Domande Statistica Economica, Domande di esame di Statistica Economica. Università Telematica Pegaso

Domande Statistica Economica, Domande di esame di Statistica Economica. Università Telematica Pegaso

4 pagine
6Numero di download
279Numero di visite
1Numero di commenti
Descrizione
4 pagine di domande per l'esame di Statistica Economica
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 4
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento

TRA LE FONTI DI DOCUMENTAZIONE DELLA STATISTICA ECONOMICA TROVIAMO: i censimenti, le indagini e le rilevazioni varie TRA I COMPITI DELL’ISTAT RIENTRANO: tutte le voci precedenti NEL SISTAN RIENTRANO: tutti gli uffici di statistica di regioni, amministrazioni dello stato, comuni, ASL e camere di commercio IL PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE È: triennale I NUMERI INDICI RAPPRESENTANO: uno strumento per lo studio nel breve periodo delle fluttuazioni dei prezzi e delle produzioni LE FORMULE DI LASPEYRES, PAASCHE E FISHER SONO: formule utilizzate nella costruzione dei numeri indici dei prezzi e delle quantità QUALI DELLE SEGUENTI AFFERMAZIONI RELATIVAMENTE AGLI INDICI A CATENA È VERA: l’indice incorpora tutte le variazioni economiche verificatesi nel periodo in esame LA COSTRUZIONE DEI DEFLATORI RISPONDE ALL’ESIGENZA DI: determinare i tassi di equivalenza del potere di acquisto o parità di potere di acquisto (PPA) I METODI PIÙ NOTI PER CALCOLARE LA PARITÀ DI POTERE D’ACQUISTO SONO: Il metodo proposto da Geary e Khamis ed il metodo proposto da Gerardi LE SERIE STORICHE SONO: sequenze di osservazioni effettuate nella successione dei periodi di tempo L’APPROCCIO CLASSICO MUOVE DAL PRESUPPOSTO CHE: le singole osservazioni siano le risultanti dell’azione combinata di movimenti non direttamente osservabili SECONDO L’APPROCCIO TRADIZIONALE LE GRANDEZZE OSSERVATE SONO SCOMPONIBILI IN: una componente sistematica ed una componente irregolare o aleatoria IN BASE AL TIPO DI APPROCCIO I METODI DI PREVISIONE SI DISTINGUONO: estrapolativo, proiettivo e normativo L’APPROCCIO PROIETTIVO: punta a prefigurare risultati al verificarsi di determinati eventi IL PROCESSO STOCASTICO DEVE ESSERE: stazionario, gaussiano, ergodico ed invertibile IN UNA SERIE TEMPORALE: vi è autocorrelazione globale quando i valori al tempo t della variabile considerata risultano correlati positivamente o negativamente con i valori al tempo t+1 IL SISTEMA DI LEONTIEF PUÒ ESSERE IMMAGINATO COME SOLUZIONE DI UN PROBLEMA DI: massimizzazione dell’output e minimizzazione dei costi dei fattori LA TAVOLA INPUT-OUTPUT SI DIVIDE NELLE SEGUENTI SEZIONI: branche produttive, risorse primarie e impieghi finali LA RILEVAZIONE DEI CONSUMI INTERMEDI RICHIEDE INFORMAZIONI DETTAGLIATE PER CONSENTIRE: la ripartizione dei costi di produzione per branca di origine LE TAVOLE INTERSETTORIALI RAPPRESENTANO UN O STRUMENTO ESSENZIALE PER: assicurare la coerenza delle stime contabilità nazionale I COEFFICIENTI SI DICONO “TECNICI” SE: le grandezze sono espresse in unità fisiche OGNI COLONNA DELLA MATRICE DEI COEFFICIENTI DI FABBISOGNO DIRETTO DEGLI INPUT PRIMARI ESPRIME: gli input primari per unità di prodotto impiegati in ciascuna attività di produzione

