Società di persone - schema di Diritto Commerciale, Schemi riassuntivi di Diritto Commerciale. Università di Cagliari
verdy89
verdy8918 ottobre 2012

Società di persone - schema di Diritto Commerciale, Schemi riassuntivi di Diritto Commerciale. Università di Cagliari

PDF (481 KB)
24 pagine
50Numero di download
1000+Numero di visite
100%su 3 votiNumero di voti
3Numero di commenti
Descrizione
Diritto Commerciale - Società di persone
40punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 24
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 24 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 24 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 24 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 24 totali
Scarica il documento
1. schemi socieÉ definitivo

SC H

E M

I

1

SOCIETÀ DI PERSONE

Se non è convenu- to diversamente, il contratto sociale può essere modi- ficato soltanto con il consenso di tutti i soci

L’atto costitutivo deve indicare: 1) le gene- ralità dei soci; 2) la ragione sociale; 3) i so- ci che hanno l’amministrazione e la rap- presentanza della società; 4) la sede della società e le eventuali sedi secondarie; 5) l’oggetto sociale; 6) i conferimenti di cia- scun socio, il valore ad essi attribuito ed il modo di valutazione; 7) le prestazioni a cui sono obbligati i soci di opera; 8) le norme sulla ripartizione degli utili e la quota di ciascun socio negli utili e nelle perdite

Certificazione ana- grafica e di pubblicità notizia per tutte le so- cietà semplici

Pubblicità legale - ex art. 2193 - per le so- cietà semplici eser- centi attività agricola (art. 2 d.ls. 228/2001)

Se la stipulazione è av- venuta per atto pubbli- co è obbligato ad ese- guire il deposito anche il notaio

1

Il contratto di società non è soggetto a for- me speciali, sal- ve quelle ri- chieste dalla natura dei beni

La società deve iscriver- si nella sezione speciale del registro delle imprese (art. 2 d.P.R. 558/1999) e la domanda deve conte- nere le medesime indica- zioni richieste per l’atto costitutivo di s.n.c. Gli effetti sono di:

Se gli amministratori non provve- dono al deposito nel termine indica- to ciascun socio può provvedervi a spese della società o far condannare gli amministratori ad eseguirlo

L’atto costitutivo, redatto per atto pubblico o per scrittura privata au- tenticata, deve, entro trenta giorni, essere depositato, a cura degli am- ministratori, per l’iscrizione pres- so l’ufficio del registro delle im- prese nella cui circoscrizione è sta- bilita la sede sociale

Contratto socia- le, forma e pub- blicità nella so- cietà semplice,

nella s.n.c. e nella s.a.s.

(artt. 2251, 2295, 2296; art. 2 d.P.R. 558/1999; art. 2 d.ls. 228/2001)

Nella società

semplice

Nella s.n.c.

e nella s.a.s.

SOCIETÀ DI PERSONE

2

La società non può essere ammes- sa al concordato preventivo e al- l’amministrazione controllata

In ogni caso i soci della s.n.c. e gli accomandatari della s.a.s. rispondo- no illimitatamente e solidalmente verso i terzi per le obbligazioni sociali

Si presume che i soci che agiscono per la società abbiano i poteri di rap- presentanza

Resta salva la responsabilità limi- tata dei soci accomandanti che non abbiano partecipato alle operazio- ni sociali

S.n.c. e s.a.s. irregolari (artt. 2297,

2317)

I rapporti tra la società ed i terzi sono regolati dalla disciplina della società semplice (artt. 2268, 2270) con tre eccezioni

Fino a quando la società non è iscritta nel registro delle imprese

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

3

I soci sono obbligati a con- ferire quanto determinato nel contratto sociale

Si presume che i soci siano tenuti a conferire in parti e- guali tra loro quanto neces- sario per il conseguimento dell’oggetto sociale

Si applicano le disposi- zioni sulla vendita (artt. 1465, 1483 ss., 2286 3° c.)

