Testo unico finanziario aggiornato, Slide di Diritto Dei Mercati Finanziari. Università di Milano-Bicocca
pippohavebluebicocca
pippohavebluebicocca25 giugno 2012

Testo unico finanziario aggiornato, Slide di Diritto Dei Mercati Finanziari. Università di Milano-Bicocca

PDF (2 MB)
323 pagine
1000+Numero di visite
Descrizione
testo unico finanziario aggiornato
20punti
Punti download necessari per scaricare
questo documento
Scarica il documento
Anteprima3 pagine / 323
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 323 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 323 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 323 totali
Scarica il documento
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 323 totali
Scarica il documento
dlgs58_1998_aggiornato_L_120_2011

T

Testo Unico della Finanza Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58

A cura della Divisione Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico

Agosto 2011

Aggiornato con le modifiche apportate dalla L. n. 120 del 12.7.2011

[pagina bianca]

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

1

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58:

Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 520F1

INDICE PARTE I DISPOSIZIONI COMUNI 13 Art. 1 Definizioni 13 Art. 2 Rapporti con il diritto comunitario 20 Art. 3 Provvedimenti 20 Art. 4 Collaborazione tra autorità e segreto d'ufficio 20 Art. 4-bis Individuazione dell'autorità competente ai fini

del regolamento (CE) n. 1060/2009, relativo alle agenzie di rating del credito 22

PARTE II DISCIPLINA DEGLI INTERMEDIARI 23 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 23 Capo I Vigilanza 23 Art. 5 Finalità e destinatari della vigilanza 23

1 Pubblicato nel supplemento ordinario alla G.U. n. 71 del 26.3.1998. Il d.lgs. n. 58/1998 è stato successivamente modificato dalla L.

n. 205 del 25.6.1999 (pubblicata nella G.U. n. 149 del 28.6.1999); dal d.lgs. n. 201 del 12.4.2001 (pubblicato nella G.U. n. 130 del 7.6.2001); dal D.L. n. 351 del 25.9.2001 (pubblicato nella G.U. n. 224 del 26.9.2001), convertito con L. n. 410 del 23.11.2001 (pubblicata nella G.U. n. 274 del 24.11.2001); dal d.lgs. n. 61 dell’11.4.2002 (pubblicato nella G.U. n. 88 del 15.4.2002); dal D.L. n. 269 del 30.9.2003 (pubblicato nel S.O. n. 157/L alla G.U. n. 229 del 2.10.2003), convertito con L. n. 326 del 24.11.2003 (pubblicata nel S.O. n. 181/L alla G.U. n. 274 del 25.11.2003); dal d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003 (pubblicato nella G.U. n. 233 del 7.10.2003); dalla L. n. 350 del 24.12.2003 (pubblicata nel S.O. n. 196/L alla G.U. n. 299 del 27.12.2003); dal d.lgs. n. 37 del 6.2.2004 (pubblicato nel S.O. alla G.U. n. 37 del 14.2.2004); dal d.lgs. n. 170 del 21.5.2004 (pubblicato nella G.U. n. 164 del 15.7.2004); dal d.lgs. n. 197 del 9.7.2004 (pubblicato nella G.U. n. 182 del 5.8.2004); dall’art. 9 della legge n. 62 del 18.4.2005 (pubblicata nel S.O. alla G.U. n. 96 del 27.4.2005); dalla legge n. 262 del 28.12.2005 (pubblicata nel S.O. n. 208/L alla G.U. n. 301 del 28.12.2005); dal d.lgs. n. 303 del 29.12.2006 (pubblicato nel S.O. n. 5/L alla G.U. n. 7 del 10.1.2007); dall’art. 2 del d.l. 27.12.2006, n. 297, coordinato con la legge di conversione 23.2.2007, n. 15 (pubblicata nella G.U. n. 46 del 24.2.2007) e dall’art. 10, della l. n. 13 del 6.2.2007 - Legge comunitaria 2006 (pubblicata nel S.O. n. 41/L alla G.U. n. 40 del 17.2.2007); dall’art. 2 del d.lgs. n. 32 del 2.2.2007 (pubblicato nella G.U. n. 73 del 28.3.2007); dal d.lgs. n. 51 del 28.3.2007 (pubblicato nella G.U. n. 94 del 23.4.2007); dal d.lgs. n. 164 del 17.9.2007 (pubblicato nel S.O. n. 200/L alla G.U. n. 234 dell’8.10.2007); dal d.lgs. n. 195 del 6.11.2007 (pubblicato nel S.O. n. 228 alla G.U. n. 261 del 9.11.2007); dal d.lgs. n. 229 del 19.11.2007 (pubblicato nella G.U. n. 289 del 13.12.2007); dal d.lgs. n. 173 del 3.11.2008 (pubblicato nella G.U. n. 260 del 6.11.2008); dal d.l. n. 185 del 29.11.2008 (pubblicato nel S.O. n. 263/L alla G.U. n. 280 del 29.11.2008) coordinato con la legge di conversione 28 gennaio 2009, n. 2 (pubblicata nel S.O. n. 14/L alla G.U. n. 22 del 28.1.2009);dal d.l. n. 5 del 10.2.2009 (pubblicato nella G.U. n. 34 dell’11.2.2009) coordinato con la legge di conversione 9 aprile 2009, n. 33 (pubblicata nel S.O. n. 49/L alla G.U. n. 85 dell’11.4.2009); dalla legge n. 69 del 18.6.2009 (pubblicata nel S.O. n. 95/L alla G.U. n. 140 del 19.6.2009); dal d.lgs. n. 101 del 17.7.2009 (pubblicato nella G.U. n. 178 del 3.8.2009); dal d.lgs. n. 146 del 25.9.2009 (pubblicato nella G.U. n. 246 del 22.10.2009); dal d.lgs. n. 21 del 27.1.2010 (pubblicato nella G.U. n. 44 del 23.2.2010); dald.lgs. n. 27 del 27.1.2010 (pubblicato nel S.O. n. 43/L alla G.U. n. 53 del 5.3.2010), le modifiche apportate dal d.lgs. n. 27 del 27.1.2010 sono in vigore dal 20 marzo 2010, salvo quanto previsto dalle disposizioni finali dettate dall’art. 7 del medesimo decreto; dal d.lgs. n. 39 del 27.1.2010 (pubblicato nel S.O. n. 58/L alla G.U. n. 68 del 23.3.2010), le modifiche apportate dal d.lgs. n. 39 del 27.1.2010 sono in vigore dal 7 aprile 2010, salvo quanto previsto dalle disposizioni finali e transitorie dettate dall’art. 43 del medesimo decreto; dal d.l. n. 78 del 31.5.2010 (pubblicato nel S.O. n. 114/L alla G.U. n. 125 del 31.5.2010), coordinato con la legge di conversione n. 122 del 30.7.2010 (pubblicata nel S.O. n. 174 alla G.U. n. 176 del 30.7.2010); dal d.lgs. n. 104 del 2.7.2010 (pubblicato nel S.O. n. 148/L alla G.U. n. 156 del 7.7.2010), le modifiche apportate dal d.lgs. n. 104 del 2.7.2010 sono in vigore dal 16.9.2010; dal d.lgs. n. 141 del 13.8.2010 (pubblicato nel S.O. n. 212/L alla G.U. n. 207 del 4.9.2010), le modifiche apportate dal d.lgs. n. 141 del 13.8.2010 sono in vigore dal 19.9.2010; dal d.lgs. n. 176 del 5.10.2010 (pubblicato nella G.U. n. 253 del 28.10.2010), le modifiche apportate dal d.lgs. n. 176 del 5.10.2010 sono in vigore dal 12.11.2010; dal d.lgs. n. 224 del 29.11.2010 (pubblicato nella G.U. n. 300 del 24.12.2010), le modifiche apportate dal d.lgs. n. 224 del 29.11.2010 sono in vigore dall’8.1.2011; dal d.lgs. n. 239 del 30.12.2010 (pubblicato nella G.U. n. 9 del 13.1.2011), le modifiche apportate dal d.lgs. n. 239 del 30.12.2010 sono in vigore dal giorno stesso della sua pubblicazione nella G.U.; dal d.lgs. n. 259 del 30.12.2010 (pubblicato nella G.U. n. 30 del 7.2.2011), le modifiche apportate dal d.lgs. n. 259 del 30.12.2010 sono in vigore dal 22.2.2011; dal d.lgs. n. 48 del 24.3.2011 (pubblicato nella G.U. n. 92 del 21.4.2011) in vigore dal 30.6.2011; dalla L. n. 120 del 12 luglio 2011 (pubblicata nella G.U. n. 174 del 28.7.2011) in vigore dal 12.8.2011.