L’INDICATORE WI CONSENTE DI ESPRIMERE L’INTENSITÀ DEI COLLEGAMENTI: a valle di ciascuna branca IN CASO DI TRANGOLARIZZAZIONE PERFETTA IL PROCESSO PRODUTTIVO È: perfettamente lineare LA RILEVAZIONE DELLE FORZE DI LAVORO AVVIENE: trimestralmente su base campionaria I SOTTOCCUPATI SONO: coloro che hanno lavorato un numero di ore inferiore a quello abituale TRA FORZE DI LAVORO, POPOLAZIONE ATTIVA E POPOLAZIONE IN CONDIZIONEPROFESSIONALE VENGONO FATTE DISTINZIONI: nelle statistiche ufficiali IL POTENZIALE DI LAVORO DISPONIBILE INDICA: coloro che, in un dato momento, posseggono i requisiti fisici e giuridici per svolgere un’attività produttiva IL CONCETTO DI CAPITALE UMANO FA RIFERIMENTO: alla capacità di un soggetto di produrre reddito IL CAPITALE UMANO PUÒ ESSERE: tangibile ed intangibile LA STATISTICA ECONOMICA È IMPEGNATA: nella ricerca di metodologie e modelli di riferimento e nell’elaborazione e gestione di sistemi di dati e di indicatori GLI OBIETTIVI DEL SISTAN SONO: ridurre duplicazioni e incongruenze e razionalizzare le statistiche I NUMERI INDICI SI CLASSIFICANO IN: semplici, complessi, sintetici,compositi I NUMERI INDICE CHE METTONO A CONFRONTO L’INTENSITÀ DI UNO STESSO FENOMENO IN DUE O PIÙ SITUAZIONI DIVERSE SONO: i numeri indici semplici LE FASI DI COSTRUZIONE DEI NUMERI INDICI SONO: scelta delle grandezze,della base,del criterio di aggregazione,del sistema di ponderazione QUALE DELLE SEGUENTI AFFERMAZIONI È VERA: l’indice di Laspeyres è un indice a base fissa mentre quello di Paasche è a ponderazione variabile LA DEFLAZIONE CONSISTE NEL: depurare gli aggregati monetari correnti, riferiti a tempi diversi, dagli effetti derivanti dalle variazioni dei prezzi LA DEFLAZIONE DIRETTA CONSISTE NEL: ricalcolare anno per anno gli aggregati moltiplicando i prezzi unitari dell’anno base per le quantità dei singoli anni considerati I DAZI DOGANALI ED I COSTI DI TRASPORTO INFLUENZANO: I prezzi interni all’ingrosso ed al consumo I MODELLI DI TIPO ADDITIVO, MOLTIPLICATIVO O MISTO SERVONO A: individuare le relazioni tra le singole componenti di una serie storica I CICLI ECONOMICI SONO CARATTERIZZATI DA: una fase di espansione seguita da una fase di contrazione SULLA BASE DEI DATI GREZZI ALCUNE INFORMAZIONI IMMEDIATE SULL’ANDAMENTO DEL TREND-CICLO SI POSSONO OTTENERE: confrontando fra loro il dato corrente e quello dello stesso periodo dell’anno precedente PER ESTENDERE I RISULTATI A TUTTA LA POPOLAZIONE È NECESSARIO CHE IL CAMPIONE SIA DI TIPO: probabilistico LA PROCEDURA DI BOX E JENKINS PREVEDE:

