Appunti la vita di Pirandello, Appunti di Lingua Italiana
Franci99vale
Franci99vale

Appunti la vita di Pirandello, Appunti di Lingua Italiana

1 pagina
10Numero di visite
Descrizione
Appunti delle scuole superiori sulla vita di Pirandello
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima1 pagina / 1
Scarica il documento

LUIGI PIRANDELLO

LA VITA

Luigi Pirandello nacque il 28 giugno 1867 ad Agrigento. La vita familiare, soprattutto a causa della personalità prevaricatrice del padre Stefano, non fu serena. Dopo aver ricevuto la prima educazione in casa, frequentò il liceo a Palermo, anche se il padre avrebbe preferito che facesse studi tecnici per succedergli nella gestione della zolfara di famiglia. Si iscrisse poi alla facoltà di lettere a Bonn, dove si laureò. Tornato in Sicilia, sposò Antonietta Portulano, figlia di un socio del padre, donna bellissima ma di salute cagionevole e psicologicamente fragile, che gli diede tre figli. Con la moglie tornò a Roma, dove conobbe e frequentò molti intellettuali, tra cui Luigi Capuana, che lo incoraggiò nella sua attività di scrittore. Nel 1903 fu per Pirandello e per la sua famiglia un anno particolarmente triste: una frana distrusse la miniera di zolfo in cui il padre aveva investito anche la dote di Antonietta. La donna, alla notizia del disastro, ebbe una grave crisi nervosa che si manifestò come malattia mentale, tormentandola per tutta la vita. Mentre assisteva la moglie malata, Pirandello compose in pochi mesi il suo romanzo più famoso, Il fu Mattia Pascal. Venuto meno l'aiuto finanziario del padre, intensificò le collaborazioni con giornali e riviste. Per soddisfare le compagnie teatrali, traspose alcune delle sue novelle in commedie. Nel 1919, Pirandello decise di internare la moglie in una clinica per malati mentali, dove rimase fino alla morte, avvenuta nel 1959. Nel 1924 si iscrisse al Partito fascista, ma senza piegarsi alla propaganda del partito. Nel 1934, raggiunta la fama mondiale come drammaturgo, ricevette il premio Nobel per la letteratura. Morì il 10 dicembre 1936 mentre seguiva a Cinecittà la trasposizione cinematografica del romanzo Il fu Mattia Pascal.

non sono stati rilasciati commenti
Scarica il documento