evakantt

Chi mi spiega cos'è una lite temeraria e la laudatio actoris?

Grazie

Aggiungi un commento

0%

5 risposte

grangiuri

Ciao Eva! [:)] E' temeraria la lite proposta senza adoperare quel minimo di diligenza che avrebbe dovuto portare ad una seria valutazione circa l'effettiva fondatezza della pretesa fatta valere in giudizio. Esempio: Non ricordando se Tizio ha effettivamente pagato il corrispettivo per un servizio da me fornitogli alcuni mesi fa, anziché effettuare una previa verifica circa l'effettiva corresponsione delle somme dovute, ricorro immediatamente all'Autorità Giudiziaria domandando l'emissione di un decreto ingiuntivo. La lite temeraria è fonte di responsabilità ex art. 96 cpc. Si ha laudatio auctoris quando il convenuto, negando in toto di essere parte del rapporto sostanziale dedotto in giudizio, individua in un terzo soggetto colui che dovrebbe subire gli effetti di un eventuale soccombenza in giudizio. Esempio: Il giorno 1 gennaio 2010 Tizio, mentre sta attraversando le strisce pedonali, viene investito dall'autovettura di proprietà di Caio. In ragione di quanto accaduto, Tizio cita in giudizio Caio per ottenere una sentenza di condanna al risarcimento dei danni patiti. Il convenuto, negando di aver posto in essere la condotta oggetto di censura, individua in Sempronio il vero autore dell'illecito, sostenendo che, alla data del sinistro , quest'ultimo aveva preso in prestito l'auto per l'intera giornata (laudatio auctoris). In una simile ipotesi, tantol'attore quanto il convenuto hanno interesse a chiamare in causa l'effettivo responsabile del fatto illecito attraverso il meccanismo di cui all'art. 106 cpc (chiamata in causa su istanza di parte). Tieni presente che in tanto il convenuto potrà chiedere l'autorizzazione alla chiamata in causa del terzo in quanto essa venga formulata (a pena di decadenza) nella comparsa di risposta di cui all'art. 167 cpc.

Aggiungi un commento

0%
mariagb93

mi dispiace ma non lo so.......

Aggiungi un commento

0%