Appunti di storia dell'architettura moderna, Appunti di Storia Dell'architettura I
giorgiafederici
giorgiafederici
Questo è un documento Store
messo in vendita da giorgiafederici
e scaricabile solo a pagamento

Appunti di storia dell'architettura moderna, Appunti di Storia Dell'architettura I

162 pagine
1Numero di download
18Numero di visite
Descrizione
Appunti di storia dell'architettura moderna, comprensivi di foto, presi in aula durante il corso della professoressa Flavia Cantatore durante l'anno accademico 2018/2019. Gli appunti sono stati poi integrati mediante stu...
5.99
Prezzo del documento
Scarica il documento
Questo documento è messo in vendita dall'utente giorgiafederici: potrai scaricarlo in formato digitale subito dopo averlo acquistato! Più dettagli
Anteprima3 pagine / 162
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 162 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 162 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 162 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 162 totali
Scarica il documento
Microsoft Word - STORIA MODERNA.docx

STORIA DELL’ARCHITETTURA MODERNA

Dal rinascimento ai primi del ‘700

Sapienza università di Roma - facoltà di Architettura Corso di laurea in scienze dell’architettura

Federici Giorgia A.A. 2018/2019

Pa g

. 1

INDICE INTRODUZIONE ............................................................................................................................................ 3 IL QUATTROCENTO BRUNELLESCHI ............................................................................................................................................. 7

Firenze .......................................................................................................................................................... 10 Maturità ....................................................................................................................................................... 15 Architetture civili ......................................................................................................................................... 18

ALBERTI ...................................................................................................................................................... 19 Opere teoriche .......................................................................................................................................... 20 Opere fiorentine ......................................................................................................................................... 21 Opere mantovane .................................................................................................................................... 26

I CENTRI DEL RINASCIMENTO .................................................................................................................... 28 Roma ........................................................................................................................................................... 28 Firenze e la Toscana .................................................................................................................................. 39

Michelozzo Giuliano da Sa Gallo Pienza e Bernardo Rossellino

Urbino ........................................................................................................................................................... 49 Francesco di Giorgio Martini

L’Italia settentrionale ................................................................................................................................. 52 Venezia Mantova Milano Pavia

La Napoli aragonese ................................................................................................................................. 60 TEORIA E PRATICA ARCHITETTONICA, MODELLI E TIPOLOGIE ................................................................. 61

La chiesa Il palazzo La villa La città ideale Le fortificazioni

IL CINQUECENTO BRAMANTE ................................................................................................................................................. 63

S. Pietro ........................................................................................................................................................ 69 LA CERCHIA BRAMANTESCA .................................................................................................................... 72

Raffaello ...................................................................................................................................................... 72 Baldassarre Peruzzi ..................................................................................................................................... 77 Antonio da San Gallo il Giovane ............................................................................................................. 79 Giulio Romano ............................................................................................................................................ 81

GLI STUDI SULL’ANTICO ............................................................................................................................. 84 Lettera di Raffaello a Leone X Libri IV e III di Serlio

MICHELANGELO ........................................................................................................................................ 86 IL SECONDO ‘500.. .................................................................................................................................... 96

..A Firenze .................................................................................................................................................... 96 Vasari Ammannati Buontalenti

..A Roma .................................................................................................................................................... 104 Pirro Ligorio Vignola

Pa g

. 2

..Nell’ambiente veneto ........................................................................................................................... 112 Giovanni Maria Falconetto Michele Sanmicheli Jacopo Sansovino Palladio

..A Milano e Genova ............................................................................................................................... 124 Galeazzo Alessi Pellegrino Tibaldi

L’ULTIMO ‘500 A ROMA ........................................................................................................................... 128 Il Piano Di Sisto V ....................................................................................................................................... 128

Della Porta Fontana

IL SEICENTO ED IL SETTECENTO CONTESTO STORICO E CARATTERI GENERALI ........................................................................................ 130

Carlo Maderno ......................................................................................................................................... 131 Bernini ........................................................................................................................................................ 134

Gli interventi in San Pietro I palazzi Le chiese La scultura

Pietro da Cortona .................................................................................................................................... 145 Borromini .................................................................................................................................................... 148

LA SECONDA GENERAZIONE .................................................................................................................. 154 Carlo Rainaldi, Giovanni Antonio de Rossi e Carlo Fontana ............................................................. 155

L’ITALIA SETTENTRIONALE ........................................................................................................................ 157 Venezia e Baldassarre Longhena .......................................................................................................... 157 Il Piemonte e Guarino Guarini ................................................................................................................ 157 Roma e Ferdinando Fuga ....................................................................................................................... 158 Architetti romani minori ........................................................................................................................... 159

Specchi Galilei De Sanctis Sardi

Napoli e Luigi Vanvitelli ........................................................................................................................... 160 SAN PIETRO ORDINE CRONOLOGICO ................................................................................................... 161

Pa g

. 3

INTRODUZIONE

Moderno→ periodo che va dal 1492 a circa il 1700. Iniziamo a studiarla dalla fine del XIV secolo, quando nuove tendenze preparano il movimento che poi sarà il rinascimento.

Geografia politica→ cambiano i confini, le gestioni, vi è un gran numero di invasioni, la rappresentazione e la concezione del mondo mutano profondamente.

Stati nazionali→ sono diversi da quelli che intendiamo oggi. In Italia vi erano gli STATI REGIONALI, tra i quali vi erano scambi reciproci, anche di architetti. Questi ultimi, erano degli intellettuali, nascono come artisti nelle botteghe dei pittori.

Committenza→ ha un ruolo primario, quasi al pari dell’architetto. È formata da persone colte, che conoscono la materia e che si sono preparate. Non sono solo aristocratici ma anche ecclesiasti.

Rinascimento→ non è un periodo storico, bensì un movimento. Nasce nel primo 400 a Firenze. Inizialmente riguarda solo l’Italia, poi si sposta all’Europa ed alle colonie annesse. L’epidemia del 1348-1350 devasta tutta la popolazione, viene a crearsi un clima di crisi e di povertà. Vengono a mancare le risorse prime e ne risente anche l’architettura. Cambiano le sedi della cultura, dalle chiese si passa alle università. I nuovi letterati sono borghesi e laici e nascono le prima BIBLIOTECHE PUBBLICHE. Nel 1463 vengono fondate l’ACCADEMIA ROMANA e l’ACCADEMIA PLATONICA. Grazie anche alla stampa, la cultura è sempre meno “privatizzata”. Vi è un consapevole riferimento all’antichità classica, considerata come momento di maggior splendore del pensiero umano. Risorgono le forme stesse dell’antico, o almeno la coscienza di una relazione precisa tra l’agire presente ed il passato. Implica una diversa concezione del mondo e della vita dell’uomo che diventa consapevole della propria storicità. Il termine allude ad un consapevole rapporto con la CIVILTÀ ANTICA, assunta come MODELLO.

