regolamento ue 461.10, Progetti di Diritto Dell'unione Europea. Libera Università di Bolzano
cristinaefra
cristinaefra5 settembre 2014

regolamento ue 461.10, Progetti di Diritto Dell'unione Europea. Libera Università di Bolzano

PDF (755 KB)
6 pagine
916Numero di visite
Descrizione
unione europea
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 6

Questa è solo un'anteprima

3 pagine mostrate su 6 totali

Scarica il documento

Questa è solo un'anteprima

3 pagine mostrate su 6 totali

Scarica il documento

Questa è solo un'anteprima

3 pagine mostrate su 6 totali

Scarica il documento

Questa è solo un'anteprima

3 pagine mostrate su 6 totali

Scarica il documento
Regolamento (UE) n. 461/2010 della Commissione, del 27 maggio 2010, relativo all’applicazione dell’articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea a categorie di accordi verticali e pratiche concordate nel settore automobilisticoTesto rilevante ai fini del SEE

REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE

del 27 maggio 2010

relativo all’applicazione dell’articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea a categorie di accordi verticali e pratiche concordate nel settore automobilistico

(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento n. 19/65/CEE del Consiglio, del 2 marzo 1965, relativo all’applicazione dell’articolo 85, paragrafo 3, del trattato a categorie di accordi e pratiche concordate ( 1 ), in par­ ticolare l’articolo 1,

dopo aver pubblicato il progetto del presente regolamento,

sentito il parere del comitato consultivo in materia di intese e posizioni dominanti,

considerando quanto segue:

(1) In virtù del regolamento n. 19/65/CEE, la Commissione ha il potere di applicare, mediante regolamento, l’articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funziona­ mento dell’Unione europea (*) a categorie di accordi ver­ ticali e pratiche concordate corrispondenti che rientrano nel campo di applicazione del paragrafo 1 di detto arti­ colo. I regolamenti di esenzione per categoria si appli­ cano ad accordi verticali che rispettano determinate con­ dizioni e che possono avere portata generale oppure riguardare determinati settori specifici.

(2) La Commissione ha definito una categoria di accordi verticali che ritiene, di norma, conformi alle condizioni stabilite nell’articolo 101, paragrafo 3 del trattato, e a questo scopo ha adottato il regolamento (UE) n. 330/2010 della Commissione, del 20 aprile 2010, rela­ tivo all’applicazione dell’articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea a catego­

rie di accordi verticali e pratiche concordate ( 2 ), che so­ stituisce il regolamento (CE) n. 2790/1999 della Com­ missione ( 3 ).

(3) Il settore automobilistico, che comprende sia le autovet­ ture che i veicoli commerciali, è soggetto a regolamenti specifici di esenzione per categoria sin dal 1985. Il rego­ lamento più recente di questo tipo è il regolamento (CE) n. 1400/2002 della Commissione, del 31 luglio 2002, relativo all’applicazione dell’articolo 81, paragrafo 3, del trattato a categorie di accordi verticali e pratiche concor­ date nel settore automobilistico ( 4 ). Il regolamento (CE) n. 2790/1999 non si applicava, come espressamente previ­ sto dalle sue stesse disposizioni, agli accordi verticali og­ getto di altri regolamenti di esenzione per categoria. Il settore automobilistico non rientrava pertanto nel campo di applicazione di tale regolamento.

(4) Il periodo di validità del regolamento (CE) n. 1400/2002 termina il 31 maggio 2010. È tuttavia opportuno che il settore automobilistico continui a beneficiare di un’esen­ zione per categoria, onde semplificare gli oneri ammini­ strativi e ridurre i costi di adeguamento alla normativa gravanti sulle imprese interessate, garantendo nel con­ tempo una sorveglianza efficace dei mercati in confor­ mità all’articolo 103, paragrafo 2, lettera b), del trattato.

