verbale schema 15/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16)Dichiarazioni spontanee da persona indagata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 16/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17)Sommarie informazioni dalle persone informate sui fatti . . . . . . . . . . verbale schema 17/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18)Perquisizione personale di iniziativa della P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 18/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19)Perquisizione locale di iniziativa della P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 19/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di perquisizione locale e/o personale schema 19/b . . . . . . . . .

20)Perquisizione sul posto nel corso di operazioni di Polizia . . . . . . . . . . verbale schema 20/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21)Perquisizione locale in materia di armi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 21/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22)Controlli e ispezioni dei mezzi di trasporto bagagli effetti personali Art. 27 legge 55/90 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di controllo e ispezione schema 22/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23-1) Controlli e ispezioni dei mezzi di trasporto dei bagagli e degli ef- fetti personali Art. 103 T.U. STUP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di controllo e ispezione schema 23/a . . . . . . . . . . . . . . . . .

23-2) Controlli e ispezioni dei mezzi di trasporto e delle cose trasportate nel corso di operazioni di P.G. finalizzate al controllo delle immi- grazioni clandestine Art. 12 co. 7 Testo Unico delle disposizioni sulla disciplina dell’immigrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 23/2ª . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24)Perquisizioni personali e locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Art. 103 T.U. STUP. e art. 27 legge 55/90 verbale di perquisizione personale schema 24/a . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di perquisizione locale schema 24/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

25) Perquisizione di edifici e immobili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Art. 25- bis D.L. 306/92 e art. 5 D.L. 122/93 verbale di perquisizione di interi edifici schema 25/a . . . . . . . . . . . . . verbale di perquisizione di immobile schema 25/b . . . . . . . . . . . . . . .

26)Acquisizione plichi o corrispondenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di acquisizione di plichi sigillati o di corrispondenza schema 26/a

27) Accertamenti urgenti sulle cose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 27/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28)Accertamenti urgenti sui luoghi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 28/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29) Accertamenti urgenti sulle persone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 29/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

30) Sequestro di iniziativa della P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 30/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

31) Sequestro conseguente a perquisizione di iniziativa . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 31/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

32) Sequestro cosa immobile o difficilmente trasportabile e contestuale affidamento in giudiziale custodia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di sequestro e affidamento in giudiziale custodia schema 32/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di affidamento in custodia non contestuale schema 32/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

33) Sequestro di denaro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 33/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

34) Rinvenimento e sequestro di autovettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di rinvenimento e sequestro schema 34/a . . . . . . . . . . . . . . . .

35) Sequestro di cantiere edile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di sequestro schema 35/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di sequestro di manufatto edile schema 35/b . . . . . . . . . . . . . lettera trasmissione verbale di sequestro schema 35/c . . . . . . . . . . . . .

SEZIONE III ARRESTO E FERMO

36)Arresto obbligatorio e facoltativo in flagranza di reato . . . . . . . . . . . . verbale di arresto schema 36/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

37)Arresto da parte del privato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di consegna arrestato da parte del privato schema 37/a . . . . .

38) Fermo di indiziato di delitto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 38/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

39) Identificazione arrestato o fermato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 39/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40) Liberazione arrestato o fermato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 40/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

41)Avviso al P.M. avvenuto arresto o fermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . annotazione schema 41/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

42)Nomina difensore di fiducia o designazione di quello d’ufficio e contestuale avviso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 42/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43)Avviso al difensore dell’arrestato fermato o minore accompagnato . . annotazione schema 43/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44)Avviso arresto o fermo ai familiari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . annotazione schema 44/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . avviso scritto schema 44/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . lettera accompagnamento arrestato o fermato alla Casa Circondariale o Mandamentale schema 44/c . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ricevuta arrestato o fermato schema 44/d . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

45) Citazione orale persona offesa dal reato e testimoni . . . . . . . . . . . . . . annotazione schema 45/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

46)Informativa avvenuto arresto o fermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . informativa arresto schema 46/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . informativa fermo schema 46/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

SEZIONE IV PROVVEDIMENTI A CARICO DI MINORENNI

47)Arresto di minorenne in flagranza di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di arresto schema n. 47/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

48)Fermo di minorenne indiziato di delitto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 48/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

49)Accompagnamento minorenne a seguito di flagranza . . . . . . . . . . . . . verbale schema 49/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50)Avviso al P.M. presso tribunale minorenni avvenuto arresto o fermo annotazione schema 50/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

51)Avviso ai servizi minorili dell’amministrazione giustizia avvenuto accompagnamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . fax schema 51/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

52)Liberazione del minorenne per disposizione del P.M. . . . . . . . . . . . . verbale schema 52/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53)Accompagnamento presso abitazione familiare del minorenne per disposizione del P.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 53/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

54)Invito all’esercente la potestà dei genitori o affidatario a presentarsi negli uffici di Polizia per prendere in consegna il minorenne accom- pagnato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . annotazione schema 54/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

55)Consegna minore accompagnato negli uffici di Polizia all’esercente la potestà dei genitori o all’affidatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 55/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

56)Informativa al P.M. arresto o fermo del minorenne . . . . . . . . . . . . . . informativa schema 56/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . lettera accompagnamento presso Centro di prima accoglienza o co- munità pubblica o autorizzata schema 56/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ricevuta arrestato fermato o accompagnato schema 56/c . . . . . . . . . . .

57)Informativa al P.M. accompagnamento del minorenne negli uffici di Polizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . informativa schema 57/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

SEZIONE V ATTIVITÀ DISPOSTA O DELEGATA DALL’A.G.

58)Relazione di notificazione all’imputato non detenuto . . . . . . . . . . . . . Notificazione a soggetti diversi dall’imputato non detenuto . . . . . . . . Promemoria sulle modalità e sui termini delle notificazioni . . . . . . . . relazione di notificazione schema 58/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . relazione di notificazione in plico chiuso schema 58/b . . . . . . . . . . . .

59)Relazione notificazione a norma Art. 157 - 8° co. . . . . . . . . . . . . . . . relazione di notificazione schema 59/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

60)Notificazioni urgenti a mezzo del telefono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . relazione di notificazione schema 60/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . relazione di notificazione a mezzo fax schema 60/b . . . . . . . . . . . . . .

61)Interrogatorio di persona indagata o imputata in un procedimento connesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 61/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . invito all’indagato o imputato schema 61/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . avviso al difensore schema 61/c . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

62)Confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 62/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

63)Identificazione di cadavere e autopsia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 63/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

64)Ispezione personale su delega A.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 64/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

65)Ispezione di luoghi o di cose su delega A.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 65/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

66)Perquisizione personale su delega A.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale perquisizione personale schema 66/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale sequestro conseguente a perquisizione personale/locale schema 66/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

67)Esame di atti documenti corrispondenza presso banche . . . . . . . . . . . verbale schema 67/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

68)Perquisizione locale su delega A.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 68/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

69)Sequestro su delega A.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 69/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

70)Sequestro presso banche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 70/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

71)Acquisizione di atti documenti o cose costituenti segreto . . . . . . . . . . richiesta di atti documenti o cose costituenti reato coperti da segreto schema 71/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di omessa acquisizione per aver opposto rifiuto schema 71/b verbale di acquisizione di atti documenti o cose schema 71/c . . . . . . .

72)Sequestro di pubblicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di sequestro schema 72/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . lettera di restituzione del decreto notificato e trasmissione verbale di sequestro e cose sequestrate schema 72/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

73)Restituzione di cose sequestrate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di dissequestro e contemporanea restituzione di cosa immobile schema 73/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di dissequestro e contemporanea restituzione di cosa mobile schema 73/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

74)Intercettazioni di conversazioni telefoniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 74/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di intercettazione ambientale schema 74/b . . . . . . . . . . . . . . .

75)Arresto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare o di ordine di carcerazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di arresto schema 75/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di vane ricerche schema 75/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

76)Distruzione di sostanze stupefacenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 76/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di partecipazione al procedimento penale a distanza schema 76/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Sezione VI DEPENALIZZAZIONE

77)Assunzione di informazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 77/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

78)Ispezione di luoghi e cose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 78/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di accertamento tecnico attraverso rilievi segnaletici, descrittivi o fotografici schema 78/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

79)Perquisizione locale su autorizzazione del tribunale del luogo . . . . . . verbale schema 79/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

80)Contestazione di illecito amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale schema 80/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Mod F23 di pagamento Tasse - Imposte - Sanzioni e Altre Entrate sche- ma 80/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

81)Sequestro amministrativo di veicolo circolante privo di assicurazione RCA verbale di sequestro schema 81/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . trasmissione verbale di sequestro schema 81/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di affidamento in custodia di cosa sequestrata schema 81/c . .

82)Notif. al trasgressore e/o all’obbligato in solido della viol. amm.va . . Relazione di notificazione schema 82/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Relazione di notificazione mediante deposito dell’atto nella casa comunale schema 82/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Avviso di notificazione mediante deposito nella casa comunale schema 82/c Avviso avvenuto deposito nella casa comunale di atto da notificare schema 82/d . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Relata di notificazione a mezzo del servizio postale schema 82/e . . . . Comunicazione all’ufficio delle Entrate schema 82/f . . . . . . . . . . . . .

83)Accertamento di uso personale di sostanza stupefacente . . . . . . . . . . verbale di accertamento schema 83/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di accertamento violazione amministrativa per abbandono di siringa schema 83/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

84)Sequestro sostanze stupefacenti per uso personale . . . . . . . . . . . . . . . verbale di sequestro schema 84/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . lettera trasmissione sostanza sequestrata per analisi alla ASL schema 84/b segnalazione al Prefetto ex art. 75 - 5° co. T.U. STUP schema 84/c . .

85)Rapporto autorità amministrativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . rapporto schema 85/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

86)Restituzione di cose sequestrate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . verbale di dissequestro schema 86/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Sezione VII ATTI DI POLIZIA GIUDIZIARIA NEL PROCEDIMENTO PENALE DAVANTI AL GIUDICE DI PACE

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2. Attività della Polizia Giudiziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.1. In caso di fondatezza della notizia di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . .

87)Acquisizione notizia di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Richiesta autorizzazione al Pubblico Ministero per il compimento di atti di P.G – Schema 87/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Autorizzazione al compimento di atti di polizia giudiziaria – Mod. pm (gp) 3 - Schema 87/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

88)Esecuzione perquisizione autorizzata dal P.M . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Relazione notificazione decreto di perquisizione – Schema 88/a . . . . Verbale di perquisizione eseguita su autorizzazione P.M. – Schema 88/b Verbale di sequestro di cose pertinenti al reato – Schema 88/c . . . . . Nota restituzione decreto perquisizione eseguito e trasmissione ver- bali di perquisizione e sequestro – Schema 88/d . . . . . . . . . . . . . . . . .

89)Relazione notizia di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Relazione notizia di reato infondata o con esito negativo Mod. p.g.(gp) 1- Schema 89/a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Relazione notizia di reato e richiesta di autorizzazione alla citazione Mod. p.g.(gp) 2 - Schema 89/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Autorizzazione alla citazione a giudizio Mod. pm (gp) 2- Schema 89/c

90) Citazione a giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Atto di citazione a giudizio Mod. pg (gp) 3 – Schema 90/a . . . . . . . . Relazione di notificazione – Schema 90/b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Sezione VIII QUADRI RIASSUNTIVI

I) Specchio riassuntivo Atti di iniziativa P.G. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . II) Specchio riassuntivo Atti di iniziativa P.G. su delega A.G. . . . . . . . . III) Prontuario arresto e fermo e provvedimenti contro i minorenni. . . .

Bibliografia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Premessa

Nell’ideare questo testo, frutto dell’esperienza pratica, ci si è posti dalla parte di ciascun operatore di polizia che, nell’immedia- tezza dei fatti, pressato dagli eventi, in pochissimi attimi deve ana- lizzare e valutare il caso, decidere in merito e intervenire secondo legge, senza nulla tralasciare per evitare di vanificare il suo operato.

Si è cercato di dare risposta certa alla domanda che ciascun ope- ratore si pone in tali circostanze: «adesso cosa devo fare?».

Una prima significativa conferma si può avere dalla normativa processuale che più ha attinenza con l’attività di polizia giudiziaria, illustrata nella prima parte del testo.

Una seconda precisa indicazione è data dalla seconda parte del volume, più corposo, costituita da una guida pratica a tutti gli atti che la polizia giudiziaria può essere chiamata a compiere, siano essi di iniziativa che su delega dell’A.G. Questa, oltre a contenere il for- mulario adeguato agli atti del pubblico ministero e aggiornato secondo le innovazioni più recenti, comprende numerosi prospetti illustrativi premessi alle varie formule nei quali è sintetizzato tutto ciò che l’operatore deve osservare durante il compimento dell’atto e immediatamente dopo: competenze, diritti della difesa, adempi- menti immediati e successivi, termini di trasmissione, utilizzabilità nelle varie fasi processuali e in sede di testimonianza con la precisa citazione delle disposizioni di legge di riferimento.

Con lo stesso criterio seguono la parte dedicata agli atti depena- lizzati e quella riguardante gli atti di polizia giudiziaria nel procedi- mento penale davanti al giudice di pace.

Il volume è completato con varie tabelle sinottiche e il prontua- rio dell’arresto e del fermo aggiornato.

In questo lavoro si è voluto trasfondere l’esperienza di tanti anni di attività di polizia giudiziaria per porla a disposizione di tutti, prendendo anche spunto dalle varie problematiche emerse in sede di

attuazione pratica del vigente diritto processuale penale, delle numerose difficoltà riscontrate da molti operatori di polizia in rela- zione alla nuova impostazione che viene data alle indagini prelimi- nari – che possono trasformarsi in prova soltanto in sede dibatti- mentale con il sostegno di una efficace testimonianza – e facendo tesoro dei preziosi contributi forniti dal Dott. Fausto De Santis, magistrato di elevate capacità professionali e di lunga esperienza, a cui vanno i sentimenti più profondi di sincera gratitudine per l’ope- ra svolta.

Il testo è particolarmente indirizzato a tutti gli operatori del set- tore: ufficiali e agenti di polizia giudiziaria addetti ai servizi d’isti- tuto ed investigativi, frequentatori dei vari corsi di istruzione e aggiornamento, avvocati, magistrati del PM, consulenti tecnici e investigatori privati.

Con l’auspicio che anche questa nuova edizione possa continua- re a riscuotere i consensi delle edizioni precedenti espressi dai suoi destinatari, a tutti i livelli, viene riproposta, curata in ogni suo aspetto, anche nella versione ipertestuale su CD-ROM e aggiornata con le più recenti innovazioni intervenute. Si segnalano, in partico- lare: giudice unico, modifiche udienza preliminare, giudizio abbre- viato e procedimenti speciali, competenza penale giudice di pace, custodia cautelare, investigazioni difensive, formazione e valutazio- ne della prova, cosiddetto pacchetto sicurezza, difesa d’ufficio e patrocinio a carico dello Stato, violenza manifestazioni sportive, ter- rorismo internazionale, legge «Cirami».

BASILIO BUZZANCA

PARTE PRIMA

Processo Penale • Soggetti Atti di P.G.

e norme procedurali

CAPITOLO PRIMO

Processo penale e soggetti

1. Premessa

Prima di passare a trattare in particolare degli atti della polizia giudiziaria all’interno del processo penale e della loro documentazione, appare opportuno introdurre la materia accennando, brevemente, al diritto processuale penale, alla sua struttura, ai suoi lineamenti per poter meglio comprendere la portata del- l’attività della P.G., gli sviluppi che la stessa può avere all’interno del processo, i collegamenti che vengono a determinarsi con gli altri soggetti processuali.

2. Diritto processuale penale

La notizia della violazione della norma penale richiede la ricerca delle fon- ti di prova attraverso le quali si possa risalire all’autore del fatto che lo Stato ha interesse a punire.

Ci si deve avvalere, quindi, di specifiche norme procedurali che stabilisco- no le regole con le quali è possibile ricercare le fonti di prova, individuare l’au- tore del reato, applicargli una pena che sia, al tempo stesso, adeguata alla gra- vità del fatto e alla personalità dell’autore.

A ciò si provvede con le norme contenute nel codice di procedura penale che rivestono carattere tipicamente accessorio rispetto al diritto penale sostan- tivo (codice penale e altre leggi penali).

3. Caratteristiche della vigente normativa

L’attuale codice di procedura penale è stato emanato con il DPR 22 set- tembre 1988 n. 447, entrato in vigore il 24 ottobre 1989 in attuazione della leg- ge delega 16 febbraio 1987, n. 81.

Il vigente processo, scaturito da tale normativa, è del tipo accusatorio con

la partecipazione dell’accusa e della difesa su basi di parità in ogni stato e gra- do del procedimento, mentre il giudice ritorna nella sua naturale posizione di terzietà intervenendo per controllare l’operato del P.M. o per decidere sulle pretese dedotte in giudizio senza alcun potere di iniziativa nella ricerca e nel- l’acquisizione della prova, tranne qualche raro caso quale, ad esempio, quello previsto dall’art. 507 che consente al giudice del dibattimento, terminata l’ac- quisizione delle prove, di disporre anche d’ufficio, l’assunzione di nuovi mez- zi di prova se risulta assolutamente necessario, funzioni, invece, riservate al P.M. che deve avviare le indagini preliminari, verificare la fondatezza della notizia di reato, identificare l’autore e raccogliere gli elementi di prova utili per l’esercizio dell’azione penale e per sostenere l’accusa in giudizio.

4. Lineamenti del processo penale

Il processo penale è suddiviso in fasi processuali e gradi del giudizio. Le fasi processuali sono: indagini preliminari, udienza preliminare, dibatti-

mento, esecuzione. I gradi del giudizio sono: 1° grado (1) (giudice di pace, tribunale, corte d’as-

sise), 2° grado, appello (corte d’appello e corte d’assise d’appello), 3° grado ricorso per cassazione (corte di cassazione), solo per motivi di legittimità.

Le indagini preliminari hanno lo scopo di verificare la fondatezza della notizia di reato, di ricercare gli elementi di prova, di identificare gli autori del reato ai fini dell’esercizio dell’azione penale. Sono condotte dal P.M. che si avvale della polizia giudiziaria, la quale opera sotto la sua direzione, e devono concludersi entro precisi termini dall’iscrizione della notizia di reato nell’ap- posito registro custodito dal P.M. stesso.

Alcuni atti di indagine del P.M. e della P.G. devono essere espletati in pre- senza del difensore dell’indagato, che deve essere preavvertito, (interrogatorio, confronto, ispezione, accertamenti tecnici non ripetibili, informazioni dall’in- dagato); ad altri, invece, il difensore ha diritto di assistere senza preavviso (per- quisizioni, sequestri, accertamenti urgenti sui luoghi, sulle persone e sulle cose).

Al termine delle indagini il P.M. avanza le sue richieste al giudice per le indagini preliminari (G.I.P.), che possono essere o di archiviazione o di rinvio a giudizio. –––––––––––

(1) Fra i giudici di primo grado non è più menzionato il pretore, poiché il suo ufficio è stato sop- presso e le competenze trasferite al tribunale ordinario.

È giudice di primo grado anche il giudice di pace al quale, con il Dlgs. 28 agosto 2000, n. 274, gli è stata attribuita la competenza penale.

L’archiviazione può essere richiesta, se la notizia di reato è infondata o manca una condizione di procedibilità o non è stata concessa l’autorizzazione a procedere nei casi previsti, oppure se il reato è estinto o il fatto non è previ- sto dalla legge come reato o è ignoto l’autore.

Il rinvio a giudizio è richiesto allorché vengono riscontrati sufficienti ele- menti di colpevolezza della persona alla quale il reato è attribuito.

Sulla richiesta di rinvio a giudizio decide il G.U.P, nell’udienza prelimina- re che si svolge in camera di consiglio con la partecipazione necessaria del P.M. e del difensore dell’imputato. La richiesta può essere accolta o respinta con il conseguente proscioglimento dell’imputato. Il procedimento può essere deci- so nel corso dell’udienza preliminare con il giudizio abbreviato, su richiesta del- l’imputato,(2) o con l’applicazione della pena su richiesta delle parti. In caso di rinvio a giudizio, si va al dibattimento.

Il dibattimento è la terza fase processuale; può essere definito come il ful- cro centrale dell’intera vicenda processuale giacché costituisce luogo di verifi- ca degli elementi di prova, raccolti dal P.M. e dalla P.G., e di formazione del- la prova. È caratterizzato dal contraddittorio, dall’oralità e dall’immediatezza. Il contraddittorio consiste nell’esame incrociato delle parti. L’oralità emerge nel corso dell’istruttoria dibattimentale, con la quale il giudice può meglio valutare l’attendibilità dei testi, attraverso gli accenti di verità o di reticenza dei medesimi. L’immediatezza è costituita dal contatto immediato del giudice con tutti gli elementi di prova utili alla decisione.

Il processo è deciso dal giudice con sentenza di proscioglimento o di con- danna.

La sentenza di proscioglimento può aver luogo per non doversi procedere o per assoluzione.

La sentenza di non doversi procedere trova motivazioni processuali (es.: l’azione penale non doveva essere iniziata o non doveva essere proseguita); quella di assoluzione è dovuta a motivi di merito (es. se il fatto non sussiste, se l’imputato non lo ha commesso, se il fatto non costituisce reato).

La sentenza pronunziata nel dibattimento può essere impugnata. I mezzi ordinari di impugnazione sono: l’appello e il ricorso per cassazione.

L’appello può essere proposto per motivi di merito o di legittimità; il ricor- so per cassazione, invece, può essere avanzato soltanto per motivi di legitti- mità. I mezzi straordinari di impugnazione sono: la revisione e il ricorso straor- dinario per cassazione contro sentenze di giudici speciali. –––––––––––

(2) Per il giudizio abbreviato non è più necessario il consenso del P.M. L’imputato può subor- dinare la richiesta di giudizio abbreviato ad una integrazione probatoria necessaria ai fini della deci- sione. (art. 438 sostituito dall’art. 27 della legge 16 dicembre 1999, n. 479).

Sono previsti alcuni riti alternativi, che hanno lo scopo di semplificare i meccanismi processuali o di abbreviare la durata del processo, a tutto vantag- gio dei casi più complessi che seguono l’iter normale sfociando nel dibatti- mento. Si tratta di giudizio abbreviato, applicazione della pena a richiesta del- le parti (patteggiamento), giudizio direttissimo, giudizio immediato e procedi- mento per decreto.

Con i procedimenti speciali possono essere evitati: il dibattimento (giudi- zio abbreviato e patteggiamento), l’udienza preliminare (giudizio direttissimo e immediato) o entrambi (procedimento per decreto).

Fra i procedimenti speciali può essere compreso anche quello davanti al tri- bunale in composizione monocratica (ex procedimento pretorile), che è ispi- rato a “criteri di massima semplificazione. Dopo le modifiche apportate dalla legge 16 dicembre 1999, n. 479, che ha dovuto adeguare la normativa alle nuo- ve esigenze del giudice unico di primo grado, le differenze prima esistenti con il procedimento innanzi al tribunale collegiale e alla corte d’assise, sono state ridotte al minimo. È stata introdotta l’udienza preliminare, prima mancante, ma soltanto per i reati che originariamente rientravano nella competenza del tribunale ordinario e che sono stati attribuiti al tribunale in composizione monocratica con l’aggiunta di altri, già di competenza del pretore, quali: favo- reggiamento reale, maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli, omicidio col- poso, violazione di domicilio aggravata e truffa aggravata per i quali l’accerta- mento delle responsabilità è ritenuto più complesso. Per i reati indicati nell’art. 550 del C.P.P. è stata istituita l’udienza di comparizione a seguito della cita- zione diretta in giudizio; in tale sede l’imputato può richiedere il giudizio abbreviato, presentare domanda di oblazione e il giudice, quando il reato è perseguibile a querela, verificare se il querelante è disposto a rimettere la que- rela e il querelato ad accettare la remissione. Per cui, nel corso delle indagini preliminari, non figura più il tentativo di conciliazione. È rimasta invariata la procedura da adottare nei riguardi degli arrestati in flagranza di reato. Essi devono essere condotti alla casa circondariale o mandamentale, se sono posti a disposizione del P.M., devono essere trattenuti negli uffici di polizia se ven- gono condotti direttamente davanti al giudice per la convalida e il contestuale giudizio.

L’esecuzione è l’ultima fase processuale e consiste nel far eseguire i prov- vedimenti giurisdizionali divenuti esecutivi. Si tratta di un’attività amministra- tiva di competenza del P.M. avente sede presso il giudice che ha emesso il provvedimento.

Sulla regolare esecuzione dei provvedimenti vigila la magistratura di sorve- glianza (magistrato di sorveglianza e tribunale di sorveglianza).

5. Soggetti e parti

All’interno del processo penale operano alcuni importanti soggetti proces- suali che possono essere considerati le persone tra le quali si costituisce il rap- porto processuale.

I soggetti processuali sono distinti in principali e secondari. Fra i soggetti principali alcuni sono indispensabili ed altri eventuali. Sono

soggetti indispensabili: il giudice, l’imputato e il Pubblico Ministero. Sono sog- getti eventuali, in quanto la loro presenza non sempre è necessaria: la polizia giudiziaria, la persona offesa e il difensore.

In questa sede ci soffermeremo soltanto su quei soggetti principali che non saranno illustrati in capitoli specifici, e vale a dire sull’imputato e sulla perso- na offesa dal reato.

a) Imputato L’imputato è il soggetto nei confronti del quale è esercitata l’azione penale

al termine delle indagini preliminari con la richiesta di rinvio a giudizio, di giu- dizio immediato, di decreto penale di condanna, di applicazione della pena a richiesta delle parti, di decreto di citazione diretta a giudizio o di giudizio direttissimo. Nel procedimento davanti al giudice di pace, assume la qualità di imputato la persona alla quale il reato è attribuito nella citazione a giudizio disposta dalla polizia giudiziaria o nel decreto di convocazione delle parti emesso dal giudice di pace (art. 3 Dlgs. 28 agosto 2000, n. 274)

Soltanto con tali forme di esercizio dell’azione penale si assume la qualità di imputato che si conserva in ogni stato e grado del processo, sino a che non sia più soggetta ad impugnazione la sentenza di non luogo a procedere, sia divenuta irrevocabile la sentenza di proscioglimento o di condanna o sia dive- nuto esecutivo il decreto penale di condanna. La qualità di imputato si riassu- me in caso di revoca della sentenza di non luogo a procedere e qualora sia disposta la revisione del processo (art. 60 CPP mod. dall’art. 47-3° co. della legge 16 dicembre 1999, n. 479).

