Marketing Territoriale, Slide di Marketing Territoriale. Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli
lia.barbato.91
lia.barbato.91

Marketing Territoriale, Slide di Marketing Territoriale. Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli

51 pagine
5Numero di download
1000+Numero di visite
Descrizione
cos'è il marketing territoriale
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 51
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 51 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 51 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 51 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 51 totali
Scarica il documento
Il Marketing Territoriale

Marketing Territoriale Strategia ed obiettivi per il territorio

VALORE srl - dott. Pietro Bevilacqua

Casarano, luglio 2007

dott. Pietro Bevilacqua 2

INDICE

Definizioni Nozioni generali Audit del territorio Analisi della domanda Analisi competitiva Struttura dell’offerta Esercitazioni

dott. Pietro Bevilacqua 3

Alcune definizioni di

Marketing Territoriale

dott. Pietro Bevilacqua 4

Definizioni di Marketing Territoriale 1

Azioni individuali o collettive per attrarre nuove attività su un territorio, favorire lo sviluppo di imprese che esercitino in loco le loro attività promuovere globalmente un’immagine favorevole

(Texier, Valla 1992)

Processo finalizzato alla creazione di valore per una collettività composta dall’insieme degli individui che fruiscono di un territorio predeterminato nei suoi confini

(Cercola, 1999)

dott. Pietro Bevilacqua 5

Definizioni di Marketing Territoriale 2

le attività che, esercitate su uno specifico spazio geografico, possono rendere un’area attrattiva per uno specifico gruppo di investitori logistico – industriali, sui bisogni percepiti del quale si è attuato il disegno delle caratteristiche dell’area stessa (Paoli, 2000)

È una funzione che contribuisce allo sviluppo equilibrato dell’area, mediante l’ideazione e l’interpretazione delle caratteristiche territoriali in chiave di offerta che soddisfi segmenti identificati di domanda attuale e potenziale

(Caroli, 2001)

dott. Pietro Bevilacqua 6

Definizioni di Marketing Territoriale 3

L’analisi dei bisogni degli stakeholders e dei clienti /mercati, volta a costruire, mantenere e rafforzare rapporti di scambio vantaggiosi con gli stakeholders (marketing territoriale interno) e con i pubblici interni di riferimento (marketing territoriale esterno), con lo scopo ultimo di aumentare il valore del territorio e delle imprese e l’attrattività degli stessi, attivando un circolo virtuoso SODDISFAZIONE – ATTRATTIVITA’ – VALORE

(Valdani, Ancarani 2000)

Rispondere al meglio alle aspettative delle persone e delle attività del territorio e … migliorare la qualità e la competitività globale … nel suo ambiente concorrenziale

(Casella, 1998)

dott. Pietro Bevilacqua 7

Parole chiave nella definizione di Marketing Territoriale

dott. Pietro Bevilacqua 8

In buona sintesi il Marketing Territoriale

Svolge funzione di collegamento tra offerta e domanda territoriale

Si basa sull’attenta analisi dei bisogni e delle attese espresse da diverse categorie di domanda

Richiede la selezione dei segmenti di domanda verso cui orientare l’offerta

Richiede il coinvolgimento dei diversi attori locali sia in ideazione sia in attuazione

(Latusi, 2001)

dott. Pietro Bevilacqua 9

Nozioni Generali di

Marketing Territoriale

dott. Pietro Bevilacqua 10

Le 2 dimensioni del Marketing Territoriale

M. T. interno: rafforza le condizioni che favoriscono la crescita della struttura produttiva locale e la competitività sul mercato delle imprese che insistono sul territorio.

M. T. esterno: potenzia le condizioni che rendono attrattivo il territorio per le scelte localizzative dei potenziali investitori esterni.

dott. Pietro Bevilacqua 11

Le quattro diverse figure del Marketing Territoriale *

1. M. T. di radicamento dell’esistente 2. M. T. di promozione del nuovo 3. M. T. per l’innovazione 4. M. T. di attrazione

Possono esistere in forma “pura” o coesistere.

