Docsity
Docsity

Prepara i tuoi esami
Prepara i tuoi esami

Studia grazie alle numerose risorse presenti su Docsity


Ottieni i punti per scaricare
Ottieni i punti per scaricare

Guadagna punti aiutando altri studenti oppure acquistali con un piano Premium


Guide e consigli
Guide e consigli

Biblioteconomia e Bibliografia prof. Minuzzi (4 libri del corso + un libro a scelta), Appunti di Biblioteconomìa

Libri riassunti divisi per capitoli (completi e organizzati): - G. MONTECCHI, F. VENUDA, NUOVO MANUALE DI BIBLIOTECONOMIA, MILANO, BIBLIOGRAFICA, 2022; - GUIDA ALLA BIBLIOTECONOMIA, A CURA DI M. GUERRINI, G. CRUPI, S. GAMBARI; COLLABORAZIONE DI V. FUGALDI, MILANO, BIBLIOGRAFICA, 2009; - LUIGI BALSAMO, LA BIBLIOGRAFIA. STORIA DI UNA TRADIZIONE, MILANO, UNICOPLI, 2017 - MARCO SANTORO, GIANFRANCO CRUPI, LEZIONI DI BIBLIOGRAFIA, MILANO, BIBLIOGRAFICA, 2018 (questo libro era tra quelli a scelta nell'AS 2023-2024) Se avete la professoressa Minuzzi vi consiglio di visionare le slide, cosi avete un idea dei punti chiave e delle cose che molto probabilmente chiederà (tutte le info nelle slide sono approfondite nei libri) Buono studio ;)

Tipologia: Appunti

2023/2024

In vendita dal 07/07/2024

Arianna_Marzolini
Arianna_Marzolini 🇮🇹

4.5

(2)