Nel corso delle indagini preliminari, l’indiziato assume la denominazione di indagato.

b) Persona offesa La persona offesa dal reato è quella che ha subito il reato, o è danneggiata

dallo stesso, e non si è ancora costituita parte civile o non intende costituirsi. Alla persona offesa dal reato vengono riconosciuti vari interessi tutelabili

quali: la facoltà di indicare elementi di prova, di presentare memorie in ogni sta- to e grado del procedimento, di ricevere l’informazione di garanzia nella fase delle indagini preliminari (art. 369), di proporre querela o istanza di procedi-

mento, di partecipare agli atti cosiddetti garantiti del P.M. di cui all’art. 360, di chiedere di essere informata sull’archiviazione della notizia di reato (art. 408) alla quale può opporsi (art. 410), di ricevere la richiesta di rinvio a giudizio o il decreto di citazione a giudizio dell’imputato (artt. 419 e 552), il decreto penale di condanna per i reati per i quali ha proposto querela (art. 459), di citare a giu- dizio innanzi al giudice di pace, per i reati di competenza di tale giudice, la per- sona alla quale il reato è attribuito (art. 21 D.lgs. 28 agosto 2000, n. 274).

5.1. Informazione di garanzia Solo quando deve compiere un atto al quale il difensore ha diritto di assi-

stere, il Pubblico Ministero invia per posta, in piego chiuso raccomandato con ricevuta di ritorno, alla persona sottoposta alle indagini e alla persona offesa un’informazione di garanzia con indicazione delle norme di legge che si assu- mono violate, della data e del luogo del fatto e con invito ad esercitare la facoltà di nominare un difensore di fiducia.

Qualora ne ravvisi la necessità, ovvero l’ufficio postale restituisca il piego per irreperibilità del destinatario, il P.M. può disporre che l’informazione di garanzia sia notificata dalla polizia giudiziaria o dall’ufficiale giudiziario (art. 369 c.p.p., mod. da art. 19 legge 8 agosto 1995 n. 332).

Il P.M., quando deve compiere un atto a cui il difensore ha diritto di assi- stere e, comunque, prima dell’invito a presentarsi per rendere interrogatorio, notifica alla persona sottoposta alle indagini la comunicazione della nomina del difensore d’ufficio.

La comunicazione deve contenere: l’informazione della difesa tecnica nel processo penale, con l’indicazione della facoltà e dei diritti attribuiti dalla legge alla persona sottoposta alle indagini; il nominativo del difensore d’ufficio e il suo indirizzo e recapito telefonico; l’indicazione della facoltà di nominare un difen- sore di fiducia con l’avvertimento che, in mancanza, l’indagato sarà assistito da quello nominato d’ufficio; l’indicazione dell’obbligo di retribuire il difensore d’ufficio ove non sussistano le condizioni per accedere al beneficio del patroci- nio a spese dello Stato e l’indicazione delle condizioni per l’ammissione a detto patrocinio (art. 369-bis aggiunto dall’art. 19 della legge 6 marzo 2001, n. 60).

6. Soggetti secondari e parti.

Sono soggetti secondari: la parte civile, il responsabile civile, la persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria.

Sono parti del processo penale tutti quei soggetti interessati al procedi- mento stesso per vari, diversi ed anche opposti motivi. Essi sono: il Pubblico Ministero, l’imputato, la parte civile, il responsabile civile, il civilmente obbli- gato per la pena pecuniaria, la persona offesa dal reato e gli enti esponenziali.

CAPITOLO SECONDO

Giudice e competenza (artt. 1-49)

1. Istituzione del giudice unico di primo grado

La materia riguardante il giudice e la sua competenza è stata recentemente innovata con l’attuazione della legge delega 16 luglio 1997, n. 254, che istitui- sce il giudice unico di primo grado.

Secondo la relazione che accompagna l’articolato del decreto che dà attua- zione alla legge 254/97, essa si propone come il naturale epilogo del processo riformistico iniziato con la legge 399/1984, che aveva ampliato le competenze del pretore e proseguito con altre importanti riforme quali l’istituzione della pretu- ra circondariale, del giudice monocratico del tribunale e del giudice di pace.

Certamente, su di essa, hanno inciso notevolmente i vari pronunciamenti della corte costituzionale in tema di incompatibilità nel processo penale e le sol- lecitazioni provenienti dalla stessa corte a porre rimedio agli inconvenienti mediante appropriati interventi e riforme di ordine normativo ed organizzativo.

L’istituzione del giudice unico di primo grado, oltre a voler evitare altri problemi di incompatibilità, si propone di fornire più efficienza e agilità alla giurisdizione consentendo ad essa di poter disporre di un maggior numero di magistrati recuperati dai vari collegi giudicanti semplificati e aboliti e dalla soppressione di alcuni uffici giudiziari di cui in seguito si dirà.

La normativa apporta varie modifiche alle disposizioni sull’ordinamento giudiziario, a quelle sul processo civile, al codice civile, al processo penale e attua il trasferimento di funzioni pretorili ad altre amministrazioni.

Le novità intervenute e che più ci riguardano in questa sede, sono: • la soppressione dell’ufficio del pretore con il trasferimento delle relative

competenze al tribunale ordinario (art. 1 Dlgs 19 febbraio 1998, n. 51) (1); –––––––––––

(1) I magistrati già assegnati alle preture entrano di diritto a far parte dell’organico del tribuna- le ove sono trasferite le funzioni, anche in soprannumero.

I magistrati titolari dei posti di consigliere pretore dirigente, di consigliere pretore, di procura- tore della Repubblica presso la pretura circondariale e di procuratore aggiunto dello stesso ufficio, in attesa di essere trasferiti ad altre funzioni, esercitano le funzioni di presidente di sezione e di pro- curatore aggiunto della Repubblica presso gli uffici cui sono state trasferite le funzioni degli uffici soppressi con il limite temporale di un anno dalla data di applicazione del Decreto Legislativo 51/98 (art. 37 Dlgs 51/98 modificato dall’art.1 del D.L. 145/99).

• le conseguenti nuove competenze del tribunale che diviene giudice uni- co di primo grado a carattere prevalentemente monocratico;

• la distinzione delle funzioni di G.I.P. e G.U.P.; • la soppressione dell’ufficio del P.M. presso la pretura circondariale con il

trasferimento delle funzioni all’ufficio del P.M. presso il tribunale ordinario; • l’unificazione della sezione di P.G. della procura della Repubblica circon-

dariale con quella presso la procura della Repubblica del tribunale senza che ciò comporti variazioni nell’organico (artt. 41 e 209 D.lgs. 51/98).

L’entrata in vigore della nuova normativa che istituisce il giudice unico di primo grado, già prevista per il mese di giugno 1998, è stata rinviata, dapprima al 2 gennaio 1999 e, successivamente, al 2 giugno dello stesso anno, data in cui è stata attuata. Tuttavia gli affari penali, per evidenti scopi organizzativi, sono stati differiti al 2 gennaio 2000. Per motivi pratici si è deciso di riportare in nota le precedenti disposizioni decadute che possono essere ancora utili. (2).

2. Nozione e distinzione

Il giudice è il rappresentante dello Stato nella funzione sovrana giurisdiziona- le. Può essere definito il soggetto principale più importante del processo penale.

Il giudice svolge una funzione di terzietà sulla pretesa punitiva del Pubbli- co Ministero e sulla contropretesa dell’imputato al diritto di libertà. Detta fun- zione deve essere caratterizzata dall’indipendenza e dall’imparzialità, così com’è sancito dagli articoli 101 e 104 della Costituzione (3). –––––––––––

(2) Nella fase transitoria fra il 2 giugno 1999 e il 2 gennaio 2000, nelle more dell’emanazione del- la legge 16 dicembre 1999, n. 479 che ha, fra l’altro, modellato alle nuove esigenze la normativa riguardante il procedimento davanti al tribunale monocratico (ex procedimento pretorile) è stato previsto che:

• il tribunale giudica in composizione collegiale sui reati già appartenenti alla competenza del tribunale in base alle disposizioni vigenti anteriormente al 2 giugno 1999 e in composizione mono- cratica sui reati già appartenenti alla competenza del pretore in base alle medesime disposizioni;

• di non affidare ai giudici onorari, nella materia penale, la funzione di GIP e GUP, nonché la trattazione di procedimenti relativi a reati non appartenenti alla competenza del pretore in base alle disposizioni vigenti anteriormente al 2 giugno 1999 (art. 3 co. 3 D.L. 145/99 che integra l’art. 247 del D.lgs. 51/98);

• devono essere osservate le disposizioni vigenti per le preture circondariali e per le procure del- la Repubblica presso le preture circondariali in tema di tenuta, anche in forma automatizzata, dei registri e degli altri strumenti di registrazione e di modalità di formazione e di tenuta dei fascicoli, fino all’emanazione del decreto del Ministro della Giustizia recante le nuove disposizioni regola- mentari concernenti la tenuta dei registri in adeguamento alla nuova normativa, (art. 5 D.L. 145/99).

(3) La giustizia è amministrata in nome del popolo. I giudici sono soggetti alla legge (art. 101 Cost.). La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere (art. 104 Cost.).

In relazione all’art. 1 del R.D. 30 gennaio 1941, n. 12 e successive modifi- cazioni, riguardante l’ordinamento giudiziario, la giustizia, nelle materie civile e penale, è amministrata: dal giudice di pace, dal tribunale ordinario, dalla cor- te d’appello, dalla corte suprema di cassazione dal tribunale per i minorenni, dal magistrato di sorveglianza e dal tribunale di sorveglianza (4).

Fra i giudici ordinari sono da comprendere, ancora, la corte d’assise e la corte d’assise d’appello, anche se sono considerati giudici specializzati perché competenti a decidere su fatti di rilevante gravità e integrati da una compo- nente popolare (legge 10 aprile 1951, n. 287).

Sono giudici ordinari speciali: a) la corte costituzionale, che giudica i reati di alto tradimento e di atten-

tato alla costituzione commessi dal Presidente della Repubblica (art. 96 Cost.);

b) i tribunali militari, che sono competenti per i reati commessi da appar- tenenti alle Forze Armate o ad essi assimilati.

Riguardo alla composizione, i giudici sono distinti in: monocratici e collegiali. Sono giudici monocratici i giudici unici: giudice di pace, tribunale ordina-

rio in composizione monocratica, giudice per le indagini preliminari (G.I.P.) e giudice dell’udienza preliminare (G.U.P.).

Sono giudici collegiali quelli che devono essere, necessariamente, composti da più elementi: tribunale ordinario in composizione collegiale, corte d’assise, corte d’appello ecc.

3. Giudici ordinari

Sono giudici ordinari di primo grado: a) il giudice di pace, il tribunale ordinario, il tribunale per i minorenni e la

corte d’assise. Possono svolgere funzioni di giudice di primo grado anche il G.I.P. e il G.U.P. allorché si trasformano in organo giudicante (patteggiamento, giudizio abbreviato, giudizio immediato); le figure del G.I.P. e del G.U.P., a seguito delle varie dichiarazioni di incostituzio- nalità dell’art. 34 del c.p.p. e delle recenti modifiche legislative, sono, ora, distinte. È previsto, infatti, che non può tenere l’udienza prelimi- nare il giudice che nel medesimo procedimento ha esercitato funzioni di giudice per le indagini preliminari (art. 34 CPP sostituito dall’art. 140 del D.lgs. n. 51/1998;

––––––––––– (4) Con l’attuazione della legge delega 16 luglio 1997, n. 254, l’ufficio del pretore è soppresso.

Le relative competenze sono trasferite al tribunale ordinario (v. art. 219 e ss. Dlgs. 51/99).

b) sono giudici di appello la corte d’appello e la corte d’assise d’appello; c) svolge funzioni giudicanti in terzo grado, ma soltanto per motivi di legitti-

mità, la corte suprema di cassazione quale organo supremo della giustizia.

3.1. Giudice di pace

L’istituzione del giudice di pace si è avuta con la legge 21 novembre 1991, n. 374.

Il giudice di pace esercita la giurisdizione in materia civile e penale e la fun- zione conciliativa in materia civile secondo le norme della legge istitutiva (art. 1 legge 374/91).

L’ufficio del giudice di pace è ricoperto da un magistrato onorario appar- tenente all’ordine giudiziario.

Gli uffici del giudice di pace hanno sede in tutti i capoluoghi dei manda- menti esistenti prima dell’istituzione delle preture circondariali (art. 2 legge 374/91).

3.1.1. Riforma del giudice di pace

La riforma del giudice di pace, come tutte le riforme, è frutto degli eventi storici e delle trasformazioni sociali in atto nel periodo antecedente la sua pro- mulgazione.

L’esigenza di tale istituzione è stata avvertita nell’immediatezza dell’entra- ta in vigore del nuovo codice di procedura penale che, avendo spinto verso l’al- to la competenza del pretore con l’attribuzione di numerosi reati già di spet- tanza del tribunale, aveva lasciato in basso un vuoto giurisdizionale che, neces- sariamente, doveva essere colmato. Si rendeva, quindi, necessario istituire una nuova figura di giudice che tendesse principalmente alla conciliazione, sia nel campo civile che in quello penale, con l’utilizzo di procedure semplificate. Nasceva, quindi, il giudice di pace.

Dopo un avvio difficoltoso dovuto all’espletamento delle procedure per la nomina dei nuovi magistrati e all’adeguamento delle strutture organizzative e di altri impianti legislativi, il 1° maggio 1995 il giudice di pace iniziava ad eser- citare la giurisdizione in materia civile, mentre l’esercizio della competenza penale subiva ulteriori rinvii anche perché subordinato alla necessità di attua- zione di altre importanti riforme (depenalizzazione dei reati minori, giudice unico di primo grado).

Avviata la riforma del giudice unico di primo grado, è stato emanato il decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274, che ha dato attuazione alla legge delega n. 468/99 sulla competenza penale al giudice di pace.

3.1.2. Procedimento penale dinanzi al giudice di pace

È da premettere che il procedimento penale innanzi al giudice di pace, in relazione al principio stabilito dall’art.17 della legge delega 24.11.1999, n.468, è disciplinato, tenendo conto delle norme riguardanti il procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica, con le massime semplificazioni rese necessarie dalla competenza dello stesso giudice.

Si riportano, in sintesi, le innovazioni più rilevanti intervenute nella nor- mativa processuale penale a seguito dell’attribuzione della competenza penale al giudice di pace e che caratterizzano il procedimento stesso.

A) Funzioni giudiziarie Sono svolte: a) dal procuratore della Repubblica presso il tribunale nel cui circondario

ha sede il giudice di pace; b dal giudice di pace (art.1).

B) Normativa applicabile si osservano, in quanto applicabili, per tutto ciò che non è previsto nel

decreto legislativo 274/2000, le norme contenute nel codice di procedura penale e nelle norme di attuazione e di coordinamento ad eccezione delle disposizioni di alcuni istituti che, in relazione alla particolarità della nuova disciplina, non trovano attuazione o sono regolamentati diversamente (inci- dente probatorio, arresto in flagranza e fermo di indiziato di delitto, misure cautelari, proroga del termine delle indagini, udienza preliminare, procedi- menti speciali) (art.2).

C) Competenza • per materia: sono attribuiti al giudice di pace reati di microconflittualità

individuale (ingiurie, minacce, lesioni semplici, alcune ipotesi di furto a querela) e le contravvenzioni di agevole accertamento previste dal C.P. e da leggi speciali (art.4);

• per territorio: giudice del luogo in cui il reato è stato consumato; giudice di pace del luogo ove ha sede il tribunale del circondario in cui è

compreso il giudice territorialmente competente per gli atti da compiere nella fase delle indagini preliminari (art.5);

• per connessione: è limitata ai soli casi di concorso formale di reati (art.6); è esclusa la connessione fra procedimenti del giudice di pace e procedi- menti di giudici speciali (art.6, co.3).

D) Polizia giudiziaria Le viene restituita l’iniziativa completa delle indagini preliminari. • Acquisisce la notizia di reato;

• compie di propria iniziativa tutti gli atti di indagine necessari per la rico- struzione del fatto e per l’individuazione del colpevole;

• può richiedere al pubblico ministero l’autorizzazione al compimento di accertamenti tecnici irripetibili ovvero di interrogatori o di confronti cui partecipi la persona sottoposta ad indagini, nonché di perquisizioni e sequestri nei casi in cui non può procedervi di iniziativa; atti che posso- no essere autorizzati dal PM, se questi non ritiene di svolgere personal- mente le indagini;

• trasmette immediatamente gli originali dei verbali degli atti autorizzati dal PM ai quali il difensore ha diritto di assistere alla segreteria del PM, nella quale devono essere depositati entro il terzo giorno successivo dal compimento, trattenendone copia;

• riferisce al PM, con relazione scritta, entro il termine di quattro mesi. Il pubblico ministero, tuttavia, prima della trasmissione della relazione, può richiedere alla PG la trasmissione degli atti compiuti.

In caso di fondatezza della notizia di reato • enuncia nella relazione il fatto, in forma chiara e precisa, con l’indica-

zione degli articoli di legge che si assumono violati e richiede al PM l’au- torizzazione a disporre la comparizione della persona sottoposta ad inda- gini davanti al giudice di pace (art.11); con la relazione indica il giorno e l’ora in cui ha acquisito la notizia, trasmette al pubblico ministero la documentazione relativa agli atti compiuti, il corpo del reato e le cose pertinenti al reato che non debbano essere custodite altrove;

• procede nello stesso senso anche nei casi di indagini eseguite su richiesta del pubblico ministero che le trasmette le notizie di reato acquisite diret- tamente o ricevute dai privati e gli atti compiuti dallo stesso PM a nor- ma dell’art.13;

• sulla base dell’imputazione formulata dal PM, cita l’imputato dinanzi al giudice di pace (artt.13 e 20); se viene chiesto l’esame di testimoni o con- sulenti tecnici, nella citazione deve indicare, a pena di inammissibilità, le circostanze su cui deve vertere l’esame.

La citazione deve essere sottoscritta da un ufficiale di polizia giudiziaria e deve essere notificata, a cura della stessa polizia giudiziaria, all’imputato, al suo difensore e alla parte offesa almeno trenta giorni prima dell’udienza. La cita- zione deve essere depositata nella segreteria del pubblico ministero unitamen- te al fascicolo contenente la documentazione relativa alle indagini espletate, il corpo del reato e le cose pertinenti al reato, qualora non debbano essere custo- diti altrove (art.20).

E) Notizia di reato È iscritta dal PM nel registro a seguito della trasmissione della relazione

della PG o anche prima di averla ricevuta, fin dal primo atto di indagine svol- to personalmente (art.14).

Il pubblico ministero ricevuta la relazione, se non richiede l’archiviazione, esercita l’azione penale formulando l’imputazione e autorizzando la citazione dell’imputato. Se ritiene necessario il compimento di ulteriori indagini, può svolgerle direttamente o avvalersi della polizia giudiziaria impartendole diret- tive o deleghe specifiche.

F) Durata delle indagini preliminari È di quattro mesi dall’iscrizione della notizia di reato; le indagini possono

essere prorogate per una sola volta e per un periodo non superiore a due mesi (art.16).

G) Ricorso della persona offesa Per i reati perseguibili a querela è possibile la citazione a giudizio della per-

sona alla quale il reato è attribuito, su ricorso della persona offesa (art.21). La presentazione del ricorso produce gli stessi effetti della querela. In questo caso la costituzione di parte civile deve avvenire, a pena di decadenza, con la pre- sentazione del ricorso (art.23).

H) Udienza di comparizione e conciliazione fra le parti È un’udienza analoga a quella prevista per il giudizio davanti al tribunale

in composizione monocratica per i reati che non richiedono l’udienza prelimi- nare. Ha lo scopo di favorire la conciliazione fra le parti e di evitare di proce- dere al dibattimento. A tal fine il giudice può rinviare l’udienza per un perio- do non superiore a due mesi.

L’udienza di comparizione consente, inoltre, al giudice di verificare la regolarità delle notifiche dell’atto di citazione a giudizio e di conoscere l’og- getto del processo anche ai fini di poter decidere sull’eventuale riunione dei processi. A tal proposito il pubblico ministero e la persona offesa (nel caso di ricorso immediato al giudice) devono depositare nella cancelleria del giudice di pace l’atto di citazione a giudizio con le relative notifiche almeno sette gior- ni prima della data fissata per l’udienza.

In questa fase, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento, l’im- putato può presentare domanda di oblazione (art.29).

I) Archiviazione per fatto di particolare tenuità Il procedimento è archiviato se il fatto è di particolare tenuità e se non risul-

ta un interesse della persona offesa alla prosecuzione del procedimento (art.34).

J) Estinzione del reato per riparazione del danno Il reato è dichiarato estinto quando l’imputato dimostra di aver provvedu-

to alla riparazione del danno cagionato prima dell’udienza di comparizione (art.35).

K) Funzioni di P.M in udienza dibattimentale Sono svolte, per delega del procuratore della Repubblica, da uditori giudi-

ziari, da vice procuratori onorari addetti all’ufficio, da ufficiali di polizia giu- diziaria diversi da coloro che hanno preso parte alle indagini preliminari, o da laureati in giurisprudenza che frequentano il secondo anno della scuola bien- nale di specializzazione per le professioni legali.

L) Udienza dibattimentale Nell’udienza dibattimentale l’esame dei testimoni, dei periti, dei consulen-

ti tecnici e delle parti private, su accordo delle parti, può essere condotto dal giudice sulla base delle domande e delle contestazioni proposte dal pubblico ministero e dai difensori.

Il verbale, di regola, è redatto solo in forma riassuntiva. La motivazione del- la sentenza è redatta dal giudice in forma abbreviata e depositata nel termine di quindici giorni dalla lettura del dispositivo (art.32).

M) Sanzioni inflitte dal giudice di pace con la sentenza di condanna Il giudice di pace non può applicare sanzioni detentive; può infliggere pene

pecuniarie - multa o ammenda non superiore a 5 milioni; nei casi più gravi può disporre l’obbligo di permanenza domiciliare nei fine settimana presso l’abita- zione del condannato o altro luogo di privata dimora o di cura, sostituibile, su richiesta del condannato, con una prestazione di attività lavorativa di pubblica utilità (art.52). La durata della permanenza domiciliare non può essere infe- riore a sei giorni né superiore a quarantacinque. Il condannato non è conside- rato in stato di detenzione.

Il lavoro di pubblica utilità non può essere inferiore a dieci giorni né supe- riore a sei mesi. Consiste nella prestazione di attività non retribuita in favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato. L’attività comporta la prestazione di non più di sei ore di lavoro settimanale da svolgere con modalità e tempi che non pregiudichino le esigenze di lavoro, di studio, di famiglia e di salute del condannato. A richiesta il giudice può ammettere il con- dannato a svolgere il lavoro per un tempo superiore alle sei ore la cui durata, però, non può oltrepassare le otto ore.

Ai fini del computo della pena, un giorno di lavoro di pubblica utilità con- siste nella prestazione, anche non continuativa, di due ore di lavoro (art.54).

N) Vigilanza e sanzioni La vigilanza sull’osservanza spetta all’ufficio di pubblica sicurezza del luo-

go di esecuzione della pena o, in mancanza, al Comando dell’Arma dei Cara- binieri territorialmente competente (art.59).I controlli sono annotati su un registro nominativo.

Il condannato che viola gli obblighi stabiliti è punito con la reclusione fino ad un anno.

Giudice dell’esecuzione è il giudice di pace che ha emesso il provvedimento.

O) Impugnazioni Contro le sentenze di condanna del giudice di pace possono proporre

appello: • Il pubblico ministero e l’imputato contro le sentenze che applicano una

pena diversa da quella pecuniaria. • Il solo pubblico ministero contro le sentenze di proscioglimento per rea-

ti puniti con pena alternativa. • L’imputato anche contro le sentenze che applicano una pena pecuniaria,

se impugna il capo relativo alla condanna, anche generica, al risarcimen- to del danno (art.38).

Competente per il giudizio di appello è il tribunale in composizione mono- cratica del circondario in cui ha sede il giudice di pace che ha emesso la sen- tenza impugnata (art.39).

Sia il pubblico ministero che l’imputato possono proporre ricorso per cas- sazione.

3.2. Pretore

Dal 2 giugno 1999 è stata data efficacia al Dlgs 51/98, per cui l’ufficio del pretore è stato soppresso e le relative competenze sono state trasferite al tri- bunale ordinario.

Dalla medesima data non esistono più: la sezione dei GIP presso la pretu- ra circondariale, la procura della Repubblica presso la pretura circondariale e la sezione di polizia giudiziaria presso tale procura. Detti uffici sono stati uni- ficati con quelli presso il tribunale.

3.3. Tribunale ordinario

Con l’attuazione della legge delega n. 254/97, le funzioni del tribunale ordi- nario subiscono varie innovazioni dovute alla sua trasformazione in giudice unico di primo grado.

Il tribunale ordinario: • continua ad avere sede in ogni capoluogo di circondario; può essere costi-

tuito in più sezioni di cui una riguardante i giudici incaricati dal codice di procedura penale per le fasi delle indagini preliminari e per l’udienza preliminare (GIP o GUP);

• continua ad esercitare la giurisdizione in primo grado e in appello, ma, in quest’ultimo caso, soltanto contro le sentenze del giudice di pace in materia civile e penale essendo stato soppresso l’ufficio del preto- re (5); competente per il giudizio di appello in materia penale è il tri- bunale del circondario in cui ha sede il giudice di pace; il tribunale giudica in composizione monocratica (art. 39 D.lgs. 28 agosto 2000, n. 274);

• è diretto dal presidente del tribunale e ad esso sono addetti più giudici; possono essere addetti uno o più presidenti di sezione;

• in materia civile e penale, è giudice unico di primo grado in composizio- ne monocratica e, nei casi previsti dalla legge, in composizione collegia- le; le funzioni già esercitate dall’ufficio del pretore sono attribuite al tri- bunale ordinario; quando giudica in composizione collegiale decide con il numero invaria- bile di tre componenti; sull’applicazione delle misure di prevenzione e patrimoniali continua a giudicare sempre in composizione collegiale. Quando decide con tale forma, la presidenza del collegio è assunta dal presidente del tribunale o da un presidente di sezione o dal magistrato più elevato in qualifica o dal più anziano pari qualifica componente il collegio; esercita le funzioni di giudice tutelare che erano precedentemente svolte dal pretore; esercita, nei modi stabiliti dalla legge, le altre funzioni ad esso deferite; nei comuni indicati nella tabella B annessa all’ordinamento giudiziario sono istituite sezioni distaccate con la circoscrizione stabilita per ciascu- na di esse; possono essere addetti giudici onorari nominati, su istanza degli interes- sati, con decreto del ministro della giustizia, in conformità alla delibera- zione del consiglio superiore della magistratura (CSM) su proposta del

––––––––––– (5) L’appello contro le sentenze del pretore, emesse anteriormente alla data di efficacia del Dlgs

51/98 e non ancora impugnate a tale data da alcuna delle parti, si propone alla corte d’appello (art. 134 Dlgs 51/98).

consiglio giudiziario competente per territorio; questi devono essere in possesso di particolari requisiti (6).

