Tesina Esame Maturità sul Caffè
salvatore151926
salvatore151926

Tesina Esame Maturità sul Caffè

18 pagine
3Numero di download
582Numero di visite
Descrizione
Tesina per l'esame di stato sul caffè
20 punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 18
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 18 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 18 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 18 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 18 totali
Scarica il documento

IL CAFFE’

CANDIDATO: MICHELE PATERNI

CLASSE VM

a.s. 2011/12

RELATORE: PROF.SSA ROBERTA ROSSI

2

Indice

Introduzione

1 Storia del caffè 1.1 Tra storia e leggenda

1.2 Affermazione nel mondo

2 Dal chicco alla tazzina 2.1 Caratteristiche della pianta

2.2 Coltivazione

2.3 Raccolta 2.4 Estrazione dei semi 2.5 Torrefazione e miscelazione 2.6 Conservazione 2.7 Preparazione del caffè 2.8 La tazzina calda

3 Varietà commerciali del caffè 3.1 Caffè decaffeinato e solubile

3.2 Caffe’ equo e solidale

3.3 Surrogati del caffe’ nella seconda guerra mondiale

4 Il caffe’ fa bene o fa male? 4.1 Aspetti nutrizionali

4.2 Caffe’ e sport

5 Il caffè: vero e proprio fenomeno sociale 5.1 “Bere un caffè” per estraniarsi nello spazio-tempo

5.2 La bevanda ideale per la borghesia5.3 Caffe’ letterari in Italia

Bibliografia

3

Introduzione

Il caffè è la bevanda più studiata al mondo, è un concentrato di numerosissime sostanze molte

delle quali con attività biologica. Nonostante contenga alcuni nutrienti e numerosissimi

composti l‟OMS lo ha definito come “ non nutritive dietary component”. Il caffè occupa il

secondo livello mondiale di scambi commerciali dopo il petrolio infatti, insieme al tè, dopo

l‟acqua, è la bevanda più consumata al mondo e ha un particolare e preciso significato di

aggregazione sociale essendo consumato in particolari momenti della giornata. Bere il caffè è

un‟esigenza, un rito, un atto unico e speciale, un'occasione d'incontro secondo le abitudini e le

usanze di ciascun popolo, capace di superare le barriere del linguaggio e delle diverse culture.

1959-65 Armando Testa ampagna pubblicitaria per il caffè Paulista della Lavazza

4

Capitolo 1 Storia del caffè

1.1 Tra storia e leggenda La scoperta del potere eccitante e tonificante delle bacche rosse

è circondata da numerose leggende.

Secondo un racconto yemenita, un monaco avendo saputo da

un pastore che le sue capre e i suoi cammelli si mantenevano

“vivaci” anche di notte dopo aver mangiato certe bacche di

color rosso-mattone, preparò con queste una bevanda per

allontanare sonno e stanchezza durante le veglie notturne di

preghiera. Ha carattere divino anche il racconto secondo il

quale l‟Arcangelo Gabriele scese sulla Terra per portare un elisir al profeta Maometto colpito

dalla malattia del sonno. La pozione nera fece sì che il profeta recuperasse forza e salute,

tanto da disarcionare quaranta cavalieri e soddisfare altrettante donne.

1.2 Affermazione nel mondo

Originario dall‟Etiopia (il nome “caffè”infatti deriverebbe da Kaffa, regione abissina in cui

questa pianta era maggiormente diffusa allo stato spontaneo), il caffè fu importato in Arabia

dove la coltivazione conobbe il primo successo. All‟inizio i semi venivano schiacciati e

lasciati fermentare per ottenere una sorta di vino detto qahwa, solo alla fine del 1300 gli arabi

iniziarono a tostarlo e a trasformarlo nella bevanda che oggi conosciamo. Il caffè raggiunse

poi l‟Egitto e di qui si diffuse nell‟impero turco Ottomano e verso Oriente, fino all‟India. In

Europa fu introdotto nella seconda metà del 500 per iniziativa soprattutto dei mercanti

veneziani e, nel corso del XVII secolo, nel Vecchio Continente si diffuse " il rito del caffè",

furono aperti i primi caffè letterari e attorno a questa bevanda, presero vigore " grandi correnti

artistiche e culturali.

