Tecnologie dell'apprendimento, Prove d'esame di Sistemi adattivi e apprendimento
G.MORETTI1
G.MORETTI1

Tecnologie dell'apprendimento, Prove d'esame di Sistemi adattivi e apprendimento

4 pagine
2Numero di download
27Numero di visite
Descrizione
File risposte esame Tecnologie dell'istruzione e dell'apprendimento Unipegaso
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 4
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento

Foglio2

DOMANDE RISPOSTE Apprendimento Zero, Protoapprendimento, Deuteroapprendimento, Apprendimento

terziario sono i livelli di apprendimento individuati da: ^001 - Bateson

Con i self media la forma dei saperi si sposta verso modelli di tipo: ^002 - dialogico-ermeneutico

Dal confronto fra modernita' e postmodernita' sono possibili 4 tipi di reazione:

^003 - Risposta di tipo conservazionista, del tipo riformista, di tipo nichilista e la

risposta innovativa

Durante lo stadio senso motorio individuato da Piaget: ^004 - si realizzano le prime modalita' di interazione con l'ambiente

Edgar Morin sostiene che alcuni tratti problematici della contemporaneita' devono

diventare: ^005 - Risorse intellettuali ed educative per il prossimo futuro

Gli ambienti di apprendimento ispirati al costruttivismo sono finalizzati all'

apprendimento: ^006 - Significativo

Gli esperimenti di Ivan Pavlov  erano tesi a dimostrare: ^007 - i riflessi condizionati

Gli indicatori di qualita' considerano:

^008 - strategie metodologiche e materiali, formatori, organismi della formazione,

offerta

Gli indicatori di qualita' considerati sono: ^009 - 4

Gli indicatori di qualita' devono essere considerati: ^010 - tutti, simultaneamente

I newsgroup sono: ^011 - bacheche elettroniche'

I tre filoni in cui, secondo Rivoltella di riassumono i contesti di interesse della Media

Education sono: ^012 - tecnologico, critico e produttivo

I metodi di cui i membri di un gruppo etnico si servono per comprendere la loro stessa

attivita' sono oggetto di studio: ^013 - dell'etnometodologia

Il concetto di 'descolarizzazione' si deve a: ^014 - Illich

Il concetto di 'Multiversum' e' subentrato a quello di: ^015 - universo

Il maggiore rappresentante del filone della media education e': ^016 - Len Mastermann

Il Media Educator viene definito da Morcellini come: ^017 - Tecnologo

Il paradigma sistemico-interazionista focalizza l' attenzione: ^018 - sull’analisi pragmatica delle interazioni comunicative

Il processo in cui ciascun componente del gruppo lavora su ognuna delle parti del

compito complessivo si definisce: ^019 - Collaborazione

Il processo in cui ciascun membro del gruppo esegue un compito specifico, una

porzione in pratica dell'intero lavoro assegnato si definisce: ^020 - Cooperazione

Il tutor diventa di 'rete' non ha una funzione di supporto: ^021 - tecnico

Il blogroll e' : ^022 - l'associazione al blog di un link di altre pagine web

Il cognitivismo si sviluppa negli anni: ^023 - 60

Il fondatore dello struttural funzionalismo e' stato: ^024 - Talcott Parsons

Il metodo di indagine adottato da Edward Titchener fu: ^025 - L' introspezione

Il modello Stimolo/risposta e' di natura: ^026 - Comportamentista

Il modello Stimolo-Risposta (S-R) si deve a: ^027 - Pavlov

Il passaggio dall'Istruzione programmata lineare a quella ramificata si deve a: ^028 - Norman Crowder

Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento

Pagina 1

Foglio2

Il programma della Comunita' Europea finalizzato a rispondere alla sfida educativa

posta dall' invecchiamento della popolazione europea e a offrire agli adulti percorsi

per migliorare le loro conoscenze e competenze si definisce: ^029 - Grundtvig

Il rapporto Unesco-Delors del 1996 codifica: ^030 - i quattro pilastri dell' insegnamento

Il termine Web 2.0 fu coniato: ^031 - durante una conferenza nell' O' Reilly Media

In ambito comunicativo possono essere individuati tre tipi di competenza: ^032 - Cognitiva, meta cognitiva e sociale

In Italia l' interesse per la Madia Education si e' sviluppato: ^033 - Negli ultimi decenni

L' identificazione, la gestione e lo sviluppo delle competenze e delle abilita' necessarie

per interagire con i media e le ICT? si definisce: ^034 - Media literacy

La capacita' di discernere la realta'dalla sua rappresentazione, il saper decodificare i

messaggi analizzando e interpretando i codici e i linguaggi sottostanti si definisce: ^035 - Autonomia critica