8 documenti

1 / 64

Toggle sidebar

Documenti correlati


Anteprima parziale del testo

Scarica Biblioteconomia e Bibliografia prof. Minuzzi (4 libri del corso + un libro a scelta) e più Appunti in PDF di Biblioteconomìa solo su Docsity! 1 BIBLIOTECONOMIA E BIBLIOGRAFIA Prof.ssa Minuzzi Sabrina (AS 2023/2024) Sommario G. MONTECCHI, F. VENUDA, NUOVO MANUALE DI BIBLIOTECONOMIA, MILANO, BIBLIOGRAFICA, 2022 ................................................................................................................................................................... 3 CAP. 1 DAL LIBRO ALLA BIBLIOTECA ................................................................................................................ 3 CAP. 2 LA BIBLIOTECA PUBBLICA .................................................................................................................... 5 CAP. 3 LA BIBLIOTECA COME ISTITUZIONE DELLO STATO...................................................................................... 6 CAP. 4 LA BIBLIOTECA COME ISTITUZIONE DELLA COMUNITA’ .............................................................................. 8 CAP. 5 LA BIBLIOTECA COME ISTITUZIONE DELLA COMUNICAZIONE E DELLA MEMORIA ........................................... 9 CAP. 6 LA BIBLIOTECA COME STRUTTURA ORGANIZZATA..................................................................................... 9 CAP. 7 ORGANIZZAZIONE DELLA BIBLIOTECA E CRESCITA DELLE RACCOLTE ........................................................ 10 CAP. 8 LA CATALOGAZIONE: DESCRIZIONE BIBLIOGRAFICA ............................................................................. 11 CAP. 9 LA CATALOGAZIONE, ACCESSI FORMALI E SEMANTICI ........................................................................... 12 CAP. 10 LA GESTIONE DEI PERIODICI ............................................................................................................... 13 CAP. 11 LE RISORSE ELETTRONICHE ................................................................................................................. 14 CAP. 12 I FORMATI DI SCAMBIO DEI DATI BIBLIOGRAFICI: L'UNIMARC ............................................................... 15 CAP. 13 LA COLLOCAZIONE, GESTIONE DELLE RACCOLTE E PRESTITO .................................................................. 16 CAP. 14 L'INFORMATIZZAZIONE DELLA BIBLIOTECA E LA SUA EVOLUZIONE ............................................................ 17 GUIDA ALLA BIBLIOTECONOMIA, A CURA DI M. GUERRINI, G. CRUPI, S. GAMBARI; COLLABORAZIONE DI V. FUGALDI, MILANO, BIBLIOGRAFICA, 2009.......................................................................................... 19 CAP. 1 L’AMBITO DISCIPLINARE .................................................................................................................... 19 CAP. 2 L’UNIVERSO BIBLIOGRAFICO E LA LETTURA ........................................................................................... 23 CAP. 3 LA BIBLIOTECA E L’UTENTE ................................................................................................................ 27 CAP. 4 ATTIVITÀ E GESTIONE DELLA BIBLIOTECA - IL RUOLO DEL BIBLIOTECARIO ................................................... 29 CAP. 5 IL LINGUAGGIO DELLA BIBLIOTECA ..................................................................................................... 30 LUIGI BALSAMO, LA BIBLIOGRAFIA. STORIA DI UNA TRADIZIONE, MILANO, UNICOPLI, 2017 ................ 38 CAP. 1 BIBLIOGRAFIA IERI E OGGI ................................................................................................................. 38 CAP. 2 INFORMAZIONE E CIRCOLAZIONE LIBRARIA NEL MEDIOEVO .................................................................... 39 CAP. 3 IL CANONE BIBLIOGRAFICO DEL ‘400 ................................................................................................. 40 CAP. 4 CANONI BIBLIOGRAFICI DEL '500: ...................................................................................................... 40 CAP. 5 BIBLIOGRAFIE TRA BIBLIOTECHE E GIORNALI LETTERARI NEL ‘600 ............................................................. 42 CAP. 6 BIBLIOGRAFIE DI GIORNALISTI, PROFESSORI, LIBRAI NEL ‘700 .................................................................. 42 CAP. 7 LE BIBLIOGRAFIE DEI BIBLIOTECARI E DEGLI STORICI NELL’800 ................................................................. 43 CAP. 8 VERSO NUOVI SVILUPPI ..................................................................................................................... 44 MARCO SANTORO, GIANFRANCO CRUPI, LEZIONI DI BIBLIOGRAFIA, MILANO, BIBLIOGRAFICA, 2018 ......................................................................................................................................................................... 45 CAP. 1 LA BIBLIOGRAFIA ............................................................................................................................. 45 CAP. 2 DOCUMENTO.................................................................................................................................. 45 CAP. 3 DOCUMENTO DIGITALE .................................................................................................................... 46 CAP. 4 CATALOGAZIONE ............................................................................................................................ 46 CAP. 5 ABSTRACT ....................................................................................................................................... 47 CAP. 6 CLASSIFICAZIONE DECIMALE DEWEY (CDD) ...................................................................................... 47 CAP. 7 CLASSIFICAZIONE DECIMALE UNIVERSALE (CDU) ............................................................................... 48 CAP. 8 CENNI STORICI ................................................................................................................................ 48 CAP. 9 INFORMATION RETRIEVAL: ................................................................................................................. 51 CAP. 10 PORTALI ......................................................................................................................................... 52 CAP. 11 FONTI ............................................................................................................................................. 52 2 CAP. 12 BIBLIOGRAFIE SPECIALI ..................................................................................................................... 52 CAP. 13 BANCHE DATI (DATABASE) ................................................................................................................ 52 MARIO INFELISE, I LIBRI PROIBITI. DA GUTENBERG ALL'ENCYCLOPÉDIE, ROMA-BARI, LATERZA, 2013.... 53 CAP. 1 IL CONTROLLO SUI LIBRI ..................................................................................................................... 53 CAP. 2 COLTURE AL BANDO ........................................................................................................................ 55 CAP. 3 I LIMITI DELLA CENSURA ..................................................................................................................... 57 CAP. 4 ASSOLUTISMO E CENSURA ................................................................................................................. 60 CAP. 5 EPILOGO ........................................................................................................................................ 63 Nota: Il libro “I libri proibiti. Da Gutenberg all’Encyclopédie” di Mario Infelise era, nell’anno 2023/2024, tra le letture a scelta. 5 Avvento dell’Editoria Libraria nell’Età della Stampa Invenzione della stampa: - Spostamento dell’iniziativa di pubblicazione a monte della produzione libraria. - Introduzione di interventi editoriali stampati e maggiore diffusione. Il Libro Contemporaneo e l’Editoria Aumento della produzione libraria: - 17-18 secolo: crescita delle pubblicazioni periodiche e nuove case editrici. - Inizio '900: grandi editori come Mondadori, Einaudi e Laterza. - Ultimi decenni: digitalizzazione e rafforzamento della funzione primaria del libro. Il Libro e la Biblioteca Diffusione dell'alfabetizzazione e scolarità: - Estensione del pubblico dei lettori, ma molti lettori potenziali non leggono. - Creazione di biblioteche pubbliche e popolari per facilitare l'accesso ai libri. - Anni '70: biblioteche pubbliche in quasi tutti i comuni italiani, da valorizzare secondo le leggi di Ranganathan e il Manifesto UNESCO. Cap. 2 La biblioteca pubblica Manifesto UNESCO delle Biblioteche Pubbliche (1995) Principi Fondamentali - Accesso libero e senza limitazioni a ogni genere di sapere - Pronta disponibilità di tutte le raccolte librarie e risorse informative digitali Gratuità e Finanziamento - Gratuità dei servizi "in linea di principio" - Sottolineata l'importanza del finanziamento pubblico e delle responsabilità delle autorità Generalità, Gratuità e Contemporaneità Concetti Chiave (Virginia Carini Dainotti e Luigi Crocetti) - Generalità: Biblioteca per tutti i cittadini. - Gratuità: Servizi fondamentali gratuiti per il bene della società. - Contemporaneità: Biblioteca soddisfa le esigenze attuali dei cittadini. Pubblicità come Attributo Indivisibile Approccio Funzionale - Pubblicità identificata con l’essere stesso della biblioteca. - Necessità di rivolgersi alla generalità degli utenti e superare la specializzazione. 6 Funzioni Biblioteconomiche Esigenze degli Utenti - Lettura - Studio - Ricerca Servizi Offerti - Catalogazione e organizzazione delle raccolte. - Servizi di informazione e reference. Uso Pubblico delle Biblioteche Obiettivi - Articolare i servizi in base alle esigenze dei cittadini. - Riflettere la fisionomia culturale della comunità. Storia dell'Uso dei Libri Evoluzione Storica - Dal 12 secolo, libri accessibili ai cittadini, non solo ai religiosi. - Biblioteca al servizio della pubblica utilità. Biblioteche Pubbliche in Italia Sviluppo Storico - Medioevo: Biblioteche ecclesiastiche. - 18 secolo: Apertura di biblioteche statali. - Post-Unificazione: Eredità delle biblioteche preunitarie, ritardo nello sviluppo delle biblioteche comunali. Situazione Attuale - Fioritura di biblioteche pubbliche comunali - Caratteristiche di generalità, gratuità e contemporaneità. - Futuro promettente accanto alle biblioteche tradizionali di studio e ricerca. Cap. 3 La biblioteca come istituzione dello stato La biblioteca come istituzione della pace: - Le istituzionidi lunga durata (nate per rispondere a esigenze specifiche e adattandosi nel tempo) o effimere (come la biblioteca di Cassiodoro nel monastero di Vivarium) Cassiodoro creò la biblioteca x offrire ai cristiani una scuola/biblioteca in Italia, nonostante le guerre. - La biblioteca fu concepita come res pacis, un'istituzione di civile e pacifica convivenza. 