Lo scisma di occidente→ è stato un grande fattore di crisi. Nel 1305 la sede pontificia, viene spostata ad Avignone, dove vi era una delle più fastose corti, si pensa però che un ritorno del Papa a Roma, possa risollevare le sorti dell’Italia.

GREGORIO XI → SCISMA D’OCCICENTE → URBANO VI (romano) e CLEMENTE VII (francese) Con MARTINO V COLONNA si torna definitivamente a Roma.

Guerre importanti: Guerra dei 100 anni tra Francia ed Inghilterra (1337-1475) Guerra delle due rose in Inghilterra (1455-1485) Reconquista cattolica in Spagna

Costantinopoli→ cade definitivamente il 29 maggio 1453 ed il suo nome diventa Istanbul. Finisce cosi l’impero bizantino. Questo fatto si ripercuote sul mercato europeo, il mediterraneo perde la sua importanza e gli stati che avevano basato l’economia sugli scambi ricevono un contraccolpo fortissimo.

Pace di Lodi→ nel 1454 si forma la LEGA SANTA, tra Milano, Venezia e Firenze, approvata dal Papa. Questa lega doveva far rispettare la pace, garantita in Italia da poche ma potenti figure. Nel giro di un decennio queste figure muoiono e l’equilibrio creato viene a mancare. La decadenza a cui si avviava l’Italia la porterà poi all’era moderna. Si affermano nuovi ceti sociali, come i banchieri e gli imprenditori (Medici),

Pa g

. 4

che cercano di elevarsi. Alle istituzioni ecclesiastiche si sostituiscono quelle civili. Committenze stilistiche, opere e matrimoni divengono strumento di potere.

Umanesimo→ vasto movimento di rinnovamento generale della società, che non coinvolge solo

un settore. Rinnovamento letterario, filosofico, che inizia in Italia all’inizio del XIV secolo. Si può definire come la fase preparatoria del Rinascimento, specialmente nel suo aspetto filologico. Il termine umanesimo, deriva dal latino "humanae litterae" (letteratura filosofica dell'antichità classica); "humanistae" erano infatti detti i maestri di discipline letterarie, in opposizione a quelli che insegnavano medicina, giurisprudenza e teologia. L'Umanesimo quindi caratterizza la fine del Trecento e la prima metà del Quattrocento, ma continua ad esistere successivamente. Per fare un esempio, uno studioso di filologia sarà sempre un Umanista, anche nel Cinquecento, quindi tra Umanesimo e Rinascimento non vi è una distinzione semplicemente cronologica. L'Umanesimo diviene progressivamente una vera e propria rivoluzione di pensiero, che travolge ogni aspetto della società, la quale si avvia così ad un completo rinnovamento, aprendo le porte all'Età Moderna.

Già nel XIV secolo, si era parlato di rinascita delle arti figurative, iniziato in pittura con GIOTTO. Nel rinascimento, Firenze è vista come la nuova Roma. Patente di Federico di Montefeltro→ data il 10 giugno 1468 a Luciano Laurana, gli consente di

lavorare ad Urbino ed essere il direttore dei lavori e come tale risponde al Duca. Nel testo ci sono molte allegorie, come il fatto che Firenze viene descritta “La fontana dei pittori”, ossia come luogo da cui nascono gli artisti. Si capisce inoltre come è mutata la figura dell’architetto, che ora ha un preciso ruolo progettuale.

Giorgio Vasari→ nella lettera scritta a COSIMO I, esprime l’intenzione tentare di resuscitare un’arte che si era in qualche modo assopita. La parola rinascita è dovuta a Giorgio Vasari che la coniò nel 1550 circa.

L’antichità è considerata come il momento di cultura più alto, mentre il medioevo viene considerato in malo modo. Vengono usati marmi di spoglio anche estrapolandoli dal loro contesto. Secondo gli studiosi umanisti, alla scomparsa del mondo antico, si può porre rimedio attraverso lo studio scientifico delle testimonianze. Questo serve a trovare la soluzione al problema, a svelare il segreto della bellezza passata. Il RINASCIMENTO è un tentativo di dedurre dallo studio appassionato dei resti, un metodo per costruire un’arte nuova, diversa ed originale, è un METODO non uno stile. In questo momento storico nasce la FILOLOGIA.

↓ Serve per la ricostruzione del testo letterario. Non una ricostruzione fine a sé stessa, ma una ricostruzione più vicino possibile all’originale, solo così si può comprendere il vero messaggio dell’opera. Un caso clamoroso è quello realizzato da LORENZO VALLA, il quale aveva scoperto che la donazione di Costantino alla Chiesa, era un falso scritto probabilmente in epoca carolingia. De Architettura→ scritta da Vitruvio tra il 20 ed il 30 a.C. È così importante perché è l’unico

sopravvissuto a noi ma giunge privo di illustrazioni. La difficoltà dell’architetto rinascimentale, era capire alcune dei termini ormai caduti in disuso.

Pa g

. 5

Quando nel rinascimento parliamo di antichità, intendiamo quella romana, non un’antichità indistinta. Successivamente, intorno al XVII sec, si avrà l’interesse per altri tipi di antico, come l’antichità greca. Misura e disegno, per quello che riguarda gli architetti, sono gli strumenti elettivi che consente loro di comprendere l’antico per poi riproporlo. RAPPORTO FRA ANTICO E LINGUA

Per gli architetti rinascimentali i testi fondamentali sono: il “de architettura” e “le rovine romane”. Su questi testi gli architetti potevano tentare di ricostruire una storia dell’umanità. Oltre questi anche le opere tardo imperiale, potevano offrire spunti importanti per l’interpretazione della storia antica, perché ricchi di descrizione. Tra gli autori, un’importante contributo fu dato da PLINIO IL GIOVANE, soprattutto nello studio delle ville. Anche se senza illustrazioni, l’unica opera completa sull’architettura era l’opera di Vitruvio. Il testo non fu mai perduto, ma in questo periodo viene studiato integralmente per darne una chiara interpretazione. Viene utilizzato nella formulazione di nuove teorie architettoniche, ad esempio per un’idea di sviluppo di architettura come arte. Proprio per questo atteggiamento, si dice che Vitruvio viene riscoperto in questo periodo. La prima ristampa è del 1486 circa.

Seguiranno poi altre edizioni il latino ed italiano. Un altro limite importante, era che il testo non si riferiva ad esempi romani di cui restavano testimonianze archeologiche, ma si riferiva ad un’arte tardo ellenistica, esempi ormai andati distrutti.