Il rischio della cosa re- sta a carico del socio conferente

La garanzia per il godi- mento delle cose è re- golata dalle norme sul- la locazione

Per il credito ceduto re- sponsabilità del socio conferente nei limiti stabiliti dall’art. 1267

Garanzia e rischi dei

conferimenti (art. 2254);

Conferimento di crediti

(art. 2255)

Cose conferite in proprietà

Cose conferite in godimento

Conferimento di crediti

Se i conferimenti sono determinati

Se i conferimenti non sono determinati

Conferimenti (art. 2253)

Decisione a maggioranza dei so- ci calcolata secondo la parte attri- buita a ciascun socio agli utili

Se nulla stabilisce il contratto sociale le deci- sioni sono assunte dai soci amministratori al- l’unanimità

Le decisioni sono prese dai soci amministra- tori a maggioranza, determinata secondo la parte attribuita a ciascun socio negli utili

Amministrazione attribuita congiuntamente a tutti i soci

Amministrazione attribuita disgiuntamente solo ad alcuni soci

Divieto di compiere da soli alcun atto, salva l’urgenza di evitare un danno alla società

Nel contratto sociale si pat- tuiscono le mo- dalità di ammi- nistrazione

SOCIETÀ DI PERSONE

4

Amministrazione attribuita congiuntamente solo ad alcuni soci

Diritto di opposizione riconosciuto a ciascun socio amministratore sulle operazioni che al- tro socio voglia compiere

Se non è pattuito diver- samente l’amministra- zione spetta a ciascun socio disgiuntamente dagli altri

Amministrazione disgiuntiva (art. 2257) e congiuntiva (art. 2258)

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

5

Il consenso si presume, se l’esercizio del- l’attività o la partecipazione ad altra so- cietà preesisteva al contratto sociale e gli altri soci ne erano a conoscenza

Partecipare come socio illimitata- mente responsabile ad altra società

concorrente

Se manca il consenso la società ha diritto al risarcimento del danno, salva la possi- bilità di escludere il socio ex art. 2286

Esercitare per conto proprio o altrui un’attività concorrente con quella

della società

Il socio non può senza il consenso degli altri soci

Divieto di concorrenza del socio di s.n.c. e di s.a.s.

(artt. 2301, 2318)

SOCIETÀ DI PERSONE

6

È revocabile solo se ricorre una giusta causa

È revocabile secondo le norme sul mandato (art. 1723)

Amministratore nominato con atto separato

Ciascun socio può chiedere giudizialmente la revoca

per giusta causa

Indipendentemente dalle modalità di nomina

dell’amministratore

Amministratore nominato con il contratto sociale

Revoca della facoltà di amministrare (art. 2259)

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

7

Hanno diritto di avere comunicazione annuale del bi- lancio e del conto dei profitti e delle perdite, e di con- trollarne l’esattezza, consultando i libri e gli altri do- cumenti della società

Diritto al rendiconto annuale, o al diverso ter- mine stabilito nel contratto sociale, se il com- pimento degli affari sociali dura oltre l’anno

Diritto di ottenere il rendiconto al compimen- to degli affari sociali

Diritto di consultare i documenti relativi all’amministrazione

Diritto ad avere notizia dello svolgimento degli affari sociali

Controllo dei soci non

amministratori (art. 2261); soci accomandatari (art. 2320 2° c.)

Nella società in acco- mandita semplice

Nella società semplice e nella s.n.c

I soci accomandanti

Utili (art. 2262) e patto leonino (art. 2265)

È nullo il patto con il quale uno o più soci sono esclusi da ogni par- tecipazione agli utili o alle perdite

Se il contratto determina solo la partecipazione agli utili, si presume nella stessa misura la partecipazione alle perdite

La quota del socio d’opera se non è determinata dal contratto è fissata dal giudice secondo equità

Se il valore dei conferimenti non è determinato tali parteci- pazioni si presumono eguali