7 Alle origini della biblioteca pubblica dello stato: - Antichità: esistevano biblioteche pubbliche accanto a quelle private. - Medioevo: la presenza di biblioteche pubbliche declina, per riemergere con Petrarca nel 14 secolo. - Petrarca e Boccaccio sognavano di mettere a disposizione del pubblico i loro libri, idea che si concretizzò parzialmente. Le biblioteche governative in Italia: - Dopo l'Unificazione, necessità di uniformare le legislazioni e istituzioni delle biblioteche. Congresso internazionale di statistica (1867) solleva la questione della disparità dei servizi bibliotecari. - Commissione bibliotecari e archivisti si concentra sulle biblioteche governative, portando a una crescita disomogenea del servizio bibliotecario. - Regolamento dopo l'annessione di Roma definisce le strutture gerarchiche delle biblioteche nazionali, con evoluzioni fino al 1995. Le origini storiche delle biblioteche statali: - Struttura binaria delle biblioteche negli stati preunitari, con biblioteche principali nelle città dominanti e biblioteche universitarie in città vicine. - Politica bibliotecaria centralizzata in alcune regioni. - Squilibrio tra la presenza di biblioteche nel Nord e la loro assenza nel Sud. - Il Ministero della cultura ha biblioteche di vario tipo senza relazione con le esigenze nazionali. L'amministrazione centrale delle biblioteche statali: - Ministero per i beni culturali e ambientali (1975) assume l'amministrazione delle biblioteche statali. - Riorganizzazione del Ministero tra 2002 e 2004, introduzione della "Digital Library". - Istituto Centrale per il Catalogo Unico (ICCU) coordina la catalogazione e l'informazione bibliografica. - Regole italiane di catalogazione per autori (RICA) e nuove Regole italiane di catalogazione (REICAT) adottate per migliorare la catalogazione. - Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) coordina le biblioteche statali e locali. L'ordinamento delle biblioteche pubbliche statali: - Regolamento del 1995 struttura le biblioteche statali. - 2 biblioteche nazionali centrali (Roma e Firenze) raccolgono/conservano tutte le pubblicazioni italiane. - 7 biblioteche nazionali aggiuntive testimoniano la tradizione bibliografica italiana e rappresentano la cultura regionale. - Discussioni su ricongiungimento delle biblioteche universitarie con le rispettive amministrazioni universitarie. - Biblioteche pubbliche statali elencate per regione, con attenzione alle specificità locali. - Biblioteche sempre più integrate nella vita culturale nazionale e regionale. 10 Le 5 Leggi di Ranganathan: 1. I libri sono per l'uso: Biblioteche non solo custodi ma risorse utilizzate. 2. I libri sono per tutti e ogni lettore il suo libro: Accesso educativo universale. 3. A ogni libro il suo lettore: Ottimizzazione dell'accesso tramite sistemi di catalogazione e archiviazione. 4. Risparmia il tempo del lettore: Servizi efficienti per facilitare la ricerca. 5. La biblioteca è un organismo che cresce: Adattamento alle esigenze della comunità nel tempo. Applicazioni Pratiche e Servizi: - Diverse Funzioni delle Biblioteche: Pubbliche, statali, universitarie, o specializzate. - Trasmissione del sapere attraverso diverse generazioni e necessità attuali. Struttura e Servizi della Biblioteca: - Accesso e Informazioni: Punti informativi e promozione dei servizi. - Strumenti e Servizi: Cataloghi e bibliografie per facilitare la ricerca. - Depositi Librari: Organizzazione interna per ottimizzare l'accesso. Biblioteca Inclusiva: 1. Accesso universale ai servizi bibliotecari, anche per persone con disabilità. 2. Modelli sociali della disabilità per garantire l'accessibilità a tutti. Cap. 7 Organizzazione della biblioteca e crescita delle raccolte Servizi biblioteca come sistema: La biblioteca è organizzata in settori che operano in stretta collaborazione per raggiungere i suoi obiettivi complessivi. Questi settori comprendono: 1. Selezione e Acquisizione di libri: - Settore responsabile di scegliere nuove acquisizioni seguendo la politica della biblioteca. - Analizza le proposte d'acquisto dai lettori, esamina cataloghi degli editori, e valuta donazioni. - Seleziona fornitori, effettua ordini, e gestisce l'arrivo dei libri. 2. Settore Amministrativo: - Gestisce il pagamento delle fatture e compila il registro cronologico di entrata. - Assegna al libro un numero di ingresso e lo contrassegna con il timbro della biblioteca. 3. Catalogazione: - Crea registrazioni bibliografiche seguendo le norme italiane. - Assegna la segnatura di collocazione per il posizionamento dei libri sugli scaffali. 11 4. Gestione dei Periodici: - Cataloga e controlla il regolare arrivo dei periodici. - Sovrintende alla rilegatura delle annate complete e aggiorna gli schedoni amministrativi delle collezioni periodiche. 5. Gestione Magazzini e Prestito: - Supervisiona i depositi librari e gestisce il servizio di prestito esterno. - Gestisce anche la rilegatura dei libri e le sanzioni per i ritardi nella restituzione. 6. Reference: - Fornisce servizio di informazione bibliografica e documentaria. - Utilizza repertori bibliografici e banche dati per supportare i lettori. 7. Libri Rari: - Amministra collezioni speciali di manoscritti, libri antichi, e di pregio. - Garantisce condizioni ambientali ottimali per la conservazione e provvede al restauro se necessario. 8. Direzione: - Coordina progetti di sviluppo e funzionamento della biblioteca. - Supervisiona tutte le attività dei vari settori e gestisce aspetti amministrativi e finanziari. Acquisizioni e Donazioni: - Acquisizione attraverso librai, editori o diritto di stampa. - Valutazione delle necessità della biblioteca e del pubblico servito prima dell'acquisto. - Accettazione o deviazione di donazioni in base alla compatibilità con le necessità della biblioteca. Registrazione e presa a carico: - Il libro viene registrato nel registro cronologico di entrata. - Include numero di ingresso, descrizione, provenienza, numero di fattura e segnatura di collocazione. - Il libro diventa parte del patrimonio della biblioteca e viene catalogato. Cap. 8 La catalogazione: Descrizione bibliografica Introduzione alla Catalogazione: La catalogazione è il processo mediante il quale una biblioteca rende noti ai lettori i documenti in suo possesso e ne facilita il ritrovamento sugli scaffali. Evoluzione dei Cataloghi: - Inizialmente, si utilizzavano liste rudimentali per tenere traccia dei libri, ordinate secondo l'ordine di arrivo. - Con lo sviluppo della stampa e dei primi calcolatori, si passò ai cataloghi stampati organizzati in ordine alfabetico per autori o soggetti. - Verso la fine del 19 secolo, si introdusse l'uso dei record bibliografici su fogli sciolti, che permettevano un aggiornamento più semplice dei cataloghi. 12 Principi Internazionali di Catalogazione: Le procedure di catalogazione seguono i 12 Principi di Parigi del 1961, adattati nel tempo per integrare le nuove tecnologie e migliorare l'accessibilità delle informazioni. Requisiti Funzionali per i Record Bibliografici (FRBR): - introdotti x affrontare i costi elevati e semplificare il processo di catalogazione, garantendo nel contempo una migliore qualità delle informazioni bibliografiche. - Questi requisiti sono progettati x soddisfare le esigenze di un vasto pubblico di utenti e applicazioni, migliorando l'efficienza e l'efficacia della catalogazione. Descrizione Bibliografica: - è il primo passo nel processo di catalogazione, dove il bibliotecario verifica se esiste già un record esistente per il libro o se deve creare una nuova descrizione. - Basata sullo standard ISBD (International Standard Bibliographic Description), la descrizione bibliografica fornisce informazioni dettagliate come titolo, autore, edizione, formato fisico e altro ancora. - Le Regole Italiane di Catalogazione (REICAT), introdotte nel 2009 dall'ICCU, integrano l'ISBD per uniformare le pratiche di catalogazione in Italia agli standard internazionali. ISBD e REICAT per la Descrizione Bibliografica: - L'ISBD, sviluppato dall'IFLA, è stato adottato globalmente per garantire la coerenza nella descrizione bibliografica indipendentemente dal tipo di materiale. - Le REICAT, basate sulle indicazioni emerse dallo studio FRBR, migliorano la precisione e l'uniformità della catalogazione in Italia, integrando le migliori pratiche internazionali. Struttura delle REICAT: - organizzano le informazioni bibliografiche in 8 aree standard: titolo e indicazioni di responsabilità, edizione, specifiche del materiale, pubblicazione e distribuzione, descrizione fisica, collezione, note e numeri identificativi - Questa struttura consente una descrizione completa e coerente dei documenti, facilitando il ritrovamento e l'utilizzo da parte degli utenti della biblioteca. Cap. 9 La catalogazione, accessi formali e semantici Scopo della Catalogazione e degli Accessi: La catalogazione permette alle biblioteche di rendere noti i documenti ai lettori e di facilitare il ritrovamento delle informazioni desiderate. Gli accessi sono elementi estratti dalla descrizione bibliografica o dal contenuto del libro, formulati secondo regole specifiche per organizzare e recuperare le informazioni in modo ordinato. 15 Gestione e Aggiornamento delle Risorse Elettroniche: A differenza dei materiali tradizionali, le risorse elettroniche ad accesso remoto sono soggette a frequenti aggiornamenti, cambiamenti di indirizzo web (URL), cancellazioni o rimozioni. Questa instabilità richiede una gestione attenta da parte del bibliotecario per valutare se le modifiche sostanziali richiedono la creazione di una nuova registrazione bibliografica. Automazione della Gestione delle Risorse Elettroniche: Le basi dati, gli e-book e i periodici elettronici sono sempre più spesso gestiti direttamente dai produttori o fornitori, che aggiornano automaticamente le informazioni nei cataloghi delle biblioteche tramite procedure automatiche o semiautomatiche. Cap. 12 I formati di scambio dei dati bibliografici: l'UNIMARC Introduzione ai formati di scambio dei dati bibliografici: - L'informatica ha rivoluzionato la catalogazione permettendo di condividere dati tra biblioteche. - Un formato comune è essenziale per strutturare e interpretare i dati bibliografici. Origini del progetto MARC: Lanciato nel 1965 negli USA, il progetto MARC velocizzava la distribuzione di dati tra biblioteche usando la tecnologia. Proliferazione dei "dialetti" MARC nazionali: Vari "dialetti" MARC nazionali adattavano il formato originale, creando necessità di unificazione internazionale. Creazione di UNIMARC: UNIMARC, formato standard internazionale, facilita la conversione e la circolazione dei dati tra nazioni e biblioteche. Implementazione e gestione dei dati secondo UNIMARC: - I software bibliotecari devono gestire UNIMARC per immagazzinare, esportare e importare dati correttamente. - Questo riduce i problemi durante l'acquisizione e l'esportazione dei dati bibliografici. 