Parallelamente allo studio di Vitruvio, si inizia a studiare ciò che rimane delle opere d’arte antiche, ricopiando statue, dettagli ornamentali, architetture. Questi disegni, realizzati dal vivo, diventano fonti indirette, scambiati tra botteghe ed artisti. Poco a poco, si forma un metodo scientifico, simile a quello filologico. Questo metodo, si basa sulla misurazione accurata dei resti. Lo scopo era quello di creare opere nuove che potessero rivaleggiare con le antiche. BRAMANTE è colui che ha studiato così bene l’antico che può competere con esso. Sebastiano Serlio, metterà la cupola di San Pietro progettata nel bramante, nel suo “Libro terzo”. La modernità è vista come rischio, allo stesso momento come certezza. Questa seconda visione è data dalla scientificità degli elementi e delle tecniche utilizzate.

Pa g

. 6

Nel 1514, muore Bramante e RAFFAELLO subentra come architetto papale. Non sarà solo, ma sarà affiancato da Fra Giocondo. Sempre nel 1514, realizza l’”Incendio di Borgo”. L’affresco diventa un’occasione straordinaria per Raffaello, per mettere insieme una serie di osservazioni, su quanto la cultura artistica stava vivendo in quel momento. Sulla sinistra del quadro, si può vedere l’incendio di Troia, con a destra Roma. In primo piano si hanno capitelli corinzi e ionici. Nel 1515, Fra Giocondo muore, Raffaello inizia a pensare ad una traduzione del trattato di Vitruvio in Italiano volgare ed illustrata, con una rappresentazione completa della Roma antica e di tutti i sui edifici. Raffaello muore nel 1520, si interrompe quindi questo suo grande progetto.

Sebastiano Serlio→ nel “Libro terzo” e nel “Libro quarto”, mette in relazione la complessità classica con quella astratta. Bramante è l’unico autore moderno in un libro interamente dedicato all’antico.

Con Papa Paolo III, si avrà un rapporto con l’antico meno libero e più convenzionale. Nel 1560 circa, si ha la “Regola dei cinque ordini” di Vignola. È un manuale molto letto, con una quantità di stampe e ristampe inimmaginabile. Un concetto che però non è stato spesso compreso, è che quella di Vignola è solo UNA regola e non LA regola.

Pa g

. 7

Nel 1615, Vincenzo Scamozzi, con il suo libro “Idea dell’architettura”, cambia il modo di vedere e dialogare con l’antico. È interessante vedere come è proposta la veste grafica dei frontespizi. Si inizia a parlare di una crisi del modello classico, si inizia a capire che bisogna cambiare l’angolo di visuale. Dopo Scamozzi, nasce la necessità di scavalcare il primato romano, nascono nuovi ordini e sperimentazioni formali. Entrano in crisi le proporzioni umane classiche (crisi dell’antropomorfismo). NASCITA DELL’ARCHEOLOGIA E DELLA STORIA DELL’ARTE Finora si è parlato solo di teorie e posizioni di architetti, personaggi impegnati direttamente nella costruzione architettonica. La storia dell’arte e dell’architettura nasce nel XVIII secolo. Alla metà del XVIII secolo, nasce l’archeologia intesa in senso moderno, prima di questo momento, è più corretto parlare di antiquaria. L’archeologia si distingue dalla storia dell’arte solo per: Gli scavi

L’interpretazione dei testi Restituzione di edifici incompleti

Nel 1748, viene scoperta Pompei, gli scavi forniscono una grandissima quantità di reperti, che rendono possibile realizzare un’immagine completa, sia dell’architettura, la scultura, la pittura, suppellettili e gioielli.

Pa g

. 8

IL QUATTROCENTO FILIPPO BRUNELLESCHI (1377-1446) Nasce a Firenze, alla fine del medioevo e muore nel pieno del rinascimento, dopo aver personalmente contribuito ad avviarlo. A Firenze si formò, e fu attivo all'inizio, come orafo e scultore. Dopo il concorso per la porta del Battistero gli interessi di Brunelleschi sembrano concentrarsi da un lato

sullo studio dell'antico, approfondito nei suoi numerosi viaggi a Roma, dall'altro sull'analisi della visione e rappresentazione dello spazio che ebbe come esiti dimostrativi due famose tavolette prospettiche con le vedute del Battistero e del palazzo dei Signori.

BATTISTERO DI FIRENZE La forma poligonale è tipica delle architetture tardo antiche. Oggi è considerato tardo antico, all’epoca era considerato antico. Viene realizzato tra la fine del XI secolo e il 1230. I fiorentini lo considerano un edificio antico ed un modello di buona architettura. Presenta una pianta ottagonale, interamente rivestito di lastre di marmo bianco e verde di Prato ed una copertura composta da una cupola ad otto spicchi

poggiante sulle pareti perimetrali, mascherata all'esterno dall'elevazione delle pareti sopra l'arcata del secondo livello e da un tetto a piramide schiacciata. Brunelleschi è considerato un innovatore ed un tecnico assolutamente geniale, oltre che l’inventore della prospettiva. Ha una grande capacità di rinnovare l’architettura degli antichi, capacità della quale, Vasari parla in un suo scritto. Con le sue opere, diventa protagonista di un profondo rinnovamento, che consiste in un nuovo modo sia di progettare che di pensare, è un vero e proprio direttore dei lavori. Si esprime attraverso la prospettiva e trova le sue radici nello studio dei monumenti antichi, riprende il linguaggio all’antica, cioè quello che si basa sull’uso degli ordini architettonici e testimonia la rottura tra progettista e costruttore, distaccandosi dalla precedente produzione, che si basava sui maestri. Rivendica infine l’importanza della RESPONSABILITÀ DEL PROGETTO. Tra i suoi viaggi, ve ne sono molti a Roma, dove giunge per la prima volta nel 1418, poi nel 1435, qui studia i ruderi e monumenti antichi. In uno di questi viaggi, venne accompagnato da Donatello, insieme al quale ridisegnò quasi tutti gli edifici su pergamena. Di tutta l’architettura romana, riprende l’uso dell’ordine architettonico e dell’arco semicircolare. Sintagma Arnolfiano alcuni esempi possono essere: il “Ciborio” di San Paolo fuori le mura ed il

pulpito del duomo di Siena. Con il termine SINTAGMA, si intende una combinazione di due o più elementi che costituisca un'unità sintattica dotata di una specifica funzione nella struttura architettonica. Inizialmente si parlerà di sintagma Arnolfiano, il quale poi si svilupperà appieno negli studi del Brunelleschi con il SINTAGMA BRUNELLESCHIANO.