SOCIETÀ DI PERSONE

8

Salvo patto contrario, ciascun so- cio ha diritto di percepire la sua parte di utili dopo l’approvazione del rendiconto

La partecipazione dei soci agli utili ed alle perdite si presume proporzionale ai conferimenti

Ripartizione dei guadagni e delle perdite (art. 2263)

SC H

E M

I

9

Le limitazioni alla rappresentanza sono opponibili ai terzi se portate a conoscenza con mezzi idonei o se si dimostra che que- sti le conoscevano (art. 1396)

Nella società semplice

Le limitazioni alla rappresentanza non so- no opponibili ai terzi se non sono iscritte nel registro delle imprese o non si prova che i terzi ne hanno avuto conoscenza

Nella s.n.c.

I patti limitativi della rappresentanza non sono opponibili ai terzi, a meno che si pro- vi che questi ne erano a conoscenza

Fino a quando la s.n.c. non è iscritta nel

registro delle imprese

L’amministrazione della società e la rappresen- tanza possono essere affidate solo ai soci acco- mandatari che hanno gli stessi diritti ed obblighi dei soci della collettiva

Fino a quando la s.a.s. non è iscritta nel

registro delle imprese

SOCIETÀ DI PERSONE

In mancanza di diversa disposizione del contrat- to, la rappresentanza spetta a ciascun socio am- ministratore e si estende a tutti gli atti rientranti nell’oggetto sociale

Si presume che ciascun socio che agisce abbia la rappresentanza sociale, anche in giudizio

Salva diversa disposizione dell’atto costitutivo, l’amministratore che ha la rappresentanza della società può compiere tutti gli atti rientranti nel- l’oggetto sociale, salve le limitazioni che risulta- no dall’atto costitutivo o dalla procura

Rappresentanza nella società semplice (art. 2266); nella s.n.c. (art. 2298); nella s.n.c. irregolare non iscritta nel registro delle imprese (art. 2297, 2° c.)

e nella s.a.s (art. 2318)

Il socio richiesto del pagamen- to può domandare la preventiva escussione del patrimonio so- ciale indicando i beni sui quali il creditore può agevolmente soddisfarsi

Il patto di limitazione del- la responsabilità, per es- sere opponibile, deve es- sere portato a conoscenza dei terzi con mezzi idonei

Sul patrimonio sociale

SOCIETÀ DI PERSONE

Responsabilità per le obbligazioni sociali nella società semplice

(artt. 2267 e 2268)

I creditori sociali possono far valere i propri diritti

Verso i singoli soci che hanno agi- to in nome e per conto della so- cietà, in quanto personalmente e solidalmente responsabili per le obbligazioni sociali

Verso gli altri soci i quali, salvo patto contrario, rispondono perso- nalmente e solidalmente per le ob-

bligazioni sociali

Tuttavia, i creditori sociali non possono pretendere il pagamento

dai singoli soci se non dopo aver e- scusso, infruttuosamente, il patri-

monio sociale

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

11

Responsabilità per le obbligazioni sociali nella s.n.c. (artt. 2291, 2304)

Tutti i soci rispondono solidalmente ed il- limitatamente per le obbligazioni sociali. Verso i terzi è inefficace il patto contrario

I soci accomandatari rispondono solidalmente e illimitatamente per

le obbligazioni sociali

Rispondono illimitatamente in caso di violazione del divieto di immistione (art. 2320, 1° c.) e nel caso in cui acconsento- no a che il proprio nome sia compreso nella ragione sociale (art. 2314, 2° c.)

I soci accomandanti rispondono li- mitatamente alla quota conferita

Responsabilità per le obbligazioni sociali nella s.a.s.

(artt. 2313, 2320, 1° c., 2314, 2° c.)