16 Cap. 13 La collocazione, gestione delle raccolte e prestito La collocazione: - collocazione indica la posizione di un libro nella biblioteca - segnatura di collocazione è un codice unico che identifica la posizione del libro, presente sia sull'etichetta del libro che nel catalogo bibliografico. Metodi di collocazione: - Collocazione per sale, armadi o formato può essere gestita da personale senza specifiche competenze. - Per il sistema a scaffale aperto con classificazione, è necessaria la competenza biblioteconomica per assegnare segnature coerenti. Catalogo topografico: - Catalogo cartaceo x monitorare la posizione fisica dei libri. - Utile per verificare la presenza dei libri nei loro scaffali designati. Collocazione in catalogo elettronico: - segnatura di collocazione è inclusa nel catalogo elettronico. - Software di gestione crea indici delle segnature x facilitare la ricerca/gestione. Collocazione a scaffale APERTO: Organizzazione e vantaggi: - Libri disposti x materia usando numeri di classificazione. - Facilita l'accesso diretto ai libri da parte dei lettori senza necessità di mediazione. Gestione dello spazio: - Richiede spazi ampi e vuoti x ospitare new acquisizioni. - Misura di sicurezza come sistemi antitaccheggio per prevenire furti. Collocazione a scaffale CHIUSO: Accesso e ordinamento: - Lettori NO accesso diretto ai libri. - Libri ordinati per sala, scaffale e ripiano x facilitare il ritrovamento da parte del personale. Utilizzo dello spazio: Massimizzazione dell'uso degli scaffali, no spazi vuoti. 17 Gestione dei magazzini e prestito: Organizzazione e manutenzione: - gestisce l'organizzazione scaffali, la manutenzione/copertura libri. - Monitora prestito e segnala danni x interventi di restauro o rimozione. Gestione del prestito: - Procedure per il prestito controllato dei libri. - Regole per quantità di libri, durata del prestito, sanzioni per ritardi. - Gestione delle prenotazioni e rinnovi. Rientro e archiviazione: - Controllo dell'integrità dei libri al loro ritorno. - Aggiornamento dei record di prestito e archiviazione delle informazioni per statistiche bibliotecarie. Cap. 14 L'Informatizzazione della Biblioteca e la sua Evoluzione Il Processo di Informatizzazione: - In passato, la gestione bibliotecaria era manuale; oggi è su sistemi informatizzati. - L'informatizzazione ha cambiato la logica delle procedure e strumenti, utilizzando software modulare adattato alle necessità della biblioteca. - È cruciale la collaborazione tra settori e una visione globale del processo per garantire coerenza nei dati e nelle procedure. Vantaggi di una Gestione Informatizzata: - condivisione immediata delle informazioni e eliminazione duplicazione dei dati - catalogo informatizzato: facilita ricerche e gestisce automaticamente prestiti e scadenze. - Ottimizza l'uso delle risorse cartacee/digitali, migliorando l'efficienza complessiva della biblioteca. La Catalogazione Partecipata: - Le biblioteche si uniscono in sistemi per condividere risorse umane, economiche e tecnologiche. - Utilizzano un software comune per catalogare e gestire le collezioni in modo integrato. - Per esempio, il Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) in Italia facilita la condivisione delle risorse e la circolazione intra-sistemica dei libri. La Catalogazione Derivata: - Consente alle biblioteche di importare record bibliografici già esistenti da altre basi dati, risparmiando tempo e risorse. - È supportata da biblioteche nazionali e consorzi che offrono servizi di catalogazione condivisa. 20 6. Tradizione ottocentesca Biblioteche popolari: Vicine alle classi emergenti, sostenute dal public libraries act (1850). 7. Antonio Panizzi Codice di catalogazione, 91 regole per funzionalità del catalogo, introduzione di servizi innovativi come prestito a domicilio e libero accesso agli scaffali. 8. Martin Schrettinger Scienze della biblioteca: Approccio pragmatico, formazione dei bibliotecari, figura chiave del bibliotecario tecnico. 9. Paul Otlet e Henri La Fontaine Istitut international de Bibliographie (1895): Catalogo collettivo internazionale, standardizzazione procedurale, CDU Classification Decimal Universelle. 10. Shiyali Ramamrita Ranganathan - Cinque leggi della biblioteconomia: Accesso ai libri, soddisfazione del lettore, organizzazione a scaffale aperto. - Colon Classification: Primo modello di classificazione analitico-sintetica. 11. Realtà contemporanea Documentazione: Concetto di documento ampliato, influenze di Paul Otlet, biblioteconomia informazionale. 12. Informatica e telematica Strumentazioni informatiche: Uso comune nelle biblioteche, diffusione della conoscenza. 13. Biblioteconomia contemporanea: Soddisfazione dei bisogni dell'utente: Scienza a tutti gli effetti secondo Ranganathan, sia per oggetto di studio sia per metodologia di ricerca. BIBLIOGRAFIA Definizione e Oggetto - Disciplina che riguarda lo studio e la compilazione dei repertori bibliografici. - Oggetto: un elenco ordinato secondo determinati metodi e fini. - Funzioni: interpretazione/connessione con procedure di allestimento degli indici, dei documenti e dei loro contenuti intellettuali. - Scienza delle comunicazioni fra registrazioni e utenti. Indici Bibliografici Strutture di mediazione richiedono: - Descrizione: rapporto tra documenti e rappresentanza vicaria. - Ordinamento: capacità del bibliografo di assegnare un ordinamento coerente. - Ricerca: interazione tra utente e rappresentazioni dei documenti. Scienza delle comunicazioni mediate da indici. 21 Articolazioni Disciplinari - Bibliografia enumerativa o sistematica: elencazione di libri secondo un certo sistema. - Bibliografia analitica o critica: analisi dei libri come oggetti materiali e studio degli effetti del processo produttivo. Bibliografia Enumerativa Secondo Bowers: - Elencazione delle opere in base a uno schema di ordinamento. - Scopo: disseminazione dell'informazione mediante registrazione sistemica del materiale. Fasi: 1. Ricerca: metodo variabile in base al repertorio. 2. Identificazione: assegnazione di uno stato civile a ogni testo tramite catalogazione. 3. Descrizione: esterna o interna Esterna: riguarda il supporto del testo (es. libro) Interna: riguarda il testo stesso (es. riassunto, analisi). 4. Ordinamento: può basarsi su autore, titolo, edizione, soggetti. Repertori Bibliografici Classificazioni: - Contenuto generale: cronologica, geografica, linguistica. - Forma: selezionata in base alla forma del materiale. - Soggetto: basata su contenuti intellettuali. - Persona: basata sull'autore o soggetto. Classificazione di Rino Pensato: - Forma esteriore: volumi, fogli mobili, microforme, dischi ottici, online. - Carattere bibliografico: autonomi, interni, cripto bibliografie. - Impostazione o forma letteraria: segnaletiche, analitiche, critiche, descrittive. - Scopo o contenuto: generali, speciali. - Destinazione: scientifiche, commerciali, scolastiche. - Ambito o copertura: nazionali, internazionali, selettive, esaurienti, correnti, retrospettive. - Modalità di raccolta o compilazione: primarie, secondarie. - Ordinamento: cronologicamente, alfabeticamente, sistematicamente. - Criteri di valutazione: proposito o intenzione, autorità e autorevolezza, ambito o copertura, destinatari, formato e organizzazione. 22 Bibliografie e Cataloghi Differenze: - Bibliografia: elencazione di libri con caratteristiche comuni. - Catalogo: elencazione ordinata di notizie riguardanti opere o libri. Descrizioni bibliografiche vs. descrizioni catalografiche: - Bibliografiche: identificazione e reperibilità di una pubblicazione. - Catalografiche: garantiscono accesso a un oggetto bibliografico. Bibliografia Analitica o Critica - Studio delle tracce fisiche dei libri a stampa o manoscritti. - Ricostruzione del processo di riproduzione e applicazione delle informazioni ai problemi dei singoli esemplari. - Disciplina che si occupa del libro come manufatto e oggetto tipografico. Bibliografia Descrittiva Organizzazione ordinata e descrizione dei documenti primari. Bibliografia Testuale - Applicazione della bibliografia analitica alla stampa di un'opera. - Scopo: valutare l'effetto del processo di stampa sulla correttezza e completezza di un testo. 25 Microforme: - Microfilm: pellicola fotografica di piccolo formato (35 mm). - Microfiche: pellicola fotografica in foglio standard. Risorse elettroniche: - Documenti digitali. - Tipologie: risorse locali (CD ROM, DVD), risorse remote (pagine web, servizi online), native o primarie, secondarie. Oggetti: Materiali in biblioteche scolastiche o ludoteche: mappamondi, kit da laboratorio. Il libro 1. Alle origini del modello libro: dai rotoli ai codici - Papiro: Utilizzato dal IV secolo a.C. fino ai primi secoli dopo Cristo, formato da fogli arrotolati in volumi. Conservazione in scatole cilindriche (capsae) e mobili (bibliothecae). - Codice: Libri lintei etruschi e romani, tavolette cerate incise con stilo, fogli di corteccia usati con calamo e inchiostro. Diffusione tra III e IV secolo, legato alla cultura cristiana. 2. Pergamena - Origine e uso: Supporto materiale di origine animale, meno costoso, costituito da fogli piegati e raccolti in fascicoli. Codici pergamenacei riscritti chiamati palinsesti. 3. Struttura del codice - Produzione medievale: Scriptoria monastici, amanuensi, copisti. Nuova scrittura minuscola carolina nel IX secolo. Trascrizione di 9000 codici carolingi. - Fasi di lavorazione: Impaginazione e rigatura dei margini prima della scrittura. Introduzione della carta nel XI secolo, abbassamento dei costi, carta prodotta dalla lavorazione degli stracci. 4. Introduzione della stampa e nascita del libro - Stampa a caratteri mobili: Silografia precede la stampa tipografica. Gutenberg e la Bibbia a 42 linee. Trasformazione del libro in prodotto seriale. - Varietà di libri nel XV secolo: Libri da banco, umanistici, cortesi, da bisaccia. 5. Formato del libro Prime edizioni a stampa: Incunaboli diffusi fino al 1500. 6. Produzione del libro Alfabetizzazione e diffusione: Dal pubblico monastico a persone colte e nobili. Alfabetizzazione nel '400 e sviluppo di una nuova classe di lettori. 26 7. Frontespizio, colophon, antiporta, paginazione Evoluzione del libro: Introduzione del frontespizio tra il 1475 e il 1480. Colophon specifica responsabilità e localizzazione. Aggiunta di indici dettagliati, cartulazione e paginazione. Introduzione del corsivo nel '600. 