Pa g

. 9

Il ciborio, riprende le forme tradizionalistiche del baldacchino, si presenta come accostamento di quattro piani tra loro ortogonali. Una sorta di prisma forato, organizzato secondo un disegno semplice ma con una sintassi ben decisa. Abbiamo un arco acuto, poggiato su colonne, delimitato da una cornice orizzontale, tangente al suo vertice, è inquadrato ai due lati da due colonnine. Il tutto è coronato da un timpano triangolare molto pronunciato. Ogni elemento è legato agli altri e non può quindi variare senza far variare tutto il progetto. L’unico elemento di indeterminazione è proprio l’arco acuto, che può avere luci diverse a seconda dell’altezza. Brunelleschi, nella sua vita, userà solo il CORINZIO. Un ordine standardizzato, le cui forme sono definite all’antica una volta per tutte. L’ordine prenderà quindi la sua forma definitiva. Si ha in questo momento la NORMALIZZAZIONE DELL’ELEMENTO. Definiti gli elementi e le loro possibili combinazioni, il progettista si occupa del montaggio di questi. In un periodo in cu le combinazioni erano limitate, di inizia a parlare di conformazioni tipiche. Queste dipendono dal luogo della costruzione.

La rappresentazione prospettica, è usata per rappresentare senza equivoci, distanze e misurazioni. Permette inoltre il passaggio inverso, ossia dalla rappresentazione al modello reale. Una buona progettazione ed un buon disegno, fa sì che gli altri possano capire l’edificio. La prospettiva ci impone di privilegiare, elementi normalizzati desunti dall’antico e svincolati dalla loro dimensione.

PULPITO CIBORIO

Pa g

. 1 0

LE OPERE FIORENTINE La Porta Del Battistero Inizia la sua carriera come ORAFO, un maestro attento al dettaglio, all’architettura più minuta. Nel 1401 partecipa al concorso per la “Porta” del battistero di Firenze, concorso al quale partecipa anche Ghiberti, che poi vincerà. Entrambi realizzano un FORMELLA con rappresentato il sacrificio di Isacco.

LA CUPOLA DI SANTA MARIA DEL FIORE Dal 1417, appare coinvolto effettivamente nella realizzazione della cupola. Prima di essere un problema di immagine, quello della cupola è un problema tecnico, dato dalle grandi dimensioni (diametro circa 42 m, altezza circa 90m). La dimensione, non permetteva di ricorrere alle consuete impalcature, il tamburo aggravava il problema delle spinte. La forma ed il disegno della cupola, erano stati già prestabiliti

prima che Brunelleschi ne subentrasse per terminarla. La cupola, è ancora gotica come idea, sia per il sesto acuto, sia per i costoloni. Brunelleschi inventerà un nuovo procedimento costruttivo. Per realizzarla si potevano utilizzare solo ponteggi leggeri e centine poggianti sulla muratura del tamburo. La conformazione ottagonale, è via via meno evidente. Ulteriori problemi erano il trasporto dei materiali e la gestione della maestranza.

La tecnica con cui venne realizzata è quella dei costoloni gotici e di archi orizzontali, sebbene non sia stata mai chiarita del tutto.

È una struttura ad anelli orizzontali sovrapposti, AUTOPORTANTE, senza la necessità di ricorrere ad armature. Brunelleschi utilizza la tecnica della “muratura a spina di pesce” descritta dall’Alberti nel suo volume, che permette di collegare l’anello di muratura in costruzione a quelli già realizzati. Gli anelli circolari contengono i costoloni e consentono alla cupola di autosostenersi. La cupola inizia nell’agosto del 1420 e temina nel 1436.

Pa g

. 1 1

PORTICO DELL’OSPEDALE DEGLI INNOCENTI (1419-1444) Brunelleschi lavorerà qui tra il 1419 ed il 1423, saltuariamente nel 1427. Presenta un impianto simmetrico, sviluppato attorno ad un cortile quadrato. La novità sta nella disposizione, nelle proporzioni e nella forma degli elementi che compongono la facciata, realizzata su di un podio a gradini, con archi a tutto sesto su colonne corinzie. Il porticato ha una sua profondità, all’elemento portante, corrisponde un semplice

peduccio*. Vi sono una serie di volte a vela, che si staccano dalle più tradizionali volte a crociera. L'edificio che guarda alla piazza si erige sopra una scalinata e si caratterizza per un porticato definito da nove ampie arcate a pieno centro su colonne con capitelli d'ordine corinzio e, ai lati, da due altre arcate fiancheggiate da lesene scanalate. Su queste e sugli archi poggia un leggero architrave sormontato da una fascia marcapiano, su cui si impostano finestre ad edicola(B). Al ritmo delle arcate a tutto sesto della zona inferiore, corrisponde la superficie liscia del piano superiore, aperta da finestre, ciascuna in corrispondenza ad un arco. Ai lati vi sono due ordini maggiori (A), che portano la trabeazione.

Per minimizzare le spese, vennero scelti dei materiali a basso costo come la pietra serena, fino ad allora poco usata in architettura per via della sua fragilità e venne scelta della manodopera poco esperta, che contribuì alla semplificazione ed alla modularità riconoscibile in facciata. Molto importanti infatti, sono le proporzioni fra i vari elementi, oltre che l’uso di capitelli standardizzati. I rilievi in terracotta invetriata bianca e azzurra con i celebri putti non sono però coevi all'epoca del Brunelleschi, vennero aggiunti solo nel 1487 da Andrea della Robbia, al posto probabilmente di incavi vuoti.

A

B

*

Pa g

. 1 2

Cappella Barbadori A Santa Felicita La cappella Barbadori, poi Capponi, si trova nella chiesa di Santa Felicita a Firenze, immediatamente alla destra di chi entra dall'ingresso principale, venne realizzata tra il 1419 ed il 1423, poi modificata nel 1525. Vi è sempre la presenza dell’ordine maggiore corinzio che sorregge la trabeazione. Si trova nella chiesa di Santa Felicita a Firenze, immediatamente alla destra dell’ingresso principale. È la più antica opera del genere costruita da Brunelleschi che ci sia pervenuta. La cupola emisferica, poi distrutta e rifatta, poggiava su un ambiente cubico, raccordandosi con quattro pennacchi tra gli archi a tutto sesto delle pareti, in ciascuno di essi si trovava un oculo cieco, dove oggi si

trovano gli affreschi degli Evangelisti COMPLESSO DI SAN LORENZO – SAGRESTIA VECCHIA (1419) Nel 1420, vediamo attivo nel complesso Brunelleschi, con la Sagrestia vecchia, commissionata da Cosimo de’ Medici

Nella Sagrestia Vecchia, lo spazio è definito mediante le linee verticali delle paraste (parte visibile di due ipotetici pilastri, tra loro compenetranti) e delle cornici di pietra serena, la cupola ribassata ad ombrello è sorretta da pennacchi a triangolo sferico. Le paraste sono sormontate da una trabeazione, sormontata a sua volta da arconi che sostengono una cupola a “creste e vele”. La copertura è a tamburo, con un tetto conico, nel vano principale si apre un vano secondario, denominato SCARSELLA (A), anch’esso coperto da una cupola più piccola su pennacchi sferici, ceca e dipinta di scuro. L’interno della sacrestia sembra quasi spoglio. L’ordine utilizzato è il corinzio con proporzioni filiformi, la parasta si piega a libro negli rdini maggiori. La trabeazione è sorretta dall’ordine e sopra di essa si alzano degli archi semicircolari.