In Inghilterra nel XVII sec. si

diffusero le Coffee Houses

soprannominate “penny

universities” perché, al prezzo di un

solo penny, tutti potevano recarsi in

quei luoghi per consumare caffè e

ascoltare le conversazioni di

scrittori, artisti, avventurieri, ecc..

5

Il Café Le Procope è il primo caffè di

Parigi (1686), secondo molti anche il

più antico caffè d'Europa. Fu fondato

dal ristoratore Francesco Procopio dei

Coltelli, emigrato a Parigi nella prima

metà del Seicento da Acitrezza, paese a

poca distanza da Catania.

In Italia, la prima Coffee-house fu

aperta a Venezia a piazza San Marco

nel 1720 da Floriano Francesconi ed

esiste ancora oggi con il nome di Caffè

Florian.

I caffè di Vienna sono famosi in tutto il

mondo e qualcuno ha detto che “bere il

caffè” sia il principale sport al coperto

praticato dagli austriaci. Questa

abitudine ha origine nel lontano 1683

quando i Turchi, sconfitti alle porte di

Vienna, nella ritirata abbandonarono sul

campo di battaglia numerosi sacchi

contenenti strani e scuri grani, di cui i

viennesi ignoravano l‟impiego.

6

Capitolo 2. Dal chicco alla tazzina

2.1 Caratteristiche della pianta

Il caffè è una pianta tropicale sempreverde appartenente

alla famiglia delle Rubiaceae.Tutte le specie sono legnose

variando da piccoli arbusti ad alberi alti oltre 10 metri; la

loro fioritura e la conseguente fruttificazione, non

dipendono dall‟aumento di temperatura primaverile, come

avviene nei nostri paesi, ma deriva dalle piogge: quanto

più sono numerose, tanto più saranno numerose le

fioriture: i frutti della pianta, quindi, non maturano tutti

contemporaneamente, anzi è normale trovare sulla stessa

pianta fiori, frutti acerbi e frutti maturi.Il frutto è una

piccola drupa simile a una ciliegia che, raggiunta la maturità, assume un colore rosso-nerastro.

All‟interno si trovano la polpa e due semi, posti uno di fronte all‟altro, avvolti dal pergamino,

una pellicola rigida e spessa che li protegge. Sotto il pergamino si trova un‟altra pellicola

molto sottile e perfettamente aderente al seme: la pellicola argentea. Ogni frutto contiene

normalmente due semi verdastri che sono appunto i chicchi di caffè; talvolta se ne trova uno

solo, chiamato caffè perla ocaracolito. Tra le diverse specie esistenti la più pregiata è la

Coffea arabica seguita dalla Coffea robusta.

1) solco centrale - 2) chicco di caffè - 3) pellicola argentea

4 ) pergamino - 5) strato di pectina - 6) polpa - 7) buccia esterna.

Dall‟arabica si ottiene un caffè di qualità migliore con

sapore meno amaro e più persistente. Ha una percentuale di

caffeina dell‟0,9-1,7% e rappresenta i 3/4della produzione

mondiale. Il seme dell‟arabica è allungato.

La robusta costituisce 1/4 della produzione e produce un

caffè di qualità inferiore, con un aroma debole, un gusto

molto amaro, talvolta astringente, e una più elevata

percentuale di caffeina, dal 1,6 al 2,8%. Il seme della

robusta è tondo con un solco abbatanza dritto.