8. Il libro fra il XVI e XX secolo Innovazioni: Atlanti post-scoperte geografiche, Encyclopédie di Diderot nell'Illuminismo. Produzione meccanica con macchine a vapore. Nascita dell'editoria moderna nell'800. 9. Discipline del libro - Bibliologia: Studio del libro come manufatto. - Bibliofilia: Studio del collezionismo librario. - Storia della stampa e della tipografia: Evoluzione dei procedimenti tipografici. - Storia della lettura: Modi e gusti di lettura. - Storia delle biblioteche: Luoghi privati o pubblici di conservazione dei libri. - Storia della biblioteconomia: Organizzazione interna delle biblioteche e servizio pubblico. - Storia della bibliografia: Conoscenza dei repertori bibliografici. - Storia della catalografia: Regole di descrizione dei libri e organizzazione delle registrazioni catalografiche. La lettura 1. Definizione e Etimologia - Definizione: Decifrare un testo scritto o stampato, prendere coscienza di ciò che è scritto. - Etimologia: Deriva dal greco "lexis" e dal latino "legere", significato originale "raccogliere". - Scoperta di Broca (1865): Parte sinistra del cervello deputata alla lettura e alla codifica del linguaggio. 2. Tecnica della lettura - Metodo analitico: Analisi dei caratteri di scrittura uno per uno. - Metodo globale: Riconoscimento di una parola dalla sua immagine complessiva. 3. Modalità di lettura - Antichità: Lettura sempre a voce alta. - Lettura silenziosa: Si sviluppa in occidente intorno al X secolo. - Evoluzione della scrittura: Introduzione del codice romano con capoversi e numerazione. Introduzione di commanda (sorta di punteggiatura). - Divisione delle parole: Dopo il X secolo, i copisti iniziano a dividere le parole per facilitare la comprensione. 27 4. Decodifica - Definizione: Decodifica di un testo a prescindere dalla sua variabile grafica. 5. Lettura su schermo del testo elettronico - Nuove tecnologie: Trasformano la lettura, comprensione e interpretazione. - Interventi del lettore: Possibilità di diventare coautore intervenendo con il copia e incolla, spostando e indicizzando il testo. - Eliminazione della distinzione: Tra luogo del libro e luogo del lettore. 6. Valore politico della lettura - Carta del lettore (1992): Elaborata dall'International Book Committee. - Importanza dei libri: Nella trasmissione della conoscenza e comunicazione delle idee. - Sviluppo del pensiero: Lettura favorisce lo sviluppo completo del pensiero e partecipazione sociale. - Problemi globali: Livello dell'istruzione e analfabetismo ostacolano la deprivazione sociale. - Diritto universale: Lettura come diritto universale. 7. Influenza della lettura - Culturale e scientifica: Chiave del patrimonio. - Sociale: Piena partecipazione alla vita sociale. - Economico: Mancanza di competenze ostacola il progresso. - Democratico: Parola stampata essenziale per la capacità critica. - Creatività individuale: Lettura stimola la creatività. Cap. 3 La Biblioteca e l’Utente Funzioni della Biblioteca - Conservazione e trasmissione della memoria registrata. - Elaborazione e gestione della conoscenza. Struttura e Funzioni della Biblioteca - Bibliografia: Principale terreno delle biblioteche. - Funzioni: ▪ Catalogazione delle risorse documentarie. ▪ Mediazione documentaria e informativa. ▪ Integrazione ambientale e controllo dei rapporti con l'utenza. - Catalogo: Strumento essenziale per la mediazione tra documenti e utenza. 30 Acquisizione delle raccolte: - Metodi di acquisizione: acquisto, approval plan, scambio e dono, deposito legale. - Acquisizione digitale: risorse elettroniche locali e remote, licenze d’uso. Conservazione: - Politiche di conservazione dei materiali documentari secondo i principi dell’IFLA. - Piano di sicurezza per preservare i documenti da deterioramento e fattori ambientali. Funzioni al pubblico: - Front office: attività svolte negli spazi accessibili al pubblico. - Back office: attività riservate agli uffici del bibliotecario. - Diverse modalità di ricerca e fruizione nelle biblioteche tradizionali, informatizzate, digitali e ibride. Servizi di mediazione e modelli di biblioteca: - Biblioteca tradizionale: raccolte locali. - Biblioteca informatizzata: ricerca catalografica e bibliografica tramite OPAC. - Biblioteca digitalizzata: sistema informativo senza mediazione umana. - Biblioteca ibrida: raccolte digitali locali e remote mediate dall’OPAC e dal bibliotecario. Circolazione dei documenti: - Consultazione in sede. - Prestito esterno. - Document delivery. Servizi multimediali: Principi del Manifesto per Internet dell’IFLA (1 maggio 2002): accesso libero, gratuito, privo di barriere e censure, tutela della privacy. Cap. 5 Il linguaggio della biblioteca Ruolo della biblioteca: - Conservazione, gestione e trasmissione della memoria registrata. - Servizio all’utenza. Catalogazione: - Processo costitutivo della biblioteca come raccolta organizzata di documenti. - Uso del catalogo come strumento per esplorare la ricchezza documentaria. 31 Analisi e controllo bibliografico: - Definizione: insieme di attività di acquisizione, trattamento e scambio delle risorse documentarie e delle registrazioni catalografiche e metadati. - Scopo: migliorare il reperimento delle risorse, consentirne la gestione e il controllo. - Attori principali: biblioteche, Agenzia bibliografica nazionale (in Italia, la Biblioteca Nazionale Italiana). - Obiettivo: documentare la produzione bibliografica del paese. Processo di controllo bibliografico: - Sviluppo e mantenimento di un sistema di descrizione di materiali pubblicati. - Conformità a standard accettati per catalogazione, indicizzazione e classificazione. - Facilitare recupero, identificazione e fruizione delle risorse. Fasi del controllo bibliografico: - Inizio con l’acquisizione e sviluppo delle raccolte. - Utilizzo del diritto di stampa e acquisto. - Finalizzazione al reperimento dell’informazione e scambio dei record. Catalogazione: Attività centrale nella gestione delle risorse documentarie. Ruolo dell'IFLA: - Promozione del controllo bibliografico tramite l’UBC (Universal Bibliographic Control). - Affermazione che il controllo bibliografico internazionale parte dal controllo bibliografico nazionale. Bibliografia nazionale: - Descrizione delle pubblicazioni edite in una nazione. - Pubblicata settimanalmente, quindicinalmente, o mensilmente dall’agenzia bibliografica nazionale. Catalogazione Definizione del catalogo: - Sistema bibliografico e strumento di organizzazione della conoscenza. - Processi e tecniche per rappresentare le risorse documentarie attraverso registrazioni codificate. Funzione del catalogo: Mediazione informativa tra universo bibliografico e bisogni dei lettori. Storia della catalogazione: - Contributi dall'IFLA: Principi di Parigi (1961) e ISBD (1969). - Italia: RICA (Regole italiane per la catalogazione per autori) del 1979. - Revisione dei Principi di Parigi del 1961 per adattarli ai cataloghi elettronici nel 2003. 32 Principi teorici: - Charles Ammi Cutter: trovare libri per autore, titolo o soggetto, mostrare posseduti, facilitare scelta di edizioni. - Ranganathan: Cinque leggi della biblioteconomia. - Lubetzky: Catalogo come lista di reperimento o strumento di orientamento. - Principi di Parigi: Dodici punti per la funzionalità del catalogo. - Akos Domanovszky: Tassonomia degli oggetti di catalogazione (elementari, secondari, terziari). - FRBR e Dichiarazione di principi internazionali: Modello concettuale per requisiti minimi della descrizione. Processo catalografico: - Catalogazione: Posizionamento del documento nell’universo bibliografico. - Indicizzazione: Selezione di elementi della risorsa come indici. - Analisi dei destinatari e filosofia delle norme catalografiche. Fasi analisi bibliografica: - Analisi formale: Selezione degli elementi distintivi (titolo, autore, casa editrice). - Analisi letteraria: Identificazione del titolo e autore dell’opera. - Analisi concettuale: Definizione dell’argomento principale (descrittori). Redazione della registrazione catalografica: - Descrizione della risorsa: Creazione di un record rappresentativo. - Scelta e forma dell’intestazione: Selezione dell’entità (autore, titolo, soggetto) e forma del nome preferito. Descrizione: - Analisi e valutazione della risorsa (opera, espressione, manifestazione, item). - Standardizzazione grazie all’ISBD. - Rappresentazione degli elementi che classificano e connotano la risorsa. Intestazione: - Indicizzazione di una registrazione catalografica. - Distinzione delle opere e loro manifestazioni per autore e titolo. - Intestazione semantica: Rappresentazione del contenuto concettuale. Numero inventariale e segnatura: - Indicazione della condizione amministrativa e collocazione fisica del documento. - Se risorsa elettronica: collocazione logica e fisica (URL). 35 Analisi e controllo per soggetto: 1. Indicizzazione semantica: o Indicizza il documento in base al contenuto concettuale anziché al significante (titolo). o Scopo: Rispondere a richieste informative e su argomenti specifici o Processo: Contenuto (identificazione dei contenuti concettuali), indice (formalizzazione dei contenuti in etichette), struttura (sistemi di organizzazione della conoscenza), sistemi di ricerca (dispositivi per rispondere a interessi informativi). 2. Tipi di indicizzazione semantica: o Indicizzazione assegnata: Creata da un operatore, segue un linguaggio di indicizzazione. o Indicizzazione derivata: Utilizza termini presenti nel documento (titolo, testo). o Precoordinata: Termini d'indice correlati anticipatamente. o Postcoordinata: Termini d'indice non legati tra loro. 3. Contenuto: o Individua il contenuto essenziale dell'opera. o Importanza di rendere prevedibile la richiesta del pubblico. 4. Analisi concettuale del documento: o Determina il tema principale del documento. o Fasi: Esame del documento, rilevazione dei soggetti principali, organizzazione concettuale, traduzione in linguaggio d'indicizzazione. 5. Linguaggio di indicizzazione: o Rappresentazione coerente del contenuto concettuale. o Strumento per segnalazione e reperimento dei documenti. 6. Funzioni: o Identifica documenti su un dato soggetto. o Informa su documenti di soggetto affine. 7. Caratteristiche del linguaggio d'indicizzazione: o Lessico (termini uniformi e univoci), semantica (relazioni fra concetti), sintassi (regole di combinazione), pragmatica (uso dei segni). 8. Scelte d'indicizzazione: o Specificità (precisione dei concetti rappresentati), esaustività (ampiezza dei concetti coperti), coestensione (completa copertura del soggetto). 9. Criteri di valutazione: o Rilevanza, richiamo, rumore, rapporti di richiamo, precisione e ricaduta. o Influenzati da specificità ed esaustività dell'indicizzazione. 10. Sistemi di ricerca: o OPAC e strumenti su Internet migliorano l'accesso per stringhe e notazioni. o Utilizzo di ontologie e mappe topiche per categorizzare. 