La chat: ^036 - puo' essere di gruppo

La Commissione europea nel dicembre 1991 si e' pronunciata sulla formazione a

distanza con un memorandum dal titolo: ^037 - Open and distance learning

La conoscenza del come apprendere in modo continuo e costante si definisce: ^038 - learning culture La conoscenza e' frutto dell' attivita' riflessiva del soggetto, una strutturazione attiva,

negoziata e 'situata', figlia dell’esperienza e degli scambi comunicativi e simbolici' e'

un' affermazione che rimanda alla teoria: ^039 - Costruttivista La definizione di Media education come 'Quel particolare ambito delle scienze

dell'educazione e del lavoro educativo che consiste nel produrre riflessione e strategie

operative in ordine ai media intesi come risorsa integrale per l’intervento formativo' e'

di: ^040 - Pier Cesare Rivoltella

La definizione formale del corretto comportamento da tenere in Rete si definisce: ^041 - Netiquette

La distinzione tra cooperazione e collaborazione si deva a: ^042 - Hoper

La figura professionale di maggior rilievo nell' ambito della media education si

definisce: ^043 - Media Educator

La fragilita' dei bambini di fronte agli stimoli mediali e' oggetto di osservazione da

partedi: ^044 - Postman ne 'La scomparsa dell' infanzia'

La nascita di Facebook risale a: ^045 - febbraio 2004

La Open University inglese fu istituita nel: ^046 - 1971

La prima rete di computer fu definita: ^047 - ArpaNet

La strategie per il lavoro collaborativo e cooperativo furono catalogate da: ^048 - Diaper e Sanger

La corrente che vede l' apprendimento emergere dalle articolate relazioni tra il

soggetto, l'ambiente fisico e culturale si definisce: ^049 - Contestualista

La cultura odierna e' stata definita da Jean Francois Lyotard: ^050 - Condizione postmoderna 

La 'distanza tra il livello di sviluppo raggiunto e quello che potenzialmente

raggiungibile attraverso l'ausilio di persone con un livello di competenza maggiore' e': ^051 - La zona di sviluppo prossimale

La formazione telematica: ^052 - libera dai vincoli spazio temporali

Pagina 2

Foglio2

La 'formazione urgente alla costruzione di una societa' capace di scelte etiche [...] alla

ricerca di senso dell' esistenza individuale e societaria, orientata al benessere di tutti i

viventi'  e' : ^053 - Eco cittadinanza

'La grammatica generativo-trasformazionale' si deve a: ^054 - Chomsky

La Mass Communication Research si e' sviluppata: ^055 - Negli Stati Uniti

La modernita' si era posta come rottura con un'epoca immediatamente precedente: ^056 - L'antichita'

La nuova figura utile per favorire attivita' di cooperazione e collaborazione e' quella

del: ^057 - Coach

La parte del cervello notoriamente deputata alla elaborazione e comprensione del

linguaggio e': ^058 - L'area di Broca

La polisemia e' coessenziale alla: ^059 - Postmodernita'

La ricerche sui Neuroni Specchio sono di matrice: ^060 - Italiana

La risorsa sia audio che video scaricabile attraverso dispositivi mobili o fissi si

definisce: ^061 - Podcasting

La teoria dei Cultural Studies si sviluppa presso: ^062 - L'Universita' di Birmingham

La teoria della Gestalt nasce in contrapposizione: ^063 - All' associazionismo e al comportamentismo

La teoria della Gestalt si sviluppa a partire dal: ^064 - 1912

La teoria delle Intelligenze multiple si deve a: ^065 - Howard Gardne

L'apprendimento che comporta la modificazione delle strutture cognitive del soggetto

si definisce: ^066 - Significativo

L'approccio socio-costruzionista ha attribuito un ruolo fondamentale: ^067 - al contesto L'atteggiamento di chi non conosce e rifiuta la cultura della comunicazione e dei

media perche' minacciosa e 'nociva' per lo sviluppo psichico e affettivo del bambino

rientra nell'ambito: ^068 - Dell'approccio inoculatorio

L'attenzione alla modellizzazione data dai contesti culturali allo sviluppo cognitivo e

all’apprendimento rientra nell' ambito della corrente: ^069 - Culturalista

L'autore del testo 'La scomparsa dell'infanzia e': ^070 - Neil Postman

Lave e Wenger hanno teorizzato: ^071 - l'apprendimento situato

Le 'comunita' di pratica' sono dei gruppi i cui componenti: ^072 - apprendono dalla stessa partecipazione attraverso attivita' di collaborazione