7

2.2 Coltivazione La pianta del caffè cresce in paesi compresi fra il Tropico del Cancro e il Tropico del

Capricorno, e trova il suo habitat naturale tra i 200 e i 2000 m di altitudine, con temperature

variabili da 15 a 25 °C, in un clima caldo e umido con abbondanti piogge intervallate da

stagioni secche. È una pianta che teme il vento, il gelo, la brina e il calore eccessivo.

Attualmente il primo produttore e esportatore di caffè è il Brasile seguito dalla Colombia.

2.3 Raccolta La raccolta dei frutti può essere manuale o meccanica,

quest‟ultima avviene con macchine che scuotono la pianta e

prelevano le bacche cadute. La raccolta manuale avviene in due

modi: picking oppure stripping.

Il metodo picking prevede che i lavoratori passino più volte per

la piantagione, raccogliendo solo le bacche mature e sane; è il

sistema migliore, anche se meno usato per i costi elevati.

Il metodo stripping consiste nell‟attendere che la maggioranza

dei frutti sia a giusta maturazione, poi si passa nella piantagione

una sola volta raccogliendo tutti i frutti presenti, a prescindere

dal grado di maturazione. Con lo stripping si ottiene un prodotto non omogeneo per

maturazione, non selezionato, con una qualità finale inferiore, ma raccolto rapidamente e

quindi con un costo molto più basso.

2.4 Estrazione dei semi Dopo il raccolto, è importante estrarre in pochi giorni i chicchi dal frutto, altrimenti

sideteriorano; per far ciò si può operare con il trattamento a secco o con il trattamento in

umido:

 nel trattamento a secco i frutti sono fatti essiccare al sole o in essiccatoi quindi si effettua la

separazione dei chicchi dalla polpa e dal pergamino. Il caffè così prodotto si chiama naturale

o non lavato;

8

 nel trattamento in umido le drupe vengono fatte macerare

in apposite vasche colme per 36-72 ore, finchè si stacca

la polpa; i chicchi lavati e asciugati al sole o

artificialmente vengono , quindi separati dal pergamino.

I caffè così ottenuti si chiamano lavati e sono di qualità

superiore ai caffè naturali.

Dopo questi passaggi il caffè verde è spedito in sacchi di juta (in

genere da 60 kg) verso i paesi consumatori.

2.5 Torrefazione e miscelazione

All‟arrivo in azienda, dopo l‟eventuale miscelazione, il caffè è pronto per essere torrefatto, a

una temperatura di circa 200-230 °C, per 10-15 minuti. Il chicco cala di peso,il volume

aumenta a causa dello sprigionarsi dell‟anidride carbonica che ne provoca il rigonfiamento ed

il caratteristico crepitio ben conosciuto ai torrefattori.prende un colore bruno per

caramellizzazione degli zuccheri e sviluppa al proprio

interno molti componenti aromatici volatili.

È dunque la tostatura che dona al caffè il gusto,

l‟aroma e il colore che lo caratterizzano.

Il grado di tostatura varia da paese a paese. In Italia,

dove si preferisce una bevanda dal gusto forte e

marcato, la tostatura è effettuata con temperature e

tempi più elevati (al sud più che al nord); nei paesi che

gradiscono un caffè dal gusto più leggero (come in Nord Europa e America del Nord) il grado

di torrefazione è inferiore.Dopo la tostatura, il caffè è velocemente raffreddato con getti d‟aria

fredda (più raramente con acqua), per evitare surriscaldamenti e bruciature, dovuti anche ai

fenomeni chimici che si verificano all‟interno dei singoli chicchi. È importante evidenziare

che un caffè forte non è indice di un caffè di qualità maggiore, ma solo di una maggiore

tostatura.