3.3.1. Giudici onorari

L’applicazione dei magistrati onorari è limitata fino a quando non sarà attuato il complessivo riordino del ruolo e delle funzioni della magistratura onoraria e comunque non oltre cinque anni dalla data di efficacia del D.lgs. 51/98.

I giudici onorari, alla pari di quelli ordinari, svolgono il lavoro giudiziario loro assegnato dal presidente del tribunale o dal giudice che dirige la sezione.

Il loro impiego in udienza, di regola è limitato nei soli casi di impedimen- to o di mancanza dei giudici ordinari.

Nell’assegnazione del lavoro è seguito il criterio di non affidare ai giudici onorari, nella materia penale, le funzioni di G.I.P. e G.U.P. nonché la tratta- zione di procedimenti diversi da quelli previsti dall’art. 550 del codice di pro- cedura penale (mod. apportata dall’art. 3-bis della legge 5 giugno 2000, n. 144).

La nomina a giudice onorario ha la durata di quattro anni e può essere riconfermata, alla scadenza, per una sola volta e per un uguale periodo.

Per l’esercizio delle funzioni di giudice onorario, oltre alle incompatibilità di carattere generale (7), ne sono previste altre particolari. Infatti, gli avvocati e

––––––––––– (6) Per la nomina dei giudici onorari è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: a) cittadinanza italiana; b) esercizio dei diritti civili e politici; c) idoneità fisica e psichica; d) età non inferiore a trenta anni, fatta eccezione per coloro che esercitano la professione di

avvocato o le funzioni notarili, e non superiore a sessantasei anni; e) residenza in un comune compreso nel distretto in cui ha sede l’ufficio giudiziario per il qua-

le è presentata domanda, fatta eccezione per coloro che esercitano la professione di avvocato o le funzioni notarili;

f) laurea in giurisprudenza; g) non avere riportato condanne per delitti non colposi o a pena detentiva per contravvenzioni

e non essere sottoposto a misure di prevenzione o di sicurezza. (7) Incompatibilità Non possono esercitare le funzioni di giudice onorario di tribunale: a) i membri del parlamento nazionale ed europeo, i membri del Governo, i titolari di cariche

elettive ed i membri delle giunte degli enti territoriali, i componenti degli organi deputati al con- trollo sugli atti degli stessi enti ed i titolari della carica di difensore civico;

b) gli ecclesiastici e i ministri di confessioni religiose; c) coloro che ricoprono o hanno ricoperto nei tre anni precedenti incarichi , anche esecutivi,

nei partiti politici; d) gli appartenenti ad associazioni i cui vincoli siano incompatibili con l’esercizio indipendente

della funzione giurisdizionale; e) coloro che svolgono o abbiano svolto, nei tre anni precedenti attività professionale non occa-

sionale per conto di imprese di assicurazione o bancarie, ovvero per istituti o società di intermedia-

i praticanti ammessi al patrocinio non possono esercitare la professione foren- se dinanzi agli uffici giudiziari compresi nel circondario del tribunale presso il quale svolgono le funzioni di giudice onorario e non possono rappresentare o difendere le parti nelle fasi successive, in procedimenti svoltisi dinanzi ai mede- simi uffici. Il giudice onorario, inoltre, non può assumere l’incarico di consu- lente, perito o interprete nei procedimenti che si svolgono dinanzi agli uffici giudiziari compresi nel circondario del tribunale presso il quale esercita le fun- zioni giudiziarie (art. 42 quater R.D. 30 gennaio 1941, aggiunto dall’art. 8 del Dlgs. 19 febbraio 1998, n. 51).

3.3.2. Tribunale ordinario provinciale

Il tribunale ordinario in composizione collegiale, avente sede nel capoluo- go di provincia, è competente a decidere sull’appello contro le ordinanze in materia di sequestro preventivo e contro il decreto di revoca del sequestro emesso dal P.M.

Il tribunale provinciale è competente sull’applicazione delle misure di pre- venzione personali e patrimoniali.

3.3.3. Tribunale ordinario del capoluogo di distretto di corte di appello

Il tribunale del luogo nel quale ha sede la corte di appello o la sezione distaccata della corte di appello, nella cui circoscrizione è compreso l’ufficio del giudice che ha emesso l’ordinanza, è competente sulle richieste dei prov- vedimenti riguardanti la libertà personale (tribunale della libertà) e, in sede di appello, sui ricorsi avverso le misure interdittive (art. 309 CPP modif. dall’art. 2 del D.L. 553/1996 conv. con modif. dalla legge 652/1996).

Il tribunale del capoluogo del distretto di corte d’appello, competente per territorio, è deputato per i reati commessi dal Presidente del Consiglio e dai Ministri, nell’esercizio delle loro funzioni e in concorso con gli stessi da altre persone (art. 11 legge Cost. /le n. 1 del 16 gennaio1989).

3.4. Tribunale per i minorenni

Il tribunale per i minorenni è istituito in ogni sede di corte di appello o di sezione distaccata di corte di appello; ha competenza a decidere su tutti i pro-

––––––––––– zione finanziaria, nonché coloro il cui coniuge, figlio, fratello o altra persona con essi convivente esercita stabilmente tale attività;

f) i lavoratori dipendenti, pubblici e privati, salva la possibilità di richiedere la nomina condi- zionata all’estinzione del rapporto di lavoro subordinato entro il termine perentorio di sessanta gior- ni dalla comunicazione del decreto di nomina.

cedimenti penali per i reati commessi da minori degli anni diciotto. Si compo- ne di un magistrato di corte d’appello che lo presiede, di un magistrato di tri- bunale e di due cittadini, un uomo e una donna, benemeriti dell’assistenza sociale, scelti fra i cultori di biologia, di psichiatria, di antropologia criminale, di pedagogia, che abbiano compiuto il trentesimo anno di età; agli stessi è con- ferito il titolo di giudice onorario di tribunale per i minorenni. Possono essere nominati due o più supplenti.

In ogni tribunale per i minorenni uno o più magistrati sono incaricati, come giudici singoli, dei provvedimenti previsti dal codice di procedura pena- le per la fase delle indagini preliminari (G.I.P. o G.U.P.).

Nell’udienza preliminare il tribunale per i minorenni giudica composto da un magistrato e da due giudici onorari, un uomo e una donna, dello stesso tribunale.

Giudice di secondo grado nei confronti delle decisioni emesse dal tribunale per i minorenni è la corte di appello per i minorenni integrata da due esperti.

3.5. Corte d’assise

La corte d’assise è giudice collegiale di 1° grado; si compone di otto giudi- ci, sei dei quali sono giudici popolari scelti fra i cittadini aventi i requisiti di leg- ge (8); gli altri due sono magistrati di carriera di cui uno è magistrato del distret- to scelto fra quelli aventi funzioni di appello, che la presiede, e l’altro è magi- strato del distretto con funzioni di magistrato di tribunale (art. 3 legge 10 apri- le 1951 n. 287). La corte d’assise ha come circoscrizione il circolo.

3.6. Corte d’appello

La corte d’appello è giudice collegiale di 2° grado; si compone di tre magi-

––––––––––– (8) I giudici popolari delle corti di assise devono essere in possesso dei seguenti requisiti: citta-

dinanza italiana e godimento dei diritti civili e politici; buona condotta morale, età non inferiore a 30 anni e non superiore a 65 anni; titolo finale di studi di scuola media di qualsiasi tipo.

Per i giudici popolari delle corti d’assise d’appello, oltre ai requisiti di cui sopra, occorre il pos- sesso del titolo finale di studi di scuola media di secondo grado, di qualsiasi tipo.

L’ufficio di giudice popolare è obbligatorio ed è parificato, a tutti gli effetti, all’esercizio delle funzioni pubbliche elettive.

I giudici popolari delle corti di assise e delle corti di assise di appello, durante il tempo in cui prestano servizio effettivo, sono parificati, rispettivamente, ai magistrati di tribunale ed ai consiglie- ri di corte di appello nell’ordine delle precedenze nelle funzioni e cerimonie pubbliche.

Non possono assumere l’ufficio di giudice popolare: i magistrati e, in genere, i funzionari in atti- vità di servizio appartenenti o addetti all’ordine giudiziario; gli appartenenti alle forze armate dello Stato ed a qualsiasi organo di polizia, anche se non dipendente dallo Stato, in attività di servizio, i ministri di qualsiasi culto e i religiosi di ogni ordine e congregazione (artt. 9, 10, 11 e 12 legge 10 aprile 1951, n. 287).

strati togati uno dei quali ha le funzioni di presidente. Ha come circoscrizione il distretto risultante dalla somma di più circondari; esercita la giurisdizione nelle cause d’appello delle sentenze pronunciate in primo grado dai tribunali in materia civile e penale e dai pretori in materia penale contro le sentenze anteriormente alla data di efficacia del Dlgs 51/98 – art.134 Dlgs 51/98. Eser- cita, inoltre, funzioni di appello sulle sentenze pronunciate dal giudice delle indagini preliminari e sull’impugnazione delle sentenze di non luogo a proce- dere nell’udienza preliminare.

Una sezione della corte d’appello giudica sulle impugnazioni dei provvedi- menti del tribunale per i minorenni integrata da due esperti, un uomo ed una donna, aventi gli stessi requisiti di quelli che si occupano del processo di pri- mo grado (art. 58 Ord. Giud.).

La corte d’appello è competente, anche, in materia di revisione. La sede della Corte d’appello è individuata sulla base della tabella A allegata alle nor- me di attuazione del c.p.p. (art. 633 c.p.p., modificato dall’art. 1 della legge 23 novembre 1998, n. 405 - v. nota 27).

3.7. Corte d’assise d’appello

La corte d’assise d’appello è giudice collegiale di 2° grado; ha sede in ogni distretto di corte d’appello. Giudica in seconda istanza sull’appello proposto avverso le sentenze e gli altri provvedimenti emessi dalle corti di assise e dal G.I.P. o dal G.U.P. relativamente ai reati di competenza delle corti d’assise (art. 4 legge 10 aprile 1951, n. 287). Essa si compone di otto magistrati, sei popolari e due togati (9), di cui uno con funzioni di presidente di sezione di corte d’appello che la presiede e l’altro, magistrato di corte d’appello, quale giudice a latere.

3.8. Corte di cassazione

La corte di cassazione è giudice collegiale di 3° grado. Essa, quale organo supremo della giustizia, assicura l’esatta osservanza e l’uniforme interpretazio- ne della legge, l’unità del diritto oggettivo nazionale, il rispetto dei limiti delle diverse giurisdizioni, regola i conflitti di competenza e di attribuzioni ed adem- pie gli altri compiti ad essa conferiti dalla legge. La corte suprema di cassazio- ne ha sede in Roma ed ha giurisdizione su tutto il territorio dello Stato. Essa giudica a sezioni singole e a sezioni unite. Quando decide a sezioni singole, giu-

––––––––––– (9) In materia di requisiti richiesti per i giudici popolari vedi nota n. 9 riguardante la corte d’assise.

dica con il numero invariabile di cinque votanti di cui uno è presidente. Quan- do decide a sezioni unite giudica con il numero invariabile di nove magistrati di cui uno è presidente.

3.9. Costituzione del giudice e incompatibilità

È stato già affermato che il giudice, nel procedimento, esercita una funzio- ne di terzietà quale garanzia di imparzialità e indipendenza nel rispetto dei principi costituzionali.

In virtù di ciò, il giudice, per poter validamente svolgere la sua funzione, deve essere costituito in maniera legale e non deve trovarsi in situazioni di incompatibilità.

La legalità può essere dedotta in relazione ai seguenti requisiti: a) che sia stato nominato a quell’ufficio in conformità di quanto prescri-

vono gli articoli 8 e 121 dell’ordinamento giudiziario (10); b) che sia idoneo ad esercitare le sue funzioni; c) che il numero, per i giudici collegiali, sia conforme a quello dalla legge

stabilito. Affinché il giudice possa esercitare la sua funzione in forma imparziale e

serena, oltre all’importante requisito della legalità, come è stato già accennato, è necessario che lo stesso si venga a trovare in condizioni ideali; condizioni che potrebbero venire meno per la sua particolare relazione con l’oggetto del proces- so, con gli altri giudici, con le parti del processo (v. anche art. 16 e ss. Ord. Giud.).

Alcune di tali incompatibilità derivano, proprio, riguardo alla competenza funzionale del giudice. Infatti, l’aver svolto funzioni giurisdizionali o di magi- strato del Pubblico Ministero in una fase o in un grado del procedimento, comporta, automaticamente, incompetenza in altre fasi o in altri gradi dello stesso procedimento. Ciò trova conferma nei vari pronunciamenti della Corte Costituzionale, chiamata più volte a decidere sulla questione. La Suprema Cor- te, in più riprese, ha dichiarato l’illegittimità dell’art. 34, 2° comma, del CPP. Per ovviare a tale problema il legislatore, più volte, ha modificato l’art.34,

––––––––––– (10) Art. 8 R.D. 30 gennaio 1941 n. 12 - Requisiti per l’ammissione a funzioni giudiziarie. Per

essere ammesso a funzioni giudiziarie è necessario: essere cittadino italiano; avere l’esercizio dei diritti civili; avere sempre tenuto illibata condotta civile, morale e politica; possedere gli altri requisiti previsti dalla legge per le varie funzioni. Art. 121 R.D. 30 gennaio 1941 n.12 - Ammissione a funzioni giudiziarie. Per essere ammesso a

funzioni giudiziarie nella magistratura giudicante o nel pubblico ministero è necessario aver compiu- to un tirocinio in qualità di uditore giudiziario, salvo le ammissioni straordinarie previste dall’art. 122.

2°comma, e da ultimo con la legge 16 dicembre 1999 n. 479, aggiungendovi i commi 2-bis e 2-ter nei quali vengono meglio specificati i casi di incompatibi- lità determinati da atti compiuti nel procedimento (11).

Si tratta, quindi, dei seguenti casi di incompatibilità: • il giudice che ha pronunciato o ha concorso a pronunciare sentenza in un

grado del procedimento non può esercitare funzioni negli altri gradi, né partecipare al giudizio di rinvio dopo l’annullamento o al giudizio per revi- sione; tali disposizioni non si applicano al giudice che abbia provveduto all’assunzione dell’incidente probatorio o comunque adottato uno dei provvedimenti previsti in proposito dal titolo VII del libro quinto (art. 34 del CPP, modificato dall’art. 2- quater della legge 5 giugno 2000, n. 144);

• il giudice che ha emesso il provvedimento conclusivo dell’udienza preli- minare o ha disposto il giudizio immediato o ha emesso il decreto pena- le di condanna o ha deciso sull’impugnazione avverso la sentenza di non luogo a procedere, non può partecipare al giudizio;

• il giudice che nel medesimo procedimento ha esercitato funzioni di giudice per le indagini preliminari non può emettere il decreto penale di condanna, né tenere l’udienza preliminare; inoltre, anche fuori dei casi previsti al secondo punto, non può partecipare al giudizio (art. 34 CPP, modificato dall’art. 171 del Dlgs. 51/98 e dall’art. 11 della legge 16 dicembre 1999, n. 479).

Queste ultime disposizioni non si applicano al giudice che nel medesimo procedi- mento abbia adottato uno dei seguenti provvedimenti:

a) le autorizzazioni sanitarie relative ai trasferimenti dagli istituti penitenziari in ospe- dali civili o in altri luoghi di cura di condannati, internati o imputati per cure o accertamenti diagnostici che non possono essere apprestati dai servizi sanitari degli istituti previste dall’art. 11 della legge 26 luglio 1975,n. 354;

b) i provvedimenti relativi ai permessi di colloquio, alla corrispondenza telefonica e al visto di controllo sulla corrispondenza previsti dall’art. 18 della legge 26 luglio

––––––––––– (11) La Corte Costituzionale, in più riprese, aveva dichiarato l’illegittimità dell’art. 34- 2°co. del

c.p.p. nella parte in cui non prevedeva che non potessero occuparsi del successivo giudizio i giudi- ci che avessero svolto funzioni di GIP emettendo ordinanza di rinvio a giudizio dopo aver rigettato la richiesta di archiviazione da parte del P.M. o di rigetto di applicazione della pena concordata con il P.M. o della domanda di oblazione o che avessero applicato una misura cautelare personale o del giudice che avesse fatto parte del collegio del tribunale del riesame o dell’appello in tema di misure cautelari personali nei confronti dell’indagato o dell’imputato su aspetti non esclusivamente forma- li (si vedano sentenze: 15-26 1990, n. 496; 4-12 novembre 1991, n. 401; 19-30 dicembre 1991, n. 502, 16-25 marzo 1992, n. 124; 13-22 aprile 1992, n. 186; 17-26 ottobre 1992, n. 399; 2-16 dicembre 1993, n. 439; 15-30 dicembre 1993, n. 453; 15-30 dicembre 1994, n. 455; 6-15 settembre 1995, n. 432 e 7-24 aprile 1996, n. 131). Il legislatore, quindi, è intervenuto sull’art. 34 del c.p.p. separando definitivamente le funzioni del giudice delle indagini preliminari e dell'udienza preliminare (v. art. 171 Dlgs. 51/98 e art. 11 legge 16 dicembre 1999, n. 479).

1975, n. 354; c) i provvedimenti relativi ai permessi concessi ai condannati , internati e imputati nel

caso di imminente pericolo di vita di un familiare o di un convivente previsti dal- l’art. 30 della legge 26 luglio 1975, n.354;

d) i provvedimenti di restituzione nel termine di cui all’art. 175 del CPP (si tratta del- la restituzione del termine degli atti stabilito a pena di decadenza se il PM, le par- ti private e il difensore provano di non averlo potuto osservare per caso fortuito o forza maggiore);

e) il provvedimento che dichiara la latitanza a norma dell’art. 296 del CPP;

• quando ha esercitato funzioni di P.M. o ha svolto atti di polizia giudi- ziaria o ha prestato ufficio di difensore, di procuratore speciale, di cura- tore di una parte ovvero di testimone, perito, consulente tecnico o ha proposto denuncia, querela, istanza o richiesta o ha deliberato o ha con- corso a deliberare l’autorizzazione a procedere (art. 34 c.p.p.);

• non possono esercitare funzioni, anche separate o diverse, giudici che sono tra loro coniugi, parenti o affini fino al secondo grado(12);

• non può esercitare funzione il giudice se ha interesse nel procedimento o se alcuna delle parti private o un difensore è debitore o è creditore di lui, del coniuge o dei figli, se è tutore, curatore, procuratore o datore di lavo- ro di una delle parti private ovvero se il difensore, procuratore o curato- re di una delle parti è prossimo congiunto di lui o del coniuge; se ha dato consigli o manifestato il suo parere sull’oggetto del procedimento fuori dell’esercizio delle funzioni giudiziarie; se vi è inimicizia grave fra lui o un suo prossimo congiunto e una delle parti private; se alcuno dei prossimi congiunti di lui o del coniuge è offeso o danneggiato dal reato o parte privata; se un prossimo congiunto di lui o del coniuge svolge o ha svolto funzioni di P.M.; se esistono altre ragioni di convenienza (art. 36 c.p.p.); (vedi anche 3.31.).

I motivi di incompatibilità, derivanti da ragioni di coniugio o affinità, sus- sistono anche dopo l’annullamento o la cessazione degli effetti civili del matri- monio (artt. 87-4° co. c.c. e 36-2° co. c.p.p.).

3.10. Astensione (art. 36)

L’astensione consiste nella volontaria rinuncia all’esercizio della funzione

––––––––––– (12) Sono affini i parenti dell’altro coniuge (cognati, suocero, nuora, genero, ecc.). Per stabili-

re il grado di affinità si tiene conto del grado di parentela con cui l’affine è legato al coniuge. Così suocero e nuora sono affini in primo grado, i cognati sono affini in secondo grado. Gli affini di un coniuge non sono affini dell’altro coniuge (la moglie di mio cognato non è mio affine). La morte di uno dei coniugi, anche se non vi sia prole, non estingue l’affinità. Questa cessa, invece, in caso di nullità di matrimonio (v. art. 78 c.c.).

giudiziaria determinata da cause di incompatibilità o di ricusazione. È eserci- tata dal giudice interessato con dichiarazione diretta al presidente del tribuna- le o della corte di cui il giudice fa parte, che decide senza formalità (13).

Se l’astensione riguarda il presidente del tribunale su di essa decide il presidente della corte d’appello, su quella del presidente della corte d’ap- pello decreta il presidente della corte di cassazione. Sulla dichiarazione di astensione del giudice di pace decide il presidente del tribunale (art. 10 D.lgs. 274/2000).

L’art. 36 del c.p.p. obbliga il giudice ad astenersi qualora venga a tro- varsi in uno dei casi di incompatibilità fissati nello stesso articolo o in quel- li recanti il numero 34 e 35, già riportati nel paragrafo precedente.

Possono astenersi anche gli organi del P.M.

3.11. Ricusazione (art. 37)

La ricusazione è un importante strumento posto a disposizione delle parti per garantire loro la massima imparzialità e serenità di giudizio.

La ricusazione è l’atto con il quale una parte (Pubblico Ministero, imputa- to, parte civile, responsabile civile e civilmente obbligato per la pena pecunia- ria) tende ad escludere un giudice dall’esercizio delle sue funzioni in un deter- minato procedimento per essersi venuto a trovare in una delle situazioni di incompatibilità o di sospetto espressamente previste dall’art. 36, comma 1 - con esclusione della lettera h) - (art. 37).

La dichiarazione di ricusazione deve essere proposta con atto scritto e pre- sentata, unitamente ai documenti che la comprovano, nella cancelleria del giu- dice competente a decidere, previo deposito di una copia nella cancelleria del- l’ufficio cui è addetto il giudice ricusato. Quando non è fatta personalmente, essa può essere proposta a mezzo del difensore o di un procuratore speciale mediante indicazione, nell’atto di procura, dei motivi della ricusazione (art. 38).

La dichiarazione di ricusazione può essere effettuata nell’udienza prelimi- nare prima che siano conclusi gli accertamenti relativi alla costituzione delle parti, nel giudizio dopo aver compiuto, per la prima volta, l’accertamento del- la costituzione delle parti, in ogni altro caso prima del compimento dell’atto da parte del giudice.

Qualora la causa di ricusazione sia sorta o sia divenuta nota dopo la sca-

––––––––––– (13) Sulla dichiarazione di astensione del pretore, finché le sue funzioni sono rimaste in vigore,

decideva il presidente del tribunale.

denza dei predetti termini, la dichiarazione può essere presentata entro tre giorni; se, invece, essa si è determinata nel corso dell’udienza, deve essere pro- posta, in ogni caso, prima che la stessa sia conclusa.

Fino a che non sia intervenuta l’ordinanza che dichiara inammissibile o rigetta la dichiarazione di ricusazione, il giudice, a cui la stessa si riferisce, non può pronunciare né concorrere a pronunciare sentenza. Fuori dei casi di inam- missibilità della dichiarazione di ricusazione, la corte o il tribunale, può dispor- re, con ordinanza, che il giudice sospenda temporaneamente ogni attività pro- cessuale e si limiti al compimento di atti urgenti.

Competente a decidere sulla ricusazione di un giudice del tribunale o del- la corte d’assise oppure della corte d’assise d’appello è la corte d’appello; su quella di un giudice di quest’ultima decide una sezione della corte stessa diver- sa da quella a cui appartiene il giudice ricusato (art. 40 c.p.p., mod. da art. 173 D. L.vo 19 febbraio 1998, n. 51). Sulla ricusazione del giudice di pace decide la corte d’appello (art. 10 D.lgs. 274/2000).

Con le medesime formalità appena citate decide una sezione della corte di cassazione sulla ricusazione di un giudice di tale organo giudicante.

Per ovvi motivi, non è ammessa la ricusazione nei confronti dei giudici chiamati ad emettere tale decisione.

La dichiarazione di ricusazione è dichiarata inammissibile, con ordinanza ricorribile per cassazione, quando è stata proposta da chi non ne aveva diritto oppure senza l’osservanza dei termini o delle forme previsti, ovvero quando i motivi addotti risultano manifestamente infondati (art. 41).

Qualora, invece, la dichiarazione sia accolta, il giudice non può compiere alcun atto del procedimento e deve essere sostituito con altro magistrato dello stesso ufficio. Con il provvedimento stesso è dichiarato in quale parte gli atti com- piuti precedentemente dal giudice ricusato conservano efficacia (artt. 42 e 43).

La ricusazione del P.M. non è ammessa svolgendo, questi, funzioni di par- te senza alcun potere decisionale.

3.12. Rimessione di procedimento (art. 45-49)

Un altro strumento posto a garanzia dell’indipendenza e dell’imparzialità del giudice è rappresentato dall’ istituto della rimessione di procedimento. Questa può aver luogo in ogni stato e grado del procedimento di merito quan- do gravi situazioni locali, tali da turbare lo svolgimento del processo e non altrimenti eliminabili, pregiudicano la libera determinazione delle persone che partecipano al processo ovvero la sicurezza o l’incolumità pubblica, o deter- minano motivi di legittimo sospetto.