All’interno dell’articolato, le modifiche apportate con L. n. 120 del 12 luglio 2011 sono evidenziate in grassetto.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

2

Art. 6

Vigilanza regolamentare 24

Art. 7 Interventi sui soggetti abilitati 28 Art. 8 Vigilanza informativa 28 Art. 9 Revisione legale 29 Art. 10 Vigilanza ispettiva 30 Art. 11 Composizione del gruppo 31 Art. 12 Vigilanza sul gruppo 31 Capo II Esponenti aziendali e partecipanti

al capitale 33 Art. 13 Requisiti di professionalità, onorabilità e

indipendenza degli esponenti aziendali 33 Art. 14 Requisiti di onorabilità 33 Art. 15 Partecipazioni 34 Art. 16 Sospensione del diritto di voto,obbligo di

alienazione 35 Art. 17 Richiesta di informazioni sulle partecipazioni 36 TITOLO II SERVIZI E ATTIVITA’ DI INVESTIMENTO 36 Capo I Soggetti e autorizzazione 36 Art. 18 Soggetti 36 Art. 18-bis Consulenti finanziari 37 Art. 18-ter Società di consulenza finanziaria 39 Art. 19 Autorizzazione 40 Art. 20 Albo 41 Capo II Svolgimento dei servizi e delle attività 41 Art. 21 Criteri generali 41 Art. 22 Separazione patrimoniale 42 Art. 23 Contratti 42 Art. 24 Gestione di portafogli 43 Art. 25 Attività di negoziazione nei mercati

regolamentati 44 Art. 25-bis Prodotti finanziari emessi da banche e da imprese

di assicurazione 44 Capo III Operatività transfrontaliera 45 Art. 26 Succursali e libera prestazione di servizi di Sim 45 Art. 27 Imprese di investimento comunitarie 45 Art. 28 Imprese di investimento extracomunitarie 46 Art. 29 Banche 47 Capo IV Offerta fuori sede 47 Art. 30 Offerta fuori sede 47 Art. 31 Promotori finanziari 48 Art. 32 Promozione e collocamento a distanza di servizi e

attività di investimento e strumenti finanziari 50 Capo IV-bis Tutela degli investitori 50 Art. 32-bis Tutela degli interessi collettivi degli investitori 50 Art. 32-ter Risoluzione stragiudiziale di controversie 51

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

3

TITOLO III GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO 51 Capo I Soggetti autorizzati 51 Art. 33 Attività esercitabili 51 Capo II Fondi comuni di investimento 52 Art. 34 Autorizzazione della società di gestione del

risparmio 52 Art. 35 Albo 53 Art. 36 Fondi comuni di investimento 53 Art. 37 Struttura dei fondi comuni di investimento 54 Art. 38 Banca depositaria 56 Art. 39 Regolamento del fondo 56 Art. 40 Regole di comportamento e diritto di voto 57 Capo II-bis Operatività all’estero 58 Art. 41 Operatività all'estero delle Sgr 58 Art. 41-bis Società di gestione armonizzate 58 Art. 42 Offerta in Italia di quote di fondi comuni di

investimento armonizzati e non armonizzati 59 Capo III Società di investimento a capitale variabile 60 Art. 43 Costituzione e attività esercitabili 60 Art. 43-bis Sicav che designano una Sgr o una società di

gestione armonizzata 61 Art. 44 Albo 62 Art. 45 Capitale e azioni 62 Art. 46 Assemblea 63 Art. 47 Modifiche dello statuto 63 Art. 48 Scioglimento e liquidazione volontaria 64 Art. 49 Fusione e scissione 65 Art. 50 Altre disposizioni applicabili 65 TITOLO IV PROVVEDIMENTI INGIUNTIVI E CRISI 65 Capo I Disciplina dei provvedimenti ingiuntivi 65 Art. 51 Provvedimenti ingiuntivi nei confronti di

intermediari nazionali e extracomunitari 65 Art. 52 Provvedimenti ingiuntivi nei confronti di

intermediari comunitari 66 Art. 53 Sospensione degli organi amministrativi 67 Art. 54 Sospensione dell'offerta di quote di Oicr esteri 67 Art. 55 Provvedimenti cautelari applicabili ai promotori

finanziari 68 Capo II Disciplina delle crisi 68 Art. 56 Amministrazione straordinaria 68 Art. 57 Liquidazione coatta amministrativa 69 Art. 58 Succursali di imprese di investimento estere 70 Art. 59 Sistemi di indennizzo 70 Art. 60 Adesione ai sistemi d'indennizzo da parte di

intermediari esteri 71

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

4

Art. 60-bis Responsabilità delle Sim, delle Sgr e delle Sicav per illecito amministrativo dipendente da reato 71

PARTE III DISCIPLINA DEI MERCATI E

DELLA GESTIONE ACCENTRATA

DI STRUMENTI FINANZIARI 72

TITOLO I DISCIPLINA DEI MERCATI 72 Capo I Mercati regolamentati 72 Art. 60-terPrincipi di regolamentazione 72 Art. 61 Mercati regolamentati di strumenti finanziari 72 Art. 62 Regolamento del mercato 74 Art. 63 Autorizzazione dei mercati regolamentati 76 Art. 64 Organizzazione e funzionamento del mercato 77 Art. 65 Registrazione delle operazioni presso la società di

gestione e obblighi di comunicazione delle operazioni concluse su strumenti finanziari 79

Art. 66 Mercati all'ingrosso di titoli di Stato 79 Art. 66-bis Mercati di strumenti finanziari derivati

sull’energia e il gas 80 Art. 67 Riconoscimento dei mercati 80 Art. 68 Sistemi di garanzia dei contratti 81 Art. 69 Compensazione e liquidazione delle operazioni su

strumenti finanziari non derivati 82 Art. 70 Compensazione e garanzia delle operazioni su

strumenti finanziari 83 Art. 70-bis Accesso ai sistemi di garanzia, compensazione e

liquidazione delle operazioni su strumenti finanziari 83

Art. 70-ter Accordi fra sistemi di garanzia, compensazione e liquidazione nell’ambito dei mercati regolamentati 84

Art. 71 Definitività del regolamento delle operazioni aventi a oggetto strumenti finanziari(abrogato)85

Art. 72 Disciplina delle insolvenze di mercato 85 Art. 73 Vigilanza sulle società di gestione 86 Art. 74 Vigilanza sui mercati 86 Art. 75 Provvedimenti straordinari a tutela del mercato e

crisi della società di gestione 87 Art. 76 Vigilanza sui mercati all'ingrosso di titoli di Stato 88 Art. 77 Vigilanza sui sistemi di compensazione, di

liquidazione e di garanzia 89 Capo II Sistemi di negoziazione diversi dai mercati

regolamentati 89

Art. 77-bis Sistemi multilaterali di negoziazione 89 Art. 78 Internalizzatori sistematici 90 Art. 79 Sistemi multilaterali di scambio di depositi

monetari in euro 90

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

5

Capo II-bis Disposizioni comuni 91 Art. 79-bis Requisiti di trasparenza 91 Art. 79-ter Consolidamento delle informazioni 92 TITOLO II GESTIONE ACCENTRATA DI STRUMENTI

