Come inglobare la differenza tra passato e futuro nelle leggi fondamentali della fisica?

Tutte le leggi fondamentali della fisica fin qui proposte da Newton, alle equazioni di Maxwell, all' equazione di Shrodinger, alla relatività di Einstein, alla teoria delle stringhe ecc., dice il prof. Albert della Columbia University, sono simmetricamente reversibili rispetto al tempo e consentono di fare previsioni esattissime nei loro ambiti di applicazione. Eppure questa simmetria matematica rispetto al tempo noi non la viviamo mai nella nostra esperienza quotidiana,noi sentiamo la differenza tra il passato e il futuro. Dunque il tempo descritto dalla fisica non è il tempo che viviamo. I tentativi di elaborare una teoria quantistica asimmetrica rispetto al tempo non mi risulta abbiano finora avuto successo, se si introduce l' asimmetria temporale le soluzioni dell' equazione di Shrodinger perdono completamente di significato. E allora come si può spiegare come e perché è nato il tempo in cui viviamo? Esiste davvero il passato e il futuro o sono i modelli fisici a essere sbagliati anche se forniscono soluzioni esatte? Qual è il motivo originario di questa asimmetria che le teorie cosmologiche universali non riescono a includere? ratataplan, l' entropia è un' aggiunta per far tornare le cose, ma come si può inglobare l' entropia nelle leggi fondamentali della fisica che non la prevedono in quanto non consentono nessuna asimmetria temporale? risposta interessante Peon Leon, che però mi sembra in contrasto con una tua combattuta tesi di tempo fa in cui sostenevi che lo stesso aumento di accelerazione nell' allontanamento delle galassie fosse comunque inerziale (l' esempio della macchina in cui diminuisce l' azione frenante, per intenderci). Sono io che capisco male o hai cambiato opinione? Resta il fatto però Ross, che nemmeno attraverso la probabilità quantistica si riesce a ottenere una formalizzazione matematica che consenta una legge universale in grado di tener conto dell' asimmetria temporale fornendo soluzioni che abbiano un qualsiasi significato. Penrose, ad esempio negli ultimi capitoli de "La mente nuova dell' imperatore" la vede come una sfida ancora del tutto aperta e propone una interpretazione quantistica del fenomeno "coscienza". Altri tentativi per una rappresentazione più realistica del tempo sono stati fatti nello studio dei fenomeni complessi da Prigogine e successori, in contrasto con l' interpretazione quantomeccanica dell' universo che resta sostanzialmente e necessariamente simmetrica.

Risposte (8)

docsity 28-03-2010
docsity - Università di Roma La Sapienza
tramite l'entropia
Commenta 
docsity 28-03-2010
docsity - Università di Roma La Sapienza
Da ignorante dico: "Il tempo è un'illusione. E' lo spazio la nostra realtà."
Commenta 
Commenta 
Commenta 
Commenta 
Commenta 
Commenta 
Commenta 

Inserisci la tua risposta

Fino a 60 punti download

Le risposte devono essere appropriate, nel rispetto di chi fà le domande. Le risposte non adeguate potranno comportare la chiusura del tuo account.

Domande correlate