letterio95

qualcuno puo darmi le probabili domande dell'esame di organizzazione aziendale unipegaso

qualcuno puo darmi le probabili domande dell'esame di organizzazione aziendale unipegaso
Aggiungi un commento
0%

3 risposte

ac-sua
puoi scaricarle a questo indirizzo: https://www.docsity.com/it/domande-e-risposte-test-organizzazione-aziendale-domande-di-esame-di-organizzazione-aziendale-universita-telematica-pegaso/924281/ ​ :D
Aggiungi un commento
66%
dionigis
  1. Queste sono della PRIMA PARTE:
  2. Le organizzazioni presentano aspetti statici e dinamici
  3. Non tutte le organizzazioni sono formalizzate
  4. Ci sono organizzazioni di organizzazioni
  5. Il processo di strutturazione
  6. le organizzazioni non sono solo ‘oggettive’
  7. organizzazione come strumento collettivo per risolvere problemi
  8. Criteri di distribuzione delle attività: numerico
  9. Criteri di distribuzione delle attività: funzionale
  10. Criteri di distribuzione delle attività: territoriale
  11. Criteri di distribuzione delle attività: per prodotto
  12. Processi organizzativi fondamentali: la specializzazione
  13. Processi organizzativi fondamentali: l’integrazione
  14. le strutture organizzative: vantaggi della struttura divisionale
  15. le strutture organizzative: vantaggi della struttura a matrice
  16. le strutture organizzative: vantaggi della struttura gerarchico-funzionale
  17. le strutture organizzative: svantaggi della struttura divisionale
  18. le strutture organizzative: svantaggi della struttura a matrice
  19. le strutture organizzative: svantaggi della struttura gerarchico-funzionale
  20. la struttura gerarchica semplice: l’unità di comando
  21. il concetto weberiano di ‘tipo ideale’
  22. il potere carismatico
  23. il potere legale-razionale
  24. il potere tradizionale
  25. il metodo comprendente
  26. la burocrazia acefala
  27. La competenza disciplinata
  28. la fedeltà d’ufficio
  29. Il non possesso degli strumenti del proprio lavoro in una burocrazia
  30. le ambivalenze della burocrazia: la razionalità rispetto al valore e rispetto allo scopo
  31. le ambivalenze della burocrazia: il potere nascosto dei funzionari
  32. le ambivalenze della burocrazia: la burocratizzazione come tendenza generale
  33. gli strumenti per evitare degenerazioni nelle burocrazie
  34. il conflitto tra potere carismatico e burocratico secondo Etzioni
  35. I 'figli di papà
  36. Jacques e i tempi di autonomia
  37. burocrazia professionale e meccanica
  38. il neotaylorismo nei servizi
  39. gerarchie lunghe e corte
  40. La teoria della contingenza
  41. Elementi critici: l’“incapacità addestrata”
  42. Elementi critici: i concorsi interni
  43. l’istituto della mancia
  44. l’organizzazione come sistema cooperativo
  45. Le funzioni del dirigente: assicurare un flusso regolare di risorse
  46. Le funzioni del dirigente: stabilire i fini dell’organizzazione
  47. Le funzioni del dirigente: assicurare un sistema di comunicazioni
  48. Il ‘dirigente in grigio
  49. la soggettività del valore per Barnard
  50. L’esercizio dell’autorità per Barnard: cambiare i desideri delle persone
  51. L’esercizio dell’autorità per Barnard: l’area di ‘indifferenza’
  52. L’esercizio dell’autorità per Barnard: le condizioni dell’obbedienza
  53. Simon: La razionalità limitata
  54. Simon: Decisioni critiche e decisioni di routine
  55. Simon: L’analisi della decisione;
  56. Simon: il rischio della reificazione organizzativa;
  57. Simon: la critica agli organigrammi
  58. Crozier: la trasposizione dei fini
  59. Roy e la ricerca etnografica
  60. Le istituzioni storiche condizionano i comportamenti umani
  61. L’influenza dei centri di potere: le cricche
  62. L’influenza dei centri di potere: i poteri esterni
  63. La recalcitranza dei mezzi
  64. Michels e i meccanismi degenerativi
  65. La cooptazione formale e informale
  66. Rischi secondo Michels: fuga nella tecnologia,
  67. Rischi secondo Michels: opportunismo,
  68. Rischi secondo Michels: utopismo
  69. l’isomorfismo nella prospettiva di Meyer e Rowan
  70. I miti razionalizzati: convinzioni fondate sul senso comune e non su prove empiriche
  71. Due tipi di organizzazioni: quelle che si adeguano e quelle con criteri propri
  72. Powell e Di Maggio: isomorfismo coercitivo
  73. Powell e Di Maggio: isomorfismo mimetico
  74. Powell e Di Maggio: isomorfismo normativo
  75. Il concetto di organizzazione secondo l’Economia dei Costi di Transazione
  76. le determinanti del costo di transazione
  77. la burocrazia secondo l’Economia dei Costi di Transazione
  78. il mercato secondo l’Economia dei Costi di Transazione
  79. le forme intermedie secondo l’Economia dei Costi di Transazione
  80. Popolazioni organizzative e la nicchia ecologica
  81. Verticalizzazione e deverticalizzazione: la rete di fornitura
  82. Produrre o comprare? Le tre variabili alla base della decisione
  83. Produrre o comprare? Il monopolio
  84. Produrre o comprare? Il monopsonio
  85. le clausole di salvaguardia nell’ECT
  86. Il clan come governo di transizioni
  87. Settori produttivi e confini delle imprese
  88. La famiglia e l’impresa famigliare
  89. Lo sviluppo locale
  90. la cultura organizzativa: gli artefatti
  91. la cultura organizzativa: i valori espliciti
  92. la cultura organizzativa: gli assunti di base
  93. gruppo e cultura organizzativa
  94. la trasmissione della cultura ai nuovi membri
  95. Weick: il concetto di organizzare
  96. Weick: l’attivazione dell’ambiente
  97. Weick: l’interpretazione retroattiva
  98. Weick. La centralità del linguaggio
  99. Weick. Il collasso el sensemaking
  100. Weick e l’origine del potere
Aggiungi un commento