ART.4 decreto legislativo 368/2001, contratto a termine, Lavori di Diritto Del Lavoro. Università di Cagliari

Lavori, Diritto Del Lavoro

Descrizione: Art. 4 del decreto legge del governo Renzi che ha modificato la disciplina del contratto di lavoro a termine del decreto legislativo n. 368/2001.Rinnovare il contratto significa stipulare contratti a termine autonomi l'uno dall'altro seguiti da un intervallo temporale.Prorogare un contratto significa prorogare il medesimo contratto precedentemente stipulato, senza interruzioni temporali.Nella precedente disciplina il contratto a termine inferiore nella sua durata a 36 mesi era prorogabile una sola volta.Con la nuova legge, invece, le proroghe sono ammesse fino a cinque volte nell'arco di 36 mesi, indipendentemente dal numero dei suoi rinnovi.Il rinnovo di un contratto a termine non ha limite nel numero delle volte in cui può essere concordato.Il contratto a termine può essere rinnovato innumerevoli volte purché non superi complessivamente i 36 mesi di durata e a condizione che si osservi l'intervallo temporale previsto dalla legge per la stipulazione fra un contratto e l'altro (10 giorni se di durata inferiore a sei mesi, 20 giorni se di durata superiore a sei mesi).Tutto questo, però, presupponga la stessa attività lavorativa. Se l'attività lavorativa dovesse essere diversa bisogna stipulare un nuovo contratto e non procedere al suo rinnovo o alla sua proroga La proroga deve essere comunicata al lavoratore ed il lavoratore la deve sottoscrivere per accettazione, quantomeno contestualmente alla scadenza.Ogni rinnovo del contratto deve risultare da atto scritto firmato dall'impresa e dal lavoratore. Mostra altro
Informazioni sul documento
Caricato da: matteo.anedda.771
Visite: 373
Universita: Università di Cagliari
Indirizzo: Giurisprudenza