11. Lavoro d'indicizzazione semantica: o Politica di indicizzazione, analisi concettuale del documento, allestimento del catalogo, verifica delle scelte. 36 classificazione bibliografica: 1. Schema di classificazione: o Classificare significa raggruppare oggetti o concetti con caratteristiche comuni. o Utilizzo dell'albero di Porfirio per la suddivisione dal generale al particolare. 2. Principi generali di classificazione: o Ogni principio deve creare almeno due classi. o Le classi devono essere esaustive e ricomporre l'insieme. o Applicazione di un principio di divisione per volta. 3. Struttura degli schemi: o Glossario della classificazione decimale Dewey per notazioni numeriche e alfabetiche. o Schemi enumerativi come la Library of Congress. o Caratteristiche denominate faccette. 4. Ordine di citazione: o Determina l'ordine di disposizione delle faccette. o Costruzione della notazione tramite tavole ausiliarie. 5. Segnature: o Significa anche collocare fisicamente una risorsa nella raccolta per reperirla. ricerca bibliografica e le sue strategie: 1. Definizione della ricerca bibliografica: o Insieme di metodi, procedure e attività per selezionare e descrivere documenti e accedere al loro contenuto. 2. Caratteristiche della ricerca bibliografica: o Dinamica: sincronia (analisi contestuale), diacronia (fasi e operazioni successive), reticolarità (connessione di fonti diverse), flessibilità (varie modalità di fruizione), serendipità (scoperta non cercata). 3. Fasi della ricerca bibliografica: o Definizione dell'oggetto e dell'ambito della ricerca. o Determinazione dei parametri di ricerca. o Individuazione degli strumenti necessari (fonti primarie, secondarie, terziarie). 4. Fonti primarie: o Enciclopedie (generali e tematiche), repertori bibliografici e biografici, dizionari e atlanti linguistici. 5. Fonti secondarie: o Cataloghi (accesso ai documenti in biblioteche/archivi), OPAC (cataloghi elettronici), bibliografie (elencano documenti in base a criteri concettuali). 6. Tipologie di bibliografie: o Autonome o non autonome, generali o speciali, internazionali/nazionali/locali, retrospettive o correnti, segnaletiche/analitiche/critiche/descrittive. 7. Fonti editoriali e commerciali: o Cataloghi editoriali online. 8. Fonti relazionali: o Aggiornamento bibliografico tramite reti e canali informativi. 9. Risorse elettroniche: o Database, motori di ricerca, directories, portali. 37 10. Procedure di ricerca: o Ricerca per parola (base o avanzata con operatori booleani: AND, OR, NOT). o Scorrimento di liste alfabetiche. o Navigazione ipertestuale. 11. Valutazione delle fonti e dei documenti: o Griglia di Whittaker per valutazione (utenza, autorialità, autorevolezza, pertinenza, ampiezza, copertura, data di pubblicazione, organizzazione delle informazioni, leggibilità). agenzie bibliografiche e la cooperazione: 1. Controllo bibliografico universale (UBC): o Nel 1929, il I congresso mondiale delle biblioteche e di bibliografia propone il deposito legale delle pubblicazioni e la redazione delle bibliografie nazionali. o Nel 1958, il simposio delle biblioteche nazionali in Europa conferma l'importanza delle biblioteche nazionali e di cataloghi comuni. o Nel 1987, l'IFLA crea l'UBCIM per coordinare standard per il controllo e lo scambio internazionale di dati bibliografici. 2. Controllo bibliografico in Italia: o Basato sul controllo bibliografico nazionale, con la Biblioteca Nazionale e il deposito legale. o La Biblioteca Nazionale Italiana (BNI) e il Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) sono centrali nella gestione della bibliografia nazionale. 3. Tendenze dell’UBC: o Universale inteso come controllo e scambio di informazioni bibliografiche globali. 4. Bibliografie nazionali: o Raccolgono il patrimonio culturale di un paese. 5. Tipologie di biblioteche nazionali: o Correnti: elencano le pubblicazioni regolarmente, supportate da leggi sul deposito legale. o Secondarie: aggregano le bibliografie correnti. o Retrospettive: ricostruiscono le pubblicazioni passate fino alle prime stampe. 6. Finalità delle biblioteche nazionali: o Fonte di informazioni per bibliotecari, editori e librai. 7. Bibliografia Nazionale Italiana (BNI): o Repertorio delle opere pubblicate in Italia, basato sul deposito legale alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. 8. Cooperazione e reti bibliotecarie: o Focus su cataloghi collettivi, circolazione dei documenti e gestione delle raccolte. 9. Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN): o La più vasta rete bibliotecaria italiana, mira a fornire un catalogo collettivo accessibile a tutti i cittadini. 10. Il catalogo e i servizi: o Il catalogo SBN è automatizzato e disponibile online per facilitare l'accesso e la gestione delle informazioni bibliografiche. 40 Cap. 3 Il canone bibliografico del ‘400 1. Circuiti librari nel XIV secolo: - Distinti e autonomi per diversa finalizzazione: istituzionale delle università, privato di singoli studiosi come Petrarca. - Rete di scambi d'informazione libraria attraverso raccolte epistolari. 2. Canone bibliografico umanistico: - Formulato da Guarino Veronese nel XV secolo per la corte di Ferrara. - Selezione dei classici dell'umanesimo, esclusione di opere giuridiche, teologiche e in volgare. 3. Canone bibliografico di Niccolò V: - Redatto da Tommaso Parentucelli nel 1436-37 su richiesta di Cosimo Medici per la biblioteca di S. Marco. - Predominanza di testi biblici, teologici e filosofici. 4. Intensificazione dell'informazione libraria dal 1450: - Facilità di viaggi e aumento delle comunicazioni. - Rivoluzione della stampa e organizzazione produttiva imprenditoriale. 5. Nuovi strumenti di informazione libraria: - Prospetti, volantini, bollettini per pubblicizzare opere. - Cataloghi per tenere aggiornati gli studiosi sui nuovi libri. 6. Testimonianze di informazione libraria: - Risposta di Andrea Bussi del 1470 a Francesco Filelfo su libri pubblicati a Roma. - Lista di libri stampati del 1477 di Marco Roma. - "Libri graeci impressi" del 1498 di Aldo Manuzio. Cap. 4 canoni bibliografici del '500: Johann Tritheim (1462-1516): - Abate di Spanheim, nel 1494 compilò il "Liber de scriptoribus ecclesiasticis". - Organizzato cronologicamente con un indice alfabetico per autori. - Include autori non solo ecclesiastici, mostrando un'influenza umanistica. - Critiche per lacune nella documentazione e difficoltà nel reperimento dei libri. Nevizzano: - Nel 1522 pubblicò "Inventarium librorum in utroque iure hactenus impressorum". - Catalogo di libri di diritto canonico e civile, basato su ricerche dirette in biblioteca. Champier: Introdusse il primo repertorio medico, con biografie cronologiche di studiosi delle scienze mediche. 41 Gesner (1516-1565): - Nel 1545 pubblicò "Bibliotheca universalis", una enciclopedia culturale trilingue. - Contiene circa 12,000 opere segnalate, con dettagliate informazioni su autori e opere. - Sistematizzazione e inclusione di informazioni tipografiche, formati e prezzi. - Invitò a continuare il suo lavoro per affrontare la sovra-produzione di opere di scarso valore. Conseguenze negative della stampa: Problema della sovra-produzione di opere di basso valore, rilevato da Gesner. Index librorum prohibitorum: - Nel 1559 Paolo IV Carafa pubblicò l'Index, proibendo opere e autori rifiutati. - Inclusa la "Bibliotheca universalis" di Gesner tra le opere proibite. Antonio Possevino: - Nel 1593 pubblicò "Bibliotheca Selecta", risposta ideologica all'opera aperta di Gesner. - Stabilì un programma pedagogico con una gerarchizzazione del sapere in 18 libri. Cataloghi nazionali: - In Inghilterra, John Bale nel 1548 pubblicò un repertorio bio-bibliografico anti- cattolico. - Andrew Maunsell nel 1595 con il "Catalogue of English printed books" salvò la produzione libraria protestante. Cataloghi di vendita: - Utilizzati per la commercializzazione dei libri, come quelli delle fiere di Francoforte e Lipsia. - Divisi per materie e caratteri tipografici, facilitando la scelta degli acquirenti. 42 Cap. 5 Bibliografie tra biblioteche e giornali letterari nel ‘600 Contesto Ideologico e Culturale (1550-1600): - Emergenza di modelli contrastanti di diffusione culturale: laica vs. dogmatica. - Conflitto ideologico caratterizzato da coercizione violenta. Sviluppo delle Biblioteche nel XVII secolo: - Pubblicazioni significative come l'Apparatus Sacer di Possevino (1603) e De scriptoribus ecclesiasticis di Bellarmino (1613) rafforzano il carattere ideologico istituzionale. - Fondazione della Biblioteca Ambrosiana da parte di Federico Borromeo nel 1609, aperta al pubblico con restrizioni sulla specializzazione nelle letterature classiche e orientali. - Apertura della Bodleian Library a Oxford nel 1602 e della biblioteca di padre Angelo Rocca a Roma nel 1605. Contributi di Gabriel Naudè: Advis pour dresser une bibliotheque (1627) di Naudè promuove la biblioteca come servizio pubblico, critica la chiusura ideologica e promuove l'accesso universale alla conoscenza. Risposte ortodosse: Opere cattoliche come la Bibliotheca scriptorum Societatis Jesu (1676) di Ribadeneira e Alegambe enfatizzano la diffusione missionaria attraverso autori specifici. Sviluppo dei Cataloghi e Repertori: - Philippe Labbè nel XVII secolo sviluppa un repertorio di repertori per facilitare l'accesso alle informazioni bibliografiche. - Daniel Georg Morhof (1688) con Polyhistor introduce un metodo critico nella storia letteraria. Emergenza dei Giornali Letterari: Le Journal des Sçavans (1665), fondato da Denis de Sallo, segna l'inizio dei giornali letterari che informano il pubblico su novità editoriali e scientifiche. Cap. 6 Bibliografie di giornalisti, professori, librai nel ‘700 Contrapposizione tra Biblioteche e Giornali nel XVIII secolo: - Biblioteche: Viste come memoria pubblica che conserva informazioni su opere e autori del passato, evitando che cadano nell'oblio. Inizialmente in latino, ma progressivamente in lingue nazionali. - Giornali: Promuovono la conoscenza delle produzioni recenti e l'aggiornamento degli studi internazionali, in lingue nazionali per un pubblico più ampio. Accelerano la circolazione delle informazioni focalizzandosi sulla produzione editoriale nazionale. Giornali e Politica Ideologica: - Strumenti di diffusione di informazioni e idee nel contesto dello scontro tra lo stato assolutista e la Chiesa romana. - Da iniziative individuali a imprese collettive supportate dal potere statale, enfatizzando caratteristiche ufficiali. 