In tali casi il processo penale potrebbe essere gravemente condizionato da motivi ambientali determinando un’influenza negativa sulla necessaria autono-

mia e serenità del giudice. Ai motivi originariamente previsti, la legge 7 novembre 2002, n.248, ha

aggiunto i motivi di legittimo sospetto. La decisione viene adottata dalla Corte di Cassazione, su richiesta motiva-

ta del Procuratore Generale presso la Corte d’appello o del pubblico ministe- ro presso il giudice che procede o dell’imputato. La suprema Corte rimette il processo ad altro giudice designato a norma dell’art.11 (competenza per i pro- cedimenti riguardanti i magistrati). In sostanza il procedimento è rimesso al giudice ugualmente competente che ha sede nel capoluogo del distretto di cor- te d’appello determinato sulla base della tabella A allegata alle norme di attua- zione del c.p.p. (Si veda nota 27 di questo capitolo).

In seguito alla presentazione della richiesta di rimessione il giudice ha facoltà di disporre la sospensione del processo fino a che non sia intervenuta l’ordinanza che dichiara inammissibile o rigetta la richiesta. La sospensione del processo può essere disposta anche dalla Corte di Cassazione. Questa decide in camera di consiglio a norma dell’art.127 dopo aver assunto, se necessario, le opportune informazioni.

Il giudice, tuttavia, è obbligato a sospendere il processo prima dello svolgi- mento delle conclusioni e della discussione e non può pronunciare il decreto che dispone il giudizio o la sentenza quando ha avuto notizia dalla Corte di Cassazione che per la richiesta di rimessione non è stata rilevata alcuna causa di inammissibilità e che questa è stata assegnata alle sezioni unite ovvero a sin- gole sezioni per la decisione. L’ordinanza che accoglie la richiesta è comunica- ta senza ritardo al giudice che procede e a quello designato.

Il giudice designato, se vi è richiesta da una delle parti e non si tratta di atti di cui è divenuta impossibile la ripetizione, procede alla rinnovazione degli atti com- piuti anteriormente al provvedimento che ha accolto la richiesta di rimessione.

Anche quando la richiesta è stata accolta, il pubblico ministero o l’imputa- to può chiedere un nuovo provvedimento per la revoca di quello precedente o per la designazione di altro giudice.

Nonostante sia intervenuta l’ordinanza che rigetta o dichiara inammissibi- le per manifesta infondatezza la richiesta di rimessione, questa può essere nuo- vamente proposta purchè fondata su elementi nuovi. Può essere, inoltre, sem- pre riproposta la richiesta dichiarata inammissibile per motivi diversi dalla manifesta infondatezza.

Il rigetto o l’inammissibilità della richiesta delle parti private può compor- tare la condanna al pagamento a favore della Cassa delle ammende di una som- ma da 1.000 a 5.000 euro, sanzione che è inflitta dalla stessa Corte di Cassa- zione con la medesima ordinanza.

4. Competenza (artt. 4-12)

La competenza è la sfera entro la quale il giudice può esercitare la propria giurisdizione.

La competenza può essere determinata in relazione alla materia, al territo- rio, alla funzione e alla connessione.

5. Competenza per materia (artt. 5-7)

La competenza per materia possiamo definirla come il potere-dovere di un giudice di decidere su un determinato reato in relazione alla sua natura, alla quantità della pena stabilita per esso e alla gravità del reato stesso.

L’art. 4 afferma che per determinare la competenza si ha riguardo alla pena stabilita dalla legge per ciascun reato consumato o tentato (14). Non si tiene conto della continuazione, della recidiva e delle circostanze del reato, fatta eccezione delle circostanze aggravanti per le quali la legge stabilisce una pena di specie diversa da quella ordinaria e di quelle ad effetto speciale (15).

5.1. Competenza della corte d’assise (art. 5)

In relazione all’art. 5 del c.p.p., modificato dall’art.1 del D.L. 22 febbraio 1999, n. 43, conv.con mod. in legge 21 aprile 1999, n. 109, la corte di assise è competente:

a) per i delitti per i quali la legge stabilisce la pena dell’ergastolo o della reclusione (16) non inferiore nel massimo a ventiquattro anni, esclusi i delitti di tentato omicidio, di rapina e di estorsione, comunque aggrava- ti e i delitti previsti dall’art. 630, 1° comma, del c.p. e dal Decreto del Presidente della Repubblica 9.10.1990, n. 309 (17);

––––––––––– (14) Il reato è completamente consumato quando la figura descritta dal legislatore nella norma

penale si è realizzata. Il reato è tentato quando l’attività esecutiva non si realizza per cause soprav- venute indipendenti dalla volontà dell’agente; vedi B. BUZZANCA, Il Codice Penale in relazione ai compiti della PG, capitolo IV.

(15) La continuazione, la recidiva e le circostanze del reato hanno un’influenza diretta sull’ag- gravamento o diminuzione della pena (v. artt. 81 e 99 C.P.).

Sono circostanze ad effetto speciale quelle che importano un aumento o una diminuzione di pena superiore ad 1/3 (art. 63 C.P. modificato dall’art. 5 della legge 31 luglio 1984 n. 400).

(16) L’ergastolo e la reclusione sono pene detentive per i delitti. L’ergastolo è pena perpetua; la reclusione può avere durata da 15 giorni a 24 anni. Tali argomenti possono essere approfonditi in Il Codice Penale in relazione ai compiti della PG di B. BUZZANCA.

(17) L’art. 630 comma 1 del c.p. si riferisce al sequestro di persona a scopo di rapina o di estor- sione nella forma semplice.

b) per i delitti consumati riguardanti l’omicidio del consenziente (art. 579 c.p.), istigazione o aiuto al suicidio (art. 580 c.p.), omicidio preterinten- zionale (art. 584 c.p.), riduzione in schiavitù (art. 600 c.p.), tratta e com- mercio di schiavi (art. 602 c.p.);

c) per ogni delitto doloso se dal fatto è derivata la morte di una o più per- sone escluse le ipotesi previste dagli articoli del c.p. 586 (morte come conseguenza di altro delitto), 588 (morte a seguito di rissa), 593 (morte per omissione di soccorso);

d) per i delitti previsti dalle leggi di attuazione della XII disposizione fina- le della Costituzione (riorganizzazione del disciolto partito fascista), dal- la legge 9 ottobre 1967, n. 962 (prevenzione e repressione dei delitti di genocidio) e nel titolo I del libro II del codice penale (delitti contro la personalità dello Stato), sempre che, per tali delitti, sia stabilita la pena della reclusione non inferiore nel massimo a dieci anni (18).

5.2. Competenza del pretore

Dal 2 giugno 1999, data di entrata in vigore della riforma del giudice unico di primo grado, l’ufficio del pretore è soppresso e i reati già di sua competenza sono trasferiti in quella del tribunale ordinario in composizione monocratica.

I reati di competenza del pretore erano previsti dall’art. 7 del c.p.p. che, con l’attuazione della legge 254/97, è stato abrogato (19).

––––––––––– Il DPR 9 ottobre 1990 n. 309 riguarda il Testo Unico delle leggi in materia di disciplina degli

stupefacenti. Con questa disposizione sono stati esclusi dalla competenza della corte d'assise i delitti di rapi-

na e di estorsione comunque aggravati. (18) Si tratta dei delitti previsti dai seguenti articoli del codice penale: 241, 242, 243, 244, 246, 247,

250, 251 1° co., 252, 253, 2°co., 255, 2°co., 256, 1°e 4° co., 257, 258, 259, 2°co, 260, 2°co., 261, 262, 2° e 5° co. ultima parte, 263, 2° co., 265, 2° e 3° co., 267, 2° e 3° co., 270, 1° e 2° co., 270- bis, 1° co., 276, 277, 280, 283, 284, 285, 286, 287, 289, 289- bis, 295, 296, 298, 305, 306, 1° e 3° co.

(19) [(Competenza del pretore). Il pretore è competente per i reati per i quali la legge stabili- sce una pena detentiva non superiore nel massimo a quattro anni ovvero una pena pecuniaria sola o congiunta alla predetta pena detentiva.

È altresì competente, qualunque ne sia la pena prevista, per i seguenti reati: violenza o minaccia ad un pubblico ufficiale prevista dall’art. 336, comma 1, del c.p.; resistenza ad un pubblico ufficiale prevista dall’art. 337 c.p.; oltraggio ad un magistrato in udienza aggravato a norma dell’art. 343, comma 2, del c.p.; violazione di sigilli aggravata a norma dell’articolo 349, comma 2, del c.p.; favoreggiamento reale previsto dall’art. 379 c.p.; maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli dai quali non derivi una lesione personale grave o la

morte (art. 572, 2°co., c.p.); rissa aggravata a norma dell’art. 588, co 2°; c.p., con esclusione delle ipotesi in cui nella rissa

taluno sia rimasto ucciso o abbia riportato lesioni gravi o gravissime;

5.3. Competenza del giudice di pace

a) Competenza civile La competenza del giudice di pace in materia civile è fissata nell’art. 7 del

CPC. In particolare in tale norma è precisato che il giudice di pace è competente: • per le cause relative a beni mobili di valore non superiore a lire cinque

milioni, quando dalla legge non sono attribuite alla competenza di altro giudice;

• per le cause di risarcimento del danno prodotto dalla circolazione di vei- coli e di natanti, purché il valore della controversia non superi lire tren- tamilioni;

• per le cause di opposizione alle ingiunzioni di cui alla legge 24.11.1981, n.689.

b) Competenza penale All’ art.1 di tale normativa è stabilito che il giudice di pace esercita la giu-

risdizione in materia civile e penale e la funzione conciliativa in materia civile secondo le norme della stessa legge.

La competenza penale, però, pur essendo prevista dal capo III della legge istitutiva (artt. 35, 36 e 37 ora abrogati), la cui entrata in vigore doveva avve- nire per il 1° gennaio 1994, di fatto non è stata mai attuata, poiché subordina- ta alla necessità di adeguamento di altri impianti legislativi interessati quali la disciplina sanzionatoria del C.P., il diritto processuale penale che doveva esse- re adeguato alla istituzione del giudice unico di primo grado.

Dopo l’avvio della riforma del giudice unico di primo grado, non si pote- va più rinviare l’attribuzione della competenza penale al giudice di pace dovendogli affidare un certo numero di reati di non elevato allarme sociale (c.d. reati bagatellari), perciò con legge 24 novembre 1999, n. 468, che modi- fica la legge 21 novembre 1991, n. 374, è stata data delega al governo di adot- tare, entro otto mesi dalla data di entrata in vigore della legge stessa, un decre- to legislativo concernente la competenza penale del giudice di pace, nonché il relativo procedimento e l’apparato sanzionatorio ad esso devoluti, unitamen- te alle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie, secondo i princi- pi e i criteri direttivi previsti dagli articoli 15, 16 e 17 della legge medesima.

––––––––––– omicidio colposo previsto dall’art. 589 c.p.; violazione di domicilio aggravata perché commessa con violenza sulle cose o alle persone o da

persona palesemente armata; furto aggravato a norma dell’art. 625 del c.p.; truffa aggravata a norma dell’art. 640, comma 2, del c.p.; ricettazione prevista dall’art. 648 del c.p. (art 7 c.p.p.).]

Il decreto legislativo è stato emanato il 28 agosto 2000 e reca il n. 274, la cui entrata in vigore era prevista per il 4 aprile 2001, centottantesimo giorno suc- cessivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del 6 ottobre 2000. Con D.L. 30 marzo 2001, n. 91, convertito con modificazioni dalla legge 3 maggio 2001, n. 163, l’entrata in vigore è stata rinviata al 2 gennaio 2002.

L’art. 4 di tale decreto stabilisce che il giudice di pace è competente: a) per i delitti consumati o tentati previsti dagli articoli 581, 582, limitatamente alle

fattispecie di cui al secondo comma perseguibili a querela di parte, 590, limitata- mente alle fattispecie perseguibili a querela di parte e ad esclusione delle fattispe- cie connesse alla colpa professionale e dei fatti commessi con violazione delle nor- me per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all'igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia professionale quando, nei casi anzidetti, derivi una malattia di durata superiore a venti giorni, 593, primo e secondo comma, 594, 595, primo e secondo comma, 612, primo comma, 626, 627, 631, salvo che ricorra l'ipotesi di cui all'articolo 639-bis, 632, salvo che ricorra l'ipotesi di cui all'articolo 639-bis, 633, primo comma, salvo che ricorra l'ipotesi di cui all'articolo 639-bis, 635, primo comma, 636, salvo che ricorra l'ipotesi di cui all'articolo 639-bis, 637, 638, primo comma, 639 e 647 del codice penale;

b) per le contravvenzioni previste dagli articoli 689, 690, 691, 726, primo comma, e 731 del codice penale.

Il giudice di pace è altresì competente per i delitti, consumati o tentati, e per le con- travvenzioni previsti dalle seguenti disposizioni:

a) articoli 25 e 62, terzo comma, del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, recante «Testo unico in materia di leggi di pubblica sicurezza»;

b) articoli 1095 (si veda rettifica in G.U. n. 119 del 24.5.2001), 1096 e 1119 del regio decreto 30 marzo 1942, n. 327, recante «Approvazione del testo definitivo del codi- ce della navigazione»;

c) articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 4 agosto 1957, n. 918, recan- te «Approvazione del testo organico delle norme sulla disciplina dei rifugi alpini»;

d) articoli 102 e 106 del decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, recante «Testo unico delle leggi per l’elezione della Camera dei deputati»;

e) articolo 92 del decreto del Presidente della Repubblica 16 maggio 1960, n. 570, recante «Testo unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi del- le amministrazioni comunali»;

f) articolo 15, secondo comma, della legge 28 novembre 1965, n. 1329, recante «Provvedimenti per l'acquisto di nuove macchine utensili»;

g) articolo 3 della legge 8 novembre 1991, n. 362, recante «Norme di riordino del set- tore farmaceutico»;

h) articolo 51 della legge 25 maggio 1970, n. 352, recante «Norme sui referendum previsti dalla Costituzione e sulla iniziativa legislativa del popolo»;

i) articoli 3, terzo e quarto comma, 46, quarto comma e 65, terzo comma, del decre- to del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 753, recante «Nuove norme in materia di polizia, sicurezza e regolarità dell'esercizio delle ferrovie e di altri ser- vizi di trasporto»;

l) articoli 18 e 20 della legge 2 agosto 1982, n. 528, recante «Ordinamento del gioco del lotto e misure per il personale del lotto»;

m) articolo 17, comma 3, della legge 4 maggio 1990, n. 107, recante «Disciplina per le attività trasfusionali relative al sangue umano ed ai suoi componenti e per la pro- duzione di plasmaderivati»;

n) articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 27 settembre 1991, n. 311, recante «Attuazione delle direttive n. 87/404/CEE e n. 90/488/CEE in materia di recipienti semplici a pressione, a norma dell'articolo 56 della legge 29 dicembre 1990, n. 428»;

o) articolo 11, comma 1, del decreto legislativo 27 settembre 1991, n. 313, recante «Attuazione della direttiva n. 88/378/CEE relativa al ravvicinamento delle legisla- zioni degli Stati membri concernenti la sicurezza dei giocattoli, a norma dell'arti- colo 54 della legge 29 dicembre 1990, n. 428»;

p) articolo 7, comma 9, del decreto legislativo 25 gennaio 1992, n. 74, recante «Attua- zione della direttiva n. 84/450/CEE in materia di pubblicità ingannevole»;

q) articoli 186, commi 2 e 6, 187, commi 4 e 5, e 189, comma 6, del decreto legisla- tivo 30 aprile 1992, n. 285, recante «Nuovo codice della strada»;

r) articolo 10, comma 1, del decreto legislativo 14 dicembre 1992, n. 507, recante «Attuazione della direttiva n. 90/385/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai dispositivi medici impiantabili attivi»;

s) articolo 23, comma 2, del decreto legislativo 24 febbraio 1997, n. 46, recante «Attuazione della direttiva n. 90/385/CEE concernente i dispositivi medici».

La competenza per i reati di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 4 è tuttavia del tri- bunale se ricorre una o più delle circostanze previste dagli articoli 1 del decreto- legge 15 dicembre 1979, n. 625, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 feb- braio 1980, n. 15, del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 1991, n. 203, e 3 del decreto-legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 1993, n. 205.

Rimane ferma la competenza del tribunale per i minorenni.

5.4. Competenza del tribunale ordinario

A seguito delle modifiche che sono state introdotte con l’attuazione della leg- ge n. 254/97 (legge delega per l’istituzione del giudice unico di primo grado), sono attribuiti alla competenza del tribunale ordinario anche i reati che erano di spet- tanza del pretore. Infatti, nella nuova formulazione dell’art.6 del c.p.p., è stabilito:

«Il tribunale è competente per i reati che non appartengono alla compe- tenza della corte d’assise o del giudice di pace» (20).

––––––––––– (20) La precedente formula dell’art. 6 del c.p.p, stabiliva: «Il tribunale è competente per i rea-

ti che non appartengono alla competenza della corte d’assise o del pretore». All’art. 6 del c.p.p. l’art. 19 della legge 26 ottobre 1990 n. 86 aveva inserito il comma 2 attri-

buendo, alla competenza del tribunale, dal punto di vista qualitativo, i reati consumati o tentati pre-

Rimangono sempre nella competenza del tribunale reati particolari che leg- gi o decreti gli attribuiscono in relazione alla qualità del reato come è stato con- fermato dall’art. 210 del D.Lvo 271/1989 (norme di attuazione al c.p.p.):

• reati commessi con il mezzo della stampa (art.21 legge 8 febbraio 1948, n. 47); • reati commessi a mezzo della cinematografia e della rappresentazione

teatrale (art. 14 legge 2 aprile 1962, n.161; • reati commessi attraverso trasmissioni radiofoniche o televisive (art.30,

commi 1, 2, 4 legge 6 agosto 1990, n. 233); • reati finanziari punibili con pena detentiva (art. 22 legge 7 gennaio 1929, n. 4); • reati finanziari o societari contestati a persone sottoposte con provvedi-

mento definitivo a misura di prevenzione o condannata con sentenza definitiva per il reato di associazione di tipo mafioso – art. 29 legge 13 settembre 1982, n. 646 (tribunale che ha applicato la misura di preven- zione o che è stato competente per l’associazione mafiosa);

• reati in tema di imposte sui redditi e sul valore aggiunto (v. art. 18 D.Lgs. 10 marzo 2000, n. 74);

• reato di partecipazione ad una associazione segreta (art. 2 legge 25 gen- naio 1982, n.17).

5.4.1. Competenze particolari del tribunale

Il tribunale ordinario, è altresì, competente: • per i reati in tema di operazioni di borsa agevolate dall’uso di informazioni

riservate o influenzate da condotte fraudolente - artt. 2 e 5, in relazione all’art. 8, legge 17 maggio 1991, n. 157 (tribunale avente sede nel capoluogo del distretto di corte d’appello nel cui territorio è stato commesso il reato);

• per i reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni dal Presidente del Consiglio o dai Ministri e, in concorso con gli stessi, da altre persone (art. 11 legge Cost/le n. 1 del 16 gennaio 1989); in questo caso la com- petenza appartiene al tribunale del capoluogo del distretto di corte d’ap- pello competente per territorio;

• sulle richieste di riesame dei provvedimenti riguardanti la libertà perso- nale (tribunale della libertà) e, in sede di appello sui ricorsi avverso le

––––––––––– visti dal capo I del titolo II del codice penale (delitti commessi dai pubblici ufficiali contro la Pub- blica Amministrazione) con esclusione di quelli di cui agli articoli 329, 330, 1°co., [332 – abrogato dalla legge 25 giugno 1999, n. 205], 333, 334 e 335 che rientravano, normalmente, nella competen- za del pretore in relazione alla quantità della pena per essi prevista. L’art. 6 è stato ulteriormente modificato dall’art. 47 del D.Lgs. 28 agosto 2000, n. 274 riguardante: «Disposizioni penali sulla competenza del giudice di pace».

misure interdittive; la competenza appartiene al tribunale del luogo nel quale ha sede la corte d’appello o la sezione distaccata della corte d’ap- pello nella cui circoscrizione è compreso l’ufficio del giudice che ha emesso l’ordinanza (art. 309 c.p.p. modificato dall’art. 2 del D.L. 553/1996, conv. con modificazioni dalla legge 652/96);

• per l’applicazione delle misure di prevenzione previste dall’art. 4 della legge 27 dicembre 1956 n. 1423; la competenza appartiene al tribunale avente sede nel capoluogo di provincia;

• a decidere sull’appello contro le ordinanze in materia di sequestro pre- ventivo e contro il decreto di revoca del sequestro emesso dal P.M. (tri- bunale avente sede nel capoluogo di provincia).

5.4.2. Tribunale in composizione collegiale e monocratica

Il tribunale ordinario, con l’attuazione della nuova normativa, giudica in composizione monocratica o collegiale (21). a) Tribunale in composizione monocratica

Il tribunale, generalmente, giudica in composizione monocratica con esclu- sione dei casi indicati nell’art. 33- bis del CPP nei quali è espressamente pre- vista la composizione collegiale.

Sono, inoltre, attribuiti al tribunale in composizione monocratica i delitti previsti dall’art. 73 del T.U., approvato con DPR 9 ottobre 1990, n. 309 (T.U.Stup), sempre che non siano contestate le aggravanti specifiche di cui all’art. 80 del medesimo testo unico.

b) Tribunale in composizione collegiale La competenza del tribunale collegiale è espressamente prevista dall’art.33-

bis del CPP. Tale norma afferma che sono attribuiti al tribunale in composi- zione collegiale i seguenti reati, consumati o tentati:

a) delitti indicati nell’art. 407, comma 2, lettera a), numeri 3), 4) e 5), sempre che per essi non sia stabilita la competenza della corte d’as- sise (22);

––––––––––– (21) È stato previsto che dopo il 2 giugno 1999 e sino al 2 gennaio 2000 il tribunale giudicasse

in composizione collegiale sui reati già appartenenti alla competenza del tribunale in base alle dispo- sizioni vigenti anteriormente all’entrata in vigore del Dlgs 51/98 e in composizione monocratica sui reati già appartenenti alla competenza del pretore in base alle medesime disposizioni (art. 247 co. 2- ter Dlgs 51/98, aggiunto dall’art. 3 del D.L. 145/99).

(22) I delitti indicati nella lettera a) dell’art. 407 del c.p.p. cui si fa riferimento sono: 1) art 416-bis c.p. (associazione mafiosa); 2) art. 628, 3° co. c.p.(rapina aggravata), art. 629, 2°co. c.p.(estorsione aggravata) e 630 c.p.

(sequestro di persona);

b) delitti previsti dal capo I del libro II del codice penale (delitti contro la P.A. commessi dai pubblici ufficiali), esclusi quelli indicati dagli artico- li 329, 331, comma 1, 332, 334 e 335 che vengono giudicati dal tribuna- le ordinario in composizione monocratica;

c) delitti previsti dagli articoli del c.p. 416, 416-bis, 416-ter, 420, 3° com- ma, 429, 2°comma, 431, 2° comma, 432,3° comma, 433,3° comma , 440, 449,2° comma, 452, 1°comma, numero 2, 513-bis, 564, da 600-bis a 600-sexies puniti con la reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni, 609-bis, 609-quater e 644;

d) reati previsti dal titolo XI del libro V Codice Civile, nonché dalle dispo- sizioni che ne estendono l’applicazione a soggetti diversi da quelli in essi indicati; (22-bis)

e) delitti previsti dagli articolo 1136, del codice della navigazione (nave sospetta di pirateria);

f) delitti previsti dagli articoli 6 e 11 della legge costituzionale 16 gennaio 1989, n. 1 (delitti commessi dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dai Ministri nell’esercizio delle loro funzioni);

g) delitti previsti dagli articoli 216, 223, 228 e 234 del regio decreto 16 mar- zo 1942, n. 267, in materia fallimentare, nonché dalle disposizioni che ne estendono l’applicazione a soggetti diversi da quelli in essi indicati;

h) delitti previsti dall’art. 1 del decreto legislativo 14 febbraio 1948, n. 43, ratificato dalla legge 17 aprile 1956, n.561, in materia di associazioni di carattere militare;

i) delitti previsti dalla legge 20 giugno 1952, n. 645, attuativa della XII disposizione transitoria della Costituzione (ricostituzione del partito fascista);

i-bis) delitti previsti dall’art. 291 quater del testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 23 gennaio 1973, n. 43 (asso-

––––––––––– 3) delitti commessi avvalendosi delle condizioni previste dall’art. 416-bis del c.p. ovvero al fine

di agevolare l’attività delle associazioni previste dallo stesso articolo; 4)delitti commessi per finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine costituzionale per i qua-

li la legge stabilisce la pena della reclusione non inferiore nel minimo a cinque anni o nel massimo a dieci anni;

5) delitti di illegale fabbricazione, introduzione nello Stato, messa in vendita, cessione, deten- zione e porto in luogo pubblico o aperto al pubblico di armi da guerra o tipo guerra o parti di esse, di esplosivi, di armi clandestine, nonché di più armi comuni da sparo escluse quelle previste dal- l’art.2, comma terzo, della legge 18 aprile 1975 n.110;

6) delitti di produzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, limitatamente alle ipotesi aggravate ai sensi dell’art. 80, comma 2, e 74 del Testo Unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti.

(22-bis) La lettera d) è stata così sostituita dall’art.6 del Dlgs 11 aprile 2002, n.61.

ciazione per delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri) (23);

l) delitto previsto dall’articolo 18 della legge 22 maggio 1978, n. 194, in materia di interruzione volontaria della gravidanza;

m) delitto previsto dall’art. 2 della legge 25 gennaio 1982, n. 17, in materia di associazioni segrete;

n) delitto previsto dall’art. 29, 2° comma, della legge 13 settembre 1982, n. 646, in materia di misure di prevenzione,

o) delitto previsto dall’art. 12-quinquies, comma 1 del D.L. 8 giugno 1992, n. 306 convertito con mod. dalla legge 7 agosto 1992, n. 356 in materia di trasferimento fraudolento di valori;

p) delitti previsti dall’art. 6, commi 3 e 4 del D.L. 26 aprile 1993, n. 122, convertito con mod. dalla legge 25 giugno 1993, n. 205, in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa;

q) delitti previsti dall’art. 10 della legge 18 novembre 1995, n. 496 in mate- ria di produzione ed uso di armi chimiche.

