adolfo.crapanzano

Concorrenza Monopolistica

Qualcuno sarebbe in grado di spiegarmi il concetto di concorrenza monopolistica?
100%

7 risposte

Letlett
Si tratta di una forma di mercato che sta a metà strada tra la concorrenza perfetta e il monopolio perchè le imprese offrono prodotti che pur essendo simili, non sono considerati dagli acquirenti come beni sostituibili tra loro. L'offerta dunque appare non omogenea e differenziata. Di conseguenza ogni singola impresa può modificare sia la quantità di produzione e sia il prezzo proprio come avviene in un monopolio. Tanto più un prodotto è percepito differente dagli acquirenti, tanto meno è elastica la curva di domanda del prodotto, e viceversa. Pensa semplicemente alla posizione della Coca Cola rispetto a tutti gli altri produttori di bevande simili: i prodotti a lei concorrenti sono pressochè identici, ma gli acquirenti li percepiscono come molto diversi. Questo da un vantaggio competiivo alla Coca che di conseguenza ha un forte potere di modificare sia la quantità di produzione e sia il prezzo proprio come avviene in un monopolio.
100%
gregoriovg
La concorrenza monopolistica è una forma di mercato caratterizzata dalla presenza di un numero considerevole di imprese, le quali possono esercitare il proprio potere di mercato attraverso la differenziazione, sia pur minima, del prodotto. La presenza di prodotti simili, ma non uguali, crea una fedeltà del consumatore verso il prodotto della singola impresa; in altre parole, il consumatore considera i beni che gli vengono offerti non perfettamente sostituibili tra loro. Questo crea potere di mercato, in quanto ciascuna impresa sa di poter aumentare il prezzo senza perdere tutti i clienti, a differenza di quanto accade nella concorrenza perfetta. Qualcuno verrà scoraggiato dall'aumento e sceglierà un bene simile offerto da un produttore diverso, ma altri rimarranno fedeli al bene acquistato fino a quel momento. Di conseguenza, ciascuna impresa avrà di fronte una curva di domanda individuale non totalmente piatta, come in concorrenza perfetta, ma inclinata negativamente. Ciò che differenzia la concorrenza monopolistica dall'oligopolia, invece, è la mancanza di interazione fra le imprese. L'esempio tipico di un mercato di concorrenza monopolistica è costituita dai negozi al dettaglio, ad esempio di generi alimentari. In questo caso, l'elemento di differenziazione fra prodotti è la collocazione del negozio: per l'utente tipico, il negozio di alimentari che conta è quello sotto casa, o quello nella strada accanto, o magari, se i prezzi sono eccellenti, quello di due strade più in là.
100%