2.6 Conservazione Terminata la torrefazione il caffè è pronto per essere consumato. Poiché ciò avviene in luoghi

e tempi diversi, sorge il problema di trasportare e conservare i chicchi tostati. Va ricordato che

l‟umidità e l‟ossigeno presenti nell‟atmosfera accelerano i processi di ossidazione

impoverendo la miscela. Nel caso di confezioni non ermetiche, quando si acquista da

torrefazioni artigianali locali,il consumo deve avvenire entro tempi brevissimi. Se il caffè è

confezionato sottovuoto deve essere consumato entro dieci settimane. Quando la confezione è

stagna il prodotto si mantiene indenne per un anno, mentre le confezioni pressurizzate

permettono di conservare il caffè per più di due anni: nella confezione viene tolta

completamente l‟aria e aggiunti gas inerti.

Prime essicatrici e

selezionatrici a mano.

9

2.7 Preparazione del caffè Per ottenere un buon caffè è importante seguire la regola delle tre m: miscela, macchina e

mano, vale a dire la cura e l‟attenzione dell‟esecutore. Non va, poi, dimenticato che non ci

può essere un buon caffè senza una buona acqua, pura da cloro, minerale o filtrata, senza un

caffè macinato da poco e una macinatura adatta alla propria caffettiera.

CAFFETTIERE

Samovar e caffettiere a stantuffo

Il metodo più efficace per fare il caffè rimase, dal XIV al

XVIII secolo, quello a infusione o alla francese.Si mette la

polvere di caffè in un sacchetto di tela legato ad un piccolo

cordone, si immerge in un bricco con beccuccio detto

samovar, contenente acqua bollente, e si lascia in infusione

per alcuni minuti. Si può utilizzare anchela caffettiera a

stantuffo o coffee plunger, un contenitore in vetro in cui si

versa la polvere di caffè e l'acqua bollente, lasciando in

infusione per il tempo desiderato. Attaccato al coperchio

dell'apparecchio, si trova uno stantuffo che termina in un

filtro circolare. Si raccoglie lo stantuffo verso l'alto, e si

preme delicatamente verso il basso. Nel movimento il filtro

raccoglie la polvere di caffè sul fondo, lasciando solo

l'infuso, che verrà versato dal beccuccio dell'apparecchio.

Ibrik

In Turchia troviamo l „ibrik.

L'ibrik è un pentolino alto e stretto, generalmente in rame,

variamente decorato, provvisto di un lungo manico. in cui si

mettono due parti di caffè, una di zucchero e circa una dozzina di

acqua.

Si mescola, si pone sul fuoco e si porta ad ebollizione. Si leva

quindi l'Ibrik dal fuoco e si lascia freddare. L'operazione viene

ripetuta 3 volte, infine si lascia sedimentare la polvere, si scalda il

caffè e si beve. Il caffè che ne deriva ha un gusto forte e viene detto

"caffè arabo" o "caffè turco".

10

Caffettiera moka

Tra tutte le macchine da caffè “da fuoco” il riconoscimento più prestigioso va

sicuramente alla “moka”, apparecchio inventato e messo in commercio prima

della seconda guerra mondiale da Alfonso Bialetti. Moka è il nome di un antico

porto situato sulla riva yemenita del Mar Rosso dove veniva imbarcato il caffè

destinato ai mercati dell‟ Occidente Nella caffettiera moka l‟acqua, contenuta in

una caldaia metallica esagonale, quando inizia a bollire, spinta dalla pressione del

vapore (circa 2 atmosfere), risale verso l‟alto, attraversa il filtro contenente la

polvere di caffè e raggiunge la zona sovrastante dove la bevanda viene raccolta. Il

caffè nel filtro và messo raso senza comprimerlo e un occhio di riguardo và dato

anche al calore: quando le prime gocce di caffè cominciano a salire, meglio

abbassare un po‟ la fiamma, così l‟acqua ha il tempo per estrarre dalla polvere

tutte le sostanze aromatiche. Normalmente si utilizzano circa 6 g di caffè tostato

da medio a scuro per tazza (40/50 ml).