FINANZIARI 92 Art. 79-quater Definizioni 92 Capo I Disciplina delle società di gestione accentrata 92 Art. 80 Attività di gestione accentrata di strumenti

finanziari 92 Art. 81 Regolamento di attuazione e regolamento dei

servizi 93 Art. 81-bis Accesso alla gestione accentrata 94 Art. 82 Vigilanza 94 Art. 83 Crisi delle società di gestione accentrata 95 Capo II Disciplina della gestione accentrata 95 Sezione I Gestione accentrata in regime di

dematerializzazione 95 Art. 83-bisAmbito di applicazione 95 Art. 83-terSistema di gestione accentrata 96 Art. 83-quaterAttribuzioni della società di gestione e

dell'intermediario 96 Art. 83-quinquiesDiritti del titolare del conto 96 Art. 83-sexiesDiritto d’intervento in assemblea ed esercizio del

voto 97 Art. 83-septiesEccezioni opponibili 97 Art. 83-octiesCostituzione di vincoli 97 Art. 83-noviesCompiti dell'intermediario 98 Art. 83-deciesResponsabilità dell'intermediario 98 Art. 83-undeciesObblighi degli emittenti azioni 99 Art. 83-duodeciesIdentificazione degli azionisti 99

Sezione II Gestione accentrata di strumenti finanziari rappresentati da titoli 100

Art. 84 Rilevazioni e comunicazioni inerenti agli strumenti finanziari accentrati (abrogato) 100

Art. 85 Deposito accentrato 100 Art. 86 Trasferimento dei diritti inerenti agli strumenti

finanziari depositati 100 Art. 87 Vincoli sugli strumenti finanziari accentrati 100 Art. 88 Ritiro degli strumenti finanziari accentrati 101 Art. 89 Aggiornamento del libro soci 101 Capo III Disciplina della gestione accentrata dei titoli

di Stato 101 Art. 90 Gestione accentrata dei titoli di Stato 101

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

6

PARTE IV DISCIPLINA DEGLI EMITTENTI 101

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 101 Art. 91 Poteri della Consob 101 Art. 92 Parità di trattamento 101 Art. 93 Definizione di controllo 102 TITOLO II APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO 102 Capo I Offerta al pubblico di sottoscrizione e di

vendita 102 Art. 93-bis Definizioni 102 Sezione I Offerta al pubblico di strumenti finanziari

comunitari e di prodotti finanziari diversi dalle quote o azioni di OICR aperti 104

Art. 94 Prospetto d’offerta 104 Art. 94-bis Approvazione del prospetto 105 Art. 95 Disposizioni di attuazione 105 Art. 95-bis Revoca dell’acquisto o della sottoscrizione 106 Art. 96 Bilanci dell'emittente 106 Art. 97 Obblighi informativi 107 Art. 98 Validità comunitaria del prospetto 107 Art. 98-bis Emittenti di Paesi extracomunitari 107 Sezione II Offerta al pubblico di quote o azioni di OICR

aperti 108 Art. 98-ter Prospetto d'offerta 108 Art. 98-quater Disposizioni di attuazione 108 Art. 98-quinquies Obblighi informativi 109 Sezione III Disposizioni comuni 109 Art. 99 Poteri della Consob 109 Art. 100 Casi di inapplicabilità 110 Art. 100-bis Circolazione dei prodotti finanziari 111 Art. 101 Attività pubblicitaria 112 Capo II Offerte pubbliche di acquisto o di scambio 113 Sezione I Disposizioni generali 113 Art. 101-bisDefinizioni e ambito applicativo 113 Art. 101-ter Autorità di vigilanza e diritto applicabile 114 Art. 102 Obblighi degli offerenti e poteri interdittivi 115 Art. 103 Svolgimento dell'offerta 116 Art. 104 Difese 118 Art. 104-bis Regola di neutralizzazione 118 Art. 104-ter Clausola di reciprocità 120 Sezione II Offerte pubbliche di acquisto obbligatorie 120 Art. 105 Disposizioni generali 120 Art. 106 Offerta pubblica di acquisto totalitaria 121 Art. 107 Offerta pubblica di acquisto preventiva 123

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

7

Art. 108 Obbligo di acquisto 124 Art. 109 Acquisto di concerto 125 Art. 110 Inadempimento degli obblighi 126 Art. 111 Diritto di acquisto 126 Art. 112 Disposizioni di attuazione 127 TITOLO III EMITTENTI 127 Capo I Informazione societaria 127 Art. 113 Ammissione alle negoziazioni di strumenti

finanziari comunitari 127 Art. 113-bis Ammissione alle negoziazioni di quote o azioni di

OICR aperti 128 Art. 113-ter Disposizioni generali in materia di informazioni

regolamentate 129 Art. 114 Comunicazioni al pubblico 131 Art. 114-bis Informazione al mercato in materia di

attribuzione di strumenti finanziari a esponenti aziendali, dipendenti o collaboratori 133

Art. 115 Comunicazioni alla Consob 134 Art. 115-bis Registri delle persone che hanno accesso alle

informazioni privilegiate 134 Art. 116 Strumenti finanziari diffusi tra il pubblico 135 Art. 117 Informazione contabile 135 Art. 117-bis Fusioni fra società con azioni quotate e società

con azioni non quotate 136 Art. 117-ter Disposizioni in materia di finanza etica 136 Art. 118 Casi di inapplicabilità 136 Art. 118-bis Controllo sulle informazioni fornite al pubblico 136 Capo II Disciplina delle società con azioni quotate 137 Art. 119 Ambito di applicazione 137 Sezione I Assetti proprietari 137 Art. 120 Obblighi di comunicazione delle partecipazioni

rilevanti 137 Art. 121 Disciplina delle partecipazioni reciproche 138 Art. 122 Patti parasociali 139 Art. 123 Durata dei patti e diritto di recesso 140 Art. 123-bis Relazione sul governo societario e gli assetti

proprietari 140 Art. 123-ter Relazione sulla remunerazione 142 Art. 124 Casi di inapplicabilità 143 Sezione I-bis Informazioni sull'adesione a codici di

comportamento 144 Art. 124-bisObblighi di informazione relativi ai codici di

comportamento (abrogato)144 Art. 124-ter Informazione relativa ai codici di comportamento 144 Sezione II Diritti dei soci 144 Art. 125 Convocazione dell'assemblea su richiesta della

minoranza(abrogato)144

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

8

Art. 125-bis Avviso di convocazione dell’assemblea 144 Art. 125-ter Relazioni sulle materie all’ordine del giorno 145 Art. 125-quater Sito Internet 146 Art. 126 Convocazioni successive alla prima 146 Art. 126-bis Integrazione dell'ordine del giorno dell'assemblea 147 Art. 127 Voto per corrispondenza o per via elettronica 147 Art. 127-bis Annullabilità delle deliberazioni e diritto di

recesso 148 Art. 127-ter Diritto di porre domande prima dell’assemblea 148 Art. 127-quater Maggiorazione del dividendo 148 Art. 128 Denuncia al collegio sindacale e al tribunale

(abrogato)149 Art. 129 Azione sociale di responsabilità(abrogato)149 Art. 130 Informazione dei soci 149 Art. 131 Diritto di recesso in caso di fusioni e scissioni

(abrogato) 149 Art. 132 Acquisto di azioni proprie e della società

controllante 149 Art. 133 Esclusione su richiesta dalle negoziazioni 150 Art. 134 Aumenti di capitale 150 Sezione II-bis Società cooperative 150 Art. 135 Percentuali di capitale 150 Art. 135-bis Disciplina delle società cooperative 150 Art. 135-ter Informazione al mercato in materia di

attribuzione di strumenti finanziari a esponenti aziendali, dipendenti o collaboratori 151

Art. 135-quater Assemblea straordinaria 151 Art. 135-quinqies Integrazione dell’ordine del giorno dell’assemblea