SOCIETÀ DI PERSONE

12

Responsabilità del nuovo socio (art. 2269)

Risponde con gli altri soci per le obbligazioni sociali anteriori

all’acquisto della qualità di socio

Sugli utili spettanti al debitore

Compiendo atti conservativi sulla quota spettante al debito-

re nella liquidazione

Non può chiedere la liquidazione della quota del socio debitore finché dura la società

Può chiedere la liquidazione della quota del de- bitore, se gli altri beni di quest’ultimo sono in- sufficienti. La quota è liquidata entro tre mesi,

salvo lo scioglimento della società

Nella società semplice e nella s.n.c. irregolare

Creditore parti- colare del socio

(artt. 2270, 2305)

Nella s.n.c. e nella s.a.s

Può far valere i suoi diritti

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

13

Morte del socio (art. 2284)

Liquidazione della quota agli eredi se non stabilito diversamente dal contratto sociale

Scioglimento della società (art. 2272 n. 3)

Continuazione della società con gli eredi se questi vi acconsentano

Obbligo di comunicare il recesso agli altri soci con un preavviso di almeno tre mesi

Nei casi previsti dal contratto sociale

Quando sussiste una giusta causa ed ha effetto immediato

È consentito

Recesso del socio (art. 2285)

Quando la società è contratta a tempo indeterminato o per tutta la vita di un socio

Per gravi inadempienze delle obbligazioni derivanti dalla legge o dal contratto sociale

Per la sopravvenuta inidoneità a svolgere l’opera conferita

Per il perimento della cosa dovuto a causa non imputabile agli amministratori

Per il perimento della cosa prima che la proprietà sia acquistata dalla società

Esclusione facoltativa del socio

(art. 2286)

In seguito ad interdizione, inabilitazione o per la sua condanna ad una pena che im- porta l’interdizione, anche temporanea,

dai pubblici uffici

SOCIETÀ DI PERSONE

14

Di qualunque socio

Del socio d’opera

Del socio che ha conferito il godimento di una cosa

Del socio che si è obbligato al trasferimento della proprietà di una cosa

SC H

E M

I

15

SOCIETÀ DI PERSONE

Il socio nei cui confronti un suo creditore particolare abbia ottenuto la liquidazione della quota a norma

dell’art. 2270

L’esclusione di uno di essi è pronunciata dal tribunale su

domanda dell’altro

Entro tale termine il socio escluso può fare opposizione davanti al tribunale che può

sospendere l’esecuzione

Il socio dichiarato fallito È escluso di diritto

Esclusione di diritto del socio

(art. 2288)

L’esclusione è deliberata dalla maggioranza dei soci (per teste e non per quote) non computandosi nel

numero il socio da escludere

Procedimento di esclusione

del socio (art. 2287)

La delibera ha effetto decorsi trenta giorni dalla data di comunicazione al socio escluso

Se la società è composta di due soli soci

SOCIETÀ DI PERSONE

16

La liquidazione avviene in base al- la situazione patrimoniale della so- cietà al giorno dello scioglimento

Il pagamento deve essere effettuato entro tre mesi dallo scioglimento

del rapporto, salvo quanto previsto dall’art. 2270

Nella società semplice e nella s.n.c irre- golare lo scioglimento del rapporto deve essere portato a conoscenza di terzi con

mezzi idonei, in mancanza non è opponi- bile ai terzi in buona fede

Nella s.n.c. e nella s.a.s. regolari l’oppo- nibilità ai terzi delle cause di scioglimen- to del rapporto sociale è soggetta la regi- me di pubblicità legale delle modificazio-

ni dell’atto costitutivo (art. 2300)

Per le operazioni in corso il socio o gli eredi partecipano agli utili o alle perdite inerenti alle stesse

Nei casi di morte, recesso ed esclusione

Il socio o i suoi eredi sono responsabili verso i terzi per le obbligazioni sociali (art. 2267) sorte fino al giorno dello scioglimento del rapporto

Il socio o i suoi eredi hanno dirit- to ad una somma di danaro che rappresenti il valore della quota

Liquidazione della quota del socio uscente (art. 2289) e responsabilità (art. 2290)

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

17

Cause di scioglimento della società semplice

della s.n.c. e della s.a.s. (art. 2272)

Cause specifiche di scioglimento della s.n.c.