Caffettiera napoletana

Verso la fine del 1800 in Italia comincia a diffondersi la

caffettiera napoletana; la cosa curiosa è che l‟invenzione non è

Napoletana, ma Francese (1691). Questa caffettiera ècomposta

da due cilindri, divisi da un filtro a cestello, nel quale si mette

il caffè macinato. Si incomincia, riempiendo il cestello con

caffè tostato scuro e macinato fine. Nella parte inferiore si

mette l'acqua, quindi si avvita a testa in giù la parte superiore,

detta "di servizio"con beccuccio. Si mette la macchinetta sul

fuoco e quando l'acqua bolle (un piccolo getto di vapore è il

segnale), si toglie dal fuoco e si capovolge, con una certa

maestria, in modo che l'acqua calda scorra attraverso il caffè

nel contenitore inferiore (quello con beccuccio).

Caffe’ filtro per percolazione

Questo è il metodo più usato in America e nel Nord Europa. La macchina è costituita

da due parti: una superiore e una inferiore. L‟acqua calda viene versata sul caffè

macinato grossolanamente che è contenuto in un filtro di carta collato nella parte

superiore. La bevanda sgocciola per gravità, passa attraverso il filtro e finisce nel

contenitore sottostante. Il risultato non contiene particelle in sospensione, ma scarso

aroma perché pochi sono gli olii che riescono a superare il filtro di carta.

11

2.7Metodo di preparazione e contenuto di caffeina Contrariamente a quanto si pensi, il contenuto di caffeina non dipende tanto dal volume di

caffè bevuto, quanto da fattori come il tipo di miscela utilizzata (la Robusta ha un contenuto

di 2,5 volte superiore rispetto all‟Arabica), la quantità di caffè impiegata e soprattutto il

metodo di preparazione. Il caffè americano, ad esempio, viene preparato mantenendo a lungo

il caffè a contatto con l‟acqua calda e, quindi, la quantità di caffeina estratta è elevata; al

contrario, nel caffè preparato con la moka e nell‟espresso del bar l‟acqua bollente passa

rapidamente nella miscela macinata, e il caffè contiene meno caffeina.

 Espresso: 60-120 mg

 Caffè fatto con Moka (35-50 ml): 60-120 mg

 Caffè americano (100 ml): 95-125 mg.

2.8 La tazzina calda Curiosa è la tradizione della tazzina calda, essa permette il

mantenimento della temperatura del caffè, favorendone una migliore

degustazione. Un particolare: inizialmente le tazzine venivano tenute

calde in una tinozza di acqua calda affiancata alla macchina del caffè;

quando necessario, le tazzine usate venivano blandamente sciacquate

e poi immerse in questa tinozza creata apposta per favorire la

proliferazione batterica, in quanto l‟acqua calda veniva messa la

mattina e quasi mai sostituita o integrata con dell‟altra acqua calda

durante l‟arco della giornata. Solo in anni recenti si è cominciato a

sfruttare il calore stesso prodotto dalla macchina.

Macchina espresso

La macchina espresso , inventata nel 1902 ad

opera del milanese G. Bezzera, è costituita da

una caldaia in cui l‟acqua viene riscaldata,

mediante resistenza elettrica, e sospinta

attraverso la dose di caffè macinato, con una

pressione di circa 9 atm.

12

Capitolo 3. Varietà commerciali del caffè

3.1 Caffè decaffeinato e solubile

Il caffè può essere commercializzato in grani o già macinato.

Si possono acquistare anche prodotti che hanno subito un trattamento particolare:

 il caffè decaffeinato, ovvero con un ridotto contenuto di caffeina . La normativa USA permette di etichettare come decaffeinato un prodotto che contiene meno del 2,5% di

caffeina, in Europa il caffè decaffeinatone deve contenere non più dello 0,1%;

 il caffè solubile in polvere, ottenuto per liofilizzazione dell‟infuso del caffè, si consuma con l‟aggiunta di acqua o di latte caldi.