* Varaldo, 2000

dott. Pietro Bevilacqua 12

M. T. di radicamento dell’esistente

Obiettivo Rafforzare il tessuto produttivo locale Consolidare le ragioni di convenienza nella scelta dell’area Rivitalizzare il territorio Contrastare spinte alla fuoruscita dal territorio

dott. Pietro Bevilacqua 13

M. T. di promozione del nuovo

Obiettivo Favorire lo sviluppo nell’area di nuove imprese Animare e promuovere azioni per favorire condizioni ambientali adeguate a sviluppare nuove attività Sfruttare le opportunità dei processi di outsourcing e delle nuove tecnologie

dott. Pietro Bevilacqua 14

M. T. per l’innovazione

Obiettivo Promuovere il trasferimento di conoscenze Diffondere innovazione/nuove competenze Sfruttare il trasferimento di tecnologia dalla ricerca alla produzione Favorire la nascita di spin-off companies dalla ricerca e dall’università

dott. Pietro Bevilacqua 15

M. T. di attrazione

Obiettivo Creare condizioni che rendono attrattivo il territorio per utenti e investitori potenziali Attivare meccanismi istituzionali e strumenti d’intervento per aumentare la capacità propositiva e competitiva di attrarre investimenti esterni

dott. Pietro Bevilacqua 16

Ascolto del

Territorio

dott. Pietro Bevilacqua 17

Audit del territorio (place auditing)

Propedeutico all’elaborazione della strategia.

Finalità: Elaborare una analisi e una diagnosi accurata della situazione attuale dell’area;

Analizzare i principali trend di sviluppo ipotizzabili e compatibili con il territorio

dott. Pietro Bevilacqua 18

Audit del territorio è strumento di condivisione

e di supporto alla presa di decisioni

Determina la vision condivisa del territorio e il riferimento di fondo all’azione di m. t.

Consente di individuare verso quali segmenti orientare l’offerta,

con quali interventi, mediante quali progetti

dott. Pietro Bevilacqua 19

Audit del territorio si basa su 2 valutazioni

Valutazione dell’ambiente interno: caratteristiche generali e capacità operative dell’area

Valutazione dell’ambiente esterno: analisi dell’ambiente esterno e delle sue principali tendenze evolutive

dott. Pietro Bevilacqua 20

Audit del territorio Valut. dell’ambiente interno

Risorse dell’area

Risorse ambientali Risorse storico artistiche Risorse culturali Risorse produttive Risorse finanziarie Risorse informative Risorse conoscitive …

dott. Pietro Bevilacqua 21

Audit del territorio Valut. dell’ambiente esterno

Cogliere opportunità di crescita e prevenire criticità esogene; Analizzare opportunità e minacce derivanti dal sistema socio economico che incorpora l’area; Valutare gli effetti delle tendenze

demografiche socio culturali tecnico scientifiche Economiche politico istituzionali

esterne all’area di riferimento

dott. Pietro Bevilacqua 22

Audit del territorio

Strumento per l’audit del territorio

SWOT Analysis

dott. Pietro Bevilacqua 23

Audit del territorio SWOT ANALYSIS

Valutare la situazione di partenza (interna ed esterna) del nostro territorio

in termini di:

Strenght Forza Weakness Debolezza Opportunity Opportunità Threat Rischi

dott. Pietro Bevilacqua 24

Audit del territorio

Serve a sciogliere alcune questioni chiave: 1. Identità del territorio e suo posizionamento

nello scenario nazionale e internazionale; 2. Struttura e composizione del tessuto produttivo

locale; 3. Modello di utilizzo del territorio; 4. Aree di crescita, stabilizzazione o

ridimensionamento rispetto alle diverse componenti del territorio.

dott. Pietro Bevilacqua 25

Audit del territorio 1) Struttura e composizione

del tessuto produttivo locale

Concentrazione su pochi settori (verificare la Legge di Pareto) Sviluppo di una base produttiva diversificata Settori da favorire Ruolo e peso dei servizi Presenza di grandi gruppi Orientamento a piccola/media impresa …

non sono stati rilasciati commenti
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 51 totali
Scarica il documento