(art. 2308)

Cause specifiche di scioglimento della s.a.s.

(art. 2323)

Quando viene a mancare la pluralità dei soci, se entro sei mesi non è ricostituita

Per le altre cause previste dal contratto sociale

Per provvedimento dell’autorità governativa

Per la dichiarazione di fallimento

Se vengono a mancare tutti gli acco- mandatari nei sei mesi successivi gli accomandanti nominano un ammini- stratore provvisorio (che non assume la qualità di accomandatario) per l’ordinaria amministrazione

Per il decorso del termine

Per il conseguimento dell’oggetto sociale o per la sopravvenuta impossibilità di conse- guirlo

Per la volontà di tutti i soci

Quando rimangono solo soci accomandanti o solo soci acco- mandatari e nei sei mesi non è sostituito il socio venuto meno

SOCIETÀ DI PERSONE

18

Si procede alla liquidazione del patri- monio sociale secondo quanto stabilito

nel contratto sociale o secondo l’accordo raggiunto dai soci

I liquidatori, i cui obblighi e respon- sabilità sono regolati dalla disciplina degli amministratori (art. 2260), so- no revocabili all’unanimità dai soci e, su domanda di uno o più soci, dal

tribunale per giusta causa

Poteri degli amministratori dopo lo sciogli- mento della società e nomina dei liquidatori

(artt. 2274, 2275, 2276)

Gli amministratori possono compiere solo gli affari urgenti fino all’adozione

dei provvedimenti necessari per la liquidazione

Se il contratto nulla dice o non si raggiunge l’accordo

Nomina dei liquidatori con il consenso di tutti i soci

I liquidatori sono no- minati dal Presidente

del tribunale

Se non si raggiun- ge l’accordo

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

19

Da tale iscrizione la rappre- sentanza della società,

anche in giudizio, spetta ai liquidatori

Pubblicità della liquidazione nella s.n.c. e nella s.a.s. (art. 2309) e rappresentanza

durante la liquidazione (art. 2310)

La deliberazione dei soci e la sentenza che nomi- na i liquidatori, nonché ogni atto che importi il cambiamento dei liquidatori, devono essere, entro trenta giorni dalla notizia della nomina, deposita- ti in copia autentica a cura dei liquidatori medesi- mi per l’iscrizione presso il registro delle imprese

SOCIETÀ DI PERSONE

20

Inventario (art. 2277)

Poteri dei liquidatori (art. 2278); divieto

di nuove operazioni (art. 2279)

Insieme redigono e sottoscrivono l’inventario dal quale deve risultare lo stato attivo e passi-

vo del patrimonio sociale

Ne rispondono personalmente e

solidalmente in caso di violazione

Possono compiere tutti gli atti necessari per la liquidazione

Possono vendere in blocco i beni sociali, fare transazioni e com-

promessi se i soci non hanno di- sposto diversamente

Rappresentano la società anche in giudizio

Gli amministratori consegnano ai liquidatori i beni ed i documenti sociali presentando il

conto della gestione relativo al periodo suc- cessivo all’ultimo rendiconto

Non possono intraprendere nuove operazioni

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

21

Pagamento dei debiti sociali (art. 2280)

Richiesta ai soci dei versamenti ancora dovuti sulle ri- spettive quote e, se occorre, delle somme necessarie

nei limiti delle rispettive responsabilità e in proporzio- ne delle perdite di ciascuno. Il debito del socio insolvente si ripartisce nella stessa proporzione

Divieto per i liquidatori di ripar- tire, anche parzialmente, i beni sociali finché non siano stati

pagati i creditori della società o non siano state accantonate le somme necessarie per pagarli

Restituzione dei beni conferiti

in godimento (art. 2281)