3.2 Caffe’ equo e solidale L‟economia del caffè non è stata mai un modello etico. Un tempo, infatti,

le grandi potenze coloniali ricorrevano sistematicamente al lavoro

forzato degli schiavi per coltivare le grandi piantagioni e oggi , troppo

spesso la coltivazione del caffè, faticosa e legata alle condizioni

climatiche, non è giustamente retribuita. Nei paesi consumatori alcune

associazioni hanno preso coscienza di questo fenomeno e tentano di

correggerlo.

La fondazione Max Havelaar, ad esempio, si impegna in tutto il mondo

per un commercio equo e condizioni di lavoro corrette. I piccoli

contadini ricevono il prezzo minimo garantito per i loro prodotti e un premio fairtrade. Con il

premio i produttori realizzano progetti che migliorano la vita nella regione, come la

costruzione di pozzi per l'acqua potabile e scuole. Molti prodotti fair trade (giusto

commercio), inoltre, provengono da agricoltura biologica .

3.3 Surrogati del caffe’ nella seconda guerra mondiale Negli anni della guerra, lo spettro della fame torna prepotentemente alla ribalta. Esso

coinvolge non solo i ceti contadini e operai, ma strati della piccola e media borghesia che da

tempo se ne sentivano indenni. E‟ il trionfo del surrogato: dolci senza zucchero, creme senza

uovo, cioccolato senza cacao, caffè senza caffè .

13

Ed ecco che, un brutto giorno, una tazzina di vero caffè non si potè sorseggiare più! Tutto

sparito! Sparito appena che- fra l’ulular delle sirene, il tuonar dei cannoni e l’infernale

infuriar della bufera che tutora sconvolge il mondo intero- venne chiuso ogni confine e

sbarrata ogni via del mare. Oh, quanto dolorosa e difficile sarebbe stata la completa rinuncia

ad una sì dolce e ormai inveterata usanza, se tutti quanti, non potendo più avere il bello e il

buono, non ci fossimo adattati al meno peggio, a far cioè ricorso all’uno o all’altro dei tanti

“nuovi caffè”. E sono tutti, questi caffè degli attuali tempi, veramente salutari perché a base

di cereali; hanno tutti un colore quasi uguale a quello del vero caffè perché ugualmente

ottenuti tostando (riducendo cioè in bruno caramello) gli amidi contenuti nella farina di

semi; sono tutti di sapore amarognolo perché dolce-amaro è ogni caramello; sono tutti

blandamente digestivi perché digestiva è ogni bibita calda sorseggiata dopo i pasti; tutti però

valgono poco in quanto azione eccitante, giacchè nessun altro seme è ricco di quell’olio

essenziale e di quell’alcaloide che fanno tanto pregiati i semi del caffè. Ma non si è dovuto

fare di necessità virtù? Ecco così tutti quanti, in quei tempi, o comperare il surrogato che si

reputò il migliore- o nella propria cucina prima tostare oe poi macinare i semi o dell’orzo o

del frumento, o dell’astragalo, o della soia, o del cece, o dell’una, e persino tostare e

macinare le pelli delle patate pelate crude…. ( doc.Petronilla, pseudonimo di Amalia Moretti

Foggia,1943)

La Fondazione MaxHavelaar fa parte dell‟associaziinternazionale FairtradeLabellingOrganizationsI

14

Capitolo 4. Il caffe’ fa bene o fa male?

4.1 Aspetti nutrizionali

Il consumo di caffè non comporta assunzione di nutrienti e calorie, escludendo naturalmente

l‟aggiunta di zucchero o di latte. Le principali valutazioni nutrizionali sul consumo di caffè

sono da relazionare al contenuto in caffeina, alcaloide dalle proprietà tonico-nervine. In una

dieta bilanciata e completa, sono concesse 3/4 tazze al giorno. Una tazzina di caffè contiene

in media 4-8 milligrammi di caffeina e per avere effetti farmacologici bisogna consumarne

dosi elevate in un tempo ristretto (300mg-4/6 caffè moka o espressi in una sola dose). E‟

considerata letale una dose di 10 g di caffeina assunta nel giro di trenta minuti, equivalente a

120 espressi. La caffeina se ingerita in una sola dose (4mg/kg di peso corporeo) a una emivita

di 2,5- 4,5 ore e viene eliminata con le urine.