Soprattutto negli spigoli, l’ordine tende a sottolineare gli angoli dell’edificio. Nella scarsella invece, l’ordine si assottiglia fino a diventare quasi un filo. Capita però che tra gli ordini, la trabeazione appaia troppo lunga, Brunelleschi, allora, crea delle mensole intermedie su cui la stessa possa poggiare, le quali contrbuiscono a dare una cadenza allo spazio, senza appesantire troppo l’architettura. Le decorazioni, controllate direttamente da Brunelleschi, sono dei medaglioni stuccati e decorati da Donatello.

A

Pa g

. 1 3

COMPLESSO DI SAN LORENZO – SAN LORENZO (1442-1470) La Chiesa Di San Lorenzo a Firenze, viene ripresa nel 1442 per un finanziamento dei Medici, fin dall’inizio la chiesa ha un doppio uso, pubblico e conventuale. La pianta affonda le radici nella tradizione medievali, ma Brunelleschi impiega delle proporzioni e degli ordini architettonici. Il progetto originario, non prevedeva le cappelle, sebbene Brunelleschi aveva una visione della chiesa completamente circondata da queste. Le proporzioni sono basate da numeri interni e l’alzato è regolato dal sistema ORDINE+ARCO. Il quadrato all’incrocio tra navata e transettofornisce il modulo che poi si ripeterà in tutta la chiesa. Sul transetto si aprono 10 cappelle minori, quelle ai lati del coro, sono diverse dalle altre, leggermente più minute. Vi sono tre serie di ambienti, caratterizzati da diversa forma ed altezza delle coperture.

1. La croce centrale presenta una coperta in piano; 2. Le navate laterali e le cappelle del transetto hanno copertura a vela; 3. Le cappelle laterali hanno invece copertura a botte.

Tutte vengono regolate da ordini corinzi, incrociati tra loro. Le colonne che separano le navate, sono coronate da un tronco di trabeazione, impiegato da Brunelleschi per realizzare la forma dell’ordine architettonico completo. Questo ordine fissa l’altezza degli archi delle cappelle minori. Gli archi sono tangenti la trabeazione dell’ordine maggiore la quale, come nella sagrestia vecchia, è sorretta da mensole, per “alleggerirrne” il peso. Alla fine della navata, vi sono delle grandi paraste angolari, che affiancano l’ordine maggiore, sul quale si impostano le grandi arcate che sorreggono la cupola centrale. Queste paraste che ribattono le colonne, partono sopra alcuni gradini, sono perciò leggermente più basse. Vasari afferma che “tale differenza fa sembrare zoppa l’opera”. Le proporzioni degli ordini, sono ancora molto libere, sono perciò diversamente dimensionati. Nell’angolo delle cappelle maggiori, compare la parasta filiforme, proprio come nella sagrestia vecchia, corrisponde ad una scalanatura dell’ordine corinzio.

Pa g

. 1 4

CAPPELLA PAZZI (1429-1446) La Cappella Pazzi fu eretta fra il 1429 e il 1446 ma compiuta, nel portico, quindici anni dopo la morte dell'artista, nel 1461. Abbiamo un vano rettangolare coperto da una cupola, preceduto da un portico, con ai lati due vani rettangolari, coperti da volte a botte. Anche in questa cappella è presente la scarsella. Lo spazio centrale subisce una dilatazione trasversale, verso i lati. Questa cappella si trova nel chiostro di santa croce, ed è destinata sia a riunioni di monaci, sia ad una cappella della famiglia Pazzi. La pianta attuale è una variante del progetto originario. Come nella sagrestia, vi sono un vano maggiore ed uno minore comunicanti fra loro. L’interasse delle paraste è ribaltato verso l’esterno, il vano centrale diventa rettangolo, i due archi laterali che sostengono la cupola centrale si approfondiscono in due volte a botte, mentre la parete di fondo, vede ribattuto il sistema dell’ordine architettonico che assegna in questo modo un aspetto unitario all’intero vano. Data la preesistenza

dell’edificio, Brunelleschi dovette rinunciare ai rapporti numerici perfetti.

La parte centrale della parete opposta all’ingresso ha al centro un’apertura con un arco che sormonta trabeazione, impianto ripreso anche nelle pareti laterali. Un ruolo fondamentale è affidato alla parasta d’angolo, posta all’interno solo sui lati lunghi. Per rendere più verosimile la trabeazione, fa girare la parasta con un piccolo risvolto asimmetrico.

La facciata della chiesa si affaccia sul primo chiostro di Santa Croce, alcuni la attribuiscono a Giuliano da Maiano, altri invece la riferiscono al disegno originale del Brunelleschi, messo in opera dopo la sua morte. Importante è la sua funzione di mediazione spaziale e filtro per la luce, che arriva all'interno in maniera diffusa e omogenea. Il portico anteriore ricorda la maestosa struttura degli archi di trionfo romani. Sei colonne corinzie sostengono un attico alleggerito, spartito in riquadri delimitati da lesene a coppie e interrotto al centro dall'arcata a tutto sesto.

Pa g

. 1 5

LA MATURITÀ DEL BRUNELLESCHI SANTO SPIRITO (1444) Venne iniziata nel 1444, dopo la morte del Brunelleschi, e completata, in parte difforme al progetto originario, nel 1480. Si ha il concetto delle masse murarie scavate da nicchie. I temi fondamentali della maturità del Brunelleschi sono la pianta centrale e l’uso delle stesse nicchie. Nel santo Spirito, Brunelleschi riprende in maniera più nuova, l’impianto di S. Lorenzo. Abbiamo una campata quadrata, coperta a vela, che si ripete per comporre le navate laterali. Il motivo della campata, regola la navata centrale: vi sono 4 quadrati nella navata ed uno per ogni lato a formare il transetto, le cappelle hanno profondità pari alla metà della campata laterale. In alzato, le misure sono regolate tra l’incastro dei vari ordini, che segnano l’imposta delle volte della navata laterale e degli archi di sostegno della navata centrale. Il progetto della facciata pensato dal Brunelleschi, in cui le nicchie dovevano essere visibili dall’esterno, non verrà rispettato, infatti ad oggi, le nicchie sono visibili solo dall’interno. L’esterno della chiesa si presenta come una superficie liscia. Santo spirito, si avvicina all’idea romana riprendendo da questa il tema delle nicchie, della pianta longitudinale, dei particolati scultorei. Progetti ispiratori per la realizzazione furono: il Pantheon, il Duomo di Pisa e quello di Lucca.