Sono attribuiti, altresì, al tribunale in composizione collegiale, salva la disposizione dell’art. 33-ter, co. 1°, i delitti puniti con la pena della reclusione superiore nel massimo a dieci anni anche nell’ipotesi del tentativo. Per la deter- minazione della pena si ha riguardo all’art. 4 (24).

5.5. Competenza del tribunale per i minorenni (art. 3 DPR 448/88)

Il tribunale per i minorenni è competente a decidere per i reati commessi dai minori degli anni diciotto anche se in concorso con i maggiorenni; è isti- tuito in ogni sede di corte d’appello o sezione distaccata di corte d’appello (art. 3 DPR 448/88 e art. 49 R.D. n. 12/1941 e succ. modif.).

6. Competenza per territorio (art. 8 c.p.p.)

La regola generale per determinare la competenza per territorio è quella del luogo della consumazione.

Vige la medesima regola anche per i reati di competenza del giudice di pace (art. 5 D.lgs. 274/2000). Competente per gli atti da compiere nella fase delle

––––––––––– (23) La lettera i-bis) è stata aggiunta dall’art. 5 della legge 19 marzo 2001, n. 92 «Modifiche alla

normativa concernente la repressione del contrabbando di tabacchi lavorati». (24) Si ha riguardo alla pena stabilita dalla legge per ciascun reato consumato o tentato. Non si

tiene conto della continuazione, della recidiva e delle circostanze aggravanti per le quali la legge stabi- lisce una pena di specie diversa da quella ordinaria del reato e di quelle ad effetto speciale (art. 4 c.p.p.).

indagini preliminari è il giudice di pace del luogo ove ha sede il tribunale del circondario in cui è compreso il giudice territorialmente competente (art. 5, 2° co. D. lgs. 274/2000).

Solo per determinati reati la competenza è quella del luogo ove ha avuto ini- zio o si è esaurita l’azione stessa; in questi casi vigono i seguenti criteri principali:

a) se si tratta di fatto dal quale è derivata la morte di una o più persone, è competente il giudice del luogo in cui è avvenuta l’azione o l’omissione;

b) se si tratta di reato permanente (25) è competente il giudice del luogo in cui ha avuto inizio la consumazione anche se dal fatto è derivata la mor- te di una o più persone;

c) se si tratta di delitto tentato, è competente il giudice del luogo in cui è stato compiuto l’ultimo atto diretto a commettere il delitto (26).

Le altre regole per determinare la competenza sono fissate negli articoli 9 e 10 del c.p.p..

7. Deroghe sulla competenza territoriale (art. 210 D. L.vo 271/89)

In materia di competenza territoriale esistono determinate deroghe riferite a soggetti o materie particolari stabilite, oltre che dalle norme del c.p.p., da specifiche leggi speciali. Tale criterio è stato confermato dall’art. 210 del D.L.vo 271/89 (n.a.) il quale afferma che continuano ad osservarsi le disposi- zioni di leggi o decreti che regolano la competenza per materia o per territo- rio, in deroga alla disciplina del codice.

Si tratta dei reati riguardanti i magistrati, reati finanziari, valutari, reati commessi a mezzo di rappresentazione cinematografica o teatrale, a bordo di navi o aeromobili non militari.

7.1. Procedimenti riguardanti i magistrati

I procedimenti in cui un magistrato assume la qualità di persona sottopo- sta ad indagini, di imputato ovvero di persona offesa o danneggiata dal reato, che secondo le norme del c.p.p. sarebbero attribuiti alla competenza di un uffi- cio giudiziario compreso nel distretto di corte d’appello in cui il magistrato esercita le proprie funzioni o le esercitava al momento del fatto, sono di com-

––––––––––– (25) È permanente il reato in cui il fatto dannoso o pericoloso si protrae nel tempo per volontà

dell’agente. Il reato permanente è sempre flagrante. Vedi opera citata B. BUZZANCA. (26) Il delitto è tentato quando l’attività esecutiva non si realizza per cause sopravvenute indi-

pendenti dalla volontà dell’agente. Vedi B. BUZZANCA, Il Codice Penale in relazione ai compiti della PG, capitolo IV.

petenza del giudice, ugualmente competente per materia, che ha sede nel capo- luogo del distretto di corte di appello determinato sulla base della tabella A allegata alle norme di attuazione del c.p.p. (27).

Se in tale distretto il magistrato stesso è venuto ad esercitare le proprie fun- zioni in un momento successivo a quello del fatto, è competente il giudice che ha sede nel capoluogo del distretto di corte d’appello determinato sempre sul- la base della tabella A allegata alle norme di attuazione del CPP (art. 11 c.p.p. sostituito dall’art. 1 della legge 2 dicembre 1998, n. 420).

7.2. Reati in materia di violazioni finanziarie

La stragrande maggioranza delle violazioni finanziarie è stata depenalizza- ta con l’attuazione della legge 205/99 (28).

La nuova disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto è regolata, ora, dal Dlgs. 10 marzo 2000, n.74 che ha dato attuazione all’art. 9 della legge 205/99.

Per i reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto è stabilito che, se la competenza per territorio non può essere determinata a norma del- l’art. 8 del codice di procedura penale, è competente il giudice del luogo di accertamento del reato.

Per tali delitti il reato si considera consumato nel luogo in cui il contribuente ha il domicilio fiscale (art.18 Dlgs. 10 marzo 2000, n. 74). Nel caso di emissio- ne di più fatture o documenti per operazioni inesistenti in luoghi rientranti in diversi circondari, è competente il giudice di uno di tali luoghi in cui ha sede l’ufficio del pubblico ministero che ha provveduto per primo a iscrivere la noti- zia di reato nel registro apposito (art. 18 Dlgs. 10 marzo 2000, n. 74).

––––––––––– (27) Si trascrive la tabella A

DAL DISTRETTO AL DISTRETTO Roma Perugia Perugia Firenze Firenze Genova Genova Torino Torino Milano Milano Brescia Brescia Venezia Venezia Trento Trento Trieste Trieste Bologna Bologna Ancona Ancona L’Aquila

DAL DISTRETTO AL DISTRETTO L’Aquila Campobasso Campobasso Bari Bari Lecce Lecce Potenza Potenza Catanzaro Cagliari Palermo Palermo Caltanissetta Catania Messina Messina Reggio Calabria Reggio Calabria Catanzaro Catanzaro Salerno Salerno Napoli Napoli Roma.

(28) La precedente disciplina è stata abrogata dall’art. 25 del Dlgs.10 marzo 2000, n. 74.

a) Assegni bancari e postali Per quanto concerne la disciplina sanzionatoria relativa agli assegni banca-

ri e postali, essa è stata depenalizzata dal Decreto legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Autorità competente per l’applicazione delle sanzioni amministrative previste dagli articoli 1 e 2 della legge 15 dicembre 1990, n.386 è il Prefetto del luogo di pagamento dell’assegno (art. 30 Dlgs 30 dicembre 1999, n. 507).

7.3. Reati in tema di operazioni di borsa

Per i reati in tema di operazioni di borsa, la competenza è del tribunale ordinario avente sede nel capoluogo del distretto di corte d’appello compe- tente per territorio (art. 8 legge 17 maggio 1991, n. 157).

7.4. Reati commessi per mezzo di rappresentazione cinematografica teatra- le o televisiva

Per i reati commessi per mezzo di rappresentazione cinematografica o tea- trale, è competente il tribunale del luogo ove ha sede la corte d’appello nel cui distretto è avvenuta la prima proiezione in pubblico dell’opera cinematografi- ca (art. 14 legge 21 aprile 1962, n. 161, sostituito dall’art. 27-bis del DL 14 gen- naio 1994, n. 26 conv., con modificazioni, dalla legge 1° marzo 1994, n. 153).

Per i reati di diffamazione consistenti nell’attribuzione di un fatto determi- nato commessi per mezzo di rappresentazioni pubbliche o private, è compe- tente il giudice del luogo di residenza della persona offesa (art. 30 legge 6 ago- sto 1990, n. 223).

7.5. Reati commessi a bordo di navi o aeromobili non militari all’estero ovvero fuori del mare o dello spazio territoriale

Per i reati commessi a bordo di navi o aeromobili non militari all’estero, ovvero fuori del mare o dello spazio territoriale, la competenza appartiene al giudice del luogo in cui, dopo che è stato commesso il reato, avviene il primo approdo nel territorio dello Stato della nave o dell’aeromobile su cui si trova- va l’imputato nel momento del commesso reato (art. 1240 Cod. Nav.).

8. Competenza funzionale

La competenza funzionale si riferisce alla funzione che il giudice è chiama- to a svolgere nei vari momenti del processo. È ispirata a divisione del lavoro, particolare capacità, struttura ed organizzazione dell’ufficio.

Abbiamo, quindi, giudici delle indagini preliminari, dell’udienza prelimi- nare, del dibattimento e dell’esecuzione; giudici di primo, secondo e terzo gra- do. Ad ognuno di tali giudici corrisponde un tipo di funzione diversa con distinta competenza.

9. Competenza per connessione (art. 12)

La competenza per connessione si ha quando più soggetti sono responsa- bili dello stesso reato, oppure quando un solo soggetto si rende responsabile di più reati.

La competenza per connessione può essere soggettiva ed oggettiva. La competenza è soggettiva se il reato per cui si procede è stato commesso

da più persone in concorso e cooperazione fra loro o se più persone, con con- dotte indipendenti, hanno determinato l’evento (29).

La competenza è oggettiva: a) se una persona è imputata di più reati commessi con una sola azione od

omissione ovvero con più azioni od omissioni esecutive di un medesimo disegno criminoso (30);

b) se dei reati per cui si procede gli uni sono stati commessi per eseguire o per occultare gli altri (art. 12) (31).

9.1. Connessione di procedimenti di competenza di giudici ordinari e speciali

Quando vi è connessione di procedimenti di competenza di giudici ordi- nari e giudici speciali prevale la competenza della corte costituzionale la quale si occupa anche dei procedimenti del giudice ordinario qualora gli stessi siano connessi con procedimenti di pertinenza della stessa corte.

Fra reati comuni e reati militari la connessione di procedimenti opera sol- tanto quando il reato comune è più grave di quello militare. In tal caso la com- petenza, per tutti i reati, è del giudice ordinario (32).

La gravità dei reati viene definita dall’art. 16 del c.p.p. il quale precisa che i delitti si considerano più gravi delle contravvenzioni; fra delitti o fra contrav-

––––––––––– (29) Quando più persone partecipano allo stesso reato, si ha concorso di persone nel reato. In

proposito vedi B. BUZZANCA, Il Codice Penale in relazione ai compiti della PG. (30) Si tratta dei casi di concorso di reati. (31) Tale ipotesi è prevista come circostanza aggravante dall’art. 61, n. 2 del c.p. L’art. 12 è stato così

modificato dall’art. 1 della legge 1° marzo 2001, n. 63 «Modifiche al c.p. e al c.p.p. in materia di forma- zione e valutazione della prova in attuazione della legge di riforma dell’art. 111 della Costituzione».

(32) Sono reati comuni quelli previsti dal codice penale comune e da altre leggi penali. Sono, invece, reati militari quelli previsti dal codice penale militare.

venzioni si considera più grave il reato per il quale è prevista la pena più ele- vata nel massimo ovvero, in caso di parità dei massimi, la pena più elevata nel minimo. Se sono previste pene detentive e pene pecuniarie, di queste si tiene conto solo in caso di parità di pene detentive.

a) Limiti alla connessione nel caso di reati commessi da minorenni La connessione non opera fra procedimenti relativi a imputati che al

momento del fatto erano minorenni e procedimenti relativi a imputati mag- giorenni. Non opera, altresì, fra procedimenti commessi quando l’imputato era minorenne e procedimenti per reati commessi quando l’imputato era maggio- renne. b) Competenza per materia determinata dalla connessione

In questo caso vige il principio dell’attrazione. Infatti se alcuni dei proce- dimenti connessi appartengono alla competenza della corte d’assise ed altri a quelli del tribunale è competente la corte d’assise (art. 15 c.p.p.).

Tra procedimenti di competenza del giudice di pace e procedimenti di competenza di altro giudice, si ha connessione solo nel caso di persona impu- tata di più reati commessi con una sola azione od omissione. In caso di con- nessione è competente per tutti il giudice superiore (art. 6 D.lgs. 274/2000). c) Competenza per territorio determinata dalla connessione

La competenza per territorio per i procedimenti connessi, rispetto ai quali più giudici sono ugualmente competenti per materia, appartiene a quello a cui spetta il reato più grave e, in caso di pari gravità, al giudice competente per il primo reato.

Nel caso di connessione soggettiva innanzi indicato, se le azioni od omis- sioni sono state commesse in luoghi diversi e se del fatto è derivata la morte di una persona, è competente il giudice del luogo in cui si è verificato l’evento (art. 16 c.p.p.).

Per i reati di competenza del giudice di pace, la competenza per territorio appartiene al giudice di pace del luogo in cui è stato commesso il primo reato. Se non è possibile determinare in tal modo la competenza, questa appartiene al giudice di pace del luogo in cui è iniziato il primo dei procedimenti connes- si (art. 8 D.lgs. 274/2000).

10. Riunione e separazione di processi

10.1. Riunione

La riunione dei processi è ammessa per i processi pendenti nello stesso sta- to e grado e davanti al medesimo giudice quando non determini un ritardo nel- la definizione degli stessi.

Vi si può fare ricorso nei casi di connessione soggettiva e oggettiva indicati nell’art. 12, se si tratta di reati dei quali gli uni sono stati commessi in occasione degli altri o per conseguire o assicurare al colpevole o ad altri il profitto, il prez- zo, il prodotto o l’impunità o che sono stati commessi da più persone in danno reciproco le une delle altre, ovvero se la prova di un reato o di una sua circostan- za influisce sulla prova di un altro reato o di un’altra circostanza (33). Se alcuni dei processi pendono davanti al tribunale collegiale ed altri davanti al tribunale monocratico, la riunione è disposta davanti al tribunale in composizione collegia- le (art. 17 co. 1 bis, aggiunto dall’art. 168 del D. L.vo 19 febbraio 1998, n. 51).

Davanti al giudice di pace la riunione è ammessa se per il reato per cui si pro- cede è stato commesso da più persone in concorso o cooperazione fra loro o se una persona è imputata di più reati commessi con una sola azione od omissione. La riunione ha luogo prima di procedere all’udienza di comparizione quando questa non pregiudichi la definizione dei processi (art. 9 D.lgs. 274/2000).

10.2. Separazione

La separazione di processi è un istituto che trova motivazione, soprattutto, nell’interesse dell’imputato di ottenere una rapida decisione, nei casi in cui l’accertamento delle responsabilità dei coimputati comporterebbe un necessa- rio prolungamento dei tempi del procedimento.

La separazione è, generalmente, subordinata alla discrezionalità del giudi- ce il quale la dispone, salvo che ritenga la riunione assolutamente necessaria per l’accertamento dei fatti.

I casi in cui è possibile far ricorso alla separazione dei processi sono indi- cati nell’art. 18. L’art. 1 del D.L. 24 novembre 2000, n. 341 conv., con modifi- cazioni, dalla legge 19 gennaio 2001, n. 4, nell'aggiungere la lettera e-bis al comma 1 dell'art. 18 e gli articoli 130 bis e 132 bis delle norme di attuazione, ha introdotto particolari casi di separazione dei processi per evitare che impu- tati dei reati presvisti dall’art. 407, co. 2 lettera a) possano essere rimessi in libertà per scadenza dei termini in mancanza di altri titoli di detenzione. Pri- ma dell'esercizio dell'azione penale, quando ricorrono tali ragioni di urgenza, anche il PM procede separatamente.

Per i reati di competenza del giudice di pace la separazione è disposta pri- ma di procedere all’udienza di comparizione e, comunque, non oltre la dichia- razione di apertura del dibattimento, qualora il giudice ritenga che la riunione possa pregiudicare il tentativo di conciliazione, ovvero la rapida definizione di alcuni fra i processi riuniti (art. 9 D.lgs. 274/2000). –––––––––––

(33) L’art. 12 è stato così modificato dall’ art. 1 della legge 1° marzo 2001, n. 63, denominata «Modifiche al codice penale e al codice di procedura penale in materia di formazione e valutazione della prova in attuazione della legge costituzionale di riforma dell’art. 111 della Costituzione».

11. Difetto di giurisdizione e incompetenza

Il difetto di giurisdizione è rilevato, anche d’ufficio, in ogni stato e grado del procedimento. Se esso è rilevato nel corso delle indagini preliminari il giu- dice, se riconosce la propria incompetenza per qualsiasi causa, pronuncia ordi- nanza e dispone la restituzione degli atti al Pubblico Ministero. Se, invece, è rilevato dopo la chiusura delle indagini preliminari e in ogni stato e grado del processo, il giudice pronuncia sentenza e ordina, se del caso, la trasmissione degli atti all’autorità competente.

L’incompetenza può essere riferita alla materia, al territorio e alla connes- sione.

L’incompetenza per materia è rilevata, anche d’ufficio, in ogni stato e gra- do del processo. Però se il reato appartiene alla cognizione di un giudice di competenza inferiore essa è rilevata o eccepita, a pena di decadenza, subito dopo aver compiuto per la prima volta l’accertamento della costituzione delle parti e deve essere decisa immediatamente.

Qualora, invece, si tratti di incompetenza per territorio o derivante dalla connessione questa è rilevata o eccepita, a pena di decadenza, prima della con- clusione dell’udienza preliminare o, se questa manchi, subito dopo aver com- piuto per la prima volta l’accertamento della costituzione delle parti e deve essere decisa immediatamente.

Se nel dibattimento di primo grado il giudice ritiene che il processo appartie- ne alla competenza di altro giudice, dichiara con sentenza la propria incompe- tenza per qualsiasi causa e ordina la trasmissione degli atti al giudice competente.

Il giudice di appello, invece, quando riconosce che il giudice di primo gra- do era incompetente per materia, per territorio o per connessione, pronuncia sentenza di annullamento e ordina la trasmissione degli atti a quello di primo grado competente.

Sulla giurisdizione o sulla competenza può essere emessa decisione da par- te della corte di cassazione nel corso del processo, salvo che risultino nuovi fat- ti che comportino una diversa definizione giuridica da cui derivi la modifica- zione della giurisdizione o la competenza di un giudice superiore.

L’incompetenza per materia non determina la nullità degli atti compiuti.

12. Conflitti di giurisdizione e di competenza

Il conflitto è disciplinato dall’art. 28 del c.p.p. il quale afferma che esso si verifica quando, in qualsiasi stato e grado del processo, uno, due o più giudici

ordinari e uno, due o più giudici speciali contemporaneamente prendono o ricusano di prendere cognizione del medesimo fatto attribuito alla stessa per- sona.

Il conflitto può verificarsi anche nei casi analoghi a quelli sopraindicati. Non è possibile alcun conflitto fra giudice e P.M. Se il contrasto è tra il giudice dell’udienza preliminare e il giudice del dibat-

timento, prevale la decisione di quest’ultimo. Non può essere, invece, proposto conflitto positivo fondato su ragioni di

competenza per territorio determinato dalla connessione. I conflitti possono essere risolti preventivamente o mediante decisione del-

la cassazione. Essi sono risolti preventivamente se uno dei giudici che aveva manifestato

l’intenzione di prendere o di rifiutare la cognizione del reato, recede da tale atteggiamento.

Se il conflitto non si risolve preventivamente su di esso decide la corte di cassazione.

L’estratto della sentenza, riguardante la decisione della corte di cassazione, è immediatamente comunicato ai giudici in conflitto e al Pubblico Ministero presso i medesimi e notificato alle parti private.

CAPITOLO TERZO

Pubblico ministero (artt. 50-54; 358-378)

1. Funzioni (art. 50)

Il Pubblico Ministero è uno dei soggetti indispensabili del processo pena- le nel quale è anche parte pubblica in contrapposto alle parti private.

Nel vigente processo il P.M. esercita una esclusiva mansione di parte per conto dello Stato sotto la vigilanza del Ministro della Giustizia (art. 69 R.D. n. 12/1941).

Spettano al P.M. l’inizio e l’esercizio dell’azione penale (artt. 50 c.p.p. e 74 R.D. n.12/1941 e succ. modif.), esercizio che può aver luogo soltanto al termi- ne della fase delle indagini preliminari qualora non debba essere richiesta l’ar- chiviazione (artt. 50 e 405 c.p.p.).

Il P.M., a seguito della notizia di reato, ha il potere - dovere di compiere tutte le indagini necessarie per poter acquisire fonti di prova utilizzabili per le decisioni che devono essere prese nella fase delle indagini preliminari e alla conclusione della stessa per l’eventuale formalizzazione dell’accusa (artt. 326 e 330 c.p.p.).

Il P.M., per l’attività di indagine, si avvale della polizia giudiziaria di cui dirige tutta l’attività (artt. 59-327-370 c.p.p.).

2. Attività del Pubblico Ministero (artt. 358-378)

Nel corso delle indagini preliminari, il P.M. compie importanti atti quali: interrogatori e confronti con la persona sottoposta alle indagini, ispezioni, perquisizioni, sequestri, informazioni dalle persone che possono riferire circo- stanze utili ai fini delle indagini, individuazione di persone e di cose, accerta- menti tecnici (artt. 358 e ss.).

In relazione all’art. 358, il P.M. svolge, altresì, accertamenti su fatti e cir- costanze a favore della persona sottoposta alle indagini.

Il P.M. riceve denunce, querele, richieste e istanze. È ovvio che detti atti non sono ricevuti direttamente dal P.M., bensì dalla sua segreteria.

Gli atti del P.M. possono essere compiuti direttamente da lui oppure pos- sono essere delegati alla PG (art. 370).

Sono anche delegabili alla PG l’interrogatorio e i confronti cui partecipi la persona sottoposta alle indagini che si trovi in stato di libertà (art. 370).

Gli atti delegati alla PG devono essere eseguiti con le procedure previste per quelli del P.M. (art. 370-2° co.).

Devono, invece, essere eseguiti personalmente dal P.M., previa autorizza- zione del giudice, le ispezioni, le perquisizioni e i sequestri negli uffici dei difensori e dei consulenti tecnici (art. 103-4° co.).

Gli atti del P.M. devono essere documentati. La documentazione, general- mente, avviene previa redazione di verbale (art. 373).

3. Importanti poteri del P.M.

Il Pubblico Ministero dispone del potere coercitivo personale (art. 378). A tal fine egli può convocare, a mezzo di citazione, la persona offesa e le perso- ne informate sui fatti; può disporre l’accompagnamento coattivo della persona sottoposta ad indagine, della persona da individuare o dalla quale deve assu- mere informazioni (art. 377).

Fra le funzioni più importanti del P.M. vanno segnalate le seguenti: • può nominare o avvalersi di consulenti tecnici, i quali non possono

rifiutare la loro opera, quando deve procedere ad accertamenti, rilie- vi e operazioni tecniche che richiedono specifiche competenze (art. 360);

• avanza richieste di autorizzazione a procedere (art. 344); • provvede alla nomina del difensore d’ufficio (artt. 97-3° co. e 386-2° co); • invia, alla persona sottoposta ad indagini e alla persona offesa, informa-

zione di garanzia allorché deve compiere un atto a cui il difensore ha diritto di assistere (art. 369);

• può vietare alle persone sentite di comunicare i fatti e le circostanze oggetto dell'indagine di cui hanno conoscenza con l'avvertimento delle responsabilità penali conseguenti (art. 379-bis c.p. rivelazione di segreti inerenti ad un procedimento penale), se sussistono specifiche esigenze attinenti all'attività di indagine (art. 391-bis, aggiunto dall'art.11 della legge 7 dicembre 2000, n. 397);

• fa notificare alla persona sottoposta ad indagini, al compimento del pri- mo atto a cui il difensore ha diritto di assistere e comunque prima del- l’invito a presentarsi per rendere interrogatorio, la comunicazione della nomina del difensore d’ufficio comprendente l’indicazione dei diritti e

delle facoltà che gli sono riconosciuti (art. 369-bis) (1); • prima della scadenza del termine delle indagini preliminari, anche se il

termine è stato prorogato, se non deve formulare richiesta di archivia- zione, fa notificare alla persona sottoposta alle indagini avviso della con- clusione delle indagini preliminari (2);

• può proporre ricorso per cassazione nei casi e nelle forme stabiliti dalle leggi di procedura (artt. 570, 572 e 608);

• promuove l’esecuzione delle sentenze e degli altri provvedimenti del giu- dice penale secondo le disposizioni del codice di procedura penale e del- le leggi complementari (art. 656);

• interviene nei procedimenti in camera di consiglio in materia penale sen- za, però, poter assistere alle relative deliberazioni (artt. 127, 390 e 566);

• emette decreto di citazione diretta a giudizio per i reati indicati nell’art. 550 e attribuiti alla competenza del tribunale ordinario in composizione monocratica (art. 550);

• può ritardare, o disporre che sia ritardata, l’esecuzione dei provvedimen- ti che applicano una misura cautelare, dell’arresto, del fermo dell’indizia- to di delitti o del sequestro quando è necessario per acquisire rilevanti ele- menti probatori per la individuazione o la cattura dei responsabili dei delitti di sequestro di persona, estorsione, riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e di quelli previsti dagli articoli 73 e 74 del Testo Unico Stupefacenti (art. 98 T.U. Stup., art. 7 D.L. n. 8/91 conv. in legge 82/91 e art. 10 D.L. 419/91 conv. in legge 172/92).

4. Organi del Pubblico Ministero (art.51 e artt.70-72 Ord. Giud)

4.1. Novità introdotte con l’istituzione del giudice unico di primo grado

Il decreto legislativo 51/98, che dà attuazione alla legge 254/1997, apporta –––––––––––

(1) L’art. 369-bis è stato aggiunto dall’art. 19 della legge 6 marzo 2001, n. 60, avente per ogget- to «Disposizioni in materia di difesa d’ufficio».