151 Art. 135-sexies Relazioni finanziarie 151 Art. 135-septies Relazioni di revisione 151 Art. 135-octies Proposte di aumento di capitale 152 Sezione II-ter Deleghe di voto 152 Art. 135-novies Rappresentanza nell’assemblea 152 Art. 135-decies Conflitto di interessi del rappresentante e dei

sostituti 152 Art. 135-undecies Rappresentante designato dalla società con

azioni quotate 153 Art. 135-duodecies Società cooperative 154 Sezione III Sollecitazione di deleghe 154 Art. 136 Definizioni 154 Art. 137 Disposizioni generali 154 Art. 138 Sollecitazione 155 Art. 139 Requisiti del committente 155 Art. 140 Soggetti abilitati alla sollecitazione 155 Art. 141 Associazioni di azionisti 155 Art. 142 Delega di voto 155 Art. 143 Responsabilità 156 Art. 144 Svolgimento della sollecitazione e della raccolta 156

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

9

Sezione IV Azioni di risparmio ed altre categorie di azioni

157

Art. 145 Emissioni delle azioni 157 Art. 146 Assemblea speciale 158 Art. 147 Rappresentante comune 159 Art. 147-bis Assemblee di categoria 159 Sezione IV-bis Organi di amministrazione 159 Art. 147-ter Elezione e composizione del consiglio di

amministrazione 159 Art. 147-quater Composizione del consiglio di gestione 161 Art. 147-quinquies Requisiti di onorabilità 161

Sezione V Organi di controllo 162 Art. 148 Composizione 162 Art. 148-bis Limiti al cumulo degli incarichi 164 Art. 149 Doveri 164 Art. 150 Informazione 165 Art. 151 Poteri 165 Art. 151-bis Poteri del consiglio di sorveglianza 166 Art. 151-ter Poteri del comitato per il controllo sulla gestione 167 Art. 152 Denunzia al tribunale 167 Art. 153 Obbligo di riferire all'assemblea 168 Art. 154 Disposizioni non applicabili 168 Sezione V-bis Informazione finanziaria 168 Art. 154-bis Dirigente preposto alla redazione dei documenti

contabili societari 168 Art. 154-ter Relazioni finanziarie 170 Sezione VI Revisione legale dei conti 172 Art. 155 Attività di revisione contabile 172 Art. 156 Relazioni di revisione 172 Art. 157 Effetti dei giudizi sui bilanci 172 Art. 158 Proposte di aumento di capitale 173 Art. 159 Conferimento e revoca dell'incarico 174 Art. 160 Incompatibilità (abrogato) 174 Art. 161 Albo speciale delle società di revisione(abrogato)

174 Art. 162 Vigilanza sulle società di revisione(abrogato)175 Art. 163 Provvedimenti della Consob(abrogato)175 Art. 164 Responsabilità (abrogato)176 Art. 165 Revisione contabile dei gruppi(abrogato)176 Art. 165-bisSocietà che controllano società con azioni

quotate(abrogato)176 Sezione VI-bis Rapporti con società estere aventi sede legale

in Stati che non garantiscono la trasparenza societaria 177

Art. 165-ter Ambito di applicazione 177 Art. 165-quater Obblighi delle società italiane controllanti 179 Art. 165-quinquies Obblighi delle società italiane collegate 179 Art. 165-sexies Obblighi delle società italiane controllate 180

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

10

Art. 165-septies Poteri della Consob e disposizioni di attuazione 180 PARTE V SANZIONI 181

TITOLO I SANZIONI PENALI 181 Capo I Intermediari e mercati 181 Art. 166 Abusivismo 181 Art. 167 Gestione infedele 181 Art. 168 Confusione di patrimoni 182 Art. 169 Partecipazioni al capitale 182 Art. 170 Gestione accentrata di strumenti finanziari 182 Art. 170-bis Ostacolo alle funzioni di vigilanza della Consob 182 Art. 171 Tutela dell'attività di vigilanza(abrogato)182 Capo II Emittenti 183 Art. 172 Irregolare acquisto di azioni 183 Art. 173 Omessa alienazione di partecipazioni 183 Art. 173-bis Falso in prospetto 183 Art. 174 False comunicazioni e ostacolo alle funzioni della

Consob(abrogato)184 Capo III Revisione contabile 184 Art. 174-bisFalsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle

società di revisione(abrogato)184 Art. 174-terCorruzione dei revisori(abrogato)184 Art. 175 Falsità nelle relazioni o comunicazioni della

società di revisione(abrogato)184 Art. 176 Utilizzazione e divulgazione di notizie riservate

(abrogato)184 Art. 177 Illeciti rapporti patrimoniali con la società

assoggettata a revisione(abrogato) 185 Art. 178 Compensi illegali(abrogato)185 Art. 179 Disposizioni comuni(abrogato)185 TITOLO I-BIS ABUSO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E

MANIPOLAZIONE DEL MERCATO 185 Capo I Disposizioni generali 185 Art. 180 Definizioni 185 Art. 181 Informazione privilegiata 186 Art. 182 Ambito di applicazione 187 Art. 183 Esenzioni 187 Capo II Sanzioni penali 187 Art. 184 Abuso di informazioni privilegiate 187 Art. 185 Manipolazione del mercato 188 Art. 186 Pene accessorie 188 Art. 187 Confisca 189 Capo III Sanzioni amministrative 189 Art. 187-bis Abuso di informazioni privilegiate 189 Art. 187-ter Manipolazione del mercato 190

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

11

Art. 187-quater Sanzioni amministrative accessorie 191 Art. 187-quinquies Responsabilità dell'ente 191 Art. 187-sexies Confisca 192 Art. 187-septies Procedura sanzionatoria 192 Capo IV Poteri della Consob 193 Art. 187-octies Poteri della Consob 193 Art. 187-nonies Operazioni sospette 195 Capo V Rapporti tra procedimenti 196 Art. 187-decies Rapporti con la magistratura 196 Art. 187-undecies Facoltà della Consob nel procedimento penale 196 Art. 187-duodecies Rapporti tra procedimento penale e procedimento

amministrativo e di opposizione 196 Art. 187-terdecies Esecuzione delle pene pecuniarie e delle sanzioni

pecuniarie nel processo penale 196 Art. 187-quaterdecies Procedure consultive 197 TITOLO II SANZIONI AMMINISTRATIVE 197 Art. 187-quinquiesdecies Tutela dell’attività di vigilanza della Consob 197 Art. 188 Abuso di denominazione 197 Art. 189 Partecipazioni al capitale 198 Art. 190 Altre sanzioni amministrative pecuniarie in tema

di disciplina degli intermediari, dei mercati e della gestione accentrata di strumenti finanziari 198

Art. 191 Offerta al pubblico di sottoscrizione e di vendita 200 Art. 192 Offerte pubbliche di acquisto o di scambio 200 Art. 192-bis Informazioni sul governo societario 201 Art. 192-ter Ammissione alle negoziazioni 201 Art. 193 Informazione societaria e doveri dei sindaci, dei

revisori legali e delle società di revisione legale 202 Art. 193-bis Rapporti con società estere aventi sede legale in

Stati che non garantiscono la trasparenza societaria 203

Art. 194 Deleghe di voto 204 Art. 195 Procedura sanzionatoria 204 Art. 196 Sanzioni applicabili ai promotori finanziari 205 PARTE VI DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI 206

Art. 197 Personale della Consob 206 Art. 198 Girata di titoli azionari 206 Art. 199 Società fiduciarie 206 Art. 200 Intermediari già autorizzati 207 Art. 201 Agenti di cambio 207 Art. 202 Disposizioni in tema di liquidazione coattiva di

borsa (abrogato) 209 Art. 203 Contratti a termine 209 Art. 204 Gestione accentrata 210 Art. 205 Quotazioni di prezzi 210 Art. 206 Disposizioni applicabili alle società quotate in

mercati diversi dalla borsa 210

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

12

Art. 207 Patti parasociali 210 Art. 208 Deleghe di voto, azioni di risparmio, collegio

sindacale e revisione contabile 211 Art. 209 Società di revisione 211 Art. 210 Modifiche al codice civile 211 Art. 211 Modifiche al T.U. bancario 212 Art. 212 Disposizioni in materia di privatizzazioni 213 Art. 213 Conversione del fallimento in liquidazione coatta

amministrativa 213 Art. 214 Abrogazioni 213 Art. 215 Disposizioni di attuazione 216 Art. 216 Entrata in vigore 216 ALLEGATO SEZIONE A Attività e servizi di investimento 217 SEZIONE B Servizi accessori 217 SEZIONE C Strumenti finanziari 217 APPENDICE Legge 28 dicembre 2005, n. 262:

Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari 221

D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 303:

Coordinamento con la legge 28 dicembre 2005, n. 262, del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (T.U.B.) e del testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria (T.U.F.) 267

D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 39:

Attuazione della direttiva 2006/43/CE, relativa alle revisioni legali dei conti annuali e dei conti consolidati, che modifica le direttive 78/660/CEE e 83/349/CEE, e che abroga la direttiva 84/253/CEE 279

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

13

PARTE I DISPOSIZIONI COMUNI

Art. 1

(Definizioni) 1. Nel presente decreto legislativo si intendono per: a) "legge fallimentare": il regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 e successive modificazioni;

b) "Testo Unico bancario" (T.U. bancario): il decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 e successive modificazioni;

c) "Consob": la Commissione nazionale per le società e la Borsa;

d) "Isvap": l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo;

e) "società di intermediazione mobiliare" (Sim): l'impresa, diversa dalle banche e dagli intermediari finanziari iscritti nell'elenco previsto dall'articolo 107 del T.U. bancario, autorizzata a svolgere servizi o attività di investimento, avente sede legale e direzione generale in Italia2;

f) "impresa di investimento comunitaria": l'impresa, diversa dalla banca, autorizzata a svolgere servizi o attività di investimento, avente sede legale e direzione generale in un medesimo Stato comunitario, diverso dall'Italia3;

g) "impresa di investimento extracomunitaria": l'impresa, diversa dalla banca, autorizzata a svolgere servizi o attività di investimento, avente sede legale in uno Stato extracomunitario4;

h) "imprese di investimento": le Sim e le imprese di investimento comunitarie ed extracomunitarie;

i) "società di investimento a capitale variabile" (Sicav): la società per azioni a capitale variabile con sede legale e direzione generale in Italia avente per oggetto esclusivo l'investimento collettivo del patrimonio raccolto mediante l'offerta al pubblico di proprie azioni;

j) "fondo comune di investimento": il patrimonio autonomo raccolto, mediante una o più emissione di quote, tra una pluralità di investitori con la finalità di investire lo stesso sulla base di una predeterminata politica di investimento; suddiviso in quote di pertinenza di una pluralità di partecipanti; gestito in monte, nell'interesse dei partecipanti e in autonomia dai medesimi5;

k) "fondo aperto": il fondo comune di investimento i cui partecipanti hanno diritto di chiedere, in qualsiasi tempo, il rimborso delle quote secondo le modalità previste dalle regole di funzionamento del fondo;

2 Lettera così modificata dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007 (pubblicato nel S.O. n. 200/L alla G.U. n. 234

dell’8.10.2007).

3 Lettera così modificata dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

4 Lettera così modificata dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

5 Lettera dapprima modificata dall’art. 5, D.L. 351 del 25.9.2001, convertito in L. n. 410 del 23.11.2001 (pubblicata nella G.U. n. 274 del 24.11.2001) e poi così sostituita dall’art. 32, comma 1 del D.L. n. 78 del 31.5.2010, convertito in L. n. 122 del 30.7.2010 (pubblicata nel S.O. n. 174 alla G.U. n. 176 del 30.7.2010), che ha disposto la riorganizzazione della disciplina fiscale dei fondi immobiliari chiusi.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

14

l) "fondo chiuso": il fondo comune di investimento in cui il diritto al rimborso delle quote viene riconosciuto ai partecipanti solo a scadenze predeterminate;

m) "organismi di investimento collettivo del risparmio" (Oicr): i fondi comuni di investimento e le Sicav;

n) "gestione collettiva del risparmio": il servizio che si realizza attraverso:

1) la promozione, istituzione e organizzazione di fondi comuni d'investimento e l'amministrazione dei rapporti con i partecipanti;

2) la gestione del patrimonio di Oicr, di propria o altrui istituzione, mediante l'investimento avente ad oggetto strumenti finanziari, crediti, o altri beni mobili o immobili6;

o) "società di gestione del risparmio" (Sgr): la società per azioni con sede legale e direzione generale in Italia autorizzata a prestare il servizio di gestione collettiva del risparmio7;

o-bis) "società di gestione armonizzata": la società con sede legale e direzione generale in uno Stato membro diverso dall'Italia, autorizzata ai sensi della direttiva in materia di organismi di investimento collettivo, a prestare il servizio di gestione collettiva del risparmio8;

p) "società promotrice": la Sgr che svolge l'attività indicata nella lettera n), numero 1)9;

q) "gestore": la Sgr che svolge l'attività indicata nella lettera n), numero 2)10;

r) "soggetti abilitati": le SIM, le imprese di investimento comunitarie con succursale in Italia, le imprese di investimento extracomunitarie, le Sgr, le società di gestione armonizzate, le Sicav nonché gli intermediari finanziari iscritti nell'elenco previsto dall'articolo 107 del testo unico bancario e le banche italiane, le banche comunitarie con succursale in Italia e le banche extracomunitarie, autorizzate all'esercizio dei servizi o delle attività di investimento11;

s) "servizi ammessi al mutuo riconoscimento": le attività e i servizi elencati nelle sezioni A e B della tabella allegata al presente decreto, autorizzati nello Stato comunitario di origine12;

t) "offerta al pubblico di prodotti finanziari": ogni comunicazione rivolta a persone, in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo, che presenti sufficienti informazioni sulle condizioni dell’offerta e dei prodotti finanziari offerti così da mettere un investitore in grado di decidere di acquistare o di sottoscrivere tali prodotti finanziari, incluso il

6 Lettera così sostituita dall’art. 2 del d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003 (pubblicato nella G.U. n. 233 del 7.10.2003).

7 Lettera così sostituita dall’art. 2 del d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003.

8 Lettera inserita dall’art. 2 del d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003.

9 Lettera così sostituita dall’art. 2 del d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003.

10 Lettera così sostituita dall’art. 2 del d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003.

11 Lettera sostituita dapprima dall’art. 2 del d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003 e poi dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

12 Lettera sostituita dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

15

collocamento tramite soggetti abilitati13;

u) "prodotti finanziari": gli strumenti finanziari e ogni altra forma di investimento di natura finanziaria; non costituiscono prodotti finanziari i depositi bancari o postali non rappresentati da strumenti finanziari14;

v) "offerta pubblica di acquisto o di scambio": ogni offerta, invito a offrire o messaggio promozionale, in qualsiasi forma effettuati, finalizzati all'acquisto o allo scambio di prodotti finanziari e rivolti a un numero di soggetti e di ammontare complessivo superiori a quelli indicati nel regolamento previsto dall'articolo 100, comma 1, lettere b) e c); non costituisce offerta pubblica di acquisto o di scambio quella avente a oggetto titoli emessi dalle banche centrali degli Stati comunitari15;

w) "emittenti quotati": i soggetti italiani o esteri che emettono strumenti finanziari quotati nei mercati regolamentati italiani;

w-bis) "prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione": le polizze e le operazioni di cui ai rami vita III e V di cui all’articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, con esclusione delle forme pensionistiche individuali di cui all’articolo 13, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 25216;

w-ter) "mercato regolamentato": sistema multilaterale che consente o facilita l’incontro, al suo interno e in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, ammessi alla negoziazione conformemente alle regole del mercato stesso, in modo da dare luogo a contratti, e che è gestito da una società di gestione, è autorizzato e funziona regolarmente17.

w-quater) "emittenti quotati aventi l'Italia come Stato membro d'origine":

1) le emittenti azioni ammesse alle negoziazioni in mercati regolamentati italiani o di altro Stato membro della Comunità europea, aventi sede in Italia;

2) gli emittenti titoli di debito di valore nominale unitario inferiore ad euro mille, o valore corrispondente in valuta diversa, ammessi alle negoziazioni in mercati regolamentati italiani o di altro Stato membro della Comunità europea, aventi sede in Italia;

3) gli emittenti valori mobiliari di cui ai numeri 1) e 2), aventi sede in uno Stato non appartenente alla Comunità europea, per i quali la prima domanda di ammissione alle negoziazioni in un mercato regolamentato della Comunità europea è stata presentata in Italia o che hanno successivamente scelto l'Italia come Stato membro d'origine quando tale prima domanda di ammissione non è stata effettuata in base a una propria scelta;

13 Lettera modificata dapprima dall’art. 3 del d.lgs. n. 303 del 29.12.2006 e poi sostituita dall’art. 2 del d.lgs. n. 51

del 28.3.2007.