Caffè e cuore

A patto che non se ne consumi in quantità rilevanti, il caffè non può essere considerato tra i

fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Può infatti provocare aritmie solo se si

superano i 5/7 caffè espressi (300-500 mg di caffeina).

Caffè e asma

La caffeina ha una modesta azione broncodilatatoria e pertanto il consumo moderato sembra

ridurre crisi di asma

Caffè e stomaco

Stimola la secrezione acida dello stomaco migliorando cosi la digestione. Viceversa le

persone che soffrono di ulcera o gastriti dovrebbero limitarne il consumo.

Caffè e dieta

Il caffè viene classificato come un “no nutritive dietarycomponents” in quanto non apporta

nutrienti e energia. Infatti un caffè non apporta più di due calorie. Interessante è notare che il

caffè possa aiutare ad attenuare la sensazione di fame quando magari ci si sottopone a dieta.

Diversi studi hanno evidenziato come un consumo di tre caffè al giorno possa incrementare di

circa il 10%, l‟attività metabolica in condizioni di riposo aumentando il dispendio di energia.

Caffè e invecchiamento

È noto come il caffè sia in grado di incrementare la performance psicologica soprattutto negli

anziani dove aumenterebbe l‟ attenzione e la capacità di concentrazione. Si è scoperto che

dall‟ aroma si sprigionano circa 900 sostanze chimiche dotate di alto potere antiossidante che

ritardano gli effetti dell‟ invecchiamento bloccando l‟ azione lesiva nelle dei radicali liberi

Questo effetto è legato sia ai composti fenolici che alla caffeina.

4.2 Caffe’ e sport La caffeina del caffè, la teofillina del tè e la teobromina della cioccolata appartengono alla

famiglia delle metilxantine ossia sostanze che stimolano il sistema nervoso centrale e

soprattutto la contrazione cardiaca. Aumenta cosi la frequenza e la quantità di sangue

pompato. Una simile azione beneficia coloro che praticano sport di lunga durata. Inoltre la

caffeina rilascia la muscolatura liscia dei bronchi favorendo così una migliore respirazione

necessaria duratte una performance atletica. Il problema di quanta sia la dose di caffè permessa agli

sportivi per non risultare come dopati se sottoposti al test anti doping è assai dibattuto. Spesso il tema

15

non è trattato dalla stampa in modo corretto in quanto il termine caffeina viene associato nei titoli al

caffè e non agli analgesici contenenti caffeina . Per rientrare tra coloro che si dopano è necessario

superare i 12 milligrammi di caffeina per litro di urina. Se ci riferiamo al caffè espresso o moka in dosi

modeste non può costituire un pericolo.

16

Capitolo 5 Il caffè: vero e proprio fenomeno sociale.

5.1 “Bere un caffè” per estraniarsi nello spazio-tempo

A partire dall‟Ottocento, anche grazie alla notevole diminuzione del prezzo, il caffè diventa

un prodotto di ampio consumo da bere non solo fuori casa, ma anche tra le mura domestiche

e rappresenta forse l‟unica abitudine che nessuno di noi vorrebbe mai perdere nella

vita,perchèsimboleggia piccole pause di piacere dopo una dura giornata, è un momento di

relax strappato alla fatica quotidiana quei cinque minuti davanti alla tazzina ci ricordano che è

nostro dovere assaporare fino in fondo anche le piccole cose.

