Economia della banca ruozi 2011, Sintesi di Economia Degli Intermediari Finanziari. Università degli Studi di Foggia
lelia79
lelia79

Economia della banca ruozi 2011, Sintesi di Economia Degli Intermediari Finanziari. Università degli Studi di Foggia

27 pagine
1Numero di download
1000+Numero di visite
Descrizione
esame di economia degli intermediari finanziari
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 27
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 27 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 27 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 27 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 27 totali
Scarica il documento

CAPITOLO I – ATTIVITA' BANCARIA

Attività Bancaria: Consiste nell'attività di raccolta del "risparmio" (per raccolta del risparmio si intende l'apertura di depositi e conti correnti ove i risparmiatori possono depositare il proprio denaro ottenenendo in cambio un tasso interesse . Talo tasso interesse è un costo per la banca ed è pertanto , dal punto di vista della banca , un interesse passivo . E' invece un tasso di interesse attivo dal punto di vista del risparmiatore ) e di erogazione dei "finanziamenti" ( i risparmi raccolti dalla banca sono impiegati per erogare prestiti e finanziamenti a imprese e famiglie . Questi richiedono alla banca un importo e si impegnono alla restituzione dello stesso e al pagamento di un tasso di interesse . Talo tasso di interesse è un interesse attivo per la banca e passivo per i debitori ) , classificati tra i "servizi" e appartenente al "settore terziario". L'attività finanziaria viene svolta da apposist he società intermediate dettebanche . Il "margine di guadagno netto" per la Banca corrisponde alla differenza tra il Tasso d'interesse passivo del risparmio e quello attivo dei finanziamenti .

Definizione di Banca: La banca può essere classificata come un'azienda di produzione che opera sistematicamente e a proprio rischio nel campo del credito , raccogliendo risorse finanziarie presso il pubblico e erogando risorse finanziarie a titolo di credito ( funzione creditizia ) . In altre parole la Banca può essere definita come un intermediario tra le unità in surplus ( le famiglie ) e le unità in deficit ( le imprese ) . Inoltre le banche possono utilizzare i propri debiti come moneta . Questo non è possibile per le società , ma per le banche si : detenendo un deposito possono utilizzare direttamente il denaro che vi è versato . Inoltre la banca può modulare la quantità di moneta nel sistema ( funzione monetaria ) . Funzione creditizia e funziona monetaria , una volta sommate , determinano la condizione necessaria e sufficiente dell'attività bancaria . Inoltre la banca offre una serie di servizi al giorno d'oggi sempre più utilizzati ( funzione di servizio ).

Origini del sistema bancario moderno : L'attività bancaria è molto antica. In Italia per avere un sistema bancario bisogna attendere la legge bancaria del 1936 , anno in cui la Banca d'Italia si trasformò da banca di emissione a banca centrale . I principi dell'attività bancaria sono imperniati principalmente sulla raccolta di mezzi finanziari attraverso i depositi bancari , effettuati in larga parte dai cittadini , e quindi tale legge è intervenuta per tutelare i depositanti . La legge bancaria si assicura di garantire alle banche liquidità . Una prima parte della legge permise di definire la Banca "Istituto di diritto Pubblico" affidando alle banche definitivamente la funzione di emissione ( azionisti privati espropriati dalle proprie quote , che furono riservate ad enti finanziari di rilevanza pubblica ; Divieto di sconto diretto dalle banche a operatori non bancari ) . Una seconda parte della legge fu dedicata alla vigilanza creditizia e bancaria ( abrogata quasi interamente nel 1993 ) .

Concorrenza e liberalizzazione e direttive comunitarie : La situazione del mercato bancario italiano è stata caratterizzata da una bassa concorrenzialità , e quindi dalla presenza di banche poco efficienti .Infatti l'apertura con i mercati internazionali portò la necessità di creare istituti di credito efficienti in grado di competere con le banche estere , già entrate nel nostro paese . Altro problema era la creazione di un mercato unico europeo anche per le banche , quindi anche nell'ambito valutario le cose dovevano cambiare . Tale cambiamento si concretizzò con la "legge Amato" che prevedeva la privatizzazione delle banche a soggetto economico pubblico . Ancora oggi si cerca di aumentare le dimensioni medie delle banche italiane in quanto ancora inferiori rispetto a quelle estere .

Il testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia : In vigore dal 1 gennaio 1994, ha rappresentato la riorganizzazione normativa dell'ordinamento bancario, e rimane la fonte legislativa principale del settore (aggiornato il 20/12/2005). Con tale riforma le Banche non vengono più considerate pubbliche istituzioni ( quindi non sono più sotto stretto controllo da parte dello Stato ) , bensì vengono costituite come società di diritto privato ( S.p.a o cooperative ) ed hanno poteri di azione e creazione più ampi , anche nei mercati esteri .Particolarità della riforma è l'introduzione della banca universale ( diversamente dalla concezione di banca precedente ) , ovvero può esercitare congiutamente raccolta del risparmio presso il pubblico dei creditori , e allo stesso tempo , l'esercizio di credito (funzione creditizia e monetaria , precedentemente citata ) . Accanto ad una maggiore autonomia delle banche vi è pure un rafforzamento dei poteri di vigilanza , che consentisse di monitorare l'attività bancaria attraverso lo strumento della "vigilanza prudenziale" .

Testo unico della finanza : abbreviato TUF, è la principale fonte normativa italiana in materia di finanza ( entrata in vigore nel 1 luglio 1998 ). Tale testo rende più semplice e chiara la lettura e le disposizioni di carattere finanziario . Altro scopo, non meno rilevante , oltre al rafforzamento dei meccanismi di governance delle società , è la creazione di una normativa moderna e coerente con quella dei paesi dell'Unione Europea.

Trasparenza contrattuale attività bancaria : permette ai clienti delle banche di capire quali sono i loro diritti e obblighi quando acquistano prodotti bancari e finanziari (strumenti di pagamento , conti correnti e altre forme di deposito) , avendo un continuo rapporto di fiducia e comunicazione tra clienti e banche e/o intermediari finanziari;

Antiriciclaggio: ovvero l'azione posta in essere dalle banche le quali dovranno chiudere il conto al cliente e restituirgli il denaro versato , nel momento in cui non si riesce a identificare il titolare effettivo ;

Legge sull'usura (legge 108/1996) : ha introdotto un limite ai tassi di interesse sulle operazioni di finanziamento oltre il quale gli stessi sono considerati usurari;

Antitrust: applicazione leggi antitrust presso gli istituti di credito evitando monopoli e/o alleanze senza sfavorire il libero mercato .

CAPITOLO II – VIGILANZA BANCARIA

Le finalità dell’attività di vigilanza delle Autorità creditizie sono individuate dalla legge e riguardano la sana e prudente gestione dei soggetti vigilati nonché la stabilità complessiva, l’efficienza e la competitività del sistema finanziario nel suo complesso.

Architettura dei controlli sul sistema finanziario : L'attività della vigilanza bancaria segue dei principi base:a) L'analisi costi-benefici dell'attività di vigilanza deve porre limiti proporzionalmente ai benefici che gli intermediari intendono raggiungere ( in altre parole non deve ostacolare completamente il raggiungimento dell'obiettivo prefissato dagli intermediari) ; b) L'attività di vigilanza deve porre rimedio ad eventuale anomali all'interno del sistema svolgendo attività preventive e non curative ( in altre parole deve essere applicata non come soluzione ai problemi , bensì come prevenzione ad ogni forma di problema poichè questi non si devono presentare ) .

Le Autorità creditizie : Le autorità creditizie sono i garanti del sistemo creditizio. Hanno lo scopo di controllare l'operato delle banche. Attraverso regole e norme operative verificano il modus operandi delle attività di intermediazione di tutte le banche e gli istituti di credito. Le autorità creditizie svolgono una importante funzione di tutela nei confronti dei risparmiatori e degli investitori, siano essi imprese o persone fisiche, che si rivolgono alle banche per versare la propria liquidità o chiedere finanziamenti. L'autorità creditizia europea più importante è la Banca Centrale Europea (Bce) che ha il compito di coordinare le decisioni delle Bance Centrali dei singoli Paesi . Il TUB definisce 3 soggetti con funzione di controllo del sistema creditizio italiano : a) Ministero del Tesoro ; b) CICR ( comitato interministeriale credito e risparmio ) ;c) Banca d'Italia . Il Ministero del Tesoro e il CICR hanno funzioni legate prevalentemente al corretto funzionamento del sistema bancario e sulle attività di intermediazione . La Banca d'Italia ha principalmente compiti e attività di coordinamento operativo . Svolge anche funzioni di controllo e vigilanza sull'intero settore bancario , avendo le competenze tecniche per verificare l'esercizio delle attività bancarie .

Organizzazione dei controlli sul sistema finanziario : L'evoluzione del sistema finanziario nel corso degli anni è stata caratterizzata da una crescente despecializzazione e globalizzazione , ossia dalla tendenza degli intermediari finanziari a organizzarsi in gruppi o conglomerati finanziari operanti in svariati settori ( attività bancaria , assicurativa , trading, gestione dei patrimoni , ecc ) . Un'evoluzione del sistema creditizio di questo tipo richiede un adeguato sviluppo delle funzioni di regolamentazione al fine di evitare che si sviluppino zone d'ombra non soggette a corretta vigilanza . L'art.7 del TUB , coerentemente con questa impostazione , si preoccupa di prevedere che Banca d'Italia , CONSOB , COVIP , ISVAP , collaborino tra loro , anche mediante scambio di informazioni , al fine di agevolare le rispettive funzioni , senza poter opporre il segreto d'ufficio .

La vigilanza sulle banche : Il TUB , dopo aver identificato le autorità creditizie e gli obiettivi che devono perseguire, delinea il ciclo di vita di una banca , partendo dalla sua costituzione e operatività , per poi passare alle regole che le banche devono rispettare nell'ordinario funzionamento e ai controlli cui devono sottostare , per giungere infine alla disciplina di una eventuale situazione di crisi . Ogni fase della vita di una banca è pertando scandita dal rispetto delle regole viste dalla normativa , al fine di garantire trasparenza ed equità di trattamento tra soggetti vigilati . La vigilanza può essere strutturale , prudenziale,protettiva, informativa , ispettiva .

Vigilanza Strutturale : viene esercitata direttamente sulla struttura del mercato creditizio , attraverso i controlli sull'ingresso di nuove banche , sull'espansione di quelle già esistenti e sulla possibilità di altri soggetti di partecipare al capitale delle banche .*

Vigilanza Prudenziale : tende a limitare l'assunzione del rischio da parte delle banche , ovvero a garantire che a fronte di un determinato rischio corrisponda un determinato patrimonio . La vigilanza Prudenziale è INFORMATIVA , in quanto prevede l'invio da parte delle banche , periodicamente , di documenti e segnalazioni ; REGOLAMENTARE ,in quanto comporta la determinazione da parte della Banca d'Italia delle regole da seguire ; ISPETTIVA, in quanto da alla Banca d'Italia la possibilità di fare ispezioni presso gli istituti di credito .

Vigilanza Protettiva : Guarda al problema delle esternalità negative prevenendo la crisi e tutelando il risparmiatore a fronte di una crisi irreversibile. La prima avviene attraverso attività ispettive, flussi informativi, rifinanziamenti della banca centrale nel caso di illiquidità e, in presenza di situazioni di crisi più gravi (ma non irreversibili) c'è l'intervento della Banca d'Italia con l'amministrazione straordinaria. Nel caso di crisi irreversibile vi è la liquidazione coatta amministrativa (procedura diversa dal fallimento: tali imprese sono infatti liquidate dall'autorità amministrativa anziché da quella giudiziaria) e l'utilizzo delle risorse nel fondo di garanzia depositi ( ovvero un fondo tutela dei depositanti con un limite di 103.291 euro per depositante ) .

Vigilanza informativa o Fair play regulation : Mira alla riduzione del problema delle asimmetrie informative. Prevede obblighi informativi a carico di strumenti finanziari, emittenti, intermediari e organi di gestione del mercato al fine di migliorare l'efficienza dei prezzi.

Vigilanza ispettiva : Il Testo unico conferma alla Banca d'Italia i poteri di vigilanza ispettiva sul sistema bancario, stabilendo che la Banca stessa effettui ispezioni presso le banche e richieda a queste ultime l'esibizione degli atti e documenti ritenuti necessari per le verifiche e gli accertamenti. Stabilisce altresì che la Banca d'Italia debba autorizzare le fusioni alle quali prendono parte le banche, quando non contrastino con il criterio della sana e prudente gestione.

CAPITOLO III – L'ORGANIZZAZIONE

Diversificazione e specializzazione dell'attività bancaria : Le banche , di fronte alle possibilità operative offerte del TUB, devono elaborare la scelta delle attività da svolgere e la relativa forma organizzativa da adottare . Nel corso del tempo si passò dall'utilizzo di un modello prevalentemente tradizionale ad un sistema di attività pià ampio , avendo un elevato grado di diversificazione , utilizzando tutte le opportunità d'azione offerte dal testo unico ( ciò non significa che tutte le banche passino ad un modello diversificato ) . Un modello diversificato ovviamente garantisce alla clientela una molteplicità di prodotti e permette di reggere il peso della concorrenza nel mercato . Le banche che adottano strategie di diversificazione tendono ad essere presenti in tutte le attività dell'intermediazione finanziaria ( assicurativa , creditizia , mobiliare ) . Viceversa è possibile che vi siano banche che prediligono la specializzazione delle attività, solitamente di piccole dimensioni con una clientela selezionata .

Scelta delle aree di business e forma organizzativa da adottare: Le scelte di diversificazione/specializzazione pone il management bancario a definire in quali aree di business operare e sulla forma organizzativa da adottare . E' consentito alle banche usare 2 strutture , ovvero "Banca Universale", che svolge direttamente tutte le attività che ha deciso di svolgere; "Gruppo Bancario", in presenza del quale vi è invece una società capogruppo che si avvale dell'operato di più società controllate , specializzate in una o più attività .

Gruppo bancario e la banca universale : Sono previsti diversi modelli : -banca tradizionale è la sola banca "retail" per il mass- market che presenta solamente attività di sportelli e raccolta di fondi dai correntisti ( spesso sinonimo di banca online perchè internet è uno dei mezzi più utilizzato per l'erogazione dei servizi principali ) -banca universale significa che tutti gli istituti possono offrire tutti i servizi bancari, come ad esempio: 1,Operazioni di credito, ovvero operazioni attive; 2,Gestione patrimoniale e consulenza d’investimento; 3,Traffico dei pagamenti; 4,Operazioni passive (conti di risparmio ecc.); 5,Operazioni su titoli (negoziazione di borsa); 6,Attività di emissione (di obbligazioni); 7,Analisi finanziaria; Alcuni vantaggi della banca universale: ripartizione del rischio su un ampio ventaglio di attività e platea di clienti provenienti da tutti i rami economici. -gruppo bancario invece è il raggruppamento di diverse entità giuridiche che rimangono anche giuridicamente autonome, sotto il controllo della gestione operativa esercitata da una holding pura (che detiene le sole partecipazioni delle banche sottostanti) o mista (che oltra a detenere le partecipazioni nelle banche sottostanti esercita anch'essa attività bancaria indipendente; vedi per esempio: il caso Unicredit, Intesa San Paolo) ( i rischi sono accollati alla banca / società finanziaria capogruppo ) ;

Le strategie nel retail, nel corporate e nel private banking : La banca è un'impresa diversificata in quanto può operare con una gamma di prodotti piuttosto ampia da dstinare a segmenti di clientela aventi caratteristiche sociali ed economico – finanziarie differenti . Si è soliti segmentare la clientela in 3 categorie , retail , corporate, private a cui corrispondono 3 attività distinte , ovvero retail banking , corporate banking , private banking ( inoltre è possibile aggiungere l'istitutional banking , per clienti quali pubblica amministrazione , intermediari finanziari , istituzioni senza scopo di lucro ) . -Retail Banking , attività bancaria la cui principale caratteristica è l’avere una clientela vasta ed eterogenea e svolgere principalmente un elevato numero di operazioni il cui ammontare unitario è medio-piccolo ( clientela composta essenzialmente da famiglie e imprese di piccole dimensioni ) ; -Corporate Banking, attiene all'offerta , da parte delle banche di uan serie di servizi creditizi e finanziari per le imprese che presentano una serie di problemi più complessi : Cash managemente , gestione della liquidità ; Corporate lending , offerta di credito a medio-lungo termine ; Investement Banking in senso stretto , servizi di finanziamento attraverso l'emissione e il collocamento di titoli azionari e obbligazionari ; Corporate finance , servizio di consulenza per le scelte finanziarie delle imprese clienti ; -Private Banking , attiene all'offerta da parte delle banche o intermediari finanziari autorizzati al segmento della clientela privata che dispone di ingenti patrimoni e/o di cospicui flussi di reddito.Si tratta di un tipo di clientela attenta

sia al rendimento sia alla qualità del servizio ( forte attività di marketing con lo scopo di mantenere ben saldato il rapporto col cliente ) ;

Articolazione territoriale e la politica degli sportelli in banca : La rete territoriale di una banca svolge un'indispensabile funzione di contatto con il pubblico sia nella fase di raccolta delle risorse finanziarie sia nella fase di finanziamento: istruzione delle domande di prestito , erogazione del prestito e gestione ordinaria del rapporto creditizio . Le unità territoriali che svolgono le operazioni elencate sono denominate "sportelli". La loro distribuzione geografica configura la cosiddetta "articolazione territoriale" della banca . Le scelte organizzative delle banche , in tema di articolazione territoriale , sono sempre state fortemente condizionate dalla regolamentazione imposta dalle autorità di vigilanza . Tuttavia oggi le banche possono liberamente decidere l'apertura di nuove dipendenze ( analizzando, chiaramente , le potenzialità del mercato che intendono servire ) . Le autorità di vigilanza , da parte loro , si riservano la possibilità di esprimere la propria opinione riguardo ai nuovi insediamenti in relazione alle caratteristiche di ogni singola banca presa in analisi . Perciò le banche devono affrontare 2 principali ordini di problemi : scelta delle aree dove insediare gli sportelli (luoghi in cui offrono elevate possibilità di contatto con il pubblico, quindi si privilegiano le aree con un elevato flusso di persone ed economicamnete più sviluppate ) ; definizione dei compiti da attribuire agli sportelli (classificazione degli sportelli in relazione all'attività svolta , gamma dei servizi offerti , grado di autonomia rispetto agli organismi di sede centrale ) . In relazione alla definizione delle attività svolte da parte delle banche è possibile definire i cosidetti "sportelli leggeri" , ovvero unità operative di piccole dimensioni con bassi costi strutturali e con operatività limitata alle operazione elementari ( esempio servizi di pagamento e negoziazione strumenti finanziari ) . Per le altre funzioni il cliente dovrà rivolgersi alla banca , perciò lo sportello può essere definito come un distributore dei prodotti servizi della banca stessa . Alcune banche inoltre hanno esteso il proprio campo d'azione adottando una politica distributiva telematica , la "remote banking" , ove il contatto banca-cliente avviene per via Telefonica (phone banking) o internet (internet banking) , garantendo servizi di consulenza continua e costi più bassi per ogni singolo servizio , maggiori comodità e rapidità .

Strategia e organizzazione delle piccole banche & dei grandi gruppi bancari : Le dimensioni della banca rappresentano un vincolo alla libera espressione delle decisioni strategiche e organizzative del management . Le banche di dimensione minore si caratterizzano per strutture organizzative più snelle , data la minore complessità gestionale , del ridotto numero di affari , dalla tendenziale specializzazione del processo produttivo ( al fine di ottenere un vantaggio competitivo ) . Le banche di piccole dimensioni , avendo un tipo di clientela tipicamente Retail , hanno una dimensione spiccatamente locale , in ragione della scarsa mobilità spaziale ed economica della clientela , sfruttando perciò la vicinanza del cliente . Inoltre una banca di piccole dimensioni può decidere di operare secondo la formula della banca specializzata ( segmenti di clienti , prodotti/servizi offerti , aree geografiche , canali distributivi ) , conservando la piena autonomia e indipendenza strategica e gestionale / o , formula della banca specializzata , partecipando a processi di aggregazione bancaria ( partnership con altri intermediari finanziari) . La maggior parte delle banche di piccole dimensioni oggi utilizzano principalmente un modello organizzativo di tipo funzionale , applicando la suddivisione e il coordinamento delle mansioni operative , attraverso il presidio organizzativo delle varie funzioni di cui si compone la specifica attività . Una struttura organizzativa di tipo funzionale si caratterizza per l'allocazione delle responsabilità di direzione gestionale per fasi o funzioni del processo produttivo e per un mancato accentramento dei poteri di indirizzo strategico , coordinamento e controllo in capo alla Direzione Generale . Sottostante alla direzione generale vi saranno i diversi uffici con le diverse competenze tecniche ( personale , ispettorato , marketing , contabilità , tesoreria, estero , titoli ) e , chiaramente , le filiali operative all'interno della struttura ( direttori periferici di responsabilità decisionali e operative pià o meno ampie ) .

I grandi gruppi bancari presentano una struttura organizzativa più complessa rispetto a quella di piccole dimensioni . I gruppi bancari di grandi dimensioni operano in differenti aree di attività e su più mercati . Adottano un tipo di struttura prinpalmente divisionale , dato l'ampio grado di diversificazione . Date le difficoltà amminstrative è lasciata ampia autonomia gestionale alle singole divisioni della banca . Il modello divisionale perciò garantisce una maggiore flessibilità alla gestione dei singoli business ( settore per settore ) . Le responsabilità di indirizzo strategico unitario e di controllo restano a capo della direzione generale e ai vertici societari della banca . I modelli divisionali si distinguono tra loro per Area geografica , per Prodotti , per Segmenti di clientela o di mercato .

CAPITOLO IV – LA RACCOLTA NELL'ECONOMIA DELLA BANCA

La politica di raccolta : insieme di azioni svolte dalla banca volta ad ottenere il volume e la composizione di risorse finanziarie idonee allo svolgimento della propria funzione creditizia in condizioni di equilibrio gestionale .

Obiettivi politica di raccolta : Definizione ed esplicitazione di obiettivi di medio e lungo periodo e degli strumenti per realizzare tali obiettivi . Tale decisioni sono subordinate alle decisioni aziendali , perciò sono mutevoli da banca a banca .

Obiettivi quantitativi : Obiettivo della politica di raccolta costantemente rivolto all'aumento . Normalmente la politica

di raccolta è diretta ad aumentare le dimensioni aziendali attraverso l'utilizzo di strumenti opportunemente combinati . La maggiore concorrenza e le progressive perdite di quote di mercato hanno indotto le banche a dedicare a tale area gestionale maggiori attenzioni , utilizzando politiche di raccolta più aggressive ( analisi ob. Generali , articolazione territoriale azienda/banca , competitività nel mercato di riferimento ) .

Obiettivi di costo : ottimizzazione della relazione costo-rischi . Le caratteristiche di rischio del passivo devono essere congruenti con la struttura delle variabili dell'attivo e devono quindi combinarsi con le politiche di prestiti/titoli/ partecipazioni

Obiettivi di soddisfazione della clientela : Politiche di raccolta volte ad avere come obiettivo l'instaurazione di relazioni stabili con la clientela , orientate nel lungo periodo e basate su un costante monitoraggio dei risultati raggiunti in termini di "customer satisfaction" & "customer rentention" & "customer migration" . Una buona clientela coincide con una buona redditività per la banca .

Politica di prodotto : intesa come innovazione e diversificazioni delle offerte poste in essere al pubblico , con lo scopo di offrire pià servizi e attrarre , conseguentemente , un maggior numero di clientela Le bance , data la forte concorrenza e la continua imitabilità dei prodotti offerti ( poco tempo per sfruttare l'innovazione ) , hanno associato al deposito il Bundling , ovvero un servizio annesso/accessorio , favorendo la stabilità dei rapporti che si hanno con la clientela . Più servizi offerti implicano meno Switching cost per il Cliente ( ovvero non si verifica una "customer migration" ) .

Politica di prezzo : Criteri e strumenti attraverso i quali sono determinati i prezzi . In base alla Federal Reserve i fattori che contribuiscono maggiormente a determinare i lprezzo degli strumenti di raccolta bancaria , destinati al pubblico, sono a)Tasso d'interesse sul mercato all'ingrosso ; b) strategie di prezzo adottate dati concorrenti ; c) elasticità della clientela ; d ) analisi delle scadenza ; e ) analisi dei flussi delle diverse categorie di raccolta .

Politica di distribuzione : Scelta del mix di canali di vendita dei prodotti/servizi offerti dalla clientela . Espansione territoriale ( negozi finanziari ; ATM ; POS ( point of sale ) , apparecchi di pagamento presso punti vendita al dettaglio ) . Si cerca di sviluppare il canale Online , volto a ridurre notevolmente i costi di gestione da parte delle banche ( nonchè a velocizzare il servizio a vantaggio del cliente ) .

Politiche di comunicazione : sono 4 le aree di comunicazione presenti nelle banche a) commerciale ( banca-clienti) b) instituzionale (banca-Stakeholder) c) gestionale ( banca-soggetti gestori delle imprese) ; d) economico finanziaria ( banca-finanziatori ) . Particolarmente importante è il canale commerciale ove vengono utilizzati strumenti quali pubblicità,promozione vendite , marketing diretto , pubbliche relazioni . Lo scopo principale è la fidelizzazione del cliente nel lungo periodo .

CAPITOLO V – LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE

Definizione : Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca di dotarsi delle risorse finanziarie a titolo di debito necessarie per lo svolgimento della propria funzione di intermediazione creditizia. Le differenti operazioni di raccolta hanno alcune caratteristiche comuni: 1) La banca assume una posizione debitoria nei confronti della clientela 2) la banca contabilizza tali operazioni nel passivo dello stato patrimoniale 3) La banca incorre in un rischio di liquidità legato alla necessità di restituire tali somme

Classificazione degli strumenti di raccolta : Possiamo, in prima battuta, distinguere tra, 1) Forme tecniche di raccolta di tipo personalizzato che presentano possibilità di negoziare alcuni elementi del prodotto (per esempio importo, tasso di interesse, valute, scadenza e compensi accessori) 2) Forme tecniche basate su strumenti di mercato che dunque escludono la possibile negoziazione di condizioni con la banca

Le forme tecniche di raccolta di tipo personalizzato , Possiamo distinguere i: - conti correnti di corrispondenza passivi - depositi a risparmio - conti di deposito - CD e i buoni fruttiferi • PCT passivi

Le forme tecniche basate su strumenti di mercato : In questa categoria rientrano: -Le obbligazioni bancarie • Altri titolo non compresi nelle forme precedenti

In base alla funzione assolta dai diversi strumenti di raccolta , è possibile distinguere : F 0 A 7 Passività bancarie con funzioni monetarie e di servizio che permettono al cliente di accedere al sistema dei

pagamenti e all’utilizzo della moneta bancaria per gli incassi e i pagamenti. Sono importanti: efficienza, sicurezza economicità F 0 A 7 Passività bancarie con funzioni di investimento: strumenti che permettono di allocare le somme sottratte

durevolmente al consumo. Sono importanti: rendimento, rischio, liquidità F 0 A 7 Raccolta in euro oppure in valuta F 0 A 7 Raccolta bancaria al dettaglio oppure all’ingrosso F 0 A 7Raccolta bancaria diretta o indiretta. Nel primo caso la banca diviene giuridicamente debitrice nei confronti della

clientela e acquisisce le risorse finanziarie da destinare all’attività di impiego in titoli, prestiti e partecipazioni. Viene movimentato lo SP (passivo) e il CE con gli interessi passivi. Nel secondo caso, invece, la banca presta una serie di servizi di investimento per conto della clientela guadagnando commissioni. Viene movimentato il CE con commissioni da servizio e l’ammontare delle risorse in gestione viene identificato nella Nota Integrativa.

I conti correnti di corrispondenza passivi : F 0 A 7 I conti correnti di corrispondenza passivi costituiscono il più importante prodotto di raccolta delle banche. La disponibilità di un c/c è un requisito per l’effettuazione di qualsiasi altra operazione bancaria. Lo definiamo come un contratto mediante il quale una banca si impegna a svolgere tutti gli incarichi e le operazioni che, nei limiti contrattuali e d’uso, le saranno affidati dal cliente . I c/c di corrispondenza assolvono sia una funzione di pagamento (perché il cliente può accedere al sistema dei pagamenti), sia una funzione di investimento. La disponibilità di c/c permette al cliente di emettere assegni bancari e usufruire degli altri sistemi di pagamento bancari (per esempio effettuare bonifici). Il totale delle passività bancarie espresse sotto forma di c/c viene definito “moneta scritturale” I c/c funzionano come strumento “a vista”, nel senso che è possibile prelevare risorse finanziarie in ogni istante, sino a concorrenza del saldo disponibile. I c/c di corrispondenza vengono anche definiti come c/c passivi, per distinguerli da quelli attivi, dei quali si tratterà nella parte dedicata agli impieghi bancari

I depositi a risparmio : I depositi a risparmio costituiscono unaforma di raccolta che ha perso progressivamente di importanza con il passare del tempo. I D/R sono comprovati da un documento chiamato “libretto di risparmio” che viene consegnato al cliente e sul quale vengono annotate tutte le operazioni di deposito e prelevamento Libretti di risparmio nominativi : Sono intestati ad una data persona e le somme depositate sono pagabili unicamente all’intestatario del libretto. Sia la banca che l’intestatario possono dimostrare eventuali errori nelle scritture. Il libretto può essere alimentato anche da assegni. Il credito può essere trasferito e in tal caso viene mutata l’intestazione del libretto. Libretti di risparmio al portatore : F 0 A 7 Il diritto a riscuotere è riconosciuto al possessore. Il credito a favore del depositante è

quello risultante dal libretto. F 0 A 7 Possono essere alimentati unicamente da versamenti in contante F 0 A 7 Sino al 2010 non potevano essere emessi libretti al portatore con saldo iniziale superiore a 5.000 euro e libretti con

saldo superiore a questi 5.000 euro dovevano essere estinti. Il DECRETO-LEGGE 13 agosto 2011, n. 138 ha ridotto questo importo a 2.500 euro. D/R liberi e vincolati : In relazione alla scadenza, i D/R possono essere distinti in: F 0 A 7 D/R liberi che hanno scadenza a vista e attribuiscono al cliente la possibilità di prelevare in ogni istante le somme a

suo credito F 0 A 7 D/R vincolati nei quali il cliente si impegna a non eseguire operazioni di prelevamento prima del termine

convenuto (sino a 5 anni)

I conti di deposito : Sono strumenti di raccolta che non hanno funzione di accesso al sistema dei pagamenti e non sono comprovati da un libretto, anche se configurano giuridicamente un deposito a risparmio. Hanno la funzione di permettere al cliente l’impiego duraturo delle somme a tassi convenienti. Sono stati introdotti in Italia dalle banche estere ma hanno presto assunto una notevole importanza anche per le banche italiane.

I certificati di deposito ( CD ) e i buoni fruttiferi : Sono titoli di credito emessi dalle banche per la raccolta di risorse finanziarie con un vincolo di durata breve o media. Il nome differente identifica lo stesso tipo di prodotto. Sono titoli individuali (che possono presentare elementi di personalizzazione) oppure emessi in blocco con caratteristiche standardizzate. TUTTE le banche possono emettere CD . I CD sono titoli trasferibili, rappresentativi di depositi a scadenza vincolata.

Hanno caratteristiche che li rende simili ai D/R. Possono avere una durata sino ai 5 anni, senza vincoli di durata minima.In base alla loro remunerazione possono essere: > A remunerazione predefinita, vengono cioè emessi a sconto > a remunerazione variabile, cioè ancorata ad un tasso di mercato.

Pronti contro termine passivi : Le operazioni “pronti contro termine” sono note anche con il nome di “vendite con patto di riacquisto”. Un soggetto vende a pronti una determinata quantità di titoli e contemporaneamente si impegna a riacquistare, al termine convenuto e dalla stessa controparte, un pari quantitativo di titoli della stessa specie ad un prezzo predefinito. F 0 A 7 La banca è il soggetto che vende titoli a pronti (e dunque raccoglie risorse finanziarie) e si impegna a riacquistarli a

termine. F 0 A 7 Il prezzo a termine è superiore al prezzo a pronti e la differenza remunera chi ha impiegato le risorse finanziarie (nel

caso dei PCT passivi la banca raccoglie e il cliente impiega) F 0 A 7 L’operazione viene realizzata su titoli obbligazionari (spesso titoli di Stato) . La durata più frequente del contratto è

di 1,2,3 o 6 mesi (può essere superiore, ma sempre inferiore ad un anno). F 0 A 7 Le operazioni PCT non sono depositi e non godono della garanzia del FITD

Le obbligazioni bancarie : Sono titoli di credito emessi in serie dalle banche (qualsiasi tipo di banca) per la raccolta a medio e lungo termine. Il loro taglio minimo è di 10.000 euro a meno che: 1) L’emissione sia superiore a 150 milioni di euro 2) la banca emittente abbia determinate caratteristiche In questo caso l’emissione può avere taglio minimo di 1.000 euro o multipli Perché il taglio minimo possa essere inferiore ai 10.000 euro, le banche devono essere in possesso dei seguenti requisiti: 1) PV non inferiore ai 25 milioni di euro 2) Bilancio degli ultimi tre anni in utile 3) Giudizio positivo sull’ultimo bilancio da parte dal collegio sindacale o revisore incaricato F 0 A 7 Le obbligazioni bancarie devono avere una durata originaria minima pari ad almeno 3 anni . F 0 A 7 In caso di default della banca emittente, a differenza dei depositi, per le obbligazioni bancarie emesse da Spa e

Popolari non è prevista alcuna forma di safety net, mentre nel caso di obbligazioni emesse da BCC interviene il fondo consortile Le obbligazioni bancarie F 0 A 7 Una forma particolare di obbligazioni bancarie è costituita dai covered bond che sono garantite e i cui flussi di

capitale sono coperti da una parte di attivo della banca che viene utilizzato come garanzia, con la costituzione di un patrimonio separato destinato al soddisfacimento delle obbligazioni garantite.

CAPITOLO VI – LE EMISSIONI AZIONARIE E IL CAPITALE PROPRIO

Introduzione : Nell’ambito dell’argomento relativo alla raccolta delle risorse finanziarie, è necessario focalizzarsi su quelle operazioni che implicano l’emissione di azioni e di strumenti ibridi debtequity da parte delle banche. Queste emissioni non sono tese alla sola finalità dell’approvvigionamento di risorse finanziarie ma contribuiscono alla creazionedi un fondo di garanzia per presidiare i rischi della gestione e per rispettare i vincoli di patrimonializzazione minima.

La politica di gestione del capitale proprio : Con il processo denominato capital management, la banca: 1)Costituisce un capitale coerente con le esigenze regolamentari e gestionali 2)Distribuisce il capitale tra le varie unità operative 3)Ottimizza il costo di approvvigionamento del capitale utilizzando tutti gli strumenti a sua disposizione La politica di capital management ha dunque lo scopo di presidiare vincoli gestionali e regolamentari in modo da poter anticipare eventuali situazioni di criticità ed anticiparle ricostituendo le necessarie riserve di capitale. Possiamo idealmente scindere in tre momenti fondamentali le attività di capital management ovvero determinare il volume ottimale di patrimonio ; decidere come allocare il capitale sulle diverse linee di business ; elaborazione del piano finanziario , ovvero una gestione attiva del capitale finalizzato ad individuare gli strumenti di approviggionamento più idonei al conseguimento degli obiettivi economici ricercati .

Le funzioni del capitale proprio nelle banche : Patrimonio netto contabile: definizione di capitale derivante dai principi contabili Valore di mercato del patrimonio: valore delle attività e delle passività della banca. Le poste sono valutate mark-to-

market Patrimonio di vigilanza: definizione di capitale dettata dalle autorità di vigilanza per il rispetto dei requisiti di vigilanza prudenziale. Si articola in due misure fondamentali, ovvero: 1)Il patrimonio di base (Tier 1 capital) 2)Il patrimonio supplementare (Tier 2 capital) Tier 1 +Tier 2 = PV complessivo =Total capital Capitalizzazione di mercato: è il valore che il mercato assegna all’intero capitale azionario di una banca quotata. Capitale a rischio (capitale economico): è il valore della perdita massima realizzabile, con un dato intervallo di confidenza, in un certo arco temporale, stimabile sulla base di alcune metodologie. Questo concetto è utile nel risk management per valutare il rischio complessivo assunto dalla banca. In pratica, è definita come la massima perdita “inattesa” in cui una banca può incorrere nel giro di un anno F 0 A 7 Il capitale rappresenta un fondo di garanzia nei confronti dei creditori della banca. Dal capitale dipende la possibilità

della banca di assorbire perdite di esercizio senza che sia compromessa la stabilità e la solvibilità. F 0 A 7 Il capitale rappresenta una forma di approvvigionamento che concorre a finanziare l’attivo aziendale.

ATTENZIONE: la dimensione del capitale proprio delle banche non è libera ma è dettata dagli schemi di adeguatezza patrimoniale . Basilea 1 e gli schemi di adeguatezza patrimoniale : Nel luglio 1998, dopo un lungo periodo di consultazione tra le varie banche centrali e intermediari bancari, il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha proposto l’adozione di un sistema di requisiti patrimoniali per tutte le banche attive a livello internazionale (Accordo di Basilea I). Gli obiettivi di Basilea I e dei successivi emendamenti sono stati: F 0 A 7 Rafforzare la stabilità e la solidità del sistema bancario internazionale F 0 A 7 Creare delle regole uniformi per non falsare la concorrenza, adottando regole comuni a tutte le banche che

desiderano operare a livello internazionale

Composizione del patrimonio di vigilanza : La dotazione patrimoniale della banca è fondamentale perché costituisce l’aggregato principale sul quale vigilare in ottica prudenziale. In principio, con Basilea I, il patrimonio regolamentare era stato suddiviso tra: Patrimonio di base, detto Tier 1 (pari ad almeno il 50% del total capital) ; Patrimonio supplementare, detto Tier 2, pari al massimo al 100% del Tier 1 ;

Con Basilea II: 1)è stato dato alle Aut. Vigil. il potere di imporre un ulteriore requisito, detto Tier 3, a parziale copertura dei rischi di mercato. 2)La definizione di PV non è stata modificata 3)Il coeff. Solvibilità è rimasto pari all’8% (ma sono stati inclusi il rischio di mercato ed il rischio operativo) 4)Le modifiche riguardano le modalità di calcolo delle ponderazioni

Il primo e fondamentale aggregato si chiama Core Tier 1 e comprende il capitale azionario versato rappresentato da azioni ordinarie, le riserve (escluse quelle da rivalutazione e quelle occulte). Da questo aggregato deve essere sottratto l’avviamento. Al Core Tier 1 si aggiungono i cosiddetti strumenti innovativi di capitale per ottenere ilTier 1. In sintesi, il Tier I (o patrimonio di base) si compone del capitale versato, delle riserve, del fondo per rischi bancari generali e dalle preference shares (computabili entro un limite pari al 15% del patrimonio di base), al netto delle deduzioni. Per intervenire sul Patrimonio di Base, in aggiunta o in alternativa all’aumento di capitale, si possono emettere i c.d. Strumenti Innovativi di Capitale (Preference Shares). Le Preference Shares sono uno strumento ibrido in quanto sono titoli obbligazionari ma sono computabili nel Patrimonio di Vigilanza come Tier 1 Capital, insieme con le azioni.

Presentano simultaneamente una opzione CALL a favore della banca (che ne permette il rimborso anticipato) ed una clausola di step-up (cioè di aumento del rendimento) Si caratterizzano per: • Cedole (fisse o variabili) come quelle delle obbligazioni, benché le cedole stesse siano soggette a possibile sospensione senza per questo causare un default. • Essere titoli perpetui, con facoltà dell’ emittente di richiamare il debito dopo 10 anni; • Rimborso alla pari alla data della Call, tipicamente dopo 10 anni dall’emissione; • Andamento del prezzo sostanzialmente indipendente dall’andamento delle azioni dell’emittente; • Non danno diritto di voto. Per questi strumenti vale un limite specifico pari al 15% del Tier 1

Il Tier 2 comprende le riserve occulte (comunque non permesse in Italia), le riserve da rivalutazione, gli accantonamenti a fondi rischi su crediti, gli strumenti ibridi di patrimonializzazione e i prestiti subordinati.

Le emissioni azionarie : L’emissione di azioni rappresenta la principale modalità di approvvigionamento di capitale. Tali titoli assegnano ai possessori diritti patrimoniali nonché amministrativi. L’emissione di nuove azioni può essere fatta attraverso un aumento di capitale che può essere:

-A titolo gratuito -A pagamento -Misto I vari tipi di emissione : F 0 A 7 Le emissioni gratuite sono solo operazioni contabili grazie alle quali le riserve passano a capitale sociale. F 0 A 7 Le emissioni a pagamento sono offerte in opzione ai soci esistenti in misura proporzionale alle azioni già possedute.

Il diritto di opzione è negoziabile. F 0 A 7 Le emissioni miste si combinano l’emissione di azioni gratuite con l’assegnazione di nuove azioni a pagamento.

Strumenti ibridi debt-equity : Questi strumenti hanno caratteristiche molto differenti tra di loro ma permettono alle banche di abbassare il costo del capitale e di rendere più flessibile la struttura patrimoniale della banca. La valenza patrimoniale dello strumento è tanto maggiore tanto più può essere impiegato per fare fronte a perdite della gestione corrente della banca. F 0 A 7 La capacità di assorbire le perdite va analizzata nei due scenari alternativi:

1) normale funzionamento della banca (on a going concern basis): perché lo strumento possa assorbire le perdite è necessario che ci sia la possibilità di sospendere il pagamento delle cedole o la convertibilità facoltativa o obbligatoria in azioni ordinarie. 2) Nel caso di liquidazione (on a gone concern basis) la variabile dalla quale dipende la capacità di assorbire le perdite è il grado di subordinazione e l’ordine di preferenza in fase di rimborso.

CAPITOLO VII – I SERVIZI DI INVESTIMENTO

I servizi di investimento : Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni servizi prestati nei confronti della clientela, e nello specifico: servizi basati sulla intermediazione e compravendita dei titoli, sulla gestione di patrimoni mobiliari , sulla consulenza in materia di investimenti e sui servizi di collocamento degli emittenti.

Le obbligazioni che danno origine alla raccolta indiretta : Sono tutte quelle obbligazioni che sorgono in capo alla banca per il fatto di ricevere da terzi attività finanziarie in custodia, gestione e/o amministrazione e che configurano, per la banca, la responsabilità d gestire, amministrare, o custodire tali risorse. Il contratto sottostante è un contratto di mandato rispetto al quale la banca assume l’obbligazione di fare determinate operazioni. Questo tipo di obbligazioni hanno ricevuto la definizione di “raccolta indiretta” a significarne il carattere non strumentale al finanziamento diretto dell’attività di intermediazione creditizia. Viene movimentato il Conto Economico con commissioni da servizio e l’ammontare delle risorse in gestione viene identificato nella Nota Integrativa.

I servizi di investimento rientrano tra le attività finanziarie direttamente esercitabili dalle banche subordinatamente all’autorizzazione del loro esercizio professionale nei confronti del pubblico. Volendo riassumerli, i servizi di investimento consistono in: 1)Servizi di negoziazione 2)Servizi di gestione e consulenza 3)Servizi di collocamento per gli emittenti I servizi di investimento sono i seguenti: F 0 A 7Negoziazione per conto proprio F 0 A 7Negoziazione per conto terzi F 0 A 7Sottoscrizione e/o collocamento con o senza garanzia F 0 A 7Gestione di portafoglio F 0 A 7Ricezione e trasmissione di ordini F 0 A 7Consulenza in materia di investimenti F 0 A 7Gestione dei sistemi multilaterali di negoziazione

L’elenco precedente è stato innovato nel 2007 con il recepimento della direttiva Mifid che ha comportato: 1)L’introduzione della “consulenza in materia di investimenti” tra le attività regolamentate 2)L’introduzione dei sistemi multilaterali di negoziazione

Tutti i servizi dell’elenco citato sono riservati alle “imprese di investimento” (che in Italia sono le SIM), alle banche e, limitatamente alla gestione individuale di portafoglio, alle SGR . Nella prestazione dei servizi, i soggetti abilitati devono: 1)Comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza. 2)Acquisire le informazioni necessarie dai clienti ed operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informati

I servizi di negoziazione : I servizi di negoziazione non si esauriscono nelle attività di brokeraggio, dealing e market making ma possono evolvere sino alla gestione dei sistemi multilaterali di negoziazione, ossia verso l’organizzazione di veri e propri mercati organizzati alternativi di valori mobiliari. Con la direttiva MiFID, infatti, è venuto meno

l’obbligo di concentrazione degli scambi sui mercati regolamentati e questo ha fatto sorgere l’esigenza di organizzare e gestire dei sistemi di scambio alternativi. Proviamo a sintetizzare le modalità di effettuazione dei servizi di negoziazione: Brokeraggio: consiste nell’esecuzione di ordini in nome e per conto di terzi (i clienti). L’intermediario guadagna una commissione e generalmente associa questo tipo di servizio a quello di custodia ed amministrazione. Negoziazione in proprio (dealing o market making): in questo caso la banca si pone in contropartita diretta con il cliente, movimentando il proprio portafoglio titoli e guadagnando dallo spread bid-ask. Esiste una differenza tra le figure del market maker e quella del dealer. Nel primo caso, il market maker è un intermediario che si impegna a quotare, nei confronti del mercato, un prezzo in vendita ed uno in acquisto (non ci sono clienti diretti). Nel caso del dealing, invece, la banca quota un prezzo a richiesta del cliente. In entrambi i casi l’intermediario guadagna dal bid-ask spread.

I servizi agli investitori : La distribuzione , Lo svolgimento dell’attività di negoziazione senza alcun supporto di natura consulenziale si configura come execution only e la banca non deve valutare l’appropriatezza per il cliente. Questo è possibile solo ove gli strumenti finanziari oggetto dell’ordine siano “non complessi”, ovvero azioni quotate su mercati regolamentati, strumenti del mercato monetario, obbligazioni e titoli di Stato a patto che non incorporino uno strumento derivato. In questo caso parliamo di “distribuzione”.

La consulenza Pre Mifid, Prima del recepimento MiFID la nozione di consulenza consisteva nel fornire al cliente indicazioni utili per effettuare scelte di investimento e nel consigliare le operazioni più adeguate in relazione alla situazione economica e a gli obiettivi del cliente stesso. Inoltre si precisava che consulenza non era solo l’indicazione di un investimento specifico, ma rientrava in questo ambito anche il financial planning.

La consulenza Post Mifid, La nuova definizione di consulenza identifica un perimetro più stretto, intendendo la consulenza come la “prestazione di raccomandazioni personalizzate ad un cliente, dietro sua richiesta o per iniziativa del prestatore del servizio, relative ad uno strumento specifico”. Il financial planning, cioè, non rientra più nella consulenza.

Servizi agli investitori , principio di adeguatezza : Nello svolgimento del servizio di gestione individuale di patrimoni la banca, su delega del cliente, gestisce un portafoglio di attività finanziarie con l’intento di aumentarne la redditività rispetto ai limiti di rischio e liquidità stabiliti dal cliente stesso. Sia nella gestione che nella consulenza l’intermediario deve adottare il principio della suitability, ovvero dell’adeguatezza, ricavata dalle procedure di KYC (“know your customer”). I principi di adeguatezza che l’operazione consigliata oppure lo strumento finanziario scelto devono rispettare sono i seguenti: 1)Devono corrispondere agli obiettivi di investimento del cliente 2)Il cliente deve essere in grado di sopportare finanziariamente qualsiasi rischio connesso all’investimento 3)Il cliente deve avere esperienza e conoscenza per comprendere i rischi dell’investimento e del portafoglio La banca non può porre in essere operazioni non adeguate al profilo del cliente. Nel caso in cui la banca operi solo come collocatore e non come gestore o consulente non si fa riferimento al principio dell’adeguatezza ma a quello, meno stringente, della “appropriatezza” (appropiateness), in base al quale la banca deve solo verificare che il cliente abbia esperienza e conoscenza per comprendere i rischi dell’investimento e del portafoglio.

Servizi di collocamento per gli emittenti : F 0 A 7 Le imprese partecipano al circuito diretto per la copertura delle proprie esigenze finanziarie mediante l’emissione di

titoli azionari e/o obbligazionari F 0 A 7 Le banche possono aiutare gli emittenti a: F 0 F A Quantificare il fabbisogno finanziario F 0 F A Identificare le migliori modalità tecniche per coprirlo F 0 F A Ricercare controparti disposte a sottoscrivere i titoli

E in ultimo intervengono sul mercato secondario per assicurare liquidità al titolo

CAPITOLO VIII – I PRESTITI NELL'ECONOMIA DELLA BANCA*

Credito bancario e sviluppo economico : allo scopo di realizzare l'intermediazione finanziaria, le risorse raccolte dalla banca devono essere trasferite ad altri soggetti ( privati , famiglie , imprese ) presso i quali si manifestasno fabbisogni finanziari per i consumi o investimenti . Gli strumenti mediante i quali questo trasferimento avviene appartengono principalmente a 2 tipologie : quella dei titoli delle partecipazioni , ove il trasferimento avviene mediante sottoscrizione o l'acquisto , da parte delle banche , di valori emessi nei mercati finanziari ; Quella dei prestiti bancari , che si realizza tramite la conclusione di contratti di prestito tra banca e cliente . I prestiti bancari , data la loro "adattabilità" in riferimento alle esigenze dei singoli soggetti economici ,costituiscono la principale via per lo svolgimento della citata funzione . Perciò tale flessibilità attribuita ai prestiti bancari , permettono loro di svolgere una funzione insostituibile nell'insieme dei processi che governano la crescita e lo sviluppo , favorendo la generazione di reddito e favorendo il process di accumulazione del capitale . Bisogna dire che , nel corso del passato decennio , la funzione svolta dal credito bancario sia andata evolvendosi quantitativamente e qualitativamente per effetto dei processi di innovazione e di globalizzazione finanziaria . In particolare la diffusione delle cartolarizzazioni ha consentito : di sviluppare attività di prestito in misura assai superiore a quella consentita dalla raccolta direttamente svolta dalle banche presso i risparmiatori ; di trasferire ampi portafogli di prestiti dalle aree in cui questi vengono originati ad altri ambiti geografico-territoriali ( esempio trasferimento di prestiti cartolarizzati dal mercato USA al mercato Asiatico ) . La massiccia trasformazione dei prestiti in valori mobiliari è inoltre avvenuta in un contesto che ha favorito le emissioni di valori nei mercati da parte di una plularità di operatori , tra cui le stesse banche .

Il contributo dei prestiti agli equilibri della gestione bancaria , ovvero come l'erogazione di presti arrechi un contributo decisivo agli equilibri della gestione bancaria. Bisogna analizzare l'aspetto economico ( contributo alla redditività );l'aspetto finanziario (mantenimento di idonee condizioni di liquidità). La banca ottiene dei ricavi dalle attività di prestito, ma l'attività di prestito determina dei costi di varia natura ( costi per la raccolta del risparmio , costi operativi imputabili alle risorse impiegate nell'attività di acquisizione , valutazione , selezione , monitoraggio della clientela ; oneri connessi alla gestione del contenzioso in caso di insolvenza ; oneri che discendono dall'assunzione del rischio di credito e dalle rettifiche che occorre apportare alla consistenza dell'attivo per tener conto dei rischi di credito in essere ) . Sotto il profilo del contributo alla gestione della liquidità della banca , l'erogazione di prestiti determina assorbimenti di risorse conseguenti alle erogazioni o agli utilizzi delle risorse messe a disposizione dei clienti finanziati ; generazione di flussi a seguito dei rimborsi , totali o parziali , e dell'incasso di interessi e commissioni ; flussi positivi derivanti da un'eventuale smobilizzo dei prestiti in essere . In sintesi , sia sotto il profilo economico che sotto quello finanziario , l'attività di erogazione dei prestiti , se adeguatamente gestita e opportunamente coordinata con la funzione di raccolta , apporta un contributo positivo ai processi che alimentano la produzione di reddito e che garantiscono il mantenimento di ordinate condizione di gestione presso le banche .

I rischi nell'attività di prestito : L'attività di erogazione dei prestiti presenta, tuttavia ,dei rischi , che da sempre caratterizzano l'attività bancaria. Questi hanno essenzialmente natura finanziaria e , di conseguenza , non possono essere totalmente eliminati , ne trasferiti in misura significativa . La prima concezione di rischio , viene indicata come rischio di credito ed è , a tutti gli effetti , quella di più immediata percezione . Infatti , la concessione di prestiti determina per la banca un'erogazione di risorse finanziarie a fronte della quale si pone il diritto a ottenere , a scadenza futura , il rimborso del capitale e il pagamento di interessi e commissioni secondo quanto contrattualmente stabilito ; pertanto dalla banca possono derivare pregiudizi : in caso di mancato o ritardato rimborso ( parziale o totale ) di un prestito ; in caso di deterioramento della capacità di rimborso della clientela , quand'anche ciò non si manifesti con inadempimenti contrattuali ,ma ,ad esempio , con un decadimento della redditività gestione e l'aumento dei rischi aziendali . Date queste premesse si capisce che il rischio generato dall'attività di prestito finisce per costituire uno dei principali fattori di rischiosità e per divenire una delle più diffuse cause di crisi bancaria . Un secondo aspetto connesso ai rischi derivanti dall'erogazione di prestiti è dato dal contributo che essi forniscono alla generazione del rischio di tasso di interesse , cioè dalle conseguenze che derivano dalle variazioni dei rendimenti delle varie tipologie di attività e passività e che originano dall'andamento dei tassi nei mercati finanziari; variazione che , ove non governate , possono causare indesiderate fluttuazioni della redditività gestionale .

Il rischio insito nell’attività di prestito e la classificazione dei prestiti bancari L’attività di prestito è un’attività rischiosa soprattutto perché potrebbe accadere che il finanziato non sia in grado di rimborsare il debito alle scadenze convenute. Questo rischio potrebbe trasformarsi in una perdita per la banca. I prestiti sono costituiti da operazioni diverse tra loro, che possono essere classificate in base: alla categoria di aziende beneficiarie, infatti possiamo per primo distinguere tra residenti e non residenti; tra i

residenti è possibile individuare le tipiche categorie di aziende che compongono la clientela ordinaria: amministrazione pubblica, imprese non finanziarie e imprese finanziarie, famiglie, imprese di assicurazioni e istituzioni sociali private;

• alla forma tecnica, possiamo avere prestiti per cassa o prestiti per firma, questi ultimi pur non rappresentando un impiego immediato di fondi, comportano l’assunzione di rischi da parte della banca. Tali prestiti sono concessi in tre forme tecniche: avvallo, accettazione e fideiussione;

• alla scadenza, secondo cui possiamo distinguere impieghi a breve, medio o lungo termine; • alla valuta, infatti possiamo avere prestiti in euro o in valuta estera.

I prestiti a breve termine Le aziende di credito ordinario erano quelle specializzate nella raccolta del risparmio e nell’esercizio del credito a breve scadenza. I prestiti bancari concorrevano alla copertura del complessivo fabbisogno finanziario delle imprese. La scadenza a breve termine consentiva di soddisfare le esigenze di liquidità connesse al gradi di esigibilità, ma anche di ripartire i rischi.

I prestiti a medio-lungo termine Gli istituti di credito speciale sono quelli operanti nel medio e lungo termine. I prestiti a medio e lungo termine avevano importi mediamente più elevati di quelli dei prestiti a breve termine, e hanno svolto funzioni di sostituzione temporanea dei mezzi propri dell’impresa, perché riuscivano a dare all’imprenditore garanzie di stabilità e di permanenza simili a quelle che caratterizzavano i mezzi propri.

Ancora sul rischio dell’attività di prestito Il rischio economico è collegato strettamente con il rischio di credito, cioè con l’eventuale insolvenza dell’impresa affidata, che comporta una perdita nel capitale. Il rischio finanziario riguarda la liquidità aziendale ed è la diretta conseguenza dell’insolvenza definitiva dell’impresa affidata. Questo rischio può anche essere riferito all’eventualità che il prestito non venga rimborsato alla scadenza prefissata. L’insieme del rischio economico e di quello finanziario determina la qualità dei prestiti, che possono essere divisi in: 1. prestiti vivi, in cui le imprese hanno la capacità di rimborsare il debito e rispettare i tempi; 2. partite incagliate , in cui l’impresa è insolvente, ma si ritiene che possa assolvere il suo debito in un ragionevole periodo di tempo; 3. sofferenze , sono quelle situazioni i cui le imprese si trovano in stato di insolvenza definitivo; 4. dubbi esiti, quando si manifesta insolvenza dell’impresa, e il recupero appare incerto e fa verificare perdite. La valutazione della capacità di rimborso delle imprese è l’elemento determinante delle decisioni di affidamento.

CAPITOLO IX – LA GESTIONE DEGLI IMPIEGHI IN PRESTITI

Il concetto di fido Il fido è l’impegno assunto dalla banca di mettere a disposizione del cliente una certa somma, di garantire o di assumere per suo conto un’obbligazione. Il fido è un accordo preliminare rispetto ai contratti bancari di prestito. L’importo del fido deve essere sempre determinato, e può essere utilizzato in diversi modi, in una sola volta e totalmente, o gradatamente in più volte entro limiti di tempo. L’obbligazione che assume la baca è quella di tenere a disposizione del cliente una somma di denaro per un dato periodo di tempo, o per un tempo indeterminato. L’obbligo del cliente invece è quello di pagare gli interessi sulle somme utilizzate al tasso stabilito o di corrispondere alla banca il compenso convenuto. L’estinzione del fido può avvenire in diversi modi. Nel fido a tempo determinato il rapporto si estingue per la scadenza del termine finale, ma la banca può decidere di recedere dal contratto prima di questa scadenza. Se il fido è a tempo indeterminato, ciascuna delle controparti può recedere dal contratto in qualsiasi momento, mediante preavviso. Si rende necessario per la banca definire i criteri di analisi e identificare indicatori in base ai quali poter determinare il grado di affidabilità del cliente.

I criteri di analisi storico-patrimoniali I criteri di analisi storico-patrimoniali sono statici e mirano a stabilire una correlazione diretta tra la capacità di rimborso e il profilo patrimoniale del cliente che richiede credito, utilizzando come supporto informativo i valori storici o attuali del suo stato patrimoniale.

I criteri di analisi dinamico-reddituali I criteri di analisi dinamico-reddituali valutano la capacità di rimborso dell’impresa richiedente credito, osservandone l’attitudine a produrre redditi adeguati rispetto alle situazioni di rischio caratteristiche dei settori di attività di appartenenza. Gli strumenti utilizzati per questa analisi sono i bilanci prospettici, attraverso cui si tenta di costruire il conto economico e lo stato patrimoniale dai quali si ricavano i redditi previsti e i fabbisogni finanziari futuri. La valutazione della consistenza dei dati economici, finanziari e patrimoniali, per esprimere giudizi sulla capacità di rimborso, assume un grado di attendibilità e di affidabilità superiore se affiancata da un’analisi dei fattori ambientali e di impresa.

L’istruttoria delle domande di fido

Il processo di istruttoria delle domande di fido consiste nel compiere indagini e analisi per fornire elementi di valutazione sulla capacità di rimborso dell’impresa richiedente fido e sui rischi dell’operazione. L’istruttoria di fido si articola in quattro fasi:

La prima fase mira ad accertare la validità e l’esattezza dei dati costitutivi e delle dichiarazioni rilasciate dal cliente all’atto della presentazione della richiesta di fido.

1. La seconda fase comprende analisi qualitative riguardanti la struttura e l’andamento del settore i cui opera l’impresa e le caratteristiche generali e le politiche di gestione dell’impresa richiedente.

2. La terza fase è caratterizzata dall’utilizzo di tecniche di analisi quantitative di tipo consuntivo o revisionale. 3. La quarta fase è la sintesi delle precedenti e si traduce in una relazione di fido, in cui vengono indicati gli aspetti

positivi e negativi delle richieste di credito emersi dagli accertamenti e dalle analisi compiute.

I CONTROLLI SUGLI AFFIDAMENTI E LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO

Le innovazioni nei criteri di valutazione dei crediti Il rischio di credito è la possibilità che una variazione inattesa del merito creditizio di una controparte, nei confronti della quale esiste un’esposizione, generi una corrispondete variazione inattesa del valore di mercato della posizione creditoria. Il rischio di credito può essere scomposto in due componenti: il rischio di insolvenza, che rappresenta il rischio di perdita dovuto all’insolvenza del debitore; 1. il rischio di spread, che rappresenta il rischio di perdita dovuto al semplice deterioramento del merito creditizio del debitore. Il rischio di credito, quindi, va misurato e gestito tenendo conto non solo dello stato di insolvenza o non insolvenza del debitore, ma analizzando anche altri elementi che compongono il rischio stresso, quali:

• il tasso di perdita atteso , cioè il valore medio della distribuzione dei tassi di perdita; • la variabilità della perdita attorno al suo valoremedio, cioè il rischio che la perdita risulti di ammontare

superiore a quella stimata. Questa indice può essere ridotto con una politica di diversificazione del portafoglio impieghi della banca;

effetto diversificazione, cioè la diminuzione che il tasso perdita subisce, quando sono inseriti in portafoglio impieghi i cui tassi risultano caratterizzati da una correlazione non perfettamente positiva.

La perdita attesa di un prestito può essere suddivisa in due elementi: •..a la probabilità di insolvenza della controparte; •..b il tasso di perdita in caso di insolvenza.

Analiticamente si presenta come: Pa = E(Ti) * [1-E(Tr)] dove: Pa è il tasso di perdita attesa

E(Ti) è il tasso di insolvenza atteso E(Tr) è il tasso di recupero atteso in caso di insolvenza

Il tasso di recupero dipende dalla natura del finanziamento e dalle garanzie che lo assistono. La perdita inattesa è la perdita effettivamente registrata, e può risultare diversa da quella stimata in precedenza. Dopo aver quantificato la perdita attesa e quella inattesa relative ai singoli prestiti, la banca stima il grado di rischio relativo ad un portafoglio di più attività finanziarie.

L’analisi mandamentale e il ruolo della Centrale dei rischi Una volta valutato il credito e concesso, la banca deve osservare il comportamento corrente del soggetto affidato. Ai fini dell’analisi di un’impresa, si distingue:

la gestione di impresa, cioè le modalità di gestione dell’attività aziendale nel suo complesso; • la gestione dell’attività con la singola banca affidante; • la gestione dell’attività con il sistema bancario.

Quest’ultimo punto può essere osservato solo facendo ricorso a strutture di pooling informativo. Nel sistema italiano questa attività e svolta a livello istituzionale dalla Centrale dei rischi. La Centrale dei rischi obbliga le banche a comunicare i crediti accordati, e impegna la Banca d'Italia a segnalare alle banche la situazione riassuntiva dei crediti censiti a nome di un cliente. Il credito al consumo e i prestiti personali finiscono per essere esclusi dal censimento della Centrale dei rischi, e per questo motivo sono sorte delle Centrali private, facenti capo a gruppi di banche, e finanziate da queste.

La fase di monitoraggio del credito in essere. In particolare: l’analisi degli sconfinamenti Una volta concesso il credito, e che l’affidato l’abbia tutto o parzialmente utilizzato, è necessario che la banca si concentri sul monitoraggio continuo della posizione, cioè si concentri sugli eventuali sconfinamenti rispetto ai limiti concessi, o gestisca gli eventuali ricavi o recuperi quando i crediti subiscono delle alterazioni, fornendo le premesse per dubbi esiti, cioè per perdite economiche e patrimoniali. Il monitoraggio degli sconfinamenti può essere effettuato col supporto di procedure automatizzate di varia natura, come la produzione di tabulati periodici, su cui sono evidenziati i rapporti che presentano sconfinamenti contabili di conto corrente superiori a un determinato importo minimo.

Il libro fidi è uno speciale registro che le banche sono obbligate a tenere in base alla normativa di vigilanza, e su cui devono essere registrate tutte le operazioni di fido. Gli sconfinamenti sono delle anomalie sull’andamento di un rapporto bancario, e vanno quindi accertati, monitorati e considerati per poter prendere eventuali decisioni riguardanti i clienti responsabili di tali sconfinamenti. Uno sconfinamento può essere chiesto dal cliente ed autorizzato dalla banca, che ne stabilisce l’importo, la durate e le condizioni. Ma un cliente può anche sconfinare senza autorizzazione, per motivi urgenti, o per mancata moralità commerciale. In questo secondo caso la banca ne prende atto e decide sul provvedimento da adottare; può revocare gli affidamenti, oppure convocare il cliente e accordarsi con lui per trovare soluzioni meno traumatiche.

Le posizioni incagliate, le sofferenze e le perdite sui crediti I crediti in sofferenza sono definiti come le esposizioni per cassa nei confronti di soggetti in stato di insolvenza, ma non tutte le sofferenza finiscono per trasformarsi in perdite. Le posizioni incagliate sono le esposizioni nei confronti di soggetti in temporanea situazione di difficoltà, che si prevede possa essere rimossa in un congruo periodo di tempo. Si tratta di posizioni che potrebbero trasformarsi in sofferenze.

CAPITOLO X – LE FORME TECNICHE DEI PRESTITI BANCARI

I prestiti per cassa prevedono per la banca un’uscita monetaria e a distanza di tempo un’entrata monetaria, connessa la rimborso del prestito. I prestiti per cassa rappresentano la categoria di prestiti più diffusa ed è possibile suddividerla in alcune sottocategorie.

L’apertura di credito in conto corrente L’apertura di credito in conto corrente è l’operazione più diffusa in Italia ed è regolata dall’articolo 1852 del Codice Civile. L’apertura in conto corrente è regolata anche dalle Condizioni generali uniformi, redatte dall’ABI. L’articolo 6 delle Condizioni generali elenca le situazioni a cui è soggetta un apertura di credito: Il correntista può utilizzare la somma messagli a disposizione in una o più volte, e può ripristinarne la disponibilità con successivi versamenti. • Se l’apertura di credito è a tempo determinato il correntista deva, alla scadenza, eseguire il pagamento di quanto dovuto. • L’agenzia di credito può recedere in qualsiasi momento; per il pagamento di quanto dovuto sarà dato al correntista un preavviso non inferiore ad un giorno. • Con il recesso sono sospese tutte le attività di utilizzo del credito concesso.

L’apertura di credito in conto corrente assume caratteri differenti a seconda che si tratti di: •..a credito per elasticità di cassa; •..b apertura di credito ordinaria; •..c apertura di credito garantita.

Il cliente titolare di un conto corrente di deposito dispone di credito per elasticità di cassa quando è stato autorizzato dalla banca a prelevare in misura eccedente le proprie disponibilità. Questo tipo di credito ha durata ed importo limitati.

a. L’apertura di credito ordinaria, al momento in cui è posta in essere la banca stabilisce il limite massimo di scoperto che può essere raggiunto dal cliente, che è autorizzato ad effettuare prelievi ripartiti nel tempo, a patto che la sua posizione debitoria non superi i limiti stabiliti. Il cliente ha inoltre la facoltà di diminuire il proprio debito effettuando versamenti in conto corrente. Questo credito è particolarmente utilizzato dalle imprese per coprire i fabbisogni finanziario temporanei, ed infatti la banca gradisce che il credito abbia scadenza piuttosto breve. Inoltre la banca esige che il cliente si valga del conto per svolgere le operazioni che non hanno diretta connessione con l’utilizzazione del credito per poter seguire l’evoluzione della situazione finanziaria dell’azienda ed esercitare un controllo più efficace. La scadenza dell’apertura del credito è spesso indeterminata. Quando è determinata bisogna distinguere due termini, la durata dell’utilizzo, che è il limite temporale entro il quale il cliente ha diritto di utilizzare il credito, e l’epoca del rimborso, che indica il termine entro cui il cliente deve estinguere il debito.

b. L’apertura di credito garantita prevede che il cliente dia delle garanzie alla banca, che possono essere di natura personale, assumendo la forma dell’avallo o essere rappresentate da una cambiale emessa dal garante, o di natura reale, rappresentate dalla costituzione di diritti di pegno o di ipoteca.

A carico del debitore, oltre agli interessi calcolati sul credito utilizzato, vi è l’applicazione di una commissione di massimo scoperto, che serve a compensare la banca dell’onere di dover essere sempre in grado di far fronte all’eventualità che il cliente aumenti il proprio scoperto in conto corrente.

Lo sconto

L’articolo 1858 del Codice Civile definisce lo sconto come il contratto con cui l’azienda di credito ordinario anticipa al cliente l’importo di un credito verso terzi non ancora scaduto, mediante la cessione, salvo buon fine, del credito stesso. L’operazione di sconto può definirsi: un castelletto, quando l’azienda affidata voglia anticipare l’incasso dei propri crediti cambiari; • uno sconto isolato, quando si tratta di un’operazione occasionale. Per determinare l’onere a carico dell’impresa affidata la banca calcola lo sconto sul valore nominale della cambiale, applicando un certo tasso di interesse per il periodo che intercorre fra la data di ammissione allo sconto e la scadenza dell’effetto. La banca inoltre richiede al cliente compensi secondari o accessori, come la commissione rapportata al valore dell’effetto scontato e indipendente dalla sua scadenza per rimunerare la banca per gli oneri amministrativi inerenti l’esecuzione dell’operazione di sconto.

Il castelletto salvo buon fine Il castelletto salvo buon fine è una vera e propria forma tecnica di prestito, con cui la banca accredita sul conto corrente del cliente l’importo nominale degli effetti e delle ricevute nel momento steso in cui vengono presentate per l’incasso. La banca concede credito al cliente, nel senso che gli mette a disposizione le somme accreditate prima che esse siano state realmente incassate.

L’anticipo su fatture e il factoring Lo smobilizzo dei crediti commerciali può avvenire anche in altra forma, come l’anticipo su fatture o il factoring. Il presupposto di queste due operazione è la cessione del credito dall’impresa alla banca, e tale cessione deve essere notificata al debitore ceduto. Per quel che riguarda gli anticipi, la cessione è pro solvendo e solitamente l’importo anticipato è pari all’ammontare delle fatture dedotto uno scarto del 20-30%. Nel caso di factoring, il cliente instaura con le banche un rapporto continuativo in base a cui l’impresa cede all’intermediario tutti i propri crediti; l’intermediario provvede a svolgere tre funzioni: gestione dei crediti, garanzia contro l’insolvenza del debitore, finanziamento anticipato delle partite cedute.

L’anticipazione L’anticipazione è un contratto di prestito monetario a breve termine garantito da pegno di merci, di valori mobiliari o di crediti, costituito dall’azienda affidata a favore dell’istituto di credito finanziatore. L’operazione si compone di due contratti, uno principale, in cui sono elencate le principali clausole del contratto, e uno accessorio, che evidenzia che il debitore dà in pegno alla banca un bene mobile da restituirsi in natura dopo l’estinzione del contratto di prestito. L’oggetto del pegno può essere conservato: dalla banca, • presso i Magazzini Generali, • presso u terzo depositario. Vengono accettate in pegno solo le merci:

• con valore elevato rispetto al peso e al volume; • con valore sufficientemente stabile; • con formazione di prestiti dotati di ampia pubblicità; • che abbiano caratteri merceologici facilmente valutabili; • che vengano negoziate in base a contratti tipici; • che siano prodotte con certa continuità e in volumi sufficienti; • che siano facilmente conservabili presso la banca o presso i magazzini pubblici; • che presentino il requisito della non deperibilità; • che abbiano qualità costante nel tempo.

Il finanziamento in valori mobiliari: il riporto, l’operazione pronti contro termine e il prestito titoli Il finanziamento in valori mobiliari è una particolare categoria di prestiti che prevede il trasferimento temporaneo di titoli contro denaro. Si può distinguere tra operazioni aventi natura bancaria e operazioni di borsa. Nelle operazioni aventi natura bancaria, il soggetto che trasferisce i titoli a pronti, riceve la temporanea disponibilità del controvalore in denaro. Alla scadenza del contratto la banca dovrà restituire titoli della stessa specie al proprio cliente, che corrisponderà alla banca a termine il controvalore pattuito. La rimunerazione della banca sta nella differenza tra il prezzo a termine e quello a pronti dei titoli. Nelle operazioni di Borsa un soggetto chiede titoli in prestito, al fine di poter regolare un’altra operazione conclusa in Borsa. Chi cede i titoli può mobilizzare il proprio portafoglio, ottenendo una rimunerazione. Il finanziamento in valori mobiliari si può dividere in tre categorie di forme tecniche: il riporto, la compravendita di titoli a pronti contro termine e il prestito di titoli. I primi due costituiscono la forma di un prestito in denaro garantito da titoli, invece la terza operazione è destinata a soddisfare un’esigenza temporanea di provvista di titoli. Nell’operazione di riporto, un soggetto trasferisce in proprietà ad un atro soggetto titoli di una determinata specie a un prezzo determinato, contro l’impegno di restituire a scadenza del contratto altrettanti titoli della stessa specie, dietro

rimborso del prezzo. Colui che riceve i titoli può disporre può disporre liberamente di questi, per l’intera durata del contratto. Il prezzo a termine dei titoli può risultare uguale, inferiore o superiore. Quando è inferiore si parla di riporto con deporto, ed equivale ad un’operazione di prestito dei titoli, invece quando superiore si parla di riporto con riporto, e si configura come un prestito di denaro garantito. L’operazione di acquisto di titoli pronto contro termine prevede che un soggetto ceda titoli a pronti ad un altro soggetto, che si impegna a rivendere a termine alla medesima controparte titoli della stessa specie e dello stesso ammontare, ad un prezzo superiore al precedente. Queste operazioni possono essere svolte dalle banche con operatori non bancari, con altre banche o con la banca centrale. Il prezzo a termine comprende la rimunerazione per l’acquirente dei titoli. Il prestito di titoli prevede il trasferimento della proprietà di un titolo da un soggetto ad un altro, in cambio di garanzie. Chi riceve i titoli si impegna a restituire al cedente titoli equivalenti a quelli ottenuti e di pagare un corrispettivo come rimunerazione del servizio ottenuto, rientrando in possesso dei beni dati in garanzia. Generalmente oltre ai due soggetti, in questa operazione è coinvolto anche un intermediario, che ha il compito di ricercare la controparte e gestire la transazione.

I prestiti a medio/lungo termine Tra i prestiti a medio/lungo termine sono compresi il mutuo, il leasing e i prestiti in pool.

Il mutuo Il mutuo è un contratto con cui una parte consegna all’altra una determinata somma di denaro, e l’altra si obbliga a restituire a restituirla. Nella gestione bancaria il mutuo è una prestito, il cui beneficiario si obbliga a restituire gradualmente il capitale mutuato, con rimborsi periodici, di scadenza mensile, trimestrale, semestrale o annuale. Il tasso legato a questa operazione può essere fisso o variabile. Questa forma di prestito è utilizzata in particolar modo per l’edilizia abitativa e dei settori industriali e commerciali. Nel primo caso i mutui concessi dalle banche sono sempre garantiti da ipoteca sull’immobile oggetto dell’operazione; nel secondo caso i finanziamenti sono garantiti da ipoteca sui fabbricati dell’azienda o sui macchinari oggetto del finanziamento.

Il costo dell’operazione è composto da: tasso di interesse fisso o variabile; • spese sostenute dalla banca per la stima del bene offerto in garanzia; • parcelle notarili; • oneri accessori per spese varie.

Il leasing Il leasing comprende contratti con cui un’azienda cede in locazione ad un’altra azienda uno o più beni mobili o immobili, dietro il corrispettivo pagamento di un canone periodico. Possiamo distinguere tra leasing operativo e leasing finanziario. Il leasing operativo ha per oggetto la locazione di beni strumentali per un periodo di tempo inferiore alla loro vita economica. Il leasing finanziario presenta le caratteristiche di un’operazione di finanziamento caratterizzata da canoni di locazione netti.

I prestiti in pool Il pool è composto da un gruppo di banche, organizzate da uno o più istituiti con funzioni manageriali. Il prestito in questione viene ripartito tra tutte le banche facenti parte del gruppo. La banche capofila, a differenza di quelle partecipanti, sono istituiti di elevato standing, di dimensioni notevolissime, con capacità di organizzazione e gestione dei prestiti in pool.

I rapporti di corrispondenza e i regolamenti internazionali

I CREDITI DI FIRMA I crediti di firma nell’attività bancaria Una seconda categoria di prestiti bancari è quella dei crediti difirma, con cui la banca si impegna ad assumere o a garantire l’obbligazione di un terzo soggetto, esponendosi al rischio che questo sia insolvente alla scadenza.

I finanziamenti aziendali: ricorso alle banche e ricorso al mercato Le imprese per poter soddisfare il proprio fabbisogni finanziario si rivolgono o alle banche, o direttamente al mercato finanziario, attraverso l’emissione di titoli. In genere le imprese più piccole tendono a rivolgersi esclusivamente presso le banche, mentre, le imprese di notevoli dimensioni possono scegliere se rivolgersi alle banche o al mercato. La scelta di rivolgersi al mercato dovrebbe essere la preferita, perché è meno costosa del ricorso alle banche , i quanto evita il sorgere degli oneri dell’intermediazione. Ma questo richiede che il mercato sia ampio ed efficiente.

Le accettazioni bancarie: la banca come obbligato principale Le accettazioni bancarie sono rappresentate da cambili-tratte, con cui un’impresa, detta traente, ordina alla banca di pagare una certa somma ad una scadenza prestabilita. L’impresa si impegna a fornire alla banca i fondi necessari per l’estinzione dell’accettazione. In un’operazione di accettazione vengono stipulati tre contratti: impegno ad acquistare, un investitore si obbliga a rendersi acquirente della tratta accettata dalla banca; 1. impegno a far fondi, il traente si impegna ad estinguere l’obbligazione prima della scadenza della tratta; 2. impegno ad accettare, da parte della banca. I costi che l’impresa traente deve sostenere sono:

• commissione di accettazione a favore della banca; • commissione di negoziazione a favore dell’intermediario che colloca l’accettazione sul mercato; • il tasso di interesse da corrispondere all’investitore acquirente dell’accettazione.

Le polizze di credito commerciale: la banca come fideiussore Le polizze di credito commerciale servono a coprire un fabbisogno finanziario e prevedono l’intervento di più soggetti: un operatore che richiede credito, uno o più investitori e una banca. L’impresa che richiede credito emette un documento con cui riconosce l’esistenza di un debito nei confronti di un soggetto ben definito. In questo documento vi è la data di scadenza, l’ammontare dell’interesse e la banca presso cui dovrà essere effettuato il pagamento. La banca rilascia una fideiussione, con cui si fa garante del buon fine del credito a favore del creditore originario. Questo investitore può trattenere il documento fino a scadenza, oppure negoziarlo.

Le cambiali finanziarie: il ruolo della banca come garante e nelle operazioni di collocamento Le cambiali finanziarie sono titoli di credito emessi in serie e aventi una scadenza non inferiore ai 3 mesi e non superiore ai 12 mesi dalla data di emissione. Questo tipo di cambiali costituisce una raccolta del risparmio da parte delle banche e delle imprese quotate in borsa.

PRESTITI PERSONALI, CREDITI AL CONSUMO E CARTE DI DEBITO E CREDITO

Il credito al consumo: aspetti definitori La prassi bancaria conosce anche prestiti destinati a sostenere il consumo, generalmente concessi alle famiglie. Teoricamente il credito al consumo è concesso a favore di persone che impegnano i mezzi finanziari ottenuti per fini tipici di consumo, ma capita spesso che le famiglie si indebitino per fini diversi dal consumo. I soggetti che concedono i crediti non possono sapere cosa farà il debitore con le risorse finanziarie ottenute.

Il credito al consumo: forme tecniche di erogazione I crediti al consumo possono dividersi in: credito non finalizzato, quando il beneficiario del prestito è già cliente della banca, e si rivolge a questa per ottenere un finanziamento a destinazione libera; • creditofinalizzato, quando vi è una convenzione tra una banca ed un venditore di beni di consumo. Quest’ultimo provvede ad indirizzare il compratore interessato ad ottenere un prestito, presso la banca con cui è operante la convenzione. Il rimborso dei prestiti è previsto a rate costanti, a scadenze per lo più mensili, per agevolare il beneficiario. Il tasso di interesse applicato a take operazione è fisso.

Le carte di debito e di credito. In particolare: il caso delle carte di credito “triangolari” Il credito personale destinato al consumo può essere concesso e utilizzato mediante l’utilizzo delle carte di debito e/o di credito. Le carte di debito, come il Bancomat, consentono di accedere ad appositi terminali self-service ed eseguire operazioni bancarie elementari. Altre carte di debito, come il Pagobancomat, permettono di effettuare pagamenti direttamente presso un esercizio commerciale senza utilizzare contanti o altri strumenti di pagamento. I fondi vengono trasferiti dal compratore al venditore, con una movimentazione dei conti correnti. Il cliente può effettuare prelevamenti o trasferimenti di fondi a favore di terzi anche al di là delle somme a suo credito esistenti sul conto. Le carte di credito permettono al titolare di effettuare acquisti presso negozi convenzionati senza l’esborso di moneta legale. Queste carte possono essere trilaterali o bilaterali. Una volta al mese il titolare della carta riceve l’estratto conto degli acquisti effettuati nel corso del mese precedente, e a partire da questo momento, il titolare ha un certo tempo per effettuare il pagamento.

LA POLITICA DEI PRESTITI

La dimensione, la composizione e la qualità del portafoglio prestiti Obiettivo normale delle banche è quello di raggiungere volumi di impieghi in prestiti sempre più elevati. Questo perché i prestiti rappresentano la parte dell’attivo che è più remunerativa, ed anche perché rappresentano il canale primario per

instaurare relazioni di clientela solide e durevoli. Importantissima è anche la stabilità e l’elasticità della massa impiegata in prestiti.

I principali fattori interni che incidono sul volume dei prestiti I fattori interni da cui dipende il volume dei prestiti sono riconducibili: Agli obiettivi del soggetto economico. Per esempio, qualora il soggetto economico decida di raggiungere livelli elevati di impieghi in prestiti, egli deciderà di ridurre le riserve di liquidità ai livelli minimi necessaria coprire le temporanee uscite, di espandere i prestiti al fine di soddisfare la domanda di credito delle varie categorie aziendali, e di destinare ad altri investimenti l’eventuale eccedenza di disponibilità. In tal caso i prestiti diverrebbero l’attività prioritaria della banca. a. Alle caratteristiche dei mezzi amministrativi. Si riferiscono:

alle caratteristiche quantitative, e quindi l’andamento della raccolta presso la clientela ordinaria e la capacità della banca di realizzare la chiusura del circuito impieghi-depositi.

• alle caratteristiche qualitative, che concorrono a determinare il grado di stabilità dei depositi ed il volume di impieghi compatibile con gli equilibri reddituali e finanziari.

• al grado di capitalizzazione, che riguarda la capacità di far fronte a eventuali risultati negativi della gestione dovuti all’insolvenza della clientela affidata.

Alla struttura e all’organizzazione della banca. Riguardano la dimensione aziendale e le strutture preposte alla valutazione dei fidi.

Una volta determinato il volume ottimo di prestiti che si intendono intrattenere con la clientela, si passa alla determinazione della composizione preferita del portafoglio prestiti.

I criteri di composizione del portafoglio prestiti La diversificazione settoriale e geografica dei prestiti è ricercata perché gli andamenti economici e i fabbisogni finanziari dei singolo comparti produttivi e delle singole aree territoriali sono abbastanza omogenee. Infatti la concentrazione dei prestiti in un unico settore comporterebbe l’assunzione di posizioni di massimo rischio, poiché la redditività della banca dipenderebbe dall’andamento del settore produttivo. La diversificazione consente, invece, di realizzare delle compensazione tra gli andamenti dei vari settori e le dinamiche dei rispettivi fabbisogni finanziari, e l’incidenza dei rischi sarebbe minima per la banca. I rischi economici e finanziari possono essere ulteriormente ridotti con la ripartizione dei fidi associata con tecniche di frazionamento dei rischi. Queste ultime consistono nella fissazione di limiti all’importo dei prestiti da concedere alle singole aziende affidate. Per quel che riguarda la composizione dei prestiti per struttura tecnica, essa è definita dal complesso delle condizioni tecniche e giuridiche che caratterizzano i vari prestiti. Ogni prestito ha una propria configurazione che concorre a distinguerlo dagli altri, per cui gli impieghi bancari comprendono operazioni fra loro non omogenee.

La disciplina della concentrazione dei rischi La disciplina della concentrazione dei rischi è diretta a limitare i rischi di instabilità degli intermediari finanziari dovuti alla concessione di finanziamenti di importo superiore rispetto al patrimonio di vigilanza. In mancanza di adeguate strutture per la selezione ed il controllo della clientela, la Banca d'Italia fissa dei limiti e requisiti più stringenti di quelli previsti in via generale. La normativa definisce cliente il singolo soggetto o il gruppo di clienti connessi nei cui confronti vengono assunti dei rischi. Il gruppo di clienti connessi sono due o più soggetti che costituiscono un insieme unitario sotto il profilo del rischio in quanto uno di essi ha potere di controllo sugli altri. L’esposizione è la somma di tutte le attività di rischio non dedotte dal patrimonio di vigilanza nei confronti di un cliente. La posizione di rischio è l’ammontare di ciascuna esposizione individuale. I grandi rischi sono le posizioni di rischio di importo pari o superiore al 10% del patrimonio di vigilanza.

CAPITOLO XI – LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

La cartolarizzazione è la tecnica, nata negli USA, con cui le attività finanziarie di qualsiasi tipo possono essere trasformate in titoli negoziabili sul mercato secondario.

Obiettivi e strutturazione dell’operazione L’operazione di cartolarizzazione prevede la cessione a terzi di quote dell’attivo di bilancio del cedente, rappresentate da crediti che egli vanta nei confronti dei propri debitori.

Oggetto e rischi dell’operazione Possono essere oggetto di cartolarizzazione i crediti garantiti da ipoteca o crediti non garantiti, ma anche crediti vivi o crediti problematici. Il tipo e la qualità del credito oggetto dell’operazione condiziona il rischio che l’operazione origina per il cedente e per il compratore dei titoli. In realtà il cedente non corre particolari rischi, se non quello di mancato guadagno. L’investitore corre invece un rischio economico, un rischio finanziario e un rischio di tasso.

I protagonisti

La cartolarizzazione prevede l’intervento di numerosi protagonisti, come: il cedente , che può essere una banca, un intermediario finanziario non bancario o un impresa non finanziaria; • l’advisor, uno studio legale che funge da consulente per l’intera operazione; • l’arranger, che organizza l’operazione; • lo specialpurposevehicle, cioè la società cessionaria e abilitata ad emettere titoli in cui sono incorporati i crediti ceduti; • il collocatore, di solito una banca che compra i titoli e può venderli ad investitori; • la societàdirating , che valuta il rischio dell’operazione.

CAPITOLO XII – IL PORTAFOGLIO DI PROPRIETA'

Il portafoglio dei titoli di proprietà delle banche In base alle destinazione dei titoli acquistai è possibile distinguere: il portafoglio di negoziazione , composto da titoli acquistati per alimentare l’attività di trading; il portafoglio dei titoli di proprietà, composto da titoli acquistati per soddisfare finalità interne alla banca. All’interno di questo portafoglio è possibile distinguere:

portafoglio di tesoreria, composto da titoli acquistati per scopi di liquidità; • portafoglio di investimento , composto da titoli acquistati per scopi di reddito.

In base alle disposizioni in materia di redazione del bilancio è possibile classificare: • il portafoglio in titoli immobilizzati, destinati a stabile e duraturo investimento; • il portafoglio in titoli non immobilizzati, detenuti per esigenze di tesoreria o per la negoziazione.

Soffermandoci sul portafoglio di investimento possiamo dire che nel tempo la sua dimensione è variata in misura rilevante, in funzione di fenomeni di natura strutturale e di fenomeni di natura congiunturale. Tra i fenomeni di natura strutturale vi sono:

•..1 l’evoluzione del sistema finanziario; •..2 l’intensità e le modalità di intervento dello Stato nell’economia, che ha necessità di collocare i titoli di

debito pubblico, e quindi esercita pressione sulle banche perché queste acquistino tali titoli; •..3 le priorità fissate negli indirizzi della politica monetaria e creditizia.

Tra i fenomeni di natura congiunturale troviamo invece: circostanze interne alla banca, che riguardano il management delle banche e la determinazione della composizione dell’attivo; 1. circostanze esterne, sono date dagli interventi attuati dalle autorità monetarie.

La gestione del portafoglio di titoli di proprietà Gli obiettivi principali attribuiti al portafoglio di proprietà di una banca sono la redditività e la pronta trasformazione in denaro liquido . Per quel che riguarda la redditività, questo è un obiettivo che garantisce un flusso di ricavi certo e prevedibile nel tempo. Il secondo obiettivo, invece, permette alla banca di accedere a operazioni di finanziamento nell’ambito delle quali i titoli fungono da garanzia. Nel nostro paese è possibile individuare due politiche gestionali del portafoglio di titoli, la politica residuale e la politica flessibile.

La politica residuale Se la banca attua la politica residuale, la dimensione del portafoglio titoli è determinata seguendo un criterio di priorità, in base al quale la banca come prima priorità ha quella di costituire con le risorse finanziarie che ha a disposizione una riserva di base monetaria adeguata. Successivamente decide di utilizzare i fondi restanti per concedere prestiti alla clientela. All’investimento in titoli, che assume solo una valenza sussidiaria, sono destinate le eccedenze ei fondi che non si è riusciti a impiegare in prestiti alla clientela.

La politica flessibile Se si decide di attuare la politica flessibile, le banche determinano il volume delle risorse da destinare all’investimento in titoli in funzione dell’andamento atteso della domanda di credito e dei tassi di interesse. Seguendo questa nuova logica la dimensione del portafoglio titoli varia continuamente nel tempo. Gli acquisti di titoli avvengono in momenti in cui i tassi sono ancora elevati e le quotazioni sono basse. Le vendite avvengono nella situazione opposta. Ecco perché risulta necessario che il management della banca compia un’analisi corretta e faccia una previsione giusta dell’andamento del ciclo economico e delle tendenze dei tassi di interesse. Il grado di liquidità di un investimento Il grado di liquidità di un investimento è l’attitudine di un valore mobiliare ad essere convertito in moneta legale in qualsiasi momento. La liquidità di un valore mobiliare è strettamente collegata al grado di efficienza del mercato, e le variabili che incidono sono: volume delle transazione, quanto maggiore è la dimensione del mercato, tanto maggiore è la capacità di questo di assorbire valori mobiliari offerti;

• numero e tipologia degli operatori, infatti più ampia e diversificata è la gamma degli operatori del mercato, più facile sarà eseguire operazioni di compravendita; • concentrazione degli scambi; • continuità delle negoziazioni; • modalità di formazione e diffusione dei prestiti, cioè più trasparenti e significativi sono i segnali sul mercato, più facile sarà la valutazione dei valori mobiliari. Le caratteristiche dei valori mobiliari che vengono prese in considerazione per dar via alle operazioni di compravendita sono:

• natura del rapporto fra le controparti; • natura dell’emittente; • profilo finanziario dell’operazione; • valuta di denominazione; • durata dell’operazione.

Tra questi elencati, l’elemento che presenta maggiore rilevanza è quello della durata.

Gli obiettivi di tesoreria Il funzionamento della banca dipende dall’accettazione delle sue passività da parte delle aziende non bancarie. La banca deve dimostrare di poter sempre far fronte, quando richiesto, agli impegni di pagamento in moneta legale, tempestivamente ed economicamente. Alla gestione della liquidità è affidato il compito di bilanciare i flussi tra entrate ed uscite. La gestione della tesoreria è rappresentata dall’insieme delle riserve di attività liquide e liquidabili, ma anche dalle complesse procedure e dagli strumenti utilizzabili per sistemare gli squilibri tra movimenti in entrata e movimenti in uscita.

La politica della liquidità La politica della liquidità ha l’obiettivo di conseguire un equilibrio finanziario, e quindi orienta gli interventi operativi che possono incidere sull’ordine dei flussi nel medio periodo. Il management della banca delinea le componenti di bilancio nel medio termine e gli interventi da compiersi nel breve periodo. Quindi deve determinare: il grado di trasformazione delle scadenze; a. le funzioni del portafoglio titoli; b. le funzioni della raccolta tradizionale; c. la finalità del posizionamento temporale della liquidità; d. le modalità di controllo del rischio di liquidità. Per quel che riguarda il breve periodo, bisogna che si determini:

• il livello della composizione delle riserve liquide; • la gamma degli strumenti di tesoreria da attivare; • il grado di inserimento e di intensità di presenza nel mercato monetario.

La politica della tesoreria La gestione della tesoreria mira al mantenimento dell’equilibrio tra entrate ed uscite, obiettivo da conseguire in ogni istante. I modelli gestionali di tesoreria sono identificabili in relazione ai criteri di gestione, e si presentano diversi da banca a banca perché riflettono le diverse condizioni strutturali, la varietà delle finalità perseguite e le diverse scelte operative.

Il primo modello è quello amministrativo-tradizionale, che pone l’accento sulla gestione degli scompensi giornalieri originati dalla successione delle operazioni bancarie, e tende a compensare gli eventuali squilibri tra entrate ed uscite. Il secondo modello è quello dinamico-speculativo, che dà importanza al profilo reddituale della gestione delle fonti e degli usi della liquidità supplementare e a trarre vantaggio dalle opportunità operative. La gestione della tesoreria si esprime su un arco temporale di breve periodo, con scarsi o nulli collegamenti con la gestione della liquidità aziendale di medio periodo. Per realizzare questo collegamento tra gestione di breve e di medio periodo della liquidità, la gestione della tesoreria attua degli interventi che devono anticipare, correggere e indirizzare i flussi monetari originati da scadenze tecniche e da fenomeni di natura ciclica e stagionale.

Le riserve vincolate: la riserva obbligatoria di liquidità Le riserve obbligatorie di liquidità sono depositi in contante costituiti dalle banche in adempimento a disposizioni dell’organi di vigilanza. Queste riserve figurano nell’attivo patrimoniale delle banche e nel passivo della Banca Centrale. La riserva obbligatoria è uno strumento di politica monetaria diretto a controllare l’offerta della moneta. Prima dell’entrata in vigore dell’euro, tutte le banche erano tenute a costituire depositi in contati obbligatori presso la Banca d'Italia. Le banche venivano autorizzate a utilizzare parte dei fondi depositati per un importo massimo prefissato.

Con l’entrata in vigore dell’euro tutte le banche sono assoggettate ala stessa disciplina di riserva obbligatoria, ma nei confronti della Banca Centrale Europea. La BCE ha stabilito che la riserva è interamente mobilizzabile, in questo modo ogni banca può compensare eventuali deficit giornalieri rispetto all’importo dovuto per quello stesso periodo, con un surplus in altre giornate.

CAPITOLO XIII – GLI INVESTIMENTI AZIONARI

Le novità introdotte dal Testo Unico in materia di separatezza banca-impresa “a valle” Il Testo Unico del 1993 e altri provvedimenti regolamentano la partecipazione delle banche in imprese non finanziarie, imponendo prima di tutto dei limiti alla detenzione di partecipazioni: Il limiti massimo per l’assunzione di partecipazioni, rapportato al patrimonio della banca, è del 15% per le banche ordinarie, 50% per i gruppi bancari abilitati, 60% per le banche specializzate. • Il limite massimo per ogni partecipazione, rispetto al capitale sociale dell’impresa, è del 15% per tutte le banche. • Il limite massimo che ogni singola partecipazione non può superare, rispetto al patrimonio della banca è del 3% per le banche ordinarie, 6% per i gruppi bancari abilitati, 15% per le banche specializzate.

Il rischio associato all’assunzione di partecipazioni L’assunzione di partecipazioni è un’attività rischiosa, infatti per poterla effettuare sono necessarie condizioni finanziarie, economiche e patrimoniali solide, capacità di valutazione e selezione efficaci, strutture organizzative adeguate. In Italia alla potenziale offerta da parte delle banche sembra non fare riscontro una domanda effettiva di dimensioni adeguate, perché molte imprese non manifestano una grande propensione ad aprire il proprio capitale azionario a terzi.

Il modello tedesco e il modello anglosassone Vi sono due modelli internazionali di gestione della relazione. Il modello tedesco, che è basato sul principio della banca universale, prevede istituzione che detengono rilevanti partecipazioni nel capitale delle imprese e propri esponenti nei consigli di amministrazione e l’accesso ad informazioni riservate. • Il modelloanglosassone, ispirato alla banca d’affari, che prevede l’assunzione della partecipazione temporanea, finalizzata alla crescita del valore della società e alla successiva dimensione nel mercato.

Può realmente migliorare la qualità del rapporto banca/impresa? la risposta al quesito è negativa per alcuni motivi, come: la partecipazione limitata al 15% del capitale di un’impresa non può dare all’azionista bancario un grande potere; • anche se la banca potesse assumere una partecipazione superiore al 15% le cose non cambierebbero, perché la struttura dei finanziamenti a titolo di debito dell’impresa partecipata è caratterizzata dal fenomeno dei fidi multipli.

CAPITOLO XIV – L'ATTIVITA' IN STRUMENTI DERIVATI

Gli strumenti finanziari derivati : sono definiti derivati gli strumenti finanziari con le seguenti caratteristiche : il loro valore cambia in relazione alla variazione del valore di mercato di un'altra variabile primaria sottostante di riferimento o al manifestarsi di determinati eventi o condizioni ; non richiedono un investimento netto inizianle o richiedono un investimento netto iniziale minore di quello richiesto per una posizione sul sottostante in grado di generare una analgoda esposizione a cambiamenti di fattori di mercato ; sono regolati a data futura . In sostanza , sono definiti "derivati" in quanto il prezzo di tali strumenti deriva dal avalore di mercato di un'altra variabile di riferimento , che prende il nome di attività sottostante .

In base alla forma tecnica , gli strumenti derivati possono essere distinti in quattro categorie di base , variamente combinabili tra loro : forward e futures , sono contratti a termine in cui le parti si scambiano una determinata attività a una data futura e a un prezzo prefissato al momento della stipula del contratto ; Swap , ovvero contratti mediante i quali due parti si impegnano a scambiarsi , a date prestabilite , flussi di cassa secondo uno schema convenuto ; Opzioni , ovvero contratti che attribuiscono a un soggetto , dietro il pagamento di un premio , la facoltà di acquistare o di vendere , entro un termine convenuto , una determinata attività sottostante a un prezzo prestabilito .

In base al mercato di negoziazione , gli strumenti derivati possono essere distinti in : derivati negoziati su mercati regolamentati , caratterizzati dall'esistenza di regole ( gestione attività oggetto degli scambi , scadenze , modalità formazione prezzi, liquidazione e regolamento alla scadenza ), assumento il carattere di contratti di tipo standardizzato ; derivati negoziati nei mercati over the counter sono invece perfezionati su base bilaterale e personalizzati sulla base delle esigenze dei soggetti contraenti che ne stabilisciono liberamente le varie condizioni ( oggetto , importo , scadenza , modalità di regolamento , liquidazione ) , assumendo il carattere di contratti personalizzati su base bilaterale .

In base al profilo della reciprocità degli impegni economici assunti , le tipologie contrattuali sono : derivati simmetrici , ove entrambi i contraenti si impegnano a effettuare una prestazione alla data di scadenza e i contratti implicano quindi obbligazione reciproche a termine ; derivati asimmetrici , ove solo una parte è obbligata a eseguire una compravendita a termine , mentre la controparte ha il diritto discrzionale di decidere se dare esecuzione o meno al contratto .

In base al tipo di attività sottostante , è possibile distinguere derivati : derivati finanziari ( financial derivates ) , che hanno come sottostante strumenti finanziari , tassi di cambio , indici di prezzi e hanno l'obiettivo di trasferire il rischio di mercato a essi implicito ; derivati su commodities ( commodity derivatives ) hanno come sottostante merci e materie prime , quali derrate alimentari , metalli preziosi e non , petrolio , energia elettrica ; Derivati creditizi ( credit derivatives ) hanno come sottostante il rischio di credito relativo a un prenditore finale di fondi , rappresentato da un singolo debitore oppure da un portafoglio di debitori .

I derivati finanziari : I derivati finanziari hanno la funzione di trasferire i rischi di mercato relativi a una data esposizione da un soggetto a un altro . Tali rischi possono consistere in rischi di interesse , rischi di prezzo o nel rischio di scambio . I derivati finanziari possono avere come sottostante : titoli di debito , tassi di interesse e indici di mercato monetario e obbligazionario ( interest rate derivatives) ; azioni e indici azionari ( equity derivatives ) ; tassi di cambio ( currency derivatives ) . I derivati finanziari possono assumere veste contrattuale del contratto a termine forward, del future , dello swap , dell'opzione .

Forward, contratto di compravendita a termine,con cui due parti si accordano per scambiare , in una data futura , una certa attività a un prezzo stabilito al momento della stipula del contratto . E' un contratto derivato simmetrico poichè entrambi i contraenti sono obbligati a effettuare una prestazione a scadenza . La parte che assume la posizione di acquisto si impegna a ritirare l'attività sottostante alla scadenza pattuita , pagando il prezzo concordato . La parte che acquista si impegna a consegnare l'attività sottostante alla medesima scadenza , ricevendo il prezzo pattuito . Il prezzo viene stabilito alla stipula del forward in modo tale che il valore iniziale del contratto sia nullo . Pertanto non vi è alcun esborso monetario immediato . Essendo un derivato negoziato "over the counter" non sono presenti garanzie per entrambe le parti , perciò i soggetti sopportano reciprocamente il rispettivo rischio di regolamento . Inoltre , la negoziazione over the counter , non prevede l'estinzione del contratto prima della scadenza , salvo assumere una seconda posizione , che sommata alla precedente , annulli il prodilo dei risultati alla scadenza ( oggi i currency forward rappresentano il mercato più sviluppato di contratti a termine a livello sia nazionale che internazionale ) .

Futures, sono contratti di compravendita a termine , negoziati su un mercato regolamentato , con cui due parti si accordano per scambiare , in una data futura , una certa attività a un prezzo fissato al momento della stipula del contratto . Il soggetto che acquista assume una posizione lunga , il soggetto che vende invece apre una posizione corta . Il future , come il forward , è un derivato simmetrico , in quanto entrambi i ocntraenti sono obbligati alla scadenza a effettuare una prestazione ( l'acquisto e la vendita dell'attività sottostante avviene nella scadenza ) . Tuttavia , a differenza dei forward , la negoziazione su mercati regolamentati , invece dei mercati over the counter ( non regolamentati ) , impone forti e rigide regole contrattuali . Ulteriore differenza è la presenza di una Clearing House , nota in Italia come "cassa di compensazione e garanzia" , con il compito di assicurare la compensazione e il buon fine dei contratti , rendendosi garante del buon fine delle transazioni, assicurando un identico rischio di controparte fra tutti i partecipanti e rendendo possibile la chiusura anticipata delle posizioni ( tale cassa per svolgere la propria funzione chiede il versamento di un marine iniziale , per assicurare di assolvere la propria funzione di garanzia ) . In aggiunta al margine iniziale , la Cassa provvede a calcolare e liquidare , con cadenza giornaliera , il cosiddetto margine di variazione , attraverso il meccanismo del Marking to market , in base al quale il contraente che ha sperimentato un andamento avvverso del mercato deve versa un importo alla Clearing House pari alla perdita realizzata rispetto al giorno lavorativo precedente , mentre il contraente che ha beneficiato di un andamento favorevole del mercato riceve un importo dalla Clearing House pari all'utile realizzato rispetto al giorno lavorativo precedente . I profitti e le perdite non sono calcolati alla scadenza del contratto , come avviene nei contratti forward , ma vengono calcolati giornalmente , in funzione all'andamento dei prezzi . Il prezzo del future si stabilisce come nel forward .

Swap, contratto negoziato su un mercato over the counter con il quale le due parti si impegnano a scambiarsi futuri pagamenti . E' un contratto derivato simmetrico , con il quale due soggetti si impegnano a scambiare periodicamente delle somme di denaro calcolate applicando al medesimo capitale , detto nozionale , due diversi parametri riferiti a due diverse variabili di mercato . Il capitale nozionale , è oggetto di scambio tra le parti solo in alcune tipologie di swap . Vengono utilizzati con finalità specifiche , come ad esempio motivi di copertura , finalità speculative , trasformare la natura di un'attività o passività . Lo swap più semplice è il Interest rate swap plain vanilla ( reciproci pagamenti tra le parti , periodici , applicando a uno stesso capitale di riferimento , detto nozionale , tassi d'interesse diversi . L'interest rate Swap è caratterizzato dal fatto che il compratore acquista ad un tasso d'interesse fisso e riceve tasso variabile , mentre il venditore paga a tasso variabile e incassa tasso fisso .

Opzioni , contratti derivati che attribuiscono al compratore il diritto di acquistare o vendere un'attività sottostante a un

prezzo prefissato entro un termine convenuto . Le opzioni sono contratti derivati asimmetrici in quanto soltanto il venditore è obbligato a eseguire la compravendita a termine e a soddisfare la volontà del compratore . Quest'ultimo , infatti , a fronte del pagamento di un premio , detiene il diritto di decidere se esercitare o meno la facoltà implicita nel contratto . Gli elementi caratteristici di un'opzione sono : il sottostante (o underlying) che può consistere in titoli di debito , tassi di interesse , indici di mercato monetario e obbligazionario, tassi di cambio , azioni etc ; la facoltà , le opzioni che conferiscono all'acquirente la facoltà di acquistare in data futura , il sottostante vengono denominate opzioni call . Le opzioni che conferiscono all'acquirente la facoltà di vendere il sottostante , vengono denominate , put ; La scadenza , le opzioni che conferiscono all'acquirente il diritto di esercitare la facoltà esclusivamente nel giorno di scadnza del contratto vengono denominate opzioni europee . Le opzioni che conferiscono all'acquirente il diritto di esercitare la facoltà in un qualsiasi giorno entro la scadenza del contratto vengono denominate opzioni americane ; Il prezzo di esercizio ( strike price ) , rappresenta il prezzo al quale l'acquirente dell'opzione call oppure put può , rispettivamente , acquistare o vendere l'attività sottostante . Le opzioni sono negoziabili sia su mercati regolamentati sia su mercati over the counter . Il soggetto che acquista un'opzione assume una posizione lunga , mentre il soggetto che vende assume una posizione corta .

I derivati creditizi : I derivati creditizi hanno lo scopo di trasferire il rischio di credito sottostante a una determinata attività di riferimento , nota come reference obligation , dal soggetto che acquista protezione (protection buyer ) e , quindi , vende il rischio di credito , al soggetto che vende protezione ( protecion seller ) e , pertanto , acquista il rischio di credito .

Laprima categoria di derivati creditizi è costituita da contratti nei quali l'obbligo per il venditore di protezione di adempiere all'obbligazione prevista dal contratto si manifesta al verificarsi di un determinato evento , il cosiddetto credit event , che , secondo quanto concordato dalle parti , può consistere nel fallimento del debitore ,in un determinato numero di mancati pagamenti o in un qualsiasi altro evento creditizio specificatamente determinato :

Credit default product ( CDP , contratto con il quale il protection seller assume il rischio di credito relativo ad una determinata attività , ricevendo come corrispettivo un premio da parte del protection buyer ) ,

I Credit Linked Notes (CLN) possono assimilarsi a titoli obbli- gazionari emessi dal "protection buyer" o da una societa' veicolo i cui detentori ("protection seller") - in cambio di un rendimento pari alla somma del rendimento di un titolo (generalmente "risk-free") di pari durata e del premio ricevuto per la copertura del rischio di credito

sulla "reference obligation" - assumono il rischio di perdere (totalmente o parzialmente) il capitale a scadenza ed il connesso flusso di interessi al verificarsi di un "credit event" relativo alla

"reference entity". Seconda categoria di crediti, si riferisce ai contratti nei quali l'obbligo di adempiere del venditreo di protezione dipende dall'andamento di mercato dell'attività sottostante al derivato su crediti alla quale si fa riferimento per la

valutazione del relativo merito di credito : Il "Credit spread option" (CSO) e' un contratto con il quale il

"protection buyer" si riserva il diritto, dietro pagamento di un pre- mio, di riscuotere dal "protection seller" una somma dipendente dalla

differenza positiva tra lo "spread" di mercato e quello fissato nel contratto ("strike spread") applicata al valore nozionale della

"reference obligation". Il "Credit spread swap" (CSS) e' un contratto con il quale il

"protection buyer" acquisisce il diritto di riscuotere dal "protection seller", alla data di scadenza del contratto stesso, una somma corri-

spondente alla differenza positiva tra lo "spread" di mercato corrente a tale data e quello fissato nel contratto ("strike spread") applicata

al valore nozionale della "reference obligation" ed assume parallela- mente l'obbligo di versare al "protection seller" il controvalore della

differenza negativa tra i due "spread". Il "Total rate of Return Swap" (TROR) e' un contratto con il quale

il "protection buyer" (detto anche "total return payer") si impegna a cedere tutti i flussi di cassa generati dalla "reference obligation" al

"protection seller" (detto anche "total return receiver"), il quale trasferisce in contropartita al "protection buyer" flussi di cassa

collegati all'andamento del "reference rate". Alle date di pagamento dei flussi di cassa cedolari (oppure alla

data di scadenza del contratto) il "total return payer" corrisponde al "total return receiver" l'eventuale apprezzamento della "reference obligation" (cioe' un importo pari alla differenza positiva tra il valore di mercato e quello iniziale della "reference obligation")

Il ruolo dei derivati nella gestione bancaria: -Copertura e gestione dei rischi -speculazione -arbitraggio -ottimizzazione del capitale regolamentare

Le banche come emittenti di strumenti derivati cartolarizzati , o securitised derivatives. Si tratta di strumenti derivati a contenuto opzionale, emessi da un istituto finanziario vigilato , che ne chiede l'ammissione su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione ( Sedex, EuroTLX ) . I derivati cartolarizzati possono essere distinti in 2 macrocategorie , ovvero i covered warrant ( strumenti finanziari che conferiscono all'acquirente di acquistare , covered warrant call , o di vendere , covered warrant put , entro un termine prestabilito , un certo quantitativo di una data attività sottostante ; certificates , strumenti finanziari che replicano , con o senza effetto leva , l'andamento di una data attività sottostante *

CAPITOLO XV – GESTIONE DELLA LIQUIDITA'

Per liquidità si intende la capacità della banca di far fronte puntualmente e in modo economico agli obblighi di pagamento nei termini contrattualmente previsti . Gli obiettivi della gestione della liquidità sono : assicurare in ogni istante un’adeguata corrispondenza fra fòussi di cassa in entrata e flussi di cassa in uscita,garantendo la solvibilità tecncia della banca ; coordinare l’emissione da parte della banca di strumenti di finanziamento a breve , media , lunga scadenza ;ottimizzare il costo del rifinanziamento , bilanciando il trade off fra liquidità e redditività ; per le banche strutturate come nei gruppi bancari , ottimizzare la gestione dei flussi di cassa infragruppo . allo scopo di ridurre la dipendenza dal fabbisogno finanziario esterno , attraverso tecniche di cash pooling o altri strumenti di ottimizzazione . I processi di gestione della liquidità variano in funzione della dimensione della banca , del tipo di attività prevalente , del grado di internazinalizzazione e della relativa complessità organizzativa . In tutti i casi comunque bisogna misurare e controllare disgiuntamente : la gestione della liquidità strutturale , spoesso chiama semplicementeliquidità, il cui obiettivo è il mantenimento , nel medio lungo periodo , di un’0adeguata corrispondenza fra entrate e uscite monetarie sui diversi orizzonti temporali ; la gestione della liquidità di breve termine , nota anche come tesoreria , il cui obiettivo è garantire la capacità di far fronte nell’immediato a qualsiasi impegno di pagamento , previsto e imprevisto , emregente da contratti cvhe pongano la banca nellla condizione di dover eseguire un a prestazione economica . Gestione della liquidità,aspetti economici : la gestione della liquidità e del conseguente rischio che la banca non sia in grado di far fronte tempestivamente e in modo economico ai propri obblighi di pagamento possono essere analizzati lungo 3 diverse dimensioni : are di impatto del rischio di liquidità ; origine del rischio ; scenario economico in cui si manifesta il rischio Area di impatto: in funzione della possibile are di impatto , il rischio di liquidità sopportato da una banca è distinto in 2 macrocategorie collegate tra loro : il funding liquidity risk er il market liquidity risk . Per funding liquidity risk si intende il rischio che la banca non sia in grado di gar fronte puntualmente e in modo economico ai deflussi di cassa attesi e inattesi , legati al rimborso di passività , al rispetto di impegni a erogare fondi o alla richiesta di accrescere le garanzie fornite ; Per market liquidity risk si intende invece il rischio che una banca si trovi nell’impossibilità di convertire in denaro una posizione su una data attività finanziaria o riesca a liquidarla subendo una decurtazione del prezzo , a casusa dell’insufficiente liquidità del mercato su cui tale attività è negoziata o a causadi un temporaneo malfunzionamento del mercato stesso.

• Origine del rischio : il rischio di liquidità è in qualche misura intrinseco all’attività bancaria . Esistono tuttavia alcuni elementi che possono accentuare l’assoggettamento di una banca al rischio di liquidità: fattori tecnici, fattori specifici relativi alla singola banca e fattori di natura sistemica. Lo sviluppo di strumenti finanziari c on strutture temporali dei flussi di cassa complesse, l’ampia presenza di discrezionalità in molti strumenti sia di raccolta sia di impiego, il vasto ricorso a forme di liquidity enhancement nelle operazioni di cartolarizzazione, lo sviluppo di sistemi di pagamento che operano in tempo reale e su base multilaterale hanno determinato un incremento del rischio di liquidità, specialmente per le banche più grandi, più esposte al rischio a causa dell’operatività multivalutaria, cross- country e su più fusi orari che generalmente le caratterizza.

• Scenario economico di riferimento : A seconda dello scenario economico in cui si trova la banca, è possibile distinguere il rischio di liquidità affrontato in condizioni di normale operatività ( going concern liquidity risk ) e il rischio affrontato in situazioni di stress ( contingency liquidity risk ), entrambi legati a fattori individuali o sistemici. Nel primo caso, il rischio è connesso a situazioni in cui la banca è in grado di far fronte al proprio fabbisogno di liquidità utilizzando la propria capacità di funding . In uno scenario di operatività normale, la gestione della liquidità e la corretta misurazione dei rischi ad essa collegati presuppongono di simulare l’evoluzione delle entrate e delle uscite monetarie, adottando le ipotesi più neutrali possibili in merito all’evoluzione delle grandezze aziendali. Nel secondo caso, il rischio viene affrontato in condizioni di stress che derivano da fattori individuali o da fattori sistemici. Poiché tali situazioni di crisi non sono affrontabili attraverso la normale capacità di funding della banca, si rende necessario far ricorso a misure straordinarie formalizzate ex ante attraverso la stesura di un apposito piano di emergenza

o contingency funding plan . Tale documento formalizza la strategia di intervento, classifica le possibili tipologie di tensione di liquidità, individuandone la natura sistemica o specifica e le poste di bilancio maggiormente interessate, identifica le azioni di emergenza da parte del management e contiene le stime di back-up liquiditya disposizione della banca per fronteggiare una crisi di liquidità. Gestione della liquidità, aspetti tecnici : Nell’aspetto tecnico, la misurazione del rischio di liquidità esige di distinguere le due macro-categorie di funding liquidity risk e di market liquidity risk: • Per le istituzioni finanziarie: Si intende liquidità, l’abilità di raccogliere fondi, ad un costo ragionevole, al fine di soddisfare gli obblighi di pagamento. Di conseguenza, una banca è qualificabile come “sufficientemente liquida” o avente una “adeguata liquidità” se è nelle condizioni di far fronte efficientemente alle proprie obbligazioni di pagamento Il funding liquidity risk è il rischio che una banca non sia nelle condizioni di far fronte agli impegni di pagamento per cassa o per consegna previsti o imprevisti, senza pregiudicare l’operatività quotidiana o la situazion e finanziaria della banca stessa • Per i mercati finanziari: Si intende liquidità, la possibilità di vendere uno strumento finanziario, secondo ragionevoli quantità e tempestivamente, senza modifi care in modo significativo il prezzo di mercato. Di conseguenza market liquidity risk è il rischio che la banca incorra in perdite causate dalla dismissione degli assets liquidi per far fronte a crisi di liquidità causate da fattori sistemici (tensioni sul mercato) o specifici dell’Istituto

Gestione della liquidità, aspetti organizzativi : Dal punto di vista organizzativo, le unità preposte alla gestione del rischio di liquidità provvedono in genere ad assolvere le seguenti funzioni: misurazione rischio loquidità; sviluppo e adozione di modelli di gestione ;realizzazione di analisi di stress; fornitura informazioni giornaliere al top management etc . Una recente verifica condotta sul sistema bancario europeo mostra le modalità di gestione del rischio di liquidità all’interno dei principali gruppi bancari.Da tale indagine emerge che le regole di misurazione del rischio di liquidità, i limiti operativi, gli indirizzi di gestione nel medio-lungo periodo, il piano di emergenza in caso di crisi, sono nella generalità dei casi fissati a livello centrale da parte della capogruppo. I margini di manovra operativa nel breve e nel brevissimo periodo sono invece definiti, in alcuni casi, sulla base di modelli basati sulla completa centralizzazione nella capogruppo e, in altri casi, sulla base di modelli di completa decentralizzazione, in cui la capogruppo si limita a fissare i principi di misurazione e controllo del rischio di liquidità, ma la gestione operativa di breve periodo è completamente rimessa alle singole società facenti parte del gruppo.I modelli centralizzati di gestione dello short term liquidity risk sono tipicamente adottati in gruppi bancari che operano a livello nazionale con un modello di business piuttosto omogeneo. Essi presuppongono: - il pooling dei flussi di liquidità presso un’unica entità del gruppo, tipicamente la capogruppo; - un unico accesso al mercato monetario; - un unico accesso al canale di rifinanziamento presso la banca centrale. I principali vantaggi del modello centralizzato sono: l’ottimizzazione del costo del funding, grazie a logiche di cash pooling; il controllo della posizione di liquidità delle singole controllate; una maggiore attenzione verso il rischio di controparte sul mercato monetario e un più stretto monitoraggio del rischio di liquidità complessivamente sopportato a livello di gruppo. Per contro, attraverso tale modello si crea una maggiore complessità gestionale, dovuta alla logica di pooling, e aumentano i rischi di “contagio” in caso di crisi. I modelli decentralizzati di gestione dello short term liquidity risksono maggiormente diffusi presso banche globali, caratterizzate da un’operatività multi-country, multy-currency e su più fusi orari. In questo caso, il modello presuppone: - la gestione individuale e autonoma della liquidità da parte di ciascuna società appartenente al gruppo bancario, nel rispetto delle linee guida fissate dalla capogruppo; - l’accesso delle singole società controllate sia al mercato monetario sia al canale di rifinanziament o presso la banca centrale. Se, da un lato, tale modello reca il pregio della minor complessità gestionale e della riduzione dei rischi di “contagio” in caso di crisi, dall’altro lato, esso subottimizza il costo del funding, a causa della possibile non compensazione interna di flussi disegno opposto, e riduce la profondità dell’analisi del rischio di liquidità sopportato da ogni singola unità del gruppo bancario. Tuttavia, tale modello ha il pregio di responsabilizzare le singole società facenti parti del gruppo, evitando che queste finiscano per considerare la capogruppo una sorta di lender of last resort interno in caso di politiche gestionali errate da cui derivino disallineamenti fra entrate e uscite monetarie.I due modelli descritti sopra rappresentano gli estremi di un continuum all’interno del quale ogni singolo gruppo bancario può adottare configurazioni intermedie, basate su un modello semicentralizzato di tipo multi-hub, in cui la centralizzazione della gestione della liquidità avviene a livello di due o più società del gruppo che operano come “punti di accesso” al mercato monetario e ai canali di rifinanziamento e realizzano una compensazione delle eccedenze e dei deficit di liquidità su una certa area geografica e, spesso, su una datavaluta. Tali modelli intermedi sono impiegati soprattutto da banche che operano su più mercati, su diversi business, con elevati volumi e il loro impiego ha l’obiettivo di combinare i pregi dei due modelli precedenti. Profili regolamentari : Regolamentazione internazionale: • Basilea 2 non ha contemplato il rischio di liquidità nell’ambito metodolie di calcolo dei requisiti patrimoniale , che costituiscono il “primo pilastro”. Per esso ci si è limitati a prevedere , nell’0ambito del processo di controllo prudenziale , note come secondo pilastro , che ogni banca adotti adeguati sistemi per misurare , monitorare e controllare il rischio di liquidità

non sono stati rilasciati commenti
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 27 totali
Scarica il documento