14 Le parole: “non costituiscono prodotti finanziari i depositi bancari o postali non rappresentati da strumenti finanziari” sono state aggiunte dall’art. 3 del d.lgs. n. 303 del 29.12.2006.

15 Lettera così modificata dall’art. 1 del d.lgs. n. 229 del 19.11.2007 che ha sostituito le parole: "superiore a quello indicato nel regolamento previsto dall'articolo 100 nonché di ammontare complessivo superiore a quello indicato nel medesimo regolamento;" con le parole: "e di ammontare complessivo superiori a quelli indicati nel regolamento previsto dall'articolo 100, comma 1, lettere b) e c); non costituisce offerta pubblica di acquisto o di scambio quella avente a oggetto titoli emessi dalle banche centrali degli Stati comunitari;".

16 Lettera aggiunta dall’art. 3 del d.lgs. n. 303 del 29.12.2006.

17 Lettera dapprima aggiunta dall’art. 2 del d.lgs. n. 51 del 28.3.2007 e poi così sostituita dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

16

4) gli emittenti valori mobiliari diversi da quelli di cui ai numeri 1) e 2), aventi sede in Italia o i cui valori mobiliari sono ammessi alle negoziazioni in un mercato regolamentato italiano, che hanno scelto l'Italia come Stato membro d'origine. L'emittente può scegliere un solo Stato membro come Stato membro d'origine. La scelta resta valida per almeno tre anni, salvo il caso in cui i valori mobiliari dell'emittente non sono più ammessi alla negoziazione in alcun mercato regolamentato della Comunità europea18.

1-bis. Per “valori mobiliari” si intendono categorie di valori che possono essere negoziati nel mercato dei capitali, quali ad esempio:

a) le azioni di società e altri titoli equivalenti ad azioni di società, di partnership o di altri soggetti e certificati di deposito azionario;

b) obbligazioni e altri titoli di debito, compresi i certificati di deposito relativi a tali titoli;

c) qualsiasi altro titolo normalmente negoziato che permette di acquisire o di vendere i valori mobiliari indicati alle precedenti lettere;

d) qualsiasi altro titolo che comporta un regolamento in contanti determinato con riferimento ai valori mobiliari indicati alle precedenti lettere, a valute, a tassi di interesse, a rendimenti, a merci, a indici o a misure19.

1-ter. Per “strumenti del mercato monetario” si intendono categorie di strumenti normalmente negoziati nel mercato monetario, quali, ad esempio, i buoni del tesoro, i certificati di deposito e le carte commerciali20. 2. Per "strumenti finanziari" si intendono:

a) valori mobiliari;

b) strumenti del mercato monetario;

c) quote di un organismo di investimento collettivo del risparmio;

d) contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap», accordi per scambi futuri di tassi di interesse e altri contratti derivati connessi a valori mobiliari, valute, tassi di interesse o rendimenti, o ad altri strumenti derivati, indici finanziari o misure finanziarie che possono essere regolati con consegna fisica del sottostante o attraverso il pagamento di differenziali in contanti;

e) contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap»,

accordi per scambi futuri di tassi di interesse e altri contratti derivati connessi a merci il cui regolamento avviene attraverso il pagamento di differenziali in contanti o può avvenire in tal modo a discrezione di una delle parti, con esclusione dei casi in cui tale facoltà consegue a inadempimento o ad altro evento che determina la risoluzione del contratto;

f) contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap» e

altri contratti derivati connessi a merci il cui regolamento può avvenire attraverso la

18 Lettera aggiunta dall’art. 1 del d.lgs. n. 195 del 6.11.2007.

19 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

20 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

17

consegna del sottostante e che sono negoziati su un mercato regolamentato e/o in un sistema multilaterale di negoziazione;

g) contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap»,

contratti a termine («forward») e altri contratti derivati connessi a merci il cui regolamento può avvenire attraverso la consegna fisica del sottostante, diversi da quelli indicati alla lettera f), che non hanno scopi commerciali, e aventi le caratteristiche di altri strumenti finanziari derivati, considerando, tra l'altro, se sono compensati ed eseguiti attraverso stanze di compensazione riconosciute o se sono soggetti a regolari richiami di margini;

h) strumenti derivati per il trasferimento del rischio di credito;

i) contratti finanziari differenziali;

j) contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap»,

contratti a termine sui tassi d'interesse e altri contratti derivati connessi a variabili climatiche, tariffe di trasporto, quote di emissione, tassi di inflazione o altre statistiche economiche ufficiali, il cui regolamento avviene attraverso il pagamento di differenziali in contanti o può avvenire in tal modo a discrezione di una delle parti, con esclusione dei casi in cui tale facoltà consegue a inadempimento o ad altro evento che determina la risoluzione del contratto, nonché altri contratti derivati connessi a beni, diritti, obblighi, indici e misure, diversi da quelli indicati alle lettere precedenti, aventi le caratteristiche di altri strumenti finanziari derivati, considerando, tra l'altro, se sono negoziati su un mercato regolamentato o in un sistema multilaterale di negoziazione, se sono compensati ed eseguiti attraverso stanze di compensazione riconosciute o se sono soggetti a regolari richiami di margini21.

2-bis. Il Ministro dell’economia e delle finanze, con il regolamento di cui all’articolo 18,

comma 5, individua:

a) gli altri contratti derivati di cui al comma 2, lettera g), aventi le caratteristiche di altri strumenti finanziari derivati, compensati ed eseguiti attraverso stanze di compensazione riconosciute o soggetti a regolari richiami di margine;

b) gli altri contratti derivati di cui al comma 2, lettera j), aventi le caratteristiche di altri

strumenti finanziari derivati, negoziati su un mercato regolamentato o in un sistema multilaterale di negoziazione, compensati ed eseguiti attraverso stanze di compensazione riconosciute o soggetti a regolari richiami di margine22.

3. Per "strumenti finanziari derivati" si intendono gli strumenti finanziari previsti dal comma

2, lettere d), e), f), g), h), i) e j), nonché gli strumenti finanziari previsti dal comma 1-bis, lettera d) 23. 4. I mezzi di pagamento non sono strumenti finanziari. Sono strumenti finanziari ed, in particolare, contratti finanziari differenziali, i contratti di acquisto e vendita di valuta, estranei a transazioni commerciali e regolati per differenza, anche mediante operazioni di rinnovo automatico (c.d. “roll-over”). Sono altresì strumenti finanziari le ulteriori operazioni su valute

21 Comma così sostituito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

22 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007. Vedi decreto del Ministero dell’economia e delle finanze n. 44 del 2.3.2007 (pubblicato nella G.U. n. 81 del 6.4.2007).

23 Comma così sostituito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

18

individuate ai sensi dell’articolo 18, comma 524.