Pa g

. 1 6

SANTA MARIA DEGLI ANGELI (1434)

Il progetto è del 1425, in corso di costruzione nel 1437 ma rimasta incompiuta. La forma è composta da un ottagono coperto a cupola con cappelle quadrate absidate su tutti gli angoli. Esternamente lo sviluppo dei lati raddoppia, poiché vi sono sedici lati, i muri tra una cappella e l’altra, sono scavati da nicchie semicircolari. Le cappelle, internamente comunicanti, dovevano essere coperte a volta, o a vela, ed erano inquadrate da un ordine di paraste che sorreggevano delle arcate, tangenti a una trabeazione sormontata da archi contenenti oculi che scandiscono il tamburo della cupola. L’insieme è pensato come assemblaggio logico di strutture portanti e superfici, la fitta trama di arcate, pilastri e trabeazioni, nega la continuità verticale, definendo invece una sovrapposizione orizzontale. S. MARIA DEL FIORE – LE TRIBUNE MORTE (1438)

Sono tra le invenzioni più originali del Brunelleschi, poste al rinfianco della cupola di S. Maria del Fiore. Sono dei corpi semicircolari con delle nicchie, collegate da due semicolonne con capitello corinzio. Sovrapposte ai piloni angolari cavi come elementi di raccordo visivo e irrigidimento del tamburo,

rappresentano un’intrusione classica nell’organizzazione gotica dell’esterno. L’organizzazione a nicchie è ripresa dai Sepolcrali romani, la struttura su 5 assi con coppie di semicolonne, consente di raccordarsi con il lato del tamburo e riprendere sul fronte con le arcate inquadrate sull’ordine, il ritmo del pilone sottostante. Emerge un nuovo interesse per gli esterni, come preoccupazioni urbanistiche già emerse in S. Spirito, nella rotonda degli Angeli.

Pa g

. 1 7

La parete semicilindrica appare come una parete marmorea convessa intagliata dai vani delle nicchie, le ghiere degli archi sono costituite da una sottile modanatura, quasi a voler irrigidire una membrana ritagliata dai vuoti. Le superfici delle nicchie si distaccano nettamente dalla lastra semicilindrica esterna e appaiono prive di un appoggio sul basamento come leggeri gusci, mentre la trabeazione è modellata direttamente su esempi romani, e non appare sostenuta solamente dalle colonne, ma anche dalla lastra marmorea cilindrica. Santa Maria Del Fiore - Lanterna È articolata anch’essa in elementi architettonici concavi e convessi. Vi sono dei contrafforti. È progettata completamente in marmo ed ha la forma di un tempietto ottagonale. Il modello di Brunelleschi venne scelto perché, rispetto a quello degli altri, la lanterna appariva più bella e proporzionata, era più forte, più leggera, consentiva una maggiore luminosità al grande invaso cupolato ed era concepita in modo da allontanare da sé le acque meteoriche che, così, non le avrebbero procurato danni. Gli archi rampanti e la cuspide possono essere assimilabili con quelle di gusto gotico, ma è superata ogni distinzione tra elemento portante e quello portato. LE ARCHITETTURE CIVILI – PALAZZO DI PARTE GUELFA (1420)

È iniziato da altri nel piano terra, Brunelleschi interviene dal 1442 circa, con un progetto rimasto incompiuto. La sala del consiglio, presenta un ordine corinzio in pietra. Nell’esterno, le paraste, vanno a definire l’angolo dell’edificio e definiscono una continuità tra gli elementi. I tondi e le finestre, sono circondati da elementi di gusto classico. Vuole emulare vecchi palazzi della città, ma staccandosi dalla tradizione. Il volume del salone è proporzionato in pianta nel

rapporto 1:2 ed è marcato all’esterno sugli angoli da paraste giganti, le pareti hanno 4 finestre arcuate sul fronte e due sul lato. Il Manetti evidenzia l’alterazione apportata al progetto nell’ultima parasta in via delle terme, in cui lo spigolo non appare visibile e libero; l’angolo era decisivo nella prospettiva di scorcio. È verosimile che i conci di pietra dovessero rimanere a vista.

Pa g

. 1 8

LEON BATTISTA ALBERTI È importante non solo per le testimonianze lasciate in campo architettonico, ma anche dal punto di vista letterario e della teoria dell’arte. L’architettura arriverà più tardi nella sua vita rispetto alle altre esperienze. Per Alberti, l’architetto deve essere un letterato preparato in tutte le discipline liberali, l’architettura si erge ad “Ars liberalis”. È il primo che formula una definizione del ruolo di architetto, ossia un intellettuale, la cui opera deve essere realizzata da un’adeguata committenza. Nei suoi trattati fa riferimento, da una parte, all’alta borghesia, dall’altra al principe ed all’alta corte. Non si confronta più con le istituzioni, ma con un ambiente che è quello cosmopolita delle corti. L’artista rinascimentale diventa cortigiano, un tecnico dell’immagine che si mette al servizio del principe. Lavora per: -il papa

-i Gonzaga -gli Este -Guido da Montefeltro

Arriva all’architettura tardi, dopo essere già diventato un personaggio noto. È figlio naturale di un fiorentino esule, infatti Leon Battista nasce a Genova nel 1404 e si forma nella facoltà di diritto a Bologna, specializzandosi nello studio matematico, umanistico e letterario. Nel 1428, viene revocato il bando contro la sua famiglia e per la prima volta si reca a Firenze. Dal 1431 al 1434 è a Roma, dove lavora come segretario della cancelleria della curia pontificia. Inizia intorno ai 30 anni un lavoro sistematico su, come lui le definisce, “cose relative all’edificato”

studiando i movimenti, mediante gli strumenti inventati da lui stesso. Alberti pone le basi per la relazione della Descriptio Urbis Romae, dove vi è l’uso sia di testo che di schizzi e disegni. Con i disegni, aiuta a capire dove andavano posti i singoli edifici. Finito questo primo soggiorno romano, torna a Firenze, dove la prima rinascenza è matura e vi resterà fino al 1436. Gli anni in cui torna a Firenze, inoltre, sono i primi anni del potere Mediceo in città e gli anni in cui Ghiberti e Brunelleschi terminano alcune delle loro opere, come la cupola di Santa Maria del fiore e la porta del Battistero.