Se deteriorati o periti per causa imputabile agli amministratori diritto al risarcimento del danno a

carico del patrimonio sociale, salva l’azione contro gli amministratori

L’eventuale eccedenza è ripartita tra i soci in proporzione alla partecipazio-

ne di ciascuno nei guadagni

Se si è convenuto che la ripartizione dei beni sia fatta in natura si applicano le disposizioni sulla

divisione delle cose comuni

Ripartizione del- l’attivo (art. 2282) ripartizione dei beni in natura

(art. 2283)

Estinti i debiti sociali l’attivo residuo rimborsa i conferimenti secondo la valu-

tazione fatta nel contratto sociale o, in mancanza, secondo il valore che aveva-

no al momento del conferimento

I soci che li hanno conferiti han- no il diritto di riprenderli nello

stato in cui si trovano (art. 1590)

Se i fondi sono

insufficienti

SOCIETÀ DI PERSONE

22

In caso di impugnazione del bilancio e del piano di riparto, il liquidatore può

chiedere che le questioni relative alla li- quidazione siano esaminate separatamen-

te da quelle relative alla divisione, alle quali il liquidatore può restare estraneo

Con l’approvazione del bilancio i liqui- datori sono liberati di fronte ai soci

Compiuta la liquidazione, i liquidatori de- vono redigere il bilancio finale e proporre

ai soci il piano di riparto

Dalla cancellazione i creditori sociali insoddisfatti possono far valere i loro crediti nei confronti dei soci (nella s.a.s. nei confronti degli accomandatari e degli accomandanti nei limiti della quota di liquidazione) e, se il mancato pagamento è dipeso da colpa dei liqui-

datori, anche nei confronti di questi

Approvato il bilancio finale di liquidazione, i liquidatori devono chiedere la cancellazio- ne della società dal registro delle imprese

Bilancio finale di liquidazione e piano di riparto nella s.n.c. e

nella s.a.s. (art. 2311)

Il bilancio, sottoscritto dai liquidatori, ed il piano di ri- parto devono essere comunicati mediante raccomanda- ta ai soci, e s’intendono approvati se non sono stati im- pugnati nel termine di due mesi dalla comunicazione

Cancellazione della s.n.c. (art. 2312) e della s.a.s. e diritti dei creditori sociali

dopo la liquidazione (art. 2324)

SC H

E M

I

SOCIETÀ DI PERSONE

23

Hanno i diritti e gli obblighi dei soci della società in nome collet- tivo e solo ad essi può essere con- ferita l’amministrazione della società

Possono prestare la loro opera sotto la dire- zione degli amministratori

Possono, se l’atto costitutivo lo consente, dare autorizzazioni e pareri per determinate operazioni e compiere atti di ispezione e sorveglianza

Non sono tenuti alla restituzione degli utili ri- scossi in buona fede secondo il bilancio rego- larmente approvato

Il socio accomandante che con- travviene a tale divieto assume responsabilità illimitata e soli-

dale verso i terzi per tutte le ob- bligazioni sociali e può essere escluso a norma dell’art. 2286

Soci accomandatari

Soci accomandatari (art. 2318) e soci accomandanti (art. 2320); utili percepiti in buona fede (art. 2321)

Soci accomandanti

Non possono compiere atti di amministrazio- ne, né trattare o concludere affari in nome del- la società, se non in forza di procura speciale per singoli affari

24

SOCIETÀ DI PERSONE

L’approvazione di tanti soci accoman- danti che rappresentino la maggioranza

del capitale da essi sottoscritto

È trasmissibile per causa di morte Può essere ceduta col consenso dei soci che rappresentano la

maggioranza del capitale

Il consenso di tutti i soci accomandatari

Se l’atto costitutivo non dispone diversamente per la nomina, tra i soci accomandatari, degli amministra- tori e per la loro revoca, nel caso in cui siano stati

nominati con atto separato, sono necessari

Nomina e revoca degli amministratori di s.a.s. (art. 2319)

Trasferimento della quota del socio accomandante (art. 2322)

commenti (3)
Ciao, ma è possibile avere gratis anche solo gli schemi?
perfetto
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 24 totali
Scarica il documento