(5) L’esperienza acquisita dal 2002 in poi in materia di di­ stribuzione di autoveicoli nuovi, distribuzione di pezzi di ricambio e fornitura di servizi di riparazione e manuten­ zione per autoveicoli, permette di definire per il settore automobilistico categorie di accordi verticali che si pos­ sono ritenere di norma conformi alle condizioni di cui all’articolo 101, paragrafo 3, del trattato.

(6) Tale categoria comprende accordi verticali di acquisto, vendita o rivendita di autoveicoli nuovi, accordi verticali di acquisto, vendita o rivendita di pezzi di ricambio per autoveicoli e accordi verticali di fornitura di servizi di riparazione e manutenzione, qualora detti accordi siano stipulati tra imprese non concorrenti, tra determinati concorrenti, ovvero da determinate associazioni di riven­ ditori o riparatori. Essa include inoltre accordi verticali contenenti disposizioni accessorie relative alla cessione o all’utilizzo di diritti di proprietà intellettuale. La defini­ zione del termine «accordi verticali» deve quindi com­ prendere sia tali accordi che le pratiche concordate corri­ spondenti.

IT L 129/52 Gazzetta ufficiale dell’Unione europea 28.5.2010

( 1 ) GU 36 del 6.3.1965, pag. 533/65. (*) A decorrere dal 1 o dicembre 2009, l’articolo 81 del trattato CE

diventa l’articolo 101 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, ma non cambia nella sostanza. Ai fini del presente regola­ mento, i riferimenti all’articolo 101 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea si intendono fatti, ove opportuno, all’articolo 81 del trattato CE.

( 2 ) GU L 102 del 23.4.2010, pag. 1. ( 3 ) GU L 336 del 29.12.1999, pag. 21. ( 4 ) GU L 203 dell’1.8.2002, pag. 30.

(7) Alcuni tipi di accordi verticali possono incrementare l’ef­ ficienza economica nell’ambito di una catena produttiva o distributiva, permettendo un migliore coordinamento tra le imprese partecipanti. In particolare, essi possono contribuire a ridurre i costi delle transazioni commerciali ed i costi di distribuzione delle parti e possono altresì consentire un livello ottimale dei loro investimenti e delle loro vendite.

(8) La probabilità che tali incrementi di efficienza possano controbilanciare gli eventuali effetti anticoncorrenziali de­ rivanti dalle restrizioni contenute negli accordi verticali dipende dal grado di potere di mercato delle parti dell’ac­ cordo e pertanto dalla misura in cui tali imprese sono esposte alla concorrenza di altri fornitori di beni o servizi che siano considerati intercambiabili o sostituibili dai loro clienti, in ragione delle caratteristiche dei prodotti, dei loro prezzi e dell’uso al quale sono destinati. Vanno esclusi dal beneficio dell’esenzione per categoria gli ac­ cordi verticali contenenti limitazioni atte a produrre re­ strizioni della concorrenza e danni per i consumatori o che non sono indispensabili per il conseguimento di tali incrementi di efficienza.

(9) Per definire il campo di applicazione adeguato di un regolamento di esenzione per categoria, la Commissione deve prendere in considerazione le condizioni di concor­ renza nel settore interessato. A tale riguardo, le conclu­ sioni dell’approfondito monitoraggio del settore automo­ bilistico di cui alla relazione di valutazione sul funziona­ mento del regolamento (CE) n. 1400/2002 della Com­ missione, del 28 maggio 2008 ( 1 ) e alla comunicazione della Commissione «Il futuro quadro normativo in mate­ ria di concorrenza applicabile al settore automobilistico» del 22 luglio 2009 ( 2 ) hanno dimostrato che è opportuno operare una distinzione tra gli accordi per la distribu­ zione di autoveicoli nuovi e gli accordi per la fornitura di servizi di riparazione e manutenzione e per la distri­ buzione di pezzi di ricambio.