(2) Si tratta di una significativa innovazione introdotta dall’art. 17 della legge 16 dicembre 1999, n. 479 che ha aggiunto l’art. 415-bis. L’avviso contiene la sommaria enunciazione del fatto per il qua- le si procede, delle norme di legge che si assumono violate, della data e del luogo del fatto, con l’av- vertimento che la documentazione relativa alle indagini espletate è depositata presso la segreteria del P.M. e che l’indagato e il suo difensore hanno facoltà di prenderne visione ed estrarne copia. L’av- viso contiene altresì l’avvertimento che l’indagato ha facoltà, entro il termine di venti giorni, di pre- sentare memorie, produrre documenti, depositare documentazione relativa ad investigazioni del difensore, chiedere al pubblico ministero il compimento di atti di indagine, nonché di presentarsi per rilasciare dichiarazioni ovvero chiedere di essere sottoposto ad interrogatorio.

modifiche, oltre che al CPP, anche alle disposizioni dell’ordinamento giudiziario

relative agli organi del P.M. Le novità più significative riferite agli organi del P.M. sono:

1) la soppressione dell’ufficio del P.M. presso la pretura circondariale con il trasferimento delle relative funzioni all’ufficio del P.M. presso il tri- bunale ordinario, lasciando inalterato l’organico dei due uffici che vie- ne, quindi, a sommarsi (3);

2) la conseguente assegnazione o applicazione di diritto del personale del- la sezione di PG istituita presso tale ufficio a quella esistente presso la procura della Repubblica del tribunale ordinario cui sono trasferite le funzioni degli uffici soppressi, senza che gli organici subiscano variazio- ni (art. 41 D. Lgs. 51/98);

3) la possibilità di applicare, per delega nominativa del procuratore della Repubblica, vice procuratori onorari, che siano stati già nominati magi- strati onorari (con la stessa procedura prevista per i giudici onorari), per l’espletamento delle funzioni di P.M. in udienza dibattimentale nei pro- cedimenti nei quali il tribunale giudica in composizione monocratica. Ai vice procuratori onorari vengono estese le incompatibilità per i giudici onorari di tribunale previste dall’art. 42-quater secondo comma del R.D. 12/1941 (art. 71 R.D. 30 gennaio 1941, n. 12, sostituito dall’art. 21 del Dlgs. 51/98) - vedi cap. II (4).

4.2. Uffici del Pubblico Ministero

Le funzioni di P.M. sono esercitate: a) Nelle indagini preliminari e nei procedimenti di primo grado

1) Nel procedimento penale davanti al giudice di pace Dal Procuratore della Repubblica presso il tribunale nel cui circondario ha

sede il giudice di pace (art. 1 Dlgs. 28 agosto 2000, n. 274). –––––––––––

(3) Nella fase transitoria è previsto che: i magistrati titolari dei posti di procuratore della Repubblica presso la pretura circondariale e

procuratore aggiunto dello stesso ufficio, nell’attesa di essere destinati a nuovi incarichi o funzioni, esercitano le funzioni di procuratore aggiunto presso le procure della Repubblica del tribunale ove sono trasferite le funzioni con il limite temporale di 180 giorni dalla data di efficacia del decreto legi- slativo che dà attuazione alla legge 254/97;

i magistrati già assegnati alle procure della Repubblica presso la pretura entrano di diritto a far parte dell’organico delle procure presso il tribunale anche in soprannumero riassorbibile con le suc- cessive vacanze.

(4) Il procuratore della Repubblica può stabilire che determinati vice procuratori onorari addet- ti al suo ufficio esercitino le funzioni del P.M. soltanto presso la sede principale o presso una o più sezioni distaccate ovvero presso la sede principale ed una o più sezioni distaccate. In tal caso, per i vice procuratori onorari che esercitano la professione forense, l’incompatibilità circa l’esercizio del- la professione stessa è riferita unicamente agli uffici presso i quali sono svolte le funzioni (art. 71 bis R.D. n. 12/41 aggiunto dall’art. 22 del D. L.vo 19 febbraio 1998, n. 51).

Le funzioni di P.M. possono essere svolte, per delega del procuratore del- la Repubblica (conferita in relazione ad una determinata udienza o a un singo- lo procedimento):

• in udienza dibattimentale da uditori giudiziari, da vice procuratori ono- rari addetti all’ufficio, da ufficiali di polizia giudiziaria diversi da coloro che hanno preso parte alle indagini, o da laureati in giurisprudenza che frequentano il secondo anno della scuola biennale di specializzazione per professioni legali di cui all’art. 16 del D.lgs. 17 novembre 1997, n. 398;

• per le decisioni sulla chiusura delle indagini preliminari e le richieste pre- viste dall’art. 25 del D.lgs. 274/00 e per i procedimenti in camera di con- siglio di cui all’art. 127, nei procedimenti di esecuzione ai fini dell’inter- vento di cui all’art. 655,co. 2 e nei procedimenti di opposizione al decre- to del pubblico ministero di liquidazione al compenso ai periti, consulenti tecnici e traduttori, da vice procuratori onorari addetti all’ufficio;

2) presso il tribunale ordinario e la corte d’assise • dai magistrati della procura della Repubblica presso il Tribunale (pro-

curatore e sostituti procuratore) per i reati di competenza del tribunale e della corte d’assise (artt. 51 c.p.p., 70 R.D. 12/1941 e succ. modif. e 40 legge 287/51);

• se si tratta dei procedimenti per delitti di criminalità organizzata previsti dall’art. 51 co. 3-bis, le funzioni di P.M. sono attribuite all’ufficio del P.M. presso il tribunale del capoluogo nel cui ambito ha sede il giudice competente - procuratore distrettuale antimafia (art. 51 co. 3 bis c.p.p. – art. 70-bis R.D. 12/1941 e succ. modif.). Analogamente sono attribuiti all’ufficio del pubblico ministero presso il tribunale del capoluogo del distretto nel cui ambito ha sede il giudice competente i procedimenti per i delitti consumati o tentati con finalità di terrorismo (art.51 co. 3- quater aggiunto dall’art. 10-bis del D.L. 18 ottobre 2001, n.374, conv., con mod., dalla legge 15 dicembre 2001, n. 438).

• In udienza dibattimentale, limitatamente ai procedimenti nei quali il tri- bunale giudica in composizione monocratica e per i reati per i quali si procede con citazione diretta a giudizio secondo quanto previsto dall’art. 550 del CPP (modifica apportata dall’art. 58 della legge 16 dicembre 1999, n. 479), possono svolgere funzioni di P.M., per delega nominativa del procuratore della Repubblica, vice procuratori onorari addetti all’uf- ficio, uditori giudiziari e ufficiali di polizia giudiziaria diversi da quelli che hanno preso parte alle indagini preliminari o laureati in giurisprudenza che frequentano il secondo anno della scuola biennale di specializzazione per le professioni legali di cui all’art. 16 del Dlgs 17 novembre 1997, n. 398. Limitatamente ai medesimi procedimenti, i vice procuratori onorari

in servizio da almeno sei mesi e gli uditori che abbiano compiuto un periodo di tirocinio di sei mesi possono essere delegati a svolgere, con riferimento ai procedimenti di volta in volta indicati, le funzioni di P.M. nell’udienza di convalida dell’arresto o del fermo. La delega è conferita in relazione ad una determinata udienza o ad un singolo procedimento (art. 72 R,D, n. 12/1941 sost. dall’art. 23 del D.Lvo 19 febbraio 1988 n. 51);

3) presso il tribunale per i minorenni dal procuratore della Repubblica e dai sostituti procuratore presso lo stes-

so tribunale per qualsiasi reato commesso dai minori degli anni diciotto (art. 70 R.D. n. 12/1941 e succ. mod., artt. 2 e 3 DPR 448/88); b) Nei casi di avocazione

dal Procuratore Generale presso la Corte d’appello o dal Procuratore Nazionale Antimafia quando si tratta di procedimenti per i delitti indicati nel- l’art.51-co.3-bis del c.p.p. (delitti di criminalità organizzata).

1) Il Procuratore Nazionale Antimafia, a tal fine, dispone della DIA e dei servizi centrali e interprovinciali delle forze di polizia e impartisce direttive intese a regolarne l’impiego ai fini investigativi (art. 371-bis c.p.p.).

La Direzione Nazionale Antimafia (DIA) ha sede nell’ambito della Procu- ra Generale presso la Corte di Cassazione. c) Nei giudizi di impugnazione

1) Presso la Corte d’appello Dai magistrati della Procura Generale presso la Corte d’appello (art. 51-

1°co. lett. b c.p.p.). 2) Presso le Sezioni distaccate di Corte d’appello Dall’avvocato generale preposto alla dipendenza del Procuratore Generale

della Repubblica (art. 70 R.D. n. 12/1941). 3) Presso la Corte di Cassazione Dai magistrati della Procura Generale presso la stessa Corte (art. 51-1° co.

lett. b) c.p.p.). Dal Procuratore della Repubblica che ha presentato le conclusioni nel pro-

cedimento di primo grado nel caso in cui egli stesso ne faccia richiesta ed il Procuratore Generale presso la Corte d’appello lo ritenga opportuno (art. 570- 3° co.).

5. Organizzazione degli uffici del P.M. (art. 70 R.D.12/41).

L’organizzazione degli uffici del Pubblico Ministero è disciplinata dal prin- cipio gerarchico sia nell’ambito dello stesso ufficio che tra uffici del P.M.

I titolari degli uffici dirigono l’ufficio cui sono preposti, ne organizzano

l’attività e, quando non designano altri magistrati addetti all’ufficio, esercitano personalmente le funzioni attribuite al P.M. dal codice di procedura penale e dalle altre leggi. Possono essere designati più magistrati in considerazione del numero degli imputati o della complessità delle indagini o del dibattimento. Curano che, ove possibile, alla trattazione del procedimento provvedano, per tutte le fasi del relativo grado, il magistrato o i magistrati originariamente desi- gnati. Nei confronti di tali magistrati, inoltre, hanno il potere di sostituirli o di sostituirvisi. Comunque, nel corso delle udienze penali, il magistrato designa- to svolge le funzioni di P.M. con piena autonomia e può essere sostituito nei casi di grave impedimento, di rilevante esigenza di servizio, di astensione o di incompatibilità. Negli altri casi il magistrato può essere sostituito solo con il suo consenso (art. 70 RD 30 gennaio 1941, n. 12).

5.1. Astensione

L’astensione consiste nella facoltà che ha il magistrato del P.M. di rinun- ciare ad occuparsi di un terminato procedimento quando esistono gravi ragio- ni di convenienza o motivi di incompatibilità.

Sulla dichiarazione di astensione decidono, nell’ambito dei rispettivi uffici, il procuratore della Repubblica presso il tribunale e il procuratore generale.

Sulla dichiarazione di astensione di questi ultimi decidono, nell’ordine, il procuratore generale della Repubblica presso la corte di appello e il procura- tore generale presso la corte di cassazione .

Con il provvedimento che accoglie la dichiarazione di astensione, il magi- strato del P.M. astenuto è sostituito con un altro magistrato del P.M. apparte- nente al medesimo ufficio.

Quando viene accolta la dichiarazione di astensione del procuratore della Repubblica o del procuratore generale presso la corte d’appello, può essere desi- gnato alla sostituzione altro magistrato del P.M. appartenente all’ufficio del P.M. avente sede nel capoluogo del distretto di corte d’appello più vicino (art. 52).

5.2. Avocazione

In relazione al principio gerarchico, fra uffici del P.M. possono verificarsi rapporti di avocazione e di delegazione.

L’avocazione è rappresentata dalla possibilità riconosciuta ad un ufficio del P.M. di attribuirsi una determinata attività privandone l’ufficio inferiore. I casi di avocazione sono previsti dagli articoli 372, 412 e 421-bis.

Nelle ipotesi suddette, si tratta di un potere riconosciuto al procuratore generale della Repubblica presso la corte di appello.

Nel primo caso, assunte quando occorre, le necessarie informazioni, il pro- curatore generale della Repubblica dispone con decreto motivato l’avocazione

delle indagini preliminari quando, in conseguenza dell’astensione o della incompatibilità del magistrato designato, non è possibile provvedere alla sua tempestiva sostituzione oppure il capo dell’ufficio del P.M. ha omesso di prov- vedervi con la dovuta celerità.

Un ulteriore caso di avocazione è stato introdotto dall’art. 8 del D.L. 20 novembre 1991 n. 367, che ha aggiunto il comma 1-bis all’art. 372, quando, trat- tandosi di indagini collegate per gravi delitti di criminalità politica o organizza- ta (5), non risulta effettivo il coordinamento delle indagini stesse e nonhanno dato esito le riunioni per il coordinamento disposte o promosse dal procurato- re generale anche d’intesa con gli altri procuratori generali interessati.

L’avocazione a norma dell’art. 412 si ha allorché il P.M., incaricato delle indagini preliminari, non esercita l’azione penale o non richiede l’archiviazio- ne nel termine stabilito dalla legge o prorogato dal giudice. In quest’ultima cir- costanza il procuratore generale svolge le indagini preliminari indispensabili e formula le sue richieste entro trenta giorni dal decreto di avocazione.

L’ultima ipotesi in cui il procuratore generale della Repubblica presso la corte d’appello può disporre l’avocazione delle indagini è nel caso in cui il GUP, riscontrando l’incompletezza delle indagini preliminari, indica le ulte- riori investigazioni da compiersi fissando il termine entro cui devono essere ultimate e la data della nuova udienza preliminare (art. 421-bis introdotto dal- l’art. 21 della legge 16 dicembre 1999, n. 479).

5.3. Delegazione

Diversa, invece, è la delegazione che consiste nel disporre, da parte di un determinato organo del P.M. che non possa provvedervi direttamente, l’as- sunzione di atti ad opera di altri organi del P.M. aventi sede nella circoscrizio- ne di altro tribunale.

Fra gli atti di delegazione bisogna comprendere anche quelli di cui è spe- cificamente incaricata la polizia giudiziaria a norma dell’art. 370 (interrogatori e confronti con l’indagato che si trovi in stato di libertà, ispezioni, perquisizio- ni, sequestri, sommarie informazioni, accertamenti tecnici, ecc.).

––––––––––– (5) Si tratta dei delitti previsti dai seguenti articoli del c.p.: 270 bis (associazione eversiva), 280

(attentato per finalità terroristiche o di eversione), 286 (guerra civile), 289-bis (sequestro di persona a scopo di terrorismo e di eversione), 305 (cospirazione politica mediante associazione), 306 (banda arma- ta), 416 (associazione per delinquere nei casi in cui è obbligatorio l’arresto in flagranza) e 422 (strage).

CAPITOLO QUARTO

Polizia giudiziaria (artt. 55-59)

1. Soggetto processuale

La polizia giudiziaria è un’istituzione essenziale per l’attività processuale essendo demandati ad essa il compimento degli atti necessari per assicurare le fonti di prova (1) e la raccolta di tutti quegli elementi che possano servire per l’applicazione della legge penale al fatto concreto.

Nel processo penale la polizia giudiziaria è considerata un importante sog- getto processuale.

2. Funzioni (art. 55)

Le funzioni della polizia giudiziaria sono indicate nell’art. 55 del c.p.p., il quale cita: «La polizia giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori, ricer- carne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e rac- cogliere quant’altro possa servire per l’applicazione della legge penale. Svolge ogni indagine e attività disposta o delegata dall’autorità giudiziaria».

Possono essere delegati alla PG gli atti di indagine rientranti nella compe- tenza del P.M. Si tratta di: ispezioni, perquisizioni, sequestri, informazioni dal- le persone che possono riferire circostanze utili ai fini delle indagini, accerta- –––––––––––

(1) Sono assicurazione delle fonti di prova: la ricerca delle cose e delle tracce pertinenti al reato, nonché la conservazione di esse e dello sta-

to dei luoghi (art. 348); la ricerca delle persone in grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti

(art. 348); la identificazione della persona nei cui confronti vengono svolte le indagini e delle persone in

grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti (art. 349); le sommarie informazioni dalla persona nei cui confronti vengono svolte le indagini (art. 350); le sommarie informazioni dalle persone che possono riferire circostanze utili ai fini delle indagini

(art. 351); le perquisizioni personali e locali (art. 352); gli accertamenti e i rilievi tecnici sullo stato dei luoghi e delle cose (art. 354); i sequestri (art. 354); l’acquisizione di plichi e di corrispondenza (art. 353).

menti tecnici, interrogatori e confronti con la persona sottoposta ad indagini che si trovi in stato di libertà con l’assistenza necessaria del difensore (art. 370).

Le funzioni di polizia giudiziaria sono svolte dagli ufficiali e dagli agenti di PG (art. 55-3° co.).

La distinzione fra ufficiali e agenti di PG trae motivazione dalla diversa responsabilità che viene richiesta per l’esercizio dell’una o dell’altra funzione con riflessi diretti sulla competenza degli atti di polizia giudiziaria.

Molti atti sono comuni all’ufficiale e all’agente di PG, mentre alcuni sono riservati all’ufficiale di PG.

Spettano all’ufficiale di PG i seguenti atti: perquisizioni personali e locali (2), sommarie informazioni dall’indagato, acquisizione di plichi e di corrispon- denza, accertamenti tecnici sui luoghi, sulle cose e sulle persone, ricezione di denunzie, querele, richieste e istanze.

3. - Ufficiali e agenti di PG (art. 57)

Afferma l’art. 57 che, salve le disposizioni delle leggi speciali, sono ufficia- li di polizia giudiziaria:

a) i dirigenti, i commissari, gli ispettori, i sovrintendenti e gli altri appar- tenenti alla Polizia di Stato ai quali l’ordinamento dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza riconosce tale qualità (art. 57-1° co. lett. a) (3). Si tratta, in effetti, del personale della Polizia di Stato indicato nell’art. 39 della legge 1° aprile 1981, n. 121 e negli artt. 1, 2, 14 e 15 del Dlgs. 5 ottobre 2000, n. 334 avente per oggetto: «Riordino dei ruoli del per- sonale direttivo e dirigente della Polizia di Stato» e precisamente: ruolo sovrintendenti ruolo ispettori; ruolo direttivo speciale (vice commissario limitatamente alla frequenza del corso di formazione, commissario, commissario capo e vice questo- re aggiunto del ruolo direttivo speciale); ruolo dei commissari (commissario limitatamente alla frequenza del cor- so di formazione, commissario capo, vice questore aggiunto);

––––––––––– (2) Gli agenti di PG possono procedere: a perquisizione personale e locale a norma dell’art. 352

del c.p.p. in relazione all’art. 113 del D. L.vo 271/89 (casi di particolare necessità e urgenza), ad accertamenti urgenti sui luoghi, sulle cose e sulle persone, ad atti di sequestro (sempre nei casi di particolare necessità e urgenza) - art 113 D. L.vo 271/89 - a perquisizione personale a norma dell’art. 4 della legge 152/75 e a perquisizione locale a norma dell’art. 41 del TULPS.

(3) Dopo l’entrata in vigore del D. L.vo 12 maggio 1995, n. 197 che ha dato attuazione all’art. 3 della legge 6 marzo 1992, n. 216 in materia di riordino delle carriere del personale della Polizia di Stato, non è più prevista la figura dell’assistente capo ufficiale di polizia giudiziaria.

ruolo dei dirigenti limitato alla qualifica di primo dirigente, salvo i pri- mi dirigenti che assolvono alla funzione di vice questore vicario (art. 39 legge 121/81).

b) gli ufficiali superiori e inferiori e i sottufficiali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato e il personale del Corpo della Polizia Penitenziaria appartenente al ruolo degli ispettori e dei sovrintendenti, nonché gli altri appartenenti alle predette forze di polizia ai quali l’ordinamento delle rispettive amministrazioni riconosce tale qualità (art. 57, 1° co. lett. b); (4)

c) il sindaco dei comuni ove non abbia sede un ufficio della Polizia di Sta- to ovvero un Comando dell’Arma dei Carabinieri o della Guardia di Finanza (art. 57-1° co. lett. c).

Sono agenti di polizia giudiziaria: a) il personale della Polizia di Stato al quale l’ordinamento dell’Ammini-

strazione della Pubblica Sicurezza riconosce tale qualità (art. 57-2° co. lett. a). Si tratta, in sostanza, degli agenti, agenti scelti, assistenti e assistenti capo;

b) i Carabinieri, le Guardie di Finanza, gli Agenti del Corpo della Polizia Penitenziaria, le Guardie Forestali e, nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza, le guardie delle province e dei comuni quando sono in servizio (art. 57-2° co. lett. b).

In merito è da chiarire: per quanto concerne i Carabinieri, sono da comprendere: i Carabinieri, i

Carabinieri Scelti, gli Appuntati e gli Appuntati Scelti; per Guardie di Finanza bisogna intendere: i Finanzieri, i Finanzieri Scelti,

gli Appuntati e gli Appuntati Scelti; per gli Agenti della Polizia Penitenziaria, sono da comprendere: Agenti,

Agenti Scelti, Assistenti e Assistenti Capo; per Guardie Forestali si deve intendere: Guardia, Guardia Scelta, Appun-

tato e Appuntato Scelto. Sono, altresì, ufficiali e agenti di polizia giudiziaria, nei limiti del servizio

cui sono destinati e secondo le rispettive attribuzioni, le persone alle quali le –––––––––––

(4) Con l’entrata in vigore dei Decreti Legislativi n° 198, 199 e 200 del 12 maggio 1995 in attua- zione dell’art. 3 della legge 6 marzo 1992, n. 216 in materia di riordino delle carriere del personale non direttivo e non dirigente dell’Arma dei Carabinieri, del Corpo della Guardia di Finanza, del Corpo della Polizia Penitenziaria, non è più prevista la figura di Appuntato Scelto e di Assistente Capo ufficiale di polizia giudiziaria.

leggi e i regolamenti attribuiscono le funzioni previste dall’art. 55 (art. 57-3° co.) (5).

Sono, inoltre, ufficiali di PG nei limiti del servizio cui sono destinati: • gli ispettori delle poste e telegrafi nell’esercizio della funzione di ricercare e

accertare i reati che interessano direttamente l’organizzazione, l’esecuzione, l’u- tenza dei servizi postali e delle telecomunicazioni, o che vengano perpetrati negli ambienti di lavoro dei servizi medesimi (D.M. 14 agosto 1943);

• il personale direttivo, gli ufficiali e i sottufficiali del Corpo dei Vigili del Fuoco (art. 8 L. 27 dicembre 1941, n. 1570, L. 13 maggio 1961, n. 469);

• gli ufficiali sanitari in relazione alle trasgressioni alla legislazione sanitaria (art. 40 R.D. 27 luglio 1934, n. 1265);

• gli ispettori compartimentali dei Monopoli (R.D. 14 giugno 1941, n. 577); • gli ispettori del lavoro (art. 8 D.P.R. 19 marzo 1955, n. 520); • i verificatori di pesi e misure (R.D. 23 agosto 1890, n. 7088); • i funzionari doganali (art. 324 D.P.R. 22 gennaio 1973, n. 43); • gli ingegneri e i periti del corpo delle miniere (art. 5 DPR 9 aprile 1959, n. 128); • gli impiegati addetti al servizio di vigilanza per la repressione delle frodi agrarie

(art. 18 legge 15 dicembre 1961, n. 1304); • gli ispettori sanitari (art. 17 L. 441/1963); • i comandanti di corpo, di distaccamento o di porto delle varie forze armate (art.

301 c.p. m.p.); • i comandanti, ufficiali, sottufficiali, direttori, delegati o consoli indicati nell’art.

1235 del codice della navigazione modificato dalla legge 3 febbraio 1963, n. 94; • gli impiegati del servizio metrico e del saggio dei metalli preziosi nei limiti del

loro servizio (art. 20, legge 30 gennaio 1968, n. 46); • il personale direttivo del Corpo Forestale dello Stato (artt. 12 e 13 D.L. 12 mar-

zo 1948, n. 804); il sorvegliante capo (art. 5 D.P.R. 2 maggio 1953, n. 604); • gli addetti ai servizi regionali e degli enti locali (addetti ASL ed ai presidi e ser-

vizi multizonali); • i collaboratori tecnici capo, gli appartenenti ai ruoli dei revisori, dei periti, dei

direttori tecnici, i primi dirigenti del ruolo dei tecnici del personale della Poli- zia di Stato che espleta attività tecnico - scientifica, limitatamente alle funzio- ni esercitate;

• gli appartenenti ai ruoli professionali dei sanitari della Polizia di Stato, con esclu- sione dei dirigenti superiori e generali, limitatamente alle funzioni esercitate;

• i funzionari dell’ANAS, del Genio Civile, dell’Ispettorato Generale della Moto- rizzazione Civile, del Ministero dell’Interno - in Servizio di Polizia Stradale - degli uffici tecnici delle province e dei comuni con riferimento all’accertamen- to dei reati in materia di circolazione stradale;

––––––––––– (5) Rientrano fra gli ufficiali di PG, a norma dell’art. 57, co. 3, anche i responsabili del servi-

zio o del corpo e gli addetti al coordinamento e al controllo della Polizia Municipale; mentre gli ope- ratori della Polizia Municipale sono soltanto agenti di PG (art. 5 legge 7 marzo 1986, n. 65).

• il personale della carriera direttiva, della carriera dei capi reparto e capisquadra, della carriera di concetto del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco (art. 16 L. 469/1961 e artt. 1 e 13 legge 850/1973);

• il personale sanitario o tecnico dipendente dal medico provinciale o dagli ispet- tori sanitari, incaricato della vigilanza sulla produzione ed il commercio delle sostanze destinate all’alimentazione (art. 3 legge 283/1962);

• gli ufficiali indicati dalla legge sul bollo per l’accertamento delle violazioni tri- butarie concernenti gli atti del loro ufficio (art. 4 Legge 1196/1990 e art. 35 DPR 642/72);

• i funzionari consolari per i reati commessi a bordo delle navi mercantili e degli aerei civili italiani (artt. 46 e 52 DPR 200/67, art. 1235 codice della navigazio- ne, R.D. 327/42 e succ. modif.);

• l’ingegnere capo dell’ufficio tecnico della Regione o dell’ufficio del genio civi- le, in relazione all’accertamento delle violazioni delle norme sulle costruzioni in zone sismiche, nonché gli ingegneri, i geometri degli uffici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e degli uffici tecnici regionali, provinciali e comunali.

