Docsity non è ottimizzato per il browser che stai usando. Per una miglior fruizione usa Internet Explorer 9+, Chrome, Firefox o Safari!
Scarica Google Chrome
   Ritorna all'inzio

Consigli per la tesi di laurea: giurisprudenza, economia e ingegneria

Ed eccoci alla seconda puntata di  consigli che mi sono serviti per la stesura della Tesi di Laurea, spero che la prima parte vi sia stata utile!

SCRIVERE  IL CORPO CENTRALE DELLA TESI

Scrivere tesi di laureaA mio avviso mi sento di consigliarvi di iniziare a scrivere il testo del paragrafo sul quale vi sentite più preparati, ovviamente scegliendone uno tra quelli indicati nella scaletta iniziale, non necessariamente il primo. Prima dovete studiare con attenzione le fonti relative a quel paragrafo che avrete trovato in precedenza. Dovete leggerle, comprenderle e alla fine riassumerle ed eventualmente rielaborarle  con le  altre informazioni in vostro possesso. Nel caso vi trovaste nella spiacevole situazione del “blocco dello scrittore”, non esitate:  provate a scrivere “di getto” un paragrafo... ci sarà sempre tempo per le correzioni. Se riuscite, una volta terminata la prima fase di stesura del documento  fatelo  leggere al vostro tutor. Generalmente i professori sono sempre super presi con altri mille impegni però non abbiate timore di chiedere un appuntamento; una correzione o un suggerimento in questa fase vi potrebbe far  risparmiare un bel pò di tempo in futuro. Sulla base dei suoi consigli ed  osservazioni, scrivete anche gli altri paragrafi ed apportate dove si  fosse bisogno le dovute correzioni. E’ importante far leggere il proprio testo, possibilmente non solo all’insegnante ma anche ad altre persone, tipo genitori, fidanzate, amici; persone che  magari non essendo esperte in materia, possono darvi subito un parere sulla chiarezza che il  testo trasmette. Non prendete le osservazioni come critiche ma come spunto per migliorare l’elaborato e renderlo ancora più chiaro e lineare. Anche se il testo che sottoponete al tutor o ad amici è solo una delle n-mila bozze che farete evitate i caratteri assurdi, difficilmente qualcuno apprezzerà la vostra tesina per un carattere super ricercato o robe simili. Piuttosto, imparate a “imitare”: prendete in mano un buon libro, guardate la grafica e l’impaginazione, imitatela. Per quanto la lunghezza della tesina non c’è una regola fissa, affidatevi ai consigli del vostro tutor. Non cercate  collegamenti  forzati, ovvio  che bisogna essere esauriente ma non ripetitivi; talvolta è meglio essere sintetici e chiari ma sviscerare l’argomento in profondità che toccare molti aspetti ma solo superficialmente. Per questa momento è finita qui. A breve mi piacerebbe occuparmi dell’introduzione e delle conclusioni, le due parti che generalmente saltano più all’occhio dei nostri esaminatori! Mi raccomando, COMMENTATE!!!
19/01/2012
engel89
ottimo schema su come modulare una tesi
24/03/2012
si ottime
24/03/2012
ottimo
19/03/2012
mi sembrano veramente di buona fattura, complimenti
19/03/2012
alessandro
vero veramente ottine
17/03/2012
Ottimo. Ti ringrazio.
15/03/2012
Chiarissimo. Grazie.
14/03/2012
molto chiaro :) spero di seguirle presto ankio qst linee guida :P
09/03/2012
ottimi consigli....grande!!!!
07/03/2012
grazie mi servirà
25/02/2012
Grazie ottime linee giuda... tra un po dovrò cimentarmi anche io nella fatidica tesi...
10/02/2012
grazieeee, a breve toccherà anche a me
08/02/2012
le linee giuda mi sebrano ottime...un consiglio per chi deve ancora iniziare : non buttatevi a capofitto a redigere la tesi... così come giàè ricordato è importante L'INDICE ... e la raccolta delle idee su ciò che si vuole trasmettere ai lettori... buon lavoro a tutti .... la mia tesi della laurea triennale l'ho "partorita in 6 mesi ..."
05/02/2012
Ottime linee guida!!!
02/02/2012

Altre notizie