(10) Per quanto riguarda la distribuzione di autoveicoli nuovi, non sembrano sussistere problemi significativi in termini di concorrenza che contraddistinguerebbero questo set­ tore da altri settori economici e che potrebbero richiedere l’applicazione di regole diverse e più rigorose rispetto a quelle previste dal regolamento (UE) n. 330/2010. La soglia della quota di mercato, l’esclusione di taluni ac­ cordi verticali dall’esenzione prevista da tale regolamento e le altre condizioni ivi stabilite assicurano di norma che gli accordi verticali relativi alla distribuzione di autovei­ coli nuovi rispettino le condizioni dell’articolo 101, para­ grafo 3, del trattato. Tali accordi devono pertanto bene­ ficiare dell’esenzione concessa dal regolamento (UE) n. 330/2010, nel rispetto di tutte le condizioni ivi stabilite.

(11) Per quanto riguarda gli accordi per la distribuzione di pezzi di ricambio e per la fornitura di servizi di ripara­ zione e manutenzione, occorre prendere in considera­ zione determinate caratteristiche specifiche del mercato dei servizi di assistenza post-vendita relativi agli autovei­ coli. In particolare, l’esperienza acquisita dalla Commis­ sione nell’applicazione del regolamento (CE) n. 1400/2002 indica che gli aumenti di prezzo delle singole riparazioni si traducono solo in parte in una maggiore affidabilità delle autovetture moderne e in un allunga­ mento degli intervalli tra una manutenzione e l’altra. Tali tendenze sono connesse all’evoluzione tecnologica e alla crescente complessità ed affidabilità dei componenti automobilistici che i costruttori automobilistici acqui­ stano da fornitori di equipaggiamenti originali. Detti for­ nitori vendono i loro prodotti come pezzi di ricambio sul mercato dei servizi di assistenza post-vendita sia at­ traverso le reti di riparatori autorizzati dei produttori di autoveicoli che attraverso canali indipendenti, rappresen­ tando quindi un’importante forza concorrenziale sul mer­ cato dei servizi di assistenza post-vendita. I costi che sostengono in media i consumatori UE per i servizi di riparazione e di manutenzione rappresentano una parte molto elevata della spesa complessiva sostenuta dai con­ sumatori per gli autoveicoli.

(12) Le condizioni di concorrenza sul mercato dei servizi di assistenza post-vendita per gli autoveicoli hanno inoltre una rilevanza diretta sia in termine di sicurezza pubblica, dal momento che la guida di un autoveicolo riparato in modo scorretto può rivelarsi pericolosa, che di danni per la salute pubblica e l’ambiente, a causa delle maggiori emissioni di anidride carbonica e di altri inquinanti atmo­ sferici se l’autoveicolo non è stato sottoposto a manuten­ zione regolare.

(13) Nella misura in cui è possibile definire un mercato di­ stinto dei servizi di assistenza post-vendita, la concor­ renza effettiva sui mercati per l’acquisto e la vendita di pezzi di ricambio e su quello per la fornitura di servizi di manutenzione e riparazione per gli autoveicoli dipende dal grado d’interazione concorrenziale tra i riparatori au­ torizzati, cioè quelli che operano all’interno di reti di riparatori costituite direttamente o indirettamente dai produttori di autoveicoli, nonché fra operatori autorizzati e indipendenti, compresi i fornitori indipendenti di pezzi di ricambio ed i riparatori indipendenti. La capacità con­ correnziale di questi ultimi dipende da un accesso senza restrizioni a elementi essenziali quali i pezzi di ricambio e le informazioni tecniche.

(14) Tenuto conto di tali specificità, le norme previste dal regolamento (UE) n. 330/2010, e in particolare la soglia della quota di mercato del 30 %, sono necessarie ma non sufficienti per garantire che il beneficio dell’esenzione per categoria sia riservato esclusivamente agli accordi verticali per la distribuzione di pezzi di ricambio e per la fornitura di servizi di riparazione e di manutenzione per i quali si può supporre con sufficiente certezza il rispetto delle condizioni dell’articolo 101, paragrafo 3, del trattato.

IT 28.5.2010 Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 129/53

( 1 ) SEC(2008) 1946. ( 2 ) COM(2009) 388.

