Ottimi Appunti di Latino, Manuais, Projetos, Pesquisas de Literatura latina
S.ESPOSITO09
S.ESPOSITO09

Ottimi Appunti di Latino, Manuais, Projetos, Pesquisas de Literatura latina

4 páginas
26Número de visitas
Descrição
Appunti chiari e sintetici sulla letteratura latina
20 pontos
Pontos de download necessários para baixar
este documento
Baixar o documento
Pré-visualização3 páginas / 4
Esta é apenas uma pré-visualização
3 mostrados em 4 páginas
Esta é apenas uma pré-visualização
3 mostrados em 4 páginas
Esta é apenas uma pré-visualização
3 mostrados em 4 páginas
Esta é apenas uma pré-visualização
3 mostrados em 4 páginas

Seccatore

v. 1) Me ne andavo a caso per la via Sacra, come è mia abitudine,

pensando a non so che bazzecole, tutto (immerso) in quelle;

mi corre incontro un tale a me noto solo di nome

e, afferrata(mi) la mano, (dice): “Come stai, carissimo [lett.: (tu che sei) il più dolce delle cose]?

“Bene, almeno per ora” dico “e ti auguro tutto ciò che desideri”.

Poiché continuava a seguirmi, (lo) precedo: “Vuoi forse qualcosa?” Ma egli:

“Dovresti conoscermi, disse, sono un letterato”. A questo punto io dico:

“Per questo sarai più apprezzabile (lett.: varrai di più) per me”. Cercando disperatamente di scrostarmelo di dosso,

andavo ora più in fretta, talvolta mi fermavo, dicevo

v. 10) nell’orecchio non so cosa al (mio) servo, mentre il sudore

mi scendeva giù fino ai talloni. “Felice te, Bolano, per la (tua) testa calda”, dicevo in silenzio, mentre quello cianciava di qualunque cosa,

lodava le strade, la città. Poiché non gli

rispondevo niente, disse: “Desideri disperatamente di andartene:

(lo) vedo già da un po’; ma non combini niente: continuerò a tenerti in pugno.;

non ti mollerò. Da qui dove sei diretto adesso?” “Non c’è per nulla bisogno che tu

faccia un lungo giro: voglio far visita ad un tale che non conosci (lett.: a te non noto);

giace a letto lontano (da qui) al di là del Tevere, vicino ai giardini di Cesare”.

“Non ho niente da fare e non sono pigro: ti seguirò fin là”.

v. 20) Abbasso le orecchie come un asinello rassegnato a forza,

quando si è dovuto prendere in groppa un carico troppo pesante. E quello incomincia:

“Se mi conosco bene, non stimerai di più come amico

né Visco né Vario; chi potrebbe infatti scrivere più

versi di me o più in fretta? Chi danzare (lett.: muovere le membra)

con più grazia? Canto cose che anche Ermogene mi invidierebbe”.

Era questo il momento di interromperlo: “Hai una madre,

dei parenti che hanno bisogno di te sano e salvo?” “Non ho nessuno:

li ho seppelliti tutti”. “Beati loro! Adesso resto io.

Finiscimi: infatti incombe su di me un triste destino che

v. 30) una vecchia Sabina (mi) predisse (quando ero) bambino, dopo aver agitato l’urna divina:

“Costui non lo porteranno via né funesti veleni, né spada nemica

né dolore di petto o tosse, né la gotta che rende lenti:

costui, prima o poi, lo farà morire un chiacchierone: eviti,

se sarà saggio, i linguacciuti appena sarà adulto (lett.: l’età sarà diventata adulta)”.

Si era giunti al tempio di Vesta, e intanto se n’era già andata la quarta parte del giorno,

e per caso doveva presentarsi in giudizio, avendo presentato garanzia;

e se non l’avesse fatto, avrebbe perso la causa.

“Se mi vuoi bene, disse, assistimi un po’ qui”. “Possa io morire, se

ho la forza di stare in piedi o (se) conosco il diritto civile:

v. 40) e (poi) mi affretto dove sai”. “Non so che cosa fare, disse,

se lasciare te o la causa”. “Me, ti prego”. “Non lo farò” (disse) egli,

e incominciò a precedermi. Io, poiché è difficile contendere

col vincitore, (lo) seguo. “Mecenate in che rapporti è con te?”

riprende da qui. “È di poca compagnia e di mente ben sana”.