LE ISPIRAZIONI Questa prima fase di Firenze, è dominata dagli scultori, che attuano la loro ricerca su modelli rivisitati, la pratica del disegno dall’antico, si esercita su elementi singoli (basi, capitelli, cornici…). A quella naturale selezioni che Brunelleschi aveva fatto, si sovrappone una grande varierà di forme, ispirate persino al mondo etrusco e greco, o almeno presunti tali. Importante è l’apporto dato da Michelozzo e Donatello.

Pa g

. 1 9

LE OPERE TEORICHE Tutti i suoi trattati si basano su una precisa disposizione tecnica, su cui si basa un discorso intellettuale. L’artista non è più un semplice artigiano ma un vero e proprio intellettuale. Nel “De statua”, parla delle proporzioni del corpo umano, regolandole con precise regole. Nel “De pictura” approfondisce la teoria del disegno prospettico. Il “De re edificatoria” venne completato già entro il 1452, diffondendosi in maniera limitata sotto forma di manoscritto, per essere poi stampato a Firenze soltanto nel 1485, tredici anni dopo la scomparsa di Alberti. L’opera si ispira al De Architettura scritto da Vitruvio. È una guida ma non una bibbia, delinea la figura dell’architetto e Alberti lo divide in 10 libri. Nel sesto libro, vengono definiti i concetti di bellezza e di ornamento, considerato come qualcosa che viene aggiunta in seguito. Grazie ai temi della Firmitas, della Utilitas e della Venustas, il trattato si caratterizza per la ricchezza delle citazioni erudite provenienti da opere di autori antichi, con particolare riguardo ai filosofi classici. Oltre agli schizzi delle architetture antiche, furono inserite piante, sezioni, prospetti in scala e proiezioni ortogonali, il tutto per rendere al meglio la geometria dei volumi degli edifici in questione, inoltre, grazie agli studi scientifici condotti, Alberti era in grado di dare una struttura logica alle varie nozioni. Alberti in questo trattato afferma che l’architetto non è un carpentiere, ma il suo lavoro è un atto mentale, sottolinea anche che alla base di ogni progetto è previsto un ordine dettato dalle giuste proporzioni che ne garantisce la bellezza. Il concetto di bello per lui è innato, e non si basa sul gusto personale, è un qualcosa di oggettivo e persistente. Alberti è il primo autore moderno a fare una trattazione completa sugli ordini architettonici e, a

differenza di Vitruvio, descrive scomponendo nelle singole parti tutti gli elementi dei diversi ordini, disegnandone le forme, senza mai mostrare l’ordine nella sua interezza. Grazie a questo trattato, Alberti trasmise nuove formule e nuovi modelli per la realizzazione di edifici sacri, pubblici e residenziali. Pone la colonna come un ornamento, non considerandola elemento strutturale ma solo decorativo. Alberti guarda al valore del muro pieno, con tutti i compromessi resi necessari dalla trasformazione dell’ordine in elemento decorativo. È interessato al giusto proporzionamento della struttura, che caratterizza l’impianto visivo dell’opera, in questo deriva la bellezza dell’opera. Non accetta l’uso brunelleschiano dell’arco poggiato sulla colonna, preferisce il sistema trilitico con la trabeazione. Nelle opere di Mantova, abbandonerà la colonna per utilizzare la parasta.

Pa g

. 2 0

LE OPERE FIORENTINE Tabernacolo Della Mercanzia

Realizzato da Michelozzo, vediamo come vi sia l’ordine completo, con colonne, capitello, trabeazione e timpano triangolare. Alberti studierà questa opera in cui vi è una netta ripresa di Brunelleschi. Si punta particolarmente sulla morfologia delle statue. Le proporzioni restano libere, non seguono perciò le regole classiche.

Pulpito Del Duomo Di Prato

Consiste in un parapetto che viene considerato come una trabeazione su mensole, architrave a fasce, un alto fregio ed una piccola cornice terminale.

Il fregio è di particolare interesse ed è figurato da dei putti danzanti e spartito da parastine binate, triglifi nella trabeazione. I capitelli assumono un modulo e sono tutti di fantasia, sette tipi diversi e di origine anche non classica. Composto in marmo, bronzo e tessere di mosaico, è collocato sul fianco sud-est della cattedrale di Prato. Cantoria Del Duomo

Vi sono degli ordini dorici snelli, con colonne binate. Una cornice con profilo a guscio con motivi desueti. Gli elementi vanno dall’etrusco al tardo antico. Anche la parte inferiore è molto decorata, non vi è niente di lasciato vuoto. I capitelli hanno un collarino con foglie piatte sorrette da una base. Viene realizzata tra il 1433 ed il 1438. L’altra cantoria venne invece ideata da Luca della Robbia tra il 1423 ed il 1437

Pa g

. 2 1

Pannello del Miracolo della Mula a Padova Trabeazione che lascia intravedere l’ordine delle varie parti che lo compongono. l Miracolo dell'asina è un rilievo di Donatello facente parte della decorazione dell'altare della basilica del Santo a Padova. È concepita come una scena di massa. Dopo un soggiorno a Ferrara, torna a Roma e attua una serie di osservazione interessanti, come l’estrazione delle navi romani dal Lago di Nemi. Dirige i restauri di Santo Stefano Rotondo, di San Teodoro, di Santa Maggiore e di numerose altre chiese, a causa dell’anno giubilare del 1450. Alberti è l’esperto che affianca Niccolò V nel suo periodo papale, il quale aveva un programma edilizio ben preciso e delle chiare idee per l’impianto di Roma. Oltre le opere all’interno della città, si occupa di edifici anche fuori da Roma. Con Pio II Piccolomini, si trasferisce a Mantova, rimanendovi anche quando il papa tornerà a Roma. Nel 1464 lascia l’incarico di abbreviatore apostolico. TEMPIO MALATESTIANO (1450-1462)

Negli stessi anni in cui è impegnato nella redazione del trattato, Alberti avvia anche la sua prima opera

architettonica documentata,

rivolta alla trasformazione di una preesistenza medioevale: la

chiesa duecentesca di San Francesco a Rimini, che Sigismondo Malatesta intende dedicare a mausoleo per la propria famiglia.

Conosciuta anche come chieda di San Francesco a Rimini, “ristrutturata” nel 1453 circa. Vi sono archi a sesti acuto, mascherati da archivolti rinascimentali, inquadrati da paraste scanalate a doppio ordine. Sigismondo immagina un “tempio” che accolga il proprio sepolcro e quello della sua amata Isotta, celebrando il culto dell’eroe attraverso un intrigante miscuglio di simbologie religiose e pagane, con espliciti riferimenti all’astrologia, tra cui il culto del sole e dello zodiaco. Proprio la complessità

Cappella S. Sigismondo

Pa g

. 2 2

del programma iconologico sembra confermare la partecipazione di Alberti fin dalle prime fasi dei lavori.

L’esterno nel 1454 era stato elevato ad una notevole altezza e rimase incompiuto alla morte di Sigismondo nel 1466. Al termine della navata, Alberti

ipotizza una grande cupola, mai realizzata. All’esterno Alberti decide di staccarsi il più possibile dalla struttura precedente, crea una cassa muraria per staccarsi dall’idea gotica precedente, essendo cosi libero di comporre la facciata a suo gusto. L’idea di base è quella del tempio, con un alto basamento, con ai lati degli archi su colonne. La facciata riprende il motivo dell’arco trionfale romano. Ai lati dovevano essere poste le due nicchie per i sarcofagi dei committenti.

Questo edificio è una sorta di pantheon familiare della famiglia Malatesta. Alberti lascia la coesistenza delle due espressioni, infatti non copre completamente le bifore gotiche sui lati, pone le sepolture sotto gli archi romani esterni della chiesa dove dispone i sarcofagi con iscrizioni classiche. Con questa opera si riferisce all’Arco di Augusto a Rimini ma anche all’Arco di Costantino a Roma. La facciata di questo edificio è così importante perché è il primo tentativo di prospetto all’antica su di un edificio religioso rinascimentale. L’edificio resterà incompiuto, quindi non potremo mai conoscerne la forma definitiva voluta dall’Alberti. Arco Del Cavallo

Opera progettata tra il 1438 ed il 1445 a Ferrara. Alberti viene chiamato a

consigliare l’architetto nella sua realizzazione. I particolari richiamano un repertorio tipico di Donatello e

Michelozzo, come le colonne scanalate e rudentate, corone di fogliame ai lati dell’arco e del fregio. L’arco che si imposta direttamente sul capitello, senza trabeazione, dimostra una scarsa comprensione dell’ordine architettonico.

Pa g

. 2 3

PALAZZO RUCELLAI (1465) In facciata troviamo tre ordini sovrapposti che inquadrano delle bifore medievali e si sovrappongono ad una parete che simula i blocchi di pietra. Con questo edificio Alberti fissa un modello di facciata. Vengono seguite due linee guida: gli ordini sovrapposti alla muratura; gli ordini sovrapposti uno sopra all’altro per definire i diversi piani dell’edificio (riprende l’idea del Colosseo). L’edificio poggia su un basamento sul quale viene impostato il primo ordine. Vi è un accenno al problema difensivo con le piccole finestre quadrate al primo piano.

Il piano terra, più alto dei piani superiori, ha i capitelli decorati da una reinterpretazione dell'ordine dorico e due portali rettangolari classicheggianti. Vi corre davanti una "panca di via", un elemento oltre che di utilità pratica per i passanti, creava una sorta di piano base per il palazzo, come se si trattasse di uno stilobate. Lo schienale della panca riproduce il motivo dell'opus reticolatum romano. Al primo piano (piano nobile) le paraste sono di tipo composito e vi si aprono delle ampie bifore a tutto sesto, con cornice bugnata, colonnina e oculo al centro. All'ultimo piano si hanno paraste di tipo corinzio, alternate a bifore dello stesso tipo. La sovrapposizione degli ordini come teorizzato da Vitruvio, è di conci levigati si ispira all'architettura romana, come nel motivo del basamento a imitazione dell'opus reticolatum. Le paraste decrescono progressivamente verso i piani più alti, dando un effetto prospettico di maggior slancio del palazzo. Nell’ordine inferiore il capitello è dorico-tuscanico (A), nell’ordine superiore troviamo la ripresa dei capitelli del mausoleo di Loriano (B) e ancora sopra un capitello corinzio semplificato (C). A

B

C

Pa g

. 2 4

CAPPELLA RUCELLAI (1462) La cappella Rucellai o cappella del Santo Sepolcro, fu realizzata in fasi successive per conto di Giovanni di Paolo Rucellai, l’intervento dell’Alberti rappresentò l’ultima fase, quella conclusiva, che gli attribuirà definitivamente la paternità. Leon Battista Alberti dovette scontrarsi con un complesso di strutture preesistenti che in parte condizionarono i suoi progetti operativi. Partendo dall’originario nucleo trecentesco seppe realizzare uno spazio architettonico di gusto straordinariamente rinascimentale. Si presenta come un ambiente rettangolare, con una pianta di misura 6x12m, voltato a botte con il lato lungo parallelo alla navata della chiesa, il quale venne aperto e rimpiazzato da 2 colonne corinzie e una trabeazione (resta così fino agli interventi dell’800). Il diaframma di colonne fa sì che vi sia, per chi guarda, la massima visibilità al contenuto del sepolcro. Le decorazioni ricordano quelle brunelleschiane della Cappella Pazzi con le tre finestre che assicurano un’ampia illuminazione. All’interno della cappella Rucellai è collocato il Sacello del Santo Sepolcro, commissionato da Giovanni di Paolo Rucellai e realizzato in breve tempo, venne difatti concluso nel 1467. Le decorazioni marmoree presenti sulle superfici del tempietto e tutto il suo apparato decorativo furono realizzati con ogni probabilità dallo scultore Giovanni di Bertino; i disegni ornamentali delle 30 tarsie marmoree inserite all’interno dei riquadri sono diversi l’uno dall’altro, alcuni si ispirano a forme naturalistiche come le foglie d’alloro, di quercia, le corolle ed altri a forme geometriche come la stella ottagonale, la stella a sei punte e la decorazione a libro. Al centro di ogni prospetto, Alberti collocò delle tarsie facilmente riconoscibili per il loro significato rappresentativo, esse indicavano infatti gli stemmi araldici, per maggior precisione le imprese personali di Giovanni Rucellai, di Lorenzo il Magnifico, di suo padre Piero dei Medici e del nonno paterno Cosimo il Vecchio. L’interno del Sacello era ed è tutt’oggi composto da un’unica camera sepolcrale contenente una lastra in marmo appoggiata sulla parete posta a sud, in base a questa disposizione lo stesso Alberti fu costretto a porre la piccola porta d’ingresso fuori centro. Anche il pavimento è disegnato e riprende sia il ritmo dell’ordine, sia ingloba la micro architettura all’interno della cappella.

non sono stati rilasciati commenti
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 162 totali
Scarica il documento