(15) Gli accordi verticali per la distribuzione di pezzi di ri­ cambio e per la fornitura di servizi di riparazione e di manutenzione devono pertanto beneficiare di un’esen­ zione per categoria soltanto se soddisfano, oltre alle con­ dizioni per l’esenzione previste dal regolamento (UE) n. 330/2010, anche i requisiti più severi relativi a determi­ nati tipi di restrizioni gravi della concorrenza che pos­ sono limitare la fornitura e l’uso di pezzi di ricambio nel mercato dei servizi di assistenza post-vendita per gli au­ toveicoli.

(16) In particolare, è opportuno che l’esenzione per categoria non vada a beneficio di accordi in forza dei quali i membri di un sistema di distribuzione selettiva di un produttore di autoveicoli limitano la vendita dei pezzi di ricambio ai riparatori indipendenti che li utilizzano per fornire servizi di riparazione o manutenzione. Senza l’accesso a tali pezzi di ricambio, i riparatori indipendenti non sarebbero in grado di competere in maniera efficace con i riparatori autorizzati, in quanto non potrebbero offrire ai consumatori servizi di buona qualità che con­ tribuiscano al funzionamento sicuro ed affidabile degli autoveicoli.

(17) Inoltre, onde garantire una concorrenza efficace sui mer­ cati dei servizi di riparazione e di manutenzione e con­ sentire ai riparatori di offrire agli utilizzatori finali pezzi di ricambio a condizioni concorrenziali, è opportuno che l’esenzione per categoria non si applichi agli accordi ver­ ticali che, pur rispettando le disposizioni del regolamento (UE) n. 330/2010, limitano tuttavia la facoltà del produt­ tore di pezzi di ricambio di vendere tali componenti ai riparatori autorizzati che fanno parte del sistema di di­ stribuzione del produttore di veicoli, a distributori indi­ pendenti di pezzi di ricambio, a riparatori indipendenti o a utilizzatori finali. Ciò non ha ripercussioni sulla respon­ sabilità civile dei produttori dei pezzi di ricambio o sulla facoltà dei produttori dei autoveicoli di esigere dai ripa­ ratori autorizzati facenti parte del loro sistema di distri­ buzione di utilizzare soltanto i pezzi di ricambio di qua­ lità equivalente a quella dei componenti utilizzati per l’assemblaggio di un determinato autoveicolo. Inoltre, stante il coinvolgimento contrattuale diretto del produt­ tore dei veicoli nelle riparazioni coperte da garanzia, nel servizio assistenza gratuito, nonché nelle operazioni di revisione di autoveicoli difettosi, l’esenzione va applicata agli accordi che prevedono l’obbligo per il riparatore autorizzato di usare per tali riparazioni pezzi di ricambio forniti dal produttore degli autoveicoli.

(18) Infine, onde permettere ai riparatori autorizzati e indi­ pendenti, nonché agli utilizzatori finali, di individuare il produttore dei componenti degli autoveicoli o dei pezzi di ricambio e dare loro la possibilità di scelta tra pezzi di ricambio alternativi, l’esenzione per categoria non va ap­ plicata agli accordi con i quali il produttore di autoveicoli limita la facoltà, del produttore di componenti o di pezzi di ricambio originali, di apporre in maniera efficace e chiaramente visibile il proprio marchio o logo su detti pezzi originali.

(19) Onde concedere a tutti gli operatori il tempo necessario per adeguarsi al presente regolamento, è opportuno pro­ rogare fino al 31 maggio 2013 il periodo di applicazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 1400/2002 riguardanti accordi verticali per l’acquisto, la vendita e la rivendita di autoveicoli nuovi. Per quanto riguarda gli accordi verticali per la distribuzione di pezzi di ricambio e per la fornitura di servizi di riparazione e di manuten­ zione, è opportuno che il presente regolamento si appli­ chi a partire dal 1 o giugno 2010, in modo da continuare a garantire un’adeguata tutela della concorrenza sui mer­ cati dei servizi di assistenza post-vendita per autoveicoli.