Pasquale Lojacono nel secondo atto dell‟opera Questi fantasmi ( Eduardo De Filippo 1946),

mentre parla con l'immaginario dirimpettaio il prof. Santanna dice: "[ ] Io per esempio, a tutto

rinuncerei, tranne a questa tazzina di caffè, presa tranquillamente qua, fuori al balcone, dopo

quell'oretta di sonno fatta dopo pranzo. Io stesso me la devo preparare con le mie mani. Mia

moglie non collabora, mia moglie è molto più giovane di me, e la nuova generazione ha

perduto queste abitudini che, secondo me, sono la poesia della vita; perché oltre a farvi

occupare il tempo, vi danno una certa serenità di spirito. Il caffè deve avere il colore del

manto di monaco, questo non è caffè è cioccolato. Vedete quanto poco ci vuole per rendere

felice un uomo, prendere il caffè fuori al balcone scambiando due parole con il dirimpettaio

simpatico, il caffè bisogna prenderlo con tranquillità".

5.2 La bevanda ideale per la borghesia L‟ideologia della borghesia esaltava il lavoro

contro l‟ozio e la pigrizia, lo stato di veglia e di

attenzione contro il sonno indotto dall‟alcol,

l‟impegno contro l‟indolenza e l‟apatia: il caffè

quindi si presentava come la bevanda ideale per

la nuova classe sociale. All‟inizio del Settecento

il caffè veniva bevuto in pubblico, in locali

specificamente destinati a questo scopo.I Caffè

erano in realtà dei luoghi di incontro e di

comunicazione: ci si incontrava lì per discutere

prima di tutto di affari ma poi anche di politica, di

arte, di letteratura e di giornalismo. Da questo

17

punto di vista perciò il Caffè è paragonabile ad altre due istituzioni tipiche del Settecento, il

teatro e il salotto, da cui si differenzia soprattutto perché era aperto a chiunque potesse pagarsi

una consumazione.

5.3 Caffe’ letterari in Italia "Questa preziosa bibita che diffonde per tutto il corpo un giocondo eccitamento, fu chiamata

la bevanda intellettuale, l'amica dei letterati, degli scienziati e dei poeti, perché, scuotendo i

nervi, rischiara le idee, fa l'immaginazione più viva e più rapido il pensiero." (Pellegrino

Artusi)

Anche in Italia i Caffè letterari sono stati punto d‟incontro di cultura e di vita mondana.Al

Florian a Venezia, al Greco a Roma, al Giubbe Rosse, Michelangiolo e Gilli a Firenze,

all‟Ussero a Pisa, al Pedrocchi a Padova, al Gambrinus a Napoli, al Cova a Milano artisti e

scrittori si scambiavano idee, facevano nascere riviste e libri di poesia, progetti per il teatro e

spettacoli. Famosissimi sono i caffè di TriesteLa città, che poteva vantare un porto tra i più

importanti del Mediterraneo in grado di collegare l‟impero austro-ungarico con l‟oriente, era

meta di visitatori provenienti da un po‟ tutto il mondo.

Esistevano importanti colonie di tedeschi, svizzeri, greci che individuavano in qualcuno dei

tanti locali sparsi per la città la sede di ritrovo più adatta per incontrarsi e creare delle piccole

comunità. Alla metà dell‟Ottocento esistevano a Trieste 54 caffè, e appena qualche decennio

dopo, esattamente nel 1911, si censivano ben 98 esercizi. Oggi,entrare in un Caffè come il

Tommaseo, significa ripercorrere le orme di Italo Svevo, che qui vi passava giornate intere a

scrivere, a leggere i suoi "maestri", a chiacchierare con l'amico James Joyce.

18

Bibliografia

http://dottorgourmeta.italiasquisita.net/index.php/2011/01/doctor-gourmeta-e-la-storia-del

caffe/

Dispense Dott.ssa Eva Mirri

http://www.salabar.it/node/318

non sono stati rilasciati commenti
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 18 totali
Scarica il documento