Lalla204

principio della riserva di legge

Il principio della riserva di legge è soddisfatto da una norma penale in bianco? ​
Aggiungi un commento
0%

11 risposte

liettina21
Il principio della riserva di legge è violato dalla legge in bianco, la quale richiama, in funzione integrativa, atti normativi o provvedimenti amministrativi contenenti disposizioni caratterizzate da astrattezza e generalità a cui si appoggia per la fissazione del precetto.
Aggiungi un commento
100%
eleonor-dicanio
Il principio della riserva di legge comporta il divieto di punire un determinato fatto in mancanza di una specifica norma di legge che lo configuri come reato: esso, quindi, esclude dalle fonti del diritto penale sia le fonti non scritte, sia quelle scritte diverse dalla legge (es. regolamenti, ordinanze).Il nostro ordinamento riconosce anche l’esistenza di “norme penali in bianco” caratterizzate, come detto, dal fatto che il precetto è formulato in modo generico, dovendo essere integrato, specificato, completato da una fonte normativa diversa dalla legge, quale ad es. un regolamento od un provvedimento amministrativo.Discussa è la compatibilità delle norme penali in bianco col principio della riserva di legge. Ed infatti, se si parte dal concetto che se ne è dato sopra si rischia di riconoscere efficacia costitutiva, ai fini della determinazione del fatto-reato, a norme od atti diversi dalla legge, creando così un contrasto con la riserva di cui all’art. 25 Cost. Il problema si risolve o accettando, come ha fatto la stessa Corte Costituzionale, la natura “relativa” della riserva contenuta nell’art. 25 Cost., oppure, una volta accolta la tesi della “riserva assoluta”, riconoscere che il precetto amministrativo, integrativo della norma penale in bianco, sia sufficientemente regolato dalla legge nei suoi scopi, presupposti e contenuto, così da porsi come mero svolgimento di una disciplina già tracciata dalla legge penale
Aggiungi un commento
100%