(20) La Commissione controllerà regolarmente l’evoluzione del settore automobilistico e prenderà adeguate misure correttive qualora emergano problemi di concorrenza tali da nuocere ai consumatori o sul mercato della distri­ buzione di autoveicoli nuovi o su quello della fornitura di pezzi di ricambio o su quello dei servizi di assistenza post-vendita per autoveicoli.

(21) La Commissione può revocare il beneficio dell’applica­ zione del presente regolamento, conformemente all’articolo 29, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio, del 16 dicembre 2002, concer­ nente l’applicazione delle regole di concorrenza di cui agli articoli 81 e 82 del trattato ( 1 ), qualora ritenga che in un caso particolare un accordo al quale si applica l’esenzione di cui al presente regolamento provochi non­ dimeno effetti incompatibili con l’articolo 101, paragrafo 3, del trattato.

(22) A norma dell’articolo 29, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1/2003, l’autorità responsabile della concorrenza di uno Stato membro può revocare il beneficio dell’ap­ plicazione del presente regolamento nel suo territorio o in una parte di esso, quando ritenga che in un caso particolare un accordo al quale si applica l’esenzione di cui al presente regolamento provochi nondimeno effetti incompatibili con l’articolo 101, paragrafo 3, del trattato nel territorio di tale Stato membro o in una parte di esso, qualora tale territorio abbia tutte le caratteristiche di un mercato geografico distinto.

(23) Per determinare se sia necessario ritirare il beneficio dell’applicazione del presente regolamento a norma dell’articolo 29 del regolamento (CE) n. 1/2003, occorre in particolare tener conto degli effetti anticoncorrenziali che possono verificarsi in seguito all’esistenza di reti pa­ rallele di accordi verticali con effetti simili che limitano significativamente l’accesso ad un mercato rilevante o la concorrenza all’interno di tale mercato. Un tale effetto cumulativo può, ad esempio, verificarsi in caso di distri­ buzione selettiva o di obblighi di non concorrenza.

IT L 129/54 Gazzetta ufficiale dell’Unione europea 28.5.2010

( 1 ) GU L 1 del 4.1.2003, pag. 1.

(24) Al fine di rafforzare la vigilanza sulle reti parallele di accordi verticali aventi effetti anticoncorrenziali simili e che coprano più del 50 % di un dato mercato, la Com­ missione può, mediante regolamento, dichiarare il pre­ sente regolamento inapplicabile ad accordi verticali che contengano specifiche restrizioni praticate sul mercato di cui trattasi, ripristinando così nei confronti di tali accordi la piena applicazione dell’articolo 101 del trattato.

(25) Per valutare gli effetti del presente regolamento sulla concorrenza nel settore della distribuzione al dettaglio degli autoveicoli, della fornitura di pezzi di ricambio e nei servizi di assistenza post-vendita per gli autoveicoli sul mercato interno, è opportuno che la Commissione stili una relazione di valutazione sul funzionamento del presente regolamento,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

CAPO I

DISPOSIZIONI COMUNI

Articolo 1

Definizioni

1. Ai fini del presente regolamento si applicano le seguenti definizioni:

a) per «accordi verticali» si intendono gli accordi o le pratiche concordate conclusi tra due o più imprese, operanti ciascuna, ai fini dell’accordo o della pratica concordata, ad un livello differente della catena di produzione o di distribuzione, e che si riferiscono alle condizioni in base alle quali le parti pos­ sono acquistare, vendere o rivendere determinati beni o ser­ vizi;

b) per «restrizioni verticali» si intendono le restrizioni della concorrenza in un accordo verticale rientranti nel campo di applicazione dell’articolo 101, paragrafo 1, del trattato;

c) per «riparatore autorizzato» si intende un fornitore di servizi di riparazione e manutenzione di autoveicoli che opera nell’ambito del sistema di distribuzione predisposto da un fornitore di autoveicoli;

d) per «distributore autorizzato» si intende un distributore di pezzi di ricambio per autoveicoli che opera nell’ambito del sistema di distribuzione predisposto da un fornitore di au­ toveicoli;

