Esercitazione microeconomia con soluzioni, Esercitazioni e Esercizi di Microeconomia. Università di Torino
antonio
antonio

Esercitazione microeconomia con soluzioni, Esercitazioni e Esercizi di Microeconomia. Università di Torino

PDF (390 KB)
34 pagine
50Numero di download
1000+Numero di visite
97%su 48 votiNumero di voti
40Numero di commenti
Descrizione
Esercizi su domanda e offerta di mercato, prezzo, curva di domanda, quantità  di equilibrio, rendita per il consumatore. Elasticità  della domanda rispetto al reddito, domanda anelastica, costo marginale, prodotto margin...
100 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 34
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 34 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 34 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 34 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 34 totali
Scarica il documento
Esercizi

1

Esercizi di Microeconomia Svolti in Aula.

1)Domanda e Offerta di mercato

Considera i seguenti mercati: utilizzando un sistema di assi cartesiani analizza l’impatto determinato dalle

circostanze di volta in volta richiamate.

a) Supponete di operare sul mercato del parmigiano reggiano. Ipotizziamo che l’offerta sia data e non

modificabile, quindi analizziamo solo le reazioni dei consumatori (domanda). Partendo da una posizione di

equilibrio evidenziare come questo si modifica se:

Studi scientifici dimostrano che il suo regolare consumo allunga la speranza di vita;

Il prezzo del prosciutto di Parma sale alle stelle;

Si verifica un boom economico in Italia che determina un aumento del reddito disponibile in tutte le

famiglie.

Soluzione suggerita:

1. In questo caso i consumatori vorranno aumentare la spesa in parmigiano.

La curva di domanda si sposta verso l’altro (l’offerta `e fissa) e il nuovo equilibrio si realizzerà in corrispondenza di

un livello dei prezzi più alto con una quantità scambiata maggiore di prodotto.

2. In questo caso l’effetto `e nullo o trascurabile, in quanto parmigiano e prosciutto non sono beni complementari

ne sostituti. I consumatori possono decidere di consumare un’altra marca di prosciutto e lasciare invariata la

quantità di parmigiano consumata.

3. Il reddito disponibile aumenta, se il parmigiano `e un bene normale (supponiamo che lo sia) la quantità

domandata aumenta. La retta di domanda si sposta verso l’altro. Nuovo equilibrio con prezzo e quantità di

equilibrio maggiori.

b) Supponete adesso di analizzare il mercato delle automobili per uso cittadino, prendiamo il caso della smart.

Nuovamente ci troviamo in una situazione di equilibrio. Sia domanda che offerta possono variare. Cosa succede

se:

A causa di miglioramenti tecnologici la casa produttrice decide di abbassare i prezzi;

I prezzi di tutte le altre automobili per uso cittadino aumentano;

Si scatena una guerra in Medio Oriente che determina un aumento del costo del petrolio.

2

Soluzione suggerita:

1. In questo caso in corrispondenza di ogni quantità offerta, il prezzo sarà inferiore. La curva di offerta si sposta

verso il basso. A prezzi più bassi i consumatori acquistano più smart. Nuovo equilibrio con più scambi a prezzi

inferiori.

2. Aumenta la quantità domandata di smart. Dato il livello di produzione, i prezzi aumenteranno: la curva di

domanda si sposta verso l’alto. Nuovo equilibrio con prezzi ma anche quantità scambiate più elevate.

3. La quantità di automobili domandata diminuisce leggermente. In corrispondenza di ogni livello di prezzo. La

curva di domanda si sposta verso il basso. Nuovo equilibrio con prezzi e quantità scambiata inferiori.

c) Domanda di musica (non pirata); Partendo da una posizione di equilibrio, determinare cosa succede se:

Si abbassa il prezzo dei CD nelle grandi catene di distribuzione;

Viene effettuata una maxiretata nazionale contro la pirateria musicale;

Aumenta il numero di giovani che lavorano durante il periodo estivo.

Soluzione suggerita:

1. La retta di domanda si sposta verso l’alto. Dato che la quantità di musica prodotta non varia tuttavia, avremo un

nuovo equilibrio con prezzi più alti e quantità scambiata più elevata.

2. La quantità domandata aumenta. La domanda si sposta verso l’alto. Nuovo equilibrio con prezzi e quantità

scambiata più elevati.

3. Questo fattore potrebbe determinare un aumento del reddito disponibile. Se assumiamo che la musica non pirata

sia un bene normale, assisteremo a un marginale incremento della quantità domandata. Nuovo equilibrio con prezzi

e quantità superiori a quello iniziale.

2)Considero un mercato composto da tre consumatori le cui curve di domanda individuali sono,rispettivamente:

P =30 – 3/2·Q1, P =30– 6·Q2 , e P =30 – Q3

a) Determinare la domanda complessiva di mercato.

b) Calcolare la spesa totale in corrispondenza di PA = 12.

3

c) Se la curva di domanda di mercato si sposta parallelamente a se stessa in seguito alla crescita del prezzo

di un bene complementare, da che lato si sposta la curva di domanda per PA = 12?

Soluzione suggerita:

a)La procedura con la quale si determina la domanda di mercato aggregando le domande individuali di più

individui viene chiamata somma orizzontale: prima di tutto occorre esprimere le funzioni di domanda individuali in

forma diretta (le quantità in funzione del prezzo).

P =30 – 3/2 Q1

3/2·Q1 =30 – P

Q1 =30·(2/3) –(2/3)P

Q1 =20 –(2/3) P

P =30– 6·Q2

6·Q2 =30 – P

Q2=30·(1/6) –(1/6) P

Q2=5 –(1/6) P

P =30 – Q3

Q3 =30 - P

Q = Q1 + Q2 + Q3

Q = 20 –(2/3) P + 5 –(1/6) P +30 – P

Q = 55 – (2/3 +1/6 + 1)·P

Q = 55– (4+1+6)/6·P

Q = 55– 11/6·P

11/6·P = 55 – Q

P =55·(6/11) – 6/11·Q

P =30 – 6/11·Q

4

b) La spesa totale si calcola come prodotto del prezzo di mercato per la quantità scambiata in corrispondenza di

quel prezzo. Per PA=12:

P =30 – 6/11·Q

12=30 – 6/11·Q

6/11·QA = 30– 12

QA = 18·(11/6) = 33

SA= PA·QA = 12·33 = 396

c) Come sappiamo, la crescita del prezzo di un bene complementare determina una variazione della quantità

domanda del bene di cui conosciamo la curva di domanda. Dunque, a parità di prezzo, la quantità domandata si

riduce e la curva si sposta parallelamente verso sinistra. (Ad esempio nella cultura anglosassone pancetta e uova, o

sci e scarponi e cosi via);

Graficamente:

Poiché la curva si sposta parallelamente, la sua pendenza resta invariata. Al contrario, poiché la quantità

domandata è diminuita il rapporto (P/Q) tende a crescere.

3)Un panettiere ha una curva di domanda giornaliera data da Q = 80 –10/3·P, dove P è il prezzo di un Kg di pane

e Q il numero di Kg di pane venduti giornalmente.

a) Se vengono venduti 70 Kg di pane al giorno quale sarà il ricavo totale per il panettiere?

Soluzione suggerita:

Il ricavo si determina moltiplicando il prezzo di mercato per la quantità di prodotto scambiata. In corrispondenza di

70 Kg di pane venduto, è possibile determinare il prezzo di mercato utilizzando la relazione di domanda:

5

Q = 80 –10/3·P

Q=70

70 = 80 –10/3·P

10/3·P = 80- 70

P = 10·(3/10) = 3

R = P×Q = 3×70 = 210

Se vogliamo determinare graficamente la curva di domanda e il ricavo complessivo, prima di tutto riscriviamo la

funzione di domanda in forma inversa (il prezzo in funzione della quantità domandata). Come sappiamo, infatti, per

la rappresentazione grafica della curva di domanda si usa porre la quantità sulle asse delle ascisse e il prezzo

sull’asse delle ordinate.

10/3·P = 80 – Q

P = 80·(3/10) – 3/10·Q

P = 24 – 3/10·Q

4) Mercato della pizza:

Prezzo (€) Quantità domandata Quantità offerta

4 135 26

5 104 53

6 81 81

7 68 98

8 53 110

9 39 121

6

Tracciate le curve di domanda e di offerta. Quali sono prezzo e quantità di equilibrio in questo mercato? Se il

prezzo corrente fosse superiore a quello di equilibrio, cosa spingerebbe il mercato verso l’equilibrio? E se il prezzo

fosse inferiore?

Soluzione suggerita:

Come si può vedere dal grafico e dalla tabella, il prezzo di equilibrio è di 6 €.

Se il prezzo fosse superiore, si verificherebbe una situazione di eccesso di offerta, cioè per quel dato prezzo le

imprese sarebbero disposte a produrre più di quanto il mercato sia disposto ad assorbire. Di conseguenza, pur di

vendere la loro produzione in eccesso, le imprese tenderanno a diminuire i prezzi fino al prezzo di equilibrio, per il

quale quantità domandata ed offerta sono uguali. Il contrario si verifica se il prezzo è inferiore a quello di

equilibrio.

5) Mercato dei biglietti per le locali partite di pallacanestro

Prezzo (€) Quantità domandata Quantità offerta DB

4 10.000 8.000 4.000

8 8.000 8.000 3.000

12 6.000 8.000 2.000

16 4.000 8.000 1.000

20 2.000 8.000 0

Tracciate le curve di domanda ed offerta. Che cosa ha di inusitato questa curva di offerta?

Quali sono il prezzo e la quantità di equilibrio?

L’università pianifica di avere 5000 studenti in più il prossimo anno. La domanda dei nuovi studenti sarà DB.

Aggiungetela alla precedente scheda di domanda e calcolate la nuova scheda. Quali saranno il nuovo prezzo e la

nuova quantità di equilibrio?

7

Soluzione suggerita:

La curva di offerta è perfettamente rigida: la quantità è fissa ed indipendente dal prezzo. Il prezzo di equilibrio è

pari ad 8 € e la quantità è 8.000.

Con un’offerta perfettamente rigida, il prezzo è determinato dalla domanda; un suo aumento implica solo un

aumento del prezzo e non della quantità di equilibrio.

Nella tabella sottostante, la nuova scheda di domanda (D2), data dalla domanda iniziale più DB. Il nuovo prezzo di

equilibrio sarà pari a p2 = 12 €.

6)Una gelata fuori stagione in Sicilia distrugge il raccolto dei limoni. Che cosa accade alla rendita del

consumatore sul mercato dei limoni? Che cosa accade alla rendita del consumatore sul mercato della limonata?

Illustrate le vostre risposte con dei grafici.

Soluzione suggerita:

Una distruzione del raccolto dei limoni, dovuta ad una gelata fuori stagione, ha come risultato una diminuzione

dell’offerta di limoni ed un conseguente aumento dei prezzi di limoni. Questa situazione influisce sulla rendita del

consumatore: questa si riduce passando dall’area iniziale AEP all’area AE’P’.

8

La variazione del prezzo dei limoni ha delle conseguenze sul mercato della limonata, essendo questo un prodotto

derivato dei limoni. Dato che il prezzo dei limoni è aumentato, l’offerta di limonata si riduce, facendo aumentare il

prezzo della limonata.

La rendita del consumatore, inizialmente pari all’area ACE, si riduce a AC’E’. Il benessere dei consumatori di

limonata è quindi diminuito.

7) Ipotizziamo che aumenti la domanda di pane francese. Che cosa accade alla rendita del produttore sul mercato

del pane francese? Che cosa accade alla rendita del produttore sul mercato della farina? Illustrate le vostre

risposte con dei grafici.

Soluzione suggerita:

Un aumento della domanda di pane francese produce uno spostamento della curva di domanda da D a D’,

determinando così un aumento del prezzo del pane. Questo avrà come conseguenza un aumento della rendita del

produttore: dalla situazione iniziale AEP la rendita aumenterà fino a AE’P’.

La maggiore quantità di pane francese venduta sul mercato comporta un aumento della domanda di farina (la curva

di domanda di farina si sposta da D a D’). Come conseguenza la rendita dei produttori di farina aumenta, passando

9

dall’area AEB all’area AE’B’. In pratica, ciò che è accaduto sul mercato del pane francese, ha avuto ripercussioni

sul mercato della farina.

8) E’ una giornata molto calda e Bruno ha molta sete. Ecco il valore, in Euro, che egli attribuisce a una bottiglia

di acqua:

Valore della prima bottiglia di acqua: 7

Valore della seconda bottiglia di acqua: 5

Valore della terza bottiglia di acqua: 3

Valore della quarta bottiglia di acqua: 1

a) Sulla base di queste informazioni, costruite la scheda di domanda di Bruno e tracciatene il grafico.

b) Se il prezzo di una bottiglia è di 4 Euro, quante bottiglie acquisterà Bruno? Quanta rendita del consumatore

ricava dal proprio acquisto? Mostrate tali variazioni sul vostro grafico.

c) Se il prezzo di una bottiglia scende a 2 Euro, come variano la quantità domandata e la rendita del consumatore

di Bruno? Mostrate tali variazioni sul vostro grafico.

Soluzione suggerita:

a) Costruire tabella e grafico:

b) Se il prezzo di una bottiglia è pari a 4 Euro, Bruno sarà portato ad acquistare 2 bottiglie di acqua. La rendita,

cioè l’area compresa tra la curva di domanda e il livello del prezzo, è pari ad A. Per calcolare la rendita

quantitativamente, bisogna sottrarre il prezzo di una bottiglia al valore attribuito alla stessa:

10

Per la prima bottiglia, Bruno sarebbe stato disposto a pagare 7 Euro. Dato che il prezzo di una bottiglia è

pari a 4, la rendita per la prima bottiglia è pari a 7-4 = 3.

Per la seconda bottiglia, Bruno avrebbe pagato 5 Euro; dato che la paga 4 Euro, la rendita per la seconda

bottiglia è pari a 1.

La rendita totale di Bruno è dunque 3+1 = 4.

c) Se il prezzo di una bottiglia scende da 4 Euro a 2 Euro, la quantità domandata da Bruno aumenta passando da 2

a 3 bottiglie. La rendita di Bruno sarà ora pari a: area A + area B. Numericamente avremo:

per la prima bottiglia la rendita sarà pari a: 7 (il prezzo che Bruno sarebbe stato disposto a pagare) – 2

(prezzo effettivo per una bottiglia di acqua) = 5;

la rendita per la seconda bottiglia sarà pari a : 5-2 = 3;

la rendita per la terza bottiglia sarà: 3-2 = 1;

La rendita totale di Bruno, per un prezzo pari a 2 Euro, sarà: 5+3+1=9

Rispetto alla situazione precedente (prezzo = 4 Euro), la rendita di Bruno è aumentata. Quantitativamente la

rendita, ad un prezzo pari a 2 Euro, è aumentata di 5 (9-4=5).

9) Ernesto è proprietario di una sorgente. Poiché estrarre grandi quantitativi di acqua è più faticoso che estrarne

moderati quantitativi, il costo di produzione di una bottiglia aumenta all’aumentare della quantità prodotta. Ecco

i costi, espressi in Euro, che egli deve affrontare per produrre ogni bottiglia di acqua;

Costo della prima bottiglia di acqua: 1

Costo della seconda bottiglia di acqua: 3

Costo della terza bottiglia di acqua: 5

Costo della quarta bottiglia di acqua: 7

a) Sulla base di queste informazioni, costruite la scheda di offerta di Ernesto e tracciatene il grafico.

b) Se il prezzo di una bottiglia è 4 Euro, quante bottiglie produrrà Ernesto?Quanta rendita del produttore ricava

dalle proprie vendite?Mostrate la rendita del produttore di Ernesto nel vostro grafico.

c) Se il prezzo sale a 6 Euro, come variano la quantità offerta e la rendita del produttore di Ernesto? Mostrate tali

variazioni sul vostro grafico.

Soluzione suggerita:

a) Costruire tabella e grafico:

11

b) Se il prezzo di una bottiglia è pari a 4 Euro, Ernesto (produttore) sarà disposto a produrre 2 bottiglie di acqua.

La rendita, che corrisponde alla differenza tra il prezzo pagato al produttore e il costo di produzione, è pari all’area

A. Quantitativamente:

Per produrre la prima bottiglia di acqua, Ernesto sarebbe stato disposto a farla pagare un prezzo pari a 1

Euro. Dato che i consumatori gliela pagano 4 Euro, la sua rendita è pari a: 4-1 = 3

Per la seconda bottiglia, vale lo stesso ragionamento: Ernesto ha una rendita pari a 4-3 = 1

La rendita di Ernesto, con un prezzo pari a 4 Euro, è pari a 3+1 = 4

c) Si ipotizza ora che il prezzo di una bottiglia di acqua aumenti da 4 a 6 Euro. Per questo livello di prezzo, Ernesto

sarà disposto a produrre 3 bottiglie. Come conseguenza, la rendita di Ernesto aumenterà; la rendita corrisponderà

ora all’area A+B. Quantitativamente:

per produrre la prima bottiglia di acqua, Ernesto sarebbe stato disposto a far pagare 1 Euro, ma dato che i

consumatori gliela pagano 6 Euro, la sua rendita è 6-1 = 5

per la seconda bottiglia la rendita del produttore è: 6-3 = 3

per la terza bottiglia la rendita è: 6-5 = 1

La rendita del produttore, con un prezzo pari a 6 Euro, è pari a: 5+3+1 = 9

L’incremento della rendita del produttore, associato all’aumento del prezzo di una bottiglia di acqua, è pari a 5 (9 -

4=5).

10) Considerate un mercato sul quale Bruno del problema 8 sia il compratore ed Ernesto del problema 9 sia il

venditore.

a) Usate la tabella di domanda di Bruno e quella di offerta di Ernesto per stabilire quantità domandata e offerta

al prezzo di 2,4 e 6 Euro. Quale di questi prezzi mette in equilibrio domanda e offerta?

12

b) A quanto aumentano rendita del consumatore, rendita del produttore e rendita totale in condizioni di

equilibrio?

c) Se Ernesto producesse e Bruno consumasse una bottiglia di acqua di meno, che cosa accadrebbe alla rendita

totale?

d) Se Ernesto producesse e Bruno consumasse una bottiglia di acqua in più, che cosa accadrebbe alla rendita

totale?

Soluzioni suggerite:

prezzo quantità domandata quantità offerta

2 3 1

4 2 2

6 1 3

a) Il prezzo di equilibrio corrisponderà a 4 Euro, dove la quantità domandata e la quantità offerta si eguagliano

(Qdomandata = Qofferta = 2).

b) Come dimostrato dall’esercizio 6 e dall’esercizio 7, la rendita del consumatore è pari a 4 e la rendita del

produttore è pari a 4. Quindi la rendita totale, che massimizza il benessere di una società, è pari a 4+4=8.

c) Se Bruno consumasse 1 bottiglia, sarebbe disposto a pagarla 7 ma la paga 4. Dunque 7-4 = 3 è la sua rendita. Il

surplus del consumatore è diminuito di 1.

Se Ernesto producesse 1 bottiglia, sarebbe disposto a venderla per 1 ma la vende a 4. dunque 4-1 = 3 è la sua

rendita. Il surplus del produttore è diminuito di 1.

La rendita totale è dunque pari a: 3 (rendita di Bruno) + 3 (rendita di Ernesto) = 6.

d) Se Bruno consumasse 3 bottiglie, la sua rendita sarebbe pari a 3.

7-4 = 3; 5-4 = 1; 3-4 = -1 (disponibilità a pagare ogni bottiglia – 4, che è il prezzo pagato) 3+1-1 = 3.

Se Ernesto producesse 3 bottiglie, la sua rendita sarebbe pari a 3.

4-1 = 3; 4-3 = 1; 4-5 = -1 (prezzo, cioè 4, meno costo sostenuto per ogni bottiglia) 3+1-1 = 3.

La rendita totale, in questa ipotesi, è 6 (di nuovo, inferiore a quella registrata in equilibrio).

11) Supponente che un avanzamento della tecnologia riduce i costi di produzione dei computer.

a) Usate un grafico Domanda-Offerta per mostrare cosa accade al prezzo, alla quantità, al surplus del

consumatore e a quello del produttore nel mercato dei computer.

b)Computer e calcolatrici tascabili sono beni sostituti. Usate un grafico Domanda-Offerta per mostrare cosa

accade al prezzo, alla quantità, al surplus del consumatore e a quello del produttore nel mercato delle calcolatrici

13

tascabili. I produttori di calcolatrici tascabili saranno lieti o dispiaciuti del progresso tecnologico nel settore dei

computer?

c) Computer e software sono beni complementari.Usate un grafico Domanda-Offerta per mostrare cosa accade al

prezzo, alla quantità, al surplus del consumatore e a quello del produttore nel mercato dei software. I produttori di

calcolatrici tascabili saranno lieti o dispiaciuti del progresso tecnologico nel settore dei computer?

Soluzioni suggerite:

a) Un avanzamento della tecnologia riduce i costi di produzione dei computer.

Dal momento che i costi di produzione sono più bassi, in corrispondenza di un dato livello di prezzo i produttori

saranno disposti a produrre di più. L’offerta di computer aumenta; il prezzo dei computer si riduce e la quantità di

equilibrio aumenta.

Surplus del consumatore: Surplus del produttore:

iniziale A iniziale B

Finale A+B+C+D finale E

Variazione +B+C+D variazione -B+E

Il surplus del consumatore è aumentato. Il surplus del produttore è aumentato se E>B, è diminuito in caso contrario.

Il benessere complessivo è certamente aumentato:

Surplus totale:

iniziale A+B

finale A+B+C+D+E

variazione +C+D+E

b) Computer e calcolatrici tascabili sono beni succedanei. Se, come abbiamo visto, il prezzo dei computer

diminuisce, più persone preferiranno servirsi dei computer anziché delle calcolatrici, la cui domanda diminuisce.

14

La diminuzione della domanda di calcolatrici tascabili provoca una diminuzione del prezzo e della quantità di

equilibrio.

Surplus del consumatore Surplus del produttore Surplus complessivo

Iniziale A iniziale B+C+D iniziale A+B+C+D

Finale C finale D finale C+D

Variazione -A+C variazione -B-C variazione -A-B

I produttori di calcolatrici tascabili dovrebbero essere dispiaciuti del progresso tecnologico nel settore dei

computer, perché la loro rendita è diminuita.

c) Computer e software sono beni complementari. Se, come abbiamo visto, la quantità di equilibrio dei computer

aumenta, ci dobbiamo aspettare anche un aumento della domanda di software.

L’aumento della domanda di software provoca un aumento del prezzo e della quantità di equilibrio.

Surplus del consumatore Surplus del produttore Surplus complessivo

iniziale A iniziale B iniziale A+B

finale C finale A+B+D finale A+B+C+D

variazione -A+C variazione +A+D variazione +C+D

15

I produttori di software dovrebbero essere contenti del progresso tecnologico nel settore dei computer, perché la

loro rendita è aumentata.

12) Supponiamo che chi viaggia per lavoro e chi per turismo abbia una diversa domanda di biglietti aerei sulla

tratta New York - Boston:

Prezzo (€) Quantità domandata (viaggi di lavoro) Quantità domandata (turismo)

150 2100 1000

200 2000 800

250 1900 600

300 1800 400

a) Se il prezzo del biglietto aumenta da 200 a 250 euro, qual è l’elasticità della domanda rispetto al prezzo di (i)

chi viaggia per lavoro e di (ii) chi viaggia per turismo?

b) Perché chi viaggia per lavoro ha un’elasticità diversa da chi viaggia per turismo?

Soluzione suggerita:

a) Se il prezzo passa da 200 a 250 euro la domanda di biglietti aerei sulla tratta considerata diminuisce:

i) per chi viaggia per lavoro passa da 2000 a 1900 e quindi l’elasticità (calcolata con il metodo del punto medio) è

data da:

(1900-2000)\1950:(250-200)\225= - 0,23 (non è necessario considerare il segno meno).

ii) per chi viaggia per turismo passa da 800 a 600 e l’elasticità è: (600-800)\700:(250-200)\225= -1,29 (non è

necessario considerare il segno meno).

La domanda di biglietti aerei di chi viaggia per lavoro ha elasticità minore perché, per queste persone il viaggio in

aereo è un bene necessario che, per ragioni di tempo, non ha sostituti, mentre chi viaggia per turismo può anche

scegliere altri mezzi.

13) Supponiamo che la vostra scheda di domanda di compact disc sia la seguente:

16

Prezzo in euro Quantità domandata Quantità domandata

(reddito=10000 euro) (reddito=12000 euro)

8 40 50

10 32 45

12 24 30

14 16 20

16 8 12

a) Calcolate l’elasticità della vostra domanda per un aumento di prezzo da 8 a 10 euro se (i) il vostro reddito è di

10.000 euro e (ii) è di 12.000 euro.

b) Calcolate la vostra elasticità rispetto al reddito a fronte di un aumento di questo da 10.000 a 12.000 euro se (i)

il prezzo è di 12 euro e (ii) di 16 euro.

Soluzione suggerita:

a) Se il prezzo aumenta da 8 a 10 €

(i) (32-40)\36 : (10-8)\9= - 1

(ii) (45-50)\47.5 : (10-8)\9= - 0,47

b) Se il reddito aumenta da 10.000 a 12.000 €

(i) (30-24)\27 : (12000-10000)\11000= 1,22

(ii) (12-8)\10 : (12000-10000)\11000= 2,2

14) Il New York Times ha riferito, il 17 febbraio 1996, che i passeggeri della metropolitana di New York sono

diminuiti in conseguenza dell’aumento della tariffa di trasporto: “Nel dicembre 1995, il primo mese dopo che il

biglietto è stato aumentato di 25 centesimi, portandolo a 1.50 dollari, si contavano quattro milioni di passeggeri in

meno, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente: una diminuzione del 4.3%”.

a) Utilizzate questi dati per calcolare l’elasticità della domanda di trasporti in metropolitana rispetto al prezzo.

b) Sulla scorta della vostra stima, che cosa accade al fatturato della Transit Authority a fronte di un aumento del

prezzo del biglietto?

c) Perché la vostra stima dell’elasticità è inaffidabile?

Soluzione suggerita:

17

a) L’elasticità della domanda rispetto al prezzo è calcolata come il rapporto tra la variazione percentuale della

quantità domandata e la variazione percentuale del prezzo. (In questo problema bisogna necessariamente usare il

metodo di calcolo dell’elasticità puntuale.)

La variazione percentuale della quantità domandata è 4,3%; lo dice l’articolo.

La variazione percentuale del prezzo è P/P1: 0.25/1.25= 20%).

L’elasticità della domanda rispetto al prezzo sarà 4,3/20 = 0,125.

b) La domanda di biglietti della metropolitana è abbastanza rigida: ciò è dimostrato dal fatto che il valore

dell’elasticità è inferiore ad 1; di conseguenza, a fronte di aumenti del prezzo dei biglietti il fatturato (ricavo totale)

della Transit Authority aumenta anch’esso.

c) La stima dell’elasticità è in questo caso inaffidabile perché si cura di una situazione di breve periodo: non è

infatti improbabile che, a fronte di aumenti del prezzo, nel lungo periodo i passeggeri si organizzino con altre forme

di trasporto e dunque i ricavi della Transit Authority diminuiscano anch’essi. (Tendenzialmente la domanda di lungo

periodo di un bene è più elastica rispetto a quella di breve periodo.)

15) La domanda di farmaci è anelastica, quella di computer elastica. Supponete che un’innovazione tecnologica

faccia raddoppiare l’offerta di entrambi.

a) Cosa accade al prezzo di equilibrio ed alla quantità in ciascun mercato?

b) Quale dei due beni subisce la variazione più rilevante di prezzo?

c) Quale dei due beni subisce la variazione più rilevante di quantità?

d) Cosa accade alla spesa totale dei consumatori in ciascun mercato?

Soluzione suggerita:

a) In entrambi i mercati l’aumento dell’offerta fa diminuire i prezzi ed aumentare la quantità scambiata.

18

b) Il prezzo diminuisce maggiormente nel mercato dei farmaci dove, essendo la domanda anelastica, si assiste ad un

modesto incremento della quantità.

c) Per quanto concerne i computer, si registra un aumento più rilevante nella quantità a fronte di una inferiore

diminuzione del prezzo.

d) La spesa totale dei consumatori (che è anche il ricavo totale) è calcolata come prodotto del prezzo del bene per la

quantità venduta. Nel mercato dei farmaci il ricavo totale diminuisce, perché (essendo la domanda anelastica) una

diminuzione del prezzo produce un aumento meno che proporzionale della quantità domandata. Nel mercato dei

computer il ricavo totale aumenta, perché (essendo la domanda elastica) una diminuzione del prezzo produce un

aumento più che proporzionale della quantità domandata.

16) L’offerta di ville sul mare è anelastica; quella di automobili è elastica. Supponete che raddoppi la domanda di

entrambi i beni.

a) Cosa accade al prezzo di equilibrio ed alla quantità in ciascun mercato?

b) Quale dei due beni subisce la variazione più rilevante di prezzo?

c) Quale dei due beni subisce la variazione più rilevante di quantità?

d) Cosa accade alla spesa totale dei consumatori in ciascun mercato?

Soluzione suggerita:

a) In entrambi i mercati l’aumento della domanda fa aumentare i prezzi e la quantità scambiata.

b) Il prezzo aumenta maggiormente nel mercato delle ville dove, essendo l’offerta anelastica, si assiste ad un

modesto incremento della quantità.

c) Nel mercato delle auto si registra un aumento più rilevante nella quantità a fronte di un inferiore incremento dei

prezzi.

19

d) La spesa totale dei consumatori (che è anche il ricavo totale) è calcolata come prodotto del prezzo del bene per la

quantità venduta. In entrambi i mercati il ricavo totale aumenta.

17) Prendete in considerazione i provvedimenti politici volti a limitare il tabagismo.

a) Alcuni studi indicano che l’elasticità della domanda di sigarette rispetto al prezzo è circa 0.4. Se un pacchetto

di sigarette costa attualmente 2 euro e il governo vuole ridurne del 20% il consumo globale, di quanto dovrebbe

far aumentare il prezzo?

b) Se l’aumento del prezzo determinato dal provvedimento governativo ha carattere permanente, il suo effetto sarà

superiore tra un anno o tra cinque anni?

c) Alcuni studi dimostrano che gli adolescenti hanno un’elasticità della domanda più elevata degli adulti. Perché

tale risultato è verosimile?

Soluzione suggerita:

a) L’elasticità della domanda al prezzo (dai dati pari a 0.4) è misurata come il rapporto tra la variazione

percentuale della quantità domandata (posta dall’esercizio pari a 20%) e la variazione percentuale del prezzo ( in

questo caso la nostra incognita) allora:

Variazione percentuale del prezzo = 20 : 0.4= 50%. Perché il consumo si riduca del 20% il prezzo deve aumentare

del 50%, deve cioè passare da 2 a 3 euro.

b) Il suo effetto sarà superiore tra cinque anni, cioè nel lungo periodo, in quanto nel breve periodo è possibile che

pochi siano disposti a smettere di fumare o a ridurre la quantità.

c) Gli adolescenti hanno solitamente un reddito inferiore e di conseguenza la loro sensibilità ad aumenti del prezzo è

maggiore; bisogna tener conto inoltre che generalmente sono meno dipendenti dal fumo in quanto fumano da minor

tempo (sono cioè diverse le loro preferenze).

18) Alcuni anni fa un’inondazione lungo il corso del Mississipi e del Missouri ha distrutto migliaia di ettari di

coltivazioni cerealicole.

a)Gli agricoltori i cui raccolti sono stati distrutti dall’inondazione hanno subito un danno, ma chi ha avuto i

raccolti salvi ha beneficiato della catastrofe. Perché?

b)Di quali informazioni sul mercato dei cereali avete bisogno per stabilire se la categoria degli agricoltori è stata

danneggiata o favorita dall’inondazione?

20

Soluzione suggerita:

a) La distruzione dei raccolti ha provocato una contrazione dell’offerta e quindi un aumento dei prezzi di cui hanno

beneficiato gli agricoltori non danneggiati dalla catastrofe, in quanto hanno potuto vendere i loro prodotti ad un

prezzo più alto senza aver subito alcun aumento dei costi.

b) Per stabilire se la categoria degli agricoltori ha subito un danno necessitiamo di informazioni riguardo

all’elasticità della domanda di cereali al prezzo e dobbiamo guardare al ricavo totale.

Se la domanda è anelastica (cioè, quando la variazione percentuale della quantità domandata è inferiore alla

variazione percentuale del prezzo), allora la categoria ne trae benefici; mentre se è elastica (cioè la variazione

percentuale della quantità domandata è superiore rispetto alla variazione percentuale del prezzo), allora la

categoria, per aumenti del prezzo, subisce un danno.

19) Ricavi, elasticità di prezzo

Un venditore di gelati ha una curva di domanda giornaliera data da Q=1800-15P, dove P è il prezzo di un gelato e

Q rappresenta il numero di gelati acquistati ogni giorno.

(a) Se il venditore vende 300 gelati al giorno, quanto ricava?

(b) Qual'è l'elasticità di prezzo della domanda di gelati in questo punto?

(c) Se il venditore desidera ottenere ricavi maggiori, dovrebbe alzare o abbassare il prezzo dei gelati?

Soluzione suggerita:

a) Se Q = 300 allora:

300 = 1800 - 15P P = 100.

b) L 'elasticità della domanda di gelati rispetto al prezzo è pari a:

Il primo membro del rapporto Q/P corrisponde alla pendenza della curva di domanda, che e costante in ogni

punto della curva e di segno negativo. Il secondo membro della formula (P/Q) rappresenta semplicemente il

rapporto fra prezzo e quantità in corrispondenza di un certo punto della curva. Tale rapporto varia su ogni punto

della curva di domanda ed ha segno positivo.

21

Se calcoliamo rispetto al punto trovato in (a) otteniamo:

c) Considerando che l'elasticità della domanda è maggiore in valore assoluto ad 1, al venditore converrà abbassare

il prezzo in quanto ad una diminuzione di prezzo pari all'1% corrisponderà un aumento della quantità venduta

maggiore dell'1%. E di conseguenza un ricavo maggiore.

20) Costo opportunità

Spiegate qual è il costo opportunità di:

(a) Iscriversi ad un corso universitario;

(b) Mantenere l'aria pulita;

(c) Fare la fila per riuscire ad assistere ad un concerto.

Soluzione suggerita:

Il costo opportunità rappresenta quello cui si è costretti a rinunciare per possedere un determinato bene.

Quindi:

a) Nel caso di un corso universitario di economia, il costo opportunità è rappresentato dall'uso del tempo e del

denaro per soluzioni alternative. Ad esempio: lavoro part time, altro tipo di corso universitario.

b) Il costo opportunità per mantenere l'aria pulita è rappresentato dalla rinuncia di tutto quello che può inquinare

l'atmosfera: sigarette, automobili, fabbriche, spray... tutto quello, cioè, che può produrre emissioni.

c) Il costo opportunità di fare la fila per acquistare i biglietti per un concerto è il miglior uso che si potrebbe fare di

quel tempo: ad esempio studiare o lavorare.

21) Costo opportunità e scambio

Il contadino A e il contadino B producono banane e cereali e consumano solo banane e cereali. Se A dedica tutto

il suo tempo lavorativo annuo alle banane ottiene 20 quintali all'anno di banane, altrimenti 300 quintali di cereali

all'anno.

22

(a) Qual è il costo opportunità per A di produrre 10 quintali di banane in termini di cereali?

Rappresentate la curva delle possibilità di produzione di A. Supponete che nell'anno corrente A

decida di produrre 10 quintali di banane: quanti cereali avrà disponibili per il consumo?

(b) Il contadino B propone ad A il seguente scambio: B acquista da A 10 quintali di banane in

compenso offre 200 quintali di cereali ad A. Conviene ad A accettare lo scambio? Dato il

risultato, potete dire se uno dei due ha un vantaggio comparato nella produzione di banane?

Soluzione suggerita:

a) Data la seguente situazione:

Produzione annua Banane Cereali

A 20 300

Il costo opportunità per produrre 10 q di banane è di 150 q di cereali. Infatti produrre 10 q di banane costa 1/2 anno,

che significa 150 q di cereali.

La curva delle possibilità di produzione, che rappresenta le possibili combinazioni dei beni prodotti, sarà:

Se A decide di produrre 10 q di banane produrrà 150 t di cereali.

b) Se A produce 20 q di banane, ne da' 10 a B ottenendo in cambio 200 q di cereali, otterrà una combinazione di

consumo pari a 10 q di banane (20 - 10) e 200 q di cereali.

La situazione è rappresentata dal seguente grafico:

23

Per stabilire se A accetta o meno lo scambio, calcoliamo i costi opportunità dei due beni e i prezzi relativi nello

scambio.

Costo opportunità

Cereali: 1 q di cereali costa 1/300 di anno 1/300 anno · 20 (q di banane/annue) =

1/15 q di banane

Prezzo relativo nello scambio

Cereali: [ 10 q ] / [ 200 q banane ] = 1/20 q di banane

Quindi si ottiene:

A Banane Cereali

Costi opportunità 15 1/15

Prezzo relativo nello scambio 20 1/20

Ora:

Il prezzo relativo delle banane nello scambio è maggiore del costo opportunità di produrre banane ad A

conviene vendere banane piuttosto che produrle perché ricava un prezzo più alto.

Il prezzo relativo dei cereali nello scambio è inferiore al costo opportunità di produrre cereali ad A

conviene acquistare cereali perché il prezzo a cui compra è inferiore al costo a cui produce.

A accetterà quindi lo scambio, quindi produrrà solo banane.

A ha un vantaggio comparato nella produzione di banane in quanto si specializza nella produzione di banane.

22) Un pescatore professionista nota la seguente relazione tra la quantità di tempo che dedica all’attività di pesca

e la quantità di pescato:

24

Ore Quantità di pesce (kg)

0 0

1 10

2 18

3 24

4 28

5 30

a) Qual è il prodotto marginale per ogni ora trascorsa a pescare?

b) Usate i dati che avete a disposizione per tracciare la funzione di produzione del pescatore.

c) Il pescatore ha un costo fisso (la sua canna) di 10 euro. Il costo-opportunità del suo tempo è di 5 euro l’ora.

Tracciate la curva del costo totale del pescatore. Spiegatene la forma.

Soluzione suggerita:

a)

Ora Prodotto marginale in kg

0 -

1 10

2 8

3 6

4 4

5 2

b) funzione di produzione

c) Costo totale

25

Ore Quantità Costo variabile Costo fisso Costo totale

0 0 0 10 10

1 10 5 10 15

2 18 10 10 20

3 24 15 10 25

4 28 20 10 30

5 30 25 10 35

L’andamento crescente della curva di costo totale (con il costo totale che cresce più che proporzionalmente rispetto

alla quantità prodotta) è speculare a quello della funzione di produzione e si spiega con l’andamento decrescente

del prodotto marginale.

23) La Polverone spa produce scope. La tabella illustra la relazione tra numero di addetti e produzione

giornaliera.

Completare la tabella calcolando PMg, CT, CMeT e CMg (quali caratteristiche notate in ciò che avete calcolato)

sapendo che un addetto costa 100 € al giorno e l’impresa ha costi fissi di 200 €.

In che relazione si trovano prodotto marginale e costo marginale?

In che relazione si trovano costo medio totale e costo marginale?

Soluzione suggerita:

molto utile e ben fatto !!!!grazie
Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeee!
ben fatto e molto utile-
http://www.docsity.com/it-docs/Esercizi-di-Microeconomia-svolti-in-aula_
1-5 di 40
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 34 totali
Scarica il documento