“Nessuno ha sfruttato la fortuna più abilmente. Avresti

un valido aiutante che potrebbe farti da spalla (lett.: sostenere le parti secondarie),

se (solo) volessi presentargli quest’uomo Emoticon smile me): mi venga un colpo

se non (li) avresti scalzati tutti”. “Non viviamo lì in codesto

modo che tu pensi: non c’è nessuna casa più pulita di questa

v. 50) né più distante da questi intrighi: non mi reca alcun danno, dico,

che il tale sia più ricco o più dotto (di me): ognuno ha

il suo posto”. “Racconti una gran cosa, a stento credibile”. “Eppure

è così”. “Mi infiammi a desiderare ancora di più

di essergli vicino”. “Purchè (tu lo) voglia: dato il tuo valore.

(lo) espugnerai; ed è uno che può essere vinto, e per questo

rende i primi approcci difficili”. “Non verrò meno a me stesso:

corromperò i servi con le mance; e, se oggi

resterò fuori, non mi arrenderò; cercherò le occasioni,

(gli) andrò incontro nei crocicchi, (lo) accompagnerò. Niente ha concesso

v. 60) la vita ai mortali senza grande fatica. Mentre fa queste cose, ecco,

(ci) viene incontro Aristio Fusco, mio amico, e che

conosceva bene quello lì. Ci fermiamo. “Da dove vieni e

dove vai?” Domande e risposte (lett.: domanda e risponde). Incominciai a tirarlo

e ad afferrargli con la mano le braccia assolutamente inerti, facendo cenni,

storcendo gli occhi, perché mi sottraesse (a lui). Quello spiritoso a sproposito,

ridendo, faceva finta di non capire: (e intanto) la bile mi bruciava il fegato.

“A proposito, mi dicevi che volevi parlarmi di non so cosa

in segreto”. “Me lo ricordo bene, ma te lo dirò

in un momento migliore; oggi (è) il novilunio, (è) sabato: vuoi tu

v. 70) scorreggiare in faccia ai circoncisi Giudei?” “Non ho nessuno scrupolo religioso”,

dico. “Ma io sì; sono un po’ più debole, (sono) uno

dei tanti. (Mi) perdonerai; (ti) parlerò un’altra volta”. Questa giornata

doveva proprio nascere così nera per me! Quel bastardo scappa, e mi

lascia sotto la mannaia. Ma per fortuna gli viene incontro

il (suo) avversario e: “Dove (vai) tu, mascalzone?” grida

a gran voce e: “Vuoi farmi da testimonio?” Io, ovviamente,

(gli) porgo l’orecchio. Se lo trascina in giudizio; urla di qua e di là;

Un accorrere di gente da ogni parte. Così mi salvò Apollo.

carpe diem

Non domandare, Leuconoe - non è dato sapere - che

destino gli dei hanno assegnato a me e a te, né consulta

gli oroscopi. Com’è meglio tollerare ciò che sarà, sia che Giove

ci abbia dato ancora tanti inverni sia che questo, che sfianca

il mar Tirreno con rocce di pomice, sia l’ultimo: sii assennata,

purifica il vino e recidi la duratura speranza, ché la vita è breve.

Mentre parliamo, se ne va il tempo geloso:

strappa l’attimo, e non fidarti per nulla del domani.

Cloe

O Cloe,mi eviti simile ad una cerbiatta, che cerca la pavida madre nei monti impraticabili, non senza un vano timore dei venti e del bosco. Infatti se l'arrivo della primavera agita le mobili foglie O se le verdi lucertole muovono un rovo Trema e nel cuore e nelle ginocchia. Ma io non ti inseguo per sbranarti come una tigre feroce o un leone africano: dunque lascia la madre essendo pronta a seguire un uomo.

l'inverno della vita

Vedi come il Soratte si elevi candido per l'alta neve, e come i boschi affaticati non sostengano più il peso, e come i fiumi si siano fermati per l'acuto gelo. Disciogli il freddo mettendo ampiamente la legna sopra il fuoco e tira fuori più benignamente il vino di 4 anni dall'anfora Sabina, oh Taliarco: lascia agli dei le altre cose. Infatti non appena quelli placano i venti che combattono sul mare fervido, nè i cipressi nè i vecchi ornelli vengono agitati. Evita di chiedere quale che cosa sia il prossimo domani e metti qualsiasi giorno la fortuna ti darà e come (te lo darà) nel guadagno, e non disprezzare i dolci amori e i balli, oh fanciullo, finche la fastidiosa vecchiaia è lontana dalla giovinezza. Ora sul far della nottesi ripetano e i campi e i piazzali e i livei sussurri nell'ora stabilita, (si ripetano) il gradito riso traditore della fanciulla sfuggente dall'intimo angolo e il pegno strappato malamente con la forza o con il dito insistente.

Até o momento nenhum comentário
Esta é apenas uma pré-visualização
3 mostrados em 4 páginas