5. Per "servizi e attività di investimento" si intendono i seguenti, quando hanno per oggetto strumenti finanziari: a) negoziazione per conto proprio;

b) esecuzione di ordini per conto dei clienti;

c) sottoscrizione e/o collocamento con assunzione a fermo ovvero con assunzione di

garanzia nei confronti dell'emittente;

c-bis) collocamento senza assunzione a fermo né assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente;

d) gestione di portafogli;

e) ricezione e trasmissione di ordini;

f) consulenza in materia di investimenti;

g) gestione di sistemi multilaterali di negoziazione25.

5-bis. Per "negoziazione per conto proprio" si intende l’attività di acquisto e vendita di strumenti finanziari, in contropartita diretta e in relazione a ordini dei clienti, nonché l’attività di market maker26.

5-ter. Per “internalizzatore sistematico” si intende il soggetto che in modo organizzato, frequente e sistematico negozia per conto proprio eseguendo gli ordini del cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione27.

5-quater. Per “market maker” si intende il soggetto che si propone sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione, su base continua, come disposto a negoziare in contropartita diretta acquistando e vendendo strumenti finanziari ai prezzi da esso definiti28.

5-quinquies. Per "gestione di portafogli" si intende la gestione, su base discrezionale e

individualizzata, di portafogli di investimento che includono uno o più strumenti finanziari e nell’ambito di un mandato conferito dai clienti29.

5-sexies. Il servizio di cui al comma 5, lettera e), comprende la ricezione e la trasmissione di

ordini nonché l’attività consistente nel mettere in contatto due o più investitori, rendendo così possibile la conclusione di un’operazione fra loro (mediazione) 30.

5-septies. Per "consulenza in materia di investimenti" si intende la prestazione di

raccomandazioni personalizzate a un cliente, dietro sua richiesta o per iniziativa del prestatore 24 Comma così sostituito dall’art. 9 del d.lgs. n. 141 del 13.8.2010.

25 Comma così sostituito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

26 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

27 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

28 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

29 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

30 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

19

del servizio, riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. La raccomandazione è personalizzata quando è presentata come adatta per il cliente o è basata sulla considerazione delle caratteristiche del cliente. Una raccomandazione non è personalizzata se viene diffusa al pubblico mediante canali di distribuzione31.

5-octies. Per "gestione di sistemi multilaterali di negoziazione" si intende la gestione di

sistemi multilaterali che consentono l’incontro, al loro interno ed in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti32. 6. Per "servizi accessori" si intendono: a) la custodia e amministrazione di strumenti finanziari e relativi servizi connessi33;

b) la locazione di cassette di sicurezza;

c) la concessione di finanziamenti agli investitori per consentire loro di effettuare un'operazione relativa a strumenti finanziari, nella quale interviene il soggetto che concede il finanziamento;

d) la consulenza alle imprese in materia di struttura finanziaria, di strategia industriale e di questioni connesse, nonché la consulenza e i servizi concernenti le concentrazioni e l'acquisto di imprese;

e) i servizi connessi all'emissione o al collocamento di strumenti finanziari, ivi compresa l'organizzazione e la costituzione di consorzi di garanzia e collocamento;

f) la ricerca in materia di investimenti, l’analisi finanziaria o altre forme di raccomandazione generale riguardanti operazioni relative a strumenti finanziari34;

g) l'intermediazione in cambi, quando collegata alla prestazione di servizi d'investimento;

g-bis) le attività e i servizi individuati con regolamento del Ministro dell’economia e delle finanze, sentite la Banca d’Italia e la Consob, e connessi alla prestazione di servizi di investimento o accessori aventi ad oggetto strumenti derivati35.

6-bis. Per “partecipazioni” si intendono le azioni, le quote e gli altri strumenti finanziari che attribuiscono diritti amministrativi o comunque quelli previsti dall'articolo 2351, ultimo comma, del codice civile36. 6-ter. Se non diversamente disposto, le norme del presente decreto legislativo che fanno riferimento al consiglio di amministrazione, all'organo amministrativo ed agli amministratori si applicano anche al consiglio di gestione e ai suoi componenti37. 6-quater. Se non diversamente disposto, le norme del presente decreto legislativo che fanno

31 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

32 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

33 Lettera così modificata dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

34 Lettera così sostituita dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

35 Lettera aggiunta dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

36 Comma aggiunto con d.lgs. n. 37 del 6.2.2004.

37 Comma aggiunto con d.lgs. n. 37 del 6.2.2004.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

20

riferimento al collegio sindacale, ai sindaci e all'organo che svolge la funzione di controllo si applicano anche al consiglio di sorveglianza e al comitato per il controllo sulla gestione e ai loro componenti38.

Art. 2

(Rapporti con il diritto comunitario) 1. Il Ministero dell’economia e delle finanze39, la Banca d'Italia e la Consob esercitano i poteri loro attribuiti in armonia con le disposizioni comunitarie, applicano i regolamenti e le decisioni dell'Unione europea e provvedono in merito alle raccomandazioni concernenti le materie disciplinate dal presente decreto.

Art. 3 (Provvedimenti)

1. I regolamenti ministeriali previsti dal presente decreto sono adottati ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400. 2. La Banca d'Italia e la Consob stabiliscono i termini e le procedure per l'adozione degli atti e dei provvedimenti di propria competenza. 3. I regolamenti e i provvedimenti di carattere generale della Banca d'Italia e della Consob sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale. Gli altri provvedimenti rilevanti relativi ai soggetti sottoposti a vigilanza sono pubblicati dalla Banca d'Italia e dalla Consob nei rispettivi Bollettini. 4. Entro il 31 gennaio di ogni anno, tutti i regolamenti e i provvedimenti di carattere generale emanati ai sensi del presente decreto nonché i regolamenti dei mercati sono pubblicati, a cura del Ministero dell’economia e delle finanze40, in un unico compendio, anche in forma elettronica, ove anche uno solo di essi sia stato modificato nel corso dell'anno precedente.

Art. 4

(Collaborazione tra autorità e segreto d'ufficio) 1. La Banca d'Italia, la Consob, la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, l'Isvap e l'Ufficio italiano dei cambi collaborano tra loro, anche mediante scambio di informazioni, al fine di agevolare le rispettive funzioni. Dette autorità non possono reciprocamente opporsi il segreto d'ufficio41. 2. La Banca d'Italia e la Consob collaborano, anche mediante scambio di informazioni, con le autorità competenti dell'Unione Europea e dei singoli Stati comunitari, al fine di agevolare le rispettive funzioni.

2-bis. Ai fini indicati al comma 2, la Consob e la Banca d’Italia possono concludere con le autorità competenti degli Stati membri dell’Unione europea accordi di collaborazione, che

38 Comma aggiunto con d.lgs. n. 37 del 6.2.2004.

39 Le precedenti parole: “Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica” sono state sostituite dalle parole: “Ministero dell’economia e delle finanze” dall’art. 1 del d.lgs. n. 37 del 6.2.2004.

40 Le precedenti parole: “Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica” sono state sostituite dalle parole: “Ministero dell’economia e delle finanze” dall’art. 1 del d.lgs. n. 37 del 6.2.2004.