Sono agenti di polizia giudiziaria a competenza limitata: • gli agenti giurati per la sorveglianza di acque pubbliche e private (guardia

pesca) - art. 31 R.D. 1604/1931 e art. 22 legge n. 963/1965; • gli agenti nominati dalle amministrazioni provinciali per reprimere frodi agra-

rie (art. 62 DPR 987/1955); • le guardie doganali, forestali e tutti gli agenti giurati al servizio dello Stato, del-

le province e dei comuni; • gli agenti venatori dipendenti dagli enti locali delegati dalle regioni nell’ambito

territoriale dell’ente di appartenenza e nei luoghi nei quali sono comandati a prestare servizio; portano, senza licenza, le armi di cui sono dotati nei luoghi predetti ed in quelli attraversati per raggiungerli e per farvi ritorno (art. 27 leg- ge 11 febbraio 1992, n. 157);

• gli agenti nominati dalle amministrazioni provinciali per la sorveglianza e la repressione della pesca con materie esplosive e venefiche nelle acque marittime circondanti il territorio della loro circoscrizione (art. 7 DPR 74/1954);

• le guardie particolari giurate nel momento dell’esercizio di attività di repressio- ne dei reati che cadono sui beni affidati alla loro sorveglianza (artt. 133-134 R.D. 733/1931- Cass. 24 ottobre 1984, Berruti; 20 marzo 1981, Corona);

• gli agenti giurati dello Stato, delle province e dei comuni aventi la qualifica o le funzioni di capo cantoniere stradale.

4. Servizi e sezioni di polizia giudiziaria (art. 56)

Le funzioni di polizia giudiziaria sono svolte alla dipendenza e sotto la dire- zione dell’Autorità giudiziaria;

a) dai servizi di polizia giudiziaria previsti dalla legge cui fanno capo quelli istituiti e organizzati a norma dell’art. 17 della legge 1 aprile 1981, n. 121 (6) presso le Questure, i Comandi dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, nonché quelli speciali come la Direzione Centrale per i servizi antidroga istituita presso il Ministero dell’Interno;

b) dalle sezioni di polizia giudiziaria istituite presso ogni procura della Repub- blica e composte con personale dei servizi di PG: si tratta di personale qua- lificato operante alle dirette dipendenze del P.M. e appartenente alla Polizia di Stato, all’Arma dei Carabinieri e al Corpo della Guardia di Finanza. Quando lo richiedono particolari esigenze di specializzazione dell’attività di PG, possono essere applicati presso le sezioni ufficiali e agenti di PG di altri organi (es. Corpo Forestale dello Stato);

c) dagli ufficiali e dagli agenti di PG appartenenti agli altri organi cui la leg- ge fa obbligo di compiere indagini a seguito di una notizia di reato (es. ispettori del lavoro, ispettori ASL ecc.).

5. Disponibilità della polizia giudiziaria e coordinamento (art. 58)

La disponibilità della polizia giudiziaria è fissata nell’art. 58 del c.p.p. ove si afferma che ogni procura della Repubblica dispone della rispettiva sezione, mentre la procura generale presso la corte d’appello dispone di tutte le sezio- ni istituite nel distretto.

Le attività di polizia giudiziaria per i giudici del distretto sono svolte dalla sezione istituita presso la corrispondente procura della Repubblica.

Di tale personale si avvale direttamente l’autorità giudiziaria e può, altresì, giovarsi di ogni servizio o altro organo di polizia giudiziaria.

La sorveglianza sulla disponibilità della PG da parte dell’AG viene eserci- tata dal procuratore generale della Repubblica presso la corte d’appello (art. 83 R.D. 30 gennaio 1941, n. 12). –––––––––––

(6) Le funzioni di polizia giudiziaria sono svolte alla dipendenza e sotto la direzione dell’auto- rità giudiziaria in conformità a quanto stabilito dal codice di procedura penale. A tal fine, il diparti- mento della pubblica sicurezza provvede, nei contingenti necessari, determinati dal Ministero del- l’Interno, di concerto con il Ministro di Grazia e Giustizia, all’istituzione e all’organizzazione dei ser- vizi di polizia giudiziaria anche in base alle direttive impartite dal Ministro dell’Interno nell’eserci- zio delle sue attribuzioni di coordinamento (art. 17 L. 121/1981).

Per assicurare il collegamento delle attività investigative relative a delitti di criminalità organizzata, l’art. 12 del D.L. 152/91 ha previsto l’istituzione del coordinamento dei servizi di PG con la costituzione di servizi centrali e inter- provinciali della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

5.1. Direzione Investigativa Antimafia (D.I.A.)

La D.I.A. (direzione investigativa antimafia) è stata istituita con il D.L. 29 ottobre 1991, n. 345 convertito con modificazioni in legge 30 dicembre 1991, n. 410. Ha il compito di:

a) assicurare lo svolgimento, in forma coordinata, delle attività di investi- gazione preventiva attinenti alla criminalità organizzata;

b) effettuare indagini di polizia giudiziaria relative esclusivamente a delitti di associazione di tipo mafioso o comunque ricollegabili all’associazio- ne mafiosa.

Nell’assolvimento dei suoi compiti, la D.I.A. opera in stretto collegamento con gli uffici e le strutture delle forze di polizia esistenti a livello centrale e peri- ferico. A tal proposito è previsto che:

a) tutti gli ufficiali e agenti di polizia giudiziaria debbono fornire ogni pos- sibile cooperazione al personale investigativo della D.I.A.;

b) gli ufficiali e gli agenti di PG dei servizi centrali e interprovinciali devo- no costantemente informare il personale investigativo della D.I.A., inca- ricato di effettuare indagini collegate, di tutti gli elementi informativi ed investigativi di cui siano venuti comunque in possesso e sono tenuti a svolgere, congiuntamente con il predetto personale, gli accertamenti e le attività investigative eventualmente richiesti.

5.2. Poteri della D.I.A.

Il personale della direzione investigativa antimafia, appositamente delegato dal Ministro dell’Interno, può ottenere dalla AG competente, anche in deroga al divieto stabilito dall’art. 329 (obbligo del segreto) copie di atti di procedi- menti penali e informazioni scritte sul loro contenuto ritenute indispensabili per la prevenzione dei delitti di cui all’art. 380 (arresto obbligatorio in flagranza).

Ai medesimi fini l’A.G. può autorizzare il predetto personale all’accesso diretto al registro delle notizie di reato anche se tenuto in forma automatizzata.

Al fine di acquisire informazioni utili per la prevenzione e la repressione dei delitti di criminalità organizzata, il personale della D.I.A. e dei servizi cen- trali e interprovinciali, nonché gli ufficiali di PG designati dai predetti respon-

sabili hanno facoltà di visitare gli istituti penitenziari e possono essere autoriz- zati ad avere colloqui personali con detenuti e internati.

L’autorizzazione è rilasciata: a) dal Ministro di Grazia e Giustizia o da un suo delegato quando si tratta

di internati, condannati o imputati; b) dal P.M. quando si tratta di persone sottoposte ad indagini (art. 16 D.L.

306/92) (7).

5.3. Causa speciale di non punibilità

L’art. 12-quater del D.L. 306/92 prevede una causa speciale di non puni- bilità nei confronti degli ufficiali di PG della D.I.A. e dei servizi centrali e interprovinciali i quali, al solo fine di acquisire elementi di prova in ordine ai delitti di cui agli artt. 648-bis (riciclaggio) e 648-ter (impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita) del c.p., procedono alla sostituzione di denaro, beni o altre utilità provenienti da taluno dei delitti indicati nei suddetti artico- li o altrimenti procedono in modo da ostacolarne l’identificazione della prove- nienza ovvero in modo da consentirne l’impiego.

È prevista, inoltre, la non punibilità del predetto personale che, al solo fine di acquisire elementi di prova in ordine a delitti concernenti armi, muni- zioni od esplosivi, acquista, riceve od occulta o comunque si intromette nel fare acquistare, ricevere od occultare le armi, le munizioni o gli esplosivi medesimi. –––––––––––

(7) Le disposizioni relative alle autorizzazioni ed alle modalità delle visite per i colloqui a fini inve- stigativi sono fissate nel D.M. 2 agosto 1999 del Ministero della Giustizia. È stabilito che il provvedi- mento di autorizzazione ai colloqui deve contenere l’indicazione dell’autorità che l’ha emanato, la data dell’emissione, l’indicazione dei soggetti autorizzati a svolgere il colloquio e i nominativi dei detenuti e degli internati con i quali il colloquio deve svolgersi (art. 1 D.M.). Per poter effettuare i colloqui, i sog- getti di volta in volta legittimati presentano al direttore dell’istituto penitenziario l’autorizzazione rila- sciata dall’autorità competente o l’attestazione del Ministro dell’Interno o, per sua delega, del Capo del- la Polizia. L’attestazione deve contenere, tra l’altro, l’indicazione dei motivi di particolare urgenza. Il personale ammesso ai colloqui investigativi è identificato secondo le disposizioni previste dall’ordina- mento penitenziario. I colloqui investigativi si svolgono di regola in locali distinti e riservati, adottate in ogni caso le misure necessarie a garantire le esigenze di sicurezza e riservatezza (art. 4 D.M.).

Dei colloqui a fini investigativi svolti con detenuti e internati il direttore dell’istituto o un suo delegato formalmente designato fa annotazione in apposito registro riservato che deve essere con- servato personalmente dal direttore e con modalità tali da impedire che il registro stesso possa esse- re consultato da altre persone. Sul registro sono annotati i nominativi di chi ha svolto il colloquio, i nominativi dei detenuti o internati, la data e l’ora di inizio e fine dello stesso, nonché gli estremi del provvedimento di autorizzazione o dell’attestazione (art. 5). L’autorità che ha svolto il colloquio a fini investigativi deve dare immediata comunicazione al direttore dell’istituto penitenziario e alla segreteria di sicurezza del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria delle esigenze eventual- mente emerse dallo svolgimento del colloquio, relative alla tutela dell’incolumità del detenuto o internato con cui si è svolto il colloquio stesso o di altri detenuti o internati, ovvero della necessità od opportunità di adottare nei confronti di detenuti o internati misure custodiali particolari o prov- vedimenti concernenti comunque la gestione penitenziaria dei suddetti soggetti (art. 8).

6. Subordinazione della polizia giudiziaria (art. 59)

La subordinazione funzionale della polizia giudiziaria è così articolata: • gli ufficiali e gli agenti di PG appartenenti alle Sezioni di PG dipendono

dai magistrati che dirigono gli uffici presso i quali sono istituite le sezio- ni stesse (procure della Repubblica) (art. 59-1° co.);

• l’ufficiale di PG preposto ai servizi di PG è responsabile verso il procu- ratore della Repubblica presso il tribunale ordinario dove ha sede il ser- vizio dell’attività di polizia giudiziaria svolta da lui stesso e dal persona- le dipendente; non può essere allontanato o assegnato ad altri uffici sen- za il consenso del procuratore generale della Repubblica presso la corte d’appello e del procuratore della Repubblica presso il tribunale (artt. 59- 2° co. c.p.p.; 14 D.L.vo 271/89);

• gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria sono tenuti ad eseguire i compiti ad essi affidati (art. 59-3° co.).

Gli appartenenti alle sezioni di PG non possono essere distolti dall’attività di polizia giudiziaria se non per disposizione del magistrato dal quale dipen- dono (art. 59-3° co. c.p.p. e art. 10 D. L.vo 271/89).

Il trasferimento può aver luogo su proposta motivata del magistrato che dirige l’ufficio, ovvero previo nulla osta del magistrato stesso e del procurato- re generale presso la corte d’appello (art. 11-1° co D. L.vo 271/89).

Qualora il trasferimento si renda necessario in relazione alla progres- sione di carriera, è sufficiente il tempestivo avviso al capo dell’ufficio e al procuratore generale da parte dell’amministrazione (art. 11-2° co. D. L.vo 271/89).

7. Sanzioni disciplinari (artt. 16-19 D. L.vo 271/89)

Per gli ufficiali e agenti di PG possono derivare irregolarità o inadempien- ze dovute all’attività operativa o al rapporto di subordinazione, con responsa- bilità penali o disciplinari.

Le responsabilità penali possono essere conseguenti a fatto doloso (es. arre- sto illegale, sequestro di persona aggravato perché commesso dal pubblico ufficiale, perquisizione arbitraria, violazione del domicilio commessa dal p.u.), mentre quelle disciplinari per gravi omissioni o negligenze nell’espletamento dell’attività di PG (es. omissione di riferire nel termine previsto al P.M. la noti- zia di reato, omissione o ritardo nell’esecuzione di un ordine dell’autorità giu- diziaria oppure esecuzione parziale o negligente di esso, ecc.).

Le sanzioni disciplinari che possono essere inflitte sono: la censura, la sospensione dall’impiego per un tempo non eccedente sei mesi. Per gli ufficia- li e agenti di PG in servizio presso le sezioni, può essere disposto, altresì, l’e- sonero dal servizio stesso (art. 16 D. L.vo 271/89).

Promotore dell’azione disciplinare è il procuratore generale presso la corte d’appello nel cui distretto l’ufficiale o l’agente presta servizio, previa comunica- zione all’amministrazione dalla quale questi dipende (art. 17 D.L.vo 271/89).

Competente a giudicare è una commissione composta da un presidente di sezione di corte d’appello che la presiede e da un magistrato di Tribunale, nominati ogni due anni dal consiglio giudiziario, da un ufficiale di PG scelto, a seconda dell’appartenenza dell’ incolpato, fra tre ufficiali di PG nominati ogni due anni rispettivamente dal questore, dai comandanti di regione dei carabinieri e dai comandanti di zona della guardia di finanza (art. 17-3° co. D. L.vo 271/89).

Il procedimento disciplinare si svolge in camera di consiglio. L’accusa è esercitata dal procuratore generale o da un suo sostituto.

L’incolpato ha facoltà di nominare un difensore, scelto fra gli appartenen- ti alla propria amministrazione ovvero tra gli avvocati e i procuratori iscritti negli albi professionali (art. 17° co. D. L.vo 271/89).

Il provvedimento adottato è comunicato dal Procuratore generale stesso all’amministrazione di appartenenza dell’operatore di PG interessato (art. 17- 5° D. L.vo 271/89).

Contro la decisione, l’incolpato e il pubblico Ministero possono ricorrere ad una commissione che ha sede presso il Ministero della Giustizia (art. 18 D. L.vo 271/89).

Le predette commissioni possono disporre la sospensione cautelare dal- le funzioni dell’ufficiale o dell’agente di PG inquisito (art. 19 D. L.vo 271/89).

8. Ausiliari di PG - persone idonee (art. 348 4° co.)

La polizia giudiziaria, nel corso della sua complessa attività operativa, sia che essa venga esercitata di propria iniziativa che su delega del P.M., può pro- cedere direttamente agli accertamenti, ai rilievi segnaletici, descrittivi o foto- grafici e ad ogni altra operazione tecnica oppure, qualora debba compiere atti od operazioni che richiedono specifiche competenze tecniche a norma dell’art. 348, comma 4, può avvalersi di persone idonee le quali non possono rifiutare la propria opera.

In questi casi, costoro, assumono la qualifica di ausiliari di PG e la veste di pubblico ufficiale con i vantaggi e le relative responsabilità che ciò com- porta (8).

Rientrano fra gli ausiliari di PG gli interpreti che assistono gli ufficiali e gli agenti nel corso delle sommarie informazioni (9) e, soltanto l’ufficiale di PG, per la compilazione di denunzie, querele e altri atti cui partecipino persone che parlino lingue o dialetti sconosciuti all’ufficiale di PG.

Queste persone vengono denominate anche esperti. Considerando che nel citato art. 348 si parla di polizia giudiziaria, alla

nomina degli ausiliari può procedere anche l’agente di PG, con apposito ver- bale, per quegli atti rientranti nella sua competenza (vedi schema n. 14/a).

––––––––––– (8) L’omissione o il ritardo dell’atto richiesto può costituire reato a norma dell’art. 328, mentre

i reati commessi contro di loro, nell’espletamento di tale attività, saranno puniti come delitti contro i pubblici ufficiali.

(9) Possono essere nominati anche dal giudice e dal P.M.

CAPITOLO QUINTO

Attività ad iniziativa della Polizia giudiziaria e attività disposta o delegata

1. Nozione

Come è stato già detto, la polizia giudiziaria può agire su disposizione o delega dell’autorità giudiziaria oppure di propria iniziativa (art. 55).

L’attività disposta è quella che viene svolta nell’ambito delle direttive impartite dal P.M. al fine di conseguire determinati risultati, mentre l’attività delegata consiste nel compiere specifici atti su incarico dello stesso P.M. (es. perquisizioni, sequestri, ispezioni), del giudice per le indagini preliminari, del giudice dell’udienza preliminare oppure del giudice del dibattimento.

L’iniziativa scatta a seguito della notizia di reato e si protrae anche dopo l’intervento del P.M. (art. 348-1° co.). Essa è caratterizzata, non soltanto dalla necessità e dall’urgenza di raccogliere le fonti di prova, che altrimenti potreb- bero andare disperse, e di assicurare tempestivamente i responsabili alla giu- stizia, ma dalla necessità di raccogliere ogni elemento utile alla ricostruzione del fatto e alla individuazione del colpevole (art. 348).

L’iniziativa trova dei limiti nel divieto di procedere all’interrogatorio e al confronto della persona arrestata o fermata, atti riservati all’autorità giudiziaria (giudice e pubblico ministero). Il pubblico ministero, tuttavia, può delegare alla polizia giudiziaria l’interrogatorio e il confronto cui partecipi la persona sottoposta alle indagini che si trovi in stato di libertà.

2. Atti di iniziativa della polizia giudiziaria

Gli atti che possono essere esercitati d’iniziativa dalla polizia giudiziaria sono quelli indicati nell’art. 348. Detta norma afferma, infatti, che, anche successivamente alla comunicazione della notizia di reato, la polizia giudizia- ria continua a svolgere le funzioni indicate nell’art. 55 raccogliendo, in spe- cie, ogni elemento utile alla ricostruzione del fatto e alla individuazione del colpevole.

Con la legge 26 marzo 2001, n. 128 (Interventi legislativi in materia di tute- la della sicurezza dei cittadini - cosiddetto pacchetto sicurezza), è stata resti-

tuita alla polizia giudiziaria una più ampia ed efficace iniziativa che deve, sì, rimanere sempre sotto il controllo del PM, ma il cui scopo è di dare nuovo impulso e giusta tempestività alle indagini preliminari nel supremo interesse di una maggiore tutela della sicurezza sociale.

L’iniziativa della PG non si esaurisce con la comunicazione della notizia di reato, né dopo l’intervento del PM. Infatti la polizia giudiziaria:

• anche dopo la comunicazione della notizia di reato continua a svolgere attività di propria iniziativa nel rispetto delle modalità previste dalla nor- mativa sulle indagini preliminari (art. 327, modificato dall’art. 7 della legge 26 marzo 2001, n. 128);

• dopo l’intervento del PM., compie gli atti ad essa specificamente delega- ti a norma dell’art. 370, esegue le direttive del pubblico ministero ed inoltre svolge di propria iniziativa, informandone prontamente il pub- blico ministero, tutte le altre attività di indagine per accertare i reati ovvero richieste da elementi successivamente emersi e assicura le nuove fonti di prova (art. 348, modificato dall’art. 8 della legge 26 marzo 2001, n. 128).

In effetti la polizia giudiziaria deve continuare a svolgere tutti gli accertamenti del caso per chiarire i fatti oggetto dell’indagine e mettere il pubblico ministero in condizione di adottare i provvedimenti di sua com- petenza.

A tal fine, la PG procede, fra l’altro: • alla ricerca delle cose e delle tracce pertinenti al reato, alla conservazio-

ne di esse e dello stato dei luoghi (atti di perquisizione, ispezione, rilievi tecnici, sequestro) (art. 348);

• alla ricerca delle persone in grado di riferire circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti e alla loro identificazione (possibili testimoni) (artt. 348-349);

• alla identificazione della persona sottoposta alle indagini (art. 349); • a sommarie informazioni dall’indagato e dalle persone informate sui fat-

ti (artt. 350-351); • all’acquisizione di dichiarazioni spontanee dall’indagato anche se arre-

stato o fermato (art. 350-7° co.); • a perquisizioni personali e locali (art. 352); • all’acquisizione di plichi o di corrispondenza che possano contenere

notizie utili alla ricerca e all’assicurazione di fonti di prova che potreb- bero andare disperse (art. 353);

• ad accertamenti urgenti sui luoghi, sulle cose e sulle persone (art. 354); • ad atti di sequestro (art. 354).

Sono anche atti di iniziativa della PG: • l’arresto obbligatorio e facoltativo (artt. 380-381), l’arresto dei minori e

l’accompagnamento a seguito di flagranza (artt. 16-18-bis DPR 448/88); • il fermo di indiziato di delitto (art. 384) e il fermo di minorenne indizia-

to di delitto (art. 18 DPR 448/88). Detti atti rientrano tutti nella competenza dell’ufficiale di polizia giudizia-

ria, mentre molti di essi possono essere compiuti anche dall’agente al quale il vigente codice di procedura penale riconosce una iniziativa più ampia.

In sostanza, l’agente può: • ricevere dichiarazioni spontanee dalla persona indagata anche se arre-

stata o fermata (art. 350-7° co.); • assumere sommarie informazioni (art. 351); • eseguire perquisizioni personali e locali (art. 352), nei casi di particolare

necessità e urgenza in relazione all’art. 113 delle norme di attuazione (D. L.vo 28 luglio 1989, n. 271);

• effettuare accertamenti urgenti sui luoghi, sulle cose e sulle persone e atti di sequestro (art. 354) in relazione al predetto art. 113 del D. L.vo 28 luglio 1989, n. 271;

• eseguire perquisizioni locali a norma dell’art. 41 del TULPS; • eseguire perquisizioni personali a norma dell’art. 4 della legge 22 maggio

1975, n. 152. Alcuni di questi atti hanno lo scopo di assicurare alla giustizia l’autore del

reato, altri, invece, mirano alla ricerca delle fonti di prova per la ricostruzione del fatto e per l’individuazione del colpevole.

Non ci si sofferma in questa fase alla illustrazione dei singoli atti in quan- to, per gli stessi, sono stati approntati dettagliati prospetti che precedono la modulistica, a cui si rinvia, nei quali è sintetizzato tutto ciò che l’operatore deve osservare durante il compimento dell’atto: competenze, finalità dell’atto e condizioni per l’adempimento, diritto di difesa, adempimenti immediati e successivi, termini e modalità di trasmissione all’A.G., norme di riferimento, utilizzazione nelle varie fasi processuali e in sede di testimonianza.

3. Reati di competenza del giudice di pace

Per i reati di competenza del giudice di pace (v. art. 4 D.lgs. 28 agosto 2000, n. 274) alla Polizia Giudiziaria viene restituita l’iniziativa completa delle indagini preliminari. Infatti, la Polizia Giudiziaria acquisisce la notizia di rea- to, compie di propria iniziativa tutti gli atti di indagine necessari per la rico-

struzione del fatto e per l’individuazione del colpevole, riferisce al P.M., con relazione scritta, entro il termine di quattro mesi.

In caso di fondatezza della notizia di reato, la PG enuncia nella relazione il fatto, in forma chiara e precisa, con l’indicazione degli articoli di legge che si assumono violati e richiede al P.M. l’autorizzazione a disporre la comparizio- ne della persona sottoposta ad indagini davanti al giudice di pace (art. 11 Dlgs. 274/2000); procede nello stesso senso anche nei casi di indagini eseguite su richiesta del pubblico ministero che le abbia trasmesso le notizie di reato acquisite o ricevute dai privati.

La polizia giudiziaria, sulla base dell’imputazione formulata dal P.M. cita l’imputato dinanzi al giudice di pace (artt. 13 e 20 D.lgs. 274/00).

Vedansi prospetti illustrativi e modulistica nella Parte Seconda.

CAPITOLO SESTO

Difensore (artt. 96-105)

1. Nozione

In relazione all’art. 24 della Costituzione «la difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento».

Tale importantissimo principio costituzionale, oltre a voler garantire un sacrosanto diritto dell’imputato o indagato, intende, soprattutto, affermare un’esigenza di giustizia che deriva da un altro basilare principio fissato nell’art. 27 della Carta Costituzionale in virtù del quale l’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva.

Nel processo penale esistono delle precise norme circa le formalità da osservar- si nel muovere l’accusa al presunto autore del reato il quale ha diritto alla difesa fin dal primo atto delle indagini preliminari a cui il difensore può o deve assistere.

Nel vigente processo penale, improntato alla parità fra accusa e difesa, è stata accresciuta la facoltà del difensore di assistere agli atti della polizia giudi- ziaria e a quelli del pubblico ministero nel corso delle indagini preliminari, di conferire con la persona sul conto della quale vengono svolte le indagini (arre- sto – fermo – misure cautelari), di prendere visione degli atti espletati dai pre- detti organi, di presentare al P.M. e al giudice memorie o richieste scritte, documentazione difensiva e di chiedere l’ammissione di prove a favore del suo assistito in ogni stato e grado del procedimento.

È prevista, inoltre, la possibilità, per il difensore, di svolgere investigazioni difensive a favore del suo assistito, di rivolgere direttamente domande ai testimoni e ai consulenti tecnici del PM e delle altre parti private nel corso del dibattimento e di controinterrogare i testi delle altre parti, nonché numerose altre facoltà.

2. Funzioni

Il difensore è considerato uno dei soggetti principali del processo. Può intervenire assistendo o rappresentando l’imputato, la parte civile, il responsa- bile civile e la persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria.

L’assistenza consiste nella collaborazione alla parte presente, la rappresen- tanza non è altro che la sostituzione dell’assistito da parte del difensore nell’e- sercizio di taluni diritti o facoltà (1).

Il difensore può essere di fiducia o d’ufficio (artt. 96-97). È difensore di fiducia quello scelto direttamente dall’imputato; è d’ufficio quello nominato in assenza di difensore di fiducia. L’imputato o l’indagato ha diritto di nominare

non più di due difensori di fiducia (art. 96-1° co.). La nomina deve essere fat- ta con dichiarazione resa all’autorità procedente ovvero consegnata alla stessa dal difensore o trasmessa con raccomandata (art. 96-2° co.). La nomina del difensore di fiducia della persona fermata, arrestata o in custodia cautelare, fin- ché la stessa non vi ha provveduto, può essere fatta da un prossimo congiunto nel rispetto delle forme suddette (art. 96-3° co.).

È prevista la possibilità che la difesa di più imputati venga assunta da un difensore comune, purché le diverse posizioni non siano tra loro incompatibili, salvo si tratti di imputati che abbiano reso dichiarazioni concernenti la respon- sabilità di altro imputato nel medesimo procedimento o in un procedimento connesso (modifica apportata dall’art. 16 legge 13 febbraio 2001, n. 45).

Competono al difensore le facoltà e i diritti che la legge riconosce all’impu- tato a meno che essi siano riservati personalmente a quest’ultimo (art. 99) (2).

2.1. Difensore d’ufficio

Il difensore d’ufficio viene nominato dal giudice, dal pubblico ministero, dalla polizia giudiziaria i quali, se devono compiere un atto per il quale è pre- vista l’assistenza del difensore, danno avviso tempestivo dell’atto stesso al difensore il cui nominativo è comunicato dall'ufficio centralizzato del consiglio dell’ordine forense del distretto di corte d’appello del luogo, sulla base delle competenze specifiche, della prossimità alla sede del procedimento e della reperibilità (art. 97, modificato dall’art. 1 della legge 6 marzo 2001, n. 60). I consigli dell’ordine forense di ciascun distretto di corte d’appello, mediante un apposito ufficio centralizzato, predispongono gli elenchi dei difensori che a richiesta dell’autorità giudiziaria o della polizia giudiziaria sono indicati ai fini della nomina. Per l’iscrizione nell’elenco dei difensori d’ufficio, è necessario il conseguimento di attestazione di idoneità rilasciata dall’ordine forense di appartenenza al termine della frequenza di corsi di aggiornamento professio- nale organizzati dagli ordini medesimi o, ove è costituita, dalla camera penale territoriale ovvero dall’unione delle camere penali. I difensori possono, tutta- via, essere iscritti nell’elenco, a prescindere dal requisito di cui si è appena det- to, se dimostrano di aver esercitato la professione in sede penale per almeno due anni. I difensori inseriti nei turni giornalieri hanno l’obbligo della reperi- bilità (art. 29 n.a., così modificato dall’art. 13 della legge 6 marzo 2001, n. 60).

La nomina del difensore d’ufficio da parte del P.M. o del giudice avviene con apposito decreto che deve essere notificato all’indagato o imputato e al

––––––––––– (1) Sono rappresentati dal difensore, ad esempio: l’imputato irreperibile, l’imputato contuma-

ce, il latitante e le parti private nei procedimenti davanti alla corte suprema di cassazione. (2) Infatti è prevista l’impossibilità di proporre impugnazione da parte del difensore d’ufficio

del contumace.

difensore designato. Il P.M., infatti, al compimento del primo atto a cui il difensore ha diritto di assistere e, comunque, prima dell’invito a presentarsi per rendere interrogatorio, a pena di nullità degli atti successivi, notifica alla persona sottoposta alle indagini la comunicazione della nomina del difensore d’ufficio. In tal caso la persona interessata deve essere informata delle disposi- zioni in materia di patrocinio a carico dello Stato e che, ove non ricorrano i presupposti per l’ammissione a tale beneficio, ha l’obbligo di retribuire il difensore che gli viene nominato d’ufficio (art. 8 legge 30 luglio 1990, n. 217).

A seguito dell’arresto o del fermo, la designazione del difensore d’ufficio deve essere effettuata direttamente dal P.M. (art. 386).

Quando è richiesta la presenza del difensore e quello di fiducia o d’ufficio nominato non è stato reperito, non è comparso o ha abbandonato la difesa, il giudice designa come sostituto un altro difensore immediatamente reperibile. Il sostituto esercita i diritti e assume i doveri del difensore.

Il pubblico ministero e la polizia giudiziaria, nelle medesime circostanze, richie- dono un altro nominativo all’ufficio centralizzato del consiglio dell’ordine del distret- to, salva, nei casi di urgenza, la designazione di un altro difensore immediatamente reperibile, previa adozione di un provvedimento motivato che indichi le ragioni del- l’urgenza (art. 97, co. 4 sostituito dall’art. 3 della legge 6 marzo 2001, n. 60).

Il difensore di fiducia e il difensore d’ufficio possono nominare un sostitu- to (art. 102- 1° co.)

2.2. Patrocinio a spese dello Stato

Il DPR 30 maggio 2002, n.115 «Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia» che ha sostituito la legge 30 luglio 1990, n.217 e successive modificazioni, prevede il patrocinio a spese del- lo Stato per la difesa del cittadino non abbiente che sia indagato, imputato, condannato, persona offesa dal reato, danneggiato che intenda costituirsi par- te civile, responsabile civile ovvero civilmente obbligato per la pena pecunia- ria. Il patrocinio a spese dello Stato è assicurato altresì allo straniero e all’apo- lide residente nello Stato. Può essere ammesso al patrocinio a spese dello Sta- to chi ha un reddito imponibile non superiore a euro 9.296,22 (3). L’ammis- sione al patrocinio a spese dello Stato è valida per ogni grado e per ogni fase del giudizio e per tutte le eventuali procedure comunque connesse. –––––––––––

(3) L’importo iniziale era di lire 8.000.000 dal 1990 e di lire 10.000.000 dal 1991. Il Ministero del- la Giustizia aveva aggiornato detto importo dapprima, con DM 28 ottobre 1995, a lire 10.890.000 e poi, con DM 8 novembre 2000, a lire 11.260.000. A norma del Dlgs 24 giugno 1998, n.213, a decorrere dal 1° gennaio 2002 gli importi in lire devono essere convertiti in euro secondo il tasso di conversione irre- vocabilmente fissato ai sensi del Trattato. La legge 29 marzo 2001, n.134, che ha modificato la legge 30 luglio 1990, n.217, ha elevato il reddito imponibile a lire diciottomilioni corrispondente, con la conver- sione in euro, all’attuale importo previsto dall’art.76 del DPR 115/2002 ( euro 9.296,22).

Il combinato disposto degli articoli 92 e 76 del DPR 115/2002 chiarisce che se l’interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costitui- to dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni compo- nente della famiglia ivi compreso l’istante. In tal caso i limiti indicati sono ele- vati di euro 1,032, 91 per ognuno dei familiari conviventi con l’interessato.

Ai fini della determinazione del limite massimo del reddito si tiene conto anche dei redditi che per legge sono esenti dall’IRPEF o che sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta ovvero ad imposta sostitutiva.

Si tiene conto del solo reddito personale nei procedimenti in cui gli inte- ressi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi.

I limiti di reddito sono adeguati in relazione alla variazione, accertata dal- l’ISTAT, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiega- ti, verificatasi nel biennio precedente, con decreto dirigenziale del Ministero della Giustizia di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Presso ciascun consiglio dell’ordine degli avvocati è istituto l’elenco degli avvocati per il patrocinio a spese dello Stato. L’elenco è formato dagli avvoca- ti che ne fanno domanda e che siano in possesso dei seguenti requisiti: attitu- dini ed esperienza professionale; assenza di sanzioni disciplinari; anzianità pro- fessionale non inferiore a sei anni.

Chi è ammesso al patrocinio a spese dello Stato può, altresì, nominare, un consulente tecnico residente nel distretto di corte d’appello nel quale pende il procedimento. Il difensore della persona ammessa al patrocinio a spese dello Stato può altresì nominare un sostituto o un investigatore privato autorizzato residente nel distretto di corte d’appello ove ha sede il giudice competente per il fatto per cui si procede, al fine di svolgere attività di investigazione difensiva.

2.3. Albo dei difensori

Prima dell’entrata in vigore della legge 27 febbraio 1997, n. 27, che ha sop- presso l’albo dei procuratori legali, esercitavano le funzioni di difensore: gli avvocati, i procuratori legali, previa iscrizione in appositi albi, nonché i prati- canti procuratori iscritti in un registro speciale tenuto presso il consiglio del- l’ordine degli avvocati. (4).

––––––––––– (4) I praticanti procuratori, dopo il conseguimento dell’abilitazione al patrocinio, possono eser-

citare l’attività professionale ai sensi dell’art. 8 del decreto legge 27 novembre 1933, n. 1578, converti- to con modificazioni, dalla legge 22 gennaio 1934, n. 36, e successive modificazioni, nelle cause di com- petenza del giudice di pace e dinanzi al tribunale in composizione monocratica limitatamente:

a) negli affari civili : 1) alle cause, anche se relative a beni immobili, di valore non superiore a lire cinquanta milioni; 2) alle cause per azioni possessorie, salvo il disposto dell’art. 704 del codice di procedura civi-

le, e per le denunce di nuova opera e di danno temuto, salvo il disposto dell’art. 688, secondo com- ma, del codice civile;

Con detta legge è stato soppresso l’albo dei procuratori legali; coloro che vi erano iscritti sono transitati d’ufficio nell’albo degli avvocati. I titoli neces- sari per l’iscrizione nell’albo dei procuratori legali, secondo le disposizioni pre- viste dal R.D.L. 27 novembre 1933 e successive modificazioni, consentono l’i- scrizione all’albo degli avvocati.

Per iscriversi nell’albo degli avvocati, oltre al possesso dei requisiti della cit- tadinanza, di quelli morali e del possesso della laurea, era necessario avere eser- citato lodevolmente la professione di procuratore legale per almeno sei anni oppure avere superato l’esame di Stato previsto dall’art. 28 della stessa legge.

Con l’entrata in vigore della legge 24 febbraio 1997, n. 27 detti requisiti consentono l’iscrizione nell’albo degli avvocati. Il termine procuratore legale si intende sostituito con il termine avvocato.

La differenza fra avvocato e procuratore legale consisteva nel fatto che i primi potevano esercitare la professione su tutto il territorio dello Stato, men- tre i secondi soltanto davanti a tutti gli uffici giudiziari del distretto in cui era compreso l’ordine, nonché davanti al TAR competente nel distretto.

C’è da aggiungere che non tutti gli avvocati possono esercitare le medesi- me funzioni. Per il patrocinio innanzi alla corte di cassazione e altre giurisdi- zioni superiori è necessaria l’iscrizione in un albo speciale che può essere con- seguita dopo dodici anni di esercizio della professione di avvocato. Per coloro che erano iscritti nell’albo dei procuratori legali il termine viene ridotto a set- te anni (art. 4 legge 24 febbraio 1997, n. 27).

2.4. Investigazioni difensive La facoltà del difensore di esercitare il diritto alla prova, già introdotta dal-

l’art.38 delle n.a. del c.p.p., è stata notevolmente ampliata dalla legge 7 dicembre 2000, n. 397 che ha anche abrogato il citato art.38. È stato inserito l'art. 327-bis del c.p.p. che tratta della nuova attività investigativa del difensore. Ciò al fine di dare concreta attuazione al piano di parità fra accusa e difesa in linea con il nuo- vo principio fissato nell’art. 111 della Costituzione cosiddetto «giusto processo».

La legge 7 dicembre 2000, n. 397, dà la possibilità al difensore, in ogni stato e grado del procedimento, nell’esecuzione penale e per promuovere il giudizio di revisione, di svolgere indagini difensive per ricercare e individuare elementi di prova a favore del proprio assistito fin dal momento dell’incarico professionale.

Le attività investigative possono essere svolte direttamente dal difensore o, su suo incarico, dal sostituto, da investigatori privati autorizzati e, quando sono necessarie specifiche competenze, da consulenti tecnici. –––––––––––

3) alle cause relative a rapporti di locazione e di comodato di immobili urbani e a quelle di affit- to di azienda, in quanto non siano di competenza delle sezioni specializzate agrarie;

b) negli affari penali: 1) alle cause per i reati previsti dall'art. 550 del CPP (art. 7 della legge 16 dicembre 1999, n.

479, modificato dall’art. 2-terdecies della legge 5 giugno 2000, n.144).

In conseguenza di ciò, è stato aggiunto un apposito titolo al libro quinto del c.p.p. – il titolo VI-bis – articoli dal 391-bis al 391-decies e sono state apportate varie modifiche al codice di procedura penale.

2.4.1 Attività investigativa del difensore

Le investigazioni difensive vengono esplicate mediante: colloquio, ricezio- ne di dichiarazioni e assunzione di informazioni dalle persone in grado di rife- rire circostanze utili ai fini dell’attività investigativa, acquisizione di documen- ti e accertamenti tecnici sui luoghi e sulle cose. a) Colloquio, ricezione di dichiarazioni e assunzione di informazioni (art.391-bis)

Per acquisire notizie il difensore, il sostituto, gli investigatori privati auto- rizzati o i consulenti tecnici possono:

• conferire con le persone in grado di riferire circostanze utili ai fini del- l’attività investigativa attraverso un colloquio non documentato;

• chiedere alle persone stesse il rilascio di una dichiarazione scritta, firma- ta dal dichiarante con sottoscrizione autenticata dal difensore o da un suo sostituto che redige anche una relazione nella quale sono riportati: la data di ricevimento dell’atto, le proprie generalità e quelle della persona che ha rilasciato la dichiarazione e l’attestazione di aver rivolto gli avver- timenti previsti dal co.3 dell’art.391-bis;

• assumere dalle persone informate sui fatti informazioni che devono esse- re documentate con verbale da redigersi con le regole previste per la ver- balizzazione; per la materiale redazione del verbale si possono avvalere di persone di loro fiducia; anche in questo caso trovano applicazione le disposizioni dell’art. 362 (incompatibilità con l’ufficio di testimone, obblighi del testimone di presentarsi, attenersi alle prescrizioni e rispon- dere secondo verità alle domande che gli sono rivolte);

• conferire per ricevere dichiarazioni o assumere informazioni da una per- sona sottoposta ad indagini o imputata nello stesso procedimento, in un procedimento connesso o per un reato collegato, con la presenza neces- saria del difensore della persona.

aa) Formalità da osservare Le formalità e le garanzie difensive che devono essere osservate nei collo-

qui, nella ricezione di dichiarazioni o nell’assunzione di informazioni dalle per- sone informate o dalle persone indagate o imputate, sono pressoché analoghe a quelle previste per i corrispondenti atti di spettanza alla polizia giudiziaria e al pubblico ministero.

Il difensore, il sostituto, gli investigatori privati autorizzati e i consulenti tecnici nel compiere tali atti devono:

• avvertire le persone della propria qualità e dello scopo del colloquio e dire se intendono semplicemente conferire, ovvero ricevere dichiarazioni o assumere informazioni; dell’obbligo di dichiarare se sono sottoposte ad indagini o imputate nello stesso procedimento, in un procedimento con- nesso o per un reato collegato; della facoltà di non rispondere o di non rendere la dichiarazione; del divieto di rivelare le domande eventualmen- te formulate dalla PG o dal PM e le risposte date; delle responsabilità penali conseguenti alla falsa dichiarazione (false dichiarazioni al difensore – art. 371-ter c.p. introdotto dall’art. 20 della stessa legge 397/2000);

• dare avviso almeno ventiquattrore prima al difensore della persona, la cui presenza è necessaria, se l’atto riguarda persona sottoposta ad inda- gini o imputata nello stesso procedimento, in un procedimento connes- so o per un reato collegato;

• interrompere l’assunzione di informazioni della persona non imputata o indagata qualora essa renda dichiarazioni indizianti a suo carico.

Non possono richiedere notizie alle persone già sentite dalla PG o dal PM sulle domande formulate e sulle risposte date, così come la polizia giudiziaria e il pubblico ministero non possono chiedere informazioni sulle domande for- mulate e sulle risposte date alle persone già sentite dal difensore.

Per conferire, ricevere dichiarazioni o assumere informazioni da persona detenuta, il difensore deve munirsi di specifica autorizzazione del giudice che procede, sentiti il suo difensore e il pubblico ministero.

b) Audizione della persona che si avvale della facoltà di non rispondere o di non rendere dichiarazione

Quando la persona in grado di riferire circostanze utili ai fini dell’attività investigativa si avvale della facoltà di non rispondere o di non rendere dichia- razione, il PM, su richiesta del difensore, ne dispone l’audizione che fissa entro sette giorni dalla richiesta medesima. L’audizione si svolge alla presenza del difensore che per primo formula le domande.

Il difensore, in alternativa all’audizione, può chiedere che si proceda con incidente probatorio.

c) Acquisizione di documenti (art. 391- quater) Il difensore può chiedere i documenti in possesso della pubblica ammini-

strazione dei quali può estrarre copia a sue spese.

d) Accesso ai luoghi (391-sexies e 391-septies) Il difensore, il sostituto, gli investigatori privati autorizzati o i consulenti

tecnici possono: • accedere ai luoghi per prendere visione dello stato di essi e delle cose ovve-

ro per procedere alla loro descrizione o per eseguire rilievi tecnici, grafici, planimetrici, fotografici o audiovisivi; l’accesso ai luoghi privati o non aper-

ti al pubblico, in assenza di consenso di chi ha la disponibilità del luogo, su richiesta del difensore, è autorizzato dal giudice con decreto motivato che ne specifica le concrete modalità. La persona presente deve essere avverti- ta che ha facoltà di farsi assistere da persona di fiducia, purché prontamen- te reperibile e idonea a testimoniare ad atti del procedimento. Non è con- sentito l’accesso ai luoghi di abitazione e loro pertinenze, salvo sia necessa- rio accertare le tracce e gli altri effetti materiali del reato.

Il difensore quando deve compiere accertamenti tecnici non ripetibili sulle cose o sui luoghi il cui stato è soggetto a modificazione, deve darne avviso sen- za ritardo al PM. il quale può esercitare le facoltà previste dall’art. 360 in quan- to compatibili (partecipare agli accertamenti, formulare osservazioni o riserve). Negli altri casi di atti non ripetibili riguardanti l’accesso ai luoghi, il PM per- sonalmente o mediante delega alla polizia giudiziaria, ha facoltà di assistervi.

e) Esame delle cose sequestrate (artt.366 e 233) Il difensore, inoltre, a seguito dell’avviso di deposito, ha facoltà di: • esaminare le cose sequestrate nel luogo in cui esse si trovano e, se si trat-

ta di documenti, di estrarne copia. Il P.M può ritardare il deposito e l’e- sercizio di tale facoltà con decreto motivato per non oltre trenta giorni.

Il consulente tecnico nominato dal difensore può: • esaminare le cose sequestrate nel luogo in cui esse si trovano su autoriz-

zazione del giudice o del PM prima dell’esercizio dell’azione penale; • intervenire alle ispezioni o esaminare l’oggetto delle ispezioni alle quali

non è intervenuto.

2.4.2 Attività preventiva di indagine (art. 391-nonies)

Il difensore che ha ricevuto mandato può svolgere attività preventiva di indagine per l’eventualità che si instauri un procedimento penale, con esclu- sione degli atti che richiedono l’autorizzazione o l’intervento dell’autorità giu- diziaria.

2.4.3 Attività integrativa di indagine

Il difensore può svolgere, così come il P.M., attività integrativa di indagine dopo l’emissione del decreto che dispone il giudizio (art. 430 c.p.p., modifica- to dall’art.14 della legge 397/2000).

2.4.4 Fascicolo del difensore (art.391-octies)

La documentazione degli elementi di prova raccolti a favore del suo assi- stito è inserita nel fascicolo del difensore che è formato e conservato presso

l’ufficio del giudice per le indagini preliminari. Il difensore, quando presenta anche a mezzo di sostituti all’A.G. atti o documenti, ha diritto al rilascio di attestazione dell’avvenuto deposito, anche in calce ad una copia (art. 116, co.3- bis, aggiunto dall’art. 2 della legge 7 dicembre 2000, n. 397).

Della documentazione il P.M. può prendere visione ed estrarre copia pri- ma che venga adottata una decisione su richiesta delle altre parti o con il loro intervento.

Dopo la chiusura delle indagini preliminari, il fascicolo del difensore è inse- rito in quello del P.M.

2.4.5 Utilizzabilità degli atti di indagine del difensore (391-octies e 391- decies)

Gli elementi di prova raccolti dal difensore a favore del proprio assistito possono essere utilizzati:

a) nel corso delle indagini preliminari e nell’udienza preliminare per presentarli al giudice quando deve adottare una decisione con l’inter-

vento della parte privata; b) nel corso delle indagini preliminari • quando abbia conoscenza di un procedimento penale per presentarli al

giudice perché ne tenga conto anche nel caso in cui debba adottare una decisione per la quale non è previsto l’intervento della parte assistita;

• in ogni caso può presentarli al P.M. c) in dibattimento le dichiarazioni inserite nel fascicolo del difensore possono essere utilizza-

te a norma degli articoli 500 (per le contestazioni nell’esame testimoniale), 512 (lettura di atti per sopravvenuta impossibilità di ripetizione) e 513 (lettura del- le dichiarazioni rese dall’imputato nel corso delle indagini preliminari o nel- l’udienza preliminare).

La documentazione di atti non ripetibili compiuti in occasione dell’accesso ai luoghi, presentata nel corso delle indagini preliminari o nell’udienza prelimi- nare, è inserita nel fascicolo del dibattimento con utilizzabilità piena in giudizio.

2.4.6 Le nuove ipotesi di reato (artt. 19-21 legge 7 dicembre 2000 n. 397).

Nel corso dell’attività investigativa è possibile incorrere nelle nuove ipote- si di reato introdotte dalla legge 7 dicembre 2000, n. 397 che si inseriscono nei delitti contro l’Amministrazione della Giustizia. Si tratta dei seguenti delitti:

a) False informazioni al pubblico ministero durante l’audizione assistita (art. 371-bis co. 3 c.p.). Si ipotizza quando la persona in grado di riferire cir-

costanze utili ai fini dell’attività investigativa abbia esercitato la facoltà di non rispondere o di non rendere la dichiarazione nei riguardi del difensore, del suo sostituto, degli investigatori privati autorizzati o dei consulenti tecnici e, con- vocata davanti al P.M. per l’audizione assistita prevista dall’art. 391-bis, co.10, del c.p.p., rende dichiarazioni false ovvero tace in tutto o in parte ciò che sa intorno ai fatti sui quali viene sentita. Il delitto è punito con la reclusione fino a quattro anni. L’arresto in flagranza dell’autore del fatto non è consentito in relazione all’art. 381 co. 4-bis del c.p.p.

b) False dichiarazioni al difensore (art.373-ter). Il reato si ipotizza quando la persona informata sui fatti, non avvalendosi

della facoltà di non rispondere prevista dall’art. 391-bis lett. d), rende al difen- sore, al sostituto, all’investigatore privato autorizzato o al consulente tecnico, false dichiarazioni. Il delitto è punito con la reclusione fino a quattro anni. L’arresto in flagranza non è consentito in relazione all’art. 381 – co. 4-bis del c.p.p.

Nelle ipotesi previste alla lettera a) e b) la persona che ha reso false dichia- razioni non è punibile se per legge non avrebbe dovuto essere richiesta di for- nire informazioni o avrebbe dovuto essere informata della facoltà di astenersi dal renderle oppure se ha commesso il fatto perché costretta dalla necessità di salvare sé o un prossimo congiunto da un grave nocumento nella libertà o nel- l’onore (art. 384 c.p.).

c) Subornazione (art. 377 c.p.). L’ipotesi della subornazione è stata ampliata ed è estesa anche ai casi in cui

il difensore, nel corso dell’attività investigativa, offre o promette denaro o altra utilità alla persona a cui ha richiesto di rilasciare dichiarazioni o informazioni a norma dell’art. 391-bis c.p.p. per indurla a commettere i reati di cui all’art. 371-bis, 371-ter, 372 e 373 del c.p.( false informazioni al P.M., false informa- zioni al difensore, falsa testimonianza, falsa perizia o interpretazione). Il reato di subornazione sussiste se l’offerta o la promessa non sia accettata o, se accet- tata, la falsità non sia commessa.

d) Rivelazione di segreti inerenti un processo penale (art. 379-bis c.p.). È il reato che commette chi, salvo che il fatto costituisca più grave reato,

rivela indebitamente notizie segrete concernenti un procedimento penale da lui apprese per aver partecipato o assistito ad un atto del procedimento stesso. Il reato è punito con la reclusione fino ad un anno.

Risponde dello stesso reato ed è soggetto alla medesima pena chi, dopo aver rilasciato dichiarazioni nel corso delle indagini preliminari, non osserva il divieto imposto dal pubblico ministero ai sensi dell’art. 391-quinquies del c.p.p.(potere di segretazione da parte del P.M.).

2.5 Assistenza del difensore nelle indagini preliminari

Nel corso delle indagini preliminari il difensore, in alcuni casi, ha diritto di assistere a determinati atti, in altri ha soltanto facoltà, mentre in altri ancora il suo intervento non è consentito.

Il difensore quando assiste al compimento degli atti ha facoltà di presenta- re richieste osservazioni e riserve delle quali è fatta menzione nel verbale. Non può fare segni di approvazione o disapprovazione (art. 364 - co. 7°). Atti di PG per i quali è obbligatoria la presenza del difensore che deve essere avvertito:

• sommarie informazioni dalla persona sul conto della quale vengono svol- te le indagini (art. 350, 3° co.);

• sommarie informazioni da persona imputata in un procedimento con- nesso ovvero da persona imputata di un reato collegato a quello per cui si procede (art. 351, co. 1-bis);

• interrogatorio dell’indagato libero su delega del P.M. (artt. 64 e 370); • ispezioni personali cui partecipi la persona sottoposta ad indagini (art. 364); • ispezioni locali o reali compiute dal P.M. o dalla PG su delega del P.M.

(art. 364); • confronto cui partecipi la persona sottoposta ad indagini su delega del

P.M. (art. 370); • accertamenti tecnici non ripetibili (art. 360).

Atti di PG ai quali il difensore può intervenire senza diritto di avviso: • perquisizioni locali (artt. 250-356); • perquisizioni personali (artt. 249-356); • accertamenti urgenti sui luoghi, sulle cose e sulle persone (art. 356); • apertura di plichi sigillati da parte della PG su autorizzazione del P.M.

(art. 356); • sequestro (art. 356).

Atti di P G ai quali non è consentito l’intervento del difensore: • sommarie informazioni dalle persone che possono riferire circostanze

utili ai fini delle indagini (artt. 351 e 356); • individuazione di persone o di cose (artt. 348 e 356); • intercettazione di conversazioni o di comunicazioni (art. 268).

3. Garanzie

A tutela della professione del difensore, dei consulenti tecnici e degli inve- stigatori privati incaricati dal difensore, sono previste particolari garanzie.

commenti (30)
Proprio quello che mi serviva!
Ottimo.
Ottimo
buono
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 609 totali
Scarica il documento