e) per «riparatore indipendente» si intende:

i) un fornitore di servizi di riparazione e manutenzione di autoveicoli che non opera nell’ambito del sistema di di­ stribuzione predisposto da un fornitore degli autoveicoli per il quale fornisce servizi di riparazione e manuten­ zione;

ii) un riparatore autorizzato, facente parte del sistema di distribuzione di un dato fornitore, nella misura in cui

fornisca servizi di riparazione o di manutenzione per determinati autoveicoli pur non essendo membro del si­ stema di distribuzione del relativo fornitore;

f) per «distributore indipendente» si intende:

i) un distributore di pezzi di ricambio per autoveicoli che non opera nell’ambito del sistema di distribuzione predi­ sposto da un fornitore degli autoveicoli per il quale for­ nisce pezzi di ricambio;

ii) un distributore autorizzato, facente parte del sistema di distribuzione di un dato fornitore, nella misura in cui fornisca pezzi di ricambio per determinati autoveicoli pur non essendo membro del sistema di distribuzione del relativo fornitore;

g) per «autoveicolo» si intende un veicolo destinato a circolare su strada mosso dal proprio motore, munito di tre o più ruote;

h) per «pezzi di ricambio» si intendono i beni che vengono incorporati o montati in o su un autoveicolo per sostituirne delle parti componenti, compresi beni, quali i lubrificanti, necessari all’utilizzo di un autoveicolo, ad eccezione del car­ burante;

i) per «sistema di distribuzione selettiva» si intende un sistema di distribuzione nel quale il fornitore si impegna a vendere i beni o servizi oggetto del contratto, direttamente o indiret­ tamente, solo a distributori selezionati sulla base di criteri specificati e nel quale questi distributori si impegnano a non vendere tali beni o servizi a rivenditori non autorizzati nel territorio in cui il fornitore ha deciso di applicare tale si­ stema.

2. Ai fini del presente regolamento i termini «impresa», «for­ nitore», «produttore» e «acquirente» includono le imprese a que­ sti rispettivamente collegate.

Per «imprese collegate» si intendono:

a) le imprese nelle quali una parte dell’accordo detiene, diretta­ mente o indirettamente:

i) il potere di esercitare più della metà dei diritti di voto; o

ii) il potere di nominare più della metà dei membri del consiglio di vigilanza o di amministrazione o degli or­ gani che rappresentano legalmente l’impresa; o

iii) il diritto di gestire gli affari dell’impresa;

b) le imprese che, direttamente o indirettamente, detengono nei confronti di una delle parti dell’accordo i diritti o i poteri elencati alla lettera a);

c) le imprese nei confronti delle quali un’impresa di cui alla lettera b), detiene, direttamente o indirettamente, i diritti o i poteri elencati alla lettera a);

IT 28.5.2010 Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 129/55

d) le imprese nelle quali una parte dell’accordo insieme con una o più imprese di cui alle lettere a), b) e c), o nelle quali due o più imprese di cui alle lettere a), b) e c), detengono congiun­ tamente i diritti o i poteri di cui alla lettera a);

e) le imprese nelle quali i diritti o i poteri di cui alla lettera a) sono detenuti congiuntamente:

i) dalle parti dell’accordo o dalle rispettive imprese collegate ai sensi delle lettere da a) a d); o

ii) da una o più parti dell’accordo, ovvero da una o più imprese ad esse collegate ai sensi delle lettere da a) a d) e da una o più imprese terze.

CAPO II

ACCORDI VERTICALI CONCERNENTI L’ACQUISTO, LA VENDITA O LA RIVENDITA DI AUTOVEICOLI NUOVI

Articolo 2

Applicazione del regolamento (CE) n. 1400/2002

A norma dell’articolo 101, paragrafo 3 del trattato, nel periodo compreso tra il 1 o giugno 2010 e il 31 maggio 2013, l’articolo 101, paragrafo 1, del trattato non si applica agli ac­ cordi verticali che riguardano le condizioni in base alle quali le parti possono acquistare, vendere o rivendere autoveicoli nuovi, che soddisfano i requisiti per l’esenzione previsti dal regola­ mento (CE) n. 1400/2002 che si riferiscono specificamente agli accordi verticali per l’acquisto, la vendita o la rivendita di autoveicoli nuovi.

Articolo 3

Applicazione del regolamento (UE) n. 333/2010

A datare dal 1 o giugno 2013 il regolamento (UE) n. 333/2010 si applica agli accordi verticali relativi all’acquisto, la vendita o la rivendita di autoveicoli nuovi.

CAPO III

ACCORDI VERTICALI RELATIVI AL MERCATO DEI SERVIZI DI ASSISTENZA POST-VENDITA DI AUTOVEICOLI

Articolo 4

Esenzione

Conformemente all’articolo 101, paragrafo 3, del trattato, e salvo il disposto del presente regolamento, il paragrafo 1 di detto articolo è inapplicabile agli accordi verticali che riguar­ dano le condizioni in base alle quali le parti possono acquistare, vendere o rivendere pezzi di ricambio per autoveicoli o fornire servizi di riparazione e manutenzione per autoveicoli, che sod­ disfano i requisiti per l’esenzione previsti dal regolamento (UE)

n. 330/2010 e non contengono nessuna delle restrizioni fon­ damentali elencate all’articolo 5 del presente regolamento.

La presente esenzione si applica nella misura in cui tali accordi contengano restrizioni verticali.

Articolo 5

Restrizioni che eliminano il beneficio dell’esenzione per categoria- restrizioni fondamentali

L’esenzione di cui all’articolo 4 non si applica agli accordi ver­ ticali che, direttamente o indirettamente, isolatamente o con­ giuntamente con altri fattori sotto il controllo delle parti, hanno per oggetto quanto segue:

a) la restrizione delle vendite di pezzi di ricambio per autovei­ coli da parte dei membri di un sistema di distribuzione selettiva a riparatori indipendenti che utilizzano tali pezzi per la riparazione e la manutenzione di un autoveicolo;

b) la restrizione, concordata tra un fornitore di pezzi di ricam­ bio, di attrezzature di riparazione o diagnostica o altre ap­ parecchiature ed un produttore di autoveicoli, della facoltà del fornitore di vendere tali beni a distributori o riparatori autorizzati o indipendenti o ad utilizzatori finali;

c) la restrizione, concordata tra un costruttore di autoveicoli che utilizza componenti per l’assemblaggio iniziale di auto­ veicoli ed il fornitore di detti componenti, della facoltà del fornitore di apporre in maniera efficace e chiaramente visi­ bile il proprio marchio o logo sui componenti forniti o sui pezzi di ricambio.

CAPO IV

DISPOSIZIONI FINALI

Articolo 6

Non applicazione del presente regolamento

Conformemente all’articolo 1 bis del regolamento n. 19/65/CEE, la Commissione può dichiarare mediante regolamento che, nei casi in cui reti parallele di restrizioni verticali simili coprano più del 50 % di un mercato rilevante, il presente regolamento non si applica agli accordi verticali contenenti specifiche restrizioni relative a tale mercato.

Articolo 7

Controllo e valutazione

La Commissione controlla il funzionamento del presente rego­ lamento e redige una relazione in merito al più tardi entro il 31 maggio 2021, tenendo conto in particolare delle condizioni previste all’articolo 101, paragrafo 3, del trattato.

IT L 129/56 Gazzetta ufficiale dell’Unione europea 28.5.2010

Articolo 8

Periodo di validità

Il presente regolamento entra in vigore il 1 o giugno 2010.

Il presente regolamento scade il 31 maggio 2023.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 27 maggio 2010.

Per la Commissione Il presidente

José Manuel BARROSO

IT 28.5.2010 Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 129/57

commenti (0)

non sono stati rilasciati commenti

scrivi tu il primo!

Questa è solo un'anteprima

3 pagine mostrate su 6 totali

Scarica il documento