RESTAURO ARCHITETTONICO, analisi geometrico proporzionale e verifica dell'ortogonalità!!!! aiutoooooooooooo !!!!!!!!!!!! ?

01-04-2010

Risposte (3)

Stefano 02-04-2010
Stefano - Politecnico di Torino
Ciao Cake, dalla tua domanda non è chiarissimo cosa vuoi sapere. Ciò che ti posso dire è quento segue: [b]Le fasi del rilievo[/b] In ogni rilievo si distinguono due fasi: 1. [b]fase di campagna[/b]: consiste nella redazione dell’eidotipo, nel rilievo fotografico e nel prelievo delle misure; 2. [b]fase di restituzione[/b] (detta anche “a tavolino”): restituzione dei dati rilevati, rappresentazione. La [b]fase di campagna[/b] a sua volta si può articolare in: 1. Guardare l'architettura, progettare il rilievo * Fotografie e primi schizzi di insieme. [b]Rilievo a vista (schizzi geometrici e proporzionali).[/b] * Analisi delle parti e degli elementi. * progetto di rilievo: cosa rilevare, come rilevare. * Tempi, strumenti, attrezzatura, verifica dell'accessibilità. * Definizione del programma di lavoro. 2. Eidotipo, schizzo che riproduce dimensioni e proporzioni. Deve essere un supporto chiaro per recepire tutte le annotazioni metriche. 3. Prelievo delle misure. La [b]Verifica di ortogonalità[/b] è invece una delle fasi operative del rilievo: * Tracciamento dell’asse di appoggio esterno (lenza, rollina). * Tracciamento dell'asse di appoggio interno (lenza, rollina). * Punti di collegamento tra gli assi. * Individuazione dei punti fissi. * Individuazione della quota a cui fare il rilievo. * Rilievo dei punti notevoli per trilaterazione (verifica dell'orizzontalità, livella). * Misure parziali e progressive (misure di verifica). * Verifica degli allineamenti. * Verifica delle ortogonalità. * Approfondimento dei dettagli a partire dai punti notevoli. Spero sia ciò che cercavi!
Commenta 
Rosarosa 03-04-2010
Rosarosa - Politecnico di Milano
Ciao Cake, sebbene Restauro non sia la mia specializzazione (l'ultima volta che l'ho studiato risale a 5 anni fa..) e sebbene la risposta di Stefano mi sembri più che esauriente, mi viene in mente un piccolo suggerimento sulla verifica dell'ortogonaltà in pianta: ti hanno spiegato il metodo della trilaterazione? E' il più comune per qualsiasi tipo di rilievo, si basa sul principio del'indeformabilità dei triangoli. In pratica, si tratta di schizzare in pianta il maggior numero di triangoli possibile partendo da vertici prefissati (caratteristiche geometriche del manufatto + punti fissi posti provvisoriamente da te). Queste misurazioni, che dovrai ricostruire su un disegno al pc, ti permetteranno di ridurre al minimo l'errore e di ricostruire a posteriori l'intera geometria della pianta del manufatto. Per il resto, vale ciò che ha dettagliatamente spiegato stefano. Spero di esserti stata utile. Buona Pasqua! :D
Commenta 
Commenta 

Inserisci la tua risposta

Fino a 60 punti download

Le risposte devono essere appropriate, nel rispetto di chi fà le domande. Le risposte non adeguate potranno comportare la chiusura del tuo account.

Domande correlate