Le teorie ancorate al paradigma informazionista avevano privilegiato: ^073 - l' aspetto meramente trasmissivo della comunicazione

Le teorie sociologiche di matrice costruttivista hanno spostato l' attenzione: ^074 - sul contesto di apprendimento e le relazioni che vi si instaurano

Le correnti sviluppatesi all' interno del costruttivismo sono: ^075 - Culturalista e contestualista

Le due procedure in cui si articola il linguaggio sono: ^076 - Argomentazione e narrazione

Le mappe concettuali hanno struttura: ^077 - Reticolare

Le posizioni della Media education sembrano sposare la prospettiva: ^078 - Socio costruzionista

L'ECDL e' operativo in: ^079 - 135 paesi

L'espressione Intelligenza Connettiva e' da attribuirsi a: ^080 - De Kerchkove

L'espressione 'il medium e' il messaggio' e' di: ^081 - Marshall Mc Luhan

L'European Computer Driving Licence (ECDL) e' finalizzato all' accertamento: ^082 - delle competenze informatiche

L'immagine del 'nanus positus super humeros gigantis' e' attribuibile a: ^083 - Bernardo di Chartres

Pagina 3

Foglio2

Lo studio sui neuroni specchio era inizialmente rivolto: ^084 - Alla corteccia premotoria

Lo studioso che ha definito le tecnologie come protesi del nostro essere e delle

nostre capacita' esplorative e' : ^085 - Mc Luhan

Negli anni '60 si e' avuto il passaggio: ^086 - dalla teoria dell' informazione alla teoria sistemica

Negli anni cinquanta, le considerazioni sui processi mentali e conoscitivi che sono

all'origine del processo di apprendimento diedero avvio alla: ^087 - rivoluzione cognitiva

Nel 1964 Umberto Eco pubblica il saggio dal titolo: ^088 - Apocalittici e integrati

Nel corso degli anni si e' avuto un passaggio graduale: ^089 - dal 'saper cosa' al 'sapere come' al 'l'essere capace di fare'

Nel libro 'Gli strumenti del comunicare' Marshall  Mcluhan afferma:

^090 - 'nel regime della tecnologia elettrica il compito dell' uomo diventa quello di

imparare e di sapere; tutte le forme di ricchezza derivano dallo spostamento

d'informazione'

Nell' individuazione dei modelli didattici di base non rientra il paradigma: ^091 - informazionista-sociale

Nella 'grammatica generativo-trasformazionale' si mette in risalto: ^092 - L' innatismo del linguaggio

Non e' una competenza del media educator: ^093 - costruzione di infrastrutture tecnologiche

Per blended learning si in tende un modello di formazione: ^094 - Mista tra formazione in presenza e distanza

Per Baudrillard una dimensione nella quale le immagini mediatiche perdono il contatto

con la realta' si definisce: ^095 - iper-realta'

Per i teorici della Gestalt 'una ridefinizione della struttura da parte del soggetto, che

consente di risolvere il 'problema' proposto' si definisce: ^096 - Intuizione

Per Spretnak, iper-modernità e':

^097 - Gestione pragmatica degli eventi, grazie anche ad un ampio ricorso alla

componente tecnologica

Per Vygotskij la distinzione dell' uomo dalle altre specie avviene attraverso: ^098 - Il linguaggio

Rivoltella riassume i contesti di interesse della Media education in tre filoni: ^099 - tecnologico, critico, produttivo dell'educazione

Secondo Bauman la societa' attuale e' caratterizzata dal passaggio: ^100 - Dall' etica del lavoro all' estetica del consumo

Secondo la teoria dei Cultural Studies la cultura e': ^101 - un processo incessante di produzione e distribuzione culturale

Secondo Piaget l'adattamento e' composto da: ^102 - assimilazione e accomodamento

Secondo Vygotskij gli stimoli-mezzi artificiali introdotti dall' uomo nella situazione e

svolgenti una funzione di autostimolazione sono: ^103 - Segni

Secondo Vygotskij, nello sviluppo del bambino ogni funzione e' presente due volte sul

piano: ^104 - Sociale e psicologico

'Un' azione accompagnata o seguita da uno stato di soddisfazione tendera' a

ripresentarsi più spesso' e' la legge: ^105 - Degli effetti

Verso gli anni '70, l’evoluzione delle tecnologie ipermediali ha condotto alla FaD: ^106 - di seconda generazione

VVygotskij e' considerato il padre: ^107 - Della Scuola storico-culturale

Wikipedia e' : ^108 - un' enciclopedia virtuale

Wundt istitui': ^109 - Il primo laboratorio di psicologia sperimentale

Pagina 4

non sono stati rilasciati commenti
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 4 totali
Scarica il documento