45 Marco Santoro, Gianfranco Crupi, Lezioni di Bibliografia, Milano, Bibliografica, 2018 Cap. 1 La bibliografia - Studio delle finalità e delle procedure tecniche per creare strumenti repertoriali. - Elenco di notizie costruito secondo criteri vari e articolati. Impatto dell'invenzione della stampa a caratteri mobili (1453-55): Incremento inarrestabile delle informazioni stimola la riflessione su come renderle accessibili e gestibili. Sviluppo delle modalità di gestione delle informazioni dopo l'automazione: Esigenza di "confezionare" ed accorpare le informazioni per facilitare lo scambio dati. Potere della bibliografia: - Non solo raccolta ed elaborazione, ma anche selezione, giudizio e orientamento delle informazioni. - Le bibliografie esercitano potere politico-culturale, influenzate dal contesto storico e dalle inclinazioni dei compilatori. Caratteristiche comuni delle bibliografie: Non sono neutre ("super partes"), ma riflettono scelte politico-culturali e personali dei compilatori. Istituzionalizzazione del termine "bibliografia": Risale al XVII secolo, momento di consolidamento del concetto e della pratica bibliografica. Cap. 2 Documento • Definizione: Qualsiasi testimonianza sotto diverse forme, rappresentante un atto comunicativo in tutte le epoche della civiltà e coinvolgente uno o più soggetti. "Libro antico" e "libro moderno" • Libro antico: o Creato tramite processo tipografico manuale dalla metà del XV secolo fino ai primi decenni dell'Ottocento. o Caratterizzato da invenzioni che hanno modificato il processo produttivo: composizione, stampa e fabbricazione della carta. • Libro moderno: o Evoluzione tecnica, maggior standardizzazione e uniformità delle copie. 46 Parti costitutive del libro a stampa • Frontespizio: o Contiene dati bibliografici: autore, titolo, editore, luogo e data di edizione. • Antiporta: o Precede il frontespizio, con incisione in rame e talvolta indicazioni di autore, titolo, tipografo/editore, data e luogo di edizione. • Corredo iconografico: o Illustrazioni, tavole, capilettera che conferiscono valore estetico e commerciale alla pubblicazione. • Colophon: o Alla fine del libro, contiene dati identificativi essenziali: tipografo/editore, data, luogo e numero di stampa. Cap. 3 Documento digitale • Definizione: Informazione codificata numericamente in bit, memorizzata su supporti come hard disk, DVD, memory card, ecc. • Caratteristiche: o Manipolabilità: Modificabile, tagliabile, integrabile. o Flessibilità: Combinazione di diversi tipi di materiali informativi. o Duplicabilità: Riproducibile in formati e forme paratestuali diverse. Criticità del documento digitale • Contrastano con i principi della cultura gutenbergiana: o Autorialità: Problemi di attribuzione e autorità del documento. o Stabilità e inalterabilità del testo: Rischi di modifiche non autorizzate. o Autenticità e originalità: Difficoltà nel garantire l'unicità e l'originalità delle fonti digitali. Cap. 4 Catalogazione - Definizione: Procedura finalizzata a mettere in relazione i documenti di una biblioteca con i bisogni informativi dei lettori, evidenziando le loro caratteristiche significative. Caratteri fondamentali: o Storicità: La catalogazione tiene conto della storia dei documenti, includendo informazioni che riflettono il contesto e l'evoluzione nel tempo. o Strumentalità: È orientata alla funzionalità, mirando a rendere i documenti facilmente identificabili e accessibili per i lettori. Scopo del catalogo: o Comunicazione: Fornisce informazioni dettagliate su ogni documento per consentire la sua individuazione e il riconoscimento tra molti altri documenti all'interno della biblioteca. 47 Cap. 5 Abstract • Definizione: Rappresentazione abbreviata del contenuto di un testo, priva di elementi interpretativi o critici. • Applicazioni: Utilizzato principalmente in repertori specialistici, bollettini online, indici di riviste, informazioni su periodici e quotidiani, pratica di documentazione e cataloghi editoriali. • Scopo: Fornisce una visione complessiva del documento, consentendo all'utente di decidere se la lettura integrale è utile. Tipologie di Abstract 1. Indicativo: o Informazione essenziale e schematica sugli argomenti trattati. o Funziona come un indice o mappa dei contenuti. 2. Informativo: o Sintetico testo discorsivo che descrive gli aspetti principali del documento. 3. Indicativo-informativo: o Forma mista più utilizzata. o Combina notizie sulla struttura del testo con informazioni sul percorso elaborativo dell'autore. Elementi identificativi di una pubblicazione • Nome dell'autore • Titolo dell'opera • Luogo di edizione • Denominazione dell'azienda produttrice • Anno di pubblicazione Cap. 6 Classificazione Decimale Dewey (CDD) • Sviluppatore: Melvil Dewey (1851 – 1931), nel 1876. • Caratteristiche: o Schema di classificazione inizialmente pensato per ambienti bibliotecari. o Basato su 10 classi principali, suddivise in divisioni e sezioni per organizzare lo scibile. o Più volte modificato ed espanso nel corso degli anni. o Nelle biblioteche pubbliche spesso si utilizza un'edizione ridotta, meno dettagliata rispetto a quella completa. 50 Tommaso Gar (1807 – 1871, Italia): • Bibliotecario e direttore dell’Archivio Generale dei Frari. • Nel 1868 pubblicò "Letture di bibliologia", contribuendo alla biblioteconomia italiana. • Sostenne l’importanza della formazione professionale per i bibliotecari e l’evoluzione delle istituzioni bibliotecarie. Léopold August Constantin Hesse: • Nel 1839 coniò il termine "biblioteconomia" per indicare la gestione delle biblioteche. • Scrisse "Bibliothéconomie", trattato sull’organizzazione e l’amministrazione delle biblioteche. • Distinse tra bibliografia letteraria e bibliografia materiale, fornendo linee guida pratiche per i bibliotecari. Institut International de Bibliographie: • Fondato nel 1895 da Paul Otlet e Henri La Fontaine con supporto governativo. • Scopo di pubblicare un Repertorio bibliografico universale a schede. • Raccolti circa dieci milioni di schede in cinque anni, utilizzando bibliografie, cataloghi a stampa e schede bibliotecarie. • Progettata nel 1908 una biblioteca centrale internazionale, ma la Prima guerra mondiale e ostacoli tecnici e politici ne impedirono il completamento. • Introdusse il sistema di classificazione decimale universale, inizialmente descritto nel "Manuel du répertoire bibliographique universel" del 1905. • Nel 1931 si trasformò in Institut International de Documentation (IID), e nel 1937 in Federation International de Documentation (FID), fino alla chiusura nel 2002. Open access: • Movimento nato all'inizio del Duemila per facilitare l'accesso libero e senza restrizioni al sapere scientifico nei nuovi ambienti digitali. • Compatibile con la tutela della proprietà intellettuale e del diritto d'autore. • Due forme principali: creazione di depositi istituzionali pubblici e conversione di riviste tradizionali in formato elettronico. • Obiettivo di garantire l'accesso gratuito e irrevocabile per riprodurre, scaricare, distribuire e stampare le opere, rispettando la paternità intellettuale. • Contemporaneamente, si osservano segnali contrastanti di chiusura e privatizzazione della conoscenza, ma anche movimenti per la tutela dei beni comuni digitali della conoscenza. 51 Cap. 9 Information retrieval: • Insieme di metodi per rappresentare, ricercare e recuperare informazioni in archivi dati in modo automatico e selettivo. • Sovverte le modalità tradizionali statiche e gerarchiche di ricerca e rappresentazione delle notizie bibliografiche. • Basato su linguaggi di interrogazione variabili da sistema a sistema. Principali funzioni di ricerca: 1. Ricerca per parole: o Base: ricerca con un solo criterio (autore, titolo, soggetto, ecc.). o Avanzata: utilizza operatori booleani (AND, OR, NOT) per combinare termini di ricerca. o Operatori booleani: AND (restringe), OR (espande), NOT (esclude). o Uso di parentesi e virgolette per precisare la ricerca. o Carattere jolly per parole tronche (es. "narra" per "narrabile", "narrante", ecc.). 2. Scorrimento di liste alfabetiche: o Permette di scorrere cataloghi come dizionari, in ordine alfabetico o numerico. o Elenco alfabetico di nomi simili a quello ricercato, per ampliare la ricerca. 3. Navigazione ipertestuale: o Collega elementi di un record ipertestuale con altri record che condividono lo stesso elemento. Misurazione dell'efficacia: • Richiamo (recall): capacità di recuperare tutti i documenti rilevanti. • Precisione: capacità di recuperare solo i documenti pertinenti. Stili citazionali Norme per la redazione di citazioni bibliografiche, garantendo omogeneità e coerenza nelle informazioni e nei contenuti. Virtual Reference Desk (VRD) Bibliografie di bibliografie che ordinano fonti primarie e secondarie secondo tassonomie e percorsi di ricerca. Motori di ricerca e directories: • Motori di ricerca: programmi per ricercare, indicizzare, localizzare e recuperare informazioni in database digitali. • Directories: indici di siti web strutturati per soggetto con classificazione gerarchica, creati manualmente. 52 Web sommerso e invisibile: Contenuti non indicizzati dai motori di ricerca, come i cataloghi delle biblioteche. Motori di ricerca scientifici e specialistici: Indicizzano risorse accademiche e specifiche discipline della conoscenza. Cap. 10 Portali • Siti web che offrono accesso a servizi e risorse internet. • Nati per esigenze pubblicitarie e commerciali, ora organizzano servizi e contenuti. • Caratteristiche: o Personalizzazione dell'interfaccia e dei servizi. o Strumenti di comunicazione e ricerca. • Esempi: Yahoo!, Virgilio, Fastweb. Cap. 11 Fonti • Documenti che forniscono informazioni. • Categorie: o Fonti primarie: dati originali o informazioni di prima mano. o Fonti secondarie: descrivono, identificano, valutano e localizzano documenti primari. o Fonti terziarie: elenchi di fonti secondarie o strumenti che rimandano ad esse. Cap. 12 Bibliografie speciali • Repertori specializzati in ambiti disciplinari, artistici, professionali o culturali. • Principali fonti bibliografiche per informazione scientifica. Cap. 13 Banche dati (database) • Archivi elettronici con dati strutturati secondo modelli logici (relazionale, gerarchico, ecc.). • Consentono gestione dati tramite applicazioni software. • Tipologie: o Database fattuali: dati numerici, statistici, demografici. o Database bibliografici: schede uniformi di documenti con punti di accesso per la ricerca. o Database a testo completo: contengono il documento integrale oltre all'informazione bibliografica. 55 Cap. 2 Colture al bando Gli indici dei libri proibiti 1. Origini e necessità di una sistemazione bibliografica o Nel 16° secolo, l'aumento esponenziale della produzione editoriale portò alla necessità di un sistema di controllo più efficace. o Conrad Gesner nel 1545 pubblicò la "Bibliotheca Universalis", organizzando le opere per lingua (latino, greco, ebraico). 2. Nascita dell'Indice dei Libri Proibiti o Nel 1559, Paolo IV istituì il primo indice romano, gestito direttamente dall'Inquisizione, noto come l'Indice Paolino. o Strutturato in ordine alfabetico, diviso in tre gruppi: autori non cattolici, opere specifiche, categorie generali. 