analisi preliminare, identificazione, stima e verifica IL PROCESSO STOCASTICO IDENTIFICA: una famiglia di variabili casuali ordinate secondo il tempo IL VALORE AGGIUNTO AI PREZZI DI MERCATO PMYJ È PARI ALLA: somma del costo dei fattori, imposte indirette al netto dei contributi alla produzione LE FASI PER IL COMPUTO DELLA TAVOLA DI INPUT-OUTPUT SONO: cinque IL COEFFICIENTE DI SPESA INDICA: quante unità monetarie relative allo stesso bene sono necessarie per produrre una unità monetaria della branca j IL CALCOLO DEGLI INDICI DI INTEGRAZIONE SETTORIALE CONSENTE DI: definire gli ambiti entro cui si propagano gli impulsi attivati dai singoli settori IL VALORE DEL CAPITALE UMANO SI ACCRESCE PER EFFETTO: dell’istruzione e dell’addestramento LA STATISTICA ECONOMICA: è la scienza che studia i fenomeni economici con l’ausilio di degli strumenti statistici I NUMERI INDICI DELLE PRODUZIONI E DEI PREZZI SONO UTILIZZABILI PER: confrontare nel tempo aggregati espressi in moneta corrente IL CRITERIO DELLA DOPPIA DEFLAZIONE CONSISTE NEL: esprimere in termini reali gli aggregati che costituiscono il saldo L’IMPOSTAZIONE MATRICIALE DELLA TAVOLA DI INPUT-OUTPUT RENDE POSSIBILE LA REGISTRAZIONE DEI FLUSSI: operando indifferentemente per riga o per colonna NELLA MATRICE DEI COEFFICIENTI DI FABBISOGNO DIRETTO DEGLI INPUT DI PRODUZIONE INTERNA OGNI SUA COLONNA INDICA: indica l’ammontare delle merci di origine interna richiesto direttamente dalla produzione unitaria della branca j IL PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE: Delinea le attività di interesse pubblico da realizzare LA DEFLAZIONE PUÒ ESSERE: Diretta,indiretta e doppia IL METODO ESTRAPOLATIVO: si basa sull’invarianza dell’andamento delle variabili del modello nel corso del tempo. IL METODO DEGLI SCENARI PUNTA AD INDIVIDUARE: un insieme di futuri plausibili determinati dall’evolversi delle variabili chiave LA LETTURA DELLA TAVOLA DI INPUT-OUTPUT NEL SENSO DELLE RIGHE PERMETTE DI ANALIZZARE: la produzione delle varie branche secondo la loro destinazione IL VALORE AGGIUNTO AL COSTO DEI FATTORI CFYJ È PARI: alla somma di salari, oneri sociali, altri redditi ed ammortamenti ATTRAVERSO L’EQUAZIONE DI BILANCIO SI ANALIZZANO: le produzioni delle varie branche secondo i rispettivi impieghi I PREZZI DÉPART-USINE O EX FABRICA SONO COMPRENSIVI ANCHE: delle imposte indirette sulla produzione o sul primo scambio PER OPERARE LA DEFLAZIONE È NECESSARIO DISTINGUERE I CASI DI: grandezze monetarie, di flussi finanziari e di saldi contabili NELLA FORMAZIONE DELLE SERIE È FONDAMENTALE: individuare periodi caratterizzati da una situazione ambientale quanto più possibile uniforme e omogenea LA DESTAGIONALIZZAZIONE CONSISTE NEL: depurare le serie rilevate dalle distorsioni dovute ad elementi stagionali

L’ELABORAZIONE DI STIME TRIMESTRALI DI CONTABILITÀ NAZIONALE PUÒ ESSERE EFFETTUATA IN BASE A MOLTEPLICI METODOLOGIE: approccio diretto ed approccio indiretto LA TRIANGOLARIZZAZIONE CONSISTE NELLO: spostare righe e colonne in modo che i valori prossimi allo zero siano al di sopra della diagonale principale IL METODO DELPHI CONSISTE NEL: sottoporre individualmente ai componenti di un gruppo di esperti i quesiti oggetto di valutazione IL CAPITALE UMANO CORRISPONDE: alla quota di popolazione, tra i 15 e 65 anni, che partecipa al processo di produzione SONO FONTI DELLA STATISTICA ECONOMICA: la teoria dei numeri indici e delle serie storiche QUALE DELLE SEGUENTI AFFERMAZIONI E’ VERA: secondo l’approccio economico il soggetto reagisce alle variazioni dei prezzi dei beni modificando le quantità di beni acquistati LE FORZE DI LAVORO COMPRENDONO: gli occupati e le persone in cerca di occupazione L’APPROCCIO PROIETTIVO: punta a prefigurare risultati al verificarsi di determinati eventi IL PROBLEMA DEI CONFRONTI INTERNAZIONALI, TRAE ORIGINE DAI LIMITI E DALLE DISTORSIONI DERIVANTI DALL’IMPIEGO DEI: tassi di cambio ufficiali delle monete GLI STRUMENTI DI INDAGINE NELLO STUDIO DELLE FLUTTUAZIONI SONO: I metodi di analisi delle serie economiche temporali SE LE COMPONENTI DI UN NUMERO INDICE SONO TUTTE DELLA STESSA SPECIE DEFINIAMO: I numeri indici sintetici

Ciao, sei stato gentile a condividere questi documenti. Ho però una domanda: in questo schema ci sono più domande rispetto a quelle previste nei test di autovalutazione delle Videolezioni per l esame di statistica 12 crediti. Da dove provengono? Sono solo riportate in diverso ordine o effettivamente ve ne sono di aggiuntive? Grazie per rispondermi presto.
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento