Il terrorismo, Appunti di Storia. Primo Levi
yasmine_jerbi
yasmine_jerbi

Il terrorismo, Appunti di Storia. Primo Levi

19 pagine
2Numero di download
616Numero di visite
100%su 1 votiNumero di voti
Descrizione
terrorismo
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 19
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 19 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 19 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 19 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 19 totali
Scarica il documento

Il terrorismo Il terrorismo è una forma di lotta

politica che consiste in una successione di azioni criminali violente, premeditate

ed atte a suscitare clamore come attentati, stragi, sequestri, sabotaggi,

ai danni di enti quali istituzioni statali o pubbliche, governi, gruppi politici,

etnici o religiosi.

Il terrorismo islamico

Nel mondo attuale esistono terrorismi di ogni genere ma solo quello di matrice islamica pare destare preoccupazioni mondiali, in quanto provoca interventi armati e muove eserciti potenti. 

TERRORISMO ISLAMICO DOPO L'11 SETTEMBRE 

Dopo l' 11 settembre , il terrorismo islamico ha superato i confini delle singole nazioni, è andato

al di là del mondo islamico stesso. Mosso da una cieca fede

religiosa esso non sembra neanche preoccuparsi delle conseguenze,

rimettendo tutto nelle mani di quel Dio al quale essi credono di ubbidire.

Questo attentato fu operato da Al Qaeda

ISIS Al Qaeda era alleato con l’Isis un piccolo gruppo stanziato in Siria. Ma nel 2014 si staccò definitivamente da Al Qaeda, per

creare un nuovo « Stato Islamico » basato sulle leggi della SHARIA. L’obiettivo dell’Isis è quello di uccidere tutti gli

infedeli. Nasce tra i confini tra la Siria e l’Iraq. Dal 2014 occuparono in Iraq da

Mosul a Baghdad, in Siria invece si trova Raqqa, dove oggi si trovano i principali

campi dell’Isis.

Territorio occupato dall’Isis

Esecuzioni • Dalla proclamazione del califfato, l'ISIS si

è reso protagonista di numerose esecuzioni anche di massa, con tanto di seppellimenti in fosse comuni nei suoi territori controllati, rapimenti, attentati, crimini e barbarie di vario genere, il tutto accompagnato da un accurata propaganda mediatica attraverso filmati pubblicati sul web di esecuzioni o minacce verso i paesi occidentali,, divenendo considerata a livello mondiale una delle peggiori organizzazioni terroristiche mai esistite. Il 19 agosto del 2014 viene pubblicato un video su YouTube ripreso immediatamente dai principali media mondiali in cui un uomo mascherato di nero con un coltello,critica gli Stati Uniti per i bombardamenti sulle postazioni dell'Isis ed uccide un ostaggio decapitandolo

Attacchi terroristici principali

24 maggio 2014, Bruxelles (Belgio ).

24 settembre 2014, Algeria. 20 ottobre 2014, Montreal (Canada). 8-9 gennaio 2015, Parigi (Francia). 18 marzo 2015, Tunisi (Tunisia): attentato al museo nazionale del Bardo. 26 giugno 2015, Susa (Tunisia). 6 ottobre 2015, Yemen. 10 ottobre 2015, Ankara (Turchia). 12 novembre 2015, Beirut (Libano). 13 novembre 2015, Parigi (Francia).

Gli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi

• Gli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi sono stati una serie di attacchi terroristici sferrati da gruppi armati ricollegabili all'autoproclamato Stato Islamico. Gli attentati sono stati compiuti da almeno otto persone fra uomini e donne, responsabili di tre esplosioni nei pressi dello stadio e di sei sparatorie in diversi luoghi pubblici della capitale francese, fra le quali la più sanguinosa è avvenuta presso il teatro Bataclan, dove sono rimaste uccise ottantanove persone. Si è trattato della più cruenta aggressione in territorio francese dalla seconda guerra mondiale e del secondo più grave atto terroristico nei confini dell'Unione europea dopo gli attentati dell'11 marzo 2004 a Madrid.

21:16: 1ª esplosione nei pressi dell'ingresso D dello Stade de France, in zona Saint-Denis;

21:25: 1ª sparatoria nei pressi del ristorante Le Petit Cambodge, su Rue Bichat, e del ristorante Le Carillon, su Rue Alibert (13 morti);

21:30: 2ª esplosione nei pressi dell'ingresso H dello Stade de France, in zona Saint-Denis;

21:32: 3ª esplosione nei pressi del ristorante Casa Nostra, in Rue de la Fontaine au Roi (5 morti);

21:43: 4ª esplosione, 1 terrorista si fa esplodere nei pressi del teatro Bataclan, su Boulevard Voltaire;

21:48: 2ª sparatoria, 1 terrorista spara verso l'esterno del locale La Belle Équipe, all'incrocio tra rue Faidherbe e rue de Charonne (19 morti);

21:49: irruzione con presa d'ostaggi di 4 terroristi nel teatro Bataclan, su Boulevard Voltaire (80 morti);

21:53: 5ª esplosione a circa 400 metri dello Stade de France, in zona Saint-Denis;

00:20: blitz delle forze speciali di polizia al teatro Bataclan, su Boulevard Voltaire.

Negli attacchi sono rimaste uccise 129 persone e ferite 433

La risposta della Francia è stato l’attacco contro Raqqa. Ma perché proprio la Siria?

La popolazione siriana è concentrata soprattutto vicino le coste, perché tutta l’altra parte è solo un enorme deserto, molto importante dove si trova un terzo del petrolio mondiale e di metano. Per prenderlo dal deserto e portarlo in Europa si deve passare per il Canale di Suez(Egitto) però c’è una maniera molto più facile La linea retta, chi controlla il canale della linea retta, può aprirla e chiudere come un rubinetto. Se i paesi Europei non pagano non c’è ne’ petrolio e ne’ gas. Questa regione cioè il Medio Oriente è incredibile, non solo per i minerali ma anche per la sua storia. La civilizzazione del Mondo iniziò proprio nel Medio Oriente ed è stato sempre un punto di incontro tra Oriente e Occidente . Dando all’Asia uno sbocco sul Mediterraneo . E in questa zona nascono le tre religioni monoteiste importanti. È sempre stata dentro un Impero “Persiano, Greco, Romano”. Ma quando l’ultima religione monoteista l’Islam costruisce il suo impero, i cristiani cercarono di recuperare queste zone con le crociate. Alla fine arrivarono i Turchi e crearono l’Impero Ottomano, che durò 600 anni fino alla fine della Prima Guerra Mondiale. Quando finisce la guerra si formarono dei piccoli Stati. Per la prima volta si vede la Siria in una mappa.

Chi creò questi paesi? Era un segreto o meglio dire lo era nel 1916. Si trattava di un

accordo tra Francia e Inghilterra che volevano sconfiggere gli Ottomani. Ma era impossibile sconfiggerli da soli, ma serviva l’aiuto delle popolazioni interne che vivevano dentro l’Impero Ottomano. Come riuscirono a convincere il popolo? Gli promisero “LA GRANDE ARABIA” , un paese tutto per loro! L’unico problema ? Che tutto era una truffa!!

Agli Arabi non diedero mai questo Stato. Francesi e Inglesi crearono invece piccoli stati. Ma questi stati non erano Stati veri e propri , ma erano zone sotto il controllo

degli europei e con governanti imposti da loro. Durante questi anni essi sfruttarono tutto il Medio Oriente. Dopo la Seconda Guerra Mondiale Gli Europei se ne vanno; ma prima di andarsene crearono un nuovo stato “ISRAELE. Però gli arabi non l’accentarono e quando l’inglesi se ne andarono, tutti i paesi Arabi attaccarono il nuovo stato. Il Medio Oriente da questo momento in poi diventò una zona solo di conflitti.

• In Siria ci furono molti colpi di Stato, soprattutto quando si diffuse l’ideologia di creare un solo stato Arabo socialista e laico. La Siria si alleo con l’Egitto ed altri paesi. Ma l’unione fallisce. Al-Assad padre dell’attuale Al-Assad diventa capo della Siria. In questi anni arriva la guerra fredda e il mondo si divide in due. Sono anni pieni di guerre e qui si creò un opposizione islamica contro il regima socialista “I Fratelli Musulmani” . In Siria solo il 13% é sciita ( come Al-Assad e i capi militari), il 70% é sunnita e solo il 10 % é cristiano . Ai sunniti dava fastidio che fossero gli sciiti a governare, e da questo sentimento ne approfittarono i fratelli musulmani e impugnarono le armi contro il governo. Assad seda la rivolta uccidendo e incarcerando migliaia di persone. Nel 2000 Assad muore e gli succede suo figlio. Il figlio porta un po' di speranza in Siria. Ma tornò un periodo di grande dibattito politico E tornarono i fratelli musulmani. Gli anni seguenti sono difficili e Bush include la Siria negli stati canaglia (tra cui l’Iraq). Anche i Curdi cominciano a protestare però vengono uccisi.

• Nel 2011 inizia la primavera araba. Una protesta che si diffuse in tutti i paesi arabi chiedendo democrazia. Quando arriva in Siria Al-Assad finisce di utilizzando l’esercito e muoiono migliaia di persone. Le battaglie proseguiranno fino a diventare guerra civile, non c’è un momento esatto di inizio di queste guerre.

Fazioni in gioco

Sunniti • La

maggiora nza

Sciiti • La

minoranz a

Gover no

• AL-ASSAD • Russia,

Iran e Cina

• Se pensiamo ad esempio che la Francia è sempre stata Francia, Inghilterra è sempre stata Inghilterra invece la Siria è solo Siria da 50 anni. E non ha scelto lei le sue frontiere ma gliele hanno imposte l’Europa solo per il controllo del Medio Oriente .

• In questi scenari nasce la visione dell’Occidente come invasore .

• Storici dicono che i popoli hanno la necessità di gestire il proprio destino però con questi fatti che abbiamo visto producono solo guerre civili .

• QUANDO VOGLIAMO CAPIRE QUALCOSA DEL PRESENTE DOMANDIAMOCI SEMPRE DEL PASSATO!!!

Ci sono cose che non possiamo rappresentare in un progetto su Power Point. Come la sofferenza della popolazione a causa di queste guerre,

causate dolo da motivi politici e economici. L’umanità sta andando sempre più verso la sua rovina.

#PRAYFOROURWORLD

CREATO dalla 2° AL

non sono stati rilasciati commenti
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 19 totali
Scarica il documento