CARATTERISTICHE IDROLOGICHE DI UN'AREA, Appunti di Idraulica. Università degli Studi di Roma La Sapienza
valentina-bellusci-1
valentina-bellusci-1

CARATTERISTICHE IDROLOGICHE DI UN'AREA, Appunti di Idraulica. Università degli Studi di Roma La Sapienza

DOCX (352 KB)
1 pagina
29Numero di visite
Descrizione
Il documento permette la definizione delle caratteristiche idrologiche di un'area, ossia come si esegue un'analisi pluviometrica
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima1 pagina / 1
Scarica il documento

1. Analisi delle caratteristiche idrologiche di un’area e studio dei parametri pluviometrici Il consumo del suolo e più precisamente l’impermeabilizzazione che ne consegue, ha una significativa influenza sulle risorse idriche, che può tradursi in cambiamenti in quelli che sono gli equilibri a livello di bacino idrografico. La capacità di un suolo di immagazzinare acqua dipende da un’ampia gamma di fattori, quali la tessitura, la granulometria, il contenuto in sostanza organica, la struttura, lo spessore, lo stato idrico in cui il suolo stesso si trova al momento delle precipitazioni e la variabilità con la profondità di tutte queste proprietà. L'impermeabilizzazione del suolo consiste nel ricoprimento dei suoli da edifici, costruzioni e strati di materiale completamente o parzialmente impermeabili artificiali (asfalto, cemento, ecc), ed è la forma più intensa di consumo di suolo. Tale processo, essenzialmente irreversibile, se non impedisce, diminuisce drasticamente la capacità dell’acqua di infiltrarsi nel suolo, riducendone l’evapotraspirazione ed aumentando il deflusso superficiale, modificando così l’equilibrio idrico naturale. Questo fatto, oltre a comportare uno scompenso di carattere idraulico e un depauperamento locale delle falde sotterranee, può provocare alterazioni di carattere fisico e chimico dei corpi idrici ricettori a causa delle sostanze dilavabili sulle superfici urbanizzate.

1.1 Caratteristiche e misurazione delle precipitazioni

La distribuzione nel tempo e nello spazio delle precipitazioni è assai variabile: durante uno stesso evento meteorico, l’entità e la durata delle piogge può variare anche a distanza di pochi chilometri. In linea generale, la piovosità cresce con l’altitudine e decresce con la distanza dalle coste marine; i fattori che però concorrono a generare una precipitazione, sono molto numerosi: la temperatura dell’aria, l’umidità e la pressione atmosferica, la radiazione solare, il vento ed i processi fisici che intercorrono tra questi.

1. Caratteristiche di una precipitazione

Una precipitazione può essere definita in base a tre caratteristiche fondamentali:

• altezza di precipitazione;

• durata di precipitazione;

• intensità di precipitazione.

L’altezza di precipitazione, h, è lo spessore dello strato d’acqua che rimarrebbe al suolo se non vi fosse scorrimento, infiltrazione ed evaporazione. L’unità di misura adottata convenzionalmente per le misure idrologiche è il millimetro, mm, che permette la quantificazione di un evento meteorologico a prescindere dalla superficie su cui esso viene misurato.

La durata di precipitazione, t, è il tempo che intercorre fra l’inizio e la fine di un singolo evento meteorico. Esso è indicato in minuti per le precipitazioni inferiori ad un’ ora, in ore per quelli di durata superiore.

L’intensità di precipitazione, j, è il rapporto tra una determinata altezza di precipitazione, h, ed il tempo, t, in cui essa si verifica, la cui espressione avviene mediante la relazione:

non sono stati rilasciati commenti
Scarica il documento