41 Vedi protocollo d’intesa Banca d’Italia/Consob del 31.10.2007 (pubblicato nella G.U. n. 270 del 20.11.2007 e nel Bollettino Consob n. 10.2, ottobre 2007 in allegato al regolamento congiunto Banca d’Italia/Consob adottato ai sensi dell’art. 6, comma 2-bis.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

21

possono prevedere la delega reciproca di compiti di vigilanza42. 2-ter. La Consob è il punto di contatto per la ricezione delle richieste di informazioni

provenienti da autorità competenti di Stati membri dell’Unione europea in materia di servizi e attività di investimento svolti da soggetti abilitati e di mercati regolamentati. La Consob interessa la Banca d’Italia per gli aspetti di competenza di questa ultima. La Banca d’Italia trasmette le informazioni contestualmente all’autorità competente dello Stato membro dell’Unione europea che le ha richieste e alla Consob43. 3. La Banca d'Italia e la Consob possono cooperare, anche mediante scambio di informazioni, con le autorità competenti degli Stati extracomunitari44. 4. Le informazioni ricevute dalla Banca d’Italia e dalla Consob ai sensi dei commi 1, 2 e 3 non possono essere trasmesse a terzi né ad altre autorità italiane, ivi incluso il Ministro dell’economia e delle finanze, senza il consenso dell’autorità che le ha fornite45. 5. La Banca d'Italia e la Consob possono scambiare informazioni:

a) con autorità amministrative e giudiziarie nell'ambito di procedimenti di liquidazione o di fallimento, in Italia o all'estero, relativi a soggetti abilitati;

b) con gli organismi preposti all'amministrazione dei sistemi di indennizzo;

c) con gli organismi preposti alla compensazione o al regolamento delle negoziazioni dei mercati;

d) con le società di gestione dei mercati, al fine di garantire il regolare funzionamento dei

mercati da esse gestiti; 5-bis. Lo scambio di informazioni con autorità di Paesi extracomunitari è subordinato all'esistenza di norme in materia di segreto di ufficio46. 6. Le informazioni indicate nel comma 5, lettere b), c) e d), possono essere rivelate a terzi con il consenso del soggetto che le ha fornite. Si può prescindere dal consenso se le informazioni siano fornite in ottemperanza a obblighi di cooperazione e collaborazione internazionale. 7. La Banca d'Italia e la Consob possono esercitare i poteri a esse assegnati dall'ordinamento anche ai fini della cooperazione con altre autorità e su richiesta delle medesime. Le autorità competenti di Stati comunitari o extracomunitari possono chiedere alla Banca d’Italia e alla Consob di effettuare per loro conto, secondo le norme previste nel presente decreto, un’indagine sul territorio dello Stato, nonché di eseguire, per loro conto, notifiche sul territorio dello Stato inerenti ai provvedimenti da esse adottati. Le predette autorità possono chiedere che venga consentito ad alcuni membri del loro personale di accompagnare il personale della Banca d’Italia

42 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

43 Comma inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

44 Comma così modificato dall’art. 1 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007 che ha soppresso le parole: “Al medesimo fine,”.

45 Comma dapprima sostituito dall’art. 3 del d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003 e poi, successivamente, dall’art. 9 della l. n. 62 del 18.4.2005 (Legge comunitaria 2004).

46 Comma inserito dall’art. 3 del d.lgs. n. 274 dell’1.8.2003 e successivamente modificato dall’art. 9 della l. n. 62 del 18.4.2005 (Legge comunitaria 2004) che ha soppresso le parole: “equivalenti a quelle vigenti in Italia”.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

22

e della Consob durante l’espletamento dell’indagine 47. 8. Restano ferme le norme che disciplinano il segreto d'ufficio sulle notizie, i dati e le informazioni in possesso della Banca d'Italia. 9. Al fine di agevolare l'esercizio della vigilanza su base consolidata nei confronti di gruppi operanti in più Stati comunitari la Banca d'Italia, sulla base di accordi con le autorità competenti, definisce forme di collaborazione e coordinamento, istituisce collegi di supervisori e partecipa ai collegi istituiti da altre autorità. In tale ambito, la Banca d'Italia può concordare specifiche ripartizioni di compiti e deleghe di funzioni48. 10. Tutte le notizie, le informazioni e i dati in possesso della Consob in ragione della sua attività di vigilanza sono coperti dal segreto d'ufficio anche nei confronti delle pubbliche amministrazioni, a eccezione del Ministro dell’economia e delle finanze49. Sono fatti salvi i casi previsti dalla legge per le indagini relative a violazioni sanzionate penalmente. 11. I dipendenti della Consob, nell'esercizio delle funzioni di vigilanza, sono pubblici ufficiali e hanno l'obbligo di riferire esclusivamente alla Commissione tutte le irregolarità constatate, anche quando integrino ipotesi di reato. 12. I dipendenti della Consob, i consulenti e gli esperti dei quali la stessa si avvale sono vincolati dal segreto d'ufficio. 13. Le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici forniscono dati, notizie e documenti e ogni ulteriore collaborazione richiesta dalla Consob, in conformità delle leggi disciplinanti i rispettivi ordinamenti.

Art. 4-bis(Individuazione dell'autorità competente ai fini del regolamento (CE) n. 1060/2009,

relativo alle agenzie di rating del credito) 1. La Consob è l'autorità competente ai fini dell'applicazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 1060/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, relativo alle agenzie di rating del credito. A tale fine la Consob svolge i compiti indicati dal predetto regolamento, esercita i poteri e adotta le misure di vigilanza previsti dagli articoli 23, 24 e 25 del medesimo regolamento.

2. Ai fini dell'esercizio delle rispettive competenze, la Consob, la Banca d'Italia, l'Isvap e la

Commissione di vigilanza sui fondi pensione, anche sulla base di appositi protocolli d'intesa, collaborano tra loro e si scambiano informazioni riguardanti le agenzie di cui al comma 1 e l'utilizzo dei rating a fini regolamentari da parte dei soggetti indicati dall'articolo 4, paragrafo 1, del regolamento di cui al comma 1, vigilati dalle predette autorità50. 47 Comma modificato dapprima dall’art. 9 della l. n. 62 del 18.4.2005 (Legge comunitaria 2004) e poi dall’art. 1

del d.lgs n. 229 del 19.11.2007.

48 Comma così sostituito dall’art. 2 del d.lgs n. 239 del 30.12.2010.

49 Parole così sostituite con d.lgs. n. 37 del 6.2.2004.

50 Articolo inserito dall’art. 1 del d.lgs. n. 176 del 5.10.2010.

Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 Testo Unico della Finanza

23

PARTE II DISCIPLINA DEGLI INTERMEDIARI

TITOLO I

DISPOSIZIONI GENERALI

Capo I Vigilanza

Art. 5

(Finalità e destinatari della vigilanza)

1. La vigilanza sulle attività disciplinate dalla presente parte ha per obiettivi: a) la salvaguardia della fiducia nel sistema finanziario;

b) la tutela degli investitori;

c) la stabilità e il buon funzionamento del sistema finanziario;

d) la competitività del sistema finanziario;

e) l’osservanza delle disposizioni in materia finanziaria51.

2. Per il perseguimento degli obiettivi di cui al comma 1, la Banca d'Italia è competente per

quanto riguarda il contenimento del rischio, la stabilità patrimoniale e la sana e prudente gestione degli intermediari52.

3. Per il perseguimento degli obiettivi di cui al comma 1, la Consob è competente per quanto riguarda la trasparenza e la correttezza dei comportamenti53.

4. La Banca d'Italia e la Consob esercitano i poteri di vigilanza nei confronti dei soggetti abilitati; ciascuna vigila sull'osservanza delle disposizioni legislative e regolamentari secondo le competenze definite dai commi 2 e 354. 5. La Banca d'Italia e la Consob operano in modo coordinato anche al fine di ridurre al minimo gli oneri gravanti sui soggetti abilitati e si danno reciproca comunicazione dei provvedimenti assunti e delle irregolarità rilevate nell'esercizio dell'attività di vigilanza.

5-bis. La Banca d’Italia e la Consob, al fine di coordinare l’esercizio delle proprie funzioni di vigilanza e di ridurre al minimo gli oneri gravanti sui soggetti abilitati, stipulano un protocollo d’intesa, avente ad oggetto:

a) i compiti di ciascuna e le modalità del loro svolgimento, secondo il criterio della prevalenza delle funzioni di cui ai commi 2 e 3;

b) lo scambio di informazioni, anche con riferimento alle irregolarità rilevate e ai

51 Comma così sostituito dall’art. 2 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

52 Comma così sostituito dall’art. 2 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

53 Comma così sostituito dall’art. 2 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

54 Comma così sostituito dall’art. 2 del d.lgs. n. 164 del 17.9.2007.

commenti (0)
non sono stati rilasciati commenti
scrivi tu il primo!
Questa è solo un'anteprima
3 pagine mostrate su 323 totali
Scarica il documento