3. Reazioni e revisioni o Il rigore dell'Indice Paolino provocò proteste tra librai, città come Venezia e Firenze e letterati, anche all'interno della Chiesa come i gesuiti. o Pio IV (Gian Angelo dei Medici) nel 1564 revisionò l'indice, limitando le opere proibite a quelle con contenuti eretici e restituendo il potere censorio ai vescovi. 4. Indici spagnoli o In Spagna, il primo indice nel 1551 riprese quello di Lovanio del 1550; nel 1559, sotto Fernando de Valdés, fu istituito l'indice generale per l'Inquisizione spagnola, meno severo di quello romano, con una maggiore censura per opere mistico-pietistiche. o Nel 1584, fu pubblicato il primo indice spagnolo con l'espurgazione dei testi. 5. L'Indice Tridentino e successivi o L'Indice Tridentino del 1564 non cambiò significativamente le opere censurate ma riformò le norme generali, stabilendo un equilibrio di potere tra vescovi e Inquisizione. o Rimase in vigore fino al 1596 quando Clemente VIII presentò l'Indice Clementino, che rifletteva compromessi tra le fazioni più rigide e moderate della Chiesa. 56 Letture proibite 1. Impatto culturale e sociale o Nella seconda metà del 16° secolo, l'applicazione delle norme contro l'eresia ebbe effetti diffusi su tutti i campi culturali e sociali. o L'uso dell'espurgazione ridusse in modo subdolo il contenuto dei testi, depotenziandone la vitalità e l'originalità. 2. La questione della Bibbia o Il dibattito sull'ammissione della lettura della Bibbia in volgare portò alla sua eliminazione dalle letture ammesse. o Questo riflette un irrigidimento crescente riguardo alle letture popolari in lingua volgare. 3. Casi esemplari o Opere come il Canzoniere di Petrarca e il Decameron di Boccaccio furono svuotate e distorti nel loro significato. o Questo abuso venne considerato un vero e proprio assassinio delle opere originali. 4. Conseguenze per gli editori o I grandi editori furono costretti a pubblicare solo opere devozionali per sopravvivere, causando il declino di prestigiose editorie come quella veneziana. Censura e lettura popolare 1. Crescita della lettura popolare o Verso il 1540, la produzione di libri aveva raggiunto livelli record, stimolata dalla diffusione della stampa. o Il movimento riformato utilizzò libri religiosi in volgare per influenzare la popolazione, sfruttando il desiderio diffuso di lettura. 2. Impatto sull'istruzione o La stampa contribuì alla diffusione di forme di insegnamento di base, promuovendo l'alfabetizzazione tra vari strati della società. 3. Declino della lettura popolare o Nella seconda metà del XVI secolo, il fenomeno della crescita della lettura popolare si attenuò, con un ritorno verso metodi educativi tradizionali. 4. Aspirazioni alla lettura o I verbali inquisitoriali testimoniano le aspirazioni alla lettura tra la popolazione, anche se spesso gli accusati affrontavano processi incomprensibili a causa delle accuse formulate contro di loro. 57 La scienza 1. Controllo della produzione scientifica o Dopo la grande repressione dell'eresia, anche la produzione scientifica fu soggetta al controllo dei censori. o Questo portò a disagi significativi, come la difficoltà nell'acquisire materiali indispensabili per l'università, con blocchi di opere provenienti da diverse regioni. 2. Restrizioni nel campo medico o Nel campo medico, ad esempio, opere scientifiche aggiornate provenienti dalla Germania erano bloccate dai censori, anche senza comprendere il contenuto, a causa di sospetti sul luogo di stampa. 3. Repressione nel 16° secolo o Verso la fine del 16° secolo, iniziò un'azione massiccia contro le opere scientifiche, soprattutto quelle che proponevano teorie come l'eliocentrismo, contrarie alla spiegazione ufficiale della chiesa cattolica sui fenomeni naturali. 4. Proibizione delle opere eliocentriche o Dopo il 1615, con l'uscita a Napoli della "Lettera sopra l’opinione dei Pitagorici e del Copernico", la Chiesa cominciò a proibire tutte le opere che promuovevano l'eliocentrismo, considerato eretico. 5. Processo a Galileo Galilei o Il processo a Galileo Galilei rappresentò un avvertimento per chiunque volesse sostenere teorie scientifiche non conformi alla dottrina ufficiale. o Sebbene la lettura di queste opere non fosse completamente vietata, ciò portò a un decadimento nel sostegno e nello sviluppo delle discipline scientifiche. Cap. 3 I limiti della censura Dopo l’indice clementino 1. Indice Clementino del 1596 o Rappresentò l'apice della repressione della Chiesa di Roma contro la produzione letteraria e segnò un cambiamento nei suoi atteggiamenti. o Suscitò resistenze in Italia, come quella del duca di Savoia e di Venezia, che riuscì a ottenere un concordato per mantenere la supremazia statale sulla Chiesa. 2. Implementazione e rispetto dell'indice o Dopo la pubblicazione, la Chiesa fece sforzi per far rispettare l'indice clementino, potenziando la congregazione dell'Indice sotto Clemente VIII e rinforzando la rete periferica di controllo. 60 5. Inizio della tolleranza o Durante questo periodo di inizio tolleranza, emerse nel 1644 la prima opera del poeta John Milton, che affermava la necessità della libertà di stampa. o Questo segnò un primo passo verso una maggiore apertura nei confronti delle opere proibite e delle idee non conformi al regime censorio. Cap. 4 Assolutismo e censura Verso la prevalenza della censura di stato 1. Conflitto tra stato e chiesa nel 17° secolo o Nel 17 secolo, il conflitto tra stato e chiesa vide il prevalere delle ragioni dello stato sulla chiesa. o Tuttavia, ciò NON ridusse la capacità di controllo culturale della chiesa di Roma, anche se l'inquisizione romana mostrava segni di declino sotto Alessandro VIII. 2. Limitazioni all'azione dell'inquisizione o In Italia, le tensioni anticuriali cominciarono a limitare l'efficacia dell'inquisizione. o Le monarchie assolutistiche del 600 favorirono la creazione di un sistema censorio statalizzato che escludeva l'intervento di altri soggetti. 3. Sistema censorio in Francia o In Francia, Richelieu e Colbert svilupparono un sistema censorio centralizzato. o Dal 1623, tutta la stampa era soggetta alla sorveglianza reale, escludendo l'Università della Sorbona. o 4 censori ufficiali esaminavano i libri profani, controllati esclusivamente dal Sigillo. 4. Complesso apparato burocratico o Il sistema censorio francese si perfezionò con l'abate Bignon, mirando a ridurre il numero di librai e limitare le importazioni. 5. Crescita della produzione libraia o Nonostante i tentativi, la crescita continua della produzione libraia rendeva difficile un controllo efficace, permettendo l'accesso a materiale che altrimenti sarebbe stato proibito. 6. Statalizzazione della censura in Italia o Negli stati italiani, tranne Venezia, il processo di statalizzazione della censura fu più lento, completandosi solo nel Settecento. o Il ducato di Savoia, con Maria Cristina nel 1648, ottenne un ruolo paritario dello stato rispetto alla Chiesa. 61 7. Nuovo clima in Italia o Nella metà del 700, l'Italia iniziava a respirare un clima di trasformazione simile agli altri stati europei. o La chiesa si trovò in difficoltà e durante il pontificato di Benedetto XIV si adeguò al nuovo clima, avviando nel 1758 una radicale revisione dell'Indice dei Libri Proibiti per renderlo più adatto ai tempi. Il mercato clandestino 1. Noia verso le norme ufficiali o Nella seconda metà del 700, c'era un crescente disinteresse verso le opere ufficiali, suscitando noia e repulsione tra i lettori. 2. Mercato clandestino o Il rafforzamento delle censure di stato favorì la crescita di un mercato clandestino fiorente, che cercava alternative alla produzione e distribuzione legali. o I grandi librai evitarono rischiando di partecipare, mentre i marginali trovarono nel libro proibito un'opportunità per prosperare. 3. Organizzazione del sistema clandestino o Il sistema clandestino aveva una struttura complessa, particolarmente sviluppata in Francia. o Gli agenti clandestini rispondevano alle richieste del pubblico, mentre i mercanti ambulanti distribuivano libri proibiti in tutta Europa, con il Colporteur come figura di spicco. 4. Crisi del commercio libraio tradizionale o Verso la fine del 18° secolo, si registrò una grave crisi nel commercio libraio tradizionale, mentre il mercato clandestino prosperava. 5. Italia o In Italia, il commercio clandestino non raggiunse le stesse dimensioni di quello europeo, ma individui singoli importavano opere dalla Francia nella loro lingua originale. 62 Permessi taciti e false date 1. Concorrenza tra mercato legale e illegale o La lunga rivalità tra mercato legale e clandestino ha portato le censure ufficiali a adottare frequenti espedienti per eludere le norme troppo rigide che esse stesse avevano imposto. 2. Falsi luoghi di edizione o Sui frontespizi dei libri venivano apposti falsi luoghi di edizione x separare la responsabilità del governo da quella degli autori. o Approvare libri con contenuti potenzialmente problematici avrebbe potuto avere conseguenze politiche e commerciali indesiderate. 3. Permessi taciti o Venivano concessi permessi taciti per libri che erano ufficialmente proibiti ma considerati necessari per il loro contenuto. o Nel tempo, questo sistema dei permessi taciti si consolidò, coesistendo con i permessi regolari emanati ufficialmente. Lumi, censura e libertà di stampa 1. Contesto storico o Il dibattito sulla libertà di stampa alla vigilia della Rivoluzione Francese fu più vivace in Francia che in Italia. o In Italia, la responsabilità censoria era ancora oggetto di discussione, se dovesse essere dello stato o della chiesa. 2. Giustino Febronio o Giustino Febronio, vescovo tedesco, criticò duramente la Chiesa, sostenendo che i libri non dovevano essere proibiti per eresia, ma per motivi politici della curia. 3. Illuminismo e libertà di stampa o Nel pieno del secolo dei lumi, la difesa della libertà di stampa divenne essenziale, sia per la Chiesa che per gli stati. o I letterati sostenevano che la sovranità doveva esprimersi attraverso l'opinione pubblica, che doveva essere educata tramite la libertà di stampa. 4. Filangieri e il tribunale dell'opinione pubblica o Il pensatore italiano Filangieri fu tra i principali sostenitori della libertà di stampa come strumento educativo. o Nacque il concetto del "tribunale dell'opinione pubblica", superiore agli altri poteri (stato e chiesa), diventando il terzo potere dell'epoca. 5. Spazi pubblici di discussione o In tutta Europa furono istituiti spazi pubblici per il dibattito, facilitato anche dalla crescente diffusione dei giornali. o Questi spazi permettevano discussioni su scienza, politica e religione, alimentando un dibattito vivace e continuo.
Docsity logo


Copyright © 2024 Ladybird Srl - Via Leonardo da Vinci 16, 10126, Torino, Italy - VAT 10816460017 - All rights reserved