Economia e gestione delle attività turistiche e culturali: il caso "Il Volo dell'Angelo", Progetti di Turismo. Università degli Studi di Roma Tor Vergata
marta.oliva
marta.oliva

Economia e gestione delle attività turistiche e culturali: il caso "Il Volo dell'Angelo", Progetti di Turismo. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

11 pagine
154Numero di visite
Descrizione
I punti di attrazione permettono l'aggregazione di gruppi sociali diversi con gli stessi interessi.
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 11
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 11 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 11 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 11 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 11 totali
Scarica il documento

Il Volo dell’Angelo

Economia e gestione delle attività turistiche e culturali Management delle imprese creative

Progetto realizzato da: Marta Oliva e Vanessa Altieri

SOMMARIO

INTRODUZIONE...................................................................................... 2

1. I FATTORI FONDAMENTALI PER IL SUCCESSO DEL “VOLO DELL’ANGELO” DURANTE LA SELEZIONE NATURALE............ 4

1.1. I PUNTI DI FORZA........................................................................... 5

1.2. I PUNTI DI DEBOLEZZA................................................................ 6

1.3. MINACCE........................................................................................... 7

1.4. OPPORTUNITA’.................................................................................8

CONCLUSIONI....................................................................................... 11

SITOGRAFIA E BIBLIOGRAFIA........................................................ 12

INTRODUZIONE

“Alla zampa di ogni uccello che vola è legato il filo dell’infinito.” (Victor Hugo) Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, ha sognato di potere volare e la società Volo dell’Angelo S.c.a.r.l. ha cercato di renderlo in qualche modo possibile.

12

La suddetta gestisce un’attrazione turistica innovativa rivolta a tutti coloro i quali sono in cerca di emozioni forti nel cuore della Basilicata, a ridosso delle Dolomiti Lucane. Attaccati a un cavo d’acciaio che collega i paesi di Castelmezzano e Pietrapertosa, si può provare l’ebrezza della velocità e dell’altezza, godendo dei paesaggi mozzafiato che la regione offre1. Il volo dell’Angelo, si potrà provare su due linee differenti il cui dislivello è rispettivamente di 118 e 130 mt. La prima, detta di San Martino, parte da Pietrapertosa (quota di partenza 1020 mt) e arriva a Castelmezzano (quota di arrivo 859 mt) dopo

aver percorso 1415 mt raggiungendo una velocità massima di 110 Km/h. La linea Peschiere, invece, permetterà di lanciarsi da Castelmezzano (quota di partenza 1019 mt) e arrivare a Pietrapertosa (quota di arrivo 888 mt) toccando i 120 Km/h su

una distanza di 1452 metri2. Arrivati in uno dei due splendidi borghi, si avrà la possibilità di passeggiare tra le abitazioni, incastonate tra le rocce, compiere suggestive escursioni storico-naturalistiche, degustare i prodotti locali ma soprattutto ammirare lo splendido panorama circostante da una visuale insolita, osservando ciò che questa terra, selvaggia e incontaminata, mette a disposizione. Quello che si presenterà agli occhi del visitatore, infatti, sarà un panorama che di norma è privilegio delle sole creature alate: uccelli e “angeli”. Si tratta di un’iniziativa che permette una fruizione innovativa del patrimonio ambientale e culturale, rispondendo a una nuova esigenza e a un nuovo modo di intendere il tempo libero e lo svago, proteso sempre più verso esperienze accattivanti ed emozionanti, a tratti estreme. L’idea realizzata dall’impresa è risultata valida sia per la sua impronta creativa che per i vantaggi apportati al settore turistico della regione Basilicata.

1. I FATTORI FONDAMENTALI PER IL SUCCESSO DEL “VOLO DELL’ANGELO” DURANTE LA SELEZIONE NATURALE

L’obiettivo del lavoro non è solo mettere in luce la destinazione turistica, contenitrice dell’attrazione, ma soprattutto evidenziare quali sono le carenze gestionali e proporre soluzioni mirate alle nuove richieste ed esigenze dell’ambiente di riferimento, in ottica di sostenibilità. Dopo aver definito lo scopo e schematizzato il contesto che avvolge l’attrazione turistica scelta, passiamo ad analizzare i punti da noi considerati più rilevanti.

1 http://www.volodellangelo.com/ita/web/item.asp?nav=1 2 http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/detail.jsp?otype=1012&id=565124

PUNTI DI DEBOLEZZAPUNTI DI FORZA ANALISI SWOTValorizzazione dei due

borghi;

Creazione di eventi;

Consistenti flussi turistici;

Partnership con Legambiente e

pro-loco locali;

Biglietti aperti.

Sponsorizzazio blanda;

Attrazione stagionale;

Proposta di un unico prodot o e non di un pacchetto di servizi;

renotazione line;

Collegamenti estremamente limitati.

CONTESTO INTERNO M NACCEOPPORTUNITA’

1.1. I PUNTI DI FORZA

Iniziamo dai punti di forza del contesto interno. L’impresa, in virtù di una domanda turistica sempre più rivolta al turismo esperienziale, ha realizzato una nuova attrazione estrema dedicata ad una fascia di utenti in continuo aumento per rispondere alle mutate condizioni del mercato. I punti di attrazione possono essere sia artificiali che naturali e, secondo la definizione data da Bieger, Lasser e Bischof “le attrazioni diventano catalizzatrici di gruppi di persone con gli stessi interessi”3. Il Volo dell’Angelo, inaugurato nel 2006, inizialmente era l’unico attrattore in Italia capace di richiamare gli appassionati e che si distingueva nettamente dal bungee jumping, paracadutismo e sport estremi affini; da qui già inizia a delinearsi la creatività del progetto. Nonostante la crisi economica registrata nell’ultimo decennio, l’attrazione non ha riscontrato sostanziali diminuzioni dei flussi turistici. Infatti, fino al 2011 si sono registrati, negli 85 giorni di apertura previsti nell’anno, un numero medio giornaliero di 129 voli, 10690 ticket venduti (il costo del biglietto è di 35 euro nei feriali e 40 euro nei festivi) e 251 gratuità (frutto del sistema di prenotazione online che prevede per ogni gruppo di sei persone, un biglietto omaggio)4. L’impresa inoltre, consapevole delle caratteristiche intrinseche del territorio, come per esempio il clima, ha innovato il suo sistema di offerta (sempre più dinamico) attraverso biglietti aperti: i gestori permettono ai turisti di decidere liberamente, sia in funzione del proprio tempo libero, sia in funzione delle condizioni metereologiche, la data in cui vivere l’esperienza5.

12

3 Paniccia P., Silvestrelli S., Valeri M. (2010) (a cura di) Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali. Destinazione, Impresa, Esperienza 4 http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/detail.jsp?otype=1012&id=598259 5 http://www.volodellangelo.com/index.asp

Paesaggio unico;

Conversione del mercato della destinazione verso il turismo esperienziale;

Elevata esposizione mediatica di Matera, capitale della cultura anno 2019;

Collaborazioni con nascenti attrazioni estreme.

Cri i econom a globale;

Vincoli legislativi

Problemi amministrativi;

Bassa propensione agli sport estremi;

Esperienze concorrenti;

Attrazione stagionale;

Collegamenti estre amente limitati.

CONTESTO ESTERNO

Essendo il paesaggio offerto da una visuale insolita uno tra i principali punti di forza, i due paesi Castelmezzano e Pietrapertosa hanno intrapreso percorsi di valorizzazione del territorio, senza però mai essere pienamente efficienti sul piano della comunicazione e della sponsorizzazione. Ciò nonostante, vi è stato comunque un aumento sia nella qualità che nella quantità delle strutture ricettive a disposizione dei turisti: prima del 2007 vi erano sei tra alberghi, ristoranti e agriturismi, due B&B e due trattorie. Oggi vi sono nove tra alberghi, ristoranti e agriturismi, dieci B&B, un albergo diffuso a Pietrapertosa, quattro trattorie, due pizzerie al taglio e vari negozi di prodotti tipici e souvenir6. La gestione corretta del punto di attrazione è stata fondamentale per migliorare la qualità della vita dei residenti e per attirare nuovi flussi turistici, anche provenienti dall’estero. In ottica di sostenibilità, l’associazione Legambiente ha sancito il progetto proposto dall’impresa Volo dell’Angelo S.c.a.r.l. come tra le migliori offerte di turismo green, dimostrando come sia possibile che anche i territori considerati marginali possano diventare mete ambite di un turismo di qualità7. Per la propria vacanza ideale i turisti richiedono servizi che sono cambiati rispetto alle storiche richieste. La Basilicata ha tutte le caratteristiche per rispondere positivamente a questo tipo di domanda turistica ma necessita, come nel caso del Volo dell’Angelo, di strategie chiare, di un sistema dinamico e voglia di scommettere sulla bellezza dei territori, organizzando un’offerta turistica innovativa e di qualità.

1.2. I PUNTI DI DEBOLEZZA

Sebbene l’impegno dell’impresa nel cercare di proporre un’idea innovativa e sostenibile sia stato notevole, il pacchetto di offerta turistica che essa ha proposto oggi appare ancora incompleto. Vari sono i punti di debolezza appartenenti al contesto interno dell’impresa individuabili, i più rilevanti sono:

1. Sistema di prenotazione limitato;

2. Attrazione stagionale;

3. Frammentarietà nel coordinamento tra strutture ed enti;

4. Proposta di un unico prodotto e non di un pacchetto di servizi.

Le nuove tecnologie hanno permesso8:

• diffusione delle informazioni più rapida ed efficiente;

• introduzione del sistema di prenotazione on line sia sul sito web che su portali separati;

• riproduzioni in formato digitale 3D deli luoghi e delle esperienze.

6 http://www.ninjamarketing.it/2013/08/20/il-volo-dellangelo-in-basilicata-e-marketing-turistico-sportivo-e-rurale/ 7 http://www.basilicatanotizie.net/ambiente/433-volo-dellangelo-per-legambiente-tra-le-migliori-offerte-di-turismo-green 8 Paniccia P., Silvestrelli S., Valeri M. (2010) (a cura di) Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali. Destinazione, Impresa, Esperienza

Il successo dell’impresa risiede nella capacità di aver colto tali potenzialità che nel corso degli anni è intervenuta per migliorare la fruizione del servizio offerto così da aumentare i flussi turistici. Uno tra i più efficaci strumenti è stato l’introduzione dei biglietti aperti che ha permesso di risolvere i problemi inerenti la stagionalità dell’attrazione, la quale registra flussi turistici rilevanti esclusivamente nel periodo maggio-settembre. Di contro, gestire il Volo dell’Angelo principalmente attraverso il sistema di prenotazione online, con solo pagamento tramite carta di credito, rappresenta un rischio elevato per l’impresa, in quanto non tutti i turisti (soprattutto gli stranieri) sono propensi a tale forma di pagamento e rinunciano a vivere l’esperienza non essendo possibile prenotare telefonicamente. Vi è tuttavia la possibilità di prenotare personalmente presso le biglietterie presenti nei paesi di Castelmezzano e Pietrapertosa con la consapevolezza che i posti sono limitati. Un’ulteriore pecca è individuabile nella proposta di un unico prodotto e non di un pacchetto di servizi. La prenotazione riguarda l’esperienza in se e il trasferimento attraverso un sistema di navette che collega il parcheggio per le autovetture alla piattaforma del volo, e non anche tutti i servizi alberghieri ed extra alberghieri, ivi presenti. L’azienda non ha curato attentamente il ramo della promozione e della sponsorizzazione dell’attrazione e i mezzi di comunicazione più utilizzati sono stati: il passaparola, la condivisione su Youtube di centinaia di video e, solo negli ultimi anni, è passato attraverso i media nazionali televisivi e radiofonici9.

1.3. MINACCE

La cultura per gli sporti estremi in Italia è un fenomeno recente. Il Volo dell’Angelo rientra in tale categoria, collocandosi nel mezzo tra il bungee jumping e il paracadutismo ed è rivolta a tutti coloro che sono in cerca di forti emozioni. Non sempre tale forma esperienziale rientra tra i gusti dei turisti, tuttavia non è questa la minaccia che preoccupa di più l’azienda, essendosi comunque guadagnata nel corso della sua attività un numero di turisti sufficienti a coprire i costi da ammortizzare (operatori, elettricità, servizio navetta, materiali, qualità del servizio, ecc.).

La crisi che ha caratterizzato gli ultimi dieci anni ha invaso la maggior parte dei settori economici e uno tra quelli che ha sopportato meglio tali ostacoli è stato proprio il settore turistico. Viaggiare implica avere un minimo di disponibilità economia e, in seguito alla crisi, le soglie di spesa dei turisti si sono notevolmente abbassate. Il Volo dell’Angelo in risposta a tale difficoltà ha rinnovato il suo sistema di offerta, introducendo la possibilità di eseguire il volo non più individualmente ma in coppia permettendo così ai turisti di usufruire di sconti sostanziali nell’acquisto del biglietto10.

12

9 http://www.ninjamarketing.it/2013/08/20/il-volo-dellangelo-in-basilicata-e-marketing-turistico- sportivo-e-rurale/ 10 http://www.volodellangelo.com/

Questa strategia ha generato un aumento del valore d’immagine dell’azienda che non ha abbandonato i suoi clienti attuali e potenziali, in un momento di difficoltà.

Nella nostra analisi, la rete dei trasporti assume una duplice connotazione, in quanto rappresenta:

• Una debolezza del contesto interno: manca un coordinamento tra enti pubblici e strutture private al fine di garantire un servizio di trasporto efficiente non solo in relazione alla sola attrazione, ma all’intera regione.

• Una minaccia derivante dal contesto esterno: flessione dei flussi turistici dovuta all’assenza di mezzi ferroviari e aeroporti adeguati e sufficienti per raggiungere in poco tempo tali luoghi, già di per sé nascosti (incastonati tra le rocce).

1.4. OPPORTUNITA’

L’obiettivo generale è rafforzare e accrescere l’attrattività dell’area, a partire dalle eccellenze esistenti e strutturando un sistema dinamico di offerta turistica, in ottica di sostenibilità, orientato alla creazione di un sistema turistico locale ben organizzato.

Ricollegandoci all’ultimo tema affrontato, la rete di distribuzione e dei traporti è da sempre il punto cruciale della Basilicata e l’impresa è riuscita solo in minima parte a fronteggiarlo. Come raggiungere un territorio se non vi sono mezzi di trasporto sufficienti e adeguati? Dal 2011 la convenzione con Alitalia rientra tra le azioni di potenziamento e qualificazione delle infrastrutture a servizio di Poli turistici e attrattori più consistenti: gli appassionati del Volo dell’Angelo che vorranno vivere l’esperienza e raggiungere le Dolomiti Lucane, potranno usufruire di un e-coupon (sconto del 10% sul prezzo del biglietto aereo) attraverso i tre scali aereoportuali di Napoli, Bari e Salerno Costa d’Amalfi11. L’accordo ha permesso di risparmiare in termini di costi e allo stesso tempo ha rappresentato una forma di promozione all’interno degli aeroporti, nei quali vi era la possibilità di trovare brochure descrittive sia del Volo dell’Angelo che del territorio lucano. Non avere un aeroporto per la Regione rappresenta una forma di declassamento, dovendo necessariamente ricorrere a partnership con distretti territoriali esterni. Anche i collegamenti tramite linee ferroviarie lasciano a desiderare: solo da un anno la Regione è raggiungibile tramite l’alta velocità, ma il numero di corse è molto limitato e gli orari di partenze/ arrivi scomodi per i turisti. Una volta arrivati a destinazione, si rimanda tutto all’indomani! Dunque l’impresa per aumentare i flussi turistici e permettere di vivere il soggiorno e l’esperienza offerta in maniera confortevole, dovrebbe battersi per incrementare e migliorare la logistica dei trasporti soprattutto all’interno del territorio ma anche a livello statale/nazionale.

11 http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/detail.jsp?otype=1012&id=565124

Nel contesto attuale non appare una missione impossibile dal momento che, il Volo dell’Angelo e la regione Basilicata possono beneficiare dell’elevata esposizione mediatica di Matera capitale della cultura 2019. All’interno del programma presentato nel 2017 dall’Apt Basilicata spicca il progetto che coinvolge la città di Matera, considerata la motrice del turismo locale, e dai dati elaborati dal SIST nel 2016 è emerso12: L’incremento degli arrivi è del +6,3% mentre quello delle presenze del +1,8%, il tasso di occupazione ha registrato una crescita nel Metapontino del 43,2% e nel Materano del 36,1%, il numero dei posti letto è salito a 40.815 e gli esercizi ricettivi a 1175, di cui il 19% sono strutture alberghiere. La Basilicata nella realizzazione del progetto ha richiesto al Governo l’anticipazione di 500 milioni di euro provenienti dal finanziamento previsto dal Patto per il Sud e tramite questi ha migliorato il trend del settore turistico locale. Il sogno alla base dell’attività dell’Apt era intercettare una fascia dei tantissimi turisti che nel mondo si muovono verso mete culturali, per offrire loro le bellezze paesaggistiche, naturali, architettoniche e gastronomiche del territorio13. Nel caso specifico riteniamo che l’impresa abbia tutte le caratteristiche e gli elementi per soddisfare questo tipo di turismo. A tal proposito la Regione, dato il grande successo raggiunto dal Volo dell’Angelo e appurato che vi è una fascia di utenti attratta dal turismo esperienziale sempre più consistente, ha inaugurato due nuove attrazioni:

• Il Volo dell’Aquila : impianto sportivo per il tempo libero, che simula un volo in deltaplano (altri impianti simili sono in funzione in Austria, Germania e Iraq) e che a differenza del “Volo dell’Angelo”, eseguibile individualmente e solo in seguito alla crisi anche in coppia, può essere condiviso da un gruppo di quattro persone. Il progetto è stato approvato dalla Giunta regionale nel 2010 insieme ad altri attrattori tra cui quello storico rievocativo dello sbarco dei Greci nello scenario della diga di Senise di prossima realizzazione ed è stato finanziato dal Programma Speciale Senisese con 1.600.000 euro. Secondo Gianpiero Perri (Direttore generale dell’Apt Basilicata), il nuovo attrattore turistico, sorto a San Costantino Albanese ha aumentato la competitività del territorio, accrescendo dal punto di vista turistico l’attrattività dei paesaggi e delle bellezze naturali e attirando un numero sempre maggiore di utenti verso i borghi14.

• Il Ponte Tibetano: in realtà sono due e situati entrambi a Sasso di Castalda. Dal paese si raggiunge la partenza del primo ponte, lungo 95 mt e sospeso a circa 70 mt di altezza mentre dal punto di arrivo si percorre un sentiero per arrivare alla partenza del secondo

12

12 http://www.aptbasilicata.it/fileadmin/uploads/Statistiche/Statistica_2016/Comp_IR_graf_3.pdf 13 http://www.sassilive.it/economia/lavoro/apt-presenta-dati-flussi-turistici-2016-e-attivita-2017- a-matera-lopenspace-basilicata/ 14 http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/detail.jsp?otype=1012&id=2964129

ponte il “Ponte alla Luna” lungo 300 mt e sospeso a 120mt di altezza. All’arrivo di quest’ultimo inoltre è stata realizzata una sky-walk in vetro sospesa al ponte15.

All’interno della Regione l’impresa Volo dell’Angelo S.c.a.r.l., come già detto, è stata la prima ad introdurre una forma di turismo esperienziale e dato il gran successo riscontrato, le nuove proposte sono state la diretta conseguenza di questo. Più precisamente il Volo dell’Aquila rappresenta rispetto al Volo dell’Angelo un’attrazione alternativa mentre il Ponte Tibetano una nuova forma di esperienza. Questo, infatti, è stato inaugurato solo il 6 aprile dell’anno in corso ed ha registrato già un numero di presenze elevato. A dimostrazione del riscontro positivo da parte dei fruitori per queste nuove forme di turismo, sarebbe opportuno che le tre imprese collaborassero tra loro al fine di proporre un’offerta turistica ben assortita e che includa la possibilità di vivere il maggior numero possibile di esperienze durante il soggiorno. Inoltre il Volo dell’Angelo per aumentare la sua competitività rispetto alla concorrenza e per migliorare il suo pacchetto di offerta turistica potrebbe:

• Riqualificare l’offerta esistente;

• Incrementare il numero di strutture ricettive e migliorare la loro qualità;

• Rinforzare i nuovi impianti finalizzati alla diversificazione delle mete;

• Potenziamento della comunicazione, sponsorizzazione e delle informazioni;

• Perfezionare l’ospitalità tramite l’accoglienza.

Proprio in riferimento a quest’ultimo punto si sono affermate imprese extra-alberghiere che hanno saputo combinare fattori tradizionali dell’offerta con elementi innovativi, quali l’enogastronomia, il folklore e l’artigianato. Per il potenziamento della comunicazione e della sponsorizzazione, gli eventi rappresentano il nuovo strumento per incrementare la notorietà-visibilità, la reputazione e la fidelizzazione. L’event management è nato come risposta alla dimensione di breve termine dei soggiorni e gli eventi diventano un servizio in più per generare emozioni, durante l’esperienza16. Tra i principali eventi organizzati dall’impresa Volo dell’Angelo S.c.a.r.l. all’interno dei due borghi, rientrano: concerti e spettacoli al chiuso e all’aperto, sagre folkloristiche ed enogastronomiche.

CONCLUSIONI

15 http://www.touringclub.it/notizie-di-viaggio/in-basilicata-il-ponte-tibetano-piu-spettacolare- ditalia 16 Paniccia P., Silvestrelli S., Valeri M. (2010) (a cura di) Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali. Destinazione, Impresa, Esperienza

Il Volo dell’Angelo è riuscito a stupire non solo per la carica di adrenalina che trasmette a chi sceglie di vivere l’esperienza, ma anche e soprattutto per le ricadute positive che ha generato sul sistema turistico lucano. In otto anni di attività vi sono stati 71.768 voli di cui 13.562 nel 2014, con un fatturato complessivo di oltre 2.400.000 euro e queste cifre negli anni sono aumentate ulteriormente grazie ad un’attenzione particolare all’innovazione e alla presentazione del progetto durante l’Expo (visione in 4D dell’attrazione e del paesaggio grazie a dei visori Cardboard)17. Dal nostro punto di vista l’impresa ha saputo cogliere ed affrontare le nuove esigenze del mercato, ma vi sono alcuni elementi del sistema di offerta ancora da perfezionare. Il principale limite a cui deve far fronte è inerente alle modalità di accesso ai luoghi: un potenziamento dei collegamenti locali unito alla continuazione della partnership con Alitalia, sembrano essere al momento le soluzioni più fattibili. Un ulteriore elemento sul quale lavorare è rappresentato dal pacchetto di offerta turistica proposto, integrandolo con servizi aggiuntivi (eventi, sagre, spettacoli) e nuove collaborazioni con le strutture presenti sul territorio. Per esempio:

• Permettere, nel caso specifico, agli appassionati di prenotare un biglietto per ciascuna delle tre attrazioni ad un prezzo ridotto o di usufruire di un pacchetto 3x2.

• Creare un numero maggiore di eventi (anche nel periodo di chiusura delle attrazioni) per migliorare le economie locali;

• Aumentare la pubblicità dell’attrazione e dei borghi per incrementare i flussi turistici (facebook, youtube, tg nazionali, riviste e sulle guide turistiche);

• Possibilità di prenotazioni anche telefoniche;

• Creazione di una “Experience card” che permetta ai turisti della regione di beneficare ogni 10 ingressi tra i vari punti di attrazione di uno sconto sull’ingresso dell’undicesimo (principalmente su Volo dell’Angelo, Volo dell’Aquila e Ponte Tibetano;

• Sfruttare l’elevata esposizione mediatica di Matera, eletta capitale della cultura fino al 2019, trovando accordi con il progetto elaborato dall’Apt a questa dedicato e, depositando brochure descrittive presso gli uffici turistici e le varie strutture ricettive, delle attrazioni.

12 17 http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/Giunta/detail.jsp?otype=1012&id=2996992

SITOGRAFIA

• http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/detail.jsp?otype=1012&id=565124

• http://www.volodellangelo.com

• http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/detail.jsp?otype=1012&id=598259

• http://www.basilicatanotizie.net/ambiente/433-volo-dellangelo-per-legambiente-tra-le-migliori- offerte-di-turismo-green

• http://www.ninjamarketing.it/2013/08/20/il-volo-dellangelo-in-basilicata-e-marketing-turistico- sportivo-e-rurale/

• http://www.aptbasilicata.it/fileadmin/uploads/Statistiche/Statistica_2016/ Comp_IR_graf_3.pdf

• http://www.sassilive.it/economia/lavoro/apt-presenta-dati-flussi-turistici-2016-e- attivita-2017-a-matera-lopenspace-basilicata/

• http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/giunta/detail.jsp?otype=1012&id=2964129

• http://www.touringclub.it/notizie-di-viaggio/in-basilicata-il-ponte-tibetano-piu-spettacolare- ditalia

• http://www.regione.basilicata.it/giunta/site/Giunta/detail.jsp?otype=1012&id=2996992

• http://www.comune.castelmezzano.pz.it/index.php/component/tags/tag/23-turismo-e-attrazioni

BIBLIOGRAFIA

• Paniccia P., Silvestrelli S., Valeri M. (2010) (a cura di) Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali. Destinazione, Impresa, Esperienza

non sono stati rilasciati commenti
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 11 totali
Scarica il documento