RIASSUNTI E CONCETTI FONDAMENTALI DI GEOGRAFIA , Appunti di Geografia. Libera università di lingue e comunicazione (IULM)
Sofia.Vavassori
Sofia.Vavassori
Questo è un documento Store
messo in vendita da Sofia.Vavassori
e scaricabile solo a pagamento

RIASSUNTI E CONCETTI FONDAMENTALI DI GEOGRAFIA , Appunti di Geografia. Libera università di lingue e comunicazione (IULM)

3 pagine
36Numero di visite
Descrizione
I concetti fondamentali e i riassunti dei libri di Angelo Turco, professore dell'università IULM. Molto utili e completi. 28 all'esame.
9.99
Prezzo del documento
Scarica il documento
Questo documento è messo in vendita dall'utente Sofia.Vavassori: potrai scaricarlo in formato digitale subito dopo averlo acquistato! Più dettagli
Anteprima3 pagine / 3
Scarica il documento

“QUADRO NORMATIVO DEL TURISMO IN ITALIA E LE SUE IMPLICAZIONI TERRITORIALI” Problema: coniugare gestione e programmazione del turismo con la tutela e la gestione del territorio. Come si sono mosse le istituzioni nel tempo e quali segni hanno impresso nel territorio?

Viaggio nella normativa italiana:

Anni 30:IL CONTROLLO:

• Controllo dei viaggiatori e delle imprese turistiche a causa dello sviluppo dl fascismo per mostrare i valori politici e morali dell' Italia

• Propaganda turistica, chiara, unitaria e nazionale: incoming per attirare i turisti

• DECRETO 773: migliora la viabilità, allestire le destinazioni turistiche, rafforzare i sistemi doganali, rafforzare la pubblica sicurezza. Non vi è attenzione alla paesaggistica ne al territorio.

Anni 50: Costituzione del 1948 dopo la seconda guerra mondiale. Istituzione del ministero del Turismo e dello spettacolo 1959. Partono gli anni d'oro dello sviluppo economico italiano. Obiettivi della gestione del turismo:

• COORDINARE: livello centrale, cioè il governo ha come obiettivo la coordinazione dell'attività turistica.

• PROMUOVERE DESTINAZIONI: livello locale cioè continuare nell’allestimento affinché le destinazioni abbiano uno sviluppo

Fino agli anni 70: poco interesse vero l’attività turistica e si lascia tutto alla spontaneità imprenditoriale quindi vi è:

A. Deturpazione del territorio

B. Deresponsabilizzazione, emarginazione degli organi turistici

C. Assenza di una politica del turismo, deterioramento della sua organizzazione pubblica

D. Cattivo uso delle risorse: inquinamento delle acque marine, trafugamento di beni archeologici, concessione di studio pubblico ai privati, autonomia di azione del settore privato, lucro e deturpazione , eccessiva specializzazione delle destinazioni turistiche.

Quindi a livello centrale vi è inerzia del governo, ma a livello locale vi sono conflitti regionali e più avanti sfoceranno in conflitti tra regioni e stato.

Anni 80: LA LEGGE QUADRO 1983: Nasce la prima legge che da il riconoscimento ufficiale del settore turistico come settore economico che porta un miglioramento all’economia di stato.

Anni 2000: RIFORMA DELLA LEGISLAZIONE DEL TURISMO NAZIONALE (L135/2001)

= Norme in ambito turistico quindi diversi ambiti d’azione: promozione, accoglienza, ricettività, professioni turistiche. STL.

=Turismo diventa materia di negoziazione

=Problema di coordinamento tra regioni per costruire una politica interregionale

= Legge costituzionale titolo V (L3/2001; art. 117)

= Le regioni assumono la piena autonomia legislativa e amministrativa in ambito turistico (DECENTRAMENTO)

Anni 2011: buono impianto normativo: DECRETO LEGISLATIVO N 79 (CODICE DEL TURISMO): Restituisce allo stato l'intervento legislativo in materia turistica, vengono ridisciplinati i rapporti tra potestà regionale e stato. Chi paga le conseguenze? 1) Turismo;2) territorio : conteso e risente delle dispute

CODICE DEL TURISMO E LIVELLI DEL MGT:

■ Rielaborazione del concetto di impresa turistica (titolo 1)

■ Equiparazione delle imprese turistiche a quelle industriali ai fini del riconoscimento di contributi, agevolazioni di ogni genere (titolo 1)

■ Disciplina delle strutture ricettive (titolo 3)

■ Creazione di un'offerta tematica (titolo 5)

■ Il turista è percepito come “consumatore speciale di servizi” (titolo 6).

Turismo come meccanismo di valorizzazione dei luoghi e un meccanismo di sviluppo per i luoghi. E lo spostarsi da un luogo all’altro è dato da un meccanismo di tipo antropico: Fruizione esperienza e filiale che sono i codici secondari rispetto al codice centrale che è la attrattività.

Transcalarità e la capacità che abbiamo di leggere i fenomeni dalla scala locale e a quella globale. La importanza dell’attore economico e quello politico diventa importante quando può gestire e governare l’intero processo scalare.

Attrattività esempi: elemento di tipo culturale o un bene di tipo materiale o immateriale. Tutti elementi che insieme fanno la qualità.

Partecipazione a questo evento diventa patrimonio intangibile della persona nel momento in cui quella esperienza diventa diventa il motore di una stretta relazione che il turista si trova a vivere. Diversi gradi di coinvolgimento di soggetto nella pratica turistica che sono il livello cosmico, apotropaico ed estetico. Mette in gioco l’esperienza come pratica che è data dalla vicinanza fisica di una frizione con il contatto con la pratica.

Processo di territorializzazione di tipo bottone io in cui i turisti si sentono parte integrante di quel territorio quindi è un processo di filia. Due considerazioni:

• Il turista si assume cura al pari dell’abitante.

La lettura data dal fenomeno turistico è sia sincronica che di tipo diacronico ossia che si sviluppa nel corso del tempo e quindi il rapporto tra codice primario e i tre codici secondari hanno una relazione storica. La variazione è quella che interessa la fruizione che è una variabile economica. Primo esempio è la flessione economica e il secondo tipo di flessione è quello dei flussi turistici che avviene in concomitanza con il terrorismo che non sono quindi dipendenti dall’economia. La seconda variabile: nel corso del tempo i gusti e le rappresentazioni sociali che ciascuno di noi ha evolvono e sono condizionati dai viaggi che uno fa e la percezione sociale di quel contesto è funzionale alla rappresentazione che ciascun soggetto da di un territorio. Terza variabile è che la dimensione storica varia nel corso del tempo e varia dalla capacità che il singolo e le collettività hanno di condividere e Delle modalità di condivisione di uno stesso territorio (filia è la capacità di condividere gli affetti per quel luogo).

La scala del produrre: come viene prodotta, da chi è in che modo viene prodotto il territorio turistico.

